Numero 448 del 26 marzo 2020

È Alfio Antico, strumentista eccelso, cantante, compositore e signore dei tamburi a cornice, il protagonista della storia di copertina di FoolkMagazine #448 con il suo nuovo album “Trema La Terra”, lavoro in cui la tradizione musicale siciliana viene proiettata verso il futuro nelle intersezioni con sonorità contemporanee. Nell’intervista il musicista di Lentini racconta il suo nuovo disco. Ci occupiamo, quindi, del live “Ten Years” dei Domo Emigrantes. Ci immergiamo nel mondo musicale finnico con due dischi che mettono al centro l’organettista Markku Lepistö: “Bellows and Pipes”, registrato con l’organista Mikko Helenius, e di “Nordic Route”, in coppia con il mandolinista e chitarrista Petri Hakala. Ritornano la chitarra elettrica del veterano bretone Dan Ar Braz (“Dan Ar Dañs”) e il folk consapevole del cantante, song-catcher e ambientalista inglese Sam Lee, il quale ha realizzato lo splendido “Old Wow”. Dal Brasile ecco, poi, “O Céu é Velho Há Muito Tempo” di Lucas Santtana, figura di punta della nuova musica popolare brasiliana. Di nuovo in Italia per “Cent’anni di moltitudine”, disco postumo dell'indimenticato Paolo Chiarchi, pubblicato da Archivi della Resistenza e Istituto Ernesto de Martino. Proseguiamo con il contributo di Paolo Mercurio dal titolo: “Lyle Mays, universal music joyfully donated to humanity” e con il ricordo del sassofonista camerunese Manu Dibango. Una settimana terribile ci ha portato via Dibango, leone indomabile della musica africana, il grande pianista partenopeo pianista Jo Amoruso, già accanto a Pino Daniele e a tanti altri artisti, e in queste ultime ore, Corrado Sfogli, chitarrista, autore e direttore musicale della N.C.C.P., uomo misurato e gentile, artista raffinato e colto, che ha concepito il magnifico “Napoli 1534. Tra moresche e villanelle” (nostro BF-Choice del mese di marzo). Rendiamo omaggio al maestro Sfogli, offrendo lo scatto di Valerio Corzani.

Editor's Note
Alfio Antico, instrumentalist extraordinaire, singer, composer and lord of the frame drums, features in the cover story of FoolkMagazine # 448, having recently released his new album “Trema La Terra”, a work in which the Sicilian musical tradition is projected towards the future in the intersections with contemporary sounds. In the interview, Lentini's musician speaks about his new release. We review therefore, Domo Emigrantes’ live disc “Ten Years”. We deepen into Finnish musical world with two discs, featuring the diatonic accordionist Markku Lepistö: “Bellows and Pipes”, recorded with the organist Mikko Helenius, and “Nordic Route”, where he teams up the plucked strings instrumentalist Petri Hakala. We hail the return of the electric guitar of the Breton veteran Dan Ar Braz  ( “Dan Ar Dañs”) and the committed folk of the English singer, song-catcher and environmentalist Sam Lee, who has released the splendid “Old Wow”, From Brazil, then, here you have “O Céu é Velho Há Muito Tempo” from Lucas Santtana, leading figure of the new Brazilian popular music. Back to Italy for “Cent’anni di moltitudine”, posthumous album produced by the unforgettable Paolo Chiarchi, published by the Resistance Archives and the Ernesto de Martino Institute. We continue with the contribution of Paolo Mercurio entitled: “Lyle Mays, universal music joyfully donated to humanity” and with the memory of the Cameroonian saxophonist Manu Dibango who has just passed away. In a horrible week we lost the indomitable lion of African music, the skilled Neapolitan pianist Jo Amoruso, who was alongside Pino Daniele and many others, and in the last few hours, Corrado Sfogli, guitarist, author and musical director of the NCCP, gentle and kind man, a gifted and refined artist who conceived the magnificent “Naples 1534. Tra Moresche e Villanelle” (which is our March BF-Choice). We pay tribute to maestro Sfogli offering you Valerio Corzani’s picture.

Ciro De Rosa
Direttore Responsabile di www.blogfoolk.com 


COVER STORY
VIAGGIO IN ITALIA
WORLD MUSIC
STORIE DI CANTAUTORI
SUONI JAZZ
CORZANI AIRLINES

L'immagine di copertina è un'opera di Donatello Pisanello (per gentile concessione)


Nessun commento