Festival World e Trad

I comunicati stampa relativi ai principali festival folk, world e trad 

RADUNACCIO
Il 21 e 22 giugno a Vicopisano

Radunaccio, il raduno di cori torna per la terza edizione con un vero e proprio festival
Musica popolare, laboratori, concerto itinerante, balfolk

Il 21 e 22 giugno prossimi Vicopisano torna a essere il cuore pulsante del canto popolare con la III edizione del Radunaccio, un vero e proprio festival dedicato al canto popolare e alla musica di comunità, inaffiato da convivialità, socialità, cultura e divertimento. Centro del festival è il circolo ARCI L'Ortaccio, ma il Radunaccio attraverserà tutto il paese di Vicopisano, con uno speciale corteo di canti e cori popolari provenienti da tutta Italia, che proteranno il loro contributo di ricerca, musica, esperienza di comunità e condivisione. Sei sono i cori attesi: Or’Coro (il coro “di casa”) da Vicopisano, OltreCoro da Parma, CorAut da Genova, Union des Amis Chanteurs da Torino, Unda de lu mari da Pisa (ma dedicato alle tradizioni sarde) e Malerbe da Carrara. Come sempre quando si parla di canto popolare ci sarà modo di toccare, attraverso il canto, tanti temi di grande importanza ed attualità (il pacifismo, il lavoro, la condizione femminile, l’antifascismo, la condizione dei migranti), partendo dal passato ma guardando al futuro in un contesto altamente inclusivo. Il festival si apre venerdì 21 giugno, con il concerto-racconto di Choreos, coro lgbtqia+ Firenze, composto da circa settanta persone di tutte le identità di genere e orientamenti sessuali, che congiunge all’esperienza democratica del canto corale, l’impegno per l’affermazione e la piena realizzazione dei diritti civili. Fa bene far l’amore, questo il titolo del concerto, vedrà testimonianze autobiografiche intrecciarsi al coro a quattro voci, arrivando a formare un’unica partitura, dove canti popolari e di lotta, dal sapore antico ma ancora attuale, si affiancano a successi pop italiani e internazionali. Il concerto, diretto da Simone Faraoni, vedrà la partecipazione di Vincent Vallon (responsabile gruppo trans* Arcigay Firenze) ed è inserito nei festeggiamenti per la Festa Europea della Musica, che proprio il 21 giugno vede il suo trentesimo compleanno. Sarà possibile godere di un'apericena a cura del circolo L'Ortaccio. Ma è sabato 22 giugno la vera giornata clou del Radunaccio, con un programma che va dalle 10 dal mattino a mezzanotte e vede protagonisti I sei cori popolari giunti da tutta Italia per l'occasione. La mattina è dedicata ai laboratori a cura dei cori partecipanti: aperti a tutte e tutti senza prerequisiti, ad offerta libera, offriranno la preziosa possibilità, oltre che di condividere il piacere del canto, di imparare alcuni brani di tradizione orale italiani e scoprire più da vicino questo repertorio, grazie anche alla ricerca condotta dagli stessi cori nei rispettivi territori. Nel pomeriggio alle 1730 il fulcro di tutto il festival, il COR"TEO", ovvero un grande concerto itinerante per le vie del centro storico di Vicopisano, dove saranno ricavati sei palchi naturali che ospiteranno i sei cori protagonisti, uno per ogni tappa. Il concerto -corteo, alla scoperta del canto popolare e delle meraviglie del borgo, sarà accompagnato dalla banda di strada FONC (Fanfara Obbligatoria Non Convenzionale), che non macherà di far ballare al ritorno all'Ortaccio, prima della cena. Gran finale la sera, con una festa a ballo (balfolk) guidata dagli organetti del gruppo Trallallero; conduce le danze Luigi di Guida. Il festival sarà nutrito da momenti di open-singing e cantate collettive, socialità, convivialità e buona cucina. Tutti i pasti, dall'apericena del venerdì alla cena del sabato sono organizzati dal circolo L'Ortaccio per l'occasione. Programma completo e indicazioni per prenotare laboratori e pasti qui: https://cantorovesciato.it/radunaccio. Il Radunaccio è organizzato dall'associazione Canto rovesciato, in collaborazione con circolo L'Ortaccio, associazione Dei Camminanti e Or'coro. In compartecipazione con Cesvot e col patrocinio del Comune di Vicopisano.


Contatti: info@cantorovesciato.it
_____________________________________________________________________________________

Venerdì 21 giugno la diva della world music, voce storica del Canzoniere Grecanico Salentino, sarà in concerto alla Fondazione Quartieri Spagnoli a Napoli. Nuovo appuntamento per la rassegna tutta al femminile, che vedrà la partecipazione di Ebbanesis e Kalika il 5 e 19 luglio
Alessia Tondo la seconda ospite di Women in Music!

WOMEN IN MUSIC
II EDIZIONE

ALESSIA TONDO 
IN CONCERTO
Venerdì 21 giugno 
Ingresso h. 20.30 - Inizio concerti h. 21.00 
FOQUS – Fondazione Quartieri Spagnoli ets, Via Portacarrese a Montecalvario, 69, Napoli
Biglietti: euro 10 + d.d.p.

Dopo il successo dei Suonno d'Ajere, primi ospiti della rassegna, la seconda edizione di Women In Music procede con un nuovo appuntamento venerdì 21 giugno. Il solstizio d'estate a Napoli sarà inaugurato dal concerto di Alessia Tondo, uno dei nomi più prestigiosi del festival di musica al femminile organizzato dall'Associazione Culturale Brodo, con la direzione artistica di Viola Bufano e il sostegno del MIC e di Siae, nell'ambito del programma "Per Chi Crea". Un concerto per voce, chitarra e loop station nell'incantevole corte cinquecentesca alla Fondazione Quartieri Spagnoli, meglio conosciuta come FOQUS, nel cuore dei Quartieri Spagnoli, a Via Portacarrese a Montecalvario 69. FOQUS è facilmente raggiungibile a piedi da Via Toledo (a soli 200 mt a piedi, seguendo Via Portacarrese a Montecalvario dall’imbocco su Via Toledo), o con la metro linea 1, fermata Toledo, uscita Montecalvario. Alessia Tondo è la voce del Canzoniere Grecanico Salentino e una delle più significative del panorama world music italiano e straniero. Dall'infanzia nel gruppo Mera Menhir alla popolarità internazionale con il Canzoniere Grecanico Salentino, lanciata dai Sud Sound System, a soli tredici anni è diventata la voce solista dell'Orchestra della Notte della Taranta (ha duettato con tutti gli ospiti e con i maestri come Mauro Pagani, Goran Bregovic, Giovanni Sollima, Phil Manzanera, Carmen Consoli, Raphael Gualazzi), ha collaborato con l'Orchestra Popolare Italiana di Ambrogio Sparagna, i Radiodervish, Michele Lobaccaro, Ludovico Einaudi (per il quale ha scritto il testo della fortunata Nuvole bianche) e Admir Shkurtaj. A settembre 2021 esce il suo primo lavoro da solista Sita, per l'etichetta Ipe Ipe Music nell’ambito della Programmazione Puglia Sounds Record 2020/2021. Sita è un'opera in otto tracce scritte interamente da Alessia e caratterizzate da un'ampiezza di elementi, dall'acustico all'elettronico, tra ballate arcane, intrecci vocali antichi che grazie a loop e pattern diventano contemporanei. Concepito e sviluppato come la sua personale narrazione di un rito di guarigione, Sita personalizza e trasfigura in chiave visionaria la cultura popolare, nello specifico quella del Salento da cui Alessia proviene.
I prossimi concerti di Women In Music si terranno a luglio: venerdì 5 luglio con le popolarissime Ebbanesis, venerdì 19 luglio con il raffinato trio delle Kalika. 

VENERDI' 5 LUGLIO
EBBANESIS

VENERDI' 19 LUGLIO
KALIKA

L’ingresso è alle 20:30 e il concerto inizierà alle 21:00
Il costo del biglietto è di 10 euro a persona + d.d.p.
N.B. I posti sono limitati, si consiglia di effettuare l’acquisto in prevendita on-line per assicurarsi il posto e per facilitare le operazioni all’ingresso.
 
_____________________________________________________________________________________

SUMMERMELA
SummerMela apre il 21 giugno con la sessione aperta di Yoga e il concerto dhrupad (Roma, Castel Sant'Angelo)


Promosso da: Fondazione Alain Danielou
In collaborazione con: Ambasciata dell’India a Roma
Produzione esecutiva: KAMA Productions
In occasione di: Festa della Musica, International Day of Yoga
Con il patrocinio di: MIC, AIPFM, Comune di Roma, Città metropolitana di Roma Capitale, Regione Lazio, Sapienza Università di Roma
Venerdì 21 giugno 2024 ore 18:00
SESSIONE APERTA YOGA
diretta da Riccardo Serventi Longhi
ROMA • CASTEL SANT’ANGELO
INGRESSO LIBERO

La dodicesima edizione del SummerMela, il festival dedicato alla divulgazione delle culture e  tradizioni indiane, si aprirà il 21 giugno, in occasione della Giornata Internazionale dello Yoga, con un evento speciale, promosso dalla Fondazione FAD in collaborazione con l'Ambasciata dell'India in Italia, all'interno di una delle cornici scenografiche più iconiche di Roma, Castel Sant'Angelo. Alle ore 18:00 avrà infatti inizio, per un'ora e mezza, una sessione aperta di yoga guidata da Riccardo Serventi Longhi, rinomato insegnante della Federazione Italiana Yoga. La serata offrirà un'occasione unica per praticare yoga in un'atmosfera suggestiva e storica, promuovendo il benessere e l'armonia attraverso la condivisione di questa antica disciplina. Riccardo Serventi Longhi guiderà i partecipanti attraverso il "common yoga protocol", le linee guida della pratica diffuse da Nuova Delhi. La sessione sarà un momento di unione e risonanza, in cui lo yoga diventerà un ponte tra culture e persone, celebrando la pace e la consapevolezza.
L'evento sarà impreziosito dalla partecipazione di rappresentanti di diverse associazioni di yoga, che contribuiranno a creare un mosaico di stili e approcci, dimostrando la ricchezza e la diversità di questa pratica millenaria. Ogni partecipante potrà partecipare liberamente alla sessione portando da casa il proprio tappetino. La Giornata Internazionale dello Yoga, istituita dall'ONU nel 2014, viene celebrata il 21 giugno, giorno del solstizio d'estate, in oltre 170 paesi del mondo. Questo evento a Castel Sant'Angelo rappresenta un momento culminante delle celebrazioni in Italia, unendo cultura, spiritualità e benessere in un'unica, indimenticabile serata.
Venerdì 21 giugno 2024 ore 20:00
CONCERTO DI MUSICA CLASSICA DHRUPAD
ROMA • CASTEL SANT’ANGELO
INGRESSO LIBERO
Sumeet Anand Pandey - Vocal; Parminder Singh - Pakhawaj; Ritika Pandey - Tanpura
Promosso da: Fondazione Alain Danielou
In collaborazione con: Ambasciata dell’India a Roma
Produzione esecutiva: KAMA Productions
In occasione di: Festa della Musica, International Day of Yoga
Con il patrocinio di: MIC, AIPFM, Comune di Roma, Città metropolitana di Roma Capitale, Regione Lazio, Sapienza Università di Roma
 
Dopo lo Yoga, SummerMela si insersce in un'altra Festa Internazionale, quella della musica, proponendo alle ore 20:00 sullo stesso palco di Castel Sant'Angelo un concerto di musica classica Dhrupad, il genere più antico della musica colta dell’India del Nord, oggi considerato il fondamento della musica vocale e strumentale indostana. Il Dhrupad affonda le proprie origini nei canti vedici del Sama Veda e condivide un profondo legame con la tradizione del nada yoga (yoga del suono). Si è evoluto nel corso dei secoli come genere musicale, assorbendo all’interno del proprio repertorio i canti devozionali dei templi e le composizioni sviluppate negli ambienti di corte durante il periodo di dominazione Moghul. Il recital, che vede protagonisti Sumeet Anand Pandey alla voce, Parminder Singh - al Pakhawaj e Ritika Pandey al Tanpura, si apre con la classica esposizione del raag (struttura melodica), dove le note musicali sono pronunciate attraverso vocali tratte dal mantra  “Hari Om Anant Narayan”. Le composizioni, principalmente in lingua sanscrita e Braj bhasha, sono cantate verso la fine del concerto con l’accompagnamento del taal (ciclo ritmico),  che viene scandito dalle percussioni Pakhawaj. Le composizioni sono prevalentemente devozionali, spirituali e meditative; molti dei testi riguardano i valori umani, la filosofia di vita, la natura e lo yoga. Il recital culmina con l’Upaj (improvvisazione), in cui gli artisti si impegnano in conversazioni musicali spontanee allontanandosi dalla struttura fissa della composizione, improvvisando melodicamente e ritmicamente.
Sumeet Anand Pandey (voce) Sumeet è uno dei più promettenti cantanti di dhrupad dell’India, e fa parte del lignaggio di Darbhanga, una tradizione musicale antica di quasi 350 anni e proveniente dal Bihar settentrionale. Ha ricevuto una formazione iniziale di 10 anni dai nonni Shri Birendra Mohan Pandey e Padmashri Pandit Siyaram Tiwari e successivamente si è perfezionato con  Pandit Abhay Narayan Mallick (discepolo di Padmashri Pandit Ram Chatur Mallick) secondo la tradizione Guru-Shishya per altri 14 anni. I suoi concerti sono trasmessi da All India Radio (AIR) di New Delhi ed è regolarmente invitato a esibirsi nei principali festival musicali in India. Artista autorizzato dal Consiglio Indiano per le Relazioni Culturali (ICCR), ha presentato concerti e recital di Dhrupad a Berlino, L’Aia, Londra, Praga, Budapest, Madrid, Parigi e Barcellona. Ha pubblicato il suo album di debutto intitolato Morning Meditation: Dhrupad of Darbhanga Tradition su Naxos World nel 2020. Parminder Singh Bhamra (pakhawaj)  è un rinomato percussionista della tradizione Sikh, specializzato nello Amritsari Baaj, lo stile piu’ antico trasmesso sino ad oggi nel subcontinente indiano. Parminder discende da una famiglia che ha preservato le tecniche della costruzione degli strumenti impiegati nella tradizione Sikh. Sin al 2003 e’ allievo del noto maestro Bhai Baldeep Singh, il principale esponente e discendente del piu’ antico lignaggio di musicisti Sikh. Parminder ha anche studiato il pakhawaj con noti percussionisti quali Pandit Panna Lal Upadhyaya, Pandit Ravi Shankar Upadhyay, e Pandit Mohan Shyam Sharma. E’ diplomato in pakhawaj presso la National School of Dance and Drama di New Delhi (2013), dove nel 2013 si e’ classificato al primo posto come percussionista. Nel 2011 ha conseguito il titolo di Sangeet Ratan in pakhawaj e jori presso il dipartimento di Performing Arts dell’Anad Conservatory di Sultanpur Lodhi in Punjab. Dal 2012 al 2015, Parminder e’ stato Assistant Professor in pakhawaj / jori presso il Dipartmento di Percussioni dello Anad Conservatory (Sultanpur Lodhi, India) ed e’ visiting scholar presso la Hofstra University di New York. Nella sua carriera, ha avuto il privilegio di accompagnare noti musicisti quali: Pandit Asit Banerjee (rudra veena), Pandit Ritwik Sanyal (vocal), Ustad Labrez Khan e Ali Hafiz Khan del Talwandi gharana, e il suo insegnate Bhai Baldeep Singh, in numerose esibizioni in India, in Italia e negli Stati Uniti.

_____________________________________________________________________________________

INCANTO 2024
Rassegna del canto di tradizione orale e di nuova espressività in Italia

È ancora una nuova primavera, e puntuale ormai da 29 anni, parte il nostro "InCanto - Rassegna del canto di tradizione orale e di nuova espressività in Italia". Ci accompagnerà fino alla fine dell'Estate, passando dalla Festa del 1 Maggio, che promettiamo battagliera come non mai, fino alla Festa finale del 15 Settembre e passando dal solito mix di concerti, presentazioni di libri, incontri, proiezioni. Ecco le anticipazioni

SABATO 29 GIUGNO 2024
Ore 21:15
Concerto dei “Gang” (full band)
Vale sempre la pena di andare a un concerto della banda dei fratelli Severini, ma vederli, ascoltarli, incontrarli all'Istituto Ernesto de Martino è un'occasione un po' speciale: è l'incontro di due comunità; una piccola riunita intorno a uno scopo, quello di conservare e far conoscere un grande archivio sul mondo popolare e proletario, l'altra, spanta in tutta Italia, che non fa mai mancare la sua vicinanza, quasi come una famiglia allargata, e il suo appoggio a uno dei più importanti gruppi musicali italiani, che da 40 anni hanno disseminato il loro e il nostro cammino di brani intramontabili. "Fra silenzi e spari" è il loro ultimo disco nato grazie ancora a un crowdfunding da record con cui si riappropiano di alcune delle loro canzoni e le riportano finalmente a casa.


SABATO 13 LUGLIO 2024
Ore 21,15
Concerto di Marco Rovelli & Paolo Monti con Paola Rovai

DOMENICA 15 SETTEMBRE 2024
Dalle 15 fino al tramonto
Festa finale dell’Istituto Ernesto de Martino. Stazione Rossa, Gualtiero Bertelli
_____________________________________________________________________________________

IL PARCO ARCHEOLOGICO DEL COLOSSEO
presenta

VENERE IN MUSICA
III edizione
19 – 23 giugno
Tempio di Venere e Roma

E dopo Venere in musica 2024, il Tempio di Venere e Roma ospita Caro Mecenate con Pino Quartullo e Sergio Rubini (25 giugno), Paola racconta Anna di e con Paola Minaccioni (26 giugno), Puccini 100 e dintorni del M° Pasquale Menchise (28 giugno)

La musica più elegante, vitale e travolgente da ascoltare rapiti, sotto il cielo stellato, nelle prime serate d’estate, fra le meraviglie del patrimonio archeologico di Roma. Giunta alla sua III edizione, torna dal 19 al 23 giugno Venere in Musica, la rassegna musicale ideata dal Parco archeologico del Colosseo diretto da Alfonsina Russo, curata da Fabrizio Arcuri che firma la direzione artistica. Cinque imperdibili appuntamenti a ingresso gratuito in uno scenario unico al mondo: il Tempio di Venere e Roma, il più grande edificio sacro costruito dai romani (e uno dei più grandi dell’antichità), voluto da Adriano, costruito a partire dal 121 d.C. e dedicato alla dea Roma Aeterna e alla dea Venus Felix. Un programma nel segno della contaminazione sonora in un luogo simbolo dell’incontro fra culture e di quella realtà multietnica che caratterizzava l’Urbe. “Venere in musica promuove sempre più la musica a 360 gradi e si rivolge a pubblici diversi, intercettando artisti e artiste che hanno il concetto di contaminazione nel loro dna” afferma Arcuri. “L'avvio della terza edizione di Venere in Musica costituisce un importante risultato per il Parco archeologico del Colosseo che ha fortemente voluto offrire alla città un palcoscenico di eventi in una cornice storica, architettonica e archeologica unica al mondo” - dichiara Alfonsina Russo, Direttore del Parco archeologico del Colosseo.  “L'ampia partecipazione di pubblico, composto da turisti/visitatori ma soprattutto da cittadini romani, ha sancito nelle scorse estati il successo del format che ha registrato il tutto esaurito in ciascuna delle serate proposte con oltre 5000 presenze. Per l'edizione 2024 l'offerta addirittura si rinnova e articola ulteriormente con una proposta artistica composita e ricercata, arricchita dall'attesa presenza di Russell Crowe e della sua band” - conclude il Direttore. Il programma di quest’anno miscela sonorità che provengono da ambienti musicali differenti, dallo smooth jazz dei Moorcheba al cantautorato d’autore di Diodato, in una nuova tappa site specific del suo tour; poi le atmosfere maliane di una delle voci più significative della world music, Rokia Traoré, e il progetto che incrocia la Babelnova Orchestra, l’orchestra delle donne arabe e del Mediterraneo Almar’à e un’icona della musica alternativa italiana, Ginevra Di Marco, storica voce dei CSI e dei PGR; fino ad arrivare alla travolgente energia rock-blues del “gladiatore” per eccellenza, Russell Crowe insieme ai suoi The Gentlemen Barbers.

PROGRAMMA
La rassegna si apre mercoledì 19 giugno con il concerto di Diodato, un cantautore intenso e ricercato, tra i più apprezzati del nuovo pop italiano, con sei album all’attivo e una carriera costellata di riconoscimenti, fino al recentissimo David di Donatello, vinto nel 2024 nella categoria Miglior Canzone Originale con La mia terra, presente nella colonna sonora di Palazzina Laf di Michele Riondino. L’artista tarantino inaugura Venere in Musica dopo una serie di date nelle principali città del Brasile e con una serie di sold out già registrati per il suo prossimo tour autunnale nei teatri. A Roma presenterà i brani del suo nuovo album Ho acceso un fuoco in cui reinterpreta in una nuova chiave, più vicina alla dimensione del live, alcuni brani fondamentali del suo repertorio.
Ripercorreranno il proprio universo musicale e i quasi trent’anni di carriera anche i Morcheeba, la band londinese che ha plasmato il trip-hop e che il 20 giugno a Venere in Musica si esibirà live con i brani dell’ultimo album, il decimo della sua discografia, Blackest Blue, un’elegante raccolta che mette in evidenza tutte le peculiarità: il mix di downbeat, nu-soul, electro-pop e smooth jazz, le atmosfere chill e un approccio alla scrittura sempre positivo e rilassato.
La sera seguente, 21 giugno, sul palco allestito davanti al Tempio di Venere e Roma che guarda il Colosseo, salirà una delle più affascinanti esponenti della world music, la cantante e chitarrista maliana Rokia Traoré. Compositrice, polistrumentista, artista a tutto tondo con interessi e collaborazioni interdisciplinari – dalla letteratura al teatro, passando per il cinema e l’impegno nella formazione di giovani musicisti africani attraverso la propria fondazione – Rokia Traorè è un’icona della musica africana che mescola continuamente le radici tradizionali alle sonorità jazz, pop e rock di matrice europea e statunitense. Il suo live è incentrato sulla canzone Djamako – Allégresse, vero cuore di un viaggio nel suo repertorio, fra composizioni inedite e reinterpretazioni di classici e standard. Un concerto intimo con una formazione essenziale, un’esperienza fondata sull’idea di limite come punto di incontro fra culture diverse che si incontrano e si amalgamo nel reciproco rispetto.
Il 22 giugno appuntamento con un progetto che tiene insieme due formazioni centrali nel panorama della world music e una voce storica della scena alternativa e indie italiana: Ginevra Di Marco, fra le più raffinate interpreti del panorama musicale italiano, già voce dei CSI prima e dei PGR dopo, l’ensemble tutto al femminile Almar’à, l’Orchestra di donne arabe e del Mediterraneo, la BabelNova Orchestra, nata dall’esperienza dell’Orchestra di Piazza Vittorio e che ha appena pubblicato il debut album Magma.
Tutte e tutti uniti per “She هي Elle Lei. Voci di acqua e di terra suoni di mare e di sabbia”, un concerto dedicato a un universo femminile che evoca, con brani e canzoni più o meno note, storie e racconti di deserti, genti di terre vicine e lontane, danze, speranze, nascite, addii e nuovi inizi. Un tripudio di suoni, melodie e ritmi per una grande festa in musica.
Venere in Musica si chiude domenica 23 giugno con il live di una star mondiale del cinema che il pubblico italiano ha conosciuto di recente nella versione di artista musicale, Russell Crowe, band leader della formazione The Gentlemen Barbers. Dopo il successo al Festival di Sanremo 2024, dove è stato ospite nella terza serata, Russell Crowe torna infatti in Italia per una serie di concerti in luoghi di particolare bellezza, fra cui il Tempio di Venere e Roma. “Ho sempre avuto un’attrazione nei confronti dell’Italia. È affascinante pensare che questo Paese abbia dato al Mondo un grandissimo contributo, in termini di cultura e dal punto di vista sociale” afferma Crowe che sulla natura di uno straordinario live rock-blues aggiunge: “Rivisitiamo numerosi successi della storia della musica ridando vita a brani iconici, attraverso nuovi arrangiamenti, per regalare al pubblico un'esperienza davvero straordinaria”.
Dopo la terza edizione di Venere in Musica la programmazione del Parco archeologico del Colosseo prosegue subito con altri due preziosi appuntamenti. Il 25 giugno andrà in scena Caro Mecenate, un reading-concerto sotto forma di dialogo fra Sergio Rubini e Pino Quartullo, rispettivamente nei panni di due personaggi che hanno segnato la scena culturale dell’età di Augusto: il poeta Quinto Orazio Flacco e il diplomatico più vicino al Princeps, il potentissimo Gaio Clinio Mecenate.
Il 26 giugno l’attrice, scrittrice e stand up comedian Paola Minaccioni presenta Paola racconta Anna, un viaggio, su musiche eseguite dal vivo, nella vita di Anna Magnani attraverso i suoi racconti personali e i suoi film ma anche attraverso le parole di Pierpaolo Pasolini, Giuseppe Gioachino Belli, Mauro Marè, Sara Kane, Achille Campanile, Rodrigo Garcia e Gabriella Ferri. Il 28 giugno, infine, il Maestro Pasquale Menchise porterà in scena Puccini 100 e dintorni, omaggio a Giacomo Puccini nel centenario della morte del compositore lucchese.
19 giugno
DIODATO

20 giugno
MORCHEEBA

21 giugno
ROKIA TRAORÉ

22 giugno
  GINEVRA DI MARCO | BABELNOVA ORCHESTRA | ORCHESTRA ALMAR’À
“She هي Elle Lei voci di acqua e di terra suoni di mare e di sabbia”

23 giugno
RUSSELL CROWE & THE GENTLEMEN BARBERS

Il pubblico potrà entrare gratuitamente nell’area del Tempio di Venere e Roma, dalla piazza del Colosseo, a partire dalle ore 20:00. Gli spettacoli avranno inizio alle ore 21:00 e termineranno alle ore 23:00.
La prenotazione è obbligatoria fino ad esaurimento posti a partire dal 12 giugno, su eventbrite.it
_____________________________________________________________________________________

Da mercoledì 5 giugno al 23 giugno
A Clusone (BG)
VIA SAN LUCIO LOCALITA’ LA SPESSA
 
Lo spirito del pianeta
A seguire 28-29-30 giugno “il dopo festival”
 
400 eventi nei giorni del festival (spettacoli, cerimonie, laboratori, conferenze)
 
Special guest
ENZO AVITABILE & TONI ESPOSITO
SAOR PATROL
MOSQUERA dalla Galizia
I NOMADI al dopo festival il 29 giugno
 
Decine di gruppi indigeni da tutto il mondo e altri da confermare per “il dopo festival”
  
Dopo il successo dello scorso anno nella nuova bellissima location di Clusone, ai piedi della Presolana e a mezz’ora da Bergamo, apriranno la manifestazione Enzo Avitabile con Tony Esposito. Da segnalare chiaramente anche la partecipazione degli storici Nomadi che suoneranno il 29 giugno all’interno del dopo festival. A seguire come da tradizione dell’unico festival indigeno in Italia, gruppi indigeni da tutto il mondo. I Famosi Cree (Indiani d’America) delle pianure del Canada, i Pigmei delle foreste del Camerun (secondo polmone del pianeta), gli indios del Brasile, i Famosi indigeni della Scozia (i Saor Patrol), il famoso gruppo Galiziano “i Mosquera”, autori della colonna sonora di Visit Scotland. E ancora, gruppi dalla Mongolia, Guinea Bissau, Aztechi e Maya dal Messico, dall’Afganistan, gruppi italiani e molti altri.
Ma come sempre Lo spirito del pianeta non è solo musica, danze e spettacoli. Saranno infatti circa 400 gli eventi che si terranno nei giorni del festival (spettacoli, cerimonie, laboratori, conferenze). Ci sarà un villaggio di capanne che quest’anno sarà numeroso e coinvolgente, attorno al fuoco sacro dove saranno testimoni uomini medicina con le loro cerimonie. E ancora, un villaggio di tende tradizionali del nostro passato, con la presenza di numerosi artigiani di antichi mestieri, arti olistiche, 110 espositori di artigianato da tutto il pianeta, 12 ristoranti da tutto il mondo, 5.500 Metri coperti e 450 metri quadri di pedane in legno ricoperto da erba sintetica per garantire ogni serata ed il passaggio in sicurezza tra una parte e l’altra della manifestazione anche in caso di maltempo. Altre band ancora da confermare permetteranno di iniziare anche una programmazione di concerti con il dopo il festival (con biglietteria che permetterà alla manifestazione di raccogliere fondi per la sopravvivenza del festival). Lo spirito del pianeta ci tiene a sottolineare che “noi abbiamo scommesso su un paradiso poco conosciuto dal punto di vista turistico. Qui c’è gente meravigliosa, radicata con la propria cultura in uno spazio a lato della foresta di San Lucio, e alla base della bellissima Presolana. A 30 minuti dalla città di Bergamo, Clusone e il festival sono il luogo perfetto per assaporare la conoscenza di popoli ancora vivi in relazione con la natura con la N maiuscola. Un luogo da visitare in bici, a piedi, a cavallo, nei borghi bellissimi o sui sentieri meravigliosi che ci circondano durante il giorno, e vivere la sera o tutto il giorno nei sabati e domeniche presso i 50.000 metri quadri della manifestazione.

Email: info@lospiritodelpianeta.it
cell: 347 5763417
 
ingresso libero a tutti gli eventi (tranne I Nomadi – 10 euro)
tutti gli eventi si svolgeranno anche in caso di maltempo
_____________________________________________________________________________________

Pisa Folk Festival 2024
Da 22 anni a Pisa cultura e musica tradizionale italiana e mediterranea

Il Pisa Folk Festival 2024 torna nelle strade e nelle piazze di Pisa con tre concerti al Giardino Scotto e un laboratorio di canto. Sin dalla sua nascita nel contesto universitario, ormai 22 anni fa, il Pisa Folk Festival promuove la cultura dell’incontro e la commistione tra tradizioni diverse attraverso la musica e le storie, il canto e il ballo. La cifra distintiva del Pisa Folk Festival è da anni la stretta collaborazione tra persone, enti, istituzioni, gruppi e associazioni in una città come Pisa che da sempre si contraddistingue per essere punto di incontro tra persone, popoli e generazioni diverse.
Il festival si apre il 4 luglio alle 21:30 al Giardino Scotto: pizzica e taranta quest’anno arrivano a Pisa con Super Taranta, un ensemble speciale nato nel 2024 per unire tutte le personalità più iconiche della musica salentina. Antonio Castrignanò e Mauro Durante, insieme agli artisti più amati e noti della musica del Salento portano in scena la voce di un territorio che fa della sua identità locale un invito globale all'incontro e alla condivisione. In "Super Taranta" le voci, i musicisti e i ballerini che hanno reso la "Taranta" celebre in tutto il mondo condividono lo stesso palcoscenico per regalare al pubblico tutta la magia e la forza di una danza millenaria dal ritmo ancestrale, per una grande festa collettiva. Super Taranta Orchestra è formata da: Antonio Castrignanò, Mauro Durante, Alessia Tondo, Emanuele Licci, Enza Pagliara, Giancarlo Paglialunga, Giulio Bianco, Federico Laganà, Rocco Nigro, Massimiliano Morabito, Maurizio Pellizzari, Giuseppe Spedicato, Silvia Perrone, Davide Monaco e Moira Cappilli.
Si prosegue, venerdì 5 luglio, sempre al Giardino Scotto, con un doppio concerto a ingresso gratuito. La serata, in collaborazione con l’Associazione Studentesca Ritmi Meridiani, ospita l’opening Act di Davide Ambrogio con Emozioni e Invocazioni - Canti rituali d’Aspromonte e a seguire RAIZ canta SERGIO BRUNI con RAIZ e RADICANTO. Raiz è un artista poliedrico che viaggia tra musica e cinema; a febbraio 2023 è uscito l’album Si ll’ammore è ’o ccuntrario d’ ’a morte, dedicato a Sergio Bruni e arrangiato da Giuseppe De Trizio, che porta il tour in Italia e all’estero insieme alla band con cui collabora da anni, i Radicanto. La scaletta dello spettacolo prevede alcune tra le canzoni più famose di Sergio Bruni, noto autore napoletano scomparso nel 2003. Tra queste ricordiamo Carmela, Na’ Bruna e Indifferentemente. Raiz omaggerà il pubblico anche con alcuni dei suoi brani più conosciuti.
Davide Ambrogio è un cantante e polistrumentista cresciuto in un piccolo paese dell'Aspromonte tra antichi riti religiosi e canti devozionali. In Emozioni e Invocazioni, in tour tra Francia e Spagna con Pisa tra le pochissime tappe italiane, l’artista calabrese costruisce intorno alla voce uno spettacolo immersivo attraverso l’utilizzo di lira, chitarra con matite, tamburo a cornice, zumpettana, zampogna e live electronics. Nella ricerca timbrica, melodica e ritmica, lo spettacolo racconta una verità intima e attuale, in grado di evocare suggestioni diverse. Davide Ambrogio condurrà inoltre il laboratorio del laboratorio Voci in Ascolto che si terrà sabato 6 luglio dalle 16 alle 19 al Jazz Road Lab. Il laboratorio è organizzato secondo un approccio orale basato sul gioco, l'imitazione, l'improvvisazione e lo sviluppo della memoria legata al suono e alle parole senza l'ausilio di testi e spartiti. Voci in Ascolto è organizzato in collaborazione con Associazione Studentesca Ritmi Meridiani, è gratuito su prenotazione fino a esaurimento posti.
Il Pisa Folk Festival 2024 si concluderà giovedì 18 luglio, sempre al Giardino Scotto, con il concerto di Goran Bregovic & The Wedding and Funeral Band. Il musicista e compositore balcanico più celebre al mondo sbarca a Pisa per uno Special Event Pisa Jazz Rebirth 2024, Pisa Folk Festival, Associazione The Thing per la prima volta insieme. Il concerto unico e imperdibile, unica data in Toscana, vedrà un mix degli storici successi di Bregovic i e brani tratti dai suoi album più recenti: un’esperienza live carica di energia e dinamismo tutta da vivere e ballare. “Nato più di vent'anni fa da un esperimento di riproposizione delle musiche tradizionali italiane nel contesto di una città universitaria, il Pisa Folk Festival ha allargato sempre più i suoi orizzonti, portando a maturazione la propria piattaforma culturale e aprendosi nel tempo alle più interessanti esperienze del folk revival nazionale e non solo. La partecipazione di un artista come Goran Bregović, insieme al prestigioso parterre che compone il programma di quest'anno, allarga ulteriormente la prospettiva e proietta il festival nella dimensione della grande world music internazionale.” commenta così soddisfatto Antonio Santoro, direttore artistico del Pisa Folk Festival. Il Pisa Folk Festival è realizzato grazie al contributo e alla collaborazione di Fondazione Pisa e Comune di Pisa e ’Associazione Ritmi Meridiani. La realizzazione degli eventi, come ogni anno, è possibile grazie alle molte realtà del territorio che abbracciano con entusiasmo il progetto.

Organizzazione e progettazione : Associazione Pisa Folk Con il contributo di: Fondazione Pisa e Comune di Pisa Partners: Ass. Studentesca Ritmi Meridiani Media Partners: yStudium 
Direzione artistica: Antonio Santoro 
Illustrazioni: Riccardo Pratesi- Disegnacci

_____________________________________________________________________________________

KUNPEN LAMA GANGCHEN 
PRESENTA
MUSICA E SPIRITUALITA’
La nuova musica italiana nel VCO
Seconda edizione estate 2024
2 giugno-ottobre 2024

Un ciclo di conversazioni e di esibizioni acustiche con i protagonisti della nuova musica italiana - a cura di Pierfrancesco Pacoda

Musica e spiritualità e stata una delle novità più acclamate nel ricco panorama estivo dei festival italiani nel 2023. Adesso la rassegna torna, conservando la formula originale, quella di portare la nuova musica italiana in una delle aree di maggiore suggestione naturalistica d’Italia, tra le alture del VCO e il Lago Maggiore. Qui, la musica incontra la spiritualità attraverso una serie di appuntamenti con alcuni tra i protagonisti più originali della nuova cultura sonora italiana. Si parte con il ‘Rinascimento’ della musica popolare salentina. Il tamburellista e cantante Antonio Castrignanò con il suo gruppo farà ballare Verbania con il battere ipnotico e tribale della pizzica più originale, lontana dalle cartoline turistiche. Poi, due tra i nomi più acclamati della nostra canzone d’autore, raffinati interpreti di ballate fortemente intrise di sentimento, Cristina Donà e Paolo Benvegnù. Il 21 luglio, per la prima volta, Musica e Spiritualità ospita una artista di musica classica. E’ un grande onore avere al festival Laura Marzadori, primo violino di spalla della Scala, star internazionale, che proporrà, dopo la conversazione, un repertorio dalle grandi pagine della classica. Piazze che rinascono e che tornano a essere luogo di incontro, di condivisione, il ‘cuore’ di piccole comunità che si aprono anche a un pubblico più giovane. L’ambiente che ospita il Festival è naturalmente votato a questi appuntamenti, pensiamo ai Sacri Monti, ma anche alla presenza nell’area del grande Tempio Buddista di Albagnano. Musica e spiritualità riporta l’accento e l’attenzione sull’interrogarsi, sul riflettere su cosa la musica d’autore può fare per dare voce a un bisogno interiore. In questa direzione si muove l’edizione 2024, che conferma la formula, che ha avuto un grande successo lo scorso, con una serie di conversazioni intime, nelle piazze, nei parchi, in mezzo al verde, dove alcuni tra gli artisti della nuova musica italiana sono diventati protagonisti di un racconto unico, offrendosi al pubblico in una chiave personale, diventando parte delle comunità che li hanno accolti. Regalando, dopo la conversazione, un concerto rigorosamente in acustico, pensato appositamente per i luoghi scelti, con reinterpretazioni personali del loro repertorio che sarà possibile ascoltare solo in questa occasione. Sarà come essere nel salotto della loro casa, per una condivisione artistica senza barriere, rilassante, che unisce davvero il musicista e il pubblico. Tutti gli spettacoli saranno quindi della prime assolute, uniche e irripetibili, produzioni pensate e realizzate solo per il festival, un unicum nel panorama musicale italiano.
Questi sono i primi nomi del festival che proseguirà poi anche con altri appuntamenti che verranno annunciati a breve e con una appendice in autunno.

Inaugurazione 
Domenica 2 giugno
Verbania, Villa Maioni
 (in collaborazione con CROSS Festival )
ANTONIO CASTRIGNANO’
Antonio Castrignanò è uno dei più originali protagonisti del ‘rinascimento’ della musica popolare salentina. Conosciuto anche per la realizzazione di colonne sonore, come quella per il film ‘Nuovo Mondo di Crialese, con l’album Babilonia ha raggiunto il primo posto nella prestigiosa classifica World Music Chart Europe.

Venerdì 5 luglio 
Verbania, Intra Villa Maioni
CRISTINA DONA’
Prima artista italiana a esibirsi al Meltdown Festival di Londra, Cristina Donà è sicuramente una delle poche artiste italiane capaci di “rivaleggiare” con le grandi colleghe che all’ estero, proprio come lei, hanno reinventato il modello di interprete e autrice nell’ambito della musica rock.  Ha conquistato il plauso di personalità come Robert Wyatt e David Byrne.

Giovedì 11 luglio
Baveno, Piazza della Chiesa
 PAOLO BENVEGNU’
Paolo Benvegnù è uno dei più sofisticati interpreti della canzone d’autore italiana. A Musica e Spiritualità porta le canzoni del suo nuovo album, ‘E’ inutile parlare d’amore’, al quale hanno collaborato Brunori SAS e Neri Marcorè.  Un album che l’autore ha definito ‘Un romanzo di formazione’.

Domenica 21 luglio 
Kunpen Lama Gangchen, Albagnano di Beè  
LAURA MARZADORI
  Introduce LAMA MICHEL RINPOCE
Primo violino di spalla della Scala, Laura Marzadori è una musicista giovane con una carriera internazionale consolidata. Strumentista e grande divulgatrice, grazie al suo lavoro ha avvicinato alla classica un nuovo pubblico. Di lei Zubin Metha ha detto “Laura Marzadori mi ha folgorato: che temperamento, che suono bello e romantico, che precisione tecnica”.

Musica e Spiritualità è reso possibile grazie al sostegno di Fondazione Comunitaria del VCO, Fondazione CARIPLO, Comune di Verbania, Comune di Baveno, Phoenix Import Mani Bhadra. Con la collaborazione di Cross Festival, Distretto Turistico dei Laghi,  Rest-Art, 121 Eventi. Media partner Radio Raheem. 

La direzione artistica di Musica e Spiritualità è di Simona Eugenelo
Inizio ore 21.00 Ingresso gratuito
Per informazioni
347 4409779
_____________________________________________________________________________________

Musica, storia e natura si fondono in un paesaggio unico al mondo 

ROMA UNPLUGGED FESTIVAL
dal 6 al 14 luglio 2024
III edizione

PARCO DELL’APPIA ANTICA
Dimora Storica Casale delle Vignacce
Mausoleo di Romolo nella Villa di Massenzio
Mausoleo di Cecilia Metella

ADRIANA CALCANHOTTO – FANFAROMA - LUCA PINCINI e GILDA BUTTÀ -
MARIA PIA DE VITO, OMAR SOSA, TRILOK GURTU - MICHAEL LEAGUE e BOKANTÉ -
NAOMI BERRILL – NOEMI - ORCHESTRACCIA

Otto giorni di live, lezioni-concerto, una masterclass e un concerto itinerante, visite guidate e racconti di storia. Un dialogo ininterrotto tra musica, storia e natura in un paesaggio unico al mondo per scoprire o riscoprire i tesori del Parco dell’Appia Antica. Roma Unplugged Festival torna per la sua terza edizione da sabato 6 a domenica 14 luglio e porta sul palco le voci più interessanti del jazz (e non solo) accendendo i riflettori sull’incomparabile patrimonio storico e archeologico di Roma. Tra le cantautrici italiane più apprezzate, in line up Noemi con un intenso concerto piano e voce; lo straordinario trio composto da Maria Pia De Vito, Omar Sosa e Trilok Gurtu, in prima assoluta con l’inedito progetto Mater; Michael League con il progetto Bokantè; la poliedrica artista brasiliana Adriana Calcanhotto; il talento elegante di Naomi Berril; l’inconfondibile groove dell’Orchestraccia; Luca Pincini e Gilda Buttà insieme per l’omaggio al grande cinema. La Dimora Storica del Lazio Casale delle Vignacce, il Mausoleo di Romolo nella Villa di Massenzio e il Mausoleo di Cecilia Metella sono i tre luoghi scelti quest’anno per la rassegna, a cui si aggiunge il concerto itinerante da Villa di Massenzio a Villa dei Quintili. Nel Complesso del Mausoleo di Cecilia Metella Castrum Caetani prende vita la rassegna “Racconti di storia’’: un ciclo di incontri su eventi, personaggi e idee cha hanno fatto la storia della Regina Viarum nei secoli.
Roma Unplugged Festival è organizzato da ETICAARTE con la direzione artistica di Gian Luca Pecchini e nel programma dell’Estate Romana. La rassegna è realizzata grazie al contributo di Roma Capitale in collaborazione con il Parco Archeologico dell’Appia Antica, il Parco Regionale dell’Appia Antica, Italia Nostra e la Nazionale Italiana Cantanti. Si avvale del sostegno di SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori) e del patrocinio della Regione Lazio e dell’VIII Municipio, Atac è mobility partner.
Si inizia sabato 6 luglio alle ore 21 quando il Mausoleo di Romolo nella Villa di Massenzio diventa cornice per “Sea Warrior”, la lezione-concerto gratuita della violoncellista e polistrumentista Naomi Berrill per raccontare il Complesso di Massenzio. Poco prima, alle ore 19,30, il Racconto di storia “Annia racconta Massenzio”, a cura di Ersilia Maria Loreti, Curatore museale della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Naomi Berrill torna poi domenica 7 luglio alle ore 10,30 con una lezione-concerto matinée gratuita presso il Mausoleo di Cecilia Metella, in duo con il violoncellista Andrea Beninati con il progetto "Islanders". Domenica sera è la voce potente e inconfondibile di Noemi a inaugurare i concerti serali delle ore 21 nella suggestiva cornice della Dimora Storica Casale delle Vignacce. La accompagna il solo pianoforte, per un’esperienza acustica pura e avvolgente.
Martedì 9 luglio sale sul palco Adriana Calcanhotto (due Latin Grammy Awards conquistati), tra le grandi protagoniste della canzone brasiliana con il progetto Errante Tour. Mercoledì 10 luglio arriva La Musica è Cinema, il Cinema è Musica: Luca Pincini al violoncello e Gilda Buttà al pianoforte reinterpretano le indimenticabili composizioni per il cinema di grandi autori come Ennio Morricone, Luis Bacalov, Lele Marchitelli, Paolo Buonvino, Nicola Piovani. Giovedì 11 luglio ecco i BOKANTÉ, l’originale e poliedrico ensemble musicale che porta la firma Michael League, leader degli Snarky Puppy con cui ha conquistato ben cinque Grammy Awards. Con lui anche Chris McQueen e Bob Lanzetti (altri due Snarky Puppy), la voce di Malika Tirolien, il grande percussionista Jamey Haddad (Paul Simon, Sting); Roosevelt Collier, Keita Ogawa e Weedie Braimah. Otto grandi musicisti provenienti da 4 diversi continenti per un sound che affonda le radici tra il Delta del Mississippi e il deserto africano, fusi un ritmo ricco di groove, melodia e anima. Prima del live, alle ore 16.30, è in programma la Masterclass con Michael League.
Il weekend inizia venerdì 12 luglio con Mater, il nuovo progetto di Maria Pia De Vito, Omar Sosa e Trilok Gortu presentato per la prima volta al Roma Unplugged Festival. Realizzato in collaborazione con Italia Nostra, i tre straordinari interpreti di questo concerto transculturale attraversano India, Cuba e Mediterraneo collegandosi al filo rosso che unisce le diverse civiltà alle origini del mondo, ovvero il culto della Dea Madre. Sabato 13 luglio diventa protagonista la Via Appia Antica con uno speciale appuntamento tra archeologia e jazz alle ore 18: il concerto itinerante della Fanfaroma, la street band che si muove tra funk, jazz e reggae, accompagna le guide archeologiche ufficiali del Parco tra magia di storie e suoni in una passeggiata da Villa di Massenzio a Villa dei Quintili. In serata, alle ore 21, l’Orchestraccia sale sul palco della Dimora storica Casale delle Vignacce con la sua nota presenza scenica, promettendo una serata di festa e condivisione.
Completa il programma del festival la rassegna “Racconti di storia’’, l’appuntamento delle ore 18 all’interno del Complesso del Mausoleo di Cecilia Metella Castrum Caetani, preceduta alle ore 17 dalla visita guidata del sito.
Martedì 9 luglio è in calendario “Dove comincia l’Appia”, un approfondimento sul tratto iniziale della via Appia con Daniele Manacorda, docente ordinario di Metodologia e tecnica della ricerca archeologica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Roma Tre. Mercoledì 10 luglio, ecco un tema sicuramente poco affrontato: “Quando l’archeologia incontra il paranormale”, a cura di Stefano Antonetti, funzionario architetto del Parco Archeologico dell’Appia Antica. Giovedì 11 luglio si parla della posizione di Roma nella viabilità medievale in “Verso Roma, via da Roma, percorsi medievali”, a cura di Francesca Stasolla, docente ordinario di Archeologia Cristiana e Medievale presso il Dipartimento di Scienze dell'Antichità dell’Università La Sapienza di Roma. Venerdì 12 luglio “I Caetani alla conquista di Roma. La veloce parabola del castrum di Capo di Bove sull'Appia” con Stefano Roascio, funzionario archeologo del Parco Archeologico dell’Appia Antica. Domenica 14 luglio, chiude la settimana e il festival “L’Appia è moderna: l’immaginario dell'Appia nel XX secolo”, con Simone Quilici, Direttore del Parco Archeologico dell’Appia Antica, e Ilaria Sgarbozza, funzionaria storica dell’arte del Parco Archeologico dell’Appia Antica.
Per tutta la durata della rassegna sarà possibile visitare la mostra “Il marchese del Grillo" della Dimora Storica Casale delle Vignacce, il primo appuntamento del progetto Appia Antica terra di cinema.
Per incentivare la mobilità sostenibile - nei giorni dei concerti presso la Dimora Storica Casale delle Vignacce - il Parco Regionale dell’Appia Antica organizza per chi arriva con l'autobus una passeggiata guidata tra le meraviglie del Parco. L’appuntamento è alle ore 20 al Bar Appia Antica, via Cecilia Metella incrocio via Appia antica, nei giorni 7, 9, 10, 11, 12, e 13 luglio.

PROGRAMMA e BIGLIETTI CONCERTI

Sabato 6 luglio ore 21.00 
Mausoleo di Romolo
NAOMI BERRILL 
lezione – concerto / gratuito

Domenica 7 luglio ore 10.30 
Mausoleo di Cecilia Metella
NAOMI BERRILL e ANDREA BENINATI 
duo lezione- concerto / gratuito

Domenica 7 luglio ore 21.00 
Dimora storica Casale delle Vignacce
NOEMI 
concerto piano e voce
Biglietto 25 euro + prevendita

Martedì 9 luglio ore 21.00 
Dimora storica Casale delle Vignacce
ADRIANA CALCANHOTTO
Biglietto 20 euro + prevendita

Mercoledì 10 luglio ore 21.00 
Dimora storica Casale delle Vignacce
LUCA PINCINI E GILDA BUTTÀ
Biglietto 15 euro + prevendita

Giovedì 11 luglio ore 21.00 
Dimora storica Casale delle Vignacce
MICHAEL LEAGUE ED ENSEMBLE BOKANTÉ
Biglietto 20 euro + prevendita
ore 16.30, prima del concerto
MICHAEL LEAGUE MASTERCLASS
Biglietto 40 euro sconto del 15% per chi acquista il biglietto del concerto

Venerdì 12 luglio ore 21.00 
Dimora storica Casale delle Vignacce
Maria Pia De Vito, Omar Sosa, Trilok Gurtu in Mater
Biglietto 18 euro + prevendita 

Sabato 13 luglio ore 18.00 
da Villa di Massenzio a Villa dei Quintili
CONCERTO ITINERANTE DI ARCHEOLOGIA E JAZZ CON FANFAROMA E LA GUIDE UFFICIALI DEL PARCO
Biglietto 8 euro

Sabato 13 luglio 2024 ore 21.00 
Dimora storica Casale delle Vignacce
ORCHESTRACCIA
Biglietto 15 euro + prevendita

dal 6 al 14 luglio 2024 ore 17.00 Complesso di Cecilia Metella Castrum Caetani
VISITA GUIDATA AL SITO E RACCONTI DI STORIA.
Biglietto unico 8 euro

Mausoleo di Romolo - Villa di Massenzio, Via Appia Antica n. 153
Mausoleo di Cecilia Metella – Castrum Caetani, Via Appia Antica n. 161
Dimora Storica Casale delle Vignacce, Via Muracci dell’Ospedaletto snc

BIGLIETTI

_____________________________________________________________________________________


OPEN SOUND FESTIVAL
2024
A Land Music Experience | Reliving Origins 
Basilicata
il 27 luglio a San Severino Lucano
e dal 31 luglio al 3 agosto a Matera

Un boutique festival in due location uniche e immersive, che dalla Basilicata guarda al suono di domani. Dal 27 luglio al 3 agosto torna a Matera e nel Parco Nazionale del Pollino, Open Sound Festival con James Holden, Bombino, Venerus (dj set), Thru Collected, Vladimir Ivkovic, Fossick Project (Marta Del Grandi & Cecilia Valagussa), Paolo Angeli e altri nomi. Un festival che ospita le avanguardie della scena euromediterranea incarnando e raccontando l’idea di Land Music Experience ossia un’indagine sul paesaggio e sui territori fatta attraverso il suono, i ritmi e riti ancestrali che si rivelano pregni di futuro.
Lo dimostra una lineup di artiste e artisti che amano intraprendere strade sonore inesplorate, con la direzione artistica di Alioscia Bisceglia. Il programma parte sabato 27 luglio da San Severino Lucano (Potenza), in località Mulino Iannarelli, in montagna, tra il verde e sotto il cielo del Parco Nazionale del Pollino dove vibreranno le meravigliose avanguardie della chitarra-orchestra di Paolo Angeli e i viaggi del celebre chitarrista tuareg Bombino. Da mercoledì 31 luglio a sabato 3 agosto, invece, ci si sposta a Matera, presso Le Monacelle, fascinoso ex convento nel centro storico della Città dei Sassi, con vista sul meraviglioso Parco della Murgia Materana. Ad aprire, il 31 luglio, sono le note afro-futuriste di Raffaele Costantino e a seguire il set di una bandiera del clubbing resistente ossia il dj serbo Vladimir Ivkovic. La serata vedrà anche la consegna del Premio OSA - Città di Matera, già assegnato a Dardust (2022) ed Elasi (2023). Il giorno successivo, giovedì 1° agosto, è la volta delle suggestioni di Fossick Project (Marta Del Grandi e Cecilia Valagussa), del riferimento del dub italiano Paolo Baldini Dubfiles e del duo francesce Ko Shin Moon. Venerdì 2 agosto, imperdibile appuntamento con i Thru Collected, il collettivo napoletano considerato dai media e dal pubblico tra i migliori nomi del 2023 e, nella stessa serata, Venerus (dj set) artista di punta del panorama italiano. Sul palco anche Federico Nitti, sound e visual designer di origini lucane con esperienze internazionali di livello. A chiudere il cartellone materano, sabato 3 agosto, sono Leila Rufus, il duo Dadub, e l’attesissimo live del dj e produttore britannico James Holden. La novità del 2024 è che il progetto fa ancora un passo in avanti nel solco della sua indagine e rivoluzione sul suono con la prima produzione discografica di Open Sound, in uscita in vinile e in digitale, in collaborazione con Hyperjazz Records. Questa produzione è la restituzione del percorso fatto nel 2023 con il progetto OSA nel quale innovazione e origini dialogano attraverso una call, una residenza co-creativa e una performance conclusiva inedita che è stata, infine, incisa su disco, a impreziosire e fissare un tassello significativo nella strada tracciata finora.  Il disco verrà presentato durante Open Sound Festival 2024.. Dalla I edizione nell’ambito di Matera Capitale europea della Cultura 2019, Open Sound, con la direzione generale di Nico Ferri, continua a crescere, attirando l’attenzione di addetti ai lavori, musicisti e musiciste, producers, dj, appassionati di musica e turisti culturali, come format tra i più interessanti della scena attuale. Open Sound, con il suo format OSA, è stato replicato anche fuori dalla Basilicata, sia nel suo intero impianto progettuale che con i suoi show e set originali presentati, in questi anni, a Milano (Linecheck Music Meeting and Festival), Torino (_resetfestival), Saluzzo (APM Scuola di Alto Perfezionamento Musicale), Napoli (Maschio Angioino), Bari (Basilicata Free To Move), arrivando anche all’estero (Hong Kong, Asia Cultural Co-operation Forum, Dubai, Expo 2020). Tra residenze, performance inedite, artisti in lineup con il proprio show, ha ospitato Clap!Clap!, Nu Genea, Jeff Mills e Jean Phi-Dary, Dardust, Elasi, The Night Skinny, Ninos Du Brasil, C’mon Tigre, Stabber, Splendore, Plastica, Foresta, Yakamoto Kotzuga, Vinicio Capossela, Giulia Tess, Max Casacci, Dj Gruff, Dub Fx, Rocco Rampino, le musiciste e i musicisti della tradizione Alberico Larato, Agostino Cortese & gli AgoTrance, Rino Locantore, Daniela Ippolito, i Tamburi di Boom, e ancora go-Dratta, Giorgio Mirto, Paolo Polcari, xx.buio, Maxwell Simmons e tante e tanti altri. I biglietti e l’abbonamento per Open Sound Festival 2024 sono, invece, acquistabili su Ticketmaster ed è consigliata la prevendita per via della capienza limitata delle location.

PROGRAMMA 
 
Sabato 27 luglio 2024 ore 19.30 – San Severino Lucano (PZ) - Mulino Iannarelli
PAOLO ANGELI
BOMBINO
a seguire OSA 2.4 selected artist

Mercoledì 31 luglio 2024 ore 19.30 – Matera - Le Monacelle
RAFFAELE COSTANTINO
VLADIMIR IVKOVIC

Giovedì 1° agosto 2024 ore 19.30 – Matera - Le Monacelle
FOSSICK PROJECT (Marta Del Grandi e Cecilia Valagussa)
PAOLO BALDINI DUBFILES
KO SHIN MOON

Venerdì 2 agosto 2024 ore 19.30 – Matera - Le Monacelle
THRU COLLECTE
FEDERICO NITTI
VENERUS dj set

Sabato 3 agosto 2024 ore 19.30 – Matera - Le Monacelle
DADUB (Daniele Antezza e Marco Donnarumma)
LEILA RUFUS
JAMES HOLDEN live

Open Sound Festival è ideato, prodotto e organizzato dall’Associazione Culturale Multietnica di Potenza
Con il contributo di Ministero della Cultura, Regione Basilicata, Comune di San Severino Lucano
Con il patrocinio della Città di Matera
In partnership con Tower Art Museum (TAM), Eco Verticale
Partner tecnici Ticketmaster
Creative partner Bellissimo
Media Partner EcocNews (All about European Capitals of Culture)


INFO
info@opensoundfestival.eu

_____________________________________________________________________________________


1 giugno - 17 agosto 
Folkest 2024
il festival curioso del mondo
Fra gli ospiti: i mitici Calexico, The Black Sorrows, Sir Oliver Skardy e i Fatti Quotidiani, Andy Irvine Eileen Rose Band, Ambrogio Sparagna, Elena Ledda e Mauro Palmas

1 giugno: ai nastri di partenza una nuova edizione di Folkest che, 45 anni di grande musica alle spalle, taglia il traguardo della sua quarantaseiesima edizione allargando i confini geografici e temporali. Alle tre sezioni degli anni precedenti, Folkest sul Territorio, le giornate centrali di San Daniele e gli appuntamenti del Castello di Udine, si aggiungono infatti tre sezioni per un totale di sei blocchi: un’Anteprima Folkest di quattro date (1 e 2 giugno, 6 e 7 giugno) fra Italia e Austria; i progetti speciali Odmevi/Echi e Folkest fra monti e acque. Che, come si diceva, vanno ad aggiungersi agli appuntamenti di Folkest sul Territorio: dal 13 giugno al 30 giugno, e poi sparsi lungo il mese di luglio, una serie di concerti che animeranno i territori del Friuli di musica e di incontri. Alle giornate centrali di San Daniele dal 5 al 7 luglio che vedono alternarsi sui palchi e nelle piazze e chiese del borgo friulano i nomi del passato, presente e futuro della musica etnica, folk e world: con i concerti, i Folkest Showcase, i momenti di formazione con i Folkclinic, gli incontri con gli operatori di settore con gli Speed meeting, le finali del Premio Cesa e il Premio Folkest-una vita per la musica a cui, da quest’anno, si aggiungerà un Premio intitolato al giornalista Lorenzo Marchiori, prematuramente scomparso, dedicato a un libro di argomento musicale.
Fra gli ospiti maggiormente attesi, indubbiamente i Calexico, in programma il 17 luglio sul palco del Castello di Udine. Ma anche personaggi come i The black sorrows dall’Australia (Romans d’Isonzo 29 giugno); Sir Oliver Skardy e i Fatti Quotidiani (6 luglio San Daniele), ben noto band leader dei Pitura Freska; Eileen Rose Band dagli Usa (6 luglio San Daniele); Andy Irvine dall’Irlanda (7 luglio San Daniele); l’Ambrogio Sparagna Trio (Udine 17 agosto). Oltre agli amici di Folkest che confluiscono ogni anno, portando la loro musica e il loro confronto, per trasformare questo appuntamento in un vero e proprio centro di confronto sul presente e sul futuro, oltre che sulla grande tradizione, dell’etno-folk e della world internazionali e nazionali: fra gli ospiti Elena Ledda Mauro Palmas e Maurizio Bettelli ma anche giornalisti come Felice Liperi, Duccio Pasqua e Martina Vocci. Confermata la partnership con UpBeat, la piattaforma europea nata da una rete formata dai quattordici più importanti showcase festival continentali grazie alla quale le giornate di Folkest a San Daniele si animano di musicisti da tutta Europa, ma anche di operatori del settore, direttori di altri festival e giornalisti. Un incontro di suoni che si arricchisce della proposta dei finalisti del Premio Alberto Cesa, sei gruppi e singoli artisti da tutta Italia già selezionati nel corso delle semifinali invernali di Arezzo, San Pietro in Cairano (VR), Cervasca (CN), Loano, Roma e Codroipo (UD).
 
Anche per questa 46a edizione Folkest ha scelto un’immagine di Enzo De Giorgi, un artista per il quale la musica è stata sempre e comunque un elemento centrale della propria creatività: si tratta di Folkest 2024, un dipinto realizzato da questo artista, che ha fatto della narrazione colorata e quasi fiabesca di storie emozioni e persone la propria cifra stilistica,  appositamente per l’edizione 2024 del Festival. Olio su tela 40x40, rappresenta un trio musicale in cui ogni componente è concentrato a suonare il proprio strumento, ma è anche assorto nell’ascolto del suono altrui, ad occhi chiusi, per isolare l’udito dagli altri sensi. Un inno al valore della condivisione e dell’arricchimento reciproco: tre voci soliste diventano coro, concerto, orchestra. E se il suono di un violino, di una tromba e di un pianoforte, nascono da differenti tipologie di strumenti musicali, ma sanno convergere in un’unica voce, riescono a disegnare un triangolo armonioso in cui la condivisione delle differenze si concentra un unico segnale sonoro.
 
Folkest, per la direzione artistica di Andrea Del Favero, è realizzato da Folkgiornale e grazie al sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Friuli, dei comuni di San Daniele del Friuli e di Udine, di Banca 360 e degli Enti Locali degli oltre trenta comuni del Friuli Venezia Giulia coinvolti, di Abaco Viaggi, Cantina Tavagnacco, Cooperativa Itaca.

Una visione green
Un corretto uso delle risorse e un’efficace lotta allo spreco energetico è sempre stato tra gli obiettivi dichiarati di Folkest. Negli ultimi anni quest’esigenza ha preso un significativo abbrivio, complice anche la partecipazione al progetto UpBeat e i numerosi incontri operativi con tutti gli altri festival aderenti al progetto stesso. Oltre alle varie altre azioni (piatti e posate riciclabili, boccioni dell’acqua, auto ibride, ecc…) da quest’anno Folkest vanta un impianto di amplificazione e luci totalmente a batteria. L’impianto esterno, i monitor, le luci, il mixer… tutto sarà a batteria, una piccola grande rivoluzione assolutamente impensabile anche solo tre anni fa. Attrezzature all’avanguardia in esclusiva per il festival friulano che ancora una volta si conferma capace di porsi sempre un passo in avanti.
 
L’Anteprima con la Fieste da Sedon
L’Anteprima di Folkest 2024 sarà dedicata - il 1° e il 2 giugno - a Suns di storie e memorie - Fieste da Sedon, una due giorni di laboratori e musica in libertà con i musicisti folk friulani al Castello di Ragogna. Un evento culturale incentrato sulla scoperta e riscoperta di luoghi, suoni e tradizioni del territorio in forma partecipata con il coinvolgimento della popolazione locale.
Sabato 1°giugno presso la Pieve del Castello in programma i Carantan, gruppo cofondato da Glauco Toniutti: una serata all’insegna del folk e delle sperimentazioni sonore che vedrà la partecipazione di Dario Marusic e Andrea Del Favero e di Giovanni Floreani.
Domenica 2 giugno, invece, tanta allegria con musica e festa al castello. Oltre al Castello, sarà coinvolta la frazione di Villuzza per parlare anche di ambiente di storia del territorio. Sabato pomeriggio i ragazzi dagli 8 ai 12 anni potranno partecipare a una speciale caccia al tesoro alla scoperta di luoghi caratteristici proprio di Villuzza ascoltando i racconti dei suoi abitanti.
 
Folkest e il sociale
Torna anche per questa edizione lo storico rapporto di Folkest con alcune importanti associazioni culturali sul territorio. Prima fra tutte la Cooperativa sociale Itaca con la quale è attiva oramai una cooperazione ultraventennale. Anche quest’anno la Cooperativa porta a Folkest un progetto dei Capitano tutte a noi, gruppo musicale nato undici anni fa a Pordenone, composto da beneficiari dei servizi, operatori e amici della musica. Due le tappe previste: il 9 giugno alle 18 alla Fattoria didattico-sociale Cantina Tavagnacco di Cividale del Friuli per Aspettando Folkest; il 20 giugno alle 20 alla Comunità Nove di Udine all’interno del Parco di Sant’Osvaldo, per un evento speciale che coniuga il cartellone di Folkest con quello delle Feste d’Estate al Parco e gli eventi di celebrazione per i 100 anni dalla nascita di Franco Basaglia.
Nel corso delle serate di Folkest verranno raccolti fondi per la benemerita Associazione Due Pistoni di San Daniele, per contribuire all’acquisto di macchinari per strutture ospedaliere del territorio.
Fra i nuovi progetti di questa edizione Pordenone Educa, un'iniziativa che attraversa in realtà tutto l’anno e che viene realizzata in collaborazione con Con i Bambini nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile: un fondo che scaturisce da un accordo tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo e che sostiene interventi mirati a rimuovere le barriere di carattere economico, sociale e culturale che ostacolano la piena partecipazione dei minori ai processi educativi.
 
Il Festival sul territorio
Il viaggio fra i comuni del Friuli Venezia Giulia toccherà: San Rocco di Forgaria nel Friuli (Borgo Agnola), Campoformido, San Giovanni a Pulfero (Grotta d’Antro), Villanova delle Grotte - Lusevera (Tettoia piazzale Principale), Gorizia, Stevenà di Canevà (parco di Villa Frova), Sant’Osvaldo a Udine (Parco di Sant’Osvaldo), Artegna, Vigna di Castelnovo del Friuli (Sagrato Chiesa San Nicolò), Prato Carnico (piazzetta della Fontana), Tramonti di Sopra, Ronchi dei Legionari (piazza della Concordia), Ribis di Reana del Rojale (Casa Lucis), Papariano, Flaibano (Piazza Monumento), Romans d’Isonzo (Piazza G. Candussi), Cercivento (Cjase da Int), Arte Terme (Giardino del Palazzo Savoia), Vito d’Asio (Piazza Fontana). E poi, a luglio: Travesio, San Quirino, Valeriano, Clauzetto. E Udine.
Tra gli artisti presenti: gli Sparatrapp, 4 Folksinger in Friûl, Raquel Kurpershoeck (Spagna/Paesi Bassi), Maria Moctezuma dal Messico, i Grass Root Ties (Usa/Inghilterra/Germania), Radoslav Lorković & Charlie Cinelli (Croazia/Usa/Italia), Hysterrae (Iran /Italia), Alvise Nodale (Friuli). Dall’Italia saliranno sul palco: i Mozoltov, i Luarte Project, gli Almakantica, Claudia Bombardella Trio, Blue Weed, The Morsellis, Circo Diatonico, Z/F, l’omaggio di Silvio Trotta a Branduardi, i Green Waves.
 
Il Premio Cesa
Grazie al Premio Alberto Cesa - giunto alla sua ventesima edizione e pensato per valorizzare i progetti musicali italiani che sappiano dare voce a una o più radici culturali di qualsiasi parte del mondo - a San Daniele si ascolteranno quindi gli Ars Antiqua World Jazz Ensemble da Ferrara selezionai ad Arezzo lo scorso 7 dicembre 2023; Vanina Vincent, argentina trapiantata a FIrenze, uscita dalla selezione di San Pietro a Caiano in provincia di Verona (26 gennaio). E ancora: Miguel Angel Acosta – argentino di nascita e torinese di adozione – che ha conquistato la giuria a Cervasca in provincia di Cuneo (27 gennaio). I genovesi Makadam Zena (Loano 28 gennaio), i ciociari I Trillanti (Roma, 2 febbraio). Infine i carnici Trival sono arrivati primi in occasione della selezione di Codroipo (9 febbraio) in provincia di Udine.
La serata finale del 7 luglio a San Daniele li vedrà tutti sul palco di Piazza Vittorio Emanuele II alle 21.00. Il gruppo/artista vincitore parteciperà di diritto all’edizione successiva di Folkest, oltre a ricevere un premio da parte del NUOVO IMAIE. A discrezione della giuria potrà essere assegnato un premio speciale a un artista/gruppo formato da musicisti sotto i 35 anni di età.
La novità di questa edizione è che ai gruppi finalisti è stato chiesto di musicare, cantare e arrangiare un testo in lingua friulana del poeta Federico Tavan di Andreis (PN), la più alta voce della letteratura friulana nella seconda metà del Ventesimo secolo dopo Pier Paolo Pasolini. Questa fase del Premio è in stretta collaborazione con Morganti Editori, la casa editrice che cura i diritti applicabili all’opera del poeta e ne rende disponibile l’utilizzo.
 
Folkest Showcase
Ovvero le nuove proposte artistiche europee che Folkest proporrà al pubblico e ai numerosi delegati internazionali  portando la loro musica in luoghi di grande storia e fascino di San Daniele: dal Parco del Castello a Piazza Vittorio Emanuele II, da Piazza Pellegrino da San Daniele alla Chiesa di Sant’Antonio Abate. Dodici le proposte di questa sezione, oltre agli italiani Alex Eli Duo, Magasin du Café, gli Ossosacro (già vincitori del Premio Andrea Parodi 2023) e i Laca Collective, avremo infatti Alice in Wonderband dalla Serbia, Andrea Bitai dall’Ungheria, i Balkalar dalla Croazia, i Maluf System un progetto fra Tunisia e Italia, Lidiya Koycheva & Balkan Orkestra dalla Bulgaria, i Pausis dalla Grecia, Lia Sampai dalla Catalogna e i Nubras, un progetto fra Italia, Svizzera e Spagna.
 
I Folk Clinic
Cuore dell’offerta formativa di Folkest, i Folkclinic, coordinati da Andrea Del Favero, Maurizio Bettelli, Michele Gazich, e Placida Staro per la parte coreutica, hanno suscitato un grande interesse negli operatori per la sua stessa costruzione, venendo inseriti anche nel progetto europeo UpBeat, che raccoglie i quindici più importanti showcase festival continentali. I clinic - aperti a tutti, musicisti, artisti, appassionati e curiosi - si terranno presso la sede della Biblioteca Guarneriana nel Parco del Castello e presso il vecchio Convento dei Domenicani presso la sede dello Scriptorium Foroiuliense. Per la sezione Musica per musicisti in programma il consueto appuntamento dedicato alla vocalità mediterranea con Elena Ledda, una delle più significative voci della world music a livello italiano ed europeo. C’è poi Parole per musica che rivolge l’attenzione all'arduo e sublime compito della composizione di canzoni sotto la sapiente e autorevole direzione di Maurizio Bettelli, compositore, musicologo e autore, e Felice Liperi, critico musicale programmista di Radio 3 e docente al DAMS. Musica in movimento – Danzare Trad a Folkest 2024 – l’Appennino Emiliano fa capo invece al coordinamento di Placida Staro, Presidente del prestigioso ICTMD Study Group on Ethnochoreology. Due i focus per questa edizione: in primis le danze dell’Appennino Bolognese (che ha Monghidoro come centro) con la stessa Staro al timone; in seconda battuta il focus sulla sopravvivenza di uno strumento millenario come il piffero nella zona delle quattro province (Genova, Piacenza, Pavia, Alessandria) a cura di Ettore Losini Bani. Freschi di stampa, Tatiana Pais Becher presenterà L’Irlanda degli U2, il suo prestigioso e sorprendente libro dedicato ai rapporti tra le canzoni degli U2 e la Letteratura irlandese. Spazio anche alla Settima arte con ben due contributi filmici: il primo, Al di là dei lupi di Ennio Guerrato, dedicato alla figura del musicista cosmopolita Alfredo Lacosegliaz; il secondo, Miradas, docufilm di Tomaso Mannoni e Mauro Palmas con Elena Ledda, a raccontare il festival Mare e Miniere in Sardegna. La grande sorpresa delle giornata sandanielesi sarà la presentazione della registrazione della RAI della Messa dello spadone di Cividale del 1957, la più vecchia registrazione della quale si abbia memoria, riscoperta da Elisabetta Malantrucco di RAI Techetè, che dialogherà con il presidente di Glesie Furlane, don Romano Michelotti e il direttore artistico di Folkest Andrea Del Favero. Valentina Zanelli proporrà, infine, un percorso online attraverso un’app dedicata, con una lezione finale in presenza, nel corso del quale verranno trattate una serie di tematiche espressamente dedicate ai musicisti: Scrittura e presentazione di un progetto per accedere a programmi di finanziamento (residenze artistiche, viaggi, nuove produzioni); La vendita attraverso l'email (creare una mail di vendita, come strutturare e utilizzare un database di mail, strumenti di tracking e invio); La presenza online (importanza, costruzione, crescita costante); Lo show e lo showcase (differenze tra l'esibizione B2B e B2C. come cogliere il meglio da entrambe le situazioni). Importante ricordare che i Folkclinic sono un momento formativo che non nasce e muore solo in queste giornate, ma che giunge anche come momento conclusivo di una collaborazione tra diversi significative realtà territoriali nel progetto Ance e corde nel vento: da Folkest all’Associazione Gottardo Tomat di Spilimbergo, dal gruppo da Glauco – academiute di musiche e culture popolâr, all’Associazione Furclap di Udine, all’associazione Reunia di Ragogna.
 
Folkest fra monti e acque
Una nuova sezione per Folkest che rappresenta anche un importantissimo esempio di come si possa progettare insieme pensando contemporaneamente al territorio, al futuro, alle proposte culturali e al turismo. Ad essere coinvolti cinque comuni con le radici ben piantate sulla montagna della Destra Tagliamento, bagnate dalle acque dell’Arzino e del Cosa, con capofila Clauzetto: Castelnovo del Friuli, Pinzano, Travesio, Vito d’Asio. Luoghi dove l’uomo ha seminato memorie antiche in una natura aspra e stupefacente, dove s’incastoneranno come piccole gemme proposte di musica mediterranea e mediorientale, canti di donne iraniane, dolci melodie irlandesi, indiavolati ritmi bluegrass e italici organetti.
 
Odmevi/ Echi
Odmevi/ Echi: Coltivare il popolare per popolare il colto. Prenderà il via da San Giovanni d’Antro, per poi dipanarsi a metà agosto, un progetto musicale nato dalla collaborazione fra l’Associazione Sergio Gaggia di Cividale e Folkest, in cui le due associazioni affrontano l'affascinante sfida di un percorso musicale combinato tra classico e popolare, in un’ottica di un allargamento del pubblico e della sua formazione, come dichiara il sottotitolo: Coltivare il popolare per popolare il colto. Un’iniziativa che mira anche a un recupero turistico delle Valli del Natisone, soprattutto in vista dell'appuntamento Go! 2025 Nova Gorica e Gorizia Capitale europea della cultura 2025, in cui la Slavia friulana può diventare a sua volta simbolo emblematico di un territorio omogeneo arbitrariamente diviso. Oltre al significato simbolico, ai potenziali benefici nei rapporti transfrontalieri e agli effetti turistici, il progetto offre anche - nella sua parte squisitamente musicale - uno sfizioso, programmatico rimbalzo tra mondo popolare e mondo colto, una via inedita e solo saltuariamente visitata da festival e stagioni concertistiche.
_____________________________________________________________________________________

Raduno dei Suonatori di Tarantella
26 e 27 luglio 2024
Monte Sant'Angelo

Il 26 e 27 luglio a  Monte Sant’Angelo ci sarà la XIII edizione de Il Raduno dei Suonatori di Tarantella, un evento imperdibile nel cuore del Gargano. Siete pronti a lasciarvi coinvolgere dal ritmo travolgente della tarantella?


Con grande entusiasmo annunciamo le date della XIII edizione de Il Raduno dei Suonatori di Tarantella, un evento che celebra la musica tradizionale e la cultura popolare del Gargano. L’appuntamento è fissato per venerdì 26 e sabato 27 luglio, nel suggestivo centro storico di Monte Sant’Angelo. La manifestazione è organizzata e diretta da Studio Uno di Peppe Totaro e dall’Associazione Museca, con il sostegno del Comune di Monte Sant’Angelo e della Regione Puglia. Il Raduno dei Suonatori di Tarantella è un’occasione unica per vivere l’autenticità e la passione che animano la cultura popolare del Gargano, in un contesto di festa e condivisione. Il programma dettagliato, che sarà reso noto a breve, promette di essere un viaggio emozionante attraverso i suoni e i colori della nostra terra. Il festival si conferma come uno dei momenti più attesi per gli amanti della tarantella e della cultura popolare del Sud Italia. L’evento, che ogni anno coinvolge centinaia di suonatori e danzatori, attira migliaia di visitatori da tutta Italia e dall’estero, sarà un’occasione imperdibile per immergersi nella tradizione musicale garganica e per scoprire le bellezze di Monte Sant’Angelo.
____________________________________________________________________________________

39° MONSANO FOLK FESTIVAL
3-24 Agosto 2024

gemellata dal 2012 con Civitella Alfedena Folk Festival (AQ), dal 2022 con il World Land Festival della Musica e della Cultura dal Mondo e dal 2023 con il Festival Vita Vita Rassegna internazionale di Arte Vivente di Civitanova Marche
Edizione dedicata al ricordo di Giovanna Marini
 
NEL RICORDO DI GIOVANNA MARINI, LA 39^ EDIZIONE DEL MONSANO FOLK FESTIVAL 20243

Il 39° Monsano Folk Festival, gemellato dal 2012 con Civitella Alfedena Folk Festival (AQ), dal 2022 con il World Land Festival della Musica e della Cultura dal Mondo, e dal 2023 con il Festival Vita Vita Rassegna internazionale di Arte Vivente di Civitanova Marche, sarà dedicato al ricordo della grande Giovanna Marini e si svilupperà nell’arco di dieci giornate dal 3 al 24 Agosto, con altrettanti dieci concerti. 
Si apre a MONSANO, SABATO  3 AGOSTO con un grande evento, in. Piazza dei Caduti, alle ore 21,30\, con il Concerto Inaugurale,  dove LA MACINA presenterà il suo ultimo lavoro discografico (ventesimo della sua ricca discografia) IL DONO CHE NON SI NEGA. La Macina ai poeti amati, con la presenza straordinaria della grande voce poetica di Allì Caracciolo, e le voci recitanti di Mugia Bellagamba, Milena Gregori, Filippo Paolasini, Piergiorgio Pietroni, Dante Ricci. Ad arricchire il Concerto .Elisa Ridolfi, una delle voci marchigiane più interessanti del panorama musicale italiano, ed una delle poche voci femminili italiane a cimentarsi con grande successo con il fado tradizionale portoghese.
Nella Seconda Giornata di DOMENICA 4 AGOSTO a CAMERATA PICENA  per il Concerto-Incontro della Sera delle ore 21,30, nella suggestiva cornice della Corte del Castello del Cassero, rigorosamente in acustica, due grandi presenze femminili: la messicana ERÉNDIRA DIAZ e la marchigiana SILVIA SPURI, in un programma rigorosamente in acustica, montato appositamente per il Monsano Folk Festival, TE QUIERO, MON AMOUR. L'arte dell'incontro: canzoni d'amore e disamore dal Sudamerica alla Francia, culture a confronto e contaminazioni.   Serata dedicata, come da tradizione, alla “radiosa presenza” di Gianfranco Costarelli. 
Nella Terza Giornata il Festival “trasmigra” nel maceratese e precisamente a PIEVETORINA (MC), GIOVEDI’ 8 AGOSTO, alle ore 21,30, nel Parco Gianni Rodari, Concerto Grande della Sera, con il Gruppo degli ONEIRIC FOLK, in POP & POPULAR, con l’amichevole partecipazione straordinaria di Gastone PIETRUCCI.  Fiore all’occhiello e ormai “colonna sonora” del Monsano Folk Festival, il Gruppo ritorna a grande richiesta a esibirsi ancora una volta tra i grandi protagonisti del Festival.
Nella Quarta Giornata, il Festival ritorna nell’anconetano. Venerdì 9 AGOSTO a MORRO D’ALBA, nella Piazza Barcaroli, alle ore 21,30, per il Concerto Grande della Sera, un nuovo progetto folk-jazz,  del batterista marchigiano, MICHELE SPERANDIO QUARTET in THE SEA OF MUSIC (Il mare, la libertà e il sogno).
Quinta Giornata, SABATO 10 AGOSTO, ancora nell’anconetano, a SERRA DE’CONTI, nella splendida cornice del Chiostro di San Francesco, alle ore 21,30. Concerto Grande della Sera- con LA MACINA & LUISA RIDOLFI  in  CANTAR POESIA. CANTAUTORI E POETI.. Omaggio a PIERO CESANELLI e FRANCESCO SCARABICCHI . Ancora insieme, la “voce scura e torturata” di Gastone Pietrucci con l’intensa, affascinante voce di Elisa Ridolfi in un connubio particolarmente interessante,  in un abbinamento di sicuro impatto emotivo e di grande pathos,
Sesta Giornata, DOMENICA 11 AGOSTO a JESI, nella Chiesa di San Bernardo, alle ore 19,00, Concerto del Ricordo e della Memoria, GASTONE PIETRUCCI –MACINA TRIO in  IL DOVERE DELLA MEMORIA. In ricordo di Pietro Bolletta (1904-1979). “Il primo grande informatore de La Macina” a centoventi anni dalla nascita e a quarantacinque anni dalla morte. Programma di e a cura di Gastone Pietrucci, in esclusiva per il Monsano Folk Festival. A fine concerto APERITIVO offerto dalla Famiglia Carsetti.
Settima Giornata, VENERDI’ 16 AGOSTO il Festival si sposta nel fermano a MONTEGIORGIO (FM),  dove alle ore 21,30.  nella frazione di ATLETA,, Concerto Grande della Sera, con  MACINA QUARTET in COME LA LUCE A NOTTE. Canto della poesia e canto popolare in scene alterne. Un’alternanza tra le nuove poesie dei poeti marchigiani musicate da La Macina, Allì Caracciolo, Franco Scarabicchi, Franco Scataglini e Pier Paolo Pasolini. e i brani popolari più celebri ritrovati dal leader del Gruppo, Gastone Pietrucci nella sua più che cinquantennale ricerca sul campo delle tradizioni orali marchigiane.
Nell’ Ottava Giornata,  DOMENICA 18 AGOSTO, il Festival ritorna a MONSANO, nella Piazzetta Matteotti, dove alle ore 19,00, per il Concerto del Tramonto, verrà presentato un giovane Gruppo meritevole di attenzione i THE SLEEPING WHALE in PLAYING FOR THR FIREFLIES. Concerto dedicato a Riccarda Parasecoli, grande amica de La Macina.
Nella Nona Giornata, penultima del Festival, VENERDI’ 23 AGOSTO, a  POLVERIGI, nella suggestiva cornice del Chiostro di Villa “Nappi”, alle ore 21,30, Concerto-Incontro della Sera, con LARA GIACARLI & SHELE QUARTET in TEMPO DOPPIO, presentazione dell’ultimo lavoro discografico di questa interessante, giovane cantautrice, attrice e ricercatrice musicale.
Nella Decima Giornata,  SABATO 24 AGOSTO, grande finale del Festival a MONSANO, in Piazza dei Caditi alle ore 21,30, per il Concerto di Chiusura  con MACINA-GANG ,  a grande richiesta, di nuovo insieme nel loro CONCERTO PER IL VENTENNALE della pubblicazione del CD Nel tempo ed oltre cantando (200-2024) di questi due “storici” gruppi del folk e del rock italiani, veri e propri “ giganti del cuore e della musica dell’antica terra della Marca”. 

Programma sintetico

“Fare un Festival, di questi tempi, ha un valore anche politico.
Perché è un modo di combattere, non solo la crisi, ma anche il silenzio”.
Amedeo Fago 

SABATO 3 AGOSTO
MONSANO – Piazza dei Caduti- Ore 21,30
Concerto Inaugurale - LA MACINA, Il dono che non si nega. La Macina ai poeti amati

DOMENICA 4 AGOSTO
CAMERATA PICENA- Castello Cassero – Ore 21,30
Concerto-Incontro della Sera - ERÉNDIRA DIAZ & SILVIA SPURI, Te quiero, mon amour . L'arte dell'incontro: canzoni d'amore e disamore dal Sudamerica alla Francia, culture a confronto e contaminazioni  

GIOVEDI’ 8 AGOSTO
PIEVETORINA (MC)-Parco Gianni Rodari- Ore 21,30
Concerto Grande della Sera - ONEIRIC FOLK, Pop & popular
con l’amichevole partecipazione straordinaria di Gastone Pietrucci.

VENERDI’ 9 AGOSTO
MORRO D’ALBA – Piazza Barcaroli- Ore 21,30
Concerto Grande della Sera - MICHELE SPERANDIO QUARTET, in The Sea of Music (Il mare, la libertà e il sogno) 

SABATO 10 AGOSTO
SERRA DE’ CONTI – Piazza Gramsci – Ore 21,30 Concerto Grande della Sera
LA MACINA & ELISA RIDOLFI – Cantar poesia-Cantautori e Poeti- Omaggio a Francesco Scarabicchi e Piero Cesanelli

DOMENICA 11 AGOSTO
JESI- Chiesa San Bernardo – Ore 19,00
Concerto del Ricordo e della memoria - GASTONE PIETRUCCI-MACINA TRIO, Il dovere della memoria. Omaggio a Pietro Bolletta (1904-1979).

VENERDI’ 16 AGOSTO
MONTEGIORGIO- Frazione di ATLETA- Ore 21,30
Concerto Grande della Sera -  MACINA QUARTET, Come luce a notte- Canto della poesia canto popolare in scene alterne

DOMENICA 18 AGOSTO
MONSANO – Piazzetta Matteotti – Ore19,00- Concerto del Tramonto
THE SLEEPING WHALE in PLAYING FOR THR FIREFLIES. Concerto dedicato a Riccarda.

VENERDI’ 23 AGOSTO
POLVERIGI – Chiostro di Villa “Nappi”- Ore 21,30
Concerto-Incontro della Sera -  LARA GIANCARLI & SHELE QUARTET in Tempo doppio.

SABATO 24 AGOSTO
MONSANO – Piazza dei Caduti- Ore 21,30
Concerto di Chiusura - MACINA-GANG, CONCERTO PER IL VENTENNALE della pubblicazione del Cd Nel tempo ed oltre cantando (2004-2024)  di questi due “storici” gruppi del folk e del rock italiani. 

INGRESSO LIBERO AD OGNI CONCERTO SINO AD ESAURIMENTO DEI POSTI
Per informazioni: LA MACINA: 07314263 

Per ulteriori informazioni sul Programma:
www.macina.net /Monsano Folk Festival
_____________________________________________________________________________________

ESSAOUIRA GNAOUA AND WORLD MUSIC FESTIVAL 
25TH EDITION OF THE GNAOUA AND WORLD MUSIC FESTIVAL, A QUARTER CENTURY OF HIGHLIGHTING MOROCCO'S CULTURAL RICHNESS 


The primary aims of the Gnaoua and World Music Festival, when founded in 1998, were to reclaim an endangered heritage deeply rooted in Africa, to showcase and redeem the forgotten splendourof Essaouira, and to contribute to shining a light on Moroccan culture throughout the world. Today, we can state with confidence that these objectives have been met and indeed have surpassed our initial expectations. From the 27th to 29th of this June, the 25th edition of the Gnaoua and World Music Festival will take on a very special format. With the longevity of a quarter century under its belt, this edition will mark the beginning of a new chapter that looks resolutely to the future and new projects that are both structural and sustainable. For this 25th edition, the Festival will initiate 2 new projects with big ambitions:
- The launch of a training program in partnership with the world’s finest music institution, Berklee College of Music, Boston, Massachusetts. This program will take place in Essaouira, June 24-28;
- The creation of a dedicated chair to Gnaoua culture in partnership with the Center for African Studies at Mohammed VI Polytechnic University (UM6P) in Benguerir. 
he first project continues the work undertaken by the Festival for many years, to place Morocco at the heart of global musical excellence and to encourage musicians from the African continent. The second project will join the series of initiatives designed by the Festival since its creation, to deepen knowledge and ensure the transmission of Gnaoua heritage.
“The ancestral culture of Gnaoua is an inestimable treasure that we have passionately fought to defend for more than 25 years, all the way to inscription with UNESCO. Gnaoua music has forever marked the world’s music scene. This culture and this Festival have served Morocco by delivering the nation’s most emblematic message of peace, coexistence, and openness to the world,” affirms Neila Tazi, producer of the Festival. 
In the current global context, this mission becomes even more essential. Essaouira and the Gnaoua Maâlems will once again welcome musicians, intellectuals, journalists and music lovers from across the entire globe to carry forward, together, the message of brotherhood, tolerance, and peace.


When music becomes fusion! 
On the grand map of international musical events, the Essaouira Gnaoua and World Music Festival stands apart through its unique concept of original fusions.  Among the 400 artists who will perform during this 25th edition, the Festival will feature 34 Gnaoua Maâlems (Masters) and a total of 53 concerts, 6 of which will be fusions. Among these, the opening concert promises a rhythm explosion that will blend Gnaoua, Brazilian Batucada, Spanish Flamenco, and Zaouli from the Ivory Coast, highlighting the similarities between these genres. Maâlem Hassan Boussou (Casablanca) and Maâlem My Taieb Dehbi (Marrakech), with La Compagnie Dumanlé (Ivory Coast), Nino de Los Reyes (Spain), and Ilê Aiyê (Brazil) are sure to make this opening a festive celebration!  Another absolutely-not-to-be-missed fusion will reunite Maâlem Hamid El Kasri with Bokanté (USA, Canada), the multi-Grammy nominated group founded by guitarist Michael League (Snarky Puppy) that The New York Times calls “a captivating and unforgettable experience.” 

Future stars and World rhythms 
This pioneering, avant-gardist and committed Festival has always endeavoured to take audiences on a journey through music from around the world, with both established artists and rising stars.  This year the public will have the pleasure of seeing multilingual Palestinian rapper Saint Levant (Marwan Abdelhamid), as well as the Aita mon amour, the powerful duo of Moroccan singer Widad Mjama and Tunisian musician Khalil Epi, who brilliantly revisit the traditional Moroccan popular genre, taking it into the modern era. This year, festivalgoers will also hear one of the most beautiful voices of flamenco, the Spanish singer of Equato-Guinean origin, Buika, hailed by the international press for her unique voice. The concert featuring legendary American jazz trumpetist Randy Brecker, winner of 7 Grammy Awards, will also be one of the highlights of this brand-new season. 

Human Rights Forum - 11th Edition 
In parallel to the concert line-up, the 11th edition of the Human Rights Forum of the Gnaoua and World Music Festival, organised in partnership with the Council of the Moroccan Community Abroad (CCME), will take place around the topical theme of “Morocco, Spain, Portugal: a history that looks to the future.”  With the historic joint organization of the 2030 World Cup just a few years away, we explore the rich complexity of relations uniting Morocco, Spain, and Portugal. Bringing together a diverse group of twenty leading figures, the Forum will spend two morning sessions addressing subjects relating to shared history, the place and role of diasporas, mobility, and the impact of World Cup 2030 upon issues related to neighbouring communities. Over the course of 10 previous editions, the Human Rights Forum has welcomed over 150 prominent thinkers (anthropologists, artists, writers, historians, ministers, politicians, philosophers, researchers, diplomats) from 25 different countries across 4 continents (Africa, America, Asia, and Europe). 

_____________________________________________________________________________________

Musicastrada Festival 2024
XXV° EDIZIONE
“Tuscany World Music Experience”
12 Luglio - 4 Agosto


La 25esima edizione di Musicastrada Festival sarà un'esperienza che va oltre. Oltre il tramonto, oltre il singolo concerto, oltre l'evento che potete vedere anche altrove. Soprattutto, oltre le vostre aspettative. Non sarà un'edizione come un'altra, perché per festeggiare il nostro 25esimo anno insieme abbiamo messo su un programma pazzesco oltre a tour guidati e degustazioni di prodotti tipici locali! Il festival sui canali socia ha annunciato già diversi ospiti, ma abbiamo ancora parecchie sorprese in serbo. Saranno con noi Daniele Silvestri, Mecna, Antonella Ruggiero, Motta & Emma Nolde, BUGO, Lucio Corsi e tanti altri!
Tra le sorprese di quest'anno c'è un abbonamento che include nove concerti del Festival, a un prezzo speciale, lanciato come abbonamento "al buio", ma ora qualcosa si inizia a intravedere... Dei 9 concerti inclusi nell’abbonamento, infatti, ne sono stati annunciati 4. Molto presto sveleremo il resto. Grandi cose devono ancora succedere!
Per chi si fida del festival, sono appena stati messi in vendita venti abbonamenti “in penombra” validi per 9 concerti, a un prezzo maggiorato rispetto all’abbonamento al buio ma ancora molto conveniente: 45€ (5 euro a concerto compreso diritti di prevendita). Sono ESCLUSE dall’abbonamento le seguenti date: 12 e 13 luglio (Mecna e Lucio Corsi), 21 luglio (Antonella Ruggiero), 26 luglio (Daniele Silvestri), 3 e 4 agosto (Motta & Emma Nolde).
Chi ha voglia di sostenere il Musicastrada Festival, puoò farlo anche attraverso l'ART BONUS! Se si contribuisce, ad esempio, con €100, €65 vengono restituiti come credito d’imposta nelle dichiarazioni dei redditi dei prossimi 3 anni. L’Art Bonus è riconosciuto alle persone fisiche (dipendenti, pensionati, lavoratori autonomi), ai titolari di reddito d’impresa (imprenditori individuali e società nella quota massima del 5×1000 del fatturato), agli enti non commerciali (es. fondazioni bancarie, associazioni).

I biglietti per i singoli concerti sono disponibili in prevendita su DICE.fm, e il giorno stesso del concerto.

I PRIMI ARTISTI ANNUNCIATI
nei prossimi giorni tutto il resto del programma!!!

LUCIO CORSI
+ ALTEA + TOMMI SCERD + TORU
12 luglio 2024
ORTO DI SAN MATTEO - CASTELFRANCO DI SOTTO (PI)
ingresso dalle ore 19.00

MECNA
+ IRBIS + LUCA RE + ASPETTATIVA
13 luglio 2024
ORTO DI SAN MATTEO - CASTELFRANCO DI SOTTO (PI)
ingresso dalle ore 19.00

BUGO
18 luglio 2024
PRIMO MAGGIO - BUTI (PI)
(Attenzione!!!) ore 22.00 concerto

annuncio a breve
19 luglio 2024
PALAZZO PRETORIO - VICOPISANO (PI)

annuncio a breve
20 luglio 2024
PIAZZA VILLANOVA DEL CAMI' - CALCINAIA (PI)

ANTONELLA RUGGIERO
21 luglio 2024
PIAZZA DEI CADUTI PER LA LIBERTÀ - CASCINA (PI)
(Attenzione!!!) ore 22.00 concerto

RAQUEL KURPERSHOEK
Olanda Spagna
24 luglio 2024
CERTOSA DI CALCI - CALCI (PI)
(Attenzione!!!) 19.45 concerto
 
VOLOSI
Polonia
25 luglio 2024
SANTUARIO DELLA MADONNA DI RIPAIA - TREGGIAIA, PONTEDERA (PI)
(Attenzione!!!) ore 19.45 concerto

DANIELE SILVESTRI
26 luglio 2024
PIAZZA DUOMO - SAN MINIATO (PI)
(Attenzione!!!) ore 19.45 concerto

annuncio a breve
28 luglio 2024
TORRE DI SAN MATTEO - MONTOPOLI (PI)

annuncio a breve
31 luglio 2024
CASTELNUOVO VAL DI CECINA (PI)

DZAMBO AGUSEVI ORCHESTRA
Nord Macedonia
1 agosto 2024
PIAZZA DELLA CHIESA - MONTEVERDI MARITTIMO (PI)
(Attenzione!!!) ore 22.00 concerto

MOTTA & EMMA NOLDE
IN SOLO
2 e 3 agosto 2024
ROCCA SILLANA - POMARANCE (PI)
ore 19.45 concerto

annuncio a breve
4 agosto 2024
CHIANNI (PI)

Il Musicastrada Festival viene realizzato con il contributo, il patrocinio e l'ospitalità dei comuni di: Buti, Calci, Calcinaia, Casale Marittimo, Cascina, Castelfranco di Sotto, Castelnuovo Val di Cecina, Chianni, Monteverdi Marittimo, Montopoli in val d’Arno, Pomarance, Pontedera, San Miniato, Santa Luce, Vicopisano. E con il contributo di Sounds Of Europe, Regione Toscana, Ministero della Cultura, Creative Europe, Fondazione Pisa
Main Sponsors: Acque Spa, ASA, CNA PISA, Camera di Commercio Toscana Nord-Ovest, Ecofor Service, Unicoop Firenze
Partner: KeepOn Live, Rete Italiana World Music, Musica da Bere, Terre di Pisa

____________________________________________________________________________________

FESTAMBIENTESUD 2024
XX edizione

LIVE IL 30 LUGLIO A VIESTE LA GRANDE CANTANTE BRASILIANA MARISA MONTE
DAL 29 LUGLIO AL 3 AGOSTO DIALOGHI CON I SUD DEL MONDO
direzione artistica CHIARA CIVELLO
BALA DESEJO|ILÊ AIYÊ|TOSCA, PAOLO FRESU, SEBY BURGIO, ROBERTO TAUFIC, FERRUCCIO SPINETTI, BRUNO MARCOZZI E CHIARA CIVELLO|UTE LEMPER
PREMIO STREGA POESIA con ALESSANDRO D’ALESSANDRO|INTI-ILLIMANI & GIULIO WILSON


È stata la prima donna a ricevere il Premio Tenco internazionale e riconosciuta come una delle più grandi cantanti brasiliane di tutti i tempi.  Il 30 luglio Festambientesud, alla Marina Piccola di Vieste, ospita Marisa Monte per la seconda tappa italiana del suo tour mondiale. Vincitrice 4 volte del Latin Grammy, la sua musica, impreziosita da una voce ricercata, fonde samba, pop, jazz e soul. Marisa Monte è un’esploratrice innamorata del passato ma proiettata verso il futuro con una carriera costellata di successi e collaborazioni importanti. Tra queste, la punta di diamante è quella con Antonio Antunes e Carlinhos Brown, noti principalmente con il nome Tribalistas, un trio con il quale Marisa Monte collabora per il primo album omonimo e che, nel giro di poco tempo, è diventato un fenomeno musicale di fama mondiale e definito dai più come la rivoluzione copernicana della musica popolare brasiliana. Quello di Marisa Monte sarà un concerto unico con un repertorio che mette in luce i momenti più importanti della sua carriera, abbracciando più di tre decenni di successi in cui non mancheranno hit indimenticabili come “Ainda Bem”, “Já sei Namorar”, “Amor I Love You” e “Velha Infância”. Il ricco programma di concerti di Festambiente, dopo aver attraversato il Gargano con la sua carovana di musica e cultura, proseguirà a Vieste dal lunedì 29 luglio a sabato 3 agosto per la sua tappa finale. Una grande festa all’insegna del dialogo con i Sud del Mondo, sotto la direzione artistica della cantautrice e polistrumentista Chiara Civello, che ha curato anche quest’anno il ponte culturale tra Italia e Brasile. Sei giorni di concerti tra la Marina Piccola del comune pugliese e la Foresta Umbra con ospiti del calibro dei Bala Desejo (29/07), band vincitrice di un latin Grammy che arriva per la prima volta in Italia con la sua capacità di incanalare le influenze della Tropicália brasiliana degli anni '60, della psichedelia degli anni ’70, del rock e della MPB per creare un suono nostalgico, ma gioiosamente all’avanguardia; o  Ilê Aiyê (31/07) gruppo afrobrasiliano tra i più noti del carnevale bahiano, per l’unica data italiana del loro tour. In programma anche il concerto della super band composta da Tosca, Paolo Fresu, Seby Burgio, Roberto Taufic, Ferruccio Spinetti, Bruno Marcozzi e la padrona di casa Chiara Civello in un inedito spettacolo corale dedicato al Brasile (1/08); o ancora l’esibizione della celebre attrice e cantante tedesca Ute Lemper con un omaggio musicale a Pablo Neruda (2/08). Per la tappa dei finalisti del Premio Strega Poesia ci saranno degli interventi musicali di Alessandro D’Alessandro e il concerto dello storico gruppo della musica popolare andina Inti-Illimani con il cantautore Giulio Wilson. Il tema che il festival ha scelto per quest’edizione è il BENESSERE, declinato nelle diverse dimensioni del benessere ecologico, sociale e personale. “I Brasiliani sono dei professionisti della felicità - dichiara Chiara Civello - Se, come dice Patrizia Cavalli, la felicità è l’avvento del miracolo, allora per la proprietà transitiva i brasiliani sono dei professionisti del miracolo e la loro musica ce lo dimostra: una musica ricca e pluriversale, costruita sul dialogo tra culture. Non c’è felicità senza scambio, euforia, grazia, ancestralità, lotta e amore. Sono davvero orgogliosa di poter ospitare, condividere e celebrare la felicità, a Vieste, per FestambienteSud 2024, con un programma unico.” “Il tema di FestambienteSud si sposa con Vieste che si prepara ad accogliere gli ospiti nel migliore dei modi, – aggiunge Tano Paglialonga, assessore comunale ai grandi eventi turistici – aiutando a conciliare il relax di una vacanza al mare con un cartellone culturale di grande spessore che soddisfi le curiosità culturali di un pubblico sempre più attento”. FestambienteSud, giunto alla sua XX edizione, sarà sul Gargano dal 17 luglio al 3 agosto 2024. Il festival coltiva il radicamento sul territorio contribuendo a consolidare un vero e proprio itinerario culturale, che ha denominato “Gargano Sacro”, che caratterizzerà la  sua prima parte dal 17 al 28 luglio, curata da Franco Salcuni con la collaborazione di Luciano Castelluccia e Biagio Salcuni, durante la quale altri attesi artisti comporranno il cartellone diffuso del festival prima di giungere a Vieste: Kaos & Dj Craim (17/07), Patrizio & Stefano Fariselli (18/07), Flo (19/07), Alice (20/07), Luigi Rignanese (21-22/07), lo spettacolo Pensieri e Parole, omaggio a Lucio Battisti con Peppe Servillo, Rita Marcotulli, Fabrizio Bosso, Javier Girotto, Furio Di Castri e Mattia Barbieri (23/07), il cammino concerto del Festival Viator con il gruppo Salicornia, e, in serata, Bassolino e Napoli Segreta (27/07), 24 Grana (28/07).

PROGRAMMA SPETTACOLI

FESTAMBIENTESUD 2024
17 luglio | 3 agosto

LE DIMENSIONI DEL BENESSERE
la felicità tra individuo, società e pianeta

17 luglio – Rignano Garganico
ore 21 – concerto - Via Giacomo Matteotti
Kaos & Dj Craim – Fastidio tour
ingresso libero

18 luglio – Rignano Garganico / Masseria Paglicci
ore 20 – cena con Slow Food Gargano e concerto
Patrizio & Stefano Fariselli – Arbeit Macht Frei
ingresso con ticket – accesso alla Masseria esclusivamente con navette

19 luglio – San Giovanni Rotondo
ore 21.30 – concerto - Piazza Santa Maria De Mattias
Flo – Canzoni di sale

20 luglio – Monte Sant’Angelo / Abbazia di Santa Maria di Pulsano
ore 21 – concerto
Alice – Master Songs
ingresso con ticket – accesso all’Abbazia esclusivamente con navette

21 luglio – Monte Sant’Angelo
ore 20.30 – evento spettacolo - Green cave
Inaugurazione della mostra Perfect Partners 20 + 1 = Neruda & Nascimento
parola immagini e cinema
segue lo spettacolo
Luigi Rignanese – Cunti e Meraviglie
ingresso libero

22 luglio – Monte Sant’Angelo
ore 20.30 – evento spettacolo - Via Carlo d'Angiò
Presentazione del libro l’Arcangelo Michele nella letteratura ebraica e cristiana antica
interventi e reading, presente l’autore Renzo Infante
segue lo spettacolo
Luigi Rignanese – Da Radici a Radici
ingresso libero

23 luglio – Monte Sant’Angelo
ore 21 – concerto - Via Carlo d'Angiò
Pensieri e Parole, omaggio a Lucio Battisti
Peppe Servillo, Rita Marcotulli, Fabrizio Bosso, Javier Girotto, Furio Di Castri e Mattia Barbieri
ingresso libero

27 luglio – Mattinata
ore 15,30 - cammino concerto da Monte Sant’Angelo a Mattinata
con le musiche del gruppo Salicornia
tappa del Festival Viator, partecipazione con ticket
ore 21 – doppio concerto - Piazza Santa Maria della Luce
Bassolino – Città Futura
Napoli Segreta
ingresso libero

28 luglio – Mattinata
ore 21 – concerto - Piazza Santa Maria della Luce
24 Grana
ingresso libero

29 luglio – Vieste
ore 21 – concerto – Marina Piccola
Bala Desejo
ingresso libero

30 luglio – Vieste
ore 21 – concerto - Marina Piccola
Marisa Monte – Os maiores successos
ingresso con ticket

31 luglio – Vieste
ore 21 – concerto - Marina Piccola
Ilê Aiyê – 50th anniversary tour
ingresso libero

1 agosto – Vieste
ore 21 – concerto - Marina Piccola
Encontro
Tosca, Paolo Fresu, Chiara Civello, Seby Burgio, Roberto Taufic, Ferruccio Spinetti, Bruno Marcozzi
progetto speciale ideato e coordinato da Chiara Civello
ingresso con ticket

2 agosto – Vieste
ore 21 – concerto - Marina Piccola
Ute Lemper – Ute Lemper canta le poesie d’amore di Pablo Neruda
Evento speciale per la celebrazione dei cent’anni dalla pubblicazione della raccolta Venti poesie d’amore e una canzone disperata di Pablo Neruda, con Editorial Nascimento e Premio Strega Poesia
ingresso libero

3 agosto – Foresta Umbra e Vieste
ore 10 – reading in Foresta Umbra
I Poeti della Foresta
Incontro con i poeti finalisti del Premio Strega Poesia
Con interventi musicali e concerto finale dell’organettista Alessandro D’Alessandro
con la Fondazione Goffredo e Maria Bellonci
ingresso libero

ore 21 –  concerto evento finale a Vieste - Marina Piccola
Celebration day per i vent’anni di FestambienteSud
con concerto di
Inti-Illimani & Giulio Wilson – Agua
ingresso libero


Legambiente circolo FestambienteSud
sede legale e operativa
centro culturale
GREEN CAVE
Via Garibaldi 27
71037 – Monte Sant’Angelo (FG)
tel. 327 7408165 / 349 4597927
mail festambientesud@gmail.com
_____________________________________________________________________________________

L’Acoustic Guitar Village a Cremona Musica 2024 presenta il programma delle masterclass di liuteria e tanti altri eventi sempre in aggiornamento!
 

ACOUSTIC GUITAR VILLAGE
27-28-29 settembre 2024
Fiera di Cremona

Il fantastico trio di bluegrass The Kruger Brothers, il funambolico chitarrista acustico americano Preston Reed, il chitarrista classico Pedro Jesus Gomez e molti altri eventi all’Acoustic Guitar Village, Cremona Musica 2024. Si completa e si estende l'area espositiva!

Continua ad arricchirsi il programma della prossima edizione dell’AGV a Cremona Musica, 27-28-29 settembre, e si intensificano gli eventi e le iscrizioni di liutai e aziende chitarristiche nazionali e internazionali. Tutto fa prevedere una grande edizione 2024 della manifestazione, ormai appuntamento annuale imperdibile per i produttori di chitarre acustiche, classiche e moderne, e di altri strumenti a plettro e pizzico, per la soddisfazione e il piacere di moltissimi appassionati che arrivano per provare i vari strumenti in esposizione e partecipare agli eventi live.

MASTERCLASS DI LIUTERIA
Venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 settembre all'AGV, Cremona Musica, presentiamo la masterclass di liuteria tenuta dai Maestri Liutai MICHAEL BASHKIN (Usa) e JASON KOSTAL (Usa) -"Realizzazione ed inserimento di filetti di spigolo e filetti interni-Efficienza e creatività di un piccolo laboratorio-Controllo della voce (suono) della chitarra" il programma del maestro liutaio Michael Bashkin -"Artigianato e tecnologia-Marketing, branding e creazione di un'attività di successo-Idee e metodi per realizzare la migliore chitarra possibile" il programma del maestro liutaio Jason Kostal. Per maggiori informazioni, i programmi dettagliati e i moduli di iscrizione consultate il sito web.
iscrizioni: info@armadilloclub.org

MASTERCLASS DI PERFEZIONAMENTO PER MANDOLINO
Domenica 29 settembre all'AGV si terranno le masterclass didattica di perfezionamento per mandolino tenuta dal Maestro Carlo Aonzo! Per maggiori informazioni e programma consultate il nostro sito web.
Per iscrizioni scrivere a giulia.alliri@gmail.com - info@accademiamandolino.com


Ultimi giorni anche per partecipare allle selezioni del concorso per emergenti New Sounds of Acoustic Music rivolto a chitarristi solisti fingerstyle, cantautori-chitarristi, band acustiche. Il regolamento e i dettagli su https://acousticguitarvillage.net/cremona-2024/concorso-new-sounds-of-acoustic-music/

Il programma dell’AGV si arricchisce giorno dopo giorno; ecco le novità, sempre in aggiornamento e di cui daremo informazioni attraverso le prossime newsletter e sulle varie pagine del sito  Nell’area espositiva AGV continuano le iscrizioni di liutai e aziende costruttrici e importatrici di chitarre acustiche e altri strumenti a plettro e pizzico, nazionali ed internazionali, inoltre si arricchisce di nuovi spazi dedicati all’Ukulele Village e ad altri attori dell’industria musicale come etichette discografiche, editori, istituzioni, associazioni ed organizzazioni del settore. Nuova area dedicfata a vinili-cd-mirabilia da collezione! Invitiamo liutai ed aziende a procedere con le iscrizioni per ottenere le migliori postazioni nell'area Acoustic Guitar Village. Siamo a disposizione per informazioni dettagliate sugli spazi espositivi 
L’annuale mostra di chitarre storiche sarà sempre curata dai maestri liutai Leonardo Petrucci e Martina Gozzini, mentre il maestro liutaio Lorenzo Frignani presenterà il libro in corso d'opera dedicato alla storica liuteria calabrese De Bonis, con una straordinaria esposizione di strumenti realizzati da Nicola e Vincenzo De Bonis. Sempre presente un'area dedicata agli strumenti etnici dal mondo curata dall'esperto collezionista Bruno Brunetti.. 
Il maestro Francesco Taranto curerà come ogni anno il 7° Convegno “La Chitarra in Italia tra Ottocento e Novecento” con numerosi interpreti, relatori ed esperti, mentre il maestro Roberto Fabbri, chitarrista classico d’eccezione, presenterà le sue attività e i corsi dell’Istituto Superiore di Studi Musicali G.Braga di Teramo da lui diretti.
Cremona Mandolini in Mostra, l’evento dedicato al mondo del mandolino prosegue il successo nelle varie edizioni e presenterà anche quest'anno una serie di appuntamenti culturali e di esibizioni live di ensemble mandolinistiche provenienti da varie città d’Italia, sempre con la direzione artistica del maestro Carlo Aonzo e la collaborazione del maestro liutaio Lorenzo Frignani.
Charango Presente! con esibizioni, esposizione di strumenti e workshop didattici del particolare strumento a corde sudamericano, curato dalla charanguista Monique Mizrahi e dall'organizzazione charango.it
Lo straordinario trio THE KRUGER BROTHERS ospite sui vari palchi in fiera e nei concerti serali all'Auditorium del Museo del Violino e nel cortile Federico II! Si esibiranno anche all'interno dell’Italian Bluegrass Meeting, in programma sabato 28 settembre sul Live Stage e giunto alla 11a edizione sempre con il coordinamento di Danilo Cartia (19 bands per circa 70 musicisti la scorsa edizione!). Jam sessions, performance e workshops per tutta la giornata con divertimento assicurato e cena finale di tutti i partecipanti!
Partners dell’evento saranno sempre la Martin Guitars e la Deering Banjo Company.
PRESTON REED ospite dell'AGV! Ritorna in Italia il fantastico chitarrista acustico americano, funambolico inventore e precursore delle tecniche tapping sulla chitarra acustica.
Ugualmente è confermato il programma di domenica 29 settembre sempre sul Live Stage con la nuova edizione di Corde e Voci d’Autore, la rassegna di cantautori-chitarristi. Il programma è in via di definizione e si annuncia come sempre molto ricco.
Rinnoviamo l’invito ad inviare le proposte per le preselezioni del concorso per emergenti New Sounds of Acoustic Music, seguendo le indicazioni presenti con il regolamento al link https://acousticguitarvillage.net/cremona-2024/concorso-new-sounds-of-acoustic-music/
La finale del concorso, con le tre sezioni che comprendono chitarristi solisti, cantautori-chitarristi e bands acustiche, si svolgerà venerdì 27 settembre sul Live Stage. Premi offerti dalla Taylor Guitars, Acus-sound e altre aziende partners.
L’Open Stage, l’altro importante palco live dell’AGV, presenterà una non stop giornaliera di performance per tutti i giorni della manifestazione, con chitarre acustiche, mandolini, ukulele, charangos pronti a dialogare con fisarmoniche, violini, fiati, pianoforti e altri strumenti presenti nei vari saloni di Cremona Musica. 
SPECIAL NIGHT nell'Auditorium del Museo del Violino la sera di venerdì 27 settembre: in concerto in questo luogo magico alcuni degli ospiti internazionali dell'Acoustic Guitar Village. Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Cremona Musica Downtown, il concerto di sabato sera 28 settembre nello storico cortile Federico II di fronte alla Piazza del Duomo di Cremona, sarà l’occasione per tutti i visitatori ed espositori di partecipare ad una bellissima serata di musica di alta qualità e alla festa celebrativa dell’edizione 2024 dell’AGV a Cremona Musica in pieno centro storico. Il programma, in via di definizione, vedrà la presenza di alcuni degli artisti già citati e altri che interverranno per l’occasione. L’ingresso è libero.
Anche per la domenica 29 settembre è confermato l’evento Cremona Musica Downtown Giovani, che si svolgerà nella piazzetta Goito e prevederà le esibizioni di vari solisti e bands acustiche giovanili con il coordinamento di Massimo Ottini.
"Dipingi la tua chitarra" è l'evento che si svolge durante le esibizioni musicali con la consegna ai ragazzi delle chitarrine in legno da colorare fornite per l'occasione dall'azienda di legnami sonori Ciresa Val di Fiemme.
Nelle prossime settimane il programma si arricchirà sempre di più, per la soddisfazione di noi organizzatori ma soprattutto per favorire ed offrire ad appassionati visitatori e operatori commerciali del settore, siano essi maestri liutai o aziende, occasioni di incontro, contatti e business, tra spettacoli, divertimento e approfondimenti culturali formativi. 
_____________________________________________________________________________________