Festival World e Trad

I principali festival folk, world e trad 


Torna dal vivo il
Premio Nazionale Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana
La 17a edizione dal 27 al 30 luglio a Loano (SV)
«Sguardo a Sud»

Il nuovo progetto A Sud di Bella Ciao, formazione all-star del folk italiano
Premiate due grandi donne della musica tradizionale, Fausta Vetere (Premio alla Carriera) e Laura Parodi (Premio alla Realtà Culturale)
I concerti di Fratelli Mancuso (vincitori del Premio al Miglior Album), Gruppo Spontaneo Trallalero, Musica Spiccia, Setak, Linguamadre, Cabit, Lucilla Galeazzi e molti altri.
Tutti i concerti e gli incontri sono a ingresso gratuito con obbligo di prenotazione


Riparte – finalmente – anche dal vivo, dal 27 al 30 luglio, il Premio Nazionale Città di Loano, il principale riconoscimento in Italia per la musica folk. Nel lungo isolamento dell’anno scorso il Premio non ha interrotto la sua attività di osservatorio permanente sulle musiche di tradizione, e ricomincia nel segno di uno «sguardo a Sud», in un percorso ideale che unisce la Liguria con il Mezzogiorno, il trallalero genovese con la pizzica salentina e la tammurriata. «L’ambizione del Premio Loano è quella di farsi luogo di incontro, di dialogo» dicono gli organizzatori. «L’anno scorso non ci è stato possibile incontrarci, ballare e ascoltare insieme la musica che amiamo. Per questo la nuova edizione è particolarmente attesa, e sarà liberatorio poter finalmente tornare in piazza». «Il fil rouge di quest’anno, Sguardo a Sud», spiega il direttore artistico Jacopo Tomatis «parte dalla constatazione che il territorio che ci ospita, la Liguria, è da sempre culturalmente e geograficamente protesa verso meridione, verso il Mediterraneo. Non può esistere una identità ligure, una musica ligure, se non nel rapporto che Genova e la regione hanno sempre intrattenuto con gli altri porti del Mare Nostrum. I concerti di questa edizione sono tutti legati da queste rotte nord-sud». In cartellone spicca il nuovissimo progetto A Sud di Bella Ciao (29 luglio) vero spettacolo all-star del folk italiano, con Riccardo Tesi, Elena Ledda, Lucilla Galeazzi, Alessio Lega, Gigi Biolcati, Claudio Carboni, Maurizio Geri e – ospite speciale – Mario Incudine. Spazio anche a una rara esibizione dei Fratelli Mancuso (27 luglio). Il loro nuovo disco Manzamà – registrato con la collaborazione di Franco Battiato – è stato unanimemente acclamato dalla critica tra i migliori lavori del 2020 e si è aggiudicato il Premio Loano per il miglior album, scelto dalla giuria di oltre 60 giornalisti specializzati e studiosi. Ci sarà occasione di premiare e presentare anche l’album vincitore dell’edizione dell’anno scorso, Donna, voja e fronna… di UmbriaEnsemble con Lucilla Galeazzi, da un progetto di Piero G. Arcangeli (29 luglio). Ritorna anche il Premio alla Carriera che quest’anno va a Fausta Vetere, anima e cuore della Nuova Compagnia di Canto Popolare, forse la cantante più influente della musica popolare italiana, che ha saputo innovare l’esperienza della NCCP traghettandola nel Mediterraneo della world music. La Liguria sarà rappresentata da Laura Parodi, a cui verrà assegnato il Premio alla Realtà Culturale per il suo lavoro di salvaguardia e divulgazione del trallalero, forma di canto polifonico tipico di Genova – unica donna in una tradizione completamente maschile. Parodi si esibirà con il Gruppo Spontaneo Trallalero e con il Laura Parodi Trio (30 luglio). Saranno inoltre di scena i Cabit, che presenteranno il loro progetto Serenin, dedicato alla ricerca delle reciproche influenze tra Genova e la musica del Mar Nero e dell’Anatolia (28 luglio). Negli ultimi anni il Premio Loano ha puntato molto sui giovani istituendo un premio apposito. Ci saranno dunque i vincitori del 2019 e del 2020, ovvero il cantautore abruzzese Setak (27 luglio) e Linguamadre, con Elsa Martin, Duo Bottasso e Davide Ambrogio, progetto tutto dedicato al Canzoniere Italiano di Pier Paolo Pasolini che proprio a Loano aveva debuttato due anni fa in collaborazione con Premio Parodi e Mare e Miniere (30 luglio). La chiusura dell’edizione 2021, infine, è affidata all’energia della giovanissima big band Musica Spiccia, già vincitrice del Premio Alberto Cesa – Folkest, che racconta di un modo nuovo e fresco di intendere la musica folk (30 luglio). Si conferma anche un ricco programma pomeridiano di incontri, con Cabit, Lucilla Galeazzi e Piero Arcangeli, Laura Parodi ed Edmondo Romano.
Il Premio Loano è organizzato dall'Associazione Compagnia dei Curiosi in collaborazione con l'Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano, con il contributo della Fondazione A. De Mari, il patrocinio della Regione Liguria e dell'ANCI. La direzione artistica è a cura di Jacopo Tomatis. I media partner del festival sono Blogfoolk, Giornale della musica, Radio Popolare.

PROGRAMMA

Martedì 27 luglio 2021
ore 18.00 - Giardino del Principe
IL PREMIO INCONTRA… EDMONDO ROMANO
Edmondo Romano racconta gli strumenti a fiato nelle tradizioni musicali

ore 21.30 – Piazza Italia
SETAK - concerto
Dall’Abruzzo canzoni in dialetto con un’anima folk-blues.
Consegna del Premio Loano Giovani 2019 a Setak

ore 22.30 – Piazza Italia
FRATELLI MANCUSO - concerto
Enzo e Lorenzo Mancuso, maestri del folk siciliano, presentano il nuovo album “Manzamà”, arrangiato da Franco Battiato, Premio Loano 2020 (Squilibri)
Consegna del Premio Miglior Album 2020 ai Fratelli Mancuso

Mercoledì 28 luglio 2021
ore 18.00 – Giardino del Principe
IL PREMIO INCONTRA… CABIT
Presentazione del progetto “Serenin. From the Black Sea to the Ligurian Sea” (Felmay)
Con Filiz Ilkay, Edmondo Romano, Davide Baglietto
Conduce Ciro De Rosa

ore 21.30 – Piazza Italia
CABIT – concerto
La Liguria dialoga con la musica del Mar Nero e dell’Anatolia, fra tradizione e innovazione
Con la presenza di musicisti dalla Turchia

Giovedì 29 luglio 2021
ore 18.00 – Giardino del Principe
IL PREMIO INCONTRA… LUCILLA GALEAZZI E PIERO G. ARCANGELI
Presentazione del disco “Donna, voja e fronna...” (Squilibri) dedicato alla tradizione umbra, di Lucilla Galeazzi, Piero G. Arcangeli e UmbriaEnsemble, Premio Miglior Album 2019.
Conduce Jacopo Tomatis

ore 21.30 – Piazza Italia
A SUD DI BELLA CIAO – concerto
Una all-star del folk italiano – Riccardo Tesi, Elena Ledda, Lucilla Galeazzi, Mario Incudine, Alessio Lega, Claudio Carboni, Maurizio Geri e Gigi Biolcati – alle prese con i classici della musica popolare.
Consegna del Premio Miglior Album 2019 a Lucilla Galeazzi e Piero G. Arcangeli

Venerdì 30 luglio 2021
ore 18.00 – Giardino del Principe
IL PREMIO INCONTRA… LAURA PARODI
Conversazione intorno al trallalero genovese con Laura Parodi, Premio alla Realtà Culturale 2021.
Conduce Jacopo Tomatis

Ore - 18.45 – Giardino del Principe
LINGUAMADRE – ELSA MARTIN, DUO BOTTASSO, DAVIDE AMBROGIO – concerto
Il progetto dedicato al “Canzoniere Italiano” di Pier Paolo Pasolini, in collaborazione con Premio Parodi e Mare e Miniere, torna a Loano dove aveva debuttato nel 2019.
Consegna del Premio Loano Giovani 2020 a Linguamadre

ore 21.30 – Piazza Italia
GRUPPO SPONTANEO TRALLALERO e LAURA PARODI TRIO – concerto
La tradizione di canto genovese guarda al futuro.
Consegna del Premio Realtà Culturale 2021 a Laura Parodi

ore 22.30 – Piazza Italia
MUSICA SPICCIA – concerto
Una big band folk giovanissima e irresistibile, già vincitrice del Premio Alberto Cesa - Folkest, per chiudere il Premio Loano 2021 (Realizzato con i fondi dell’articolo 7 L 93/92).

Tutti i concerti e gli incontri sono a ingresso gratuito; è necessaria la prenotazione, nel rispetto delle normative anti Covid. A breve tutte le informazioni sul sito e sulla pagina Facebook del Premio

____________________________________________________________________________________

COMUNE DI CARREGA LIGURE
Regione Piemonte Provincia di Alessandria


APPENNINO FUTURO REMOTO
Festival di Luoghi, Musiche e Tradizioni

Musiche, luoghi, tradizioni nella modernità questo in sintesi il  Festival AppenninoFuturoRemoto che prenderà il via a Carrega Ligure in alta Val Borbera dal 10 luglio per raccontare un territorio, la sua identità e creare attrattività per rivitalizzarlo.
Fortemente voluto dal Comune di Carrega Ligure  il Festival si avvale della direzione artistica di  di Laura Parodi e Alessandro Guerrini ed è  realizzato grazie ai contributi di Fondazione Cassa di Ri-sparmio di Alessandria, Ente Parco Aree Protette Appennino Piemontese, Rotary Gavi Libar-na e Associazione Gruppo Spontaneo Trallalero,  i patrocini di  Regione Piemonte, UNCEM  e Università di Pavia e numerose  collaborazioni  fra le realtà della valle.
Una  1’ edizione che ha già un’impronta internazionale come ci dice il Sindaco Luca Silvestri:  “L'organizzazione mondiale per la pace Green Legacy  United Nation Institute for Trainingand Research di Hiroshima, ha concesso in affidamento alla comunità di Carrega  un  esemplare di “Albero della Pace” nato dai semi degli alberi sopravvissuti alla bomba atomica di Hiroshima. Sia-mo orgogliosi di esserci riusciti: questo alberello racchiude in sé  il forte senso di Rinascita che si vuole comunicare.  Internazionalità che ci dà anche un testimonial d’eccezione come Carlin Petrini fondatore di Slow Food: “………essere sostenibili, un appellativo che oggi è sulla bocca di tutti, vuol dire impegnarsi per rendere durevoli i beni di cui disponiamo. Far riaffiorare un patrimonio inesti-mabile come i nostri borghi è pratica sostenibile per eccellenza: i miei sinceri complimenti al Festival Appennino Futuro Remoto“
Il via sabato 10 luglio nella piazza della Chiesa di Carrega alle 9,30 per riportare alla luce un antico sentiero in collaborazione con Il Cammino dei Ribelli: chiediamo di portare  un paio di guanti da lavoro e pranzo al sacco. A fine lavoro sarà offerta una Merenda In-Cantata  in cui tutti i partecipanti saranno accompagnati alla scoperta di canti popolari tradizionali.
Domenica 25 luglio nell’area suggestiva del Castello di Carrega alle 10,30 cerimonia di affidamento dell’  “Albero della Pace”. Ci si sposterà  quindi nel sottostante Prato Pussai per l’inaugurazione, alle 11,15, dell’area espositiva  dove per tutto il giorno si potranno trovare prodotti di vario genere: alimentari,  liuteria,  libreria indipendente, associazionismo. 
“E pan poule….e sembrano parole ”:  registreremo dalla viva voce del pubblico modi dire e parole dialettali che saranno  raccolte e presentate  a settembre a conclusione del Festival per un confronto sulle influenze nei dialetti. 
“Incontri e confronti”  è lo spazio dove alle 11,45 sarà presentato il romanzo di Gianluigi Mignacco “L’equilibrio dei sassi”, ambientato proprio a Carrega e nel pomeriggio scopriremo strumenti musicali come  la musa dell’appennino con Daniele Bicego, la ghironda con Sergio Berardo e l’organetto diatonico con Dino Tron. 
Ettore Losini Bani ci svelerà i segreti per costruire  il piffero lo strumento principe dell’area delle 4 province: che legno scegliere? come fare le ance? 
Per tutto il giorno adulti e bambini potranno metter “Le mani al centro” cimentandosi con il tornio e lavorare la ceramica guidati da Patrizia Fabris. 
Chi cucinerà per il pubblico del Festival? Lo chef  Massimo Martina ha pensato ad un pranzo con prodotti locali e, ci dice Laura Parodi, “abbiamo pensato di aggiungere un contorno speciale degno del suo menù  “I canti intorno al tavolo” con Chacho Marchelli.  E avremo anche altri musicisti specializzati nei repertori delle 4 province: Stefano Faravelli, Fabio Paveto”
I curatori del restaurato Mulino di Magioncalda esporranno e daranno dimostrazione di uso di trebbiatrice e ventilatore.
Alle 17,30 dal palco principale dopo i saluti del Presidente Ente Parco Appennino Aree Protette Piemontese Danilo Repetto, Maurizio Carucci  leggerà “Benvenuti in Appennino” e per chiudere gran concerto dei Lou Dalfin il gruppo di punta europeo della musica occitana.
Il Festival raggiungerà  Berga  domenica 1 agosto dove dalle ore 15,00 si potrà visitare il restaurato Mulino camminando lungo il bellissimo percorso didattico e alle 17,00 presso il Pala Berga il concerto di uno dei gruppi di musica tradizionale più  longevi, i quattro strepitosi musicisti del Gruppo Emiliano e a seguire “AperInCanto” un aperitivo accompagnato da stornelli, canti e suonate di cui i quattro musicisti sono maestri.
L’ultimo appuntamento domenica 12  settembre  a  Connio di Carrega Sala Scagneletti dove ci sarà alle  16,00 la presentazione del video “E pan poule….e sembrano parole”  di Massimo Gresonti che sarà seguito dall’incontro su “La forza delle parole: dialetti a confronto ” con il direttore della Rete Italiana di Cultura popolare Antonio Damasco:   “la parola Tradizione porta in sé anche la parola Tradire in quanto anche ciò che sembra immutabile in realtà è in continuo divenire. Le parole, essendo espressione dei sentimenti umani, hanno un impatto ben più forte di quello che normalmente si ritiene” 

Ingresso gratuito chiediamo solo di portare un libro che sarà donato alla biblioteca locale.

Info: appenninofuturoremoto@gamail.com 
tel 3703110014 - 3474757932
_____________________________________________________________________________________


ORIENTOCCIDENTE 2021
culture e musiche migranti
diciassettesima edizione #festivalmutevole
 
“ché, per quanti si dice più il ‘nostro',
tanto possiede più di ben ciascuno”.
[Dante Alighieri, XV Purgatorio]

[PRATOMAGNO BLUES]
> MODINE’S HOWL SONGBOOK in concerto
con STEFANO DONATO (voce). ARLO BIGAZZI (basso). MARCO FURELLI (chitarra).
domenica 1 agosto . Modine - Loro Ciuffenna (AR) . Circolo ARCI

[E QUINDI USCIMMO A RIVEDER LE STELLE]
> GIORGIO COLANGELI recita DANTE ALIGHIERI
con TOMMASO CUNEO (chitarra, mandolino).
martedì 3 agosto . San Giovanni Valdarno (AR) . Piazza Masaccio

[SULLE ALI DI CHAVELA]
> LETIZIA FUOCHI in concerto
con LETIZIA FUOCHI (voce, chitarra). FRANCESCO FRANK CUSUMANO (chitarra). 
ORETTA GIUNTI ( percussioni, guitalele, cori). ETTORE BONAFE’ (percussioni).
martedì 10 agosto . Figline E Incisa Valdarno (FI) . Arena Teatro Garibaldi


[ L’AMOR CHE MOVE. UN VIAGGIO CON DANTE]
> LA BANDA IMPROVVISA con SARA DONZELLI
e con RUBEN CHAVIANO (violino). GIAMPIERO BIGAZZI (nacchere, tamburone). SERGIO ODORI (pecussioni). 
e la FILARMONICA G.VERDI DI LORO CIUFFENNA. Direzione di ORIO ODORI. Regia di GIORGIO ZORCU’.
giovedì 26 agosto . Loro Ciuffenna (AR) . Giardino della Pieve di Gropina
[produzione Materiali Sonori - Accademia Mutamenti]

[GREETINGS FROM SGV - 35th ANNIVERSARY]
> WIM MERTENS in concerto
lunedì 30 agosto . San Giovanni Valdarno (AR) . Piazza Masaccio

[POST-ORIENTOCCIDENTE > ROCK IN MACELLERIA]
> ANDREA PARODI ZABALA - MASSIMILIANO LA ROCCA & Friends
domenica 19 settembre . Piandiscò (AR) . Macelleria Buccianti Giulio – ore 18

LA NOSTRA MEMORIA INQUIETA – VII edizione – Film in pellicola
IL CINEMA DI STANLEY KUBRICK– piazza Cesare Battisti
San Giovanni Valdarno . 5 - 12 - 19 - 26 luglio, 4 - 11 - 18 agosto 
prenotazioni: Proloco di San Giovanni Valdarno tel. 055.2126268 – info@prolocosangiovannivaldarno.it

INGRESSO LIBERO 
inizio eventi: 21.30 (dove non è specificato diversamente)
POSTI LIMITATI > PER PRENOTARE: 055.9120363 - 377.4494360

dedicato a Enrico Greppi e a Luciano Del Sette

Materiali Sonori
progetto di Giampiero Bigazzi
  
Regione Toscana (forse)
Comuni di San Giovanni Valdarno. Pontassieve. Terranuova Bracciolini. Figline E Incisa Valdarno. Loro Ciuffenna. Cavriglia. Bucine. 
con il patrocinio del Comune di Castelfranco Piandiscò e di Città Metropolitana di Firenze e Provincia di Arezzo
con il sostegno di UNICOOP FIRENZE - sezione soci Montevarchi, San Giovanni Valdarno, Figline Valdarno/Rignano sull’Arno, Valdisieve.
PUBLIACQUA - BANCA DEL VALDARNO CREDITO COOPERATIVO - BETADUE ONLUS - ULLI ULLI - BRAHMS STRUMENTI MUSICALI
l’adesione di ARCI Valdarno, Rete dei Festival, Materiali Sonori Edizioni Musicali
il supporto di Cooperativa Diesis Teatrango, Cooperativa Agricola Paterna, Filarmonica G.Verdi di Loro Ciuffenna, Associazione Dritto E Rovescio, Edizioni Aska, Associazione Tucano, Accademia Mutamenti, Pro Loco San Giovanni Valdarno.
  
Orientoccidente sostiene i progetti della Fondazione Il Cuore Si Scioglie.
 
_____________________________________________________________________________________

NOTTE DELLA TARANTA 2021 
 MADAME e MELOZZI MAESTRI CONCERTATORI

 FESTIVAL ITINERANTE – 22 TAPPE e 35 CONCERTI in PUGLIA
 
IL CONCERTONE
Madame, la nuova Voce libera della musica italiana simbolo della Generazione Z e Enrico Melozzi, il direttore d’orchestra che ha sbancato Sanremo con i Måneskin,  sono i maestri concertatori della Notte della Taranta 2021. Madame e Melozzi dirigeranno lo spettacolo in programma il 28 agosto a Melpignano in Puglia  che sarà trasmesso per la prima volta da RAI 1,  il 4 settembre alle 22:30. Una nuova sfida di ricerca musicale per la Fondazione Notte della Taranta che per l’edizione n. 24 del Concertone punta alla commistione tra linguaggio popolare e urban rock portando i brani della tradizione alla ricerca di inclusione e fluidità. Tema del Concertone 2021 è:  il valore della libertà. Ecco le motivazioni della scelta di Fondazione Notte della Taranta: Madame è simbolo di una generazione fluida, in grado di sintetizzare in maniera personale temi ed influenze più disparate, riflettendosi in un specchio volutamente rotto nel quale scoprire ogni volta una nuova immagine di sé. Il dialogo con lei porterà l’Orchestra Popolare a confrontarsi con la bellezza della sua musica e del suo linguaggio in equilibrio tra poesia e realtà. Melozzi è uno dei direttori d’orchestra più qualificati in Italia. Nella sua attività ha favorito il palcoscenico aperto, i progetti condivisi con compagnie, artisti, operatori, spazi indipendenti per sperimentare una progettazione partecipata nei luoghi di formazione e autoformazione, come il Teatro Valle, in cui l’accesso ai saperi e la qualità sono garantiti a tutti. La direzione artistica del Concertone, dopo la scomparsa di Daniele Durante, è stata affidata all’Orchestra Popolare.
 
IL FESTIVAL
Il Concertone è la tappa finale del Festival itinerante che torna nelle piazze di Puglia dal 4 al 26 agosto e ospiterà 35 concerti e la festa per il trentennale dei Sud Sound System. Si parte il 4 agosto da Corigliano d’Otranto con l’omaggio dell’Orchestra Popolare a Daniele Durante, e poi Nardò, Alberobello, Alessano,  Sogliano Cavour, Cursi, Taranto, Calimera, Carpignano Salentino, Lecce,  Nociglia, Racale, Ugento, Cutrofiano, Zollino, Castrignano de’ Greci, Galatina, Martignano, Soleto, Sternatia, e il 26 agosto si chiuderà a Martano. Il Festival sceglie le periferie di due grandi città per portare la musica nella bellezza dei desideri di migliaia di persone che ci abitano. Protagonista l’ORCHESTRA POPOLARE NOTTE DELLA TARANTA che sarà a Lecce il 13 agosto nel cuore della zona 167, in via Novara,  e il 10 agosto nell’area mercatale della borgata di Talsano a Taranto. “Torniamo ad incontrare il pubblico, nonostante i tempi non siano del tutto favorevoli, per sostenere il comparto della musica popolare duramente colpito dal Covid e fare il pieno di energia positiva, fonte primaria della creatività popolare”,  ha commentato Luigi Chiriatti, direttore artistico del Festival. Appuntamento tra i più attesi dell’estate pugliese, il Festival si conferma il grande palcoscenico diffuso per la promozione della cultura popolare italiana e strumento di crescita per i giovani talenti.
 
CONCERTI
Ospiti dei Concerti Ragnatela saranno i protagonisti della scena musicale popolare italiana: Eugenio Bennato, Ambrogio Sparagna e Davide Rondoni, Riccardo Tesi & Banditaliana, Tony Esposito, CGS Canzoniere Grecanico Salentino, Antonio Castrignanò, Antonio Amato Ensemble, Orchestra Popolare Italiana, Mascarimirì, Redi Hasa,  Raffaello Simeoni, Enza Pagliara, (con  Dario Muci, Emanuele e Roberto Licci, Fabrizio Saccomanno, Marco Bardoscia, Marco Tuma), Officina Zoè, Kamafei, Rocco Nigro, Enzo petrachi, I mandatari, Alla Bua, Stella Grande, Sorelle Gaballo, Briganti di terra d’Otranto, Claudio prima & SE.ME, Coro Popolare di Terra  d’Otranto, Li Strittuli.
 
CONCERTI ALTRA TELA. 
L’Altra tela delle donne è la sezione del Festival dedicata al contributo della donna nella musica popolare e ospiterà Nada, Teresa De Sio, Lucilla Galeazzi,  Maria Mazzotta,   Elena Ledda,  Faraualla. Un viaggio musicale al femminile incentrato sulla ricerca della musica popolare mediterranea che crea un canale di comunicazione tra passato e presente, mescolando insieme suggestioni colte e popolari.
 
30 ANNI DI SUD
La Notte della Taranta celebra i trent’anni di attività dei Sud Sound System, la formazione leader sul fronte del reggae in Italia. A Nardò il 5 agosto in piazza Salandra, arriva la musica dai contenuti forti che nel corso degli anni ha contribuito nel Salento alla presa di coscienza sui temi dell’ambientalismo, dell’immigrazione e della condivisione. Ospiti in quattro edizioni del Concertone nel 2005, 2008, 2010 e 2011 i Sud Sound System  tornano ad incontrare il pubblico della Taranta.
 
DANTE 2021
Nell’anno del settecentenario dalla morte di Dante Alighieri, il festival propone il 21 agosto a Castrignano de’ Greci,  il progetto musicale di Ambrogio Sparagna e Davide Rondoni, La Bandadante - Commedia dei Vivi, dei Morti e dei Tipi Danteschi con i solisti dell’Orchestra Popolare Italiana dell’auditorium Parco della Musica di Roma. Lo spettacolo è un omaggio a Dante e al suo viaggio d'amore e di mistero utilizzando nel concerto le terzine della sua poesia e cantandole nello stile della tradizione popolare degli Appennini. Il 25 agosto a Sternatia, Aldo Cazzullo, presenterà a Riveder le stelle, il romanzo sulla Divina Commedia e sulla nascita della nostra identità nazionale. La serata sarà aperta dalla lettura dei versi in grico, la lingua minoritaria dell’area ellenofona del  Salento.
 
SENZA CONFINI
A Castrignano de’ Greci il 21 agosto il festival ospita Senza Confini – Ebrei e zingari di  Moni Ovadia. Un  recital di canti, musiche, storie rom, sinti ed ebraiche che mettono in risonanza la comune vocazione delle genti in esilio. Moni Ovadia sul palco con Paolo Rocca (clarinetto), Albert Florian Mihai (fisarmonica),  Marian Serban (cimbalo) e Petre Naimol (contrabbasso) portano in scena uno spettacolo che nella sua forma si iscrive nella musica e nel teatro civile, nelle arti rappresentative e comunicative.
 
LE PAROLE DEL FESTIVAL
 
FARE CULTURA AL SUD  è il tema del dibattito,  in programma a Martano il 26 agosto. Ospiti:  Massimo Bray, Assessore alla cultura, tutela e sviluppo delle imprese culturali, Turismo, Sviluppo impresa turistica della Regione Puglia e Angelo Mellone, scrittore e vice direttore di RAI 1.

DE FINIBUS TERRAE – TERRA FINESTRA è il titolo dell’approfondimento proposto dal Festival ad Alessano il 7 agosto,  in collaborazione con la Diocesi di Ugento - Santa Maria di Leuca. Il direttore nazionale di Migrantes Don Giani De Robertis, la responsabile dell’alto Commissariato dell’Onu per i Rifugiati in Niger Alessandra Morelli e il vescovo mons. Vito Angiuli,  incontreranno la famiglia Killeh da Aleppo. Modererà l’incontro il direttore della comunicazione sociale della CEI Vincenzo Corrado.
Il 16 agosto a Racale con  Omero in Italia. Miti ed eroi dei tempi che la Grecia era in Puglia, e viceversa, Dario Vergassola e David Riondino che ci portano nella Magna Grecia. Ulisse, Achille, i viaggi fantastici dei marinai di Luciano, ritornano nei testi classici in uno spettacolo dove le parole sono protagoniste di letture e commenti ironici, in una narrazione nuova e ricca di improvvisazione.
Spazio alla poesia nella tappa di Soleto il 24 agosto con Franco  Arminio. Autodefinitosi “paesologo”, Arminio racconterà i piccoli paesi descrivendo con estrema realtà la situazione soprattutto nel Mezzogiorno d’Italia.
 
INSTALLAZIONE
L’installazione Lu Tamburrieddhu miu jè de Nociglia – I tamburelli di Mesciu Ninu, farà conoscere al pubblico alcuni strumenti a percussione realizzati dall’artigiano di Nociglia per lunghi anni i più ricercati dai cantori della tradizione.  Giovanni Sancesario era una delle personalità più emblematiche del mondo popolare salentino, ultimo custode di un sapere antico che ancora viaggiava sui sentieri dell’oralità. Una mostra che racconta una storia lunga un secolo,  dalla tamborra ai tamburelli, passando per i setacci. Dai primi tamburelli realizzati quando Mesciu Ninu era ancora un ragazzino, negli anni ’40, sino agli ultimi costruiti ascoltando le necessità artistiche dei suonatori.
 
DANZA
Con Pizzica in scena il Corpo di Ballo Notte della Taranta proporrà 2 coreografie create per lo scenario naturale all’aperto nel cuore dei centri storici: a Corigliano d’Otranto sulle terrazze del Castello e sui balconi di  Nardò. Inedito lo spettacolo di danza Pizzica Pizzica in programma a  Ugento. Il Festival nel 2021 propone 9  laboratori di pizzica aperti al pubblico nelle tappe di Corigliano d’Otranto, Galatone, Ugento, Alberobello, Taranto, Carpignano, Lecce, Martignano, Galatina.  Si tratta di workshop affidati ai danzatori de La Notte della Taranta. 
 
IL CIBO DELLA TARANTA
Spazio anche al  Il Cibo della Taranta, la sezione dedicata al recupero delle risorse agricole di tradizione e al ruolo delle economie locali di comunità. Nella tappa di Zollino approfondimento sui grani antichi, le farine e i pani della tradizione con Gino L. Di Mitri, Nunzia Melcarne e Francesco  Giannachi.

ACCESSO AL FESTIVAL
Saranno predisposte tutte le misure indispensabili per garantire la sicurezza del pubblico, degli artisti, degli operatori. L’accesso del pubblico alle serate del Festival itinerante avverrà nel rispetto assoluto delle norme antiCovid. Potranno accedere solo coloro che saranno muniti di Green PASS o di certificazione di tampone negativo, effettuato massimo nelle 48 ore precedenti. In tutte le piazze saranno allestiti i posti a sedere, distanziati di almeno un metro, a quali si potrà accedere sino al loro esaurimento.

Il Festival è un progetto della Fondazione La Notte della Taranta, Regione Puglia, Comuni della Grecìa salentina e Istituto Diego Carpitella.
 
Direzione artistica Festival: Luigi Chiriatti
 
MAIN SPONSOR: D.M.J. GRUPPO DE MARIANI
 
Hashtag ufficiali: #taranta24 #WeAreinPuglia
_____________________________________________________________________________________

La Grande Festa del Liscio
LA LUNGA STORIA D’AMORE TRA SECONDO CASADEI, FORLÌ E LA ROMAGNA


Forlì • Piazza Saffi • Sabato 4 e Domenica 5 Settembre 2021 
Sabato 4 Settembre Dalle Ore 19 Alle Ore 24 
Domenica 5 Settembre Dalle Ore 17 Alle Ore 22 
_____________________________________________________________________________________

Alkantara Fest 2021
International folk and world music festival – XVII edition
Pisano, Zafferana etnea (Ct)

Alkantara Fest, la Sicilia è la casa del folk  e della world music internazionale
Dal 16 luglio al 3 agosto - tra Zafferana, la frazione di Pisano e Catania - si svolgerà la XVII edizione del festival internazionale di folk e world music organizzato dall’Associazione culturale Darshan e diretto da Mario Gulisano
Tra gli ospiti Tosca, la Sicily Folk Orchestra, i greci Kourelou, i turchi Seyyah, 
i salentini Kalascima, gli ungheresi Santa Diver

Si riparte. Più coraggiosi, determinati e rampanti che mai. Torna anche quest'anno l'immancabile appuntamento con Alkantara Fest, il festival internazionale di folk e world music edizione XVII, come sempre organizzato dall’Associazione culturale Darshan. Il festival diretto artisticamente da Mario Gulisano - tra i pochi in Sicilia ad avere realizzato anche in piena pandemia l'edizione 2020 -  e che da anni ha eletto a quartiere generale Pisano, la frazione di Zafferana Etnea, quest'anno si annuncia ancora più lungo, ricco, festoso e green delle precedenti edizioni.
L’Alkantara Fest, l'unica realtà siciliana dedita al folk e alla world music in continuo dialogo con i più importanti festival europei dello stesso genere e riconosciuta a livello internazionale, quest'anno si supera migliorando ancora, qualora fosse possibile, l'offerta musicale e lo standard qualitativo, abbracciando una politica ecosostenibile che significa cibo a Km zero e stoviglie riciclabili o compostabili.
Il festival vero e proprio si svolgerà come sempre a Pisano, dal  29 luglio all'1 agosto, ma sarà preceduto da due importanti concerti - uno d'anteprima ed un evento speciale – mentre a seguire ha previsto due serate “off” ed una grande festa di chiusura. Il tutto dal 16 luglio al 3 agosto. 
Un festival che si propone di far conoscere e diffondere una cultura musicale “altra”, con l’obiettivo di creare un legame forte tra la Sicilia - storicamente melting pot di stili, influenze, razze e culture - e le tradizioni popolari del mondo, non poteva che affidare il concerto d'anteprima, venerdì 16 luglio alle ore 21 all'Anfiteatro Falcone Borsellino di Zafferana Etnea, alla Sicily Folk Orchestra (ingresso libero con prenotazione), l'orchestra popolare nata con l'intento di riscoprire, riproporre e promuovere le tradizioni musicali siciliane, rigenerando e valorizzando il repertorio della musica popolare dell’isola, di cui sarà ospite per una sera Pippo Barrile, la storica voce dei primi Kunsertu.
Ad una anteprima così scoppiettante non poteva che succedere un evento speciale che ha dello straordinario: mercoledì 28 luglio alle ore 21 Tosca sarà all'Anfiteatro di Zafferana Etnea, per la prima data siciliana di “Morabeza” (prevendite su BoxOffice Sicilia www.ctbox.it). Con questo progetto che contiene canzoni originali e rivisitazioni di classici della musica dal mondo cantate in quattro lingue diverse, l'artista romana conclude il suo lungo viaggio attraverso i paesi del mondo, nel corso del quale ha incontrato grandi artisti.
E se Tosca per una sera ci delizierà con le musiche del mondo, quello stesso mondo (o quantomeno i suoi eredi) da giovedì 29 luglio a domenica 1 agosto arriveranno a Pisano, dove sono attese formazioni da Turchia, Gran Bretagna, Ungheria, Francia, Polonia, Messico e Danimarca, solo per citarne alcuni. Quattro giorni in cui la piccola frazione di Pisano - che grazie all'Alkantara Fest ha ritrovato e rifondato lo spirito identitario della sua comunità - si trasformerà in un piccolo villaggio internazionale dove sono attesi anche i 22 partecipanti ad Ethno Sicily, il campus internazionale di musica folk riservato a giovani musicisti della rete Ethno World che nei giorni di Alkantara Fest hanno l'opportunità di confrontarsi con altri coetanei appassionati di musica, partecipando a session didattiche e costruendo un concerto entrato ormai a far parte della programmazione del festival, che si aggiungono ai 14 volontari che hanno deciso di vivere l'esperienza del festival “da dentro” e non da semplici spettatori. 
Musica ovviamente, ma anche yoga, workshop, danze popolari, escursioni, spettacoli e laboratori anche per i più piccoli. Le giornate di Alkantara Fest si aprono con granita, brioches e sottofondo musicale, al Bar Etna di Pisano, e proseguono, come di consueto, tra Sotto i Pini e l'Azienda agricola Il Pigno - quest'anno per la prima saranno collegati internamente da una stradina pedonale - che da anni sono i palcoscenici green di Alkantara Fest.
Il festival prenderà ufficialmente il via giovedì 29 luglio alle ore 18 (ingresso libero su prenotazione) a La Cisternazza di Pisano, l'area che ospita l'antica cisterna del villaggio, posizionata proprio a fianco della chiesa e a cui si accede da un arco in pietra, dove di esibirà la O.R.P.S., l'Orchestra Rete Permacultura Sicula, formazione composta da polistrumentisti, per lo più dilettanti, mossi dalla voglia di divertirsi, di imparare insieme e dal desiderio di fare ricerca sui canti legati alla terra e al lavoro. Perché loro, i componenti dell'Orchestra Rete Permacultura, la terra la lavorano veramente, come i nostri avi. La O.R.P.S. riporta dunque la musica al suo concetto e ruolo originario, quello dei nostri nonni, antico centinaia di anni: la musica come puro intrattenimento e non come spettacolo; la musica come svago, per tutti e suonata da tutti, dopo il lavoro; la musica come strumento ricreativo e sociale, aggregante di una comunità.
La prima serata di Alkantara Fest si apre alle ore 21 a Il Pigno con il concerto dei finlandesi Frigg, la più alta espressione sulla scena internazionale del violino nordico e che pur avendo in formazione alcuni dei maggiori talenti de folk finlandese, ha creato un genere personale, il Nordgrass, un gioioso mix di folk nordico e bluegrass americano frutto delle influenze e delle culture incontrate nei viaggi in tutto il mondo. La serata prosegue alle ore 22.30 a Sotto i Pini con il live della formazione greca Kourelou che riflette l’immagine ampia, complessa e colorata della musica greca tradizionale, e si concluderà con la “Tarantella Night”.
La seconda giornata di Alkantara Fest, venerdì 30 luglio, si apre con la colazione al Bar Etna sulle note del chitarrista catanese Daniele Coco che mentre gli astanti si godranno granite e brioche, li delizierà con delle improvvisazioni di free jazz, e prosegue alle ore 17.30 a Sotto i Pini con il primo workshop di Roberto Pesce dedicato alla mazurka francese. A sera il concerto del gruppo turco Seyyah (ore 21 a Il Pigno), composto da musicisti di respiro internazionale che portano ad Alkanatara Fest un vasto repertorio folk frutto di un lungo viaggio di esplorazioni musicali, riscalderà la serata che si annuncia irresistibilmente “danzareccia” con il live dei Cheffolk (ore 22.30 Sotto i Pini), trio salernitano che trae la massima gioia nel dare energia e divertimento a chi vuole ballare e sorridere con un circolo circasso, una chapelloise o una Bourrée, ma anche nell’accompagnare abbracci delicati con le melodie sognanti di una mazurka francese. La serata si conclude all'insegna del ritmo con la “Balkan night”.
Nonostante le notti brave, ad Alkantara Fest c'è chi si sveglia comunque presto, soprattutto se c'è da partecipare alle lezioni di yoga di Caterina Allegra di Sicilyoga accompagnata dalle note del tabla di Riccardo Gerbino che, dopo il successo delle scorse edizioni, viene riconfermato anche quest'anno nella giornata di sabato 31 luglio alle ore 9 (Sotto i pini, ingresso libero su prenotazione). Dopo la colazione al Bar Etna dove dalle ore 11 si esibirà Beija Flor, giovane duo composto dalla catanese Alessandra Pirrone e dall'italo-inglese Giulio Matheson, mentre nel pomeriggio (ore 17.30 Sotto i Pini) è previsto il secondo workshop di balfolk tenuto da Roberto Pesce, questa volta dedicato al bourrée, danza popolare francese di gruppo. 
Il concerto d'apertura della giornata di sabato è affidato ai Kalascima (ore 21, Il Pigno), sei virtuosi musicisti del profondo Salento, cresciuti suonando e cantando le melodie e i ritmi ipnotici del magico rituale della Taranta, ma che hanno “reinventato” la tradizione con un mix di elettronica, beat lisergici, melodie originali e atmosfere folk delle proprie origini: dialetto salentino, inglese e griko, creando un ponte immaginario tra la musica pugliese e la scena internazionale. La serata prosegue poi a Sotto i Pini dove alle 22.30 si esibirà l'orchestra multietnica di Ethno Sicily, progetto che fa parte del network mondiale di ong culturali Jeunesses Musicales International per il folk, la world music e la musica tradizionale, rete nata nel 1990 per dare ai giovani e giovanissimi l’opportunità di crescere grazie alla musica in giro per il mondo, oggi presente in oltre 30 paesi. La serata si conclude con una selezione di vinili a cura di Jako. 
Anche quest'anno Alkantara Fest si conferma un evento multidisciplinare che coniuga alle sonorità internazionali tutta una serie di attività ludiche, escursionistiche e ricreative che cambiano ogni anno e ogni anno riscuoto grande successo. L'appuntamento che invece non cambia mai è quello che vede protagonista l'Etna e l'escursione organizzata da Anima Munti nella giornata conclusiva di Alkantara Fest, domenica 1 agosto (prenotazioni al nr 3495636915). 
L'ultima giornata di festival si apre a colazione con il live della folksinger Kyara Garozzo (alle ore 11 al Bar Etna di Pisano) e prosegue nel pomeriggio a Sotto i Pini con due attività dedicate ai più piccoli: alle ore 17.30 si terrà il workshop “KidImpro” sull'improvvisazione corporea tenuto da Stefania Milazzo rivolto a famiglie con bambini (dai 2 ai 7 anni), mentre alle ore 19.30 è in programma lo spettacolo di marionette di cartapesta “Cartour” di Cartura. 
La serata musicale sarà aperta dagli ungheresi Santa Diver (Il Pigno, ore 21), formazione fondata  dalla violinista jazz Luca Kézdy e dal polistrumentista David Szesztay (al basso) ai quali si è aggiunto il batterista David Szegő. La personalità dei tre musicisti crea una dimensione musicale unica e originale, in un dinamico crocevia tra jazz, world e free music. La serata prosegue con il live del gruppo turco-danese Aysay (ore 22.30 Sotto i Pini) di cui è leader la cantante e suonatrice di saz Luna Ersahin che, con una madre danese e un padre curdo, ha una voce che risuona come un unicum composto da due metà diverse. La serata si conclude con musica. 
Tutto finito? Assolutamente no. Quest'anno Alkantara Fest prosegue ancora per tre giornate con alcuni appuntamenti “off”, spostandosi dal quartier generale di Pisano. 
Lunedì 2 agosto “Alkantara off” propone a Catania, da Gammazita, il concerto dei Sukarije, quartetto di ispirazione bulgara che collega la musica tradizionale balcanica a quella mediorientale. Sempre per “Alkantara off” martedì 3 agosto si torna a ballare, ma questa volta nella piazza di Fleri (frazione di Zafferana Etnea), con il quartetto palermitano Le Matrioske che proporrà un repertorio da ballo che spazia dalle antiche ed effervescenti sale da ballo siciliane ad un balfolk europeo tinto di sonorità mediterranee. 
Infine, martedì 10 agosto, si conclude a La Terra di Bò di Viagrande con “Alkantara Party”, una grande festa di chiusura con tanti ospiti, organizzata all'insegna del buon cibo, della buona musica e del buon vino. 
 
Informazioni generali
Alkantara Fest 2021
Informazioni e prenotazioni https://www.alkantarafest.it/
Anfiteatro comunale Falcone Borsellino, via della Montagna, 2- Zafferana Etnea
Azienda agricola Il Pigno/Pisano – Zafferana Etnea 
B&B Sotto i Pini, via Armando Diaz, 208 Pisano – Zafferana Etnea 
Gammazita, piazza Federico di Svevia, 92 – Catania
La Terra di Bò - Villa Di Bella, via Giuseppe Garibaldi, 298 – Viagrande 

Biglietti
Evento speciale, Tosca all'Anfiteatro Falcone Borsellino: intero € 25 / ridotto € 22.50 +dp
Ingresso a n. 2 live nella stessa serata: intero € 10 / ridotto € 7
Ingresso world stage/Il Pigno: intero € 8 / ridotto € 5
Ingresso folk stage/Sotto i Pini: € 5
Workshop: € 10 - Escursione: € 15
Yoga: ingresso libero
Riduzioni: studenti, over 65, residenti nel comune di Zafferana Etnea, bambini fino a 10 anni compiuti
_____________________________________________________________________________________

LAC en plein air
6 luglio – 10 settembre 2020


Il LAC torna ad essere il luogo in cui incontrarsi per ascoltare musica, vedere teatro, seguire incontri e conversazioni, assistere a spettacoli di danza. LAC en plein air, la rassegna estiva del centro culturale della Città di Lugano, festeggia i suoi primi quattro anni di vita, proponendo due mesi di visioni e ascolti di qualità; un palinsesto di oltre trentacinque appuntamenti, che ospiterà sia artisti cari al LAC sia volti nuovi per la scena ticinese, grandi protagonisti della danza contemporanea, musicisti provenienti da tutto il mondo. L’edizione 2021 offre un palinsesto con molti ingredienti: concerti di musica classica e contemporanea, incursioni nelle sonorità del mondo, spettacoli di teatro e danza, incontri con artisti e curatori, eventi e attività dedicati alle famiglie.

Giovedì 22 luglio 21:00
Agorà
Blackstar. Lettere a David Bowie
Giovanni Falzone Mosche Elettriche

Venerdì 23 luglio 21:00
Agorà
Violons Barbares

Sabato 24 luglio 21:00
Agorà
L’anno che verrà. Canzoni di Lucio Dalla
Girotto/Manglaviti/Servillo

Giovedì 29 luglio 21:00
Agorà
Clamor
Maria Arnal / Marcel Bagés

Venerdì 30 luglio 21:00
Agorà
Duo Ruut
Katariina Kivi / Ann-Lisett Rebane

Sabato 31 luglio 21:00
Agorà
Musica Mediterranea Immaginaria
Raiz / Radicanto

Giovedì 05 agosto 21:00
Agorà
Amore Amaro
Maria Mazzotta

Venerdì 06 agosto 21:00
Agorà
Paolo Angeli e Marco Mezquida

Sabato 07 agosto 21:00
Agorà
Talismàn
Marco Mezquida

_____________________________________________________________________________________

MAMA AFRICA MEETING 2021
LE ARTI E LE CULTURE AFRICANE SI RIUNISCONO A CHIANCIANO TERME (SI)
 
È tutto pronto per l’atteso ritorno del MAMA AFRICA MEETING (MAM) il principale festival europeo dedicato alle musiche e alle danze dell’Africa Occidentale organizzato dall’Associazione Mama Africa Meeting - Incontro e Cultura. La dodicesima edizione del MAM è alle porte e si svolgerà per la prima volta nel magnifico contesto naturale del Parco Fucoli di Chianciano Terme (SI), dal 28 luglio al primo agosto. Dopo tre anni di stop forzati, complice anche la pandemia di Covid-19 è finalmente ora di tornare a ballare, suonare e gioire a ritmo delle percussioni grazie a un ricco programma di laboratori artistici con ben 350 ore di formazione articolate in oltre 90 workshop (canto, percussioni, strumenti melodici e danze) guidati da 46 artisti (provenienti da Burkina Faso, Camerun, Costa d’Avorio, Francia, Guinea, Italia, Mali e Senegal) che nei 5 giorni del meeting coinvolgeranno giovani provenienti da tutta Italia e da diversi paesi Europei. In assenza di spettacoli serali per evitare eventuali assembramenti, verrà posta in evidenza la didattica con una serie di approfondimenti volti ad arricchire il bagaglio di esperienze professionali rivolto alla tecnica-afro nella musica così come nella danza. Gli approfondimenti socio-culturali saranno affrontati nell’area denominata Penthi-mi (l’albero della parola) che nelle ore pomeridiane daranno spazio all’incontro, allo scambio e al confronto con alcuni artisti del meeting che tratteranno temi quali l’educazione interculturale e la formazione artistica in Africa ed in Europa. Uno degli incontri, a cura di Laura Tomaselli di Madame Mariko, Ara Compa di Ara Couture e Lavinia Busolo di BabaJole, verterà sul significato e la valorizzazione dei tessuti africani e di come possano oggi essere uno strumento di divulgazione culturale e di integrazione. Per garantire la sicurezza contro il covid verrà richiesta all’ingresso del festival un’autocertificazione firmata o “Green Pass” o esito di tampone negativo salvo l’entrata in vigore, da qui ai prossimi giorni di nuove normative ministeriali. La nuova edizione verrà dedicata al grande percussionista guineano Mamady Keita, di recente deceduto all’età di 71 anni che è stato un autentico punto di riferimento in tutto il mondo per tutti gli amanti dei ritmi e delle danze afro. Il tema scelto per quest’anno è l’incontro tra culture, esperienze e territori. Un “viaggio interculturale” attraverso il quale il pubblico avrà l’occasione di apprezzare alcuni tra i più importanti artisti di musica e danza africana e di conoscere il territorio di Chianciano con le sue magnifiche terme immerse tra la val Chianina e la Val d’Orcia patrimonio paesaggistico e culturale mondiale riconosciuto dall’UNESCO. Come nelle passate edizioni, i bambini troveranno uno spazio interamente dedicato a loro nel villaggio di Benteremà. Un'area a misura di bambino con attività come giocoleria, racconti, musica d’insieme, danza, acrobatica, costruzione di strumenti con materiali di riciclo e pittura. Il MAM definito ecofestival per le attente pratiche volte alla diminuzione degli sprechi, all’uso di materiali biodegradabili e alla distribuzione gratuita di acqua potabile all’interno del festival, si pregia dei patrocini della Regione Toscana, della Provincia di Siena, del Comune di Chianciano Terme (SI), delle Terme di Chianciano, dell’ U.N.A.R. (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri), di Amnesty International e Legambiente e gode del sostegno dello C.S.A.In. (Centri Sportivi Aziendali e Industriali). Il giorno 27 luglio alle ore 18,30 ci sarà la cerimonia di apertura presso il parco delle Terme di Chianciano alla presenza delle istituzioni che sostengono il MAM, tra cui l'assessore della Regione Toscana Alessandra Nardini, il Sindaco di Chianciano Terme, il Direttore delle Terme di Chianciano, il Presidente regionale dello Csain, i quali, assieme agli artisti e ai direttori del festival, daranno il via ufficiale alla manifestazione. All’interno del festival ci sarà la possibilità di soggiornare con la tenda in un'area riservata ai soci dotata di tutti i comfort con bar, ristoranti e mercatino etnico e artigianale. Numerose convenzioni con strutture ricettive di Chianciano Terme sono già state attivate per tutti gli iscritti ai workshop del MAM.

Per maggiori informazioni www.mamaafricameeting.it
____________________________________________________________________________________


LA VOCE DELLA TERRA 2021
dal 30 luglio al 4 agosto musica e cultura nei borghi della Valnerina

Terzo anno consecutivo per la rassegna LA VOCE DELLA TERRA, iniziativa ideata e organizzata nei borghi della Valnerina dall’Associazione Visioninmusica, con la direzione artistica di Silvia Alunni. Protagonisti scenografici, come di consueto, saranno i territori di Scheggino, Sant’Anatolia di Narco e Spoleto, con l'aggiunta, in questa nuova edizione di Castel San Felice e Vallo di Nera, che ospiteranno, dal 30 luglio al 4 agosto, un programma ricco di stimoli, tra turismo, natura, musica e cultura.   Obiettivo de "La voce della terra" è di mantenere viva l’attenzione sui Paesi dell'area valnerinese colpiti dal terremoto, aprendo al contempo lo sguardo su nuovi orizzonti di sviluppo responsabile e maggior qualità nell’offerta turistica integrata. La molteplice offerta racchiude in sé inestimabili tesori artistici che sarà possibile scoprire ed apprezzare, con l’aiuto di guide turistiche abilitate nella regione Umbria, negli stessi giorni dei concerti. Attenta da sempre all’innovazione e alla contaminazione tra i generi artistici, ormai da diciassette anni l’associazione propone progetti e spettacoli che si caratterizzano per il coinvolgimento di molteplici forme d’arte, per l’impronta fortemente contemporanea e per la valorizzazione dei migliori spunti creativi di nuove generazioni di artisti. Ed è proprio grazie alla sua natura interdisciplinare e innovativa che il programma di eventi volti all’intrattenimento musicale, all’approfondimento e allo scambio culturale rappresenta un prezioso strumento in grado di promuovere e raccontare i valori e le risorse di un’affascinante area geografica del centro Italia. Con uno sguardo rivolto alla storia e l'altro alla contemporaneità, le scelte musicali sono di originali vedute: si parte il 30 luglio in piazza Carlo Urbani a Scheggino con Salvador Sobral, straordinario talento del jazz di origini portoghesi che, dopo la trionfale vittoria all’Eurovision Festival 2017, è diventato uno dei musicisti più richiesti dal pubblico internazionale. Sobral si esibirà col suo quintetto presentando “BPM”, suo nuovissimo lavoro discografico. Il 31 luglio, sempre a Scheggino, arriverà finalmente Pilar, che per due volte ha visto annullare il proprio concerto causa lockdown e che proporrà dal vivo il suo quarto album, "Luna in Ariete". Sarà invece Spoleto il 4 agosto ad ospitare per l'ultima serata lo scienziato Mario Tozzi & Enzo Favata con il loro “Mediterraneo: le radici di un mito”, un film senza immagini raccontato con le parole e i suoni, nel quale prendono forma paesaggi arcaici, miti dimenticati e ricerca scientifica, rivelando allo spettatore una geografia antica, sepolta nella stratificazione delle ere geologiche e preistoriche. L'ingresso ai concerti di Scheggino (30 e 31 luglio) è libero con prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti (tel. 0744 432714 giorni feriali dalle 9 alle 12), quello al Cortile di Palazzo Collicola a Spoleto (4 agosto) è al costo di 10 euro. Le visite guidate faranno tappa, nei pomeriggi della rassegna, alle ore 17:15, a Castel San Felice, con la sua abbazia benedettina la cui facciata è impreziosita da mirabili bassorilievi romanici; a Scheggino, altro suggestivo centro di origine medievale, reso caratteristico dalla sua peschiera; a Vallo di Nera, incantevole borgo ancora circondato dalle mura medievali, che con le sue torri e le sue chiese ricche di tesori ci riporta indietro a remote atmosfere. Tra le tante gemme umbre, Spoleto è senza dubbio una delle più fulgide: la meravigliosa cattedrale romanica fronteggia una delle piazze più belle d’Italia e custodisce un mirabile ciclo di affreschi del pittore rinascimentale Filippo Lippi. Ma l’intero centro storico incanta per la sua bellezza, grazie ai suoi numerosi monumenti e ai tanti angoli suggestivi. Le visite, della durata di 1 ora e 30 circa, saranno svolte da guide turistiche abilitate nel rispetto delle norme anti-covid in gruppi di max 20 persone ed è richiesto l’uso della mascherina, in quanto si visiteranno anche interni. La prenotazione è obbligatoria chiamando il numero 328 6864297 dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Il costo è di 15 euro a persona, ma l'ingresso è gratuito per i bambini sotto i 12 anni. Ogni giorno, inoltre, alle ore 16:00, sarà possibile visitare il Museo della Canapa di Sant'Anatolia di Narco, spazio che accoglie tracce di cultura materiale, testimonianze multimediali e cenni d’interpretazione; un progetto tessile che, fulcro dell’esperienza didattica, costruisce opportunità di dialogo tra istituzioni, nuove generazioni di professionisti museali, detentori della tradizione e apprendisti tessitori. Anche la visita guidata al museo, del costo di 2 euro, richiede una prenotazione obbligatoria chiamando il numero 0744 432714 dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12.
____________________________________________________________________________________

Musicastrada Festival 2021
“Tuscany Music Sunset”
14 Luglio - 8 Agosto


Non solo musica, ma uno spettacolo di suoni, colori e panorami, nei luoghi più suggestivi della Toscana. Qualcuno di saggio disse che il sole tramonta sempre, sul giorno migliore come sul peggiore. Nel 2020 ci siamo resi conto che, dal momento più buio, può nascere qualcosa di nuovo e straordinario. Così ci siamo spinti a innovare le modalità del Festival e anche quest'anno vi porteremo in luoghi sicuri ma capaci di lasciarvi a bocca aperta.  L'inizio dei concerti sarà (nuovamente) alle 19:45, affinché il tramonto possa far da sfondo a tutti i live, in location dalla bellezza unica. A causa delle capienze ristrette, i posti disponibili sono limitati: ti consigliamo di acquistare i biglietti subito! Il costo è tra i 7 e i 10 Euro (+ dp).

CRISTINA DONÀ
14 luglio 2021
Loc. Villa Pacini Battaglia - Bientina (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

FRANCESCO BOTTAI, NICO GORI E ANDREA KAEMMERLE
 in “URGEnte Ripartire”
15 luglio 2021
Loc. Villa Pacini Battaglia - Bientina (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 7 € + d.p.
Acquista qui il biglietto


MIRAMAR Frankie Chavez & Peixe
21 luglio 2021
Piazza Villanova del Camì - Calcinaia (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

CECILIA
22 luglio 2021
Ex Cinema Pacini - Castelfranco di Sotto (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 7 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

DON ANTONIO 
in "La Bella Stagione"
23 luglio 2021
Palazzo Pretorio - Vicopisano (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

MONI OVADIA 
in "Rotte Mediterranee"
24 luglio 2021
Biblioteca Peppino Impastato - Cascina (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

BOBO RONDELLI 
in "Cuore Libero"
25 luglio 2021
Torre di San Matteo - Montopoli in Val d'Arno (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

MARA REDEGHIERI 
in "Futura Umanità"
27 luglio 2021
Circolo 1º maggio - Buti (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 7 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

DAVIDE SHORTY & STRANIERO BAND 
In apertura: Giulia Pratelli
28 luglio 2021
Pieve di San Martino - Palaia (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

ROBERTO ANGELINI
29 luglio 2021
Certosa di Calci - Calci (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

RAIZ & RADICANTO
30 luglio 2021
Santuario della Madonna di Ripaia - loc. Treggiaia, Pontedera (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

MARGHERITA VICARIO
31 luglio 2021
Torre di Federico II - San Miniato (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

ARIANNA PORCELLI SAFONOV 
in "Omeophonie"
1 agosto 2021
Loc. Montecastelli Pisano - Castelnuovo Val di Cecina (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

LOVESICK DUO
4 agosto 2021
Piazza della Chiesa - Monteverdi Marittimo (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

BARO DROM ORKESTAR
5 agosto 2021
Piazza della Chiesa - Chianni (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 7 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

PEPPE SERVILLO, GIROTTO E MANGALAVITE 
in "L’anno che verrà" – Canzoni di Dalla
7 agosto 2021
Rocca Sillana - Pomarance (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

PEPPE SERVILLO, GIROTTO E MANGALAVITE 
in "L’anno che verrà" – Canzoni di Dalla
8 agosto 2021
Rocca Sillana - Pomarance (PI)
ore 19.45 concerto | ingresso 10 € + d.p.
Acquista qui il biglietto

ORARIO: L'inizio dei concerti è previsto alle 19:45. In questo modo il tramonto farà da sfondo a tutti i live.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: La normativa anti-Covid impone prevendite e prenotazioni per i concerti. Abbiamo voluto lasciare a tutti la possibilità di esserci, con biglietti dai 7 ai 10 euro.
CAPIENZA MASSIMA: Nel rispetto delle norme, ogni luogo avrà una capienza massima, con disponibilità limitata di biglietti.
SCOPERTA DEL TERRITORIO: La magia del Festival inizia prima dei concerti e finisce molto dopo! Abbiamo preparato eventi di degustazione di prodotti toscani per i momenti che precedono i concerti… E tanti consigli su cosa fare subito dopo i live!
____________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

36°  MONSANO  FOLK  FESTIVAL
gemellato dal 2012 con  Civitella Alfedena Folk Festival (AQ) 
Rassegna internazionale ed itinerante di Musica Popolare originale e di revival  “come la luce a notte”
Dedicato a Francesco Scarabicchi, poeta
Ideazione e Direzione artistica: Gastone Pietrucci 
1 – 23 AGOSTO 2021

 “Fare un Festival, di questi tempi, ha un valore anche politico.
Perché è un modo di combattere, non solo la crisi, ma anche il silenzio”.
Amedeo Fago 

Ritorna anche quest’anno, nonostante l’emergenza coronavirus, la trentaseiesima edizione del Monsano Folk Festival (Rassegna internazionale ed itinerante di Musica Popolare originale e di revival), voluta tenacemente dal Comune di Monsano, insieme agli altri sei “coraggiosi” comuni dell’anconetano:  Ancona, Camerata Picena, Maiolati Spontini,  Morro d’Alba, Polverigi, Serra de’ Conti. e l’unico comune del maceratese Castelsantangelo sul Nera, e addirittura un comune dell’Abruzzo, Civitella Alfedna (Aq). E sottolineo “coraggiosi”, perché insieme a Monsano, comune capofila, hanno voluto confermare a tutti i costi e non cancellare anche questa edizione, in attesa di tempi migliori e soprattutto più sicuri, cercando a tutti i costi di dare un tangibile segno di continuità e soprattutto di resistenza. Anche quest’anno potevamo rischiare un’estate ancora più solitaria e silenziosa, senza la musica, decisamente l’arte più colpita e danneggiata da questa misteriosa, subdola, feroce pandemia. Invece eccoci qui,  a cercare di sconfiggere, con quest’altra edizione “coraggiosa e simbolica”, ancora una volta, la disperazione, il deserto dell’anima e il “silenzio”.  L’edizione del  Festival 2021, sarà dedicato al ricordo di Francesco Scarabicchi, poeta. Il Festival, voluto dal Comune di Monsano (An), con il contributo ed il patrocinio della Provincia di Ancona e della Regione Marche, della Fondazione Pergolesi-Spontini, curato da La Macina e dal Centro Tradizioni Popolari, per la direzione artistica di Gastone Pietrucci, si aprirà  (domenica 1 agosto) e si chiuderà  (sabato 21 agosto) a Monsano, e simbolicamente lunedì 23 agosto a Civitella Alfedena (Aq). Un Festival  che in tempi di crisi come quelli che stiamo vivendo, difende con tenacia la sua esistenza e la sua identità, quindi ancora di più un Festival “resistente”, un “piccolo-grande” Festival, che ha basato da sempre la sua identità e la sua autorevolezza, nella “testa”, nel “cervello”, nelle e “idee”, nel continuamente inventarsi e reinventarsi. 


PROGRAMMA

MONSANO (AN) - DOMENICA 1 AGOSTO - Ore 18,30 
Piazzetta Matteotti -Serata Inaugurale
PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI GASTONE PIETRUCCI  *
CULTURA POPOLARE MARCHIGIANA
Canti e testi tradizionali raccolti nella Vallesina
Riedizione in due volumi, dell'edizione del 1985, nella Collana Quaderni del Consiglio Regionale delle Marche
Relatori: Dino MOGIANESI-, Giovanni FILOSA- Giovanni FILOSA- Stefano SANTINI- Gastone PIETRUCCI
Coordinamento :Allì CARACCIOLO
con l'amichevole partecipazione straordinaria dei musicisti de LA MACINA
(Adriano TABORRO, chitarra, violino - Marco GIGLI, voce, chitarra - Roberto PICCHIO, fisarmonica- Marco TARANTELLI, contrabbasso)

CAMERATA PICENA (AN) – GIOVEDI' 5 AGOSTO Ore 21,30 e 23,30
Corte Castello del Cassero-Concerti-Incontri della Sera
GANG (Marino e Sandro SEVERINI)  in
RITORNO AL FUOCO
Straordinaria presentazione in acustica del loro ultimo cd.

MORRO D'ALBA (AN) - SABATO 7 AGOSTO Ore 21,30
Piazza Barcaroli- Concerto del Ricordo e della Memoria
Per la Serie "Foglie d'Album" n. 13
LA MACINA NEL RICORDO DI ANNA MARIA BRAMUCCI CARRARA in
A, B, C, MUSICA, MAESTRA ! GRAZIE *
A cura di Gastone PIETRUCCI

POLVERIGI (AN) – DOMENICA 8 AGOSTO Ore 21,30
Chiostro di Villa "Nappi" - Concerto- Grande della Sera
ONEIRIC FOLK  in
POP & POPULAR THINGS
con l'amichevole partecipazione straordinaria di Gastone PIETRUCCI

MONSANO (AN) – MARTEDI' 10 AGOSTO Ore 18.30
Piazzetta Matteotti - Concerto-Incontro del Tramonto
SILVIA SPURI FORNARINI-DARIO TOCCACELI-ANDREA VINCENZETTI in
SE UN BACIO TI OFFENDE PERDONA L'ARDIR...  *
Amore sacro e amor profano tra balconi e banconi

MOIE DI MAIOLATI SPONTINI (AN) - MERCOLEDI' 11 AGOSTO Ore 18,30
Piazzale esterno Biblioteca "La Fornace"- Concerto-Spettacolo del Tramonto
SPERIMENTALE TEATRO A - LA MACINA   in
CHI E' PIU' BELLI DE FORMA DE MAGGHIO RITORNA
"Fa che più non si rasiona se non di ballare et de manecare et far feste allegramente"
Un "Maggio" inedito, divertente, irresistibile e travolgente
Regia: ALLI' CARACCIOLO

SERRA DE' CONTI (AN) - GIOVEDI' 12 AGOSTO Ore 21,30
Piazza Gramsci - Concerto -Incontro della Sera
DARIO ASPESANI & LARA GIANCARLI  in
ALCHIMIA
Viaggio musicale ai confini del mondo

CASTELSANTANGELO SUL NERA (MC) - VENERDI' 13 AGOSTO Ore 18,30
Piazzale Pietro Piccinini- Concerto del Tramonto
LA MACINA  in
CON  IL CANTO DELLA VOCE E DEL CUORE A INNEGGIARE LA VITA
Concerto offerto da La Macina a Castelsantangelo su Nera, comune del cratere colpito dal terremoto del 2014

ANCONA - MARTEDI' 17 AGOSTO - Ore 21,30
Mole Vanvitelliana - Concerto-Spettacolo del Ricordo
LA MACINA PER FRANCESCO SCARABICCHI
con l'amichevole partecipazione straordinaria di
Massimo RAFFAELI, Liana DE GREGORIO SCARABICCHI e Giacomo SCARABICCHI in
NAVE CHE PORTI AL NIENTE
Prima del concerto de La Macina sarà proiettato il documentario
"Lui è mio padre" di Giacomo Scarabicchi

MONSANO - VENERDI' 20 AGOSTO - Ore 18,30
Piazzetta Matteotti - Concerto del Tramonto
FILIPPO PAOLASINI
PIANO SOLO  *
Pianoforte e voce "a la carte"

MONSANO - SABATO 21 AGOSTO ORE 21,30
Piazza dei Caduti- Concerto-Spettacolo della Sera
LA MACINA-MARIA NOVELLA GOBBI-MILENA GREGORI in
IO NON PERDONO DONNE*
Il femminicidio dalla tradizione popolare all'oggi-Voci contro la violenza di genere
Regia: Allì Caracciolo
(Prima assoluta)

CIVITELLA ALFEDENA (AQ) - LUNEDI' 23 AGOSTO ORE 21,30
Piazza - Concerto di Chiusura Monsano Folk Festival e Inizio Civitella Alfedena Folk Festival
LA MACINA in
CONCERTO PER  CIVITELLA ALFEDENA FOLK FESTIVAL
Concerto offerto da La Macina per il ventennale di questo straordinario "Festival degli Affetti"

Per le disposizioni anticovid 19, tutti i Concerti sono a ingresso libero con prenotazione obbligatoria dal 15 luglio p.v. specificando, nome e cognome, recapito telefonico a:
La Macina: 3356444547 /o per e.mail: lamacina@libero.it  / g.cellinese@alice.it
_____________________________________________________________________________________

FOLKEST
43° Edizione


Sono oltre 50 gli appuntamenti per la 43^ edizione di Folkest in Friuli Venezia Giulia, ma anche a Capodistria e nel vicino Cadore. Quest'anno il premio alla Carriera sarà consegnato a Enzo Avitabile e come sempre a Spilimbergo si terrà la diciasettesima edizione del Premio Cesa, rivolto alle nuove proposte della world music. Tra gli eventi anche gli incontri con gli autori per la terza edizione di Parole e musica, uno spettacolo sulla Divina Commedia, una mostra fotografica The sound of eyes - I 40 anni di Folkest, il Guitar International Rendez-vous, la partership con Operaprima di Vienna per l'Ernani di Verdi e infine la presentazione di cinque nuovi album pubblicati dall'etichetta Folkest Dischi.

_____________________________________________________________________________________

FISTINU DI SANTA LIBBIRATA
Musik Du Munn
6-7-8 agosto 2021
Pantalicia, Sortino (Sr)


_____________________________________________________________________________________

Al via l’edizione 2021 de 
LA MUSICA DEI CIELI
Diciotto concerti da giugno ad agosto in otto città della Lombardia.
Torna La Musica Dei Cieli e stavolta sono cieli d’estate.


E’ dal 1996 che La Musica dei Cieli promuove la conoscenza e il dialogo tra le culture attraverso le musiche della spiritualità, presentando una serie coordinata di concerti nei luoghi di culto, teatri e sale da concerto della Lombardia. Per la prima volta in venticinque anni i cieli della Musica dei Cieli saranno cieli estivi. Una risposta immediata al desiderio d’incontro e di conforto nel segno del lin-guaggio universale della musica. Diciotto concerti in otto città della Lombardia tra abbazie, cascine, chiese, parchi, giardini e santuari di grande storia e suggestione, con due giornate speciali di musica dalla mattina alla sera, dall’alba alle stelle. E grandi nomi come Antonella Ruggiero, Stefano Massini, Avion Travel, Moni Ova-dia, Remo Anzovino, Radiodervish, Redi Hasa, Justin Adams e Mauro Durante, Ballaké Sis-soko, Federico Mecozzi, The Gospel Times, Orchestra di Via Padova. Un programma ampio e articolato che spazia dalla musica africana al canzoniere italiano tra le due guerre, dalla trance sa-lentina al gospel, dai riti multietnici alla musica d’introspezione, dalle emozioni raccontate alle parole di un’enciclica. E luoghi bellissimi come le Abbazie di Chiaravalle e di Morimondo, il Santuario della Beata Vergine di Montevecchia, i parchi di Villa Olmo a Como e Villa Arconati a Bollate, il giardino Giancarlo De Carlo di Triennale Milano.
La Musica dei Cieli - è un progetto di Associazione BEATMI sostenuto dal Fondo Unico per lo Spettacolo del MIC, con il contributo dei Comuni di Milano, Bollate, Parabiago, Trezzano Sul Navi-glio e la collaborazione Triennale Milano, Aslico, Comune di Montevecchia, Comune di Morimondo, Chiesa Cristiana Protestante di Milano, Abbazia di Chiaravalle, Cooperativa Koiné, Parco Regionale di Montevecchia e Valle del Curone.
Dal 2020 La Musica dei Cieli è tra i beneficiari di Art Bonus, un dispositivo fiscale che favorisce le donazioni a sostegno della cultura. Chiunque può diventare un mecenate de La Musica dei Cieli e godere di un credito d’imposta del 65%, contribuendo in prima persona alla riuscita della rassegna.

Calendario completo su www.lamusicadeicieli.it

THE GOSPEL TIMES
19 Giugno, ore 21:00 
Parabiago, Chiesa Sant’Ambrogio della Vittoria
ingresso libero su prenotazione

Canto della gioia, del dolore, della felicità e della sofferenza, il Gospel canta le ragioni che ci muovo-no a vivere e a morire, le nostre ragioni ultime, i nostri sentimenti intimi e universali. Rielaborazione evangelica di antichi rituali africani, i canti Gospel sono un costante ringraziamento a Dio per la bel-lezza di esistere nonostante le difficili prove che ci attendono ogni giorno. The Gospel Times è uno dei gruppi più toccanti del panorama gospel contemporaneo per profondità e sincerità d’espressione. Fondato nel 2005 da professionisti provenienti da diverse esperienze musicali, si compone di voci statunitensi e inglesi guidate dalla straordinaria Joyce E. Yuille, con interpreti soul come Kenn Bailey, Julia St. Louis e Josie St Aimee. L’accompagnamento al pianoforte è di Michele Bonivento.

AVION TRAVEL
28 Giugno, ore 20:00 
Bollate, Festival Villa Arconati FAR
ingresso Euro 15

Quarantun anni sono passati dalla nascita degli Avion Travel e uno solo da quel quarantesimo anni-versario che si disponevano a festeggiare con un lungo tour. Un tempo anche di riflessione, durante il quale il gruppo ha lavorato su un’idea di canzone più essenziale e agile, più adatta allo spirito di questi tempi difficili. Così il loro suono inconfondibile, quell’impasto di sapienza e ironia, leggerezza e profondità, carezze e carreggiate, prenderà un nuovo corpo in questo tour 2021 simbolicamente intitolato “Opplà”, come l’album del 1993, periodo fertile e creativo come pochi. Un’occasione molto aspettata per festeggiare insieme una delle band più longeve e raffinate del nostro Paese.
Peppe Servillo, voce; Mimì Ciaramella, batteria; Peppe D’Argenzio, sax; Ferruccio Spinetti, contrabbasso; 
Duilio Galioto, piano e tastiere

REDI HASA 
The Stolen Cello Deluxe
3 Luglio, ore 18:00 
Triennale Milano, Giardino Giancarlo De Carlo
nell'ambito di Triennale Estate
ingresso Euro 10

C’è tutta la biografia di Redi Hasa nel violoncello con cui è volato via dal paese delle aquile in guerra. Non è uno strumento di pregio, ma ha una voce unica, la sua, quella di un musicista albanese che è fuggito da una gabbia di ferro e di fuoco. Da allora sono passati molti anni, il volo di Redi ha preso quota nei cieli della grande musica, gira il mondo con Ludovico Einaudi, incide con le star del rock e dell’elettronica. Eppure, quando si trova a tu per tu con il suo violoncello, come nel caso dell’album solo "The Stolen Cello", rifioriscono le storie che lo strumento continua a custodire come gioielli di famiglia. E sono ricordi struggenti, ferite che non rimarginano, visioni e immagini di un regno emotivo che la musica mantiene vivo. In questa versione Deluxe di nome e di fatto,  Redi suona insieme a Rocco Nigro, fisarmonica protagonista del Rinascimento Salentino e a due archi d'eccezione imper-sonati da Marco Schiavone e da Cristian Musio.
Redi Hasa, violoncello; Rocco Nigro, fisarmonica; Marco Schiavone, violoncello; Cristian Musio, viola

RADIODERVISH
In prima luce
3 luglio, ore 21 
Trezzano Sul Naviglio, Chiesa San Lorenzo Martire
ingresso libero su prenotazione 

25 Luglio, ore 21 
Montevecchia, Santuario della Beata Vergine 
ingresso libero su prenotazione   

Sono venti anni che i Radiodervish si stagliano all’incrocio di molti mondi sia reali che possibili, dan-do vita a un sound dal fascino inconfondibile. Per loro la canzone è allo stesso tempo un laboratorio di panorami musicali e un invito a percorrerli con la mente aperta, verso un nuovo umanesimo a vo-cazione mediterranea. Un incontro tra culture diverse attraverso mondi sonori diversi, testi colti che uniscono lingue anch’esse diverse, italiano, arabo, inglese, spagnolo, francese, su rotte poetiche in costante trasformazione. "In Prima Luce” innesta i brani degli Al Darawish, la prima formazione e i primi due album, nel loro repertorio attuale, per raccontare l’epoca aurorale dell’Italia dei primi anni Novanta e le istanze collettive e interculturali che la caratterizzavano, nelle esperienze di gruppi come Kunsertu, Almamegretta, Mau Mau, Sud Sound System, Agricantus.
Nabil Salameh, voci, bouzuki, percussioni; Michele Lobaccaro, chitarra, basso elettrico, voci; Alessandro Pipino, tastiere, fisarmonica; Pippo Ark D’Ambrosio, percussioni

REMO ANZOVINO
4 Luglio, ore 6:00 
Bollate, Festival Villa Arconati FAR
Ingresso Euro 7

18 Luglio, ore 17:00 
Milano, Abbazia di Chiaravalle
Ingresso libero su prenotazione

Renzo Anzovino, pianista e compositore tra i più originali e profondi per sguardo e ispirazione, è considerato il nuovo erede della grande tradizione italiana della musica da film, premiato da critica e pubblico. Le sue musiche non solo hanno accompagnato quella straordinaria serie di film dedicati a Van Gogh, Picasso, Monet, Gauguin, Frida Kalho, ma continua a evocare immagini in proprio, a far-ci scoprire i nostri paesaggi interiori, la nostra intimità spirituale o romanzesca. Anzovino con la sua musica piena di luce riesce a metterci in comunicazione con ciò che ci sovrasta e allo stesso tempo a illuminare quanto oscuramente vibra dentro di noi.

BALLAKE’ SISSOKO
Djourou
4 luglio, ore 11
Triennale Milano, Giardino Giancarlo De Carlo
nell'ambito di Triennale Estate
ingresso Euro 10

4 luglio, ore 17
Morimondo, Abbazia Santa Maria
ingresso libero su prenotazione

Djourou è una corda, dice Ballaké Sissoko, la corda che mi unisce al mondo. Una delle ventuno corde della kora, ovviamente, l’arpa regina dell’Africa Occidentale. Esiste uno strumento più cele-stiale della kora? Uno strumento più angelico? Basta ascoltare Ballaké per qualche minuto e ogni dubbio sparisce. Erede di una tradizione millenaria, grande artista nella difficile arte di essere sé stessi in un mondo pieno di altri, capace di suonare una musica amorevole in un mondo che non lo è, mago incantatore di suoni e suonatore di incantesimi, ricamatore di eccelsi merletti e taumaturgo, Ballaké Sissoko unisce tutto con la sua musica e tutto tiene insieme, la terra, le stelle, il tempo che ci consuma e quello che ci trascende, la nostra vita e le vite degli altri.

FEDERICO MECOZZI
4 Luglio, Ore 15:00 
Morimondo, Abbazia Santa Maria
ingresso libero su prenotazione

18 Luglio, Ore 15:00 
Milano, Abbazia di Chiaravalle 
ingresso libero su prenotazione

Talento precoce, Federico Mecozzi inizia a suonare la chitarra a sei anni e a scrivere canzoni poco più tardi. A dodici mette la testa a posto e intraprende il percorso accademico al Conservatorio della nativa Rimini, si diploma in violino, studia e perfeziona direzione d’orchestra, compone e interpreta la musica senza distinzione o etichette, dal pop, al minimalismo, alla musica tradizionale bretone, irlan-dese e scozzese. Dal 2009 gira i teatri del mondo con Ludovico Einaudi, partecipa alle registrazioni di “Seven Days Walking” e finalmente nel 2019 incide il primo disco a suo nome: ”Awakening”, ri-sveglio. Un viaggio dentro sé stesso e nelle molte musiche che fanno vibrare il suo giovane cuore.

ANTONELLA RUGGIERO
Sacrarmonia
4 luglio, ore 19:00
Morimondo, Abbazia Santa Maria
ingresso Euro 15

25 luglio, ore 18
Montevecchia, Cascina Butto
ingresso euro 15

Un mosaico fitto di segnali e di stimoli intelligenti, un viaggio nel tempo e nello spazio attraverso la musica sacra di tutto il mondo, un’ideale colonna sonora dell’anima. Questo è Sacrarmonia, il pro-getto disegnato e realizzato da Antonella Ruggiero in oltre cento chiese e teatri d’Europa e in un al-bum prezioso. Un programma che perlustra territori e materiali carichi di storia, fascino e potere evocativo, un indizio preciso per leggere il nuovo millennio guardando e indagando tra i tesori nas-costi in ciò che ci trascende.
Antonella Ruggiero, voce; Adriano Sangineto, arpa celtica, clarinetto basso; Roberto Colombo, vocoder, basso synth, organo liturgico

MONI OVADIA
Laudato sì
13 Luglio, ore 21.30 
Como, Parco di Villa Olmo
ingresso Euro 18

Moni Ovadia legge e commenta l’enciclica di Papa Francesco accompagnato da Maurizio Dehò, violino; Nadio Marenco, fisarmonica
Moni Ovadia, scrittore, autore, uomo di cultura agnostico ma da sempre vicino alla spiritualità e agli interrogativi propri degli uomini di fede, legge e commenta la seconda enciclica di Papa Bergoglio (2015). Con l’energia delle parole e l’emozione della musica, Ovadia  mette in risalto la forza rivolu-zionaria di questo scritto, ovvero la denuncia dell'attuale crisi ecologica e l'assoluta necessità di un mutamento radicale nella condotta dell’uomo. L'umanità non può più permettersi uno sfruttamento sconsiderato della natura finalizzato ai propri interessi economici, ma necessita più che mai di un rinnovamento nel segno di una conversione ecologica globale. Un'ecologia integrale, vissuta con gioia e autenticità.

JUSTIN ADAMS e MAURO DURANTE
16 Luglio, ore 21:00  
Milano, Chiesa Protestante 
ingresso libero su prenotazione

17 Luglio, ore 21:00 
Trezzano Sul Naviglio, Chiesa Sant’Ambrogio 
ingresso libero su prenotazione

Si sono incontrati per la prima volta tra i morsi del ragno alla Notte della Taranta del 2011. Da un lato Justin Adams, chitarrista e produttore di genio, braccio destro di Robert Plant, una predilezione per i groove africani, interesse per la trance e abitato stabilmente dallo spirito del blues, dall’altro Mauro Durante, violinista e compositore di genio, protagonista col pluripremiato Canzoniere Grecanico Sa-lentino del Rinascimento della pizzica, collaboratore di Ludovico Einaudi, erede di una tradizione mil-lenaria e giramondo per vocazione. Non hanno dovuto aspettare una pandemia per suonare e so-gnare insieme, ma solo adesso hanno tradotto le loro affinità elettive in un disco intitolato “Still mo-ving”. Un viaggio estatico tra blues, pizzica, punk, taranta, canzone d’autore, ritmi nordafricani, chi-tarra, violino e tamburi. 

ORCHESTRA DI VIA PADOVA
18 luglio, ore 11:00 
Triennale Milano, Giardini Giancarlo De Carlo
nell'ambito di Triennale Estate
ingresso Euro 10

Le diverse culture del mondo hanno in comune il rito, elemento fondamentale nella costruzione di una comunità e di una società. La musica non è solo accompagnamento, ma è parte integrante del passaggio spirituale e sociale degli individui. Attraverso una rilettura dialogante tra i musicisti, l’Orchestra di Via Padova esplora la musica sacra nelle diverse culture, dai canti sufi della tradizio-ne musulmana ai riti animisti del centro Africa, ai raga indiani della religione induista, ai canti yiddish di quella ebraica, alla musica sacra cristiana. Un viaggio interiore verso una dimensione antica e antichi legami, espressione di una spiritualità condivisa, che unifica i molti modi di sentire ed espri-mere il rapporto con il trascendente.
Aziz Riahi, voce, percussioni, violino; Francesca Sabatino, voce; Ashanka Sen, sitar; Marta Pistocchi, violino; Andrea Migliarini, batteria; Marco Roverato, contrabbasso; Dario Walid Yassa, pianoforte; Raffaele Brancati, flauto, clarinetto; Massimo Latronico, chitarra, laud, bouzouky

STEFANO MASSINI
Alfabeto delle emozioni
3 agosto, ore 21:00
Como, Parco di Villa Olmo
ingresso Euro 20

Noi siamo quello che proviamo. E raccontarci agli altri significa raccontare le nostre emozioni. Ma come farlo, in un momento che sembra confondere tutto con tutto, perdendo i confini fra gli stati d’animo? Ci viene detto che siamo analfabeti emotivi, e proprio da qui parte Stefano Massini per un viaggio profondissimo e ironico al tempo stesso nel labirinto del nostro sentire e sentirci. In un im-maginario alfabeto in cui ogni lettera è un’emozione, Massini trascina il pubblico in un susseguirsi di storie e di esempi irresistibili, con l’obiettivo unico di chiamare per nome ciò che ci muove da dentro. Scorrono visi, ritratti, nomi, situazioni. Si va da Arthur Conan Doyle a Chagall, da Al Capone alla mo-glie di Giosuè Carducci. Ad andare in scena è la forza e la fragilità dell’essere umano, dipinta con l’estro e il divertimento di un appassionato narratore, definito da Repubblica “il più popolare raccon-tastorie del momento”. 

Infoline: 02.48194128
i biglietti sono disponibili su: mailticket.it
____________________________________________________________________________________


SuoniMobili
Ancora qualche giorno sul Magic Bus in diretta social su Facebook e poi da venerdì 25 giugno dall'ex Monastero di Missaglia parte o meglio riparte il festival più itinerante della Lombardia! XII edizione a cavallo tra le Brianze Monzesi e Lecchesi, tra Milano e provincia, tra la pianura e quel ramo del Lago di Como. Una carrellata ininterrotta di concerti dal 25 giugno al 14 agosto e una piccola coda a settembre! Stiamo piano piano caricando sul sito tutti i concerti e aprendo le prenotazioni. Michel Godard, Gavino Murgia, Giovanni Falzone, Raiz e Radicanto, Bandakadabra, Maria Mazzotta, Arianna Porcelli Safanov, Marco Mezquida, Peppe Servillo, Manglativi e Javier Girotto, Dimitri Grechi Espinoza, Iannis Madafounis e Manon Parent, Maria Arnal e Marcel Bages, Rumba de Bodas, Francesco d'Auria, Duo Ruut, Martine Melendez, Eva Fernandez e molti altri concerti e musicisti incastonati nei più begli angoli del territorio, sotto chiostri, dentro chiese, davanti al Lago ... 

 Programma completo su
____________________________________________________________________________________

VILLA ADA ROMA INCONTRA IL MONDO
XXVII EDIZIONE
LA MUSICA CHE CURA
 

Villa Ada dal 26 luglio al 1 agosto
Fatoumata Diawara, Negrita, Melancholia, C’mon Tigre e tanti altri

Una nuova settimana di concerti con Villa Ada Roma Incontra il Mondo. Dalla Stella del Mali “Fatou” alla band di Arezzo in un’inedita versione acustica. Sabato è Rome Psych Fest con La Batteria, Big Mountain County e i Soviet Soviet. Proseguono gli appuntamenti con Villa Ada Roma Incontra il Mondo (https://villaada.org/), realizzata da D’Ada Srl in collaborazione con Arci Roma. Questa settimana - da lunedì 26 luglio al primo agosto - si comincia con il punk irriverente di Ron Gallo e si prosegue con Fatoumata Diawara, uno dei più grandi e carismatici talenti della scena africana contemporanea. Mercoledì salgono sul palco i Negrita in un’inedita versione acustica e giovedì arrivano i suoni emozionali e dark dei Melancholia. Il Weekend è affidato a Rome Psych Fest che sabato porta sul palco La Batteria, lo psych-sex-rock selvaggio dei Big Mountain County e il solido post-punk dei pesaresi Soviet Soviet. Chiudono la settimana domenica i C’mon Tigre e i Julie’s Haircut. Il live dei Sons of Kemet previsto venerdì 30 luglio è stato annullato per motivi legati al contenimento della pandemia in Inghilterra; mentre il concerto di The Underground Youth in calendario lunedì 26 luglio è stato posticipato al 13 agosto (entrata gratuita) a causa di uno sciopero aeroportuale. Il festival, promosso da Roma Culture, è vincitore dell'Avviso pubblico Estate Romana 2020-2021-2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE. Ron Gallo arriva a Villa Ada Roma Incontra il Mondo lunedì 26 luglio con il suo ultimo album "Peacemeal" accompagnato da Chickpee, il progetto solista della musicista italiana Chiara D'Anzieri, sua compagna di vita, in apertura del live. Uscito a marzo di quest’anno, il nuovo disco dell’eclettico artista americano abbandona i confini oscuri del garage e fa musica senza un limite o un piano. Ron sorprende ancora una volta incorporando elementi hip-hop, R&B, jazz, punk, e neo-soul nella sua musica, come fosse un Kiwanuka o un Arlo Parks bianco. Portavoce femminile della giovane Africa, consapevole delle proprie radici ma con una visione sempre rivolta al futuro, Fatoumata Diawara arriva martedì 27 luglio. Cantante, autrice, chitarrista e attrice è sicuramente uno dei più grandi talenti della scena africana contemporanea. Nata in Costa d’Avorio e cresciuta in Mali, “Fatou” torna a Roma a due anni di distanza dalla chiusura di Romaeuropa Festival per travolgere nuovamente la Capitale con il suo talento e quella sua capacità unica di reinventare i ritmi veloci e le melodie blues della sua ancestrale tradizione Wassoulo, attraverso una sensibilità istintivamente pop. Il suo ultimo album “Fenfo” è stato scelto tra i quattro finalisti ai Grammy Awards come Miglior Album World Music. Pochi giorni fa - tra le canzoni più popolari del disco - è uscito il nuovo video di KOKORO: https://www.youtube.com/watch?v=0rTIhwCPseY. I Negrita arrivano mercoledì 28 luglio con La Teatrale Summer Tour e i classici del loro repertorio: un’inedita versione acustica per ricominciare col cuore pieno di emozioni e tanta voglia di lasciarsi le ultime stagioni alle spalle, tra intimismo e sferzate d’energia. Tra i gruppi rock più influenti e meno catalogabili del panorama musicale italiano degli ultimi venticinque anni, mantengono un sound unico e riconoscibile nel tempo, soprattutto grazie alla solidità tecnica e interpretativa. Giovedì 29 luglio è la volta dei Melancholia con il loro ultimo ep What Are you afraid Of? Tra le band più promettenti ed eclettiche del panorama musicale emergente, suonano in inglese e parlano oltre i confini. Nelle performance di Benedetta, Filippo e Fabio si agita una musica delirante, emozionale e dark, tra suoni rap, elettronici e indie, che ha conquistato il pubblico nell’edizione 2020 di X-Factor sotto la guida di Manuel Agnelli. Sabato 31 luglio la serata è targata Rome Psych Fest, ovvero il Festival romano dedicato alla musica e alle arti psichedeliche. Si passano il testimone sul palco La Batteria, gruppo che a suon di funk dalle forti tinte cinematiche è riuscito a dare nuova linfa alla grande tradizione romana della musica per il cinema; l’inconfondibile psych-sex-rock selvaggio dei Big Mountain County, band di punta della scena psych italiana; e il solido post-punk dei pesaresi Soviet Soviet, realtà più che consolidata in ambito wave che con due LP all’attivo e una miriade di live in giro per il globo ha attirato l’attenzione di un vasto pubblico internazionale (collezionando diversi milioni di ascolti sulle piattaforme digitali). La tradizione e sperimentazione dei C’mon Tigre arriva a Villa Ada domenica 1 agosto. Il misterioso duo  trascinerà il pubblico in un viaggio musicale che salpa dal bacino del Mediterraneo verso l’Africa e il Medioriente, dando forma a un linguaggio inedito fatto di commistioni con il jazz, l’afrojazz, le ritmiche dell’hip hop, il funk e la disco anni Settanta. Ad aprire il concerto i Julie’s Haircut, band emiliana devota a suoni spaziosi ed ipnotici, che con il sax di Laura Agnusdei spazia dal caloroso garage-rock del debutto fino a territori più sperimentali, concentrandosi su improvvisazione e ricerca sonora. 

Il festival, promosso da Roma Culture, è vincitore dell'Avviso pubblico Estate Romana 2020-2021-2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE. Villa Ada Roma Incontra il Mondo si racconta attraverso “&More Stage” by glo™. Brand di punta di British American Tobacco (BAT) per i prodotti a tabacco riscaldato, glo™ incontra e racconta gli artisti del festival attraverso le interviste realizzate da Martina Martorano. Insieme si confrontano sulla filosofia del brand: “Non rinunciare a niente”, ossia la possibilità di convivere con passioni, attitudini o professioni - apparentemente opposte tra loro - senza compromessi. Tutti gli eventi si svolgono in linea con le disposizioni governative per garantire la massima sicurezza secondo le norme di contrasto al Covid.  Durante le performance nel Main stage i posti saranno seduti (non numerati) e distanziati in base ai nuclei di promiscuità.

Main sponsor di questa edizione sono: Dice, Glo e Nastro Azzurro.

Media partner: Rai Radio2, Radio Rock, Funweek, Pink Noises, Roma Today e Zero Roma.

Partner di progetto: Regione Lazio, Istituzione Universitaria dei Concerti (IUC), Cowork e Trenta Formiche. Partner di sostenibilità: Amico Bicchiere, Coloriage, Eco.reverb, Ecozona Iberian e Plastic Free.

VILLA ADA – ROMA INCONTRA IL MONDO – LA LINE UP COMPLETA

26 LUGLIO RON GALLO + CHICKPEE • 27 LUGLIO FATOUMATA DIAWARA • 28 LUGLIO NEGRITA • 29 LUGLIO MELANCHOLIA • 31 LUGLIO ROME PSYCH NITE | LA BATTERIA + SOVIET SOVIET + BIG MOUNTAIN COUNTY + ELVIS DELMAR DJSET • 1 AGOSTO C'MON TIGRE + JULIE'S HAIRCUT • 2 AGOSTO DIRECTION ZAPPA • 3 AGOSTO ON: ADRIANO VITERBINI - ICE ONE - RICCARDO SINIGALLIA + SHEROL • 4 AGOSTO DONATELLA RETTORE Back To The Stage • 5 AGOSTO BORGATA BOREDOM RELOADED • 6 AGOSTO ERNIA • 7 AGOSTO MASSENZIO IERI OGGI DOMANI E IL TEATRO DELLA CITTÀ omaggio a Renato Nicolini • 8 AGOSTO KOKOROKO + MONDOCANE • 9 AGOSTO MODENA CITY RAMBLERS  • 11 AGOSTO KODEX sonorizza JOHN CARPENTER • 12 AGOSTO MOLTHENI • 13 AGOSTO THE UNDERGROUND YOUTH…e altre date da annunciare.

Main sponsor di questa edizione sono: Dice, Glo e Nastro Azzurro.
Media partner: Rai Radio2, Funweek, Pink Noises, Roma Today e Zero Roma.
Partner di progetto: Regione Lazio, Istituzione Universitaria dei Concerti (IUC), Cowork e Trenta Formiche. Partner di sostenibilità: Amico Bicchiere, Coloriage, Eco.reverb, Ecozona Iberian e Plastic Free.

#LAMUSICACHECURA

Dalle ore 18 apertura Area Free
Dalle ore 19 apertura botteghino e dalle ore 20 apertura porte Main Stage
Dalle ore 21.30 circa a 00.00 concerti nel Main Stage (area a pagamento)
Chiusura della Villa prevista alle ore 02.00

Per gli eventi a ingresso gratuito è necessario prenotarsi su dice.fm

 VILLA ADA - via di Ponte Salario 28 - Roma
I concerti nel main stage (area a pagamento) iniziano alle ore 21.30

_____________________________________________________________________________________

Il Canto del Bosco
festival d'arte e musica indipendente

Il Canto del Bosco, festival d'arte e musica indipendente, ideato e promosso dal Piccolo Collettivo I Folletti del Bosco Monticolomi di Ugento (Le), torna con la 3ª edizione 2021 con un meraviglioso cartellone artistico. Dal 10 luglio al 28 agosto.



POSTI LIMITATI - PRENOTARE AL NUMERO 3489286374 / 3518476058

SABATO 31 LUGLIO LIVE FRANK BRAMATO
Francesco Frank Bramato, musicista/artista fuori dagli schemi, in attivo dal 2001 con il gruppo "BlekAut" con il quale, dopo le prime esperienze in provincia di Lecce, riesce nel giro di un anno a convincere un pubblico più ampio attraverso degli inediti che fanno parte del primo disco "inventando con le mani". Il genere varia dal folk al rocksteady. La band vince diversi premi aggiudicandosi la possibilità di aprire concerti importanti, tra i quali Caparezza, Meganoidi, Roy Paci, 99 posse, Afterhours, Ska-P, Banda Bassotti e tanti altri. Rimane in attività con la band fino al 2010, che lascia per dedicarsi allo studio della voce e del canto sperimentale seguendo l'eredità lasciata da Demetrio Stratos. Collabora con molti musicisti del panorama progressive e sperimentale italiano che culmina con la registrazione del brano "piccola operetta barocca in tre atti". Pallino fisso dell'artista è quello di unire la voce alla scrittura e quindi all'interpretazione. Studia sceneggiatura e drammaturgia a Roma. Dopo l'esperienza romana scrive uno spettacolo di teatro-musica "l'uomo di Bogotà" ispirato ad un racconto breve di Amy Hempel, e un monologo per arpa e voce "ennesime metamorfosi". "Non essere" è il primo lavoro da solista, 8 tracce che rimarcano la tendenza dell'artista ad uscire fuori dai canoni classici, alla moda o convenzionali.
_____________________________________________________________________________________

ETNO FOLK EXPERIENCE
Rassegna musicale a Casa Frisco
Casa Frisco, Via Savonarola 2, Carmagnola (To)

Nei giorni di Luglio, 8,15,22 e 29, si terrà nel cortile di Casa Frisco, in Via Savonarola 2 Carmagnola (To), la prima edizione della rassegna musicale “ETNO FOLK EXPERIENCE”.
La rassegna,organizzata dall’associazione Karmadonne con la direzione artistica del musicista carmagnolese Mario Poletti e la collaborazione dell’associazione La Ghironda e del circolo Arci Margot, prevede l’esibizione di alcuni tra i più rilevanti protagonisti del panorama folk-world music nazionale.
Si inizia giovedì 8 con “Saraceni delle Alpi”, progetto di contaminazione tra la musica alpina della Teres Aoutes String Band e i tamburi africani di Tatè Nsongan (Mau mau), si prosegue giovedì 15 con Sergio Berardo, in duo con il bassista Carlo Revello, che presenta lo spettacolo “Bandits, gigants e la beata, l’Occitania attraverso le canzoni di Sergio Berardo, giovedì 22 è di scena la Baklava Klezmer Soul, band di giovani virtuosi che reinterpreta in chiave balcanica e gipsy la musica klezmer e si conclude giovedì 29 con la voce e le percussioni di Tatè Nsongan che, con il suo trio, propone una world music dove si incontrano e fondono tradizione musicale camerunense, strumenti europei e new soul music. Per ogni serata, dalle ore 19, sarà proposta un’apericena a tema e sarà in funzione un servizio bar. L’inizio dei concerti, che sono ad ingresso gratuito è previsto alle ore 21. Durante lo svolgimento delle serate è garantita l’osservanza delle regole anticovid. E’ consigliata la prenotazione al numero 3939096878
____________________________________________________________________________________

Comunque...InCanto non si ferma

Giunta alla 26° Edizione, la nostra “rassegna del canto di tradizione orale e di nuova espressività” sfida l’emergenza sanitaria, il caos e le limitazioni orarie e di spostamento per riproporre ancora il corto circuito necessario tra memoria storica, anzi, tra le storie degli uomini e delle donne in carne e ossa e questo presente difficile e tortuoso. Come lo scorso anno ci saranno limitazioni nel numero di posti a sedere (99 al massimo), obbligo di mascherina, assoluta necessità della prenotazione (da fare per via telefonica al 0554211901 o tramite email all’indirizzo iedm@iedm.it); speriamo che, come lo scorso anno, ci sia un’alta partecipazione agli eventi.  Le altre date di InCanto 2021 (per ognuna seguiranno dettagli e possibili modifiche orarie ma non cambi di data):

SABATO 18 SETTEMBRE 
concerto con I GANG che presentano il loro nuovo cd “Ritorno al fuoco”

Ingresso € 5
Il programma è provvisorio e suscettibile di modifiche
A disposizione solo 99 posti a sedere.
È indispensabile la prenotazione al numero 0554211901 oppure a iedm@iedm.it
____________________________________________________________________________________

FERRARA BUSKERS FESTIVAL
BOOM DI ISCRIZIONI PER LA 34MA EDIZIONE
IL MECENATISMO CULTURALE DELL’ART BONUS

Finalmente la conferma: dal 25 al 29 agosto 2021 si svolgerà la 34ma edizione del FERRARA BUSKERS FESTIVAL, il più grande e importante evento mondiale dedicato al musicista di strada. 

Ogni anno centinaia di artisti aderisono al richiamo irresistibile di una rassegna che si svolge in un rapporto quasi simbiotico con il pubblico. Le richieste di partecipazione pervenute quest’anno sono state oltre 700, segno tangibile della voglia di partecipare, di tornare – per usare le parole di Dante - “A riveder le stelle”. Il settore della cultura in generale, e dello spettacolo in particolare, sono stati particolarmente danneggiati dalla pandemia, ma alcuni eventi non demordono, come il Ferrara Buskers Festival che progetta la 34° edizione consecutiva. Con l’Art Bonus, il credito d'imposta del 65% per le erogazioni liberali in denaro a sostegno della cultura e dello spettacolo, è possibile sostenere attività ed istituzioni culturali. Ferrara Buskers Festival è fra le iniziative che permettono il finanziamento da parte delle aziende, così come di privati cittadini, che vogliono cogliere un’occasione per sostenerlo, ottenendo anche un sostanzioso vantaggio fiscale e sviluppando un mecenatismo a favore del patrimonio culturale. E’ uno dei pochi festival inseriti ufficialmente nel portale: https://artbonus.gov.it/2492-ferrara-buskers-festival.html. Già dallo scorso anno il FBF si è dotato di rigide misure di prevenzione per evitare i contagi da Covid-19, collaborando attivamente con le istituzioni locali e stringendo accordi con laboratori di analisi del territorio per l’attuazione delle tamponature del pubblico partecipante. Questo, unito alle norme restrittive sulle presenze, ha inevitabilmente portato a una rilettura dell’intero evento, con ingressi solo su prenotazione, aree di sanificazione, garantendo pertanto una totale sicurezza sanitaria. “E’ cambiato il tipo di fruizione ma non l’atmosfera. Il nostro pubblico è attento e rispettoso – sottolinea Rebecca Bottoni, Presidente dalla manifestazione - da organizzatori è nostro dovere risollevare gli animi, creando un ambiente sicuro e sereno con artisti incredibili.” Il FBF è, un evento certificato, sviluppando al suo interno il progetto BGreen grazie alla partnership con il gruppo Hera e contraddistinguendosi per la sostenibilità ambientale, il bassissimo impatto sonoro, la riduzione dell’uso della carta e la pulizia nelle aree concerti. FERRARA BUSKERS FESTIVAL è nato nel 1988 a Ferrara. Fino al 2019, la crescita del pubblico è stata continua, con un totale di oltre 800.000 spettatori nelle varie edizioni, per 200.000 mq di centro storico. LUCIO DALLA, dopo la sua partecipazione al FBF, disse “E’ una bellissima festa, senza distinzioni di etnie o di generi musicali. Non ci sono divisioni né distanze. Sono davvero felice di aver suonato al Ferrara Buskers Festival”. GIANNA NANNINI, special guest del 2020 ha affermato “Mi piace essere stata ospitata al Ferrara Buskers Festival, perché questa musica è innovativa; c’è bisogno della strada, è bello contaminarsi”. Fra i sostenitori del festival anche Franco Mussida (PFM), Edoardo Bennato, i Modena City Ramblers e Angelo Branduardi. Nel 2020 è stato uno dei pochi festival a svolgere l’edizione come previsto, rimodulando spazi e offerta artistica, con una presenza di 6000 spettatori per 45 live, tra i quali quello della Special Guest Gianna Nannini. FERRARA BUSKERS FESTIVAL è sostenuto da Comune di Ferrara, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Emilia Romagna, Camera di Commercio di Ferrara, Comune di Comacchio, Gruppo Hera, Ferrara Holding Servizi.

____________________________________________________________________________________

OSTIA ANTICA FESTIVAL 2021
Musica, Teatro e Magia: dal 2 luglio la sesta edizione della rassegna "Il Mito e il Sogno"  al Parco Archeologico di Ostia Antica
Inizio spettacoli (dove non indicato differentemente) ore 21.15

Dal 2 luglio torna l’“Ostia Antica Festival - Il Mito e il Sogno”, la sesta edizione della rassegna che si svolge al Teatro Romano che presenta ogni anno un ricco cartellone composto da prestigiosi nomi della scena nazionale, con grandi spettacoli di musica e teatro - e quest’anno anche di magia - fra tradizione e innovazione, organizzati dal consorzio di imprese "Antico Teatro Romano" in collaborazione con il Parco Archeologico di Ostia antica. “Il Teatro di Ostia antica torna a dispensare musica e allegria” annuncia Alessandro D'Alessio, direttore del Parco archeologico di Ostia antica. “La stagione estiva 2021 presenta un cartellone eccezionale, che grazie alla varietà di generi e alla presenza di artisti affermati garantisce soddisfazione per qualunque spettatore.  A tutti posso già promettere un rifugio sicuro dall'afa romana ma la brezza marina che s'alza dopo il tramonto regalerà persino qualche brivido di freddo. Non più di 1000 persone per spettacolo, un terzo della capienza effettiva del teatro, e speriamo sia l'ultimo tributo all'odioso virus” 

3 Luglio
 UNA CHITARRA D’AUTORE
Sabato 3 Luglio, un delicato omaggio alla musica italiana ed internazionale con Giandomenico Anellino (noto per le sue molteplici collaborazioni con i più importanti artisti italiani come Cocciante, Zero, Zucchero, Baglioni, Minghi, Ron) e lo spettacolo “UNA CHITARRA D’AUTORE”. Il concerto proporrà un viaggio nella musica italiana ed internazionale e verrà eseguito nel personalissimo e unico stile chitarristico dell’artista, accompagnato da Danilo Ciminiello al pianoforte e Stefano Napoli al contrabbasso. Tra gli ospiti di Anellino, Chiara Paradisi nota youtuber italiana, Piero Di Stefano alla chitarra elettrica, la di voce Valentina Mazzamuto e le coreografie di Silvia Luna.
Per tutte le info + acquisto biglietti: Telefono 375.6729047

21 luglio 
 LUCIO PIÙ LUCIO
Il 21 luglio, “LUCIO PIÙ LUCIO”, l'omaggio a Lucio Battisti e Lucio Dalla, i due cantautori nati a poche ore di distanza nel marzo del 1943 e amati incondizionatamente dal pubblico. Sarà un’occasione per ricordali insieme grazie alla semplicità e la bellezza delle loro melodie raccontate da tre grandi interpreti: le voci di Rosalia Misseri e Roberto Pambianchi e la chitarra virtuosa di Giandomenico Anellino. Sul palco anche Andrea Minissale al pianoforte e Alberto Biasin al basso e i due ospiti speciali Alessio Puliani e Vincenzo Capua. Il concerto sostiene TELETHON. Biglietti: €15

5 agosto
 CARMINA BURANA - Al femminile
Il 5 agosto un grande ensemble sul palcoscenico dell'area archeologica: l’unione di coro, pianoforti e percussioni per portare in scena l'opera monumentale e di grande suggestione di Carl Orff "CARMINA BURANA - Al femminile". Con la direzione artistica di Gilda Petronelli, la direzione musicale del Maestro Giovanni Cernicchiaro, Mirko Roverelli e Desirè Scuccuglia ai pianoforti e Tactus Ensemble alle percussioni. Biglietti: €33

8 agosto 
“PINO DANIELE OPERA”
 è il titolo che rappresenta tutto il progetto musicale ideato e realizzato dal M° Paolo Raffone, amico storico e arrangiatore di alcuni brani di Pino Daniele, e dal cantante interprete Michele Simonelli che andrà in scena domenica 8 agosto. Una “serata evento” dedicata a Pino Daniele e alle sue melodie indimenticabili eseguite da un ensemble da camera di 11 musicisti diretti dal Maestro Raffone con special guest d’eccezione come Ernesto Vitolo, Rosario Jermano, Antonio Onorato, Roberto Giangrande e Donatella Brighel (che nel corso dei decenni hanno collaborato con il “nero a metà”) sostenuti dalla voce solista di Michele Simonelli. Biglietti: €22

4 settembre  
EPPURE SOFFIA ANCORA, LE MOLTITUDINI DI BOB DYLAN
È lo stesso Dylan ormai ottantenne a dichiarare le sue moltitudini a chi gli rinfaccia di aver cambiato più volte la sua direzione musicale. Dal folk al blues, dalle ballate alla rivisitazione di standard della musica americana. Il concerto del 4 settembre proprio questo sarà: scoprire e sviscerare le moltitudini. Il trio di base formato da Rigo Righetti, Mel Previte e Robbie Pellati (Ligabue) faranno da supporto alle riletture in chiave rock di Bernardo Lanzetti e soul di Andrea Mingardi. Tito Schipa Jr. il primo traduttore in Italia delle canzoni di Dylan, alcune anche in romanesco, si presenterà da solo sul palco, proprio per ricordare gli esordi di Bob. Il gruppo romano dei Rise Up Singing svelerà il lato country. Per arrivare ad un finale dove tutti insieme intoneranno un classico come “I shall be released”. Ogni set sarà intervallato da un racconto live di Maurizio Malabruzzi con foto, testi e video.
 
Il 10 settembre 
NANDO CITARELLA E STEFANO SALETTI /BANDA IKONA E TAMBURI DEL VESUVIO
Un doppio concerto per una serata all'insegna della musica popolare, mediterranea e World. Nando Citarella e Stefano Saletti con i rispettivi progetti Tamburi del Vesuvio e Banda Ikona presentano le loro ultime produzioni musicali: "Museca" di Nando Citarella & Tamburi del Vesuvio e "Mediterraneo Ostinato" di Stefano Saletti & Banda Ikona. Sul palco, ritmi, colori, strumenti e melodie per una grande festa nella quale le due formazioni oltre a suonare i rispettivi repertori dialogheranno e scambieranno esperienze e musiche. Biglietti: €20
  
La sesta edizione di Ostia Antica Festival "Il Mito e il Sogno" è organizzata daI consorzio di imprese Antico Teatro Romano, in collaborazione con il Parco Archeologico di Ostia antica.

Circuito online www.ticketone.it e www.ticket.it
Tutte le informazioni per i biglietti su:
_____________________________________________________________________________________

Fairport’s Cropredy Convention festival
postponed until 11- 13 August 2022

Fairport Convention today announced that their annual music festival, Fairport’s Cropredy Convention, has been postponed for the second time. The three-day event had been scheduled to take place on 12-14 August this year. It will now be staged over the weekend of 11, 12, 13 August 2022 on its usual farmland site in Oxfordshire. The organisers hope the current line-up of acts will be carried forward. Artists booked to appear this year have provisionally agreed to transfer their bookings to 2022. Highlights are expected to include Trevor Horn Band, Clannad, Steve Hackett’s Genesis Revisited, Richard Thompson, and host band Fairport Convention. Festival Director Gareth Williams said: “We’re left with no other choice than to postpone our festival again. We have reached the point where we’d need to spend big money but without any certainty we could go ahead. The dilemma we are facing is simple – proceed and risk potentially going out of business or postpone for a year and live to fight another day." “So far, despite over six months of lobbying, the government has failed to support any form of Covid-related cancellation insurance scheme for the festival industry,” Mr Williams continued. Also, there has been no guidance on what mitigations might be required post Step 4. This has made it effectively impossible to plan this year’s event.” “Like the rest of the festival industry, we’ve tried everything we can to keep going but I’m afraid we would be placing Cropredy’s future in serious jeopardy if we were to go ahead.” Mr Williams said tickets purchased in 2020 and 2021 will be valid for the rescheduled festival. “Ticket buyers who can’t attend next year will be entitled to a refund,” he added, “but we hope people will hang on to their tickets until next year. This will help us keep the festival going throughout the coming months while we prepare a great weekend of music for next summer.”