Festival World e Trad

I principali festival folk, world e trad 

I prossimi 28, 29 e 30 giugno
a Quarrata
nel parco della Villa Medicea La Magia
si svolgerà la quinta edizione del
QUARRATA FOLK FESTIVAL
Villa Medicea La Magia – via Vecchia Fiorentina, Primo Tronco, 63 – Quarrata (Pistoia)

Tutto il programma e gli ospiti della quinta edizione del festival quarratino dedicato alla world music, all’insegna di ritmi salentini, sound africani e melodie siciliane.

È stato definito il programma della quinta edizione di QUARRATA FOLK FESTIVAL 2019 che si svolgerà venerdì 28, sabato 29 e domenica 30 giugno nel parco della Villa Medicea La Magia, a Quarrata. Tre giorni di musica, spettacolo, laboratori per famiglie, visite guidate alla dimora principesca, passeggiate sonore con guide specializzate nel bosco della tenuta, ristorazione. QUARRATA FOLK FESTIVAL quest’anno dedicherà la prima serata alla musica del Salento: il 28 giugno alle 21.00 apriranno la rassegna Enza Pagliara & Dario Muci, intensi interpreti dei canti tradizionali salentini, la cui vivace produzione, sospesa tra passato e presente, ha incantato le platee di tutta Europa. Alle 22.00 saliranno sul palco gli Officina Zoè, ambasciatori della Pizzica nel mondo, gruppo storico tra i più amati del Salento e tra i più longevi del panorama tradizionale avendo raggiunto nel 2018 il traguardo dei venticinque anni di attività. Con le loro esibizioni dal ritmo coinvolgente hanno guidato il movimento di rinascita della tradizione musicale salentina, portando alla ribalta la Pizzica nel panorama internazionale della world music.
Alle 24.00 Stefano Corsi, leader dei Whisky Trail, tra i più importanti gruppi italiani di musica irlandese, con la sua arpa celtica chiuderà la prima serata del festival nel prato della fontana di Buren.
Sabato 29 giugno nel pomeriggio, a partire dalle 16.00, sarà possibile partecipare gratuitamente, su prenotazione, alle passeggiate guidate con stazioni sonore a sorpresa nel bosco della dimora e alle visite al complesso monumentale della Villa Medicea La Magia.
Il programma musicale sabato sarà interamente rivolto ai ritmi e alle suggestioni del continente africano. Alle 21.00 il palco centrale ospiterà Arsene Duevi, lo “sciamano del Togo che fa cantare anche le pietre”. Alle 22.00 sarà la volta di Namvula. Cantante originaria dello Zambia con radici scozzesi, protagonista della scena popolare londinese, Namvula coinvolgerà il pubblico con il suo sound raffinato ed eclettico, la sua voce calda e vellutata con una esibizione ricca di contaminazioni africane e metropolitane. A mezzanotte, alla fontana di Buren, il grande polistrumentista Kalifa Konè ci farà scoprire la magica musica del Mali, patria di grandi artisti come Salif Keita e Ali Farka Tourè.
Domenica 30 giugno, alle 17.00 Filomena Cafaro condurrà “Un giardino fortunato”, workshop gratuito, su prenotazione, per genitori e bambini tra i cinque e gli undici anni, in cui danza, musica e arti visive si coniugano in un’esperienza interattiva con l’opera “Giardino rovesciato” di Hidetoshi Nagasawa, presente nel parco de La Magia.
Il festival si chiuderà al tramonto con l’ensemble Unavantaluna, gruppo di punta della musica siciliana, che alle 18.30 eseguirà un concerto ispirato alla musica della Petite Sicile, il quartiere di Tunisi che ospita un’importante comunità siciliana frutto della grande migrazione del 1860. Special guest sarà Ziad Trabelsi, solista dell’Orchestra di Piazza Vittorio.

Presenta: Simone Gai di TVL
Direzione artistica: Riccardo Tesi
Direzione organizzativa: Claudio Carboni
Ideazione: Riccardo Tesi, Claudio Carboni, Claudia Cappellini
Info e prevendite:
www.comune.quarrata.pt.it
biblio@comune.quarrata.pt.it   tel. 0573 77450
facebook.com/quarratafolk
_________________________________________________________________________________



DAL 18 AL 29 GIUGNO ALLA FABBRICA DEL VAPORE DI MILANO
CONTAMINAFRO
identità in evoluzione

Il festival delle culture contemporanee, ideato e diretto dal danzatore e coreografo camerunese LAZARE OHANDJA, insieme all'ASSOCIAZIONE MO'O ME NDAMA

12 GIORNI DEDICATI ALLA MUSICA, ALLA CULTURA E ALL’ARTE
con artisti provenienti dall’AFRICA, dall’EUROPA e per la prima volta anche dall’ASIA
tra cui
RICHARD BONA, VIEUX FARKA TOURÉ, TRILOK GURTU, SIDIKI CAMARA, THE CAGE, LA NOTTE DELLA TARANTA e il MANDORLA SUMMER CARNIVAL

PREVENDITE DISPONIBILI DA OGGI SUL SITO DEL FESTIVAL
WWW.CONTAMINAFRO.COM

Dal 18 al 29 giugno si svolgerà alla Fabbrica del Vapore di Milano la 6° edizione di CONTAMINAFRO identità in evoluzione, il festival delle culture contemporanee ideato e diretto dal danzatore e coreografo camerunese Lazare Ohandja insieme all’Associazione Mo’O Me Ndama, con la produzione musicale di Giovanni Amighetti. Dodici giorni dedicati alla musica, alla cultura e all’arte con concerti, spettacoli di teatro e di danza, mostre d’arte contemporanea e installazioni, conferenze, laboratori internazionali e docu-fim. Da oggi, lunedì 15 aprile, sono disponibili le prevendite sul sito del Festival www.contaminafro.com. Il tema scelto per questa edizione, realizzata con il patrocinio del comune di Milano, è l’Evoluzione, filo conduttore dell’intero progetto insieme all’integrazione e all’interscambio culturale. Oltre a voler essere un luogo di divertimento, il Festival si propone anche come un luogo di scambio concreto fra italiani e immigrati sul territorio presentandosi come un importante contenitore artistico, sociale ed educativo con momenti dedicati alle associazioni che avranno la possibilità di presentare i loro progetti e partecipare a dibattiti e conferenze. Media partner ufficiale dell’evento è Radio Popolare. Ad aprire il Festival Contaminafro il 18 giugno sarà RICHARD BONA, il bassista e cantante camerunese che si esibirà sul palco per presentare per la prima volta in Italia il suo nuovissimo progetto “De La Frontera” con il chitarrista spagnolo Antonio Rey. Anticiperà il concerto il musicista Pier Bernardi insieme a Daniel Assohoun. Nel pomeriggio Richard Bona terrà anche un workshop organizzato in collaborazione con il CPM Music Institute (posti limitati) e sarà inaugurata la Contemporary Art Milan, mostra di richiamo internazionale dedicata all’arte contemporanea che coinvolge artisti di diversi paesi e culture. A cura di Milan Art's Events Centre (MA-EC) in collaborazione con istituzioni italiane e cinesi. Espongono: Kikoko, Ma Cong (espone anche alla Biennale di Venezia), Huiming Hu, Carlo Sablon, Giorgio Piccaia, Andrea Fama, Horst Beyer, Agostino Tulumello, Xiaomei Wu. Il 19 giugno serata dalle venature rock progressive con i THE CAGE, band italiana che presenterà a Contaminafro alcuni inediti e una selezione dei celebri brani dei Genesis. Anticiperà il concerto Franco Mussida, presidente e fondatore del CPM Music Institute, con la presentazione del suo nuovo libro “Il Pianeta della Musica. Come la Musica dialoga con le nostre emozioni” (Salani Editore) e l’esecuzione di alcuni brani strumentali del suo repertorio. Modera la presentazione il giornalista e critico musicale Enzo Gentile. Seguiranno i live show di Infinitum Trio e del cantautore italo-francese Russo Amorale. Il 20 giugno il blues dominerà Contaminafro con l’esibizione di VIEUX FARKA TOURÈ, chitarrista africano figlio di Ali Farka Touré che da anni si contraddistingue nel mondo per il suo stile unico e inimitabile in grado di creare un perfetto connubio tra il blues maliano, il reggae e il rock. Attraverso i suoi brani racconta delle persecuzioni jihadiste subite dal suo popolo. Aprirà il concerto “Integration Dance”, uno spettacolo di danza con la coreografia di Noah Ngbele Timothée e, a seguire, live show del chitarrista Paolo Bonfanti, considerato uno fra i più grandi bluesman italiani. Il 21 giugno, in occasione della Festa della Musica, il Festival ospita una giornata interamente dedicata alla Comunità Cinese di Milano (partner dell’evento) con il Mandorla Summer Carnival. La Long Morning Music Group, associazione fondata da Sean White, presenterà alcuni artisti rock originari della loro terra natia e non solo: Octopus, Yampapaya, 7grani e Walking Ears. Il 22 giugno l’orchestra composta da 16 elementi della NOTTE DELLA TARANTA regalerà al pubblico milanese una serata di puro divertimento con balli della tradizione e sperimentazioni world music in particolare grazie alla collaborazione con musicisti camerunesi dell’Ensemble Mo’o Music con Daniel Kollé e Corry Denguemo e la straordinaria voce della giovane cantautrice Ylenia Lucisano con il chitarrista Renato Caruso. Infine, il 23 giugno il noto percussionista indiano TRILOK GURTU si esibirà con uno spettacolo a suo nome anticipato dall’artista SIDIKI CAMARA, vincitore dello Spellemann (Grammy Norvegese 2018) per il progetto elettronico Sex Judas, considerato uno dei principali percussionisti contemporanei del Mali e uno dei fondatori della corrente moderna di musica mandinga. L’artista si esibirà con il chitarrista Roger Ludvigsen. Durante la giornata ampio spazio sarà dedicato alla cultura hip hop con “2vs2 B.KIDZ BATTLE” che prevede sfide e selezioni di break dance e mixstyle con live drums band, in collaborazione con Fundanza e V.Kidz Battle (North Selections) by B.boy Smile. Ospiti: Enrythm (music producer), Maicol Ortega a.k.a Smile (dancer), Domenica Barra a.k.a Localock (dancer), Elektro Domestik Force (writers). Iscrizioni aperte attraverso l’invio di una email entro il 20 maggio al seguente indirizzo email contaminafro@gmail.com. Fino al 29 giugno sarà possibile visitare mostre di arte contemporanea che coinvolgono artisti di culture diverse, installazioni, workshop, incontri, presentazioni di libri, laboratori di danza, musica e arte per bambini. Oltre a momenti di intrattenimento e agli incontri culturali, gli spettatori del Festival potranno degustare cibo locale e etnico nelle apposite aree dedicate allo street food. Inoltre, Contaminafro è alla ricerca di nuovi talenti! Artisti dai 15 ai 35 anni possono candidarsi per esibirsi sul palco del Festival inviando, entro il 12 maggio, un video della propria performance di danza, teatro, musica o qualsiasi forma espressiva al seguente indirizzo email: contaminafro@gmail.com. Il progetto CONTAMINAFRO identità in evoluzione è nato nel 2014, con l’organizzazione, da parte dell’Associazione Mo ‘O Me Ndama, di un festival prototipo di tre giorni realizzato al Pime di Milano con l’obiettivo di offrire spazio alla produzione artistica africana contemporanea. L’iniziativa ha richiamato l’interesse e la partecipazione di molte organizzazioni del territorio, come il Forum Città Mondo, il Laboratorio di etnomusicologia e antropologia visuale dell’Università degli Studi di Milano, il Centro studi di archeologia africana e varie associazioni interculturali. Nel 2015 il progetto si sposta alla Fabbrica del Vapore e si trasforma in un vero e proprio festival, patrocinato dal Ministero dei Beni Culturali e dal Comune di Milano, ottenendo il marchio “Expo in città”. Nel corso delle varie edizioni ha presentato al pubblico un calendario artistico sempre più variegato e professionale grazie alla presenza di artisti di alto livello (attori, danzatori, musicisti, pittori, fotografi) provenienti dall’Africa, dall’Europa e dall’Asia, e ha coinvolto sempre più prestigiosi luoghi di cultura come il CRT – Teatro dell’Arte, la Triennale, il Mudec, Mare Culturale Urbano e numerose associazioni.



WORKSHOP E MASTERCLASS 
Incontro di tecniche musicali e basso elettrico con RICHARD BONA e di percussioni con SIDIKI CAMARA
di percussioni per bambini con BALLA NAR
stage di danza sui tamburi bassi con la maestra SOLÒ e masterclass di danza africana tradizionale Voudou con DOTCHA e di locking e breaking con DOMENICA LOCALOCK BARRA e MAICOL ALBERTO ORTEGA

Workshop e masterclass con grandi artisti internazionali di tecniche musicali e di danza tradizionale e hip hop alla 6° edizione di CONTAMINAFRO identità in evoluzione, il festival delle culture contemporanee in programma dal 18 al 29 giugno alla Fabbrica del Vapore di Milano. Dodici giorni dedicati alla musica, alla cultura e all’arte con concerti, spettacoli di teatro e di danza, mostre d’arte contemporanea e installazioni, conferenze, laboratori internazionali e docu-fim. Prevendite disponibili sul sito del Festival www.contaminafro.com. Il 18 giugno il bassista e cantante camerunense RICHARD BONA terrà un workshop di basso elettrico alle ore 17.30, in collaborazione con il CPM Music institute di Franco Mussida. L’artista affronterà le diverse tecniche peculiari del suo repertorio dall’appoggio della mano destra al voicing, così come il groove fretless-funk caratteristico che lo contraddistingue. Il 22 giugno workshop di Locking, dalle 10.30 alle 12.00, con DOMENICA LOCALOCK BARRA che terrà una lezione di funkstyle, partendo dalla Soul Dance degli anni‘60/’70 per arrivare alle basi e all’evoluzione del Locking con una dei pionieri della scena italiana. Dalle ore 14.00 alle 15.30, invece, workshop di Breaking con MAICOL ALBERTO ORTEGA, a.k.a. B.boy Smile, considerato un’icona della scena italiana e internazionale e conosciuto in particolare per la sua impronta latina e per la preparazione dei b.boys attraverso le strategie di battle. Il 22 e il 23 giugno dalle 10.30 alle 12.30 la maestra canto e danza tradizionale Dienaba Diedhiou, in arte SOLÒ promuoverà uno stage di danza sui tamburi bassi trasmettendo le sua passione per danza tradizionale e la musica senegalese; alle ore 10.30 masterclass di danza africana tradizionale Voudou con il maestro DOTCHA, direttore artistico della compagnia di danza tradizionale Gruppo Artistico Culturale Assileassime in Togo e presidente dell’Associazione Culturale Assileassimé a Milano; dalle ore 10.30 alle ore 12.30, il percussionista e compositore senegalese BALLA NAR (fondatore in Italia del gruppo artistico “African Griot”) terrà uno stage di percussioni per bambini. Il 23 giugno, invece, l’artista maliano SIDIKI CAMARA, vincitore dello Spelleman (Grammy Norvegese 2018) considerato uno dei principali percussionisti contemporanei e uno dei fondatori della corrente moderna di musica mandinga, terrà alle ore 10.30 una masterclass di percussioni e djembe. Gli incontri sono ad accesso limitato. Per info e iscrizioni: stage@contaminafro.com

www.contaminafro.com
www.facebook.com/Contaminafro
www.instagram.com/contaminafro
_________________________________________________________________________________



Premio Nazionale Città di Loano 15a edizione
dal 22 al 26 luglio a Loano (SV)
«DA PASOLINI AL LISCIO»
Una produzione originale dedicata al Canzoniere italiano di Pier Paolo Pasolini e una giornata dedicata a Secondo Casadei
I concerti di Extraliscio, Raffaello Simeoni, Mauro Palmas, Tre Martelli, festa in piazza e cucina tradizionale



Un’edizione di grandi omaggi con uno sguardo alla contemporaneità, dal Canzoniere italiano di Pier Paolo Pasolini al padre nobile del liscio Secondo Casadei: dal 22 al 26 luglio torna a Loano la quindicesima edizione del Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana, organizzato dall'Associazione Compagnia dei Curiosi in collaborazione con l'Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano, con il contributo della Fondazione A. De Mari, di Nuovo Imaie (fondi dell’articolo 7 L. 93/92) e il patrocinio della Regione Liguria e dell'ANCI. Il Premio Loano, principale appuntamento in Italia per la musica di tradizione, conferma per il 2019 la sua vocazione a raccontare la contemporaneità del folk italiano, di tutto quell’universo di musiche che – partendo dal revival della tradizione, dagli strumenti popolari, dalle forme espressive delle culture orali – sanno parlare alla contemporaneità e raccontare il mondo di oggi. È così in un arco simbolico alla ricerca dei molti significati di “musica popolare” – “Da Pasolini al liscio”, come recita il titolo di questa 15a edizione – che si sviluppa il programma del 2019, il secondo con la direzione artistica di Jacopo Tomatis. Come è nella natura di “laboratorio permanente” del Premio Loano, ai consueti concerti serali nelle splendide location del lungomare di Loano (Spazio Culturale Orto Maccagli) e del Chiostro di Sant’Agostino, si affiancheranno gli appuntamenti pomeridiani con Il Premio incontra…, conversazioni in musica con musicisti e operatori culturali, dalle ore 18 presso i Giardini Nassiriya. Tra le novità di questa edizione, la suggestiva passeggiata al Rifugio “Pian delle Bosse” di Loano che terminerà con il concerto del massimo interprete in Italia di cornamusa Fabio Rinaudo; e il concerto “dopocena” con La Banda della Ricetta, un originale spettacolo in cui si canta del buon cibo, con il cibo, con un repertorio divertente e ben condito. Principale novità dell’edizione 2019 è la produzione originale – che debutterà il 25 luglio, frutto di una residenza artistica a Loano – LinguaMadre: il Canzoniere di Pasolini, dedicata al Canzoniere italiano di Pier Paolo Pasolini, pionieristico progetto di raccolta di poesia popolare pubblicato per la prima volta nel 1955. A partire da questi materiali riscoperti da Pasolini – spesso “muti”, senza musica – quattro giovani musicisti costruiranno un percorso di rilettura e riscrittura, che mescolerà strumenti della tradizione ed elettronica, voci arcaiche e voci contemporanee. Seguendo il filo tematico della “madre” – come figura centrale di molta poesia popolare, e come lingua – la produzione ridarà suono e voce alle poesie raccolte da Pasolini, rileggendole nella contemporaneità, senza filologismi, alla luce di oltre cinquant’anni di musiche popolari. Per quest’operazione di “archeologia creativa”, sono stati scelti quattro tra i talenti più interessanti del nuovo folk italiano: il piemontese Duo Bottasso (vincitore del Premio Loano Giovani), la cantante friulana Elsa Martin, e il polistrumentista calabrese Davide Ambrogio. LinguaMadre, oltre che rappresentare la perfetta incarnazione dello spirito che anima il Premio Loano, segna anche l’inizio della collaborazione del Premio con il Premio Andrea Parodi di Cagliari – già ospite nella scorsa edizione – e il festival Mare e Miniere, in Sardegna. La produzione, dopo la prima assoluta di Loano, verrà riproposta nei prossimi mesi. A dare il via al festival lunedì 22 luglio, il primo appuntamento con il “Premio Incontra…”, che ospita – insieme con il giornalista Ciro De Rosa, i Tre Martelli, Premio alla Carriera 2019. Il gruppo alessandrino che ha saputo portare il folk revival piemontese sui palchi di tutto il mondo, superati i 40 di carriera, si racconterà in attesa del concerto della serata, alle 21.30. I Tre Martelli si ritireranno il Premio in una formazione allargata, spaziando tra canzoni e balli della tradizione. Martedì 23 luglio “Premio incontra…” ospita Finisterre, storica etichetta di Erasmo Treglia, Premio alla Realtà Culturale 2019. Sarà l’occasione per ripercorrere (e ascoltare) le musiche di una delle label più influenti sulla scena folk-world italiana, in compagnia del giornalista Ciro De Rosa. A seguire, ci si trasferirà sul Lungomare alle 20.30 per il concerto “dopocena” con La Banda della Ricetta: un concerto-performance dedicato alla cucina tradizionale, quello del quartetto tutto al femminile composto da Clara Graziano, Valentina Ferraiuolo, Teresa Spagnuolo e Carla Tutino. Nel corso della serata, Erasmo Treglia ritirerà il Premio alla Realtà Culturale 2019 per Finisterre. La serata proseguirà alle 22 con il concerto di Raffaello Simeoni, premiato da una giuria di oltre 50 giornalisti specializzati e studiosi per il miglior album 2018, presenta il suo Orfeo incantastorie accompagnato da un’ampia formazione di musicisti. Mercoledì 24 luglio il “Premio Incontra” diventa itinerante con una camminata al Rifugio “Pian delle Bosse”, in collaborazione con il C.A.I. di Loano. Ad accogliere il pubblico il concerto di Fabio Rinaudo, dedicato alla scoperta e all’approfondimento di uno degli strumenti principe della musica italiana di tradizione. Segue apericena a cura del Rifugio. La sera alle ore 21.30 il Premio si trasferirà negli spazi più raccolti del Chiostro di Sant’Agostino per il concerto-spettacolo di Mauro Palmas Palma de Sols, affascinante viaggio tra la Sardegna e il Mediterraneo condotto dalla mandola del leader, con l’organo di Alessandro Foresti, le percussioni di Andrea Ruggeri, il basso di Silvano Lobina, il clarinetto e sax di Marco Argiolas e la voce di Simonetta Soro. Giovedì 25 luglio è invece la giornata dedicata al Canzoniere italiano di Pier Paolo Pasolini: si comincia alle 18.00 con la presentazione della produzione originale LinguaMadre: il Canzoniere di Pasolini. A conversare con Jacopo Tomatis, oltre ai musicisti coinvolti, il giornalista Enrico de Angelis e Domenico Ferraro, editore, studioso e operatore culturale. A partire dalle 20.00, in collaborazione con la Fondazione CEIS – che nell’ex convento gestisce il centro di accoglienza per richiedenti asilo – sarà proposto l’apericena etnico con degustazione di piatti tipici dei paesi di provenienza dei ragazzi ospitati. A seguire, si terrà lo spettacolo LinguaMadre con il Duo Bottasso (organetto, violino, tromba), Davide Ambrogio (chitarra, lira, percussioni, voce) ed Elsa Martin (voce). Aprono la serata alle ore 21.30 il Duo Bottasso con il sound designer Simone Sims Longo, vincitori del Premio Loano Giovani per il miglior album con Biserta e altre storie, un affascinante racconto sonoro della Tunisia contemporanea. I tre musicisti ritireranno il Premio finanziato da Nuovo Imaie con i fondi dell’articolo 7 L. 93/92. Il Premio chiude in bellezza venerdì 26 luglio, con un giornata dedicata al liscio e al suo padre nobile, Secondo Casadei. Ad animare “Il Premio incontra” del pomeriggio sarà infatti Riccarda Casadei, figlia di Secondo e responsabile di Casadei Sonora, la vera erede della grande tradizione della musica da ballo romagnola. Converseranno con lei Jacopo Tomatis e il giornalista Pierfrancesco Pacoda. A partire dalle 20.00, invece, la centralissima Piazza Italia ospiterà la serata finale del Premio, una vera festa popolare con balli, attività per bambini e adulti, circo, laboratori di strumenti musicali, di recupero e giocoleria. Il tutto in attesa, alle 22, del gran concerto finale di Extraliscio, il “Buena Vista Social Club” del liscio romagnolo, super gruppo del liscio più contemporaneo e “post-moderno”, che tiene insieme musicisti come Moreno “il Biondo” Conficconi, già con Orchestra Casadei e Orchestra Grande Evento, Mauro Ferrara (Orchestra Grande Evento), e Mirco Mariani (Saluti da Saturno, Vinicio Capossela). Media Partner del festival: Blogfoolk, Giornale della musica, Radio Popolare.

PROGRAMMA

Lunedi 22 luglio 2019
ore 18.00 - Giardini di Nassiriya, lungomare
IL PREMIO INCONTRA… TRE MARTELLI
Conversazione e musica
Conduce Ciro De Rosa
ore 21.30 - Spazio Culturale Orto Maccagli, lungomare
TRE MARTELLI – concerto
Consegna del Premio alla Carriera 2019 ai Tre Martelli

Martedì 23 luglio 2019
ore 18.00 - Giardini di Nassiriya, lungomare
IL PREMIO INCONTRA… FINISTERRE
Conversazione e musica con Erasmo Treglia
Conduce Ciro De Rosa
ore 20.00 - Spazio Culturale Orto Maccagli, lungomare
“Dolce e caffè” con la BANDA DELLA RICETTA
Consegna del Premio Realtà Culturale 2019 a Erasmo Treglia (Finisterre)
ore 21.30 - Spazio Culturale Orto Maccagli, lungomare
RAFFAELLO SIMEONI
Orfeo incantastorie – concerto
Consegna del Premio Miglior Album 2018 a Raffaello Simeoni

Mercoledì 24 luglio 2019
dalle ore 17.00 – Piazzale, località Castagnabanca
CAMMINATA, MUSICA E APERICENA AL RIFUGIO “PIAN DELLE BOSSE”
IL PREMIO INCONTRA… FABIO RINAUDO
Racconti di cornamuse
In collaborazione con il C.A.I. di Loano
ore 21.30 – Chiostro di Sant’Agostino
MAURO PALMAS
Palma de Sols – concerto

Giovedì 25 luglio 2019
ore 18.00 - Giardini di Nassiriya, lungomare
IL PREMIO INCONTRA… LINGUAMADRE: IL CANZONIERE DI PASOLINI
Presentazione della produzione originale dedicata a Pier Paolo Pasolini
Con Domenico Ferraro, Enrico de Angelis e Jacopo Tomatis
In collaborazione con Mare e Miniere e Premio Parodi
ore 20.00 – Apericena
ore 21.30 – Chiostro di Sant’Agostino
DUO BOTTASSO + SIMONE SIMS LONGO
Biserta e altre storie – concerto
Consegna del Premio Loano Giovani 2018 a Duo Bottasso e Simone Sims Longo

ore 22.00 – Chiostro di Sant’Agostino
LINGUAMADRE: IL CANZONIERE DI PASOLINI
ELSA MARTIN + DAVIDE AMBROGIO + DUO BOTTASSO
Produzione originale dedicata al Canzoniere Italiano di Pier Paolo Pasolini
A cura di Premio Loano, Mare e Miniere e Premio Parodi
[prima assoluta]

Venerdì 26 luglio 2019
ore 18.00 - Giardini di Nassiriya, lungomare
IL PREMIO INCONTRA… RICCARDA CASADEI e CASADEI SONORA
Conversazione sul liscio e su Secondo Casadei con Riccarda Casadei
Conduce Jacopo Tomatis e Pierfrancesco Pacoda
dalle ore  20.30 – Piazza Italia
Festa popolare in piazza, con attività per bambini, scuola di circo, laboratori di strumenti musicali, workshop di ballo liscio e altro ancora.
ore 22.00
EXTRALISCIO – concerto

www.premioloano.it
_________________________________________________________________________________



CONCERTI, PREMI, INCONTRI DI APPROFONDIMENTO E LIBRI TUTTO QUESTO E' FOLKEST 2019
dal 20 giugno al 22 luglio


Oltre 50 appuntamenti per un'estate Folkest che festeggia i suoi 41 anni a tutta musica! Il festival si svolgerà attraverso 22 comuni del Friuli Venezia Giulia, la vicina Capodistria e novità di quest'anno Auronzo di Cadore. Gli artisti di questa edizione provengono da tutto il mondo: Scozia, Serbia, Slovenia, Irlanda, Ungheria, Colombia, Austria, Repubblica Ceca, Argentina, Polonia, Bielorussia, Croazia, Bosnia, Inghilterra, Canada e Italia. Tra gli ospiti d'eccezione, l'intramontabile formazione della PFM impegnata a Capodistria il 20 luglio nel "TVB-The Very Best Tour"  (ingresso gratuito), il duo Shel Shapiro - Maurizio Vandelli nel "Love and Peace Tour" (Castello di Udine 9 luglio), e la cantautrice canadese Loreena McKennitt, star internazionale della musica folk che si esibirà il 22 luglio, sempre a Udine. Biglietti disponibili sul nostro sito. Da quest'anno Folkest non è solo musica ma anche presentazioni di libri, cinema e incontri di approfondimento di argomento musicale: "Parole e Musica" vi aspetta a Spilimbergo il 6 ed il 7 luglio al Teatro Miotto e al palco di Torre Orientale.


_________________________________________________________________________________

Feufliâzhe
14e Festival de Musiques Des Pays Alpins


Le festival du Feufliâzhe aura sa 14ème édition dans un mois maintenant.
Le Feufliâzhe, festival de toutes sortes de musiques de tous les pays de l’Europe des Alpes sera, cette année, surtout représenté par des musiques suisses, françaises et italiennes.

Pour patienter nous vous offrons un petit teaser de l’endroit, le plateau des Plaines-Joux, à 1200 m d’altitude, alpages de Bogève et Onnion en Haute-Savoie avec comme fond sonore un groupe des Alpes piémontaises, Lou Tapage. https://youtu.be/_xUg3MVvpN8. Ce plateau, sous la pointe de Miribel, peut être un but de vacances, de promenades, de randonnées, à vélo, à moto, à cheval, pour joindre le sport à la culture. Mais on peut aussi y accéder en voiture. Il y a beaucoup de gites dans la région pour l’hébergement et un camping tout à côté du site du festival avec des prix très doux. Dans ce camping les camping-cars n’y sont pas autorisés mais le festival réservera un emplacement exprès pour eux. La manifestation commencera vendredi 5 juillet à 19h30 et se terminera dimanche 7 juillet à l’épuisement des visiteurs, danseurs, chanteurs et musiciens. Des ateliers, stages, master-class seront donnés samedi matin et après-midi, et dimanche matin : violon, nyckelharpa, accordéon diatonique, chants et danses. On peut s’inscrire sur la page ou auprès de Claire au 06 20 70 08 06. Le programme des concerts sous chapiteau est sur cette page. A NE LAISSER PASSER SOUS AUCUN PRETEXTE, vendredi soir, la trés jeune et talentueuse harpiste Lise Martin-le Chêne, de la Vallée Verte, plus connue en Bretagne que chez nous, et le fabuleux trio du Projet Schinear et ses musiques du monde... ou des mondes des montagnes de l’Europe à l’Asie. Et samedi soir, le grand groupe suisse Sonalp, avec didgeridoo en cor des Alpes, batterie, basse, violon et yodels modernes. En première partie du concert, l’immense Josefina Paulson viendra tout droit de Suède avec son nyckelharpa et son alter ego, Ciuma, diatoniste italien, pour des ballades à se pâmer…. Vendredi se terminera en veillée-bœuf, et que chacun vienne chanter ou jouer des musiques d’ici, sous la direction bienveillante de Pascale Porcherot qui enchainera, avec tous, sur vos propositions ! La soirée du samedi se terminera par un grand bal trad, un bal à la voix, c’est-à-dire un bal chanté par 24 chanteurs qui déménagent, la Balbelett’s Vocal Fanfare ! Attention les prix de ces concerts sont préférentiels jusqu’au 15 juin, et c’est bientôt ! Ensuite ce sera plus cher ! La billetterie en ligne est sur le site internet ou sur la page Facebook du Feufliâzhe. Dépêchez-vous ! ET LA JOURNÉE ? Samedi après-midi et dimanche à partir de 11h00 c’est gratuit dans les alpages jusqu’au bal-bœuf final conduit par La Gigouillette. Mais pour que le festival perdure, il faut manger et boire aux bars et restaurations rapides…. Si ! C’est sympa, merci pour lui. Samedi ce sont des acteurs locaux que vous entendrez sur nos scènes. Seuls ou en groupe, ils sont tous de la région. Peut-être que vous les connaissez… Ils monteront sur la scène ouverte, quelque fois pour la première fois, venez les applaudir ! Et pour jouer devant tout le monde, on peut encore s’inscrire sur la page ou auprès de Joël au 07 69 51 72 33 Dimanche les artistes viennent d’Italie comme Lou Tapage ou de Suisse comme Follaton. Il y aura un groupe folklorique, Lou Gapians du Pratz avec de beaux costumes, et en fin de matinée ce sera l’harmonie La Voix de Léman qui débutera la session. Bien sûr LES CORS DES ALPES ne manqueront pas. Les cinq sonneurs d’Encore en chœur vous accompagneront les deux jours (il y a même un stage de cor des Alpes) et les six Tradi’Sons vous égayeront le dimanche surtout pendant les repas. Cette fois-ci L’EXPOSITION, pour petits et grands, sera sur les farfelutherie d’Olivier Richaume qui sera là pour vous montrer sa collection originale autour du violon, pour vous aider à construire un violon à deux cordes à partir de boites en métal, pour proposer des jeux de questions-réponses sur papier, et parmi les stages il y en aura même un de violon. Les rigodons, vous connaissez ? Pour petits et grands toujours, LES CONTES de Pascale Porcherot vous emmèneront chez les nains de la montagne, ou là où les fées vous ensorcellent tellement que vos pieds n’arrêteront plus de danser. Le petit SALON DE LA LUTHERIE accueillera nos meilleurs habitués comme Maurizio Camoletto et ses accordéons Verde, Jean-Paul Dinota et ses vielles à roue, Jean-Claude Condi et ses nyckelharpa de Mirecourt, Simone Boglia et ses flûtes d’Ivrea et d’autres anciens et nouveaux facteurs d’instruments. Au MARCHÉ DES ARTISANS DE MONTAGNE, il reste quelques places, on peut s’inscrire sur la page ou auprès de Martine au 06 07 22 34 51. Vous y trouverez découpages, peintures sur bois, poteries savoyardes, broderies etc… Tout nouveau, tout beau, LE LIVRE-DVD Danses de Savoie et du Valais – Carnet de bal de Jean-Marc Jacquier, sera présenté pour la première fois par leurs réalisateurs Guillaume Veillet et Alain Basso. L’encre sera à peine sèche. Guillaume fera même une conférence très instructive sur ce collectage. Vous pourrez questionner Guillaume Veillet tout au long du we puisque ce sera lui qui animera les scènes du festival. Il connait tout sur tout en musique trad et ce sera notre Monsieur Loyal. On vous souhaite tout le bonheur du monde ce week-end ! Et s’il pleut on chantera sous la pluie (ne vous inquiétez pas, il y a assez de chapiteaux et de couverts). A bientôt ! 

www.feufliazhe.com
Facebook
_________________________________________________________________________________


_________________________________________________________________________________


FELICI & CONFLENTI
A CONFLENTI DAL 22 AL 27 LUGLIO ARRIVA LA VI EDIZIONE
Torna la festa di comunità più grande del centro Calabria nata per celebrare la musica del territorio

È stato presentato il programma della sesta edizione di Felici & Conflenti, la Festa di Comunità più grande del catanzarese che dal 22 al 27 luglio animerà le comunità ai piedi del monte Reventino. Luoghi custodi di un patrimonio inestimabile di linguaggi musicali e tecniche di tradizione che l’associazione Felici & Conflenti da 7 anni si occupa di recuperare. In cartellone musica, laboratori e stage di strumenti musicali e danze del territorio, incontri con studiosi di antropologia e etnomusicologia – con nomi di spicco come Nicola Scaldaferri, Francesco Erbani, Vito Teti e Danilo Gatto –  seminari, escursioni nei siti più suggestivi delle aree interne, gastronomia locale e convivialità, nonché residenze e una mostre fotografiche, per una realtà che non vive solo una settimana ma tutto l’anno grazie a giovani ragazzi che mettono in atto pratiche di accoglienza e ripopolamento. «Il progetto “Felici & Conflenti” nasce nel 2014 con l’intento di accrescere e diffondere la conoscenza del patrimonio coreutico-musicale del Reventino – dichiara Alessio Bressi, coordinatore del progetto – ma anche favorire la nascita di circuiti economici locali basati sulle vocazioni produttive del territorio. Una Festa di Comunità in grado di rianimare energie artistiche, culturali ed economiche agendo al tempo stesso sulle criticità che affliggono le aree interne della Calabria» Felici & Conflenti si occupa dello studio e della trasmissione delle tradizioni musicali e coreutiche dell’area del Reventino-Savuto in particolare, e dell’intera Regione, generando al tempo stesso turismo responsabile: ogni anno questa “Festa di Comunità” registra un’importante presenza turistica proveniente da tutta Europa attratta non solo dalla musica propria di questi luoghi ma dall’ospitalità di un’intera comunità. L’associazione promotrice, costituita da un gruppo di giovani del territorio, ricercatori e musicisti, ha deciso di dare vita ad un’esperienza singolare che si concretizza in una settimana di contatto diretto con una realtà di grande fascino e bellezza. «Felici & Conflenti guarda alla musica della nostra regione non solo come fenomeno sonoro ma soprattutto come fenomeno culturale e sociale – dichiara Christian Ferlaino, uno degli organizzatori. Il nostro obbiettivo non si limita a trasmettere la musica, il canto e la danza dell’area nel rispetto delle idiosincrasie proprie di questo linguaggio – continua Ferlaino - ma puntiamo a trasmetterne le modalità performative del Reventino all’interno delle dinamiche sociali che le sono proprie» Felici & Conflenti non è un festival vero e proprio, non ci sono palchi e concerti: tutti i partecipanti suonano e danzano (siano essi musicisti di tradizione o iscritti ai workshop) nelle strade e nelle piazze del paese, durante i banchetti e le feste. «Non abbiamo interesse che la musica dell’area diventi un oggetto di contemplazione – conclude Christian Ferlaino – ma che essa continui ad essere fenomeno vissuto e partecipato, un patrimonio in evoluzione grazie al contributo di quanti la praticano e la condividono».



Il programma

LUNEDÌ 22 LUGLIO 2019
10h00 Piazza Visora
Presentazione e iscrizioni
Visita per le vie del paese
12h30 Villetta comunale
Pranzo di benvenuto
a seguire: La musica e il ballo dell’area del Reventino-Savuto incontro a cura del gruppo di ricerca di Felici & Conflenti
17h00 Laboratori di danza e strumenti della tradizione
21h00 Piazza Chjianiattu - Centro Storico di Conflenti Superiore
Cena e festa con i suonatori del Reventino
Ospiti: Suonatori e danzatori di San Mango d’Aquino (CZ)

MARTEDÌ 23 LUGLIO 2019
10h00 Piazza Pontano
10h30 Laboratori di danza e strumenti della tradizione
13h00 Località Ardano
Pranzo sociale
A seguire “ Viaggio tra i suoni di Sicilia, dalla musica dei pastori a quella delle sale da barba” con Salvatore Vinci, Giorgio Maltese, Pasqualino Cacciola ed Elisa Messina
17h00 Laboratori di danza e strumenti della tradizione
21h00 Piazza Chjianiattu – Centro storico di Conflenti superiore
Cena e Festa con i suonatori del Reventino
Ospiti: Suonatori tradizionali siciliani

MERCOLEDÌ 24 LUGLIO 2019
9h00 Piazza Pontano
9h30 partenza in auto, direzione chiesetta della Querciola
10h00  Monastero delle sorelle povere di Santa Chiara
Colazione
Inizio escursione a cura dell’associazione Conflenti Trekking
13h00 Località Spernuzzata
Pranzo sociale
A seguire: “La trasmissione del canto e del suono in una pratica performativa integrata” a cura di Anna Maria Civico
17h00 Rientro a Conflenti
18h30 Sala consiliare del comune di Conflenti
Proiezione docufilm “Una storia di vita, la musica attraverso cinque generazioni” a cura di Danilo Gatto
21h00 Piazza Sant’Andrea - Centro storico di Conflenti inferiore
Cena e Festa con i suonatori del Reventino

GIOVEDÌ 25 LUGLIO 2019
10h00 Piazza Visora
10h30 Laboratori di danza e strumenti della tradizione
13h00 Villetta comunale
Pranzo sociale
16h00 Sala Consiliare del comune di Conflenti
Presentazione libro: L’italia che non ci sta- viaggio in un paese diverso (Einaudi editore) di Francesco Erbani. con l’intervento di Vito Teti
18h00  Laboratori di danza e strumenti della tradizione
20h00 Ritrovo in piazza Visora
Partenza in auto direzione San Mazzeo (si consigliano abiti caldi)
21h00 “Laghetto la Smorfia” San Mazzeo di Conflenti
Cena Sociale a cura dell'associazione “Una Voce tante Voci”
Concerto: “Polifonie Metropolitane” a cura di Canto Antico
Festa con i suonatori del Reventino 

VENERDÌ  26 LUGLIO 2019
10h00 Appuntamento in Piazza Pontano
10h30 Laboratori di danza e strumenti della tradizione
13h00 Località Ardano
Pranzo sociale
17h00  Laboratori di danza e strumenti della tradizione
ore 19:00 Piazza Chjaniattu – Centro storico di Conflenti Superiore
RROSA TRIO - Canti e sentimento nella tradizione musicale e vocale del Mediterraneo  con Anna Maria Civico / Elena D'Ascenzo / Ambra Battistelli
A seguire: I giganti di Sorianello  (VV)
21h00 Piazza Visora
Cena e Festa con i suonatori del Reventino
Ospiti: CROATIAN BAGPIPES BAND

SABATO 27 LUGLIO 2019
10h30 Località Ardano
Laboratorio di cucina sociale del Reventino
13h00 Pranzo
16h00  Piazza Chjianiattu – Centro storico di Conflenti Superiore
Seminario/concerto “La polifonia femminile dei paesi arbërëshe” 
a cura del Prof. Nicola Scaldaferri – Università degli Studi di Milano
17h30  Laboratori di danza e strumenti della tradizione
20h00 Per le vie del paese
Banda Pilusa e giganti di Sorianello (VV)
21h00 Piazza Pontano
Cena e Festa finale

PER L’INTERA DURATA DEL FESTIVAL
Mostre fotografiche:
Mostra fotografica  Photocunti- Risvegli
Una Residenza Artistica fotografica
Cleto Festival - Fototopia Albidona

Allestimenti, spettacoli e installazioni:
Kalura meridionalismo, arte popolare di strada

Escursioni e visite:
Visita il territorio conflentese! Sarà possibile prenotare escursioni giornaliere a cura dell’Asd Conflenti Trekking

Laboratori per bambini

TUTTI I GIORNI LABORATORI DI:
Zampogna della Presila con Giuseppe Muraca e Christian Ferlaino – Piazza Chjaniattu
Organetto Con Gianpiero Nitti e Francesco Mancuso -B&B Erica
Danza tradizionale con Serena Tallarico e Andrea Bressi – Casa di Cicco
Intaglio Tradizionale con Vincenzo Piazzetta – Villetta Comunale
Canto Tradizionale con Giuseppe Gallo – Fontana di Pometta
Introduzione alla lira con Francesco Denaro – Villetta Comunale
_________________________________________________________________________________

Fairport’s Cropredy Convention
Fortieth anniversary festival announces line-up

Fairport's Cropredy Convention three-day open-air music festival will celebrate its fortieth anniversary this year. A major innovation for 2019 is ‘glamping’ in pre-pitched luxury bell tents. Cropredy announces today (4 Feb 2019) the full line-up of acts appearing at this year’s event. Over three days (8, 9 and 10 August) Cropredy will present more than thirty hours of live music to an audience of up to 20,000 festival-goers. Headline acts for 2019 include The Waterboys (Thursday), Frank Turner (Friday); and host band Fairport Convention (Saturday). Other major acts include Gogol Bordello on Thursday, Seth Lakeman  (Friday) and Richard Thompson (Friday). The line-up encompasses soaring harmonies from female ensembles Wildwood Kin and Daphne’s Flight,  instrumental virtuosity from Will Pound (harmonica), Eddy Jay (accordion) and Martin Simpson (guitar), and classic rock from Martin Barre and prog legends Caravan. Lil Jim, Tors, The 4 of Us, Wilson & Wakeman, Richard Digance, Tide Lines and Zal Cleminson’s /sin'dogs/ complete the line-up.
One-day, two-day and three-day tickets are exclusively available from Fairport's website www.fairportconvention.com/tickets and by phone 0844 581 1396

Fairport’s Cropredy Convention full line-up in running order

Thursday 8 August
Host band Fairport Convention will open the festival with a short acoustic performance then take the stage again on Saturday to play a two-hour closing set. http://www.fairportconvention.com/
Multi-instrumentalist Lil Jim combines guitar, harmonica and accordion with foot percussion and vocals. https://www.facebook.com/LilJimUK/
Devon indie-folk band Tors is fronted by songwriting brothers Matt and Theo Weedon, grandsons of late guitar maestro Bert Weedon. https://en-gb.facebook.com/Torsband/
Gogol Bordello combine elements of music, theatre, chaos and sorcery To say this is a fabulous festival act would be the grossest of understatements. http://www.gogolbordello.com/
A return to Cropredy for Thursday’s headline act The Waterboys whose potent performance makes them one of the UK's most exciting live acts. http://www.mikescottwaterboys.com/

Friday 9 August
Formed in Newry, Northern Ireland, by brothers Declan and Brendan Murphy, The 4 of Us are known for poetic songs, harmony vocals and highly accomplished guitar.http://the4ofus.com/
Will Pound and Eddy Jay are, respectively, among the UK's finest harmonica and accordion players. http://www.poundandjay.co.uk
Award-winning female trio Wildwood Kin play contemporary indie-folk characterised by spellbinding family harmonies. https://www.wildwoodkin.com
Performing as Wilson & Wakeman, Adam Wakeman is best known as the keyboard player with Ozzy Osbourne and Black Sabbath and Damian Wilson is a songwriter and vocalist who has appeared on over seventy albums. http://www.wilsonwakeman.com
Pioneers of Canterbury’s prog rock scene, Caravan will be making their Cropredy debut. Their mix of psychedelia, jazz and classical music has been highly influential. https://officialcaravan.co.uk
Fresh from a world tour with Robert Plant, Seth Lakeman returns to Cropredy after a ten year absence. https://www.sethlakeman.co.uk
Guitar legend and acclaimed songwriter Richard Thompson will appear with erstwhileFairport  bandmates Dave Mattacks, Dave Pegg and Simon Nicol. http://www.richardthompson-music.com
One of the finest live acts out there, Frank Turner will headline on Friday night with his band Sleeping Souls, a first visit to Cropredy by one of the UK’s most successful solo artists of the past decade. https://frank-turner.com/

Saturday 10 August
BAFTA nominee Richard Digance returns to his traditional Cropredy Saturday lunchtime slot. https://www.richarddigance.com
Four-piece Tide Lines are shaped by the culture and music of the Scottish Highlands. http://www.tidelinesband.com
Daphne’s Flight features five female singer-songwriters; Christine Collister, Melanie Harrold, Julie Matthews, Helen Watson and Chris While. https://www.daphnesflight.com
Scottish singer-guitarist Zal Cleminson’s /sin'dogs/ is a new high-octane prog-metal band. https://www.facebook.com/ZalCleminsonsSindogs
Celebrating 50 years of Jethro Tull’s music, Martin Barre’s band includes the original Tull drummer Clive Bunker. http://martinbarre.com
Award-winning Martin Simpson, one of Britain’s greatest acoustic guitarists, makes his first appearance at Cropredy. http://www.martinsimpson.com
Fairport Convention and guests take the stage for their traditional two-hour-plus Saturday headline show.http://www.fairportconvention.com/

Convention's website: www.fairportconvention.com
________________________________________________________________________________
Montelago Celtic Festival - XVII edizione
Il Festival folk dell’Appennino. Torna la musica di Montelago Celtic Festival

Dritti al cuore del Folk. Torna la musica di Montelago Celtic Festival

Diciassette volte Montelago! L’1, 2 e 3 agosto, a Taverne di Serravalle di Chienti (Mc), nel cuore dell’Appennino umbro-marchigiano, il Festival celtico più amato d’Italia rinnova l’appuntamento con un’edizione in cui la musica è al centro della scena. Dopo anni di ricerca e innovazione che ha trasformato il Festival in una fucina d’arte, Montelago intercetta l’ultima evoluzione del genere celtico, puntando dritto al cuore del folk declinato in tutte le sue possibilità, capace di ridestare le anime sonore di mezza Europa. Ventiquattro live, 21 band, 3 palchi ufficiali e spazi dedicati all’improvvisazione. On stage i maggiori nomi della scena mondiale, vere leggende come la folk metal band spagnola Mägo De Oz, trent’anni di storia ma freschi di pubblicazione dell’album Ira Dei e il maestro gaitero, José Ángel Hevia Velasco, l’artista asturiano che ha venduto più di due milioni e mezzo di dischi. E ancora gli italiani Folkstone che presentano il loro ultimo lavoro Diario di un ultimo, la country-band finlandese Steve ‘N’ Seagulls, o gli scozzesi Talisk, premiati dalla BBC come Folk Band of the Year 2017, oltre ai polacchi Beltaine, e poi The Sidh, Folkamiseria, Lennon Kelly, Lyradanz, The Gamblers, The Led Farmers, Katia Zunino, Clara Popolo, Giuliano Gabriele, Raffi. Una maratona più potente, libera ed ecologica che mai, a cui si aggiungono l’energia esplosiva delle band protagoniste del V European Celtic Contest, concorso per nuove proposte del panorama folk europeo, e gli immancabili stage strumentali e dell’artigianato per tutti gli appassionati. Montelago Celtic Festival è un evento firmato La Catasta e organizzato in collaborazione con Regione Marche, Provincia di Macerata, Comune di Serravalle di Chienti (Mc), Cosmari, Contram, Protezione Civile e con il patrocinio di Federazione Italiana Rugby, Legambiente e Scuola Holden per il Montelago Storytelling.

Ma Montelago non è solo musica: sport, giochi celtici, giochi di ruolo, oltre 20 workshop (solo per citarne qualcuno: arpa celtica, cornamusa scozzese, organetto, banjo, scherma antica, tessitura nomade, lavorazione del legno o le antiche arti della rilegatura), corso di storytelling tenuto da Loredana Lipperini, incontri letterari, approfondimenti sul fantasy, e da quest’anno persino cammini d’avventura organizzati per raggiungere la festa. Inoltre, 70 banchi di artigianato, oltre 20 punti gastronomici in cui alternare ricette dell’Appennino umbro-marchigiano a piatti della tradizione anglo-sassone, o ancora 15 punti birra dedicati agli appassionati delle Real Ales e delle Craft Beers. Migliaia di persone, a ogni edizione e con ogni mezzo, da tutta Europa raggiungono la piana di Colfiorito, approfittando dell’ampio parcheggio, dell’area camping attrezzata di più di 30 ettari dove vivere il turismo esperienziale di una città nomade, ecosostenibile, che sorge fra i monti per soli tre giorni l’anno. Oltre gli appassionati di tende e picchetti, spazio anche per chi sceglie di arrivare in camper, con zona attrezzata, accoglienza e info-point a cura di Cocovan -la start-up tutta marchigiana che mette in contatto viaggiatori che vanno nella stessa direzione-; e in moto con apposita zona del campeggio riservata ai motociclisti con due ruote al seguito. 

Festival ecosostenibile
Montelago si impegna da anni a garantire la salvaguardia dell’ambiente che lo ospita attraverso la collaborazione di due preziosi alleati: il Cosmari, Consorzio Smaltimento Rifiuti di Macerata, che promuove la raccolta differenziata, distribuendo gratis all’ingresso il kit di sacchetti dove riporre distintamente tutti i propri rifiuti e garantisce un lavoro costante di pulizia dei cassonetti e dei prati sia durante che dopo il Festival; il partner Legambiente che, con il suo speciale Esercito Green di Montelago, informa sul corretto smaltimento dei rifiuti e vigila sull’eco-gestione degli stand gastronomici e del mercatino (tutti gli stand gastronomici presenti utilizzano stoviglie biodegradabili).

Family Village
Sempre più famiglie con piccoli celti al seguito partecipano alla manifestazione. Così per loro Montelago riserva un’area del campeggio, il Family Village, con Baby Park e attività ludiche. Un piccolo villaggio per le tende, divertente e sicuro, in un angolo appartato del camping, per vivere l’atmosfera del Festival con ritmi idonei per i più piccoli e in una realtà di giochi e fantasia adatta per farsi nuovi amici. Nel Baby Park due animatrici dell’associazione La Carovana sono a disposizione delle mamme e dei papà per coinvolgere i figli in attività ludiche ed educative. Laboratori a tema, passeggiate a dorso d’asino, workshop dedicati, mini spettacoli e animazioni per un weekend tra natura e cultura.

Mercato dell’artigianato
Un bazar aperto da giovedì a sabato notte dove scoprire il meglio dell’artigianato europeo, fra manufatti fantasy, sidri, pozioni e idromele. Nato con la prima edizione, il Mercato si snoda dal Main Stage fino alla Tenda Tolkien, vicino agli stand gastronomici, lungo un percorso che unisce le due estremità dell’area destinata alla manifestazione, agli spettacoli, all’intrattenimento.

Rugby: Flowers of Montelago
Montelago Celtic Festival è patrocinato dalla FIR (Federazione Italiana Rugby) e a ogni edizione organizza il Flowers of Montelago, il torneo di rugby a 7 riservato alle società e ai tesserati FIR. Il torneo si svolge all’interno del Festival davanti a un pubblico di appassionati e curiosi, ed è riservato ad un massimo di 8 squadre. Un momento speciale quanto pazzesco è dedicato al terzo tempo, cioè il momento della festa tra giocatori e appassionati che smorza le rivalità del dopo partita.

Novità 2019: i cammini.
I grandi raduni del passato erano occasioni per incamminarsi al di là delle terre conosciute. Viandanti, pellegrini, druidi e mercanti percorrevano lande desolate e terre straniere per incontrare genti e stringere alleanze. Quest’anno, si arriva a Montelago Celtic Festival nel più antico dei modi: camminando! In collaborazione con Domizioli Viaggi e Risorse Cooperativa, proposte tre suggestive vie per giungere al Festival, scoprendo le arcane bellezze dell’Appennino Umbro-Marchigiano: 1) NELLE TERRE DEI ROHIRRIM (max. 50 posti); 2) IL SENTIERO PER EREBOR (max. 30 posti); 3) OLTRE IL PONTE SUL BRANDIVINO (max. 50 posti). Una vacanza diversa, nel segno dell’avventura. Info e prenotazioni su >>>http://bit.ly/Montelago_Walker

Come arrivare
In auto: Dalla costa adriatica: da Civitanova Marche prendere la superstrada direzione Macerata/Foligno fino all’uscita di Colfiorito. Poi seguire la segnaletica del Festival. Dalla costa tirrenica: da Foligno prendere la superstrada direzione Civitanova Marche fino a Colfiorito. Poi seguire la segnaletica del Festival.
In treno: Raggiungere la stazione di Foligno e da lì usufruire del servizio bus-navetta o prendere un taxi collettivo.

_________________________________________________________________________________

MADAME GUITAR 2019
CONCERTI

VENERDÌ 20 SETTEMBRE
Teatro “Garzoni” – ore 20.00
ALBERTO CALTANELLA
TREVOR GORDON HALL (USA)
MARINO DE ROSAS
SARAH JANE MORRIS & ANTONIO FORCIONE (UK-I)

SABATO 21 SETTEMBRE
Piazza Garibaldi – ore 11.00
TONY LONGHEU
WALTER “Acoustic Spirit” TESSARIS
Piazza Garibaldi – ore 15.00
LORIS VENIER
SERHAL AKBAT (TR)
RENO BRANDONI
LAME DA BARBA
Teatro “Garzoni” – ore 20.00
MARCUS EATON (USA)
ANTHONY BASSO ACOUSTIC TRIO - 50° anniversario di Woodstock
ENRICO MARIA MILANESI
MARTIN BARRE ACOUSTIC TRIO (UK) - 50° anniversario dei Jethro Tull

DOMENICA 22 SETTEMBRE
Piazza Garibaldi – ore 11.15
PIERANGELO MUGAVERO
GIULIO REDAELLI & SOCRATE VERONA
Piazza Garibaldi – oew 15.00
MATCHING TIES (USA-UK)
TINSAGÚ (JPN- I)
SDRINDULE
MICHELE PIRONA ACOUSTIC PROJECT
Teatro “Garzoni” – ore 19.15
DON ALDER (CAN)
ANTONIO ONORATO
MAURO MIBELLI
KANZONETTE TRIO
Tutti insieme per Madame Guitar

BIGLIETTI
CONCERTI AL TEATRO “GARZONI” 20 e 21 settembre: Interi € 22 Ridotti: Residenti a Tricesimo e nelle città gemellate di Buzet (HR) e Mittersill (A), soci Folk Club € 18. Speciale under 24 € 10. Ingresso libero per under 14 accompagnati da un adulto. 22 settembre: Interi € 18. Ridotti: Residenti a Tricesimo e nelle città gemellate di Buzet (HR) e Mittersill (A), soci Folk Club € 14. Speciale under 24 € 10. Ingresso libero per under 14 accompagnati da un adulto. ABBONAMENTO 3 SERATE AL TEATRO “GARZONI” Interi € 50: Ridotti: Residenti a Tricesimo e nelle città gemellate di Buzet (HR) e Mittersill (A), soci Folk Club € 40. Speciale under 24 € 20. Ingresso libero per bambini under 14 accompagnati da un adulto. Gli abbonamenti si possono prenotare presso i contatti dell’organizzazione qui sotto o a teatro la prima sera. CONCERTI IN PIAZZA Accesso libero

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI 348-8138003 - info@folkclubbuttrio.it - www.folkclubbuttrio.it