Festival World e Trad

I principali festival folk, world e trad 

AL VIA DOMENICA 19 SETTEMBRE da LA CAPLERA di MEDESANO (Parma)
 
AHYMÉ
la terza edizione del festival interculturale dell’integrazione dedicato alla cultura e alla musica internazionale

SI AGGIUNGE UN NUOVO APPUNTAMENTO IL 23 SETTEMBRE A MILANO
in occasione della MILANO FASHION WEEK 2021
  
Al via domenica 19 settembre da LA CAPLERA di MEDESANO (Parma) la terza edizione di AHYMÉ, il festival interculturale dell’integrazione dedicato alla cultura e alla musica internazionale. La manifestazione è ideata dall’artista, musicista, compositore e autore Bessou Gnaly Woh (Presidente dell’Associazione “Colori d’Africa – APS”) con il coordinamento musicale di Giovanni Amighetti, insieme alla casa di produzione Arvmusic e all’agenzia di management Griot.de. Ahymé è un festival di condivisione in cui la musica ha un ruolo fondamentale in quanto strumento di dialogo tra i popoli, una forma d’espressione che unisce diverse culture. Un momento di incontro fra persone con differenti tradizioni e costumi al fine di sensibilizzare e promuovere l’inclusione sociale e la convivenza civile. La serata di presentazione, che si terrà domenica 19 settembre presso LA CAPLERA (Strada Costa Garibalda, 11, Medesano), avrà inizio alle ore 18.00 (ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria inviando una email al seguente indirizzo info@museocineseparma.org). L’evento vedrà come protagonisti il Presidente dell’Associazione “Colori d’Africa – APS” BESSOU GNALY WOH, il fotografo e regista ARTURO DELLE DONNE, la vicedirettrice del Museo d’Arte Cinese ed Etnografico di Parma CHIARA ALLEGRI, il pittore parmigiano ENRICO ROBUSTI, lo storico dell’arte ALESSANDRO MALINVERNI, la psicoterapeuta LAURA CASTALDINI, l’esperta in politiche di genere FABRIZIA DALCÒ, il presidente di Impresa Donna CNA Parma SANDRA ROSSI e il regista GIANPAOLO BIGOLI. Gli ospiti della serata daranno vita a un talk dal titolo “Dialogare sul dialogo”. L’incontro sarà preceduto da un’apericena e una degustazione di vini provenienti da vitigni autoctoni del produttore Altavia di Dolceacqua. Agli eventi che si terranno a La Caplera di Medesano e al Museo d’Arte Cinese ed Etnografico di Parma, si aggiunge un nuovo appuntamento il 23 settembre a MILANO presso Villa Scheibler (Via Felice Orsini, 21 – inizio serata ore 19.30 – ingresso su invito), in occasione dell’inaugurazione della sesta edizione dell’Afro Fashion Week Milano. L’evento si inserisce nel programma della Milano Fashion Week 2021. Il festival Ahymé, dopo la tappa milanese del 23 settembre, proseguirà con sei appuntamenti che si terranno tra il 24 settembre e il 21 ottobre presso il Museo d’Arte Cinese ed Etnografico di Parma e vedranno come ospiti il fisarmonicista e compositore russo VLADIMIR DENISSENKOV (24 settembre), lo scrittore camerunese EMMANUEL EDSON (1 ottobre), la cantautrice ivoriana PROUDENCE (2 ottobre), il violinista e percussionista del Canzoniere Grecanico Salentino MAURO DURANTE insieme al chitarrista, produttore e compositore JUSTIN ADAMS (6 ottobre), il pianista e compositore israeliano OMER KLEIN (20 ottobre) e il pianista ADAM KROMELOW che presenterà il progetto “Genesis Piano Project” (21 ottobre). Protagonista degli eventi in programma il 23 settembre a Milano e l’1 e il 2 ottobre a Parma sarà il polistrumentista del Burkina Faso PETIT SOLO DJABATE che presenterà in anteprima live il suo nuovo progetto discografico “play@esagono”, realizzato con il musicista e produttore GIOVANNI AMIGHETTI, il chitarrista, Direttore Artistico e Responsabile del dipartimento di chitarra del CPM Music Institute di Milano LUCA NOBIS e con il bassista VALERIO “COMBASS” BRUNO e la violinista GIULIA CHIAPPONI.
I biglietti dei concerti che si terranno presso il Museo D’Arte Cinese ed Etnografico di Parma sono acquistabili online sul sito del museo (www.museocineseparma.org/it/news/291-ahyme-festival-2021-19-settembre).
L’iniziativa, prodotta dall’Associazione di Promozione Sociale Colori d’Africa con Arvmusic, il Museo d’Arte Cinese ed Etnografico di Parma e La Caplera di Medesano, è realizzata con il contributo di Fondazione Cariparma e della Regione Emilia Romagna ed è inserita nel calendario degli eventi di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020-2021.
 

I biglietti dei concerti sono acquistabili online sul sito del museo (www.museocineseparma.org).
Per informazioni e per prenotazioni inviare una email al seguente indirizzo info@museocineseparma.org.
 
_____________________________________________________________________________________

Uvernada 
29 - 31 ottobre 2021


In ogni tempo, in ogni situazione ha continuato a suonare. Non importa se i frangenti che ha dovuto affrontare fossero propizi oppure avversi: le sue note non si sono fermate, i suoi strumenti non hanno taciuto. Per chi danza e per chi canta, per chi ascolta. La musica occitana è ancora qui, nonostante tutto. Da sempre. E anche questa Uvernada si farà e si presenterà a voi nella forma che il momento ci consente, anzi, proprio da questo momento traiamo lo spunto per inventarla diversamente. Come quotidianamente l'abbiamo sempre reinventata. SEM ENCAR ICÌ.
Sergio Berardo

Occit’amo Festival, anche nella seconda estate caratterizzata dalle restrizioni dovute alla pandemia, ha saputo andare alle sue origini per superare l’empasse “Covid-19” e raccontare le genti occitane con oltre 45 appuntamenti, tra musica, parole e regole di distanziamento sociale, incontrando oltre 6000 persone, portando “intorno” al palco decine di operatori dello spettacolo che hanno potuto fare il loro lavoro. Ora è la volta della chiosa autunnale, quell’Uvernada che per la quinta volta consecutiva ritorna a Saluzzo portando con sè le vallate e la musica della tradizione. Una nuova versione, un’invasione degli spazi medievali della Città alta, delle vie del centro, portando la musica antica, l’innovazione, la liuteria, la festa e l’incontro nelle strade del Marchesato. Oltre 10 appuntamenti in tre giorni attraverso i quali conoscere le sonorità delle Terre del Monviso e viaggiare oltre, oltre le montagne, in cerca di ciò che ci accomuna.
Lou Dalfin, Massimo Giuntini e Martino Vacca, Pascal Chambriard e Philip Marmy, la liuteria di Monsieur Boudet, Jean Paul Faraut e il suo seguito di flauti nizzardi, Bataclan, Orange Jug, Teres Aoutes String Band, Lou Pitakass, ancora, cornamuse, galobet, violini ed organetti saranno tutti protagonisti in una lunga domenica negli spazi cittadini. Non mancherà una Mostra Mercato di liuteria e artigianato sotto la bellissima Ala di ferro, momento per raccontare la cultura delle vallate alpine attraverso l’arte dell’intaglio e la maestria nella costruzione di antichi strumenti..

La formula: un fine settimana per conoscere le Terre del Monviso
Uvernada quest’anno si chiude con San Martino e con l’ultimo weekend di ottobre. Ecco così che il Festival potrà essere occasione per una gita nelle Terre del Monviso.  I Musei di Saluzzo - Antico Palazzo Comunale, Pinacoteca, Torre Civica, Casa Pellico, Castiglia, Museo Civico Casa Cavassa -, gli agriturismi del territorio, le locande delle vallate circostanti per brevi gite fuori porta… aspettando la musica. Coloro che sceglieranno questa meta ai piedi del Monviso non avranno soltanto musica serale, ma potranno godere di un pacchetto che include il buon cibo della tradizione occitana in decine di osterie e ristoranti, il territorio con escursioni nelle vicine vallate o nella pianura con i suoi centri storici, le bellezze architettoniche che narrano gli antichi fasti della Capitale del Marchesato e la storia medievale (dall'Abbazia di Staffarda al Monastero di S. Maria della Stella a Rifreddo). Grazie alla collaborazione con gli esercenti saluzzesi una serie di proposte adatte a ogni palato.

Saluzzo Monviso 2024: la sfida delle Terre del Monviso
Uvernada quest’anno rientra a pieno titolo in un tratto di strada che il territorio delle Terre del Monviso sta facendo insieme, e cioè la candidatura a Capitale Italiana della Cultura 2024. Per la prima volta un territorio si candida unitamente, quel territorio che è porta occidentale della grande regione occitana, quel territorio che si propone come porta verso altre culture, come cerniera tra le genti. E Uvernada è il momento autunnale di ritrovo delle genti che giungono da terre diverse, un saluto alla stagione appena trascorsa e un arrivederci al nuovo anno di musiche e danze. La musica, ma anche la tradizione dei liutai, l’antica arte della coltelleria, l’artigianato nelle sue diverse forme, tutti elementi di una cultura che si narra e offre occasione di incontro e festa.

A REGOLA D'ARTE - Saranno osservate tutte le misure di sicurezza richieste. A ogni evento si potrà partecipare solamente se in possesso del Green Pass.

Tutti gli eventi saranno prenotabili sul sito https://www.occitamo.it


Venerdì 29 ottobre 2021
Cinema Teatro Magda Olivero
Via Palazzo di Città 15, Saluzzo
GRAN GALA’ LOU DALFIN 
Ospiti
Jean Paul Faraut, Massimo Giuntini, Fabrizio Simondi e il Coro L’Escabot,Michela Giordano, 
Pascal Chambriard, Philip Marmy, Luca Poetto
Ingresso € 8 - pagamento in Teatro

Sabato 30 ottobre 2021
Mercato cittadino
Dalle ore 10.30
Passacharriera

CROCE NERA – Piazza San Nicola, Saluzzo
ore 15.00
Il galobet nella Musica Antica (medievale, rinascimentale, barocca)
Jean Paul Faraut
Ingresso libero 

ore 16.00
Le cornamuse delle terre d’oc 
Dino Tron 
Un viaggio attraverso il mondo ricco e complesso delle cornamuse occitane
Ingresso libero 

ore 17.00
Cornamusa irlandese
Massimo Giuntini & Martino Vacca
Le uillean pipes, mitico strumento della tradizione irlandese
Ingresso libero 

Ore 21.00
CROCE NERA – Piazza San Nicola, Saluzzo
La Velhada
Due storie, due racconti. Il Mastro Liutaio Boudet per viaggiare nel tempo di uno strumento “totemico” mentre Sergio Berardo narra la nuova impresa di Lou Dalfin con il brano dedicato alla memoria di Bartolomeo Vanzetti e la presentazione dell’inedito video girato con il videomaker saluzzese Paolo Cilli
Con la partecipazione di Pascal Chambriard (Cornamusa Bechonnet) e Philip Marmy (Ghironda)
Modera Alberto Gedda e Aldo Papa
Ingresso libero 

Ore 23.00
Antiche Scuderie – Ex Caserma Musso, Piazza Montebello 1, Saluzzo
Destacha la Danza
Con Daniela Mandrile e Li Vacasier
Ingresso gratuito 

Domenica 31 ottobre 2021
Dalle ore 10.00
Ala di ferro - Piazza Cavour
Mostra Mercato di liuteria, coltelleria e artigianato delle Valli occitane e delle Terre del Monviso.

Dalle ore 11.00
La musica occitana in diverse forme e strumenti. Cornamuse, flauti, galobet, violini ed organetti, ghironde e blues!

Dalle ore 11.00 alle ore 12.00
Antico Palazzo Comunale - Lou Pitakass
Chiostro di San Giovanni - Bataclan
Giardini della Scuola APM - Orange Jug 
Casa Cavassa - Teres Aoutes String Band

Nel pomeriggio della domenica un momento in musica sotto l’Ala di Ferro  con tutti i protagonisti di Uvernada. Durante Uvernada i locali saluzzesi convenzionati per l’occasione proporranno nel loro Menù 
prodotti della tradizione Occitana

Info e prenotazioni
Mu.Sa. - Musei di Saluzzo
Tel. 0175 240006 - 800 942241
____________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

Su:ggestiva 
Musica pura per luoghi straordinari
dal 22 al 24 ottobre 2021 
Parco Archeologico dell’Appia Antica | Roma


Su:ggestiva, uno dei festival più interessanti del panorama musicale contemporaneo, capace di declinare in modo originale luoghi bellissimi, suggestivi ed unici presenta la seconda settimana. Fino al 24 ottobre 2021, una selezione di perle rare della scena musicale nazionale e internazionale, calate nel contesto d’eccezione delle maestose rovine romane del Parco Archeologico dell’Appia Antica. In programma anche visite guidate del Parco e laboratori di scoperta per bambini. Nel secondo week-end di festival il Parco Archeologico farà da palcoscenico a Khalab, producer noto a livello internazionale per la sua sintesi elettrizzante e ricercata tra musica africana, bassi profondi, jazz e texture elettroniche. Khalab si esibirà accompagnato dalla sua live band (22 ottobre). Sabato 23 ottobre due esperienze al limite del mistico. In prima serata il sax viscerale di Antonio Raia incontra  le composizioni elettroacustiche di Renato Fiorito, tra musica ambient e ritmiche irregolari, in un continuo gioco di rimandi tra timbri acustici ed elettronici che descrivono un paesaggio onirico. Si prosegue con Gianpace, uno dei primi live del nuovissimo progetto di Go Dugong, producer milanese noto per i suoi patchwork super contemporanei di elettronica e world music, che ha approfittato del lockdown per avviare un’introspezione ultradimensionale. Microdosaggi di sostanze allucinogene hanno portato alla creazione di musica meditativa ed emozionale, concepita in uno spazio sorprendente e capace di trasmettere visioni provenienti da stati alterati di coscienza. Su:ggestiva prosegue il 24 ottobre con tre esibizioni d’eccezione. Nicolò Grassi, il virtuoso Primo Violino dell’Orchestra Arcangelo Corelli di Ravenna, che si esibirà in un programma che spazia da Bach a Ysaÿe. Paolo Spaccamonti chitarrista e compositore torinese, nome di punta della scena avant italiana dalla discografia ricchissima e dalle prestigiose collaborazioni con eccellenze del panorama musicale italiano e internazionale (Jochen Arbeit degli Einstürzende Neubauten, Stefano Pilia, Roberto "Tax" Farano dei Negazione, Riccardo Sinigallia). Chiude la rassegna  Matteo D’Incà (collaboratore di Andrea Rivera, Daniele Silvestri, Peppe Voltarelli, Teresa De Sio) con “Una relazione aliena”, progetto ideato per Su:ggestiva incentrato sulla storia di un'equipe aliena che studia l'umanità terrestre. Un viaggio ipermoderno, esotico ed esoterico, tra strumenti elettronici e acustici con riferimenti musicali a Frank Zappa, Bill Frisell, Matthew Herbert, Steve Reich. Su:ggestiva crea, grazie alla visione degli artisti, connessioni profonde tra luoghi e persone. Un evento che unisce emozionalmente la scoperta di luoghi magici e musica. Su:ggestiva è percorso di narrazione e scoperta dei luoghi più belli e particolari d’Italia, un’esperienza in cui la musicaamplifica e dona nuove suggestioni a vicoli, scorci, palazzi storici, monumenti, chiese sconsacrate, piscine termali, grotte sotterranee al buio (si suona a lume di candela), caverne, rifugi atomici, piccoli auditorium, aree archeologiche, gallerie, grotte, torri e rocche. Su:ggestiva è una produzione ARTmosfera per la direzione artistica di Scuderie MArteLive, un format ideato e diretto da Giuseppe Casa in collaborazione con Lune Magrini. 
 
Programma
 
22 ottobre 2021 ore 19:00
        Khalab + live band
Ninfeo Villa dei Quintili
CONCERTO 
 
22 ottobre 2021 ore 21:00
Khalab + live band
Ninfeo Villa dei Quintili
CONCERTO 
 
23 ottobre 2021 ore 19:00
Gianpace live
Ninfeo Villa dei Quintili
CONCERTO 
 
23 ottobre 2021 ore 21:00
Antonio Raia e Renato Fiorito 
Ninfeo Villa dei Quintili
CONCERTO 

24 ottobre ore 11:00
VISITA GUIDATA APPIA ANTICA 
Il lusso del potere: fasti imperiali nella Villa dei Quintili
Partenza da ingresso Villa dei Quintili
  
24 ottobre  ore 15:00
PICCOLI ESPLORATORI: 
VISITA GUIDATA E GIOCO-SCOPERTA DELL’APPIA ANTICA 
PER BAMBINI E FAMIGLIE
Partenza Basilica di San Sebastiano
 
24 ottobre 2021 ore 17:00
Nicolò Grassi
Primo Violino La Corelli
Ninfeo Villa dei Quintili
CONCERTO 
 
24 ottobre 2021 ore 19:00
Paolo Spaccamonti 
Ninfeo Villa dei Quintili
CONCERTO 
 
24 ottobre 2021 ore 21:00
Matteo D’Incà 
Ninfeo Villa dei Quintili
CONCERTO 

Su:ggestiva è un progetto promosso da Roma Culture, vincitore dell'Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020 – 2021 –2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali e realizzato in collaborazione con SIAE e con ATCL Lazio.  Radio Rock è media partner di Su:ggestiva! 
Su:ggestiva - Musica pura per luoghi straordinari
dal 15 al 24 ottobre 2021 nel Parco Archeologico dell’Appia Antica
 
Scopri Su:ggestiva su  www.martechannel.it/suggestiva
Web: www.suggestiva.eu  www.scuderiemartelive.it
Facebook:  Scuderie MArteLive ; Su:ggestiva  - musica pura per luoghi straordinari
info: 06 8676 0565

BIGLIETTI  www.marteticket.it
ACCESSO CON GREEN PASS E APPIA CARD
La Mia Appia Card è il biglietto nominativo a durata annuale con il quale potrete accedere illimitatamente a tutti i siti del Parco Archeologico dell’Appia Antica.  Acquistabile sul sito di CoopCulture al costo di 10€ (+ 2€ prevendita)
_____________________________________________________________________________________

Fairport’s Cropredy Convention festival
postponed until 11- 13 August 2022

Fairport Convention today announced that their annual music festival, Fairport’s Cropredy Convention, has been postponed for the second time. The three-day event had been scheduled to take place on 12-14 August this year. It will now be staged over the weekend of 11, 12, 13 August 2022 on its usual farmland site in Oxfordshire. The organisers hope the current line-up of acts will be carried forward. Artists booked to appear this year have provisionally agreed to transfer their bookings to 2022. Highlights are expected to include Trevor Horn Band, Clannad, Steve Hackett’s Genesis Revisited, Richard Thompson, and host band Fairport Convention. Festival Director Gareth Williams said: “We’re left with no other choice than to postpone our festival again. We have reached the point where we’d need to spend big money but without any certainty we could go ahead. The dilemma we are facing is simple – proceed and risk potentially going out of business or postpone for a year and live to fight another day." “So far, despite over six months of lobbying, the government has failed to support any form of Covid-related cancellation insurance scheme for the festival industry,” Mr Williams continued. Also, there has been no guidance on what mitigations might be required post Step 4. This has made it effectively impossible to plan this year’s event.” “Like the rest of the festival industry, we’ve tried everything we can to keep going but I’m afraid we would be placing Cropredy’s future in serious jeopardy if we were to go ahead.” Mr Williams said tickets purchased in 2020 and 2021 will be valid for the rescheduled festival. “Ticket buyers who can’t attend next year will be entitled to a refund,” he added, “but we hope people will hang on to their tickets until next year. This will help us keep the festival going throughout the coming months while we prepare a great weekend of music for next summer.”