Festival Canzone D'Autore

I principali festival dedicati alla canzone d'autore e al rock


Campidoglio, tutta la città partecipa alla 
Festa della Musica 2019
Finora superati 4.300 musicisti iscritti per oltre 450 appuntamenti
Online il programma delle esibizioni in strade e piazze, musei, chiese, stazioni metropolitane, mercati rionali, ospedali

Venerdì 21 giugno dalle 16 alle 24 torna a Roma la FESTA DELLA MUSICA, giunta alla sua 34ima edizione europea. Una grande manifestazione spontanea e gratuita che coinvolgerà tutti i Municipi della Capitale, dal centro alla periferia, con le esibizioni e le performance dei musicisti amatori e professionisti che hanno risposto alla Call “Facci sentire chi sei!”. Per otto ore consecutive la città sarà invasa da ogni genere musicale - dalla classica al reggae, dall’elettronica al pop, dal folk al jazz, dal blues al rock - e si festeggerà tutti insieme il solstizio d’estate suonando, ballando e cantando sia in strade e piazze sia in luoghi tradizionalmente non destinati alla musica come parchi, ville, chiese, ospedali, ASL, mercati rionali, centri commerciali, stazioni della metropolitana, università, biblioteche, musei, teatri. In occasione della Festa della Musica di Roma Capitale tutti potranno fare liberamente musica in città, in conformità con l’anima della prima Festa lanciata in Francia nel 1982, con i principi della Carta di Budapest, e con lo spirito con cui la Festa della Musica è vissuta in contemporanea in altre città italiane, in molte città in Europa (Francia, Spagna, Germania, Gran Bretagna, Grecia, solo per citare alcuni paesi) e nel resto del mondo, dall’Africa agli USA, dal centro e sud America alla Cina, fino ad arrivare in Australia. Una Festa caratterizzata dalla partecipazione spontanea dei cittadini e di tutti coloro che vivono la città. Chiunque vi può prendere parte attivamente: artisti, studenti, gruppi musicali, cori, solisti, professionisti e soprattutto amatori.
E quest’anno la Festa della Musica di Roma si appresta a diventare una delle più partecipate a livello internazionale. A tre giorni dall’evento, sono infatti state superate le 450 adesioni spontanee per un totale di oltre 4.300 musicisti coinvolti. Ma i numeri potrebbero ulteriormente aumentare poiché c’è tempo fino alle 23.59 di domani, mercoledì 19 giugno, per iscriversi gratuitamente online sul sito www.festadellamusicaroma.it. La Festa della Musica di Roma 2019, promossa da Roma Capitale - Assessorato Crescita culturale - Dipartimento Attività Culturali con la comunicazione di Zètema Progetto Cultura, è realizzata in collaborazione con Atac S.p.A e Roma Servizi per la Mobilità S.r.l. e aderisce alla Festa della Musica promossa dal MIBAC, Ministero dei beni e delle attività culturali - Società Italiana degli Autori ed Editori - AIPFM Associazione italiana per la Promozione della Festa della Musica. “Finora sono oltre 450 gli appuntamenti registrati sul nostro sito, con oltre 4.000 artisti che porteranno la loro voglia di fare musica in tutti i Municipi. Numeri che ci raccontano come stia crescendo a Roma la partecipazione a questo evento, anche rispetto alle due precedenti edizioni organizzate dalla nostra Amministrazione raccogliendo lo spirito della prima Festa della Musica organizzata in Francia nel 1982. È una manifestazione che sta diventando un appuntamento fisso, sentito, che libera la voglia di fare musica in tutti i territori della Capitale. E questi numeri sono destinati a crescere: le iscrizioni sul sito www.festadellamusicaroma.it potranno essere inserite fino alla mezzanotte di domani, 19 giugno”, dichiara la Sindaca Virginia Raggi. Per il Vicesindaco con delega alla Crescita culturale Luca Bergamo “Credo che in questo momento storico di grandi paure e solitudine trascorrere un pomeriggio come una serata immersi nella musica e nella bellezza di Roma insieme ad altre persone sia un modo per abbattere muri e riappropriarsi degli spazi pubblici proprio come accade da anni in altre Capitali europee. Questo è il terzo anno che la nostra città vive la Festa rinnovando lo spirito della prima manifestazione organizzata in Francia che i romani hanno dimostrato di apprezzare, visto l’alto numero di adesioni finora arrivate che mettono la Festa della Musica di Roma tra gli eventi più partecipati a livello europeo”. Ecco alcune anticipazioni del programma. Le strade, le piazze e le ville di ogni quadrante della Capitale risuoneranno delle note della Festa. Tra i tanti contributi privati: dalle 15 alle 24 in Piazza del Popolo si esibiranno i fisarmonicisti del gruppo fb La fisarmonica nel cuore; dalle 17 alle 20 in Piazza San Lorenzo in Lucina l’Orchestra I Piccoli Musici con 40 elementi, violinisti e violoncellisti, dai 4 ai 18 anni; a Trastevere, piazza Sonnino sarà animata dalle 16 alle 24 dal Circle Music Fest, mentre in Piazza Santa Maria in Trastevere dalle 18 alle 19 e in Piazza San Giovanni della Malva dalle 19.30 alle 20.30 risuoneranno le sonorità brasiliane con Tambores Do Mundo dei percussionisti Groove da Fé; Village Celimontana propone a Villa Celimontana dalle 16 alle 18 concerti jazz a cura di Accademia musicale risonanze e di Associazione Musikè, alle 18.30  la Romana Swing Orchestra e alle 19.30 la Mississippi big band. Dalle 22 alle 24 lo spettacolo Greg & The Makin’ Swing Sextet con un repertorio di canzoni americane rese celebri da Frank Sinatra, Dean Martin, Andy Williams. In Via del Pigneto dalle 19 alle 23.30 Canzoni e Racconti per passanti titubanti con Pino Marino, Agnese Valle, Marco Cataldi, Alessandro D’Alessandro e il piccolo coro a cappella “Accordi e disaccordi”; alle 19.30 in Via Pesaro, c’è il live della Pigneto Orkestra con i suoi 20 musicisti jazz; dalle 19 in Piazza di Montevecchio, in prossimità del Teatro Arciliuto, la musica del Gruppo Arciliuto, dal jazz alla migliore tradizione italiana; alle 21 nei Giardini di Castel S. Angelo nell’ambito di Letture d’Estate, il Quintetto di fiati “Gianni Rodari” eseguirà, per grandi e piccini, Pierino e il lupo.
La Festa animerà anche mercati rionali e centri commerciali della Capitale: nel Centro Commerciale Le Torri, dalle 16 alle 22 pop/folk e country con il giovane cantautore romano Canziani e vari gruppi musicali della Scuola di musica Mozart; dalle 16 alle 24 concerto jam di musicisti amatoriali con percussioni, chitarra, basso e voce nel Mercato di Via Valesio; alle 16.30 il pop della Fermenti Band, a cura di Asl Roma 2, animerà il Mercato coperto San Paolo in Via Corinto 12; alle 17, appuntamento al Centro Commerciale Casetta Mattei con il live set acustico di Mirko Valeri & I Via Greve; alle 18, concerto chitarristico tra i banchi del Mercato Filippo Meda; dalle 20 alle 24 degustazioni e musica rock nel Mercato Condottieri Labicano. Tanta musica anche nelle stazioni ferroviarie e della metropolitana. ATAC S.p.a. ospiterà alcune performance e, alle 14, la Stazione Metro C San Giovanni farà da palcoscenico a Mamme narranti con Andrea Satta e fiabe raccontate da mamme di varie nazionalità accompagnate dal pianoforte di Angelo Pelini, dalle incursioni circensi di Circo Maximo e dai disegni di Fabio Magnasciutti. Lo spettacolo sarà ripetuto alle 18 anche nella Biblioteca Nelson Mandela. Alle 17 nella Metro Vittorio Emanuele si esibirà la giovane band indie-rock romana Panta con uno speciale set unplugged (chitarra acustica, cajon e basso); sempre alle 17, ancora nella Metro San Giovanni, uscita Castrense, concerto del trio Balkanski Put che porterà al pubblico le sonorità della via dei Balcani. Dalle 18 a mezzanotte, la Stazione ferroviaria di Montemario ospiterà il concerto voce e chitarra del cantautore romano ELG dal titolo  Libertà gratis per tutti. La Festa della Musica varca anche la soglia delle ASL e delle aziende ospedaliere della Capitale. Tra i concerti in programma segnaliamo alle 17.15, nell’atrio del nuovo edificio dell’Ospedale Sant’Eugenio all’Eur il concerto di musica popolare del Coro I Fringuelli diretto dal M° Marina Mango; nella Asl Roma 2 di fronte al Nuovo Cinema Aquila appuntamento alle 18.30 con il Coro Note Magiche; all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù in piazza Sant'Onofrio dalle17.45 alle 19.30 concerto di chitarre e armonica a bocca con i OPBG, quattro ragazzi seguiti presso l’Ospedale, seguiti dall’ottetto di chitarre classiche Alsium Ensemble; dalle 18 alle 20 all’ Auditorium della I^ Clinica Medica del Policlinico Umberto I il Complesso QRS Largo eseguirà musica classica e cover di successo anni 60/70/80.
Dalle 16 alle 24 maratona musicale sul piazzale interno dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani dove si alterneranno: ore 17.15 Kisito Band, ore 18 Orchestra MuSa dell’Università degli Studi La Sapienza, ore 18.40 danze orientali con Le perle del Deserto, ore 19.20 polifonie dal mondo con il Coro Zenzerei, ore 20 il duo pianoforte e sassofono Fedeli Innarella, ore 20.40 il concerto di Doctor Life, ore 21.40 The Risk Band, ore 22.20 Luca Nostro Trio, ore 23 Danilo Rea al pianoforte. Al Policlinico Universitario Agostino Gemelli musiche di Verdi, Puccini, Scarlatti, Galliano, Piazzolla, Brahms, Bach, Ysaye e Mendelssohn-Bartoldhy, nel concerto la mattina ore 11.30 a cura del Conservatorio di Santa Cecilia, in collaborazione con le Scuole di Canto, Fisarmonica, Pianoforte e Violino. La musica sarà davvero accessibile a tutti: alle 16.45 in Piazza del Campidoglio è prevista la presentazione di un estratto di Notre Dame in LIS, primo musical interamente tradotto nella lingua dei segni, a cura della Federazione Italiana Associazione Sordi, dell’Accademia Europea Scuola Interpreti LIS e Performer LIS e dell’Università Tor Vergata; alla Città dell’Altra Economia dalle 18 alle 20, appuntamento con la Festa della Musica in LIS: esibizione live di cantanti e ballerini con traduzione nella lingua dei segni italiana a cura delle Associazioni Movimento LIS Subito e Sotto un Unico Cielo; sulla Terrazza del Pincio evento speciale dalle 19 alle 21 con Play the Ritmo, gruppo di improvvisazione musicale attraverso il linguaggio dei segni creato da Santiago Vazquez, “Ritmo con Segni”: un metodo che rende la melodia, l’armonia e il ritmo al 100% creati dal vivo e accessibili a tutti. L’Opera Don Guanella ospita sempre dalle 19 alle 21 Il canto dell’anima: concerto in cui si esibiranno vari artisti disabili insieme ad artisti a sviluppo tipico che dimostreranno come la musica dalla dis-armonia possa sviluppare l’armonia. Anche in alcuni atenei romani sono previsti eventi per la Festa della Musica. All’Università di Tor Vergata dalle 17 alle 20 si svolgeranno diversi eventi musicali, all’aperto e al chiuso, negli spazi della Macroarea di Lettere e Filosofia in Via Columbia, mentre alle 19, in Piazza dell’Ateneo Salesiano, ci sarà il concerto degli allievi dell’Accademia degli Ostinati diretti dal M° Robert Andorka.
L’Università La Sapienza presenterà invece due concerti nell’Auditorium della Cappella Sapienza: alle 20 Obbligo di Riconoscenza: l’Italia e il Jazz con la Big Band MuSa Jazz; alle 21, il Coro MuSa, diretto dal prof. Paolo Camiz, con musiche polifoniche del Quattrocento e Cinquecento europeo.
L’Auditorium della Facoltà Valdese di Teologia di Roma ospiterà alle 16 il concerto Jesu, meine Freude a cura di RomEnsemble, Coro Polifonico Cantoria Nova Romana della Civica Scuola delle Arti, diretto dal M° Annalisa Pellegrini, e alle ore 17.30 Civica in Concerto con allievi e formazioni dell’Accademia Internazionale di Musica in Roma Civica Scuola delle Arti su musica classica e da film. Tra i tanti appuntamenti nelle Chiese: alle ore 17.00 nella Chiesa di S. Silvestro alle Catacombe di Priscilla canti sacri antichi e moderni con il concerto Musica per lo spirito del Coro della Pontificia Università Gregoriana, diretto dal M° Giorgio Monari; alle 17.00 nella Chiesa di San Lucia del Gonfalone il concerto Rime e Note della pianista Nicoletta Cimpanelli, che sarà ripetuto alle 19.00 nella Chiesa Sant’Antonio Annibale Maria di Francia; alle 18.00 l’Orchestra Regina Margherita diretta dal M° Maurizio Schifitto, composta da ottanta ragazzi dell’I.C. Regina Margherita di Roma, si esibirà nei Giardini della Basilica di S. Alessio all’Aventino nel concerto Passione Musica; alle 20.30 nella Chiesa di San Francesco, in piazzetta di Monte Gaudio, concerto di musica corale dei Virgo Fidelis; alle 20.45 nella Basilica di Sant’Agnese fuori le mura concerto di musica corale con il Coro Colacicchi e il Gruppo Vocale Kantor; alle ore 21.00 nella Basilica di San Marco Evangelista al Campidoglio concerto Gospel del quartetto Four Sing & Dr. Pianist, a cura dell’Opera Romana Pellegrinaggi. La Festa della Musica varca anche la soglia della Casa Circondariale Regina Coeli con il concerto Musica Dentro: saggio-laboratorio di musicoterapia a cura dell’Associazione Musicamente a cui seguirà l’esibizione live della band musicale folk di Nando Citarella. Il progetto vede anche la partecipazione dell’Associazione Cemea del Lazio. Alcuni degli eventi offerti dalle istituzioni cittadine. Anche quest’anno, in collaborazione con la Sovrintendenza capitolina ai beni culturali e con il supporto organizzativo di Zètema Progetto Cultura, alcuni Musei Civici di Roma Capitale ospitano le performance ad ingresso gratuito degli artisti che hanno risposto alla call Suona nei Musei Civici!: nel cortile interno della Galleria d’Arte Moderna di Roma Capitale in via Crispi alle ore 20 si terrà lo spettacolo Didone, per esempio e alle 21.30 il concerto pop Le corde live; a Villa Torlonia, l'area esterna del Casino Nobile ospiterà alle 17.30 il concerto di musica pop del coro Kol Rinà, e fuori della Casina delle Civette si terrà alle 18 l’esibizione del coro dell'AutomobilClub di Roma Paolo Riccobono, ACR Chorus; a Villa Borghese, nel giardino del Museo Pietro Canonica alle ore 18 il concerto blues e jazz L'arte del duo e alle 19.15 dj set di musica elettronica con ErBox X; nel cortile del Museo di Roma a Palazzo Braschi alle ore 20.30 e alle ore 22 melodie turche reinterpretate in chiave jazz nel concerto Bosphorus in Blue con Yasemin Sannino (voce), Luca Ruggero Jacovella (pianoforte), Bruno Zoia (contrabbasso), Simone Pulvano (percussioni), Cristiano Califano (chitarra, oud), Renato Vecchio (fiati), in collaborazione con l’Ambasciata di Turchia; nella sala grande del Museo Napolenico alle 20.00 il concerto Paisiello, il compositore alla corte di Napoleone con la soprano Elena Lo Forte e la pianista Kozeta Prifti, e alle 21.15 l’esibizione di Fabio Zaniol con un repertorio dedicato alla canzone romana dai primi del Novecento ai giorni nostri.   La Fondazione RomaEuropa propone Nel Sud: dalle 16 alle 22 nella Sala Santa Rita, un’istallazione sonora e visiva su immagini d’archivio di antichi riti religiosi dell’Italia meridionale, a cura di Toni Cutrone e Mai Mai Mai. La Fondazione Teatro dell’Opera di Roma presenterà alle 19 in Piazza Beniamino Gigli il concerto della Scuola di Canto Corale del Teatro dell’Opera, mentre, nella stessa piazza, dalle 20 alle 23.15, risuoneranno le note della Tosca di Giacomo Puccini in scena nella sala. La Fondazione porterà inoltre nel Piazzale del Verano alle 21 lo spettacolo Figaro! OperaCamion con protagonisti i solisti di Fabbrica e la Youth Orchestra del Teatro dell’Opera. Classica e non solo con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia che proporrà alle 17 nel Teatro Studio Gianni Borgna i concerti di diploma dei corsi di perfezionamento e, in Sala Santa Cecilia, i saggi finali del Coro di voci bianche (alle 17) e del Chorus (alle 20.30). Al Palazzo delle Esposizioni, ore 20-21-22, si svolgerà invece il concerto di improvvisazione jazz degli studenti del Conservatorio dal titolo Aleatology - Esperimenti sonori, in omaggio a Demetrio Stratos e Cathy Barberian, in collaborazione con l’Azienda Speciale Palaexpo. A La Pelanda, Mattatoio di Testaccio, appuntamento dalle 19.30 con il progetto di suoni e immagini Racconti americani a cura di Muta Imago. L’Accademia Nazionale di Danza presenterà dalle 16 alle 18 in Via Margutta lo spettacolo Sonorità urbane - Dal centro alla periferia con esibizioni estemporanee dal vivo di alcuni giovani musicisti e danzatori del Master “Cantiere Infinito”. Lo stesso evento si ripeterà nel piazzale antistante la Biblioteca Laurentina in Piazzale Elsa Morante dalle 19 alle 21. Anche la Fondazione Musica per Roma partecipa a questa giornata di Festa con concerti gratuiti all’Auditorium Parco della Musica: alle 16.30 Giulia Tagliavia in R&R ritmo e risonanza;  alle 17 musica classica con la pianista Irene Ninno; alle 18 Marco Silvi in Mycocosmos, con musiche ispirate al mondo dei funghi; alle 19 i pezzi originali del pianista Luca Di Tommaso; alle 20 musica classica con la pianista italo- argentina Natalia Paviolo in Emozioni; alle 21.30 Dialogues tra le musiche dei popoli con Lucio Perotti; alle 22 Sotto le stelle del ragtime: in viaggio verso il jazz sulle note del pianoforte del M° Francesco Rossetti. La Casa del Jazz, invece, ospiterà alle 21.00 il Concerto per la Libertà di Stampa che vedrà sul palco il duo Cercatori di Libertà con la Scoop Jazz band. Tanti gli eventi proposti nelle Biblioteche di Roma: di seguito alcuni dei concerti in programma. Alle 17 La musica dei cori nella Biblioteca Pier Paolo Pasolini con i cori Bibliotecanto, Corale Polifonica Laurentum San Romualdo Abate e Arts and Music. Alle 17.30 Note In Biblioteca nella Biblioteca Laurentina a cura di Consonanze Scuola di Musica in collaborazione con associazione Impronta Sonora. Alle 18.00 Woodstock 50 in Biblioteca nella Biblioteca Cornelia, in omaggio ai 50 anni dallo storico evento musicale; sempre alle 18, la Biblioteca Valle Aurelia ospita Dal vento e dal mare: canti e racconti dagli oceani del mondo a cura dell’Orchestra Sentieri Popolari. Nella Biblioteca Villa Leopardi alle 18 il concerto Musiche per Archi del ‘700 e ‘800 del gruppo di archi Arcimboldo Ensemble, alle 18.30 Musiche di Vivaldi e Rossini con l’Ensemble di Musica da Camera del Liceo musicale Giordano Bruno diretto dal violinista Alberto Caponi, alle 20.30 musica classica con il pianista Antonio Fiumara, in collaborazione con Istituzione Universitaria Concerti. Nella Biblioteca del Villino Corsini alle 18 il concerto Arie d’opera a Villa Pamphilj con gli allievi della classe di Canto Lirico del Conservatorio “Ottorino Respighi” di Latina, diretti dal Maestro Mariangela di Giamberardino. Nel Teatro Biblioteca Quarticciolo dalle 18.30 il concerto Akoustic Opera Duo con Valerio Piccioni ed Emanuele Cecconi (pianoforte, chitarra e voce). Alle 18.30 nella Biblioteca Sandro Onofri il concerto di musica contemporanea Musica su due dimensioni – Tecnologia e linguaggi musicali tra tradizione strumentale e live electronics. Alle 19 nel Bibliocaffè Letterario il concerto Creedence Legend con Sergio Marino, Davide Colasanti, Bettino Mancini, Francesco Sellari, Luigi Beccafichi. Sempre alle 19 nella Biblioteca Ennio Flaiano esibizione, a cura della scuola Insieme per fare, del Coro di Voci Bianche e del Coro adulti Vox360, diretti dal Maestro Mauro Marchetti, e dell’Orchestra Giovanile, diretta dal Maestro Marco Giannoni. Alle 21 nella Biblioteca Vaccheria Nardi musica pop, rock e funk per lo spettacolo Under the tree con esibizioni di varie band a cura di Antidoti Live. Attività per bambini dalle 17 alle 18 alla Casina di Raffaello con il laboratorio Dipingerà la musica…dal vivo! in cui le attività didattiche saranno accompagnate dal vivo da musicisti di tutte le generazioni: nonni, studenti, genitori e bimbi. Ancora, segnaliamo alle 16 la proiezione alla Casa del Cinema del film musicale Casa Ricordi di Carmine Gallone, evento in collaborazione con la Cineteca Nazionale del Centro Sperimentale di Cinematografia. In collaborazione con l’Associazione Teatro di Roma, la musica risuonerà anche dalle porte del Teatro Argentina con il concerto della Roma Tre Orchestra che eseguirà, alle 16-17-18 il celebre Bolero di Ravel. Nel foyer del Teatro Valle appuntamento alle 20 con il racconto delle arie più celebri da La Lucia di Lammermoor, opera di Donizetti che andò in scena a Roma per la prima volta nel 1836 proprio nello storico teatro. Con Rosaria Angotti, soprano, Francesca Bruno, flauto, Francesco Micozzi, pianoforte, e la narrazione di Silvia D'Anzelmo. Il Teatro di Villa Torlonia ospiterà invece, sempre alle 18, Solstizio d’estate. Festa della Musica e della Poesia in cui si renderà omaggio alla bella stagione con poesia e musica. La Festa della Musica coinvolge anche il Teatro Tor Bella Monaca con una giornata intera all’insegna della musica. Si comincia alle 10, nel foyer, con un programma di musica classica a cura delle scuole di musica Mozart, Anemos Art e Pensiero Armonico. Dalle 16.00 alle 20.30 lungo l’area adiacente al Teatro si esibiranno la Banda dei Vigili Urbani e la banda itinerante Fanfaroma, mentre dalle 20.30, all’esterno del teatro, sarà la volta della Band Medici del Gemelli, dei Codice 99, e dei Sugar Blues. Da non perdere gli eventi proposti dalle Ambasciate straniere: a Piazza della Rotonda, ore 18-20.30, canti, danze e musica moderna e tradizionale indonesiana con i musicisti Tiara Siahaan, Timothy Samosir, Puspa Sari fusion e Dwi Loka per l’evento Siamo Indonesia! a cura dell’Ambasciata d’Indonesia a Roma; Piazza Navona farà da palcoscenico ai Romatitlan, gruppo di 14 mariachi che, alle 19, si esibiranno in un concerto di musica popolare messicana, a cura dell’Ambasciata del Messico a Roma; in collaborazione con l'Ambasciata di Romania e in occasione della Presidenza romena del Consiglio UE si esibirà in piazza di Spagna alle ore 16 e alle ore 17 la Musica Militare Rappresentativa della Gendarmeria Romena; in Piazza del Campidoglio, alle 20, concerto di Musica Indiana con Partho Sarothy (sarod) e Anandi Chowdhury (tabla). Il concerto è offerto in occasione dell’International Day of Yoga con l’Ambasciata dell’India di Roma e fa parte del programma del SummerMela di Find.

Sarà possibile seguire la Festa della Musica anche su Facebook, Twitter e Instagram sul profilo Cultura Roma.

Per il programma aggiornato e completo: www.festadellamusicaroma.it
#festadellamusicaroma
#FDMRoma 
Info 060608
_________________________________________________________________________________

 Festival Moon in june
Isola Maggiore (Lago Trasimeno)
21-22-23 giugno 2019


Carmen Consoli, i Bowland, guidati dalla voce della cantante Lei Low, e Maria Antonietta
tra i protagonisti della quinta edizione di ‘Moon in june’ (21, 22 e 23 giugno),
festival che torna nella splendida cornice umbra dell’isola Maggiore del Lago Trasimeno
per portare ancora musica, e non solo, in scena al tramonto.
Un cartellone dedicato principalmente alle donne e all’universo artistico femminile
e che citando Bob Dylan si intitola ‘Just like a women’.
Ed inoltre il Premio ‘Sergio Piazzoli’, riconoscimento ai musicisti umbri, e gli artisti
del collettivo Becoming X che faranno dialogare arte visuale e sonorizzazione musicale.

Con il titolo ‘Just like a women’ torna anche quest’anno, per la quinta edizione, il festival ‘Moon in June’, in programma all’Isola Maggiore del Lago Trasimeno il 21, 22 e 23 giugno 2019. E sarà appunto un’ondata di universo femminile ad invadere la piccola perla al centro del lago umbro. Il tramonto lacustre quest’anno sarà caratterizzato da suggestive atmosfere musicali visti i concerti in programma della ‘cantantessa’ Carmen Consoli (domenica 23 giugno, ore 19.45, 30 euro + d.p.), e del trio iraniano-fiorentino dei Bowland, band rivelazione dell’edizione 2018 del talent show XFactor guidati dalla magica voce della cantante Lei Low, con in apertura il reading-concerto anche di Maria Antonietta, una delle giovani voci più interessanti della scena musicale italiana (sabato 22 giugno, ore 19.45, 20 euro + d.p.). Il 21 giugno, ad ingresso libero, anche la novità del Premio ‘Sergio Piazzoli’, in omaggio al pronoter perugino scomparso qualche anno fa e a cui è stata intitolata la Fondazione SergioPerLaMusica, con esibizioni e riconoscimenti che coinvolgeranno gruppi e artisti umbri che si sono contraddistinti nella loro carriera.  ‘Moon in june’ porterà così ancora una volta musica di qualità in scena al tramonto. Ma non solo. Ad arricchire questa edizione anche le installazioni del collettivo di artisti Becoming X i quali faranno dialogare arte visuale e sonorizzazione musicale. Sempre nella splendida cornice del Trasimeno, la manifestazione propone quindi tre giorni “unici ed irripetibili” per continuare ad animare l’affascinante scenario dell’Isola situata nel cuore del Trasimeno. Da quest’anno, gli esercenti della piccola isola del Trasimeno, faranno assaggiare prodotti locali attraverso uno street food allestito all’interno delle via principale dell’Isola Maggiore.

21 giugno
La novità di quest'anno è il Premio ‘Sergio Piazzoli’, un riconoscimento che andrà al gruppo o all'artista locale che di volta in volta otterrà ottimi riconoscimenti nell'ambito della sua carriera professionale. Premio che è il lascito da parte della Fondazione sergioPerLaMusica all’Associazione Moon in june. La serata si aprirà con una serie di iniziative musicali all’Isola Maggiore e culminerà con l’assegnazione del premio. Artisti in programma: All'Estate di San Martino, con Goffredo degli Esposti e e Gabriele Russo dei Micrologus, sarà assegnata una targa alla carriera;‘Like a Mockingbird: singing the music of Carla Bley’ è il nome del progetto omaggio alle musiche della pianista e compositrice americana Carla Bley, presentato in occasione del Diploma in Jazz della cantante Anna Lince presso il Conservatorio di Perugia. Inoltre grazie al progetto, che è anche inserito nel cartellone di Umbria Jazz nella sezione dei concerti del Conservatorio, Lince ha vinto una borsa di studio per gli studenti più meritevoli. Formazione: Anna Lince (voce, arrangiamenti, composizioni, testi), Manuel Magrini (pianoforte), Pietro Paris (contrabbasso), Lorenzo Brilli (batteria), Riccardo Catria (tromba, flicorno), Francesco Cioffi (clarinetto), Francesco Angeli (sassofono), Andrea Angeloni (trombone); Silvio D’Alessandro in trio. D’Alessandro, psichiatra che vive e lavora a Perugia, ha scritto “Gardè”, il brano dedicato al sindaco di Riace Mimmo Lucano, interpretato magistralmente dal vocalist dei Nomadi Danilo Sacco nel suo ultimo album e che sta avendo un successo inaspettato. L’autore del testo è infatti lo stesso psichiatra di origini calabresi, di Paola, ma una vita intera trascorsa a Perugia ad aiutare i più deboli.

22 giugno
Bowland / In pieno tour primaverile e con una serie di sold out i BowLand hanno annunciato le prime tappe del loro summer tour che prevede anche una tappa al festival Moon in June. BowLand è un progetto musicale nato a Firenze da tre amici che si sono incontrati a Teheran, che trova le sue radici in uno spazio in cui atmosfere fluttuanti e suoni insoliti si fondono con voci eteree e ritmi groovy. Nel 2017 esce ‘Floating Trip’, primo album della band, una somma delle influenze artistiche del loro percorso maturato negli anni - dai Gorillaz ai Portishead, passando per le Cocorosie e Nicolas Jaar. Tracce in cui le cui parole sono diretta conseguenza della musica, origine primaria; pezzi che portano dentro un'innata radice mediorientale ma che di stereotipo o di definizioni forzate non hanno nessuna parvenza. Nel 2018 sconvolgono e rapiscono il pubblico Italiano arrivando, con la stessa personalità e con i propri colori, fino alla finale del programma televisivo XFactor Italia presso il Mediolanum Forum di Milano. A dicembre pubblicano l’EP ‘Bubble Of Dreams’, anticipato dal singolo Don’t Stop Me, brano inedito dei BowLand, prodotto da Pino “Pinaxa” Pischetola, che ha già superato 1 milione di stream su Spotify. Con un tour di successo e un sold out dietro l’altro, il viaggio dei BowLand nel 2019 è iniziato nel modo giusto e continuerà con un nuovo album e tanto altro da ascoltare e scoprire. Maria Antonietta / Il primo libro della giovane cantautrice pesarese Maria Antonietta, ‘Sette ragazze imperdonabili’, uscito il 19 marzo per Rizzoli, è diventato anche uno spettacolo, un vero e proprio reading-concerto con letture musicate e canzoni tratte dal suo repertorio suonate in una veste del tutto inedita. Sul palco con Letizia Cesarini (suo vero nome), anche per il live all’Isola Maggiore, ci sarà Daniele Rossi, che si alternerà tra chitarra baritona, violoncello, tastiere e banjo. Una delle voci più interessanti della scena musicale italiana (esordisce nel 2012 con l’album “Maria Antonietta”, prodotto da Dario Brunori, seguito da “Sassi” nel 2014 e “Deluderti” nel 2018) mescola così poesia, prosa e collage in un racconto di sé e delle grandi figure femminili ribelli che l’hanno sempre ispirata. ‘Sette ragazze imperdonabili’ è infatti un omaggio alle sue sorelle maggiori Cristina Campo, Etty Hillesum, Antonia Pozzi, Emily Dickinson, Sylvia Plath, Marina Cvetaeva, Giovanna d’Arco. Femmine radicali, impazienti, oneste e spesso antipatiche, che l’hanno ispirata negli anni e alle quali ha voluto dedicare una serie di racconti e poesie.

23 giugno
Carmen Consoli
Carmen Consoli nel 2019 torna con nuovi appuntamenti on stage che in estate la vedranno alternarsi tra il rock e l'acustico. La celebre artista sarà anche a Moon in June e per l’occasione sarà accompagnata da una formazione unplugged composta da violino (Emilia Belfiore), violoncello (Claudia della Gatta) chitarra e mandolino (Massimo Roccaforte). Carmen porterà al pubblico le due anime che l'hanno accompagnata nel corso della sua ventennale carriera e che, alternandosi in lei con grande naturalezza, l'hanno resa una delle artiste più eclettiche del panorama musicale italiano e internazionale, riuscendo sempre a lasciare il segno tra le emozioni dell'acustico e le amplificazioni del rock graffiante.

Becoming X @ The Isle
Becoming X è un collettivo di artisti, disegnatori, fumettisti, designer e musicisti. Il progetto di Becoming X è unire, in performance dal vivo, arte visuale e sonorizzazione musicale, utilizzando tutte le discipline del disegno: muralismo, pittura, disegno su carta e disegno digitale, animazioni dal vivo, serigrafia, calcografia. Per Isola Maggiore e il festival Moon in june hanno pensato ad un happening che prevede, oltre al classico disegno su grande formato, anche proiezioni su maxi schermo sonorizzate secondo una tematica coordinata.

Moon in June
Il festival Moon in June è l’originale rassegna musicale, giunta al suo quinto anno, organizzata dall’omonima Associazione Moon in June e con il patrocinio della Regione Umbria e del Comune di Tuoro sul Trasimeno. In passato hanno suonato per Moon in June con “eventi unici ed irripetibili”, tra gli altri, anche Vinicio Capossela (che ha dato il via al festival nel 2015 tenendo anche la prestigiosa direzione artistica), Gary Lucas, Cristina Donà, Brunori Sas, Giovanni Guidi, Bugge Wesseltoft, Morgan (omaggio a Tenco nel 2017), Vasco Brondi-Le Luci della Centrale Elettrica, John De Leo e Jens Lekman (lo scorso anno, 2018).

Prevendite biglietti online su www.ticketitalia.com e www.ticketone.it
  
Per info e contatti:
www.mooninjune.it - info@mooninjune.it
tel. 3319488452
_________________________________________________________________________________

Torrita Blues Festival 
20-22 giugno 2019

Trent'anni di festival blues da festeggiare. La prima volta infatti fu nel 1989. Torrita Blues 2019, il festival della Valdichiana senese che tradizionalmente apre la stagione delle rassegne estive, presenta in esclusiva italiana Robert Randolph con la sua Family Band. una delle maggiori realtà del gospel e funky blues della scena internazionale caratterizzata dal suono della chitarra slide di Randolph. L'appuntamento è venerdì 21 giugno. Prima della formazione si esibirà la Fabio Marza Band. L'apertura del 22 giugno è affidata alla band di Maurizio Pugno. Poi sarà la volta delle All Stars, ovvero l'armonicista Sugar Ray Norcia con i suoi Bluetones affiancato da Duke Robillard, chitarrista già componente dei Fabolous Thunderbirds, e da Little Charlie Baty. Il 20 giugno sarà dedicato alle formazioni vincitrici della selezione Effetto Blues e alla House Band di Torrita di Siena che festeggerà il trentennale, oltre alla tradizionale cena in piazza.  I concerti si terranno in Piazza Matteotti a Torrita di Siena (Siena). 


_________________________________________________________________________________

ROY PACI, GIO EVAN, LA MUNICIPÀL E IL CONTEST PER EMERGENTI: QUATTRO GIORNI TRA MUSICA E DIRITTI UMANI IN 
“VOCI PER LA LIBERTÀ”
IL FESTIVAL LEGATO AD AMNESTY INTERNATIONAL DAL 18 AL 21 LUGLIO A ROSOLINA MARE - 22a EDIZIONE


Roy Paci, Gio Evan, La Municipàl, Mujeres Creando, Pupi di Surfaro, Kumi Watanabe: un caleidoscopio di musica e ospiti caratterizzerà la 22a edizione di ‘Voci per la Libertà – Una canzone per Amnesty’, il festival che coniuga canzoni e diritti umani in programma dal 18 al 21 luglio a Rosolina Mare (Rovigo). Fulcro della manifestazione sarà come sempre il contest per band e cantautori che porterà, nella giornata conclusiva, a proclamare il vincitore del Premio Amnesty International Italia, sezione Emergenti, dedicato ai migliori brani legati alla Dichiarazione universale dei diritti umani. In gara saranno otto artisti provenienti da tutta Italia, da Taranto a Milano, da Nuoro a Treviso. La giornata finale vedrà anche la premiazione di Roy Paci & Aretuska, che, con Willie Peyote, sono i vincitori del Premio Amnesty nella sezione Big, con il brano “Salvagente”. Lo slogan di quest’anno sarà “Sui diritti umani non si torna indietro”. Uno slogan che parte dal 10 dicembre 1948, quando l'Assemblea generale delle Nazioni Unite proclamava la Dichiarazione universale dei diritti umani. Per la prima volta veniva scritto che esistono diritti di cui ogni essere umano deve poter godere per la sola ragione di essere al mondo. Eppure la Dichiarazione è disattesa, anche perché ancora troppo sconosciuta. Amnesty International, Premio Nobel per la pace nel 1977 e Premio delle Nazioni Unite per i diritti umani nel 1978, è impegnata perché per tutti siano garantiti questi diritti. Si impegna, ogni giorno, per ricordare che sui diritti umani non si torna indietro. “Voci per la libertà” si snoderà per quattro giorni partendo proprio da questo concetto. Ad aprire il festival giovedì 18 luglio, dalle 21, saranno artisti di grande valore: le Mujeres Creando, vincitrici del Premio Web Social 2018; i Pupi Di Surfaro, vincitori del Premio Amnesty Emergenti nel 2018 e Kumi Watanabe, vincitrice del premio della critica nel 2001. In apertura, Marcondiro, band di culto tra rock, pop e sperimentazione. Durante la serata, fra il centro Congressi e l’area festival, si inaugureranno la mostra “In arte Dudu” (la Dichiarazione universale dei diritti umani illustrata da giovani artisti) e due installazioni. La prima è "Parliamone in piazza", su numeri e persone di origine straniera abitanti a Rovigo, la seconda “Love difference”, l’arte urbana per la socializzazione. Venerdì 19 luglio toccherà alla prima delle due semifinali del concorso 2019. Saranno in lizza: Chiara Effe da Cagliari col brano “Mani stanche”, Giovi & Massimo Francescon Band da Rovigo/Treviso con “Quello che io non so”, Grace n Kaos da Rovigo con “Nero”, Chiara Patronella da Taranto con “Pesci”. In veste di ospite si esibirà Gio Evan, artista poliedrico, cantautore, umorista, scrittore e poeta, ormai noto anche al grande pubblico grazie a canzoni come "Himalaya Cocktail" e "Pane in cassetta”. Sabato 20 luglio seconda tornata di semifinali degli emergenti con Enzo Beccia da Milano con “Gli indifferenti”, Bif da Salerno con “Venti clandestini”, The Roomors da Nuoro con “Marielle”, Giulio Wilson da Firenze con “Francesco Tirelli”. A salire sul palco in veste di ospite sarà La Municipàl, band salentina in decisa ascesa, il cui cuore pulsante è costituito dai fratelli Carmine e Isabella Tundo. Pop/rock d’autore il loro, come testimonia l’ultimo album “Bellissimi difetti".  Il festival si chiuderà domenica 21 luglio con la finale del concorso per gli emergenti, che vedrà in gara i migliori cinque semifinalisti delle due serate precedenti. A decidere sarà una prestigiosa giuria composta da giornalisti, addetti ai lavori e esponenti di Voci per la libertà e Amnesty International. A salire sul palco sarà poi Roy Paci, vincitore del Premio Amnesty International Italia, sezione Big, con “Salvagente”, come miglior brano sui diritti umani del 2018. In questo caso un brano sull’integrazione. Nel pomeriggio, alle 18.30, ci sarà un incontro aperto al pubblico con Roy Paci e con il portavoce di Amnesty International Italia Riccardo Noury. Presentano: Savino Zaba (Radio1 Rai) e Carmen Formenton (Voci per la Libertà). Tutti i pomeriggi alle ore 18.30 ci saranno aperitivi in spiaggia, con incontri e esibizioni. Giovedì toccherà a Marcondiro, con uno showcase, venerdì a Gio Evan, che presenterà l'ultimo libro "Cento cuori dentro". Sabato sarà la volta di un Dj Set. Durante le serate saranno inoltre attivi dei laboratori didattici per bambini sui diritti umani. Tutti gli eventi, serali e pomeridiani, sono ad ingresso libero. Partner della manifestazione quest’anno sarà il progetto Hatemeter, che ha lo scopo di accrescere le conoscenze sull'hate speech (incitamento all’odio e alla discriminazione) anti-islamico online e di sostenere le ONG nella lotta all'islamofobia a livello europeo. La piattaforma Hatemeter è sperimentata e validata fra gli altri da Amnesty International Italia. Il festival sarà preceduto e seguito da vari eventi sotto il nome di “Voci per la Libertà in tour”, anche questi ad ingresso libero. Eccoli:

Domenica 16 Giugno ore 21.00 a Piove di Sacco (PD), in Piazza Vittorio Emanuele II, con i Do’storieski.

Sabato 6 luglio ore 19.00 a Porto Tolle (RO), spiaggia di Boccasette Bagno Sole Luna, con Anna Luppi.

Sabato 13 luglio ore 19.00 a Porto Tolle (RO), spiaggia di Barricata Bagno Baraonda, con Elisa Erin Bonomo

Sabato 27 luglio ore 19.00 a Porto Tolle (RO), spiaggia di Barricata Bagno Olimpo, con i Marmaja

Sabato 3 agosto ore 19.00 a Porto Tolle (RO), spiaggia di Barricata Bagno Scano Palo, con i Do’storieski

Un’iniziativa di: Associazione Culturale Voci per la Libertà, Amnesty International Italia e Comune di Rosolina. Con il sostegno di: Progetto Hatemeter, CGIL Rovigo, CISL Padova e Rovigo, UIL Padova e Rovigo, ITALPIZZA. Partner tecnici: ARS audio & light, Idee Grafiche, Forpress, Mei - Meeting degli Indipendenti, Musica nelle Aie, OPS Group, Rete dei Festival, Studioartax. Media partner: FunnyVegan, ViaVaiNet, REMweb. Radio partner: Radio 41, Radio Popolare, Radio Sette Asiago, Radio Atlanta, IwebRadio, Studio Emme Network, Atom Radio, Radio L'Olgiata, Radio Stereo 5, Radio Bellissima, Studio Tre Radio, Radio Città Benevento, Radio Pico, Radio Elettrica, Vivalaradio. Il calendario e maggiori informazioni sul festival si possono trovare sul sito: www.vociperlaliberta.it

Per richieste: info@vociperlaliberta.it
________________________________________________________________________________

ASTIMUSICA 2019


Il Comune di Asti annuncia i primi nomi per la 24^ edizione del festival che si terrà dal 3 al 14 luglio in Piazza della Cattedrale.

Torna la rassegna musicale di Astimusica con una 24esima edizione ricca di nomi di rilievo del panorama musicale italiano internazionale, organizzata dal Comune di Asti grazie all’Asp e alla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, col patrocinio della Regione Piemonte, in collaborazione con Dimensione Eventi, azienda leader nel settore degli eventi. La direzione artistica degli spettacoli, come da tradizione del festival, in parte gratuiti ed in parte a pagamento, è sempre affidata a Massimo Cotto, la cornice sempre quella suggestiva e prestigiosa di Piazza della Cattedrale. Il sindaco Maurizio Rasero dichiara: «Astimusica 24. Alcune importanti novità ed una conferma. Il Comune di Asti dopo 4 anni ritorna come organizzatore unico, la conferenza stampa con i primi concerti a pagamento il 4 marzo, come deve essere per un festival con grandi ambizioni, e una formula “vincente” che viene rafforzata grazie all’apertura a nuove collaborazioni, alcune già definite ed altre che potranno concretizzarsi nei prossimi mesi.  Una conferma: Massimo Cotto, direttore artistico» L’assessore Gianfranco Imerito «La collaborazione con Dimensioni Eventi nei concerti a pagamento è un’ulteriore prova, se mai ce ne fosse ancora bisogno, dell’autorevolezza conquistata in questi anni da Astimusica. La possibilità di conservare l’equilibrio tra i concerti gratuiti e quelli a pagamento senza perdere in qualità e unicità, avendo sempre sotto controllo il budget, è la formula con cui ci avviamo verso il 25° anno di un festival ormai “patrimonio culturale” non solo della nostra città. Una novità che ho voluto aggiungere a questo festival è la possibilità di far aprire alcuni concerti con gruppi locali che saranno selezionati in collaborazione con La Stampa, redazione di Asti.»  Massimo Cotto, direttore artistico di Astimusica «Si ritorna alla vocazione antica, con alternanza di emergenti ed emersi, con grandi nomi e altri che lo diventeranno. Per fare solo un esempio, nell’edizione 2016 il pubblico di Astimusica ha potuto vedere i tre artisti che avrebbero poi vinto Sanremo nei tre anni successivi: Gabbani, Ermal Meta e Mahmood. Tre concerti, tra l’altro, gratuiti. Questo per ribadire l’occhio lungo di una rassegna che è sempre stata attenta a segnalare giovani talenti prima di chiunque altro» Il presidente dell’Asp, dottoressa Vincenzina Giaretti, sottolinea che l’ente è fortemente impegnato a contribuire al benessere di chi vive in città sia offrendo servizi di qualità che promuovendone la cultura e le bellezze. Asp conferma quindi il suo interesse ed il suo impegno nell’iniziativa Astimusica partecipando all’edizione 2019 come “main sponsor”, ritenendola un valido strumento per comunicare l’importanza della bellezza di Asti e coinvolgere la cittadinanza con lo slogan “Ascolta la musica, abbi cura della tua città”.

PROGRAMMA ASTIMUSICA 24

Mercoledì 3
MOGOL, L’UNESCO ED IL MONFERRATO
Una rappresentazione finalizzata a scoprire un territorio attraverso racconti, musica, immagini parole e sensazioni... Come il Monferrato rappresenta uno dei più̀ importanti e significativi territori del Piemonte, Mogol rappresenta l’essenza della musica italiana. Una serata particolare e da non perdere con un binomio d’eccellenza dal grande valore storico e culturale.

Giovedì 4 
AMERICA 
50th anniversary tour 
[€40/€35/€25+prevendita]
Band anglo-statunitense, icone del rock classico, gli America, con più di quattro milioni di copie vendute, si sono aggiudicati sei certificazioni tra dischi d’oro e di platino con la loro prima collezione,History. La band, vincitrice di un Grammy Awards e con due nomination alle spalle, si è posizionata in modo fisso nella TOP 40 e nelle chart delle radio rock negli anni ’70 con pietre miliari del genere, tra cui Horse With No Name,Sister Golden Hair, I Need You, Ventura Highway, Don’t Cross the River, Tin Mane Lonely People.

Venerdì 5 
NEGRITA 
25th anniversary tour
[€40/€35/€25+prevendita]
La storica rock band formatasi all’inizio degli anni novanta in provincia di Arezzo che prende il proprio nome dal brano dei The Rolling Stones “Hey! Negrita”,toccherà Asti in una tappa del tour dopo la partecipazione all’ultimo Festival di Sanremo con il brano “I ragazzi stanno bene” da cui prende il nome anche il loro nuovo album uscito lo scorso 8 febbraio.

Sabato 6 
DONATELLA RETTORE 
In apertura Rais / Rebirth
Personaggio fuori dalle righe, ironica e trasgressiva, raro esempio di cantautrice italiana, Donatella Rettore resta l'icona di un periodo particolare della storia musicale del nostro paese. Una carriera che la vide tra le stelle della hit parade, ma che che culminò soprattutto nel concept "Kamizaze rock'n'roll suicide",scheggia impazzita nel panorama musicale italiano mainstream dei primi anni ’80 portata alla ribalta dai celebri brani come “Splendido Splendente”, “Kobra”e“Lamette”.

Domenica 7 
ASTI GOD’S TALENT
Saranno sette i cori che parteciperanno alla quinta edizione di Asti God’s Talent, il festival dei cori giovanili diocesani. Confermata anche la presenza d’onore di Paolo Conte, padrino del Talent fin dalla prima edizione e presidente di giuria. Ospite speciale sarà quest’anno proprio Simona Atzori con il suo corpo di ballo.

Lunedì 8 
MORGAN & ANDY dei Bluvertigo con Massimo Cotto
In apertura Tempestuous Sea / Margherita Zanin
Uno spettacolo in tre tempi ideato appositamente per Astimusica e condotto da Massimo Cotto, che vedrà esibirsi in un primo tempo Andy, nella seconda parte Morgan, ed in cui si ripercorreranno le loro origini e influenze musicali per arrivare ad un finale all’unisono.

Martedì 9 
GLENN HUGHES
performs classic Deep Purple 
[€26/€22/€17+prevendita]
Mentre militava nei Trapeze, il giovanissimo Glenn Hughes venne notato dai Deep Purple di cui è stato frontman dal 1973 al 1976. Negli anni a seguire Hughes milita in altri gruppi storici, come i Black Sabbath e nel 2016 entra a far parte della Rock and Roll Hall of Fame. Lo scorso anno Glenn Hughes ha deciso di dare il via a questo tour in cui interpreta i più grandi successi dei Deep Purple. Lo spettacolo promette di essere dinamico: un viaggio nel passato, un omaggio ad una delle band che ha fatto la storia del rock britannico.

Mercoledì 10 
SPECIAL EVENT DEEJAY TIME – Albertino, Fargetta, Molella e Prezioso conEIFFEL65 E CRISTINA D’AVENA
in collaborazione con Wakeup Festival 
[€23/€16 ridotto under12]
Unica data in Italia che vedrà in consolle i dj che, da Radio DeeJay e dai più̀ grandi club italiani, ci hanno fatto divertire ed emozionare: Albertino, Fargetta, Molella e Prezioso. Inoltre, due eccezionali guest: Eiffel65, che hanno spopolato in tutto il mondo e scalato ovunque la vetta delle classifiche dance, e Cristina D’Avena con un grande show durante il quale farà cantare e ballare tutti sulle note dei suoi più̀ grandi successi in un’irripetibile notte all’insegna dei favolosi anni ‘90 (e non solo!).

Giovedì 11 
TREVES BLUES BAND special guest Dennis Greaves 
in 
“70 IN BLUES”
In aperture Rubin Red
“70 in blues” è il nuovo tour con cui la Treves Blues Band sarà protagonista sui palchi di tutta Italia per celebrare come si conviene il suo leader, Fabio Treves, che nel 2019 festeggia i suoi 70 anni di una vita dedicata al Blues. Sarà ancora più emozionante festeggiare e suonare insieme ad un amico e un bluesman internazionale come Dennis Greaves, cantante, chitarrista e leader dei Nine Below Zero, che fin dal loro detonante esordio nel 1980 con il mitico "Live at Marquee", hanno proposto un mix esplosivo di blues & rock, che li ha consacrati come una delle migliori live band del British Blues. 

Venerdì 12 
EDOARDO BENNATO 
[€35/€30/€20+prevendita]
Il celebre cantautore rock partenopeo reduce da un tour serrato nei teatri di tutta Italia, torna per proporre alcuni brani evergreen del suo repertorio, alternati a canzoni tratte dal suo ultimo album di inediti “Pronti a Salpare” e dalla riedizione del suo grande successo “Burattino senza fili” nella versione del 2017 con i nuovi brani “Mastro Geppetto”, “Lucignolo” e “Che comico il grillo parlante”, per uno spettacolo di grande musica, suggestivo e coinvolgente.

Sabato 13 
RANCORE
In apertura Abisso
Il rapper romano arriva ad Asti dopo la sua ultima partecipazione al Festival di Sanremo che lo ha visto in gara insieme al cantautore Daniele Silvestri, con il brano “Argentovivo”, classificatosi sesto ma vincendo il Premio della Critica, il Premio della Sala Stampa Lucio Dalla e il Premio Sergio Bardotti per il miglior testo.

Domenica 14 
I FARINEJ D’LA BRIGNA
30 anni l’ultimo tour  
Storico gruppo astigiano legato a un genere rock-folk demenziale che ha saputo dare un innegabile contributo alla conoscenza del piemontese tra i giovani, torna sul palco per una serata tutta da cantare. I Farinej hanno deciso di fare 30 ma non 31 e questo concerto sarà una sorta di addio alle scene. Astimusica sarà anche l’occasione per presentare l’ultimo album targato Farinej, un album nato nello studio del polistrumentista Davide Calabrese, anima della band con Linus Binello, unico “superstite” della formazione originale. La serata sarà̀ anche un’occasione per ospitare i vari amici che nei 30 anni hanno accompagnato il gruppo. 

Lunedì 15
BOBBY SOLO and THE BROADCASH play JOHNNY CASH 
In apertura La Canaglia e il Gentiluomo
Sarà un concerto che celebra i cinquant’anni dell’uscita dell’album “Live at Folsom Prison” di Johnny Cash, la cui musica è da un decennio il cavallo di battaglia proprio dei BroadCash. Da parte sua Bobby Solo è da sempre uno dei cantanti italiani più attenti allo stile Usa country folk. Insieme – Bobby e i BroadCash – firmano un vinile dal titolo “BroadCash play Cash feat Bobby Solo”.

Martedì 16
DUTCH NAZARI 
In apertura Trigno
“Ce lo Chiede l’Europa” (Undamento) è l’ultimo disco di Dutch Nazari, quello che lo afferma tra le realtà più interessanti d’Italia. Il tour è iniziato lo scorso dicembre con una serie di sold out ed è recentemente arrivato alle porte dell’estate con il Primo Maggio a Roma e MIAMI festival a Milano. Il cantautorap di Dutch girerà per tutta l’estate e in tutta Italia. 
POSTINO 
Una delle rivelazioni dell’ultima stagione. Un disco uscito un anno fa (Labella/Black Candy), un EP che sta uscendo diviso per capitoli da ora alla fine dell’estate, un pubblico che si moltiplica di giorno in giorno sul web e ai concerti. Postino è così, ti cattura al primo ascolto e ti trascina sotto al palco, con una bottiglia “di latte di soia”, circondato da ragazzi che canta- no “Sbagliamo insieme” con te. 

Mercoledì 17
THE WHITE BUFFALO
[€25/€20+prevendita]
In apertura Dr Feegoold
The White Buffalo, con la voce oscura e vibrante di Jake Smith, sarà in Italia reduce dal successo del suo ultimo album Darkest Darks, Lightest Light. Un disco che nasce da una reale urgenza interiore, dalla necessità di esprimersi. Country, blues, rock’n’roll e soul nell’unica voce di un artista puro, definito da molti come la versione intimista di Eddie Vedder e Bruce Springsteen, in grado di raccontare miti, storie di delinquenti, ubriaconi e reduci di guerra senza mai perdere un briciolo di intensità.

Le prevendite dei biglietti per gli spettacoli a pagamento sono attive con Ticket One (sia on-line su www.ticketone.it che nei punti vendita). Un punto vendita locale sarà attivo presso il Teatro Alfieri di Asti in Via Teatro Alfieri 2 nei seguenti orari: martedì, mercoledì e giovedì dalle 10.30 alle 16.30 con orario continuato. Per la sola data di The White Buffalosi aggiungono le prevendite presso: Libreria Alberi d’Acqua – Via Rossini 1 – tel. 0141 556 270; Alfieri Foto – piazza Astesano 2- tel. 0141 320 186 
________________________________________________________________________________

OSTIA ANTICA FESTIVAL 2019
"IL MITO E IL SOGNO - IVa EDIZIONE"
Parco Archeologico, Viale dei Romagnoli 717, Ostia Antica, Roma

Dal 22 giugno torna OSTIA ANTICA FESTIVAL - Il Mito e il Sogno, la quarta edizione della rassegna che si svolge al Teatro Romano e presenta ogni anno grandi spettacoli di musica, teatro e danza fra tradizione e innovazione, organizzati dal consorzio di imprese "Antico Teatro Romano" in collaborazione con il Parco Archeologico di Ostia antica. “L'incremento delle serate di recitazione, accanto a quelle della musica, fa dell'edizione 2019 de “Il Mito e il Sogno 2019” un'occasione da non perdere. Brecht interpretato da Monica Guerritore, i Carmina Burana, Edoardo Leo e Luca Argentero, i Kraftwerk e le canzoni di Mogol e Battisti, il Mercante di Venezia e Nerone vs Petronio, con la cena segreta del Satyricon. Per tutti un teatro augusteo dal fascino evocativo: che racconta l'inclusione e il dialogo con tutti i popoli affacciati sul Mediterraneo, la lingua del potere di Roma reso duraturo dall'esercizio della tolleranza culturale, che esalta e coinvolge africani e iberici, arabi e galli nell'operare a fianco dei romani” ricorda Mariarosaria Barbera, direttore del parco archeologico di Ostia Antica. Il programma di quest’anno - più di due mesi di eventi - si amplia visibilmente e comprenderà, oltre alla grande musica italiana e internazionale, un ricco cartellone teatrale con prestigiosi nomi della scena nazionale Anticipato dai due progetti speciali, la Turandot (8/9 giugno) di Europa Incanto, e il compleanno dei 60 anni del Cornetto Algida (16 giugno), il festival si concluderà il 4 agosto per poi riprendere il 14 settembre con un evento speciale che verrà presto annunciato. L’apertura di sabato 22 giugno è affidata a Luca Argentero con È’ questa la vita che sognavo da bambino? Le storie di grandi personaggi dalle vite straordinarie che hanno inciso profondamente nella società, nella storia e nella loro disciplina, raccontati sia dal punto di vista umano che sociale, con una particolare attenzione al racconto dei tempi in cui hanno vissuto: Luisin Malabrocca, Walter Bonatti e Alberto Tomba, tre sportivi italiani che hanno fatto sognare, tifare, ridere e commuovere varie generazioni di italiani. Il primo appuntamento musicale è affidato ai tedeschi Kraftwerk, i pionieri della musica elettronica per due imperdibili live il 27 e il 28 giugno. Combinando musica e arti performative, i concerti 3-D dei Kraftwerk possono essere considerati una vera e propria Gesamtkunstwerk, un’opera d’arte totale. (Il concerto fa parte del programma Rock in Roma@Ostia antica Festival - Il Mito e il Sogno) Il teatro geniale dei Leoni d’Oro Antonio Rezza e Flavia Mastrella va in scena il 29 giugno. 7 14 21 28 è uno degli spettacoli di maggior successo degli ultimi anni. Uno spettacolo dissacrante, struggente, poetico e mai banale: “in un paese allo sbando un Uomo è affascinato dallo spazio che diventa numero. La particella catastale dell’ingegno porta l’essere animato a fondersi con la civiltà numerica al declino. Una donna bianca, vestita di rete e di illusione, rimpiange il tempo degli inizi, quando l’amore è solo affanno e poco ancora… James Blake, uno dei più importanti musicisti, produttori e compositori al mondo, sarà presente martedì 2 luglio. “Assume Form” è il titolo dell’ultimo album pubblicato lo scorso gennaio. L’album è il risultato di un intenso periodo di evoluzione creativa e personale per James, che ha parlato apertamente delle sue esperienze di salute mentale e della ricerca della pace. È senza dubbio il suo progetto artistico più diretto, eclettico e puro fino ad oggi. (Il concerto fa parte del programma Rock in Roma@Ostia antica Festival - Il Mito e il Sogno) Il 6 luglio torna la grande danza dell’Heritart Festival, con “Dancing Heritage - A tribute to Diaghilev and Nijinsky”, con la partecipazione dell’attrice Vanessa Gravina, una co-produzione di Daniele Cipriani Entertainment e del Croatian National Theatre di Spalato nell'ambito del progetto Heritart - Cultural Heritage Promotion Through Perfotming Arts il progetto che ha l’obiettivo di promuovere e sostenere il patrimonio culturale attraverso lo spettacolo dal vivo per una nuova visione dei siti archeologici, intesi come un vero e proprio bene prezioso per lo sviluppo culturale dell'Europa. Per celebrare nel migliore dei modi i loro 25 anni di rock'n'roll, e dopo la partecipazione al 69esimo Festival di Sanremo, i Negrita tornano in tour in tutta Italia con una serie di concerti nei maggiori teatri italiani e in luoghi di particolare fascino e importanza storica. Una scelta che richiama apertamente le date che, nel 2013, li videro protagonisti con 64 sold out consecutivi.La band si esibirà martedì 9 luglio. (Il concerto fa parte del programma Rock in Roma@Ostia antica Festival - Il Mito e il Sogno) Neurosis, paladini della musica pesante d’avanguardia, dove l’hardcore si intreccia col doom, lo sludge, la psichedelia, l’industrial e i suoni della natura, arrivano a Ostia antica giovedì 11 luglio. Ad accompagnare la band guidata da Scott Kelly gli amici YOB, freschi di un bellissimo e nuovo disco. (Il concerto fa parte del programma Rock in Roma@Ostia antica Festival - Il Mito e il Sogno) Venerdì 12 luglio i Marlene Kuntz in  “30:20:10 MK²”,  un imperdibile spettacolo di quasi 3 ore, per festeggiare trent’anni di attività, il ventennale del loro terzo disco - “Ho ucciso paranoia” - con dieci concerti doppi (un primo tutto acustico e un secondo tutto elettrico), assecondando il proprio desiderio di portare in giro per l’Italia la doppia anima che è insita nel loro stesso nome. (Il concerto fa parte del programma Rock in Roma@Ostia antica Festival - Il Mito e il Sogno) Sabato 13 Luglio, uno spettacolo unico: “Emozioni. Viaggio tra le canzoni di Mogol e Battisti”. Sul palco Mogol, autore di testi intramontabili racconta Lucio Battisti a vent’anni anni dalla sua morte. Brani memorabili come “Mi ritorni in mente”, “La Collina dei Ciliegi” e “Anima Latina”, verranno eseguite da un’orchestra di 16 elementi e dalla “interpretazione perfetta” della voce di Gianmarco Carroccia tanto intensa e simile a quella del cantautore di Poggio Bustone. Mogol attraverso un viaggio intimo e confidenziale, svelerà al pubblico tanti aneddoti e curiosità della sua vita artistica ma anche la genesi e la storia che si nasconde dietro alle sue produzioni. Un’occasione per rivivere la magia di quelle canzoni che hanno segnato la storia della musica e che hanno fatto sognare generazioni di italiani. Il 16 luglio Carmina Burana, la raccolta di canti religiosi e profani scoperta nell’abbazia di Benediktbeuern e composti dai chierici girovaghi dal XII al XIII secolo, che Carl Orff con l’aiuto di Michel Hofmann selezionò e organizzò in un libretto, principalmente in latino, ma anche in tedesco medievale e in vecchio provenzale Un'occasione unica in cui l’unione di coro, pianoforti, percussioni e cantanti solisti (cento persone sul palco), tracciano un ponte tra storia e tradizione. Con I solisti della Rome Symphony Orchestra, il coro Nuova Arcadia, Donatella Iaia (Sop), Antonello Dorigo (Cnt), Massimo Di Stefano (B), Diego Moccia e Alessandro Romagnoli al pianoforte, Trippitelli Percussion's Ensemble tutti diretti dal M° Pier Giorgio Dionisi Cantautrice del nuovo pop italiano, icona di stile naturale e versatile, dopo tre album di successo per pubblico e critica e due libri bestseller, Levante salirà sul palco del Teatro romano venerdì 19 luglio per presentare, oltre ai brani della recente discografia,“Andrà Tutto Bene” il nuovo singolo uscito il 5 aprile per Warner Music, e primo passo del suo rinnovato percorso artistico. In occasione del cinquantesimo anniversario dell’allunaggio la compagnia del Teatro dell’orologio presenta, il 20 luglio, Walking on the moon, uno spettacolo dedicato alla figura dell’astronauta Michael Collins, interpretato da Graziano Piazza. Lo spettacolo scritto da Fabio Morgan e diretto da Leonardo Ferrari Carissimi è una favola contemporanea a tre personaggi in cui mondo digitale, mondo letterario e mondo dei ricordi s’intrecciano in una sinfonia a 9 attori dal sapore magico, dove si ride, si piange e si sogna. Uno spettacolo dove la tecnologia incontra una narrazione poetica: uno spaccato surreale ma concreto sulla comunicazione odierna, su come la realizzazione dei propri desideri personali, la soddisfazione del proprio io, possa fagocitare l’individuo e la sua umanità. A circa dieci anni di distanza dalla pubblicazione del suo ultimo album di inediti, la cantautrice canadese Loreena McKennitt torna con un nuovo disco, Lost Souls (Quinlan Road, 2018) e un lungo tour europeo. Giovedì 25 luglio la cantautrice di origini irlandesi e scozzesi (che tanto hanno influenzato la sua musica fatta di ballad celtiche popolari a cui lei aggiunge un tocco internazionale), fa tappa a Ostia antica accompagnata dai musicisti Brian Hughes (chitarra, oud e bouzouki celtico), Caroline Lavelle (violoncello), Hugh Marsh (violino), Dudley Philips (contrabasso) e Robert Brian (batteria). Il 26 luglio, “Ti racconto una storia” letture semiserie e tragicomiche un reading-spettacolo che raccoglie appunti, suggestioni, letture e pensieri che l’attore e regista romano Edoardo Leo ha raccolto dall'inizio della sua carriera ad oggi. Venti anni di appunti, ritagli, ricordi e risate, trasformati in uno spettacolo coinvolgente, che cambia forma e contenuto ogni volta, in base allo spazio e all’occasione. È uno spettacolo che fa sorridere e riflettere, che racconta spaccati di vita umana unendo parole e musica. Una riflessione su comicità e poesia per spiegare che, in fondo, non sono così lontane. In scena, non solo racconti e monologhi di scrittori celebri (Benni, Calvino, Marquez, Eco, Benni, Piccolo...), ma anche articoli di giornale, aneddoti e testi di giovani autori contemporanei e dello stesso Edoardo Leo. sabato 27 luglio. Dopo l’enorme successo al 69esimo Festival di Sanremo con “Cosa ti aspetti da me”, e dopo aver registrato tutti sold out con il recente tour teatrale, l’inarrestabile Loredana Bertè arriva con “LiBertè - Summer Tour 2019”. LiBertè è il nuovo lavoro della regina del rock, tornata negli ultimi anni più in forma che mai, con tanti progetti al top, che sta bissando il successo dello scorso anno con Non ti dico no” (con i Boomdabash), per settimane al vertice della classifica dei brani più trasmessi in radio e della classifica di vendita. (Il concerto fa parte del programma Rock in Roma@Ostia antica Festival - Il Mito e il Sogno) Il 28 luglio gli dei scenderanno dall’Olimpo sul palco di Ostia antica per divertire e coinvolgere il pubblico, a danno dell’ignaro Anfitrione con la spudorata beffa che solo una divina perversione può escogitare. La sbrigliata fantasia di Plauto, magistralmente esaltata dal gioco dei doppi, degli equivoci, dello smarrimento di identità, in scena con Franco Oppini, Debora Caprioglio e Barbara Bovoli per la sapiente regia di Livio Galassi. Chi era in realtà Nerone? Un pazzo sanguinario, che esercitava il suo potere per compiere impunito orrendi misfatti, convinto oltretutto d’essere un grande artista? O la vittima della più grande mistificazione storica, sognatore e megalomane, ma non privo di una sua grandezza? E Petronio, grande scrittore e amico di Nerone, era poi così innocente quando fu costretto a togliersi la vita? E qual è la funzione di un intellettuale, ieri ma anche oggi, al cospetto del Potere? Lo scopriremo il 30 luglio assistendo a “Nerone vs Petronio” la cena segreta del satyricon, una commedia storica di Pier Francesco Pingitore con Luca Biagini, Federico Perrotta, Valentina Olla. Il 31 luglio Monica Guerritore è protagonista e regista (ispirandosi all’edizione di Giorgio Strehler del 1981) di L’anima buona di Sezuan di Bertolt Brecht. Nell’Anima Buona c’è tutta la tenerezza e l’amore per gli esseri umani costretti dalla povertà e dalla sofferenza a divorarsi gli uni con gli altri ma sempre raccontati con lo sguardo tenero e buffo di chi comprende. Come la stessa Guerritore racconta “In questi anni durissimi solo il teatro può raccontarci dal di dentro, rendendoci consapevoli delle maschere ringhianti che stiamo diventando. Mettere in scena la meravigliosa parabola di Brecht risponde alla missione civile e politica del mio mestiere. Teatro civile, politico, di poesia.” Il 2 agosto A tre anni dalla sua scomparsa, la ripresa “nova” del “Mercante di Venezia” è un omaggio all’ultimo imperatore del teatro italiano: Giorgio Albertazzi. Nella riduzione elaborata e scritta proprio da Albertazzi, (che ha riempito tutti i teatri per oltre 200 repliche in un anno solare), i temi affrontati sono quelli eternamente cari al Bardo ma anche al compianto mattatore toscano: il conflitto tra generazioni, la bellezza che muore e che si riscatta ad un tempo, la giovinezza che deve fare i conti con le trasformazioni del tempo e della società. A rievocare il successo e l’interpretazione magistrale di Giorgio Albertazzi nei panni di Shylock, un cast potente e rinnovato: il grande Mariano Rigillo e Romina Mondello. Con loro una nutrita schiera di giovani attori pieni di talento. Il 3 agosto Lino Guanciale in “Itaca... il viaggio” con le musiche e la regia di Davide Cavuti. Lo spettacolo propone un viaggio che parte da Itaca e attraversa le storie, i luoghi di tanti personaggi del teatro e del cinema, disegnando uno spazio denso di emozioni e di
 sogni che prendono forma e azione. Un viaggio che parte da Itaca e dalla figura di Ulisse, che è l'eroe di Omero ma anche di Dante,
 Pascoli, D'Annunzio, Joyce e di altri ancora. Storie di vari personaggi in una sorta di fusione e
 scambio di emozioni, immagini, pensieri, in luoghi mai astratti, con un denominatore comune che è il mare, padrone di ogni avventura e sventura. Il mare e la vita: la libertà e la speranza la voglia di ricominciare, la pace tra i popoli con l’incanto degli occhi sulla storia». IL 4 agosto, Le Parole Note un singolare incontro tra letteratura e musica. Giancarlo Giannini e la sua recitazione, la sua voce calda e penetrante, accompagnato dalla musica del quartetto di Marco Zurzolo, con  brani inediti del sassofonista partenopeo, condurrà gli spettatori in “atmosfere”, mistiche, malinconiche, amorose e ironiche in un viaggio che dal lontanissimo passato arriva ai giorni nostri.  Da Angiolieri Shakespeare, Salinas a Pablo Neruda, Garcia Lorca, Marquez. Vari autori e un unico tema: l’amore, la donna, la passione, insomma... la vita! La manifestazione si avvarrà, inoltre, della preziosa collaborazione con l’Atcl – Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio, Circuito Multidisciplinare dello spettacolo dal vivo, da sempre impegnata nella diffusione della cultura come nella valorizzazione del patrimonio archeologico e paesaggistico del Lazio, attraverso la promozione di manifestazioni che uniscono luoghi d’eccellenza alle arti performative. La quarta edizione di Ostia Antica Festival "Il Mito e il Sogno" è organizzata da I Borghi per il consorzio di imprese Antico Teatro Romano, in collaborazione con il Parco Archeologico di Ostia antica. L'iniziativa è parte del programma dell'Estate Romana promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale, con il sostegno di SIAE - Società Italiana degli Autori ed Editori e il patrocinio del Municipio X.

27 e 28 giugno
Kraftwerk 
2 luglio
James Blake 
9 luglio
Negrita
11 luglio
Neurosis
12 luglio
Marlene Kuntz
13 Luglio
Emozioni. Viaggio tra le canzoni di Mogol e Battisti con Mogol & Gianmarco Carroccia
16 luglio
Carmina Burana di Carl Orff
19 luglio
Levante
25 luglio
Loreena McKennitt
27 luglio
Loredana Bertè 
_________________________________________________________________________________

FLOWERS FESTIVAL
BUILDING A NEW SOCIETY
27 giugno-20 luglio
Cortile della Lavanderia a Vapore
Parco della Certosa, Collegno (TO)

ECCO I CONCERTI UNICI
OLAFUR ARNALDS (28 GIUGNO), JACK SAVORETTI (5 LUGLIO), EZIO BOSSO & EUROPE PHILHARMONIC ORCHESTRA (11 LUGLIO), GIUSEPPE CEDERNA + WILLY MERTZ + CLG ENSEMBLE (14 LUGLIO), JOAN BAEZ (19 LUGLIO)

Anche quest’anno Flowers Festival – da giovedì 27 giugno a sabato 20 luglio, nel Cortile della Lavanderia a Vapore nel Parco della Certosa di Collegno (To) – offre una serie di eventi unici con i migliori artisti della scena italiana e internazionale. Cinque concerti che a cui sarà possibile assistere solo al festival di Collegno (To): Olafur Arnalds (28 Giugno), Jack Savoretti (5 Luglio), Ezio Bosso & Europe Philharmonic Orchestra (11 Luglio), Giuseppe Cederna + Willy Mertz + Clg Ensemble (14 Luglio), Joan Baez (19 Luglio). Il titolo dell’edizione di quest’anno, “Building a new society”, è stato suggerito dal luogo in cui si svolge il Festival ovvero il Cortile della Lavanderia del più grande e celebre manicomio italiano, quello di Collegno. Franco Basaglia, chiudendolo insieme alle altre strutture manicomiali italiane, distrusse nei fatti quei luoghi creati dalla nuova società ottocentesca per la segregazione di soggetti non utili alla sua costruzione nei canoni etico/economici, quali folli, derelitti e soggetti marginali. Il Festival intende quindi superare la sua dimensione di spettacolo e intrattenimento e, nei suoi limiti, vuole contribuire al dibattito sulle trasformazioni sociali che sta attraversando tutti i settori del nostro vivere quotidiano proponendo artisti che si stanno interrogando nella propria opera su come costruire una nuova società, su quali valori farlo, percorrendo quali strade in futuro e quali sono state percorse in passato. Ecco quindi che sul palco del Cortile della Lavanderia a Vapore del Parco della Certosa di Collegno (To) si potrà assistere all’odierna scena musicale e alle sue risposte relative alla necessità di avviare la costruzione di una nuova società.
CHINESE MAN + C’MON TIGRE (27 GIUGNO), OLAFUR ARNALDS + DARDUST (28 GIUGNO), PANDA DUB + PENDULUM DJSET (29 GIUGNO), PINGUINI TATTICI NUCLEARI + CLAVDIO (2 LUGLIO), EX OTAGO + VIITO (3 LUGLIO), MADMAN + MASSIMO PERICOLO (4 LUGLIO), JACK SAVORETTI (5 LUGLIO), DJ FROM MARS + IMMANUEL CASTO + ROMINA FALCONI + THE ANDRE (6 LUGLIO), YANN TIERSEN (8 LUGLIO), RANCORE + F.A.S.K. + GIANCANE (9 LUGLIO), THE ZEN CIRCUS + GIOVANNI TRUPPI + IO E LA TIGRE (10 LUGLIO), EZIO BOSSO & EUROPE PHILHARMONIC ORCHESTRA (11 LUGLIO), MECNA + SIDE BABY + DUTCH NAZARI (12 LUGLIO), THE BLOODY BEETROOTS DJSET + PRIESTESS + FRAN E I PENSIERI MOLESTI (13 LUGLIO), GIUSEPPE CEDERNA + WILLY MERTZ + CLG ENSEMBLE (14 LUGLIO), THE LIBERATION PROJECT - PHIL MANZANERA, N’FALY KOUYATE, CISCO BELLOTTI (15 LUGLIO), GAZZELLE (16 LUGLIO), MOTTA + LA RAPPRESENTANTE DI LISTA + FULMINACCI (17 LUGLIO), CAPOPLAZA (18 LUGLIO), JOAN BAEZ (19 LUGLIO), FLOWERS FESTIVAL FINAL PARTY (20 LUGLIO)
FLOWERS FESTIVAL è un festival musicale, giunto alla V edizione, che si tiene a Collegno (To) nel Parco della Certosa, parco urbano di 400.000 mq, in un'area attrezzata per 5000 spettatori. L'area spettacolo, allestita nello spazio insonorizzato noto come Cortile della Lavanderia, è racchiusa da due delle grandi esperienze di riprogettazione urbana messe in atto dalla Città di Collegno: la Lavanderia a Vapore, eccellenza della danza contemporanea internazionale e il Padiglione 14, centro culturale giovanile. In quello che fu il Cortile della Lavanderia del Manicomio di Collegno, si svolge FLOWERS FESTIVAL, che prosegue la tradizione dei grandi spettacoli di teatro e musica cha a partire dal momento dell’abbattimento delle mura manicomiali fino ai primi duemila, hanno contribuito al rinnovamento di questi luoghi, sull’impulso della amministrazione pubblica. L’edizione del 2018 ha chiuso i battenti registrando in totale 34.000 paganti dopo due settimane di grandi successi di pubblico con i sold out di Coez e della coppia Willie Peyote e Frah Quintale. Il festival è realizzato grazie al contributo di Regione Piemonte, Città di Collegno, Fondazione CRT e con il patrocinio della Città di Torino.

JOAN BAEZ
19 luglio
Il tema della costruzione di una nuova società è stato suggerito dal luogo in cui si svolge il Festival ovvero il Cortile della Lavanderia del più grande e celebre manicomio italiano, quello di Collegno. Franco Basaglia, chiudendolo insieme alle altre strutture manicomiali italiane, distrusse nei fatti quei luoghi creati dalla nuova società ottocentesca per la segregazione di soggetti non utili alla sua costruzione nei canoni etico/economici, quali folli, derelitti e soggetti marginali. Il Festival intende quindi superare la sua dimensione di spettacolo e intrattenimento e, nei suoi limiti, vuole contribuire al dibattito sulle trasformazioni sociali che sta attraversando tutti i settori del nostro vivere quotidiano proponendo artisti che si stanno interrogando nella propria opera su come costruire una nuova società, su quali valori farlo, percorrendo quali strade in futuro e quali sono state percorse in passato. Joan Baez ha cantato tutto questo, in più di mezzo secolo di musica, divenendo non solo la voce femminile più celebre ed impegnata degli anni '60, ma anche il simbolo di un'intera generazione. Una vita nella musica e nella storia. Ha marciato in prima linea nel movimento per i diritti civili con Martin Luther King, ha illuminato i riflettori sul movimento della parola libera, è scesa in campo con Cesar Chavez, ha organizzato la resistenza alla guerra del Vietnam, ha sostenuto le Dixie Chicks per il loro coraggio di protestare contro la guerra in Iraq, è salita sul palco con il vecchio amico Nelson Mandela all'Hyde Park di Londra mentre il mondo festeggiava il suo 90esimo compleanno e, più recentemente, ha protestato per la costruzione in Dakota dell’oleodotto nella riserva Sioux di Standing Rock. Poco dopo la sua entrata nella Rock & Roll Hall Of Fame nell'aprile 2017, Joan Baez ha annunciato: «non vedo l'ora di essere in tour con un bellissimo nuovo album di cui sono davvero orgogliosa. Accolgo con piacere l'opportunità di condividere questa nuova emozione con i miei fan storici ed il pubblico in tutto il mondo». Il “Fare thee well tour” - eccezionalmente esteso a quest’anno – è il tour d’addio di Joan Baez iniziato nel 2018 a seguito dell’uscita del suo nuovo disco “Whistle Down The Wind” che arriva a dieci anni di distanza dall’ultima produzione discografica. Registrato in soli dieci giorni a Los Angeles, la nuova opera della cantautrice americana è stata prodotta da Joe Henry con interpretazioni di brani scritti da Tom Waits, Josh Ritter, Anohni, Joe Henry, Eliza Gilkyson, Mary Chapin Carpenter, Tim Eriksen. FLOWERS FESTIVAL è un festival musicale, giunto alla IV edizione, che si tiene a Collegno (To) nel Parco della Certosa, parco urbano di 400.000 mq, in un'area attrezzata per 5000 spettatori. L'area spettacolo, allestita nello spazio insonorizzato noto come Cortile della Lavanderia, è racchiusa da due delle grandi esperienze di riprogettazione urbana messe in atto dalla Città di Collegno: la Lavanderia a Vapore, eccellenza della danza contemporanea internazionale e il Padiglione 14, centro culturale giovanile. In quello che fu il Cortile della Lavanderia del Manicomio di Collegno, si svolge FLOWERS FESTIVAL, che prosegue la tradizione dei grandi spettacoli di teatro e musica cha a partire dal momento dell’abbattimento delle mura manicomiali fino ai primi duemila, hanno contribuito al rinnovamento di questi luoghi meravigliosi, sull’impulso della amministrazione pubblica. L’edizione del 2018 ha chiuso i battenti registrando in totale 34.000 paganti dopo due settimane di grandi successi di pubblico con i sold out di Coez e della coppia Willie Peyote e Frah Quintale.

primi posti 53 euro + prevendita; secondi posti 46 euro + prevendita; terzi posti 38 euro + prevendita

info@flowersfestival.it - Tel 011 3176636
_______________________________________________________________________________

Prime anticipazioni del festival salentino 
Sud Est Indipendente 
Lee Ranaldo, Joan as Police Woman, Diaframma, JP Bimeni, Finn Andrews, Dimartino e Calcutta


Il chitarrista dei Sonic Youth Lee Ranaldo, il percussionista David Cossin, la fotografa e artista multimediale Leah Singer, le cantautrici Joan as Police Woman e Any Other, le band Giant Sand, Be Forest e Diaframma, il soul man africano J.P. Bimeni, il leader del gruppo britannico The Veils Finn Andrews, i cantautori Dimartino e (in collaborazione con il Locus Festival) Calcutta sono i primi nomi confermati della tredicesima edizione del Sud Est Indipendente. Il festival firmato da CoolClub, con la direzione artistica di Cesare Liaci, sostenuto dal Fus – Fondo Unico per lo spettacolo del Mibac e dalla Regione Puglia (Avviso pubblico per lo Spettacolo e le Attività culturali FSC 2014-2020 – Patto per la Puglia), in collaborazione con Comune di Corigliano d'Otranto, Indie Pride, CoreACore, RadioWau e altri partner pubblici e privati, accompagnerà residenti, appassionati e turisti per tutta l'estate salentina. Si parte dal 7 al 14 luglio al Castello Volante di Corigliano d'Otranto con la residenza artistica "ReSound", ideata e realizzata in collaborazione con la Fondazione Lac O Le Mon, che coinvolgerà gli statunitensi Lee Ranaldo (chitarrista e fondatore dei Sonic Youth, autore solista, produttore, poeta ed editore) e Leah Singer (fotografa e artista multimediale) che si confronteranno con artisti e musicisti italiani e salentini per la realizzazione di performance inedite che coinvolgeranno il Castello e il piccolo comune griko. Il coordinamento artistico sarà affidato a David Cossin (percussionista dei Bang on a Can che ha suonato e collaborato con Steve Reich, Philip Glass, Yo-Yo Ma, Meredith Monk, Tan Dun, Cecil Taylor, Talujon Percussion Quartet, Real Quiet, Sting), Luca Tarantino (liutista e polistrumentista intento a ricercare e coniugare la sua naturale propensione verso il repertorio dei secoli XIV-XVIII con il gusto della ricerca e dello sperimentalismo propri della musica contemporanea) e Luigi Negro (artista e sociologo che ha curato e ideato diversi progetti collettivi e connettivi in Italia e all'estero fra cui Oreste, Lu Cafausu e la Fondazione Lac O Le Mon). Dal 25 al 28 luglio sempre a Corigliano d'Otranto, il Sud Est indipendente proporrà quattro giorni di musica, incontri, workshop, presentazioni di libri, mercatini e allestimenti artistici. Sul palco si alterneranno, tra gli altri, Any Other, nome d'arte della cantautrice e polistrumentista veneta Adele Nigro, Finn Andrews, che dopo cinque dischi pubblicati con la sua band The Veils, è ritornato nella sua terra d'origine, la Nuova Zelanda, per realizzare il suo primo lavoro solista (26 luglio), il gruppo dream pop Be Forest e il cantautore siciliano Dimartino (27 luglio) e i Diaframma, band culto del rock italiano guidata dal cantante, chitarrista e autore Federico Fiumani (28 luglio). La lunga serie di concerti ospiterà, inoltre, Giant Sand (11 luglio alle Manifatture Knos di Lecce), il soul man africano J.P. Bimeni e il percussionista e polistrumentista Gabriele Poso (2 agosto - luogo da definire), la cantautrice statunitense Joan as a police woman (5 agosto - Corigliano d'Otranto - prevendite su vivaticket) e Calcutta che si esibirà al Campo Sportivo di Locorotondo, in provincia di Bari, (10 agosto - prevendite su vivaticket e ticketone) grazie alla collaborazione tra Locus Festival e Sud Est Indipendente. Nelle prossime settimane saranno annunciate nuove sorprese e il programma completo del festival che, dal 2006, ha portato nel Salento le sonorità più interessanti della musica italiana e internazionale, offrendo al pubblico una panoramica ampia e variegata della musica dal punk al cantautorato, dal rock allo ska, dal folk ai ritmi in levare. Nelle diverse location salentine, che nelle prime dodici edizioni hanno ospitato il festival (Gallipoli, Otranto, Castello di Corigliano d’Otranto, Masseria Torcito a Cannole, Torre Regina Giovanna ad Apani, la marina di San Cataldo, Piazza Libertini, Anfiteatro Romano e Parco di Belloluogo a Lecce e molti altri), si sono alternati artisti come Kings of Convenience, Baustelle, Jon Spencer Blues Explosion, Cat Power, Gogol Bordello, Peter Hook & The Light, Skatalites, Mad Professor, Mannarino, Avion Travel, Negrita, Lo Stato Sociale, Calibro 35, Brunori Sas, Canova, Colombre, Giorgio Poi, Bugo, Skatalites, Daniele Silvestri, Cosmo, Verdena, Tre Allegri Ragazzi Morti, Vallanzaska, Teatro degli Orrori, One Dimensional Man, Russell Leetch (Editors) e molte altre realtà internazionali, italiane e pugliesi.

BEIRUT IN CONCERTO A GALLIPOLI CON GALLIPOLI
Il Festival Sud Est Indipendente, firmato da Coolclub con la direzione artistica di Cesare Liaci, in collaborazione con il Locus Festival, ospita nella città jonica il progetto del cantante, musicista e compositore statunitense Zach Condon con i brani del nuovo lavoro discografico intitolato proprio "Gallipoli", scritto e registrato tra New York, Berlino e Lecce, pubblicato per 4AD il 1 febbraio 2019. 

Nuove anticipazioni per la tredicesima edizione del Sud Est Indipendente. Il festival firmato da CoolClub, con la direzione artistica di Cesare Liaci, sostenuto dal Fus – Fondo Unico per lo spettacolo del Mibac e dalla Regione Puglia (Avviso pubblico per lo Spettacolo e le Attività culturali FSC 2014-2020 – Patto per la Puglia), in collaborazione con Comune di Corigliano d'Otranto, Indie Pride, CoreACore, RadioWau e altri partner pubblici e privati, accompagnerà residenti, appassionati e turisti per tutta l'estate salentina. Mercoledì 21 agosto (ore 21 - ingresso 28 + dp - prevendite disponibili su vivaticket), in collaborazione con Locus Festival, Comune e Castello di Gallipoli, Sud Est Indipendente ospita nella città jonica (Bleu Salento - Lungomare Marconi) Beirut, progetto del del cantante, musicista e compositore statunitense Zach Condon, in tour per presentare il nuovo lavoro discografico intitolato proprio "Gallipoli", scritto e registrato tra New York, Berlino e Lecce, pubblicato per 4AD il 1 febbraio 2019. Il costo del biglietto del concerto, grazie alla collaborazione con Plus 1, comprende 1 euro che sarà donato a HangarMusik e al loro programma di educazione musicale per i bambini rifugiati. "Gallipoli iniziò, nella mia testa, quando finalmente feci spedire il mio vecchio organo Farfisa dalla casa dei miei genitori a Santa Fe a New York”, esordisce Condon. "Mi impossessai dell’organo durante il mio primo lavoro al Center For Contemporary Arts di Santa Fe; trascorsi i successivi tre anni scrivendo il maggior numero di canzoni che potevo tirarne fuori". Condon va avanti raccontando il processo di scrittura del quinto album in studio. "In quel periodo la mia vita privata cambiò improvvisamente e mi ritrovai a viaggiare avanti e indietro tra New York e Berlino per lunghi periodi di tempo”. Descrive le session di registrazione come "una tempesta di giorni passati chiusi in studio dalle 12 alle 16 ore, facendo gite sulla costa e seguendo una dieta solida a base di pizza, pasta e peperoncini” e poi racconta le fonti d’ispirazione del nuovo lavoro e in particolare del brano Gallipoli. "Una sera ci trovammo per caso nel centro storico di Gallipoli e seguimmo una banda di ottoni in processione dietro a preti che portavano la statua del santo patrono tra le strette vie del paese, seguiti da quella che sembrava l’intera città. Il giorno seguente scrissi in una sola sessione, facendo pausa solo per mangiare, il brano che sarebbe diventato Gallipoli”. Durante l'estate salentina il Sud Est Indipendente ospiterà gli statunitensi Lee Ranaldo e Leah Singer, che si confronteranno con artisti e musicisti italiani e salentini per la realizzazione di performance inedite nella residenza artistica "ReSound", ideata e realizzata in collaborazione con la Fondazione Lac O Le Mon con il coordinamento artistico di David Cossin, Luca Tarantino e Luigi Negro (dal 7 al 14 luglio a Corigliano d'Otranto), Giant Sand (11 luglio alle Manifatture Knos di Lecce), il soul man africano J.P. Bimeni e il percussionista e polistrumentista Gabriele Poso (2 agosto - luogo da definire), la cantautrice statunitense Joan as a police woman (5 agosto - Corigliano d'Otranto). Dal 25 al 28 luglio sempre a Corigliano d'Otranto, il Sud Est indipendente proporrà quattro giorni di musica, incontri, workshop, presentazioni di libri, mercatini e allestimenti artistici. Sul palco si alterneranno, tra gli altri, Any Other, Finn Andrews, leader dei The Veils (26 luglio), il gruppo dream pop Be Forest e il cantautore siciliano Dimartino (27 luglio) e i Diaframma (28 luglio). Sempre grazie alla collaborazione tra Sud Est Indipendente e Locus Festival il 10 agosto nel Campo Sportivo di Locorotondo, in provincia di Bari, si esibirà invece Calcutta. Nelle prossime settimane sarà annunciato il programma completo e dettagliato del festival che, dal 2006, ha portato nel Salento le sonorità più interessanti della musica italiana e internazionale, offrendo al pubblico una panoramica ampia e variegata della musica dal punk al cantautorato, dal rock allo ska, dal folk ai ritmi in levare. Nelle diverse location salentine, che nelle prime dodici edizioni hanno ospitato il festival (Gallipoli, Otranto, Castello di Corigliano d’Otranto, Masseria Torcito a Cannole, Torre Regina Giovanna ad Apani, la marina di San Cataldo, Piazza Libertini, Anfiteatro Romano e Parco di Belloluogo a Lecce e molti altri), si sono alternati artisti come Kings of Convenience, Baustelle, Jon Spencer Blues Explosion, Cat Power, Gogol Bordello, Peter Hook & The Light, Skatalites, Mad Professor, Mannarino, Avion Travel, Negrita, Lo Stato Sociale, Calibro 35, Brunori Sas, Canova, Colombre, Giorgio Poi, Bugo, Skatalites, Daniele Silvestri, Cosmo, Verdena, Tre Allegri Ragazzi Morti, Vallanzaska, Teatro degli Orrori, One Dimensional Man, Russell Leetch (Editors) e molte altre realtà internazionali, italiane e pugliesi.

Info 3331803375 - www.seifestival.it
#seifestival
________________________________________________________________________________

APOLIDE FESTIVAL
è lieto di annunciare
LA TEMPESTA NEL BOSCO
con
I HATE MY VILLAGE, TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI, SICK TAMBURO, GIORGIO CANALI & ROSSOFUOCO, POPULOUS, CACAO MENTAL, ALOSI, MARIA ANTONIETTA (presenta “Sette ragazze imperdonabili), 72-HOUR POST FIGHT, BLACK SNAKE MOAN, PAOLO BALDINI DUBFILES, GODBLESSCOMPUTERS, CAPIBARA,
MR. ISLAND, SACRAMENTO

venerdì 19 luglio 2019
Apolide Festival @ Area Naturalistica Pianezze – Vialfrè (TO)


Arriva per la prima volta in Piemonte il festival itinerante estivo firmato dal collettivo artistico La Tempesta. Quest’anno, vista la location, il nome non poteva che essere LA TEMPESTA NEL BOSCO. L'etichetta indipendente, icona del panorama italiano (e internazionale), sarà protagonista assoluta di venerdì 19 luglio, seconda giornata di APOLIDE, il festival organizzato da Associazione Culturale To Locals e, da questa XVI edizione, insieme ad Associazione Culturale Hiroshima Mon Amour. 14 artisti si alterneranno per un intero giorno tra live e dj set immersi nel verde dell’Area Naturalistica Pianezze di Vialfrè, sulla sommità di una delle colline dell’anfiteatro Morenico di Ivrea che da cinque anni è sede di Apolide. Sul Main Stage si comincia con una delle band rivelazione del 2019, I HATE MY VILLAGE. Il supergruppo, composto da Adriano Viterbini (Bud Spencer Blues Explosion), Fabio Rondanini (Calibro35/Afterhours), Alberto Ferrari (Verdena) e Marco Fasolo (Jennifer Gentle), con la release del suo primo e omonimo album ha incuriosito, sorpreso e conquistato stampa e pubblico; e poi i fondatori dell’etichetta La Tempesta, TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI, in tour con Sindacato dei sogni, nona produzione discografica che segna un ritorno alle sonorità tipiche della band con batterie essenziali, chitarre elettriche sognanti e liriche poetiche e ironiche. Ottava produzione discografica è anche “Undici canzoni di merda con la pioggia dentro” di GIORGIO CANALI & ROSSOFUOCO. Già anima dei CSI, CCCP, PGR, Giorgio Canali è uno degli ultimi romantici maledetti della scena musicale italiana: solca implacabilmente il mare magnum del nostro tempo con quel misto di timidezza, arroganza e dolcezza che è solo suo. Completa la line up del main stage il live dei SICK TAMBURO tra i gruppi alternative rock più interessanti del panorama italiano: testi concisi, ritmi incalzanti e un’affascinante attitudine punk racchiusi in “Paura e l’amore”, il nuovo disco che sviscera l’intrinseca connessione di due sentimenti opposti. In chiusura il pluripremiato POPULOUS, tra i producer di musica elettronica più interessanti a livello internazionale. Contaminazione e ricerca sonora sono la cifra stilistica della Boobs Area che ospita alcuni nomi nuovi de La Tempesta: le atmosfere sintetiche e revival anni Ottanta dei SACRAMENTO; l’incrocio di elettronica, jazz, improvvisazione, chitarre affilate e break di batteria di taglio hip-hop di 72-HOUR POST FIGHT; la performance del one man band BLAKE SNAKE MOAN, che affonda le radici nelle atmosfere delta blues e negli immaginari desertici e psichedelici; l’esordio da solista di ALOSI, voce e penna de IL PAN DEL DIAVOLO, che si candida ad essere uno dei lavori indipendenti più rilevanti dell’anno e infine, il travolgente progetto dei CACAO MENTAL che fonde cumbia, musica elettronica e psichedelia, in canzoni che avvicinano la tradizione musicale latinoamericana ad una sonorizzazione cinematica e ballabile insieme. A chiudere le danze saranno i suoni caldi e tropicali di MR. ISLAND. Nel cast anche MARIA ANTONIETTA che presenterà “Sette ragazze imperdonabili”, il suo primo libro uscito a marzo per Rizzoli. L’elettronica accende invece il Sound Wood Stage la cui consolle accoglie le tracce sonore di alcuni tra i più interessanti producer italiani pubblicati da La Tempesta International e da La Tempesta Dub. Dai profondi suoni del dubmaster PAOLO BALDINI DUBFILES passando per il flusso “liquido” tra schegge di riddims giamaicani e latini e frammenti di bassmusic inglese di CAPIBARA fino ad arrivare all’intimismo post-soul, con forti influenze Hip Hop e quella morbidezza tutta umana che caratterizza la produzione di GODBLESSCOMPUTERS. Oltre alla musica, Apolide durante tutta la giornata offre un ricco programma di workshop creativi, attività sportive e olistiche, che insieme all'area market di prodotti artigianali, l’area food & beverage, l’area kids dedicata alle famiglie e l’area camping, attrezzata in tre aree con servizi dedicati, rendono Apolide un festival speciale, capace di far dimenticare per qualche giorno la frenesia della quotidianità, proprio come in vacanza. La locandina de LA TEMPESTA NEL BOSCO è come sempre frutto del lavoro di Alessandro Baronciani. Le prevendite per APOLIDE FESTIVAL sono disponibili sul circuito di vendita www.mailticket.it con ABBONAMENTI da 40 € + d.p. (che includono l’accesso valido per 4 gg per una persona, l’accesso a tutte le attività del Festival, il posto tenda garantito per l'intera durata del Festival e il servizio doccia) oppure con l’ABBONAMENTO FAMILY a 100 € + diritti di prevendita (che include l’accesso valido per 2 persone per 4 gg, Incluso accesso max. 4 bambini (minori di 12 anni) per l’intera durata del Festival, Accesso a tutte le attività del Festival, Posto tenda garantito in area riservata, Servizio di sicurezza dedicato, Servizio doccia e "family facilities"). Prevendita a questo Link http://bit.ly/APOLIDE19_Abbonamento


#prendiferie #APOLIDEFestival
________________________________________________________________________________

LOCUS FESTIVAL 2019
27 Luglio - 14 Agosto
Locorotondo 

Locus festival compie quindici anni di passione per la grande musica internazionale, dal 27 luglio al 14 agosto 2019 a Locorotondo, nel cuore della Puglia.

A quattro straordinari eventi già in prevendita con MS. LAURYN HILL, CALCUTTA, FRENCH KIWI JUICE,  FOUR TET e BEN UFO, si aggiungono altrettanto prestigiosi headliner ad ingresso libero in piazza come JOSÉ JAMES, COLIN STETSON, MAMMAL HANDS, LEE FIELDS & THE EXPRESSIONS, COLLE DER FOMENTO, MECNA,  dj set sulla vicina costa con CHANNEL ONE, CHILDREN OF ZEUS e CLAP! CLAP!, talk e film su grandi miti della musica con Locus Focus & Movies, una mostra di illustratori dedicata ai XV anni del Locus, e tante altre iniziative musicali e culturali. Per la sua quindicesima edizione, il Locus festival rinnova il suo classico logo circolare con la metafora del fuoco interiore, alimentato dalla passione per la buona musica internazionale. Passione e calore che hanno reso possibile lo sviluppo esponenziale del Locus durante questi anni, in quel magico cuore di Puglia chiamato Valle D’Itria e nel delizioso borgo antico di Locorotondo. Una line-up artistica di livello sempre più alto, posiziona il Locus fra i festival più importanti del panorama nazionale nell’estate 2019, con il supporto convinto delle istituzioni locali e dell’official partner Tormaresca, fornitore di pregiati vini doc pugliesi.

UN PROGRAMMA DI FUOCO
La cifra stilistica musicale del Locus 2019 è ben introdotta da un appassionante weekend di lancio, dedicato alla musica dell’anima. Sabato 27 luglio a Masseria Mavù l’evento di apertura, con l’approccio universale e d’avanguardia del polistrumentista e compositore francese FKJ aka French Kiwi Juice (biglietti in prevendita) in esclusiva nazionale, preceduto dal rap/soul italiano di qualità di Mecna. Domenica 28 luglio in piazza Moro nel centro di Locorotondo (ingresso libero), il soul moderno di JOSÉ JAMES incarna la grande tradizione afroamericana, con un progetto dedicato al leggendario Bill Whiters in esclusiva italiana al Locus. Ad inizio serata un’altra originale esperienza americana: Tonina Saputo è una cantante, bassista e poetessa proveniente da St Louis nel Missouri. La settimana successiva, venerdì 2 agosto ci si sposta al Lido Lullabay in contrada Pilone per il primo party in spiaggia della serie Locusbay, con il maestoso dub reggae di Channel One, celebre sound system londinese che celebra 40 anni di carriera. Si torna a Locorotondo mercoledì 7 agosto, al Campo Sportivo Comunale con l’evento forse più atteso dai fans del Locus: il live di MS. LAURYN HILL, icona assoluta della black music mondiale, per la prima volta ed in esclusiva nel Sud Italia. E’ l’inizio di una serie ininterrotta di grandi eventi che animeranno Locorotondo fino alla domenica. Giovedì 8 agosto in piazza si esibiscono due proposte d’avanguardia, fra jazz, virtuosismo minimalista e rock progressivo: il sassofonista e compositore americano di culto COLIN STETSON in esclusiva italiana al Locus ed il trio inglese dei MAMMAL HANDS. Ancora in piazza Moro, venerdì 9 agosto arriva una leggenda vivente del funk & soul americano, il grande LEE FIELDS accompagnato dalla sua band The Expressions. Nella notte, after party in spiaggia con il secondo evento Locusbay: Children of Zeus sono un duo di Manchester (UK) formato dal beatmaker Konny Kon e dal cantante soul Tyler Daley. Sabato 10 agosto la parentesi “pop” di CALCUTTA in collaborazione con Sud Est Indipendente, di nuovo al Campo Sportivo Comunale, allarga i confini stilistici del festival con uno degli artisti italiani più affermati ed interessanti del panorama nazionale contemporaneo. L’ultimo grande evento in piazza è domenica 11 agosto con COLLE DER FOMENTO, formazione storica e di culto dell’hip hop romano, che in 25 anni di carriera si è avvicinata alla musica suonata: una maturazione culminata nell’album “Adversus” del 2018. In apertura il funk “bandistico” della P-Funking Band nel progetto con il dj Tuppi. Il Locus 2019 termina nella natura il 14 agosto con una grande festa conclusiva fra i trulli della Masseria Mavù: il leggendario musicista inglese FOUR TET per la sua unica data italiana estiva, sarà affiancato dal suo conterraneo Ben Ufo, in un evento espressione della scena elettronica londinese ai suoi massimi livelli, aperto dal progetto live dell’italiano Khalab aka Raffaele Costantino. Prima di fare le valigie, un salto a mare il 16 agosto per un ultimo appuntamento extra al Lido Lullabay: sarà il grande Clap! Clap! (Cristiano Crisci) a guidare le danze con il suo originale mix di suoni organici e di irresistibile dance music elettronica globale. Un vero e proprio prologo del Locus festival, avverrà il 21 agosto all’interno del festival Sud Est Indipendente a Gallipoli (Area Blu Salento – Lungomare Galilei) con il concerto di BEIRUT: un progetto di Zach Cordon che presenta il nuovo lavoro intitolato proprio Gallipoli, scritto e registrato tra New York, Berlino e Lecce.

LOCUS FOCUS & MOVIES!
I Locus Focus sono momenti che, da un po’ di anni, il festival ha deciso di ritagliarsi per approfondire argomenti in cui la musica abbia un ruolo di primo piano. Dopo la scorsa edizione con al centro i libri e con ospiti come gli scrittori e critici musicali Simon Reynolds, Geoff Dyer e Michael Zadoorian, quest’anno è la volta del cinema e dei documentari musicali. Gli incontri pomeridiani, curati dal team di esperti formato da Nicola Gaeta, Enzo Mansueto e Vittorio Bongiorno, si svolgeranno nel centro storico di Locorotondo ed avranno come tema grandi miti della musica. Ogni incontro sarà collegato ad un film della serie Locus Movies, proiettato di notte dopo i concerti nel suggestivo complesso di Sant’Anna di Renna che ospita anche il museo Perle di Memoria, raggiungibile a piedi appena fuori il paese. Il programma è ancora in fase di ultimazione ma possiamo già confermare il primo film, “Sakamoto: Coda” in programma l’8 agosto. Il film racconta la carriera del pianista e compositore giapponese concentrandosi sul suo lavoro nella musica ma senza trascurare altri aspetti della sua vita come, per esempio, il suo impegno contro il nucleare. Ne viene fuori un ritratto sia dell’artista che dell’uomo. Il film diretto da Stephen Nomura Schible è stato girato in gran parte durante il periodo in cui il musicista lavorava alla colonna sonora di “The Revenant” diretto da Alejandro Gonzàlez Iñàrritu con Leonardo Di Caprio. Presto il programma completo con altri film e con gli ospiti che parteciperanno agli incontri. 

FOREVER YOUNG, 15 ANNI DI LOCUS IN MOSTRA
A 15 anni dalla nascita del festival, il Locus e Spine Bookstore, presentano una mostra realizzata da 15 illustratori e grafici di fama nazionale che omaggiano alcuni fra gli ospiti più celebri e iconici di tutte le edizioni. La mostra, intitolata “Forever Young” e prodotta in collaborazione con Pigment Workroom, sarà gratuita e visitabile durante il festival presso il laboratorio urbano de “Il Tre Ruote Ebbro”, nel cuore del centro storico di Locorotondo.

PARTENARIATO ATTIVO
La rete dei partner del Locus ha una parte fondamentale nel successo del festival, ed è formata da aziende, associazioni legate al territorio e media che contribuiscono attivamente fornendo servizi e contenuti essenziali. Come media partner, siamo felici di rinnovare la collaborazione con Radio Monte Carlo. Tra le radio più ascoltate in Italia, RMC supporterà il Locus con speciali, informazioni e contest per i biglietti, oltre a esclusive playlist preparate dai suoi dj per introdurre i concerti. Fra le testate web musicali più interessanti, collaboriamo con L’Indiependente e Soundwall. Per l’emissione dei biglietti ci affidiamo ai circuiti Ticketone e Vivaticket, online e presso i punti vendita autorizzati in tutta Italia, mentre Festicket offre pacchetti di biglietto ed ospitalità attraverso il suo portale internazionale specializzato. Novità del 2019, la preziosa partecipazione di Ferrovie del Sud-Est come vettore ufficiale di Locus festival, che ci permetterà di offrire un servizio di bus speciali A/R da Bari, Lecce e Taranto per i quattro grandi eventi a pagamento di FKJ, Ms Lauryn Hill, Calcutta e Four Tet. Tra i fornitori di cibo e bevande, oltre ai vini dell’official partner Tormaresca, abbiamo le altre eccellenze pugliesi di Eatria la valle dei sapori, di Murgella per i prodotti caseari, e di Orsini come acqua ufficiale del festival. A Locorotondo è essenziale il supporto logistico dell’Associazione Tre Ruote Ebbro, che ospiterà la mostra Forever Young nel suo laboratorio urbano ed i Locus Movies nel Museo Perle di Memoria, mentre lo IAT Locorotondo / Sistema Museo sarà punto informativo oltre a curare attività esperienziali per i turisti, anche tramite il portale pugliatolive.it. Leonardo Trulli Resort ospiterà a Locorotondo parte degli ospiti e della produzione. Facciamo rete il festival Sud-Est Indipendente con IQMF (Italian Quality Music Festival), il Distretto Produttivo Puglia Creativa, i-jazz. Il logo, il concept ed il tema grafico del Locus 2019 sono curati da imood studio.

MAIN SPONSOR & CREDITS
Il Locus festival è ideato, diretto artisticamente e prodotto da Bass Culture srl, in collaborazione con il Comune di Locorotondo e con il supporto della Regione Puglia, nell’ambito dell’ “Avviso pubblico per lo Spettacolo e le Attività culturali. FSC 2014-2020 – Patto per la Puglia”. Al supporto istituzionale si affianca il contributo dell’official partner Tormaresca, anche fornitore ufficiale di vini pugliesi pregiati.  Fra i main sponsor rinnoviamo  la collaborazione con Maldarizzi Automotive – Mercedes Benz (Motoria), anche in qualità di fornitore ufficiale dei mezzi per produzione e artisti, e con la BCC Locorotondo. Un alto standard di ospitalità per artisti e ospiti è garantito da Oasi Villa San Martino. Accogliamo quest’anno un marchio prestigioso come Nastro Azzurro. Altri importanti partner e sponsor per l’edizione 2019 sono in via di conferma.

Sabato 27 luglio 2019
FKJ 
inaugura il Locus festival
Masseria Mavù, Contrada Mavugliola, Locorotondo (BA)

Domenica 28 luglio 2019
JOSÉ JAMES
 “Lean on me”
+ Tonina feat. Dario Jacque
Piazza Moro, Locorotondo (BA) 
INGRESSO LIBERO

Venerdì 2 agosto 2019
Locus bay dj set: CHANNEL ONE
+ I&I Project sound system
Lido Lullabay

Mercoledì 7 agosto 2019
MS. LAURYN HILL
Campo Sportivo Comunale, Viale Olimpia, Locorotondo (BA)
BIGLIETTI IN PREVENDITA € 50 + d.p. (Posto unico in piedi)
disponibili dalle ore 11:00 di venerdì 15 marzo, online e nei punti vendita autorizzati

Giovedì 8 agosto 2019
Incontro: Locus Focus su Ryūichi Sakamoto. Con: Enzo Mansueto e Vittorio Bongiorno
Largo Mazzini h 19
On stage: COLIN STETSON + MAMMAL HANDS
Piazza Moro h 21 | Free
Locus Movie: "Ryūichi Sakamoto: CODA" (2017)
Sant'Anna h 24:00

Venerdì 9 Agosto
On stage: LEE FIELDS & THE EXPRESSIONS
Piazza Moro h 21 | Free
+ special guest t.b.a.
Locusbay dj set: CHILDREN OF ZEUS
Lido Lullabay h 24 | Free

Sabato 10 agosto 2019
CALCUTTA
Campo Sportivo Comunale, Viale Olimpia, Locorotondo (BA)
BIGLIETTI IN PREVENDITA € 28 + d.p. (Posto unico in piedi)
disponibili online e nei punti vendita autorizzati

Domenica 11 agosto 2019
On stage: COLLE DER FOMENTO + P-Funking feat Tuppi
Piazza Moro h 21 | Free

 Mercoledì 14 agosto 2019
FOUR TET + BEN UFO 
evento conclusivo del Locus festival
Masseria Mavù, Contrada Mavugliola, Locorotondo (BA)

Venerdì 16 agosto 2019
Locus bay dj set: CLAP! CLAP!
(Locus after party)
Lido Lullabay h 24 | Free

On stage: BEIRUT
Mercoledì 21 Agosto 2019
Area Blu Salento, Gallipoli (LE) | Ticket
(in Festival Sud-Est Indipendente)

ELENCO E INDIRIZZI LOCATIONS
LIVE: Piazza Aldo Moro, Locorotondo
LIVE: Mavù Masseria, C.da Mavugliola, Locorotondo
LIVE: Campo Sportivo Comunale, vale Olimpia, Locorotondo
LOCUS BAY: Lido Lullabay, C.da Pilone, Ostuni
LOCUS MOVIES: Complesso Sant'Anna di Renna, via dei Templari, Locorotondo
LOCUS FOCUS: Largo Mazzini, Locorotondo
MOSTRA e INFO POINT: Tre Ruote Ebbro, via Giannone 4, Locorotondo
INFO TURISTICHE: IAT Locorotondo, piazza Vittorio Emanuele 27

Biglietti disponibili in prevendita su