Festival Canzone D'Autore

I principali festival dedicati alla canzone d'autore e al rock

UNA DISPERATA VITALITÀ
CONVERSAZIONI CON PIER PAOLO PASOLINI
Il 27 e il 28 maggio a Palazzo Te di Mantova un festival dedicato a Pier Paolo Pasolini 
a 100 anni dalla sua nascita
 
direzione artistica
VASCO BRONDI
con la partecipazione di
VASCO BRONDI / MASSIMO RECALCATI / TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI  / GIORGIO CANALI / DARIA BIGNARDI / JONATHAN BAZZI / SIMONETTA SCIANDIVASCI  / FILIPPO TIMI / RODRIGO D’ERASMO / MARIO CONTE
 
"Qualche tempo fa mi è arrivata la bellissima e impegnativa proposta di curare una rassegna di due giorni dedicata a Pasolini e mi sono immaginato un confronto tra la sua voce e e quella di artisti di generazioni diverse, come si trattasse di dialoghi. Vorrei che emergesse Pasolini visto da diverse prospettive: attraverso la musica, la poesia, il giornalismo, il teatro, la letteratura, la psicanalisi, il fumetto. Per me è importante che sia anche una festa, una celebrazione di quella disperata vitalità di Pasolini che da il titolo alla rassegna. Vorrei che fosse una specie di rito collettivo dedicato a Pasolini che è un monumento ma di quelli che scalciano ancora, ancora disperatamente vivo. "
Vasco Brondi

A 100 anni dalla sua nascita, Mantova celebra una delle figure più importanti del panorama culturale italiano e internazionale del XX secolo: Pier Paolo Pasolini. Poeta, sceneggiatore, regista, attore, scrittore, drammaturgo, e persino pittore, Pasolini ha influenzato la società a partire dal secondo dopoguerra fino alla metà degli anni settanta, accendendo dibattiti e osservazioni a seguito delle sue acute osservazioni sullo stile di vita, sulle abitudini e comportamenti popolari, disegnando il cambiamento antropologico e sociale italiano. Comune di Mantova e Fondazione Artioli, in collaborazione con Cara Catastrofe, Gibilterra Management, IMARTS, Palazzo Te, Cinema Mignon, e con la direzione artistica di Vasco Brondi, vogliono rendere omaggio alla figura di Pasolini con la rassegna Una disperata vitalità. Conversazioni con Pier Paolo Pasolini, due giorni di appuntamenti nella prestigiosa cornice di Palazzo Te e con la presenza di ospiti illustri, per ripercorrere le opere e il pensiero dell’intellettuale attraverso il dialogo tra storia e contemporaneità, rafforzando la memoria delle pellicole e degli scritti che egli ci ha lasciato. Una disperata vitalità costituisce il racconto immersivo nell’opera di Pasolini attraverso conferenze, proiezioni e spettacoli e la presenza di nomi di rilievo nazionale. Le testimonianze di un uomo che, attraverso le sue fragilità e la sua genialità ha fotografato “l’onda italiana della controcultura” nel secondo dopoguerra, sono raccontate attraverso le conferenze e gli spettacoli in programma, percorrendo il sentiero di contaminazione dei linguaggi tra teatro, immagini, video e musica, che rappresentano la testimonianza del lessico multidisciplinare e trasversale della poetica di Pier Paolo Pasolini. Palazzo Te, location unica al mondo intrisa di storia e rara bellezza, sarà la cornice che ospiterà gli spettacoli creati ad hoc e che per questo rappresenteranno un’occasione irripetibile per immergersi nella poetica del grandissimo intellettuale ed artista.


IL PROGRAMMA

VENERDÌ 27 MAGGIO
 
Ore 19.30, Palazzo Te
VASCO BRONDI
Reading musicale “UNA DISPERATA VITALITÀ - Letture e canzoni dedicate a Pier Paolo Pasolini”
con Andrea Faccioli (chitarre), Daniela Savoldi (violoncello), Angelo Trabace (pianoforte).
Vasco Brondi, accompagnato da Angelo Trabace al pianoforte, Andrea Faccioli alla chitarra e Daniela Savoldi al violoncello, porta in scena un breve viaggio in cui si alternano canzoni e letture.
 
Ore 21.00, Palazzo Te
MASSIMO RECALCATI
Lectio Magistralis “PASOLINI: IL FANTASMA DELL’ORIGINE”
Una lectio magistralis basata sull’ultima pubblicazione "Pasolini: il fantasma dell’Origine” (Feltrinelli) in cui si traccia un ritratto di Pasolini: il dissidio irrisolto tra vita e storia, corpo e ragione, individuo e comunità, mito e demitizzazione; le metamorfosi del potere e la resistenza della parola. 
 
Ore 22.30, Palazzo Te
TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI 
“PASOLINI, CONCERTO DISEGNATO”
I Tre Allegri Ragazzi Morti in uno spettacolo di disegni, musica e parole. Un ambiente sonoro live che unisce la musica del trio, la voce di Pasolini  e i disegni realizzati dal vivo dal fumettista, cantante e musicista Davide Toffolo, autore del romanzo a fumetti "Pasolini".

SABATO 28 MAGGIO 
 
Ore 15.30, Cinema Mignon
proiezione del film ACCATTONE
Italia, 1961, 116’. Con Franco Citti, Franca Pasut, Adriana Asti, regia di Pier Paolo Pasolini
 
Ore 19.30, Palazzo Te
GIORGIO CANALI 
“CANZONI E POESIE IN FORMA DI ROSA”
Un set solitario e incendiario. La chitarra distorta, le canzoni di Giorgio Canali alternate alle poesie di Pier Paolo Pasolini.
 
ORE 21.00, Palazzo Te
DARIA BIGNARDI e JONATHAN BAZZI
“PASOLINI CI HA ROVINATO LA VITA?” modera SIMONETTA SCIANDIVASCI
Quanto ha influenzato Pasolini la cultura italiana? Cosa è arrivato a noi della sua opera e del suo pensiero? Un dialogo tra Daria Bignardi e Johnatan Bazzi moderato da Simonetta Sciandivasci.
 
ORE 22.30, Palazzo Te
“SCOPATE SENTIMENTALI - Parole, immagini, vita e morte di  Pier Paolo Pasolini”
Voce, parole e corpo di FILIPPO TIMI
Musiche e silenzi di RODRIGO D’ERASMO e MARIO CONTE
Uno spettacolo inedito, ideato e scritto appositamente da Filippo Timi, Rodrigo D’Erasmo e Mario Conte, tra parole, voci, silenzi, musica e luci.  
_____________________________________________________________________________________

Medimex 2022: a Bari dal 13 al 15 luglio tornano le scuole e di musica e le attività professionali
In programma Puglia Sounds Musicarium che quest’anno prevede attività sul campo, Medimex Music Factory e una ricca sezione di panel e keynote su numerosi temi: tutele, streaming e diritto d’autore, diritti connessi, NFT con il rilascio di un’edizione speciale Medimex, il futuro dello spettacolo dal vivo, le opportunità di finanziamento del Creative Europe Desk, Music Commission e strategie di sviluppo dell’industria musicale italiana, le sfide dei club e dei promoter per superare la crisi
 
Con Medimex 2022,  in programma dal 16 al 19 giugno a Taranto e dal 13 al 15 luglio a Bari, tornano le attività di formazione rivolte ad artisti e operatori musicali e le attività professionali. A Bari dal 13 al 15 luglio l’International Festival & Music Conference promosso da Puglia Sounds, il programma della Regione Puglia per lo sviluppo del sistema musicale regionale attuato con il Teatro Pubblico Pugliese, propone Puglia Sounds Musicarium, la scuola dei mestieri della musica che quest’anno prevede attività sul campo, Medimex Music Factory  in collaborazione con Sugar Music Publishing e una ricca sezione di attività professionali con  panel e keynote su alcuni dei temi più attuali e stringenti per l’industria musicale italiana ed internazionale. Un ricco segmento di attività, da sempre centrale nella programmazione del Medimex, che si aggiunge agli annunciati concerti di Nick Cave & The Bad Seeds a Taranto (19 giugno) e The Chemical Brothers a Bari (14 luglio) e alle mostre Hipgnosis Studio: Pink Floyd and Beyond in programma dal 16 giugno al 17 luglio al MarTA,  Museo Archeologico Nazionale di Taranto e Denis O’Regan with QUEEN in programma dal 13 luglio al 28  agosto a Bari nello Spazio Murat. Torna, dopo il grande successo registrato nelle scorse edizioni, Puglia Sounds Musicarium, la scuola dei mestieri della musica che quest’anno prevede lezioni di Comunicazione con Gabriele Aprile, Fonica con Antonio Porcelli e Lightning design. Previste attività anche per la sezione advanced, rivolta ai professionisti, con lezioni su Comunicazione e promozione social di un evento con Giuseppe Tatoli e Claudio Morgese (Exploding Bands), Fonica – rocking wireless con Gian Luca Cavallini, Fotografia con Giovanni Canitano, Lightning design con Giovanni Pinna e Registrazione & Missaggio con Marc Urselli che lavorerà in uno studio di registrazione a Bari. Quest’anno le lezioni cambiano modalità e prevedono una fase online dal 27 al 29 giugno e poi una fase pratica in presenza durante il Medimex dove gli studenti selezionati avranno la possibilità di seguire le fasi di lavoro della produzione degli eventi. Iscrizioni aperte dal 25 maggio per ulteriori informazioni medimex.it.
Torna anche il Medimex Music Factory, realizzato in collaborazione con Sugar Music Publishing che dal 13 al 15 luglio al Teatro Kursaal Santalucia di Bari offrirà la possibilità di lavorare fianco a fianco con i tutor Iacopo Sinigaglia, Yakamoto Kotzuga, KWSK per sezione producer, Carmine Tundo, Emilio Munda, Antonio Caputo, Gianni Pollex, Alessandra Flora e Marco Guazzone per la sezione autori. I 18 partecipanti selezionati (età massima 30 anni) saranno poi accompagnati da super tutor in un percorso di formazione completo che per il più meritevole prevede un contratto editoriale con Sugar. Iscrizioni aperte dal 25 maggio per ulteriori informazioni medimex.it.
Fitta, ricca di argomenti attuali e con la presenza di ospiti prestigiosi la sezione di attività professionali del Medimex, rivolta ai professionisti e agli addetti ai lavori, frutto di un lavoro condiviso con gli operatori del territorio quest’anno in programma dal 13 al 15 luglio nell’Ex Palazzo delle Poste di Bari. Mercoledì 13 luglio alle ore 10.30 si parte con il panel  Nuove tutele per i musicisti: INAIL, l’indennità di disoccupazione e la riforma dello spettacolo con la partecipazione di Sabina di Marco (CGIL), Andrea Marco Ricci (Note Legali), Massimo Ponto Riero (UNISCA) modera Giuseppe De Trizio (musicista, coordinatore nazionale musica SLC CGIL), alle 11.30 il panel  Streaming e diritto d'autore. Nuovi scenari per gli autori e gli editori dopo il recepimento della direttiva Copyright. Lo streaming e il futuro della musica online con la partecipazione di Matteo Fedeli (SIAE) e Paolo Franchini (FEM), Pivio (autore e compositore) modera Claudio Carboni, alle 16:30 il panel  Gli NFT nella musica, che vantaggio per gli artisti? con la partecipazione dei Belladonna e di Ernesto Assante e alle 17,00 La raccolta dei diritti connessi in Italia alla luce dell’attuazione della nuova direttiva europea sul Copyright con Andrea Miccichè (Nuovo IMAIE), Enzo Mazza (SCF) modera Claudio Carboni. Giovedì 14 luglio alle ore 10.30 il panel Quali le sfide per il futuro dello spettacolo dal vivo? Il Futuro non è scritto. Dipende da tutti noi a cura di Claudio Trotta, alle 11:30 Il Programma Europa Creativa 2021–2027: opportunità per il settore della musica con Anna Conticello (Project Manager Ufficio Cultura – Desk Italia Europa Creativa – Ministero della Cultura – Direzione Generale Creatività Contemporanea), Enrico Bufalini (Project Manager Uffici Media – Desk Italia Europa Creativa – Cinecittà S.p.A.), Marzia Santone (Esperta in progettazione, monitoraggio e rendicontazione Fondi Europei – Ministero della Cultura – Supporto Ales S.p.A.), Andrea Coluccia (Project Officer Uffici Media – Desk Italia Europa Creativa – Cinecittà S.p.A.) modera Cinzia Lagioia (Direttrice Puglia Creativa), alle 15.30 il keynote  NFT: istruzioni per l’uso con Silvia Bertelli (Onlymusix Marketing Manager) e Michele Marchetto (Onlymusix Blockchain Developer) in collaborazione con Onlymusix durante il quale sarà creato live un NFT edizione speciale Medimex che sarà regalato ai partecipanti, alle 16:00 Creative Europe Desk Italia, one to One di 20’ con Marzia Santone (Esperta in progettazione, monitoraggio e rendicontazione Fondi Europei – Ministero della Cultura – Supporto Ales S.p.A.), Andrea Coluccia (Project Officer Uffici Media – Desk Italia Europa Creativa – Cinecittà S.p.A.) e alle 17.30 Green Music: può la musica contribuire alla salvaguardia del pianeta? con Francesca Michielin, Marco Modugno (Friday For Future), Stefano Ciafani (Legambiente). Venerdì 15 luglio alle 10.30  Sync Lab, Listening session con Silvia Siano (Cross Productions) e Irma De Wind (Frontier Developments) in collaborazione con l’Associazione Culturale NODE, alle 11.00 Una musica può fare: strategie e modelli di sviluppo per l’industria musicale italiana. L’esperienza delle Music Commission con la partecipazione del Presidente della Regione Puglia, Presidente della Regione Lazio, Diodato, Michele Riondino modera Ernesto Assante e infine alle 16.00 Come riusciranno i club e i promoter a sormontare la crisi? con Zoe Pia (I-Jazz), Federico Rasetti e Davide Fabbri (KeepOn Live), Rita Zappador (International Music), Luca Del Muratore (Locusta) modera Vincenzo Bellini.  Per partecipare alle attività professionali è consigliata registrazione,  ulteriori informazioni e modalità di registrazione sono disponibili sul sito web medimex.it.
 
Medimex 2022: in mostra Pink Floyd e Queen
A Taranto omaggio ai Pink Floyd con la mostra  Hipgnosis Studio: Pink Floyd and Beyond al MarTA e l’installazione visiva tridimensionale 3D Pink Floyd: dalle porte dell’alba al Muro sulla facciata del Castello Aragonese e a Bari la mostra Denis O’Regan with QUEEN
 
Medimex 2022,  in programma dal 16 al 19 giugno a Taranto e dal 13 al 15 luglio a Bari, con i concerti di Nick Cave & The Bad Seeds a Taranto (19 giugno) e The Chemical Brothers a Bari (14 luglio), celebra due dei più importanti gruppi della storia musicale: Pink Floyd e Queen.  Dal 16 giugno al 17 luglio al MarTA. Museo Archeologico Nazionale di Taranto, il Medimex presenta Hipgnosis Studio: Pink Floyd and Beyond, mostra a cura di Ono Arte Contemporanea che  ripercorre la storia di uno dei gruppi più importanti della musica rock attraverso il lavoro dello studio grafico che aiutò a tradurre in immagini la loro opera sonora. Non è infatti possibile immaginare i Pink Floyd senza le copertine dei loro album, che sono diventati dei veri e propri simboli, e dietro a quelle copertine c’erano Storm Thorgerson e Aubrey Powell, ovvero lo Studio Hipgnosis. La mostra, che rappresenta una anteprima nazionale, comprende 55 opere di grande formato. Con un nucleo centrale che racconta la collaborazione tra Studio Hipgnosis e i Pink Floyd, l’esposizione raccoglie alcune delle copertine più iconiche della band accanto ai loro lavori preparatori ed out-take, per mostrare il processo creativo all’origine di quelle che ormai sono diventate pietre miliari non solo dell’arte e del design ma anche della cultura visiva contemporanea.  Dai lavori per i Pink Floyd la mostra si allarga alle opere realizzate per band come Led Zeppelin, Peter Gabriel, Genesis e Rolling Stones.  Le opere entrano in dialogo con la collezione permanente del MArTA in un percorso integrato che permetterà al visitatore di immergersi in un pezzo di storia della cultura popolare e della grafica contemporanea. E ai Pink Floyd è dedicata anche l’installazione visiva  tridimensionale 3D Pink Floyd: dalle porte dell’alba al muro di Hermes Mangialardo a cura di Valentina Iacovelli, produzione Contempo realizzato in esclusiva per il  Medimex in programma dal 16 al 18 giugno sulla facciata del Castello Aragonese di Taranto. Un’esplosione di colore che coinvolgerà emotivamente lo spettatore in un viaggio attraverso la storia e l’immaginario dei Pink Floyd. Dal 13 luglio al 28  agosto a Bari nello Spazio Murat il Medimex presenta la mostra Denis O’Regan with QUEEN a cura di Ono Arte Contemporanea. Quando O’Regan vide per la prima volta i Queen in concerto era il dicembre 1973, e la band suonava come gruppo di spalla di Mott the Hoople all'Hammersmith Odeon di Londra. Tredici anni dopo, il 9 agosto 1986, i Queen avevano raggiunto l'apice della loro fama diventando il più importante fenomeno socioculturale del pianeta e, a grande richiesta, il gruppo fu costretto ad annunciare una data in più in all’interno del The Magic Tour, che era andato sold out immediatamente. Fu così che, al Knebworth Park a nord di Londra, suonarono per un pubblico di circa 115.000 persone. A fotografare l’evento, c’era Denis O’Regan, fotografo ufficiale del tour. A causa del grande traffico attorno al luogo del concerto, i Queen dovettero arrivare in elicottero. Per poter scattare le foto che sarebbero diventate tra le più famose della rock band britannica, Denis si recò in un aeroporto locale e la band affittò per lui un elicottero con pilota, in modo in modo che potesse scattare loro le foto mentre volavano da Londra. “Nella mia foto più importante dei Queen, i Queen non si vedono”, avrebbe detto più tardi: “ma questo è anche la testimonianza di quanto fossero diventati grandi. L’elicottero parlava per loro”. O’Regan ha scattato foto sul palco e nel backstage in ogni città europea che hanno visitato durante quell'estate, incluse due serate allo stadio di Wembley a Londra, ognuna delle quali totalizzò 85.000 spettatori. Tra questi scatti uno dei più famosi è sicuramente il grandangolo di Freddie Mercury che indossa la sua famosa corona d'oro, un braccio alzato al cielo, e il suo mantello regale drappeggiato sulle spalle.  L’accesso privilegiato che O’Regan ebbe gli permise di scattare alcune delle foto più iconiche della band così come momenti intimi dei quattro di Londra nel momento di apice della loro carriera: il The Magic Tour fu infatti l’ultimo della carriera della band.  La mostra, che include opere presentate in anteprima nazionale, comprende 60 fotografie esposte all’interno di un allestimento immersivo.

Il programma completo di Medimex 2022 sarà annunciato nelle prossime settimane. Aggiornamenti costanti sono disponibili sul sito web medimex.it.
 
Medimex è un progetto Puglia Sounds, il programma della Regione Puglia per lo sviluppo del sistema musicale regionale finanziato a valere sul POC PUGLIA 2007/2013 – Azione sviluppo di attività culturali e dello spettacolo” INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO
_____________________________________________________________________________________

LILITH FESTIVAL 2022
OPENING PARTY
CRISTINA NICO
live @laClaque
28 maggio 2022

Presentazione del nuovo album della cantautrice genovese, il terzo, in uscita a giugno 2022 per Lilith Label e Orange Home Records.

Anteprima del Lilith Festival 2022, quella a laClaque sarà la data di presentazione di un intenso viaggio interiore, un lavoro eclettico che spazia da suggestioni trip-hop al punk-jazz, dalle chitarre rabbiose degli Anni Novanta ad accenti folk e world music, passando per l'alt-country e persino accenni crossover. Pur mantenendo l’urgenza e una certa essenzialità della scrittura primigenia, in fase di produzione Giulio Gaietto e Nico hanno deciso infatti di fare emergere le tante voci interiori dell'artista. Il live si preannuncia fedele a questa voglia di esprimere diversi umori, anche attraverso l’apporto degli altri musicisti della band: le sapienti cordofonie di Roberto Zanisi, il drumming solido e versatile di Federico “Bandiani” Lagomarsino, la sensibilità di Stefano Bolchi (Edgar) che si spartirà con Nico le parti di chitarra e il canto. "Per guardarmi a fondo, dovevo uscire dai miei soliti ruoli, per capire chi ero davvero dovevo interpretare le diverse me stesse. Una discesa agli inferi e ritorno che è diventato un viaggio musicale urban e allo stesso tempo folk, un rinnovamento e un ritorno o una ricostruzione delle mie radici. Ho sentito l'esigenza di esprimermi non solo in italiano, ma anche in inglese, in francese, persino in dialetto calabrese, perché ogni lingua offriva opportunità diverse di espressione. E perché...è successo così." (C.Nico) Non mancheranno gli/le special guest per un atteso ed emozionato ritorno sulle scene di un'artista che "ha la grinta e la forza, l’energia interiore dei grandi rockers; la sua voce è potente e arriva come uno schiaffo, come le verità che non si possono tacere e nascondere a se stessi; arriva a volte come lamento, altre come voce interna della coscienza, altre ancora come grido nell’antro della caverna. In ogni caso il suo canto e il suo sound vanno ogni momento d’accordo e le due doti interpretative mantengono sempre la sincerità della canzone d’autore” (Elisabetta Malantrucco, Blogfoolk). 
Il Lilith Festival 2022 quest'anno si svolgerà in diverse zone della città, con un ricco cartellone che si dipanerà tra giugno e settembre: i concerti e gli eventi collaterali di giugno e parte di luglio si svolgeranno infatti in centro storico nel Sestiere del Molo, nelle suggestive cornici del Chiostro di Sant'Andrea e dei Giardini Luzzati; a luglio il Festival si sposterà quindi in Villa Bombrini e alla ex-caserma Gavoglio; a settembre si tornerà ai Luzzati per festeggiarne i dieci anni con due eventi speciali in collaborazione con Goa-Boa e gli stessi Luzzati. È prevista per l'autunno la collaborazione con il Teatro Nazionale di Genova per uno speciale spettacolo teatrale e musicale. Verrà annunciata prossimamente tutta la programmazione.

Prevendita biglietti live 28 maggio: https://link.dice.fm/MteUs5z7Kpb
_____________________________________________________________________________________

DAL 28 AL 31 LUGLIO A CORIGLIANO D'OTRANTO LA SEDICESIMA EDIZIONE DEL 
SEI FESTIVAL 
CON ARAB STRAP, BLACK MIDI, DENGUE DENGUE DENGUE, DITONELLAPIAGA E ALTRI OSPITI. DURANTE L'ESTATE NON MANCHERANNO ALTRE DATE OFF CON PIXIES, VENERUS E PSICOLOGI E LA RESIDENZA FEELM CON GINEVRA NERVI.

Arab Strap, Black Midi, Dengue Dengue Dengue, Ditonellapiaga, Mombao, Nickodemus, Ceri sono alcuni dei protagonisti della sedicesima edizione del SEI Festival. Con il claim #ShapeTheFuture, dal 28 al 31 luglio nel Castello Volante di Corigliano d’Otranto, il festival salentino ideato, prodotto e promosso da Coolclub proporrà un fitto programma di concerti, incontri, proiezioni e altri momenti di confronto. #ShapeTheFuture è un invito ad avere fiducia nel domani: reimmaginare il futuro, riscriverlo, ridisegnarlo. Ritrovare il desiderio di  una quotidianità che sembra ormai non appartenerci più. Anche quest'anno non mancheranno alcune date OFF con Venerus e Mace (8 agosto) e Psicologi (20 agosto) al Parco Gondar di Gallipoli e soprattutto con l'atteso concerto degli statunitensi Pixies (rinviato per due anni a causa della pandemia) che si esibiranno il 16 agosto in Piazza Libertini a Lecce. La lunga estate del SEI Festival partirà già a fine giugno nel Castello Volante di Corigliano d'Otranto con la seconda edizione della residenza artistica “FeelM - From Primitives to the Future” che unisce il cinema delle origini e la musica contemporanea con la direzione artistica di Ginevra Nervi, compositrice e producer che basa la sua ricerca artistica sull'esplorazione timbrica vocale (performance finale 25 giugno). Prevendite su Dice.Fm. Info seifestival.it

SEI FESTIVAL A CORIGLIANO D'OTRANTO
Il cuore del festival dal 28 al 31 luglio al Castello Volante di Corigliano d'Otranto con quattro intense serate con ospiti nazionali e internazionali che si esibiranno nell'atrio, sulle terrazze e nel fossato dell'antica fortezza (abbonamento disponibile su Dice.Fm). Si parte giovedì 28 luglio con la psichedelia turca dei Lalalar, il progetto solista della cantante, bassista e autrice dei Be Forest Koko, l'universo umano e musicale di Giorgio Tuma, le esplosive sonorità dei Funk Rimini e, per concludere, l'inimitabile miscela di paesaggi sonori post-rock, elettronica sottile, ticchettii della batteria, archi gonfi pionieristico del duo scozzese Arab Strap, composto da Moffat e Malcolm Middleton. Venerdì 29 luglio sul palco si alterneranno i giovani baresi Lazzaretto, con il loro "alt rock tra richiami shoegaze e una voce distorta in francese che parla agli incompresi", Aquarama, duo toscano che fonde groove ispirati dal moderno r’n’b statunitense, melodie surf, ritmi afro-cubani e sonorità funk all’eleganza della tradizione pop italiana; Planet Opal, progetto di musica elettronica formato da Giorgio Assi (produttore, sintetizzatori e voce) e Leonardo De Franceschi (batteria e percussioni), e Black Midi, trio londinese composto da Geordie Greep (chitarra, voce principale), Cameron Picton (basso, voce) e Morgan Simpson (batteria) che, con con il sassofonista Kaidi Akinnibi e il tastierista Seth Evans, proporranno i brani del nuovo progetto discografico “Cavalcade”. Sabato 30 luglio la serata si aprirà con il duo Mombao, un progetto che si basa su percussioni, voci ed elettronica, molto potente e originale, a metà tra un rituale, una performance e un concerto rock, e con il trio Mundial, che recupera le vecchie storie e filastrocche utilizzando un sound caratterizzato da campionamenti dei suoni del paesaggio pugliese, editati e trasformati in pattern ritmici, proseguirà con Dengue Dengue Dengue, duo peruviano di tropical bass che mescola cumbia psichedelica e dub, salsa e footwork, tribale e techno, e si concluderà con le selezioni del dj e producer newyorkese Nickodemus e con le sonorità del Tropical party feat. Dubin e Federico Primiceri. Domenica 31 luglio, infine, spazio alla salentina Julielle e al suo elettro pop frutto di un percorso che si divide tra musica elettronica e la passione per Edith Piaf, John Lennon, Jeff Buckley, alla cantante e performer LaHasna, milanese di origini marocchine con sonorità che richiamano il mondo arabo, ai Rome In Reverse, trio che propone un mix tra dance, techno, dub e trip hop, Ceri, uno dei produttori tra i più innovativi e influenti della scena italiana (Salmo, Coez, Calcutta, Franco 126, Frah Quintale e Crookers), "demiurgo dello street pop italiano, con beat che uniscono hip hop, tradizione cantautorale e dancefloor di marca house" e Ditonellapiaga, una delle rivelazioni dell’ultimo Festival di Sanremo in coppia con Donatella Rettore, che con il suo album d’esordio "Camouflage" ha entusiasmato pubblico e critica tra nu-soul e R’N’B,  frenetici ritmi latin e virate psichedeliche, inebrianti canzoni pop e sofisticate sonorità elettroniche.

SEI OFF A LECCE E GALLIPOLI - PIXIES, VENERUS, MACE E PSICOLOGI
Anche quest'anno, come detto, il SEI proporrà alcune date OFF. Martedì 16 agosto (prevendite attive su Dice.fm) in Piazza Libertini a Lecce si concluderà l'attesa (che si protrae da due anni a causa della pandemia) per il live degli statunitensi Pixies, una delle band più importanti della storia del rock che ha aperto la strada a pesi massimi della musica come Nirvana, Radiohead e Pearl Jam. I loro successi sono entrati nella storia della cultura pop, come "Where is my mind?", conosciuta in tutto il mondo per essere stata utilizzata nella scena finale e nei titoli di coda del film Fight Club. Il Parco Gondar di Gallipoli ospiterà invece due serate con il concerto di Venerus, astro nascente del cantautorato che, a un anno esatto dal fortunatissimo “Magica Musica tour”, torna a esibirsi con il nuovo show "Estasi degli angeli", un viaggio tutto da vivere, tra canzoni amate e conosciute e nuove sorprese, e il dj set di Mace, uno dei producer più importanti della nuova musica italiana (8 agosto - prevendite attive su Dice.fm), e l'esibizione degli Psicologi, esponenti della generazione “post millennials”, che raccontano la complessità del mondo che hanno intorno con verità e intelligenza compositiva (20 agosto - prevendite attive su Dice.fm). 

LA STORIA
Ideato, prodotto e promosso da Coolclub, con la direzione artistica di Cesare Liaci, uno tra i più importanti Festival nell’agenda musicale di tutto il sud Italia, che negli ultimi anni ha ottenuto il riconoscimento del Fus – Fondo Unico per lo spettacolo del Mibac, è realizzato in collaborazione con Dice.fm, Vini Garofano e numerose realtà pubbliche e private. Dal 2006 SEI - Sud Est indipendente Festival ha portato nel Salento le sonorità più interessanti della musica italiana e internazionale, offrendo al pubblico una panoramica ampia e variegata della musica dal punk al cantautorato, dal rock allo ska, dal folk ai ritmi in levare, dall'elettronica alla nuova scena italiana. Nelle diverse location salentine, che nelle prime quindici edizioni hanno ospitato il festival, si sono alternati artisti internazionali come Kings of Convenience, Lee Ranaldo, Jon Spencer Blues Explosion, Cat Power, Suzanne Vega, Peter Hook & The Light, Skatalites, Joan as Police Woman, Finn Andrews, Patrick Watson, J.P. Bimeni & The Black Belts, Giant Sand, Hollie Cook, Gogol Bordello, Mad Professor, Bombino, Russell Leetch (Editors), gli italiani Baustelle, Calcutta, Franco126, Mannarino, Avion Travel, Negrita, Lo Stato Sociale, Calibro 35, Brunori Sas, Be Forest, Diaframma, Any Other, Lorenzo Kruger, Venerus, Ariete, Francesco Bianconi, Cristina Donà, Cristiano Godano, Paolo Benvegnù, Roberto Angelini, Bud Spencer Blues Explosion, Coma_Cose, Galeffi, Eugenio In Via di Gioia, Andrea Poggio, Siberia, Canova, Colombre, Giorgio Poi, Bugo, Daniele Silvestri, Cosmo, Verdena, Tre Allegri Ragazzi Morti, Vallanzaska, Teatro degli Orrori, One Dimensional Man, La Municipàl e molte altre realtà dalla Puglia, dall'Italia e dal resto del mondo.

Info
3331803375 - www.seifestival.it
#seifestival #shapethefuture
Facebook - Instagram @SeiFestival
_____________________________________________________________________________________

Cresce l’attesa per la 3a edizione del festival
PARMA CITTÀDELLA MUSICA


IL 9 LUGLIO 2022
nella storica cornice del Parco Ducale di Parma
PREVENDITE DISPONIBILI DA LUNEDÌ 28 FEBBRAIO ALLE ORE 14.00 
In programma i live di grandi ospiti internazionali tra cui
 
KRAFTWERK 3-D
protagonisti della speciale ANTEPRIMA del festival
5 MAGGIO – Teatro Regio
 
ANDREA BOCELLI
7 LUGLIO – Parco Ducale di Parma
 
STING
 “My Song Tour 2020”
19 LUGLIO – Parco Ducale di Parma
 
… e tanti altri ancora!
 
Cresce l’attesa per la terza edizione del festival PARMA CITTÀDELLA MUSICA! A luglio 2022, nella storica cornice del Parco Ducale di Parma, si alterneranno i grandi protagonisti della italiana e internazionale. Il 9 luglio il Parco Ducale di Parma, uno dei luoghi maggiormente rappresentativi della città emiliana, ospiterà i PINGUINI TATTICI NUCLEARI, band che continua a collezionare dischi d’oro, di platino, doppio e triplo platino, per la prima tappa outdoor del loro “Dove Eravamo Rimasti Tour”. Da lunedì 28 febbraio alle ore 14.00 saranno disponibili i biglietti sui circuiti TicketOne, TicketMaster e VivaTicket. Il live dei Pinguini Tattici Nucleari sarà preceduto da ANDREA BOCELLI, artista da oltre 90 milioni di copie vendute nel mondo ed eletto ovunque testimonianza della più alta tradizione vocale italiana, che il 7 luglio porterà al Parco Ducale di Parma il suo tour in un unico speciale appuntamento. Il 19 luglio sarà la volta di STING, una delle più grandi star della musica internazionale. L’artista britannico si esibirà per la prima volta nella città emiliana, dove porterà sul palco del Parco Ducale il suo “My songs tour 2022” (recupero del 23 luglio 2020 e del 20 luglio 2021). Ad aprire il festival saranno, invece, i KRAFTWERK, che il 5 maggio saranno i protagonisti della speciale anteprima di PARMA CITTÀDELLA MUSICA al Teatro Regio (recupero del 23 maggio 2020 e del 6 aprile 2021). I pionieri della musica elettronica si esibiranno con il loro incredibile show multimediale, che fonde insieme musica e arte performativa, per una tappa speciale del tour “Kraftwerk 3-D”.
I biglietti per il concerto dei Kraftwerk, di Andrea Bocelli e di Sting sono già disponibili sui circuiti e punti vendita TicketOne.it, TicketMaster.it e VivaTicket.com. Per maggiori informazioni: 0521.993628 – info@parmacittadellamusica.it. I biglietti acquistati precedentemente restano validi per le nuove date. Il Festival PARMA CITTÀDELLA MUSICA è organizzato da Puzzle Concerti ed Intersuoni, in collaborazione con la Fondazione Teatro Regio di Parma, con il patrocinio e la coorganizzazione del Comune di Parma.
 
_____________________________________________________________________________________

Festival del Vittoriale TENER-A-MENTE
14 CONCERTI E LA PERFORMANCE POETICA PIU' LUCE!
DAL 26 GIUGNO AL 25 LUGLIO NELLA SONTUOSA AMBIENTAZIONE DELL'ANFITEATRO DEL VITTORIALE, AFFACCIATO SUL LAGO DI GARDA. 
SI COMPLETA IL CARTELLONE DELL'UNDICESIMA EDIZIONE
Gardone Riviera (BS), via Vittoriale, 12
 
E' con immenso piacere che Tener-a-mente Festival presenta la sua undicesima edizione, dopo una rassegna, la scorsa estate, che, nonostante le evidenti difficoltà dettate dall'emergenza sanitaria e dalla forzata interruzione nel 2020, si è chiusa con numeri di tutto rispetto: 18 spettacoli tutti esauriti per un totale di 16.381 spettatori, cui si aggiungono 5.135 persone iscritte in lunghissime lista d'attesa per gli spettacoli più richiesti. 14 appuntamenti musicali e la serata poetico-performativa Più Luce! torneranno a far vibrare il palco vista lago dell'Anfiteatro del Vittoriale dal 26 giugno al 25 luglio. Oltre agli artisti di fama mondiale già fortemente attesi per via dei posticipi forzati causa pandemia - l’unica data italiana di Beck e quella di Beth Hart, e poi James Blunt, Michael Kiwanuka e Fantastic Negrito – Tener-a-mente annuncia molti nuovi ospiti nazionali e internazionali: Paolo Nutini (che ha esaurito i biglietti in pochi minuti, con un sold-out lampo con cui stabilisce il record del Festival) l'unica data italiana di H.E.R., Jeff Beck (atteso con very special guest), Diana Krall, The Tallest Man on Earth, Steve Vai, Roberto Vecchioni, Calibro35 e Manuel Agnelli. Come ogni anno, si rinnova anche l'appuntamento poetico con Più Luce!, con la curatela artistica di Paola Veneto, i cui dettagli e contenuti verranno svelati nelle prossime settimane. Tener-a-mente, organizzato da Ripens’arti con la direzione artistica di Viola Costa, verrà anticipato quest'anno da una serata firmata GardaLo, il 25 giugno: lo spettacolo di Alessandro Bergonzoni 'Trascendi e Sali'. Per informazioni su GardaLo, il Festival culturale fortemente voluto dal Presidente della Fondazione Giordano Bruno Guerri, si rimanda al sito www.vittoriale.it.

26 giugno
BECK
unica data italiana

27 giugno
JAMES BLUNT

5 luglio
STEVE VAI

8 luglio
THE TALLEST MAN ON EARTH

9 luglio
PIU' LUCE!
con la curatela artistica di Paola Veneto
 
10 luglio
ROBERTO VECCHIONI

14 luglio
MICHAEL KIWANUKA

15 luglio
PAOLO NUTINI

16 luglio
DIANA KRALL

17 luglio
MANUEL AGNELLI

18 luglio
JEFF BECK plus VERY SPECIAL GUEST

19 luglio
BETH HART
unica data italiana

21 luglio
FANTASTIC NEGRITO

23 luglio
CALIBRO 35

25 luglio
H.E.R.
unica data italiana

biglietti in vendita al sito www.anfiteatrodelvittoriale.it
info e riservazioni telefoniche al 340.1392446, da lunedì a venerdì dalle ore 10 alle ore 15
_____________________________________________________________________________________

LOCUS FESTIVAL 2022
Nuovi annunci del Locus festival 2022: gli italiani Brunori Sas, Venerus e Mace, le inglesi Los Bitchos, la cantautrice americana Joan As Police Woman, si sono aggiunti ad un programma sempre più vasto e sorprendente.

Ormai è già alto il sole del Locus festival 2022, che con il suo tema "the rising sun" si espande in molteplici direzioni musicali ed in svariate località pugliesi, fra LOCOROTONDO, BARI, TRANI, MINERVINO MURGE, FASANO e MOLA.
Agli headliner già annunciati Alt-J, Palo Nutini, Kings of Convenience, Caparezza, Sons of Kemet, Mannarino, Carmen Consoli, Cosmo, Nu Genea, Quantic, Azimuth, Caribou, La Rappresentante di Lista, Willie Peyote... si sono aggiunti in questi giorni Joan As Police Woman, Los Bitchos, Dj Shadow, Brunori Sas, Venerus e Mace.
Il riepilogo del programma completo, a cui nei prossimi giorni si aggiungeranno ulteriori eventi, è visibile sul sito locusfestival.it e nell'evento Facebook generale del Locus festival 2022 - The rising sun. Tutti i biglietti sono disponibili sulle piattaforme DICE.fm e Ticketone.it. Di seguito le ultime novità annunciate:
Il cantautore Brunori sas, con la sua musica e la leggera poetica che lo contraddistingue da sempre, arriva per la prima volta al Locus festival, il 6 agosto nella particolare location del Parco Archeologico di Egnazia a Fasano (BR). Unica data in Puglia! Nonostante il periodo forzato di stop ai grandi eventi, Brunori Sas non ha smesso neanche per un attimo di regalare ai fan momenti ed emozioni sempre nuovi e coinvolgenti: dal tour di Concertini Acustici passando per la recente pubblicazione di Baby Cip! e Cheap. L’estate 2022 di Dario Brunori è l’occasione perfetta per tornare a lasciarsi conquistare dalle sue esibizioni dal vivo. Sarà una vera notte delle stelle quella del 10 agosto a Locorotondo, con il concerto di Venerus che si aggiunge al già annunciato live dei londinesi Sons of Kemet! L'artista milanese presenta il nuovo progetto "Estasi degli angeli": non un semplice concerto, ma un’esperienza, un rito collettivo che Venerus e l'Alchimia Emozionale Ensemble condivideranno con il pubblico. Un viaggio tutto da vivere, tra canzoni amate e conosciute e nuove sorprese. Oltre al già annunciato artista canadese CARIBOU, il ferragosto del Locus festival 2022 in Masseria Ferragnano a Locorotondo avrà un altro ospite illustre: il dj MACE  è uno tra i più importanti e riconosciuti producer della scena musicale italiana contemporanea. C'è lui dietro al suono di tante hit  come “Ho Paura di Uscire 2” per Salmo, “Pamplona” di Fabri Fibra, gli album “DNA” di Ghali, "Magica Musica di Venerus, ed  "OBE" con Venerus, Blanco, Gemitaiz, Irama, Madame, Joan Thiele... e molti altri. La musica di Mace è geniale e innovativa, ed innalza l'urban pop italiano ad un nuovo livello sempre più internazionale. Sempre a Locorotondo in Masseria Ferragnano, sabato 13 agosto nella stessa serata con Carmen Consoli, sul palco del Locus arriva una nuova band di sole donne che sta facendo parlare di se in tutto il mondo. Residenti a Londra ma provenienti da Uruguay, Australia e Svezia, Los Bitchos esprimono nei loro acclamati live un melting pot esotico e psichedelico irresistibile! Ascoltare per credere il loro debut album “Let the Festivities Begin!”, prodotto Alex Kapranos (Franz Ferdinand). Tra i migliori esempi di songwriting al femminile, la celebre cantautrice e musicista americana Joan As Police Woman  torna al Locus festival dopo la sua prima apparizione nel lontano 2011. il 9 agosto JAPW sarà protagonista insieme a Carlo Massarini di un talk sul cantante Jeff Buckley in occasione della mostra a lui dedicata, per poi esibirsi in uno speciale ed esclusivo live set solista. L'incontro ed il concerto di Joan As Police Woman sono gratuiti, e rappresentano un primo ritorno del Locus in piazza Moro a Locorotondo, dopo due anni di assenza da quel luogo storico per il festival.
_____________________________________________________________________________________

MUSIKÈ 2022 
Undicesima edizione

Dal 20 aprile al 27 novembre torna Musikè, la rassegna di musica, teatro, danza promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.
Quattordici appuntamenti, tra cui due prime nazionali, con artisti italiani e stranieri, 
per una rassegna itinerante che oltre a Padova e Rovigo toccherà Piove di Sacco, Fratta Polesine, Badia Polesine, Lendinara e Camposampiero.
 
Una rassegna che abbraccia le diverse espressioni dello spettacolo, dalla musica al teatro, alla danza. Si rinnova anche quest’anno, dal 20 aprile al 27 novembre, l’appuntamento con Musikè, la rassegna promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Forte di una pluralità di linguaggi, la rassegna, che quest’anno giunge all’undicesima edizione, presenta un ricco calendario di eventi con i grandi nomi del panorama italiano e internazionale. Una lunga avventura di suoni, movimenti, immagini e parole, che farà tappa in alcuni dei luoghi più iconici delle province di Padova e Rovigo. L’inaugurazione di rassegna sarà affidata alla cantante e attrice Tosca, che mercoledì 20 aprile, alle ore 21.00, salirà sul palco del Teatro Sociale di Rovigo con Morabeza in Teatro, concerto che prende il titolo dal suo ultimo album, premiato nel 2020 con due Targhe Tenco. Tosca condurrà il pubblico nelle atmosfere di un immaginario salotto sudamericano e si addentrerà in un intimo, raffinato e allo stesso tempo popolare melting pot per celebrare la fusione tra i popoli, gettando un ponte tra le sue radici italiane e le musiche d’altrove: francesi, brasiliane, portoghesi e tunisine. L’incrocio tra stili musicali differenti caratterizza anche il lavoro di un’altra grande interprete della canzone d’autore, la pianista e cantante Chiara Civello. Con Chansons. International French Standards, in programma a Padova giovedì 28 aprile alle ore 21.00 alla Sala dei Giganti di Palazzo Liviano, la Civello proporrà un programma dedicato ai capisaldi della canzone francese, spaziando da Michel Legrand a Charles Aznavour, da Charles Trénet a Edith Piaf, da Jacques Brel a Gilbert Bécaud e Francis Lai. Nomi conosciuti dagli amanti della musica d’autore, ma non necessariamente dal pubblico internazionale, e riproposti in chiave inedita e intimista: dallo swing al soul e ai ritmi cubani, con improvvisazioni vocali e al pianoforte. L’appuntamento successivo si colloca tra musica e teatro, in un brillante intreccio di suoni e parole. Sabato 7 maggio al Teatro Filarmonico di Piove di Sacco (PD), sempre alle ore 21.00, Federico Maria Sardelli e l’ensemble di musica barocca Modo Antiquo proporranno il concerto-racconto L’affare Vivaldi, ricostruendo le vicissitudini del Prete Rosso e la curiosa vicenda dei suoi manoscritti: un enorme patrimonio musicale che ha rischiato di andare perduto. Si prosegue all’insegna della musica classica lunedì 16 maggio alle ore 21.00 all’Auditorium Pollini di Padova, con il recital Invito alla danza del pianista Giuseppe Albanese: un altro esempio di quel dialogo tra le arti che ha contraddistinto Musikè fin dalla prima edizione. Ospite per la prima volta a Padova, Albanese, che è tra i pianisti più richiesti della sua generazione, eseguirà brani originali di Weber e Ravel e versioni pianistiche di celebri pagine orchestrali per balletto, dallo Schiaccianoci di Tchaikovsky all’Uccello di fuoco di Strawinsky, in un programma che è un omaggio alla danza e insieme all’arte della trascrizione. Il pianoforte sarà lo Steinway grancoda che la Fondazione ha acquistato per metterlo a disposizione della città di Padova tramite gli Amici della Musica. Un suggestivo intreccio tra le arti performative è lo spettacolo Favole al telefono, con Peppe Servillo voce recitante, Geoff Westley al pianoforte e la piccola Orchestra delle Favole, in cartellone venerdì 10 giugno, con inizio alle ore 21.30, nello straordinario scenario della scalinata monumentale di Villa Badoer a Fratta Polesine (RO). Un concerto-racconto dedicato ai 60 anni delle Favole di Gianni Rodari, in cui il linguaggio della fantasia incontrerà la musica, appositamente composta ed eseguita per questo progetto da Geoff Westley: un pianista che ha uno speciale rapporto con la musica d’autore italiana, essendo stato l’arrangiatore di famosi album di Lucio Battisti, Claudio Baglioni, Renato Zero, Lucio Dalla, Fabrizio De André, Fiorella Mannoia.  L’ultimo appuntamento prima della pausa estiva sarà un concerto-omaggio ad Astor Piazzolla. A celebrare il grande musicista argentino, nella data esatta del trentennale della morte, lunedì 4 luglio a Padova (inizio ore 21.30), sarà il Quinteto Revolucionario, vincitore del Latin Grammy nel 2019 e riconosciuto come formazione ufficiale dagli eredi del compositore. Arti figurative e teatro apriranno la seconda parte della rassegna, giovedì 6 ottobre alle ore 21.00 al Piccolo Teatro Don Bosco di Padova, con lo spettacolo Raffaello. Il figlio del vento dell’autore, attore e giullare Matthias Martelli. Accompagnato dalle musiche originali eseguite dal vivo dal pianista Matteo Castellan, Martelli trascinerà lo spettatore in un avvolgente e poetico racconto sulla figura di Raffaello Sanzio, attraverso un’esperienza multisensoriale fatta di parole e di immagini. Il Balletto Teatro di Torino sarà protagonista del primo appuntamento con la danza, giovedì 13 ottobre alle ore 21.00, al Teatro Balzan di Badia Polesine (RO). La compagnia, che ha festeggiato recentemente i 40 anni di attività, porterà in scena per Musikè due nuove produzioni: Kiss Me Hard Before You Go è un duetto fluido e dinamico che mette a nudo la vulnerabilità dell’essere umano lungo la linea di confine tra ciò che è presente e ciò che è da lasciare andare; la coreografia di Anemoi_secondo studio è invece dedicata al potere del vento, al movimento dell’aria che libera il corpo dalle ragnatele dell’immobilità. Al Piccolo Teatro Don Bosco di Padova, giovedì 20 ottobre alle ore 21.00, andrà in scena Tutto quello che volevo. Storia di una sentenza, opera con cui l’attrice e autrice Cinzia Spanò prosegue la riflessione sul femminile partendo da una storia vera e terribile: il caso delle due ragazzine di 14 e 15 anni, studentesse di uno dei migliori licei di Roma, che si prostituivano dopo la scuola in un appartamento di viale Parioli. La storia che lo spettacolo racconta è quella della Giudice Paola Di Nicola, chiamata a pronunciarsi sul risarcimento del danno per le vittime, oltre che sulla condanna per i clienti, tutti professionisti affermati, insospettabili padri di famiglia. Oggi come allora, la domanda rimane: come si può risarcire quello che le ragazzine hanno barattato per denaro dando loro altro denaro? Un caso mediatico senza precedenti, per una sentenza diversa da tutte le altre. È un’ode appassionata al suono degli anni Ottanta Lovetrain2020, gigantesco musical contemporaneo, che sarà in scena al Teatro Verdi di Padova domenica 30 ottobre, con inizio alle ore 17.00. Ideato dal coreografo israeliano Emanuel Gat, stella della danza contemporanea, lo spettacolo esplora le possibilità espressive ed emotive dell’intreccio tra strutture musicali e coreografiche, con 14 danzatori in scena e le musiche di una delle band di culto di quell’iconico decennio: i Tears for Fears. In occasione dei cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini, martedì 8 novembre alle ore 21.00 Musikè ospiterà a Padova, nella Sala dei Giganti di Palazzo Liviano, la lettura teatrale PPP – Un segreto italiano di Carlo Lucarelli. Il popolare giallista e conduttore televisivo fonde cronaca e autobiografia raccontando Pasolini attraverso i corsivi e gli editoriali trovati in una soffitta della sua casa di famiglia a Mordano, per poi addentrarsi nell’Italia di quegli anni, intrisa di efferata violenza, e nelle dinamiche che hanno portato all’omicidio del grande intellettuale, poeta e cineasta. La voce di Elena Pau e il pianoforte di Alessandro Nidi accompagneranno il testo con canzoni su Pasolini dei nostri cantautori, canzoni tratte da poesie di Pasolini e canzoni scritte dallo stesso Pasolini, che fu anche autore di canzoni. Musica e teatro ancora insieme domenica 13 novembre alle ore 17.00 al Teatro Ballarin di Lendinara (RO), con lo spettacolo Cosa nostra spiegata ai bambini di Stefano Massini. Ottavia Piccolo e i Solisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo saranno impegnati a dare forma a un teatro civile, infantile solo nel titolo, perché in realtà perfettamente adulto e sferzante. Il racconto dell’etica passa attraverso le parole e le azioni di coloro che troppo spesso non hanno voce: come Elda Pucci, Sindaca di Palermo per un anno, la cui storia è al centro del testo. Gli ultimi due appuntamenti di Musikè, entrambi dedicati alla danza, saranno due novità per l’Italia. Mercoledì 23 novembre alle ore 21.00, al Teatro Sociale di Rovigo, la Carmen del coreografo andaluso José Agudo racconterà in prima nazionale una delle più celebri storie di amore e morte: una coreografia sospesa tra flamenco e danza contemporanea, dedicata all’indomita zingara creata dalla penna di Prosper Mérimée e consegnata alla fama dalla musica di Bizet. In chiusura di rassegna, domenica 27 novembre alle ore 17.00, al Teatro Ferrari di Camposampiero, si esibirà per la prima volta in Italia la Yin Yue Dance Company, compagnia fondata a New York dalla coreografa cinese Yin Yue. Sul palco i danzatori eseguiranno Ripple, una creazione in cui il movimento rappresenta lo spettro tra ordine e caos, e Through the Fracture of Light, un pezzo d’insieme dinamico realizzato attraverso la FoCo Technique, una originale tecnica di danza contemporanea che si ispira alla danza tradizionale cinese e che incorpora nel movimento i cinque elementi dell’I-Ching: radice, legno, acqua, ferro e fuoco.
 
Musikè è una rassegna promossa e organizzata dalla
Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo
 

CALENDARIO MUSIKÈ 2022
  
Mercoledì 20 aprile ore 21.00
Rovigo, Teatro Sociale
Tosca
Morabeza in Teatro
 
Giovedì 28 aprile ore 21.00
Padova, Sala dei Giganti al Liviano
Chiara Civello
Chansons. International French Standards
 
Sabato 7 maggio ore 21.00
Piove di Sacco (PD), Teatro Filarmonico
L’affare Vivaldi
Federico Maria Sardelli con Ensemble Modo Antiquo
 
Lunedì 16 maggio ore 21.00
Padova, Auditorium Pollini
Invito alla danza
Giuseppe Albanese pianoforte
 
Venerdì 10 giugno ore 21.30
Fratta Polesine (RO), Villa Badoer
Favole al telefono. Omaggio a Gianni Rodari
Peppe Servillo voce recitante; Geoff Westley pianoforte; Orchestra delle Favole
 
Lunedì 4 luglio ore 21.30
Padova, Piazza Eremitani (sede da confermare)
Quinteto Revolucionario
Omaggio ad Astor Piazzolla
 
Giovedì 6 ottobre ore 21.00
Padova, Piccolo Teatro Don Bosco
Matthias Martelli
Raffaello. Il figlio del vento
 
Giovedì 13 ottobre ore 21.00
Badia Polesine (RO), Teatro Balzan
Balletto Teatro di Torino
Kiss Me Hard Before You Go
Anemoi_secondo studio
 
Giovedì 20 ottobre ore 21.00
Padova, Piccolo Teatro Don Bosco
Cinzia Spanò
Tutto quello che volevo. Storia di una sentenza
 
Domenica 30 ottobre ore 17.00
Padova, Teatro Verdi
Emanuel Gat Dance
Lovetrain2020
 
Martedì 8 novembre ore 21.00
Padova, Sala dei Giganti al Liviano
PPP – Un segreto italiano
Carlo Lucarelli narratore; Elena Pau voce; Alessandro Nidi pianoforte
 
Domenica 13 novembre ore 17.00
Lendinara (RO), Teatro Ballarin
Ottavia Piccolo con I Solisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo
Cosa nostra spiegata ai bambini
 
Mercoledì 23 novembre ore 21.00
Rovigo, Teatro Sociale
Agudo Dance Company
Carmen
 
Domenica 27 novembre ore 17.00
Camposampiero (PD), Teatro Ferrari
Yin Yue Dance Company
Ripple
Through the Fracture of Light
 
 Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria sul sito www.rassegnamusike.it
Per informazioni
_____________________________________________________________________________________


EUR Culture per Roma
presenta

RIEMERGERE
I edizione
Stagione 2021 – 2022
dal 15 settembre 2021 al 29 giugno 2022
La Nuvola, Palazzo dei Congressi e altri spazi dell’EUR

La storica rockstar Patti Smith, il video artista più celebre al mondo Bill Viola, la multietnica Orchestra di Piazza Vittorio, il regista più radicale della scena contemporanea internazionale Romeo Castellucci, la scultrice americana Janet Echelman e il più ammirato autore di cinema d’animazione italiano Gianluigi Toccafondo. Ma anche Luca Zingaretti che legge Andrea Camilleri, Federico Rampini che parla di economia attraverso i Beatles, Emma Bonino voce recitante per un film di Werner Herzog. E poi ancora concerti, festival di cinema, videoarte e fotografia, fiere dell’editoria e dell’arte contemporanea, messe musicali e lunghe notti sonore fra jazz, gospel, taranta, indie e trap; appuntamenti orchestrali, mostre d’arte e incontri con i rappresentanti del mondo del giornalismo e della cultura, omaggi a grandi scrittori e a icone pop, eventi speciali e progetti riservati ai più piccoli: oltre 100 eventi artistico-culturali culturali rivolti a tutte le fasce d’età che coinvolgeranno più di 600 tra artisti ed esponenti della cultura per quasi 10 mesi di programmazione. È Riemergere, prima edizione, uno straordinario programma di eventi ideato da EUR Culture per Roma e realizzato da EUR S.p.A. con la direzione artistica di Oscar Pizzo, che dal 15 settembre 2021 al 29 giugno 2022 trasformerà l’iconica Nuvola di Massimiliano Fuksas, il Palazzo dei Congressi e l’intero complesso urbanistico in una nuova centralità della cultura capitolina e non solo. “L’obiettivo sarà di passare da EUR oggetto a EUR soggetto di cultura, sia nel rapporto sinergico con le Istituzioni culturali romane e nazionali che, ancor più importante, nell’immaginario cittadino, modificando il senso comune verso un quartiere percepito come luogo elitario e lontano” dichiara il Direttore Artistico Oscar Pizzo. “Abbiamo voluto aprire La Nuvola alla città. Il centro vaccinale ha dimostrato la forza e la suggestione di questo luogo magico. La nostra ambizione è rendere questa straordinaria opera architettonica un luogo per tutti e fruibile ogni giorno dell’anno. La Pandemia ci lascia in eredità una sfida per il futuro della città: gli spazi, se ben utilizzati, ci aiuteranno a costruire luoghi familiari. I beni comuni, in particolare per le future generazioni, rappresenteranno il valore aggiunto per una città più semplice da vivere, con più colori, emozioni e sicurezza” aggiunge l’Amministratore Delegato di EUR S.p.A. Antonio Rosati, mentre il Presidente di EUR S.p.A. Alberto Sasso conclude: “Abbiamo ritenuto che La Nuvola, capace di grande attrattività internazionale, debba finalmente aprirsi alla città di Roma, coniugando alla sua fondamentale funzione congressuale, una straordinaria offerta culturale di livello nazionale e internazionale. Eur Culture per Roma è una sfida unica nel suo genere”. Una sfida che si riassume in un titolo, Riemergere, fortemente simbolico, sia alla luce del periodo storico che stiamo vivendo, sia rispetto alla funzione che la Nuvola ha svolto in questi mesi, come hub vaccinale contro il Covid-19 fra i più imponenti in Italia: “In questo presente incerto, la coincidenza alla Nuvola di due eventi straordinari quali  la presenza di uno dei maggiori Hub vaccinali italiani contro il Covid - 19 e il Summit Internazionale G20 crea le condizioni per un progetto culturale unico e irripetibile per la nostra città. People, Planet, Prosperity sono i tre pilastri sui quali poggerà il vertice di ottobre 2021 e che ispirano il palinsesto eventi del progetto Eur Culture per Roma.” (Oscar Pizzo). People, Planet e Prosperity sono dunque le tre macro-sezioni che scandiscono il ritmo alla programmazione di Riemegere.

SETTEMBRE 2021
Si parte il 15 settembre al Palazzo dei Congressi e “si parte dalla coda”. Partire dalla coda è infatti il titolo dell’evento di apertura, un concerto visivo che si sviluppa sulle note di un capolavoro del minimalismo firmato da uno dei più grandi compositori nord-europei contemporanei: Canto Ostinato (1976) di Simeon ten Holt. Sullo schermo invece scorreranno le emozionanti immagini di un poetico “mash-up” realizzato da un artista e illustratore, protagonista indiscusso del cinema d’animazione, come Gianluigi Toccafondo. L’orizzonte visivo, poi, esplode verso le nuove direzioni dei linguaggi audio-video nei quattro giorni seguenti, dal 15 al 19 settembre fra Palazzo dei Congressi e il Giardino delle Cascate, con Videocittà, il festival ideato da Francesco Rutelli e coprodotto da EUR S.p.A. e dedicato al cinema, alla videoarte, al video-mapping, alla realtà virtuale e all’Intelligenza Artificiale. Fra gli ospiti: lo studio di Istanbul OUCHHH, il collettivo russo AES+F reduce dalla 55° Biennale d’Arte di Venezia e la performer di fama internazionale M¥SS KETA.
Il 22 settembre ci si sposta alla Nuvola per Standing ovation, il grande omaggio, curato dal critico cinematografico Mario Sesti, a un’icona pop che ha segnato l’immaginario televisivo e cinematografico di tutti: Lino Banfi, ospite d’onore.
Il 28 settembre sarà il giorno per celebrare La Nuvola e il suo prezioso contributo alla cura della salute pubblica con la proiezione di Giorni di nuvola, il documentario realizzato da Marco Delogu per raccontare una rinascita, dopo un anno di isolamento, sofferenza, morte. Il film mostra il grande lavoro fatto per mesi nell’hub vaccinale che ha coinvolto operatori sanitari, le strutture operative della Asl e dell’EUR S.p.A., i volontari e tutta la cittadinanza che è passata per ricevere il vaccino. Un emozionante omaggio alla lotta contro il Covid-19, un racconto che diventa fondante di quel “riemergere” che dà il titolo alla stagione. Contestualmente, sarà allestita Ritratti di Nuvola, una mostra che è la naturale declinazione fotografica del film, visitabile fino al 24 ottobre.
A celebrare la rinascita ci pensa anche l’Orchestra di Piazza Vittorio il 28 settembre alla Nuvola con Dancefloor, il nuovo progetto dell’ensemble multietnico fondato nel 2002 da Mario Tronco e oggi famoso in tutto il mondo. Dancefloor è uno spettacolo dedicato al ballo, al ritmo e alla musica che supera i generi, gli stili e le nazioni, per raccontare la storia di un’utopia diventata realtà. Un viaggio per ripercorrere le tappe fondamentali di un progetto che ha ridefinito il concetto stesso di world music, ispirando decine di esperienze analoghe in Italia e nel mondo, e facendo dell’Orchestra il segno tangibile di una scommessa possibile: tenere insieme continenti diversi con le loro culture, i loro suoni e la loro storia.

OTTOBRE 2021
La programmazione del primo mese autunnale si apre il 10 ottobre con un nome che campeggia fra i manuali di storia della musica, la cantautrice e rocker americana Patti Smith in concerto alla Nuvola, che per la prima volta dall’avvento della pandemia si apre a un grande evento musicale. Un concerto simbolo della ripartenza umana e artistica del Paese. L’evento è l’unica data in Italia per Patti Smith che farà soltanto altre due date in Europa, in due templi della musica mondiale: la Royal Albert Hall di Londra e il Grand Rex di Parigi.

 NOVEMBRE 2021
Dopo la pausa di programmazione dovuta al G20 che si terrà proprio alla Nuvola il 30 e 31 ottobre, la programmazione di Riemergere riparte dal 18 al 21 novembre con Arte in nuvola, una grande fiera di arte moderna e contemporanea che ha l’obiettivo di avvicinare il grande pubblico all’espressione artistica e, al tempo stesso, l’ambizione di diventare un polo di riferimento per il collezionismo dell’intera Italia centro-meridionale. Un’iniziativa importante che mira a colmare un vuoto di proposta nella Capitale – da ben dieci anni Roma non ospita un evento di questa natura – e che accoglie gallerie nazionali e internazionali e oltre 25 esposizioni provenienti da Israele, paese di questa prima edizione. Per l’occasione, Massimiliano Fuksas ha disegnato il logo della manifestazione mentre l’evento di punta sarà l’inaugurazione, il 18 novembre, di Noli Timere, maestosa installazione di 27x13 metri della celebre artista americana Janet Echelman che sarà esposta nel foyer della Nuvola fino all’8 dicembre, giornata conclusiva di Più Libri Più Liberi. Nota in tutto il mondo per le sue sculture fluttuanti, spesso site-specific, che modificano la percezione dello spazio pubblico, la Echelman realizza opere intersecando scultura, architettura, disegno urbano, informatica, scienza dei materiali, ingegneria strutturale e aeronautica.
Il 20 novembre, invece, alla Basilica di SS. Pietro e Paolo prende il via In nome del Padre, un originale ciclo di messe cantate che segnano l’incontro fra la musica nelle sue diverse declinazioni e la liturgia cristiana. Per un sabato al mese tra novembre 2021 e maggio 2022, ogni messa prevede la partecipazione straordinaria di cardinali provenienti da tutto il mondo che coinvolgeranno i fedeli attraverso le loro omelie. Il primo appuntamento sarà la Messa Africana in commemorazione dell’Ambasciatore Luca Attanasio, del Carabiniere Vittorio Iacovacci e dei martiri del Kivu, con l’omelia del Cardinale Antoine Kambanda e la parte musicale affidata alla star senegalese Badara Seck e al coro Ready Made Ensemble. In calendario poi: il 18 dicembre la Messa Popolare in commemorazione del beato Giuseppe Puglisi con Ambrogio Sparagna, uno dei più importanti esponenti della musica popolare in Europa, e l’omelia del Cardinale Enrico Feroci; il 22 gennaio la Messa Medievale che vedrà nuovamente il Ready Made Ensemble, stavolta alle prese con La Messe de Nostre Dame del compositore medievale francese Guillaume de Machaut, e l’omelia del Cardinale Mauro Gambetti; il 26 febbraio la Messa Jazz con il fisarmonicista Antonello Salis, il musicista rom Santino Spinelli e l’omelia del Cardinale Augusto Paolo Lojudice; il 26 marzo la Messa Latino-Americana in commemorazione del beato Oscar Romero con l’omelia del Cardinale Pedro Ricardo Barreto Imeno e il coinvolgimento degli artisti della comunità latinoamericana di Roma; il 23 aprile la Messa Contemporanea con una creazione del compositore, musicista e giornalista Marcello Filotei e l’omelia del Cardinale Gianfranco Ravasi; e, infine, il 21maggio, la Messa Mediterranea con il cantante, polistrumentista e attore Mario Incudine e l’omelia del Cardinale Matteo Maria Zuppi.

DICEMBRE 2021
Dopo la sospensione dell’edizione 2020 a causa della pandemia, torna uno degli appuntamenti più amati dal pubblico della Capitale per festeggiare i 20 anni di storia: Più libri Più liberi, alla Nuvola dal 4 all’8 dicembre. Organizzata dall’Associazione Italiana Editori, la più importante Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria rappresenta oggi circa il 52% del mercato ed è una vetrina esclusiva della produzione dell’editoria indipendente italiana ma soprattutto un consolidato spazio di incontro sia per gli operatori professionali sia per i lettori che vogliono incontrare gli autori, assistere a performance musicali e reading. Grandi nomi e giovani emergenti, un’ampia attività laboratoriale pensata per l’avvicinamento alla lettura dei più piccoli, una programmazione dedicata agli addetti ai lavori e un focus dedicato all’internazionalizzazione che ha come obiettivo l’incoming di editori stranieri interessati alle nuove proposte editoriali indipendenti italiane sono gli assi portanti della manifestazione. Evento di punta di questa edizione, il reading di Luca Zingaretti in omaggio a un maestro della letteratura italiana scomparso nel 2019, Andrea Camilleri: l’8 dicembre, l’attore romano sarà alle prese con Mamma Carissima, l’ultimo capolavoro inedito dello scrittore siciliano e prima produzione del Fondo Camilleri. Si tratta di un corpus di lettere mai pubblicate e scritte dal Maestro alla “mamma carissima” per raccontare avventure e disavventure del giovane Camilleri a Roma. I suoi incontri con Anna Magnani, Jean Genet e il variegato mondo della Dolce Vita romana degli anni ‘50 in una lettura sapiente eseguita dal suo interprete prediletto.
Sempre alla Nuvola, il 18 e 19 dicembre, approda per la prima volta a Roma il Festival di Internazionale, festival del giornalismo organizzato dalla rinomata rivista insieme ad Eur Culture per Roma. Come da tradizione il festival propone incontri e dibattiti con i rappresentanti più significativi del giornalismo mondiale e italiano, scrittori, economisti e fumettisti in un programma che si arricchisce di workshop, mostre, proiezioni e spettacoli.
I successivi due appuntamenti di dicembre alla Nuvola saranno invece una vera immersione nell’atmosfera natalizia: il 22 dicembre la Gospel Night, concerto dei South Carolina Mass Choir, ensemble di 16 elementi noto in tutto il mondo per la carica attrattiva delle loro performance che coinvolgono il pubblico in modo totale; e il 26 dicembre The Snowman, un pomeriggio di cinema dedicato alle giovani e giovanissime generazioni con la proiezione del film di animazione Il Pupazzo di Neve di Raymond Briggs con le musiche eseguite dal vivo da Europa InCanto Orchestra.

GENNAIO 2022
La programmazione del 2022 di Riemergere si apre il 9 gennaio con il primo di sei concerti di Orchestra senza spine – che riunisce oltre 450 musicisti under 35 tra i migliori laureati dei Conservatori Italiani – che si svolgeranno da gennaio a giugno fra la Nuvola e Palazzo dei Congressi per riconsegnare la musica classica all’amore del grande pubblico.
Il 16 gennaio invece con Cantico dei Cantici si apre alla Nuvola la rassegna dal titolo La sapienza antica: riflessioni d’amore in poesia, arte e musica tra ‘500 e ‘600. Le “Arti sorelle” saranno protagoniste di un ciclo di conferenze-concerto che offrirà al pubblico la possibilità di apprezzare, nello stesso evento, il filo rosso che unisce la produzione letteraria, visiva e musicale. Da Tiziano e Giorgione fino ad Artemisia Gentileschi, da Palestrina a Monteverdi, dal Cantico dei Cantici a Francesco Petrarca (30 gennaio) e G.B.Guarini (20 febbraio), tre serate dedicate al mondo dell’arte rinascimentale e barocca in compagnia di storici d’arte e di letteratura quali Augusto Gentili, Costanza Barbieri, Claudio Strinati, Renzo Bragantini e la partecipazione del Concerto Italiano diretto da Rinaldo Alessandrini, interpreti tra i più raffinati del panorama europeo per la musica antica.
Il 23 gennaio l’Orchestra Sinfonica Abruzzese presenta alla Nuvola il primo di sei eventi intersezionali: si parte con Apocalisse nel deserto di Werner Herzog con la voce recitante di Emma Bonino e le musiche eseguite dal vivo dall’Orchestra per proseguire il 27 febbraio con Diwan – la musica del Mediterraneo con la Human Right Band; il 20 marzo con All you need is love in cui il giornalista Federico Rampini parlerà al pubblico di temi economici attraverso le canzoni dei Beatles; il 3 aprile con Atom Heart Mother, nella versione originale dei Pink Floyd, e Lezioni di piano di Michael Nyman. Il ciclo si chiude il 22 maggio con Somebody to Love, omaggio ai Queen.
Il mese di gennaio si chiude con l’inaugurazione, il 30 gennaio alla Nuvola, di Dialoghi Sinfonici: Ludwig van Beethoven, un altro ciclo di concerti, quelli di Europa Incanto Orchestra, formazione composta da giovani tra i 18 e i 35 anni con l’obiettivo di diffondere la cultura artistica, musicale e letteraria tra le nuove generazioni. Vincitrice del programma Creative Europe dell’Unione Europe e riconosciuta come Progetto di eccellenza da parte del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, l’Orchestra si esibirà poi il 20 febbraio, il 27 marzo e il 5 maggio.

FEBBRAIO 2022
Fra gli appuntamenti più attesi di Riemergere c’è sicuramente il Festival Italiano di Fotografia diretto da Marco Delogu che inaugura, a partire dal 2022, una presenza costante del linguaggio fotografico alla Nuvola. Il festival si svolgerà dal 16 febbraio al 19 marzo e sarà incentrato sul tema dell’identità contemporanea, sicuramente mutata dalla comparsa della pandemia. Grande attenzione alla produzione delle giovani generazioni e all’interazione con il pubblico saranno le peculiarità di questa edizione che avrà come ospite d’onore il fotografo, artista e scenografo milanese Paolo Ventura. Fra i più apprezzati talenti in ambito internazionale, Ventura realizzerà un progetto ad hoc sull’EUR insieme a sette giovani fotografi italiani mentre i fotografi stranieri borsisti nelle accademie di cultura presenti a Roma saranno i protagonisti di una mostra collettiva.
La Quadriga è certamente uno dei progetti di punta di EUR Culture per Roma. A piazzale Kennedy, sulla facciata del Palazzo dei Congressi, si staglia una enorme mensola vuota, in origine destinata ad ospitare un gruppo scultoreo in bronzo: la Quadriga della Vittoria Fascista con tanto di auriga trionfante. L’opera venne commissionata nel 1941 allo scultore Francesco Messina. La guerra causò l’interruzione dei lavori per la costruzione del quartiere. EUR Culture per Roma vuole ritornare su questo spazio non compiuto. Ogni anno verrà commissionata un’opera da posizionare sulla mensola. Per il 2022 la commissione è stata affidata a Don McCullin, uno dei più famosi artisti mondiali della fotografia. La sua installazione fotografica in cima al Palazzo dei Congressi sarà visibile dalla città dal 16 febbraio al 9 marzo.

MARZO 2022
Fra i momenti simbolicamente più significativi della stagione c’è Emergence, l’opera del videoartista più celebre al mondo, Bill Viola, in mostra alla Nuvola dal 19 marzo al 5 aprile. La celebrazione del tema universale della rinascita, che l’artista statunitense compie nella sua famosa opera attraverso un ideale viaggio fra i motivi figurativi del Rinascimento, si collega idealmente al “riemergere” che dà il titolo alla prima edizione del progetto di EUR Culture per Roma. L’opera di Viola sarà il cardine di un percorso espositivo più ampio, curato da Costanza Barbieri, che compie un viaggio a ritroso dal contemporaneo all’antico seguendo il filo rosso di valori universali che incarnano il desiderio di sconfiggere le paure e l’ansia di rinnovamento. Attraverso le opere di artisti come Paolo Veronese, Paul Bril e Guido Reni, la mostra mira a creare una sinestesia attraverso immagini e suoni e si concluderà con la realizzazione di una “vera nuvola nella Nuvola”, opera del visual artist olandese Berndnaut Smilde.
Sempre il 19 marzo si apre alla Nuvola la rassegna di due giorni dedicata alle creazioni e visioni dei giovani autori del cinema indipendente di finzione, documentario, sperimentale e di animazione dal titolo Fuorinorma, curata da un decano della critica cinematografica, nonché regista Adriano Aprà.
La ricognizione sulle nuove forme di lavoro nate dalla crisi pandemica e i cambiamenti che ne conseguiranno in futuro sono al centro di Nuove culture del lavoro, evento di due giorni, il 25 e 26 marzo alla Nuvola, curato da un comitato scientifico presieduto dall’ex vicedirettore del Corriere della Sera Dario Di Vico, con la partecipazione dell’Associazione Anima per il Sociale.
La settimana seguente, inoltre, ci si addentra nei territori dell’economia con Incontri di economia e società, il 26 e 27 marzo alla Nuvola: un ciclo di incontri con nomi di assoluto rilievo del mondo economico e dell’informazione curato dal sociologo ed ex Ministro per la Coesione Territoriale Carlo Trigilia e dalla casa editrice Il Mulino.

APRILE 2022
Sono ben otto gli appuntamenti con La Nuvola della non conoscenza, una rassegna concertistica che presenta alcuni capolavori della musica classica e del jazz eseguiti da promettenti o già famosi pianisti, con guida all’ascolto da parte di prestigiosi esponenti del mondo della cultura contemporanea. Ispirata dall’omonimo e anonimo testo inglese del ‘300 che invitava a ripercorrere lo stesso viaggio di Mosè all’interno di una nuvola verso rivelazioni trascendenti e nuove comprensioni su cose un tempo ignote, La Nuvola della non conoscenza presenta: il 2 aprile le Variazioni Goldberg di J.S. Bach con guida all’ascolto del noto ex giudice della Corte Costituzionale Sabino Cassese; il 9 aprile le musiche di Chopin con la partecipazione della Senatrice Liliana Segre; il 15 aprile il ciclo completo di Studi Sinfonici di Robert Schumann accompagnato dalle riflessioni del regista Romeo Castellucci; il 22 aprile le Sonate di Scarlatti con guida all’ascolto dell’architetto Massimiliano Fuksas; il 6 maggio la suite di Giacinto Scelsi Ttai “commentata” dal fisico e divulgatore scientifico Guido Tonelli; il 14 maggio gli Etudes Tableaux di Sergei Rachmaninov con guida all’ascolto del giornalista Ezio Mauro; il 21 maggio una creazione ad hoc del pianista jazz Danilo Rea in compagnia di Walter Veltroni; e, infine, il 28 maggio il celeberrimo Köln Concert di Keith Jarret con le parole di accompagnamento del compositore e direttore d’orchestra Franco Piersanti.
Nel cuore della Settimana Santa, il 10, 12 e 13 aprile alla Nuvola, uno dei più importanti appuntamenti della stagione: il nuovo allestimento della Passione di Romeo Castellucci, realizzato dal Teatro dell’Opera in collaborazione con EUR S.p.A. A partire dalla Passione di Matteo di J.S. Bach, il più radicale autore della scena teatrale contemporanea, fondatore della Socìetas Raffaello Sanzio, riflette sul concetto di Rivelazione ponendo lo spettatore di fronte allo skandalon greco: un ostacolo che provoca la perdita momentanea di equilibrio e ci costringe a cambiare il percorso.
Subito dopo Pasqua, appuntamento il 21 aprile alla Nuvola con il primo dei tre eventi di Jazz Cloud Code, minirassegna di jazz esperienziale – curata dal Direttore Artistico del Roma Jazz Festival Mario Ciampà – che farà percepire simultaneamente musica, immagini e colori. Si inizia con We want Miles del collettivo di danza contemporanea Gruppo Nanou che mette la danza a confronto con il jazz di Miles Davis. Si prosegue il 15 maggio con Dieci Piccoli Fotoconcerti, lavoro su luci e colori portato avanti dal critico d’arte, curatore e docente Daniele Torcellini. I Dieci Piccoli Fotoconcerti sono le narrazioni visive dei temi delle canzoni che raccontano dieci storie, cantate e suonate, mentre il fotografo Andrea Boccalini, in tempo reale, dialoga attraverso le sue immagini con la band che esegue le musiche del compositore Massimo Nunzi. L’ultimo appuntamento, il 22 maggio, sarà il concerto Antropocene: un mondo nuovo, creato con l’utilizzo delle tecnologie digitali, in cui il crossover del pianista e compositore Kekko Fornarelli si unisce agli scenari della video-arte, in una performance in cui tutto si trasforma, dove ogni nota ha la sua epifania.
Il 21 aprile si inaugura al Palazzo dei Congressi Casta Diva, ulteriore progetto in collaborazione con il Teatro dell’Opera: una mostra, che rimarrà allestita fino al 22 maggio per presentare al pubblico i migliori allestimenti, costumi, oggetti di scena, manichini e video d’arte di artisti del Teatro dell’Opera di Roma realizzati nel corso dei decenni da artisti come Cambellotti, Prampolini, De Chirico, Manzù, Chagall, Picasso, Guttuso, Pizzi, Zeffirelli, Calder, Kentridge e Ai Weiwei.
Fra il 23 e il 24 aprile l’attenzione si sposta verso i più piccoli con un progetto realizzato in collaborazione con il Corpo nazionale dei Giovani Esploratori ed Esploratrici dal titolo Una notte sulla Nuvola: fra musica, giochi, proiezioni e cacce al tesoro alla scoperta di luoghi e storie del quartiere, i bambini trascorreranno 24 ore all’interno della Nuvola passando la notte in un vero e proprio campo di tende allestito negli spazi della Nuvola.

MAGGIO 2022
Ancora un progetto dal forte valore simbolico per Riemergere è Arco della Pace che il 13 e 14 maggio alla Nuvola vedrà l’incontro fra i sindaci di Roma, Marsiglia, Barcellona, Tunisi, Tel Aviv, Istanbul e Dubrovnik per unire i due lembi del Mediterraneo, per raccontare le culture dei mari come simbolo della necessaria richiesta di armonizzazione tra le diverse civiltà di questo continente, costruendo un ideale Arco al posto di quello reale previsto nel progetto urbanistico iniziale dell’EUR e mai realizzato a causa dello scoppio del Secondo Conflitto Mondiale. Arco della Pace è un evento realizzato in collaborazione con la Comunità di Sant’Egidio.

GIUGNO 2022
Le nuove sonorità urban e indie saranno invece al centro di Scialla – La notte della Trap, il 17 giugno al Palazzo dei Congressi, nuovo format della Capitale che riunisce in una location storica il meglio della scena trap romana. Fra i protagonisti il rapper e producer Ketama 126.
La celebre Notte della Taranta di Ambrogio Sparagna approda a Roma il 29 giugno e si trasforma in La Nuvola della Taranta: una grande festa-spettacolo dedicata al ricco repertorio di pizziche, serenate e tarantelle, la danza matrice di tante tradizioni musicali delle regioni italiane, in occasione del giorno in cui si celebra San Paolo, protettore della taranta e dei tarantolati. Sul palco, oltre al maestro di cerimonie Sparagna, anche Mario Incudine, la cantante Maria Nazionale, l’Orchestra Popolare Italiana, la voce di Rachele Andrioli e il tamburello indiavolato di Carlo “Canaglia”.
La programmazione della I edizione di EUR Culture per Roma – Riemergere si chiude con un altro evento dedicato ai più piccoli e realizzato da Europa Incanto Orchestra, che a giugno al Luneur presenta il debutto di L’Elisir d’amore di Gaetano Donizetti, esito finale di un percorso di avvicinamento all’opera lirica. In una data in via di definizione i bambini canteranno coralmente i brani più celebri dell’opera di Donizetti, in un allestimento scenico unico, le macchine del divertimento del Luneur di Roma. Uno spettacolo in grado di affascinare il pubblico di ogni età.

_____________________________________________________________________________________

LA MILANESIANA 2022
Letteratura Musica Cinema Scienza Arte Filosofia Teatro Diritto Economia Sport
Ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi
 
OMISSIONI
è il tema della 23esima edizione del Festival che torna
 
DAL 4 GIUGNO AL 3 AGOSTO 
con più di 60 incontri in 20 città e oltre 150 ospiti italiani e internazionali
 
DAL 4 GIUGNO AL 15 SETTEMBRE
9 mostre in tutta Italia
 

Ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, LA MILANESIANA è il più grande festival itinerante che promuove il dialogo tra le arti e quest’anno torna con la sua 23esima edizione dedicata al tema OMISSIONI. Un festival di respiro internazionale che tesse relazioni tra letteratura, musica, cinema, scienza, arte, filosofia, teatro, diritto, economia e sport e che anno dopo anno diventa sempre più protagonista delle estati italiane. Dal 4 giugno al 3 agosto, La Milanesiana infatti arriverà in 20 città diverse con oltre 60 incontri ed eventi, accogliendo più di 150 ospiti italiani e internazionali. Come in tutte le edizioni, l’arte ricopre un ruolo importante all’interno del Festival che quest’anno ospiterà ben 9 mostre in tutta Italia, dal 4 giugno al 15 settembre. La Rosa dipinta da Franco Battiato, che fin dalla prima edizione è il simbolo de La Milanesiana, è stata rielaborata anche quest’anno da Franco Achilli. Questa la dichiarazione di Elisabetta Sgarbi, Direttore Artistico La Milanesiana: «Il tema di questa edizione è “Omissioni”. Quello che avremmo dovuto e potuto fare e non abbiamo fatto, che avremmo potuto e dovuto dire e non abbiamo detto. Un tema che ha una gamma vastissima di declinazioni: morali, politiche, giuridiche, estetiche, anche: non esiste letteratura senza Omissioni, come insegnava Eco. E La Rosa contempla i colori dell’Ucraina. Non abbiamo potuto e voluto sottrarci al rumore della storia, e questa guerra, come anche altre guerre, entrerà in questa Milanesiana. Sarà una Milanesiana che viaggia, in venti città, ma con un maggiore radicamento a Milano (e in molti luoghi della città, più o meno centrali), rispetto a quanto accaduto negli ultimi due anni, a causa dell’emergenza COVID-19 (ma abbiamo l’orgoglio di non avere mai smesso di sottolineare l’importanza degli incontri in presenza e di avere tentato sempre di offrirli, anche nei momenti più difficili). Tornano alla Milanesiana artisti di altri continenti.  E c’è – tra le altre – la letteratura russa, di una grande scrittrice russa, Ludmila Ulitskaya, che dialogherà con scrittrici di altre latitudini culturali, come è giusto e normale che sia. Lei vuole la Pace, che in questo momento vuol dire almeno questo: sapere che c’è un aggressore e un aggredito. Buona Milanesiana». «Con la Milanesiana, anche quest'anno, la nostra città si riconferma centro di cultura dal respiro internazionale, aperto al territorio e al mondo - commenta il Sindaco di Milano Giuseppe Sala -. L'energia di questa manifestazione, giunta oramai alla 23ma edizione, è così coinvolgente da saper offrire uno sguardo nuovo, consapevole e mai banale sulla contemporaneità. Il merito è della ricchezza di stimoli che questo festival sa proporre a Milano e ai suoi visitatori, una vitalità che si rinnova di anno in anno, grazie alla vivacità e all'acutezza con cui Elisabetta Sgarbi legge e racconta, attraverso l'arte e la cultura, il nostro tempo». Questo il commento di Tommaso Sacchi, Assessore alla Cultura Comune di Milano: «Da 23 anni La Milanesiana presenta a un pubblico sempre più vasto, e in un territorio sempre più ampio, un programma che si snoda intorno a un tema, coinvolgendo personalità, intelligenze, pareri e competenze che offrono punti di vista sempre originali, in un format studiato e curato con grande attenzione. La “maternità” di questo progetto è fondamentale per definirne il DNA, perché Elisabetta Sgarbi costruisce il programma di ogni edizione seguendo i vettori della sua caleidoscopica cultura, senza mai lasciare nulla al caso e combinando in modo alchemico tutte le discipline che “fanno” la cultura di una comunità: dalla filosofia alla musica, dalla letteratura allo sport. Milano resta non solo il cuore del brand de La Milanesiana, ma anche la città che ha tenuto a battesimo il festival e che ospita anche in questa edizione molti appuntamenti, in spazi pubblici e privati: dal Teatro Strehler al Cinema Anteo, dalla Centrale dell’Acqua al Cinema Mexico. Auguriamo quindi ogni successo a questa edizione de La Milanesiana, che va incontro alla grande voglia del pubblico di comprendere i molti aspetti del mondo in cui viviamo. Senza – appunto – “omissioni”». L’Assessore all’Autonomia e Cultura Regione Lombardia, Stefano Bruno Galli, interviene così: «La Milanesiana è sempre più lombarda. La ventitreesima edizione della rassegna ideata e diretta con passione e talento da Elisabetta Sgarbi conferma questo indirizzo strategico. Fare della Milanesiana un festival diffuso e policentrico – in grado di valorizzare il patrimonio culturale e artistico lombardo che è per sua natura plurale e legato all’identità territoriale – in pieno accordo con la sua originaria vocazione enciclopedica e multidisciplinare. E in quella che si annuncia come la prima stagione post-pandemica, sono convinto che La Milanesiana saprà dare un contributo rilevante e di qualità per la rinascita della cultura dal vivo». Questa la dichiarazione di Piergaetano Marchetti, Presidente Fondazione Corriere della Sera: «La Milanesiana si radica, abita in sempre più numerosi luoghi. Parla sempre più numerosi linguaggi».
 
LE 20 CITTÀ DE LA MILANESIANA
Per la sua 23esima edizione, La Milanesiana toccherà 20 città, confermando lo spirito fortemente itinerante del Festival, che ormai da diversi anni viene accolto con entusiasmo in giro per l’Italia. Le città e i comuni coinvolti della Lombardia saranno 7: Milano, ancora una volta punto centrale all’interno del programma de La Milanesiana, con oltre 25 eventi in programma in diverse location della città, ma anche Sondrio, Bergamo, Seregno, Pavia, Bormio e Gardone Riviera. In Emilia-Romagna il Festival arriverà a Faenza, Imola, Dozza, Bagno di Romagna, Cervia e Gatteo A Mare, grazie alla collaborazione con Regione Emilia-Romagna e APT Regione Emilia-Romagna. La Milanesiana farà tappa anche a Torino, Alessandria, Bassano del Grappa, Ascoli Piceno, Firenze, Livigno e Venezia. La Milanesiana è organizzata da Imarts International Music and Arts e Fondazione Elisabetta Sgarbi, con il Patrocinio del Comune di Milano e della Regione Lombardia. Anche quest’anno La Milanesiana troverà la sua essenza nel dialogo tra le diverse discipline, creando riflessioni e approfondimenti e, soprattutto, intrecciando durante i suoi appuntamenti alcuni dei maggiori esponenti legati al mondo della Letteratura, Musica, Cinema, Scienza, Arte, Filosofia, Teatro, Diritto, Economia e Sport. Di seguito, una sintesi degli appuntamenti in programma della 23esima edizione de La Milanesiana.
 
LETTERATURA
Alcuni dei momenti più preziosi e importanti all’interno del programma de La Milanesiana sono da sempre legati agli incontri letterari. Il 13 giugno al Piccolo Teatro Strehler di Milano sarà protagonista, in dialogo con Paolo Giordano, il Premio Nobel per la Letteratura 2021 Abdulrazak Gurnah, a cui verrà consegnato il Sigillo della città. Lo scrittore francese Édouard Louis sarà protagonista a Milano, al Teatro Franco Parenti, dello spettacolo di Thomas Ostermeier “QUI A TUÉ MON PÈRE / Chi ha ucciso mio padre” e di un incontro letterario, il giorno successivo, al Teatro Carcano, con I fratelli d’Innocenzo. Si potranno ascoltare le letture e gli interventi di Claudio Magris e Paolo Di Paolo, di Massimo Cacciari, del Premio Pulitzer 2018 Andrew Sean Greer insieme a Enrico Rotelli e Lisa Halliday. Il 21 giugno nell’ambito degli incontri dedicati al diritto a cura di Piergaetano Marchetti, lo stesso Marchetti dialogherà con Edith Bruck che riceverà la Rosa d’oro della Milanesiana. A Pavia, nella serata dedicata a Guerre e omissioni, le letture del Premio Pulitzer 1996 e 2016 Joby Warrick, Catherine Belton (Premio Magnitsky 2021) e Ferruccio De Bortoli, a cui seguirà l’anteprima assoluta di “Bandiere Nere”, melologo per attore e pianoforte di Fabio Vacchi tratto dal libro “Bandiere Nere” di Joby Warrick con la voce narrante di Agnese Nano, Erick Bertsch al pianoforte e le immagini di Theo Volpatti. Tema Omissioni per l’appuntamento con le letture della scrittrice e sceneggiatrice russa Ludmila Ulitskaya, il Premio Goncourt 2016 Leila Slimani ed Elizabeth Day, con prologo letterario di Lucrezia Lerro. Il linguista Noam Chomsky in dialogo con Andrea Moro alla Milanesiana il 24 giugno a Pavia e, a seguire, lo spettacolo di Sonia Bergamasco, “Il quaderno di Sonia”. Alessandria ospiterà due appuntamenti, uno con Vittorio Sgarbi e l’altro un dialogo tra Vincenzo Trione e Mario Andreose dedicato a Umberto Eco e l’arte, e a Imola si terrà una serata dedicata al Premio Goncourt 1987 Tahar Ben Jelloun, che presenterà il drappo da lui dipinto per la città di Feltre e a cui verrà consegnato il Premio Jean-Claude e Nicky Fasquelle / La Milanesiana. Il Cortile di Palazzo Reale di Milano sarà la cornice delle letture del Premio Nobel per la Letteratura 2003, John Coetzee e del due volte Premio Strega Sandro Veronesi. Allo Spazio Volvo ascolteremo gli interventi tra Scienza e Letteratura di Giorgio Vallortigara, il Premio Goncourt 2020 Hervé Le Tellier, Piergiorgio Odifreddi, e della ornitologa Jennifer Ackermann. Il 22 luglio a Bormio si terrà la lettura del Premio Pulitzer 1999 Michael Cunningham e il 23 luglio, il Premio Strega 2021, Edoardo Nesi.
 
MUSICA
Anche quest’anno la musica è grande protagonista de La Milanesiana, a partire dalla serata inaugurale, il 4 giugno a Sondrio, con il concerto di Simone Cristicchi. Gli Extraliscio tornano al Festival con 4 performance, tra cui le due speciali anteprime assolute: a Milano, Extraliscio CONTRO Tre Allegri Ragazzi Morti, anticipato da un dialogo tra lo scrittore Édouard Louis e Damiano e Fabio D’Innocenzo (9 giugno – Teatro Carcano), e a Firenze l’Anteprima Assoluta del concerto Romantic Robot degli Extraliscio con Orchestra Maderna e Peter Pichler (9 luglio). Milano ospiterà anche una serata speciale dedicata interamente al Canto Popolare, con il concerto de Il Coro delle Mondine di Novi e i Flexus e le letture di Pacifico, Luca Simonetta Sandri e Pietro Colaprico. Attesi i concerti di Uri Caine con il suo spettacolo “Change!”, Antonio Ballista e Bruno Canino, il pianista Ramin Bahrami, Paolo Fresu e il suo jazz, Giovanni Caccamo. Non mancherà un omaggio al grande Franco Battiato, con la serata “Canto fermo. Le musiche classiche di Franco Battiato”, con prologo letterario di Fabrizio Gifuni, il Contributo cinefotografico di Theo Volpatti, “Sulle tracce di Beethoven. Omaggio a Franco Battiato” (2022, 6’) e il concerto in Anteprima Assoluta “Canto fermo”. Molto atteso il concerto di Vinicio Capossela a Seregno, preceduto dalla proiezione di “Indebito” (2012, 87’) di Andrea Segre, con lo stesso Capossela. In programma a La Milanesiana anche Elio che canterà e reciterà Enzo Jannacci, il ritorno di Vasco Brondi con un live set acustico, il concerto dei Tre Allegri Ragazzi Morti feat. Extraliscio, Alice che interpreterà Franco Battiato e il concerto al Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera, a chiusura de La Milanesiana, di Ara Malikian, tra i più brillanti ed espressivi violinisti della scena musicale contemporanea. Si esibiranno in concerto anche Enrico Ruggeri, Cristina D’Avena con Gem Boy, Luigi Piovano al violoncello, la pianista Giuseppina Torre, il pianista siriano palestinese Aeham Ahmad e il giovane violinista Premio Paganini 2021 Giuseppe Gibboni. Incontro tra le arti nelle serate dedicate a Ermal Meta, in cui presenterà in un dialogo con Luca Bottura il suo primo romanzo “Domani e per sempre” (2022, La nave di Teseo) ed eseguirà live alcuni brani del suo repertorio (2 luglio ad Ascoli Piceno) e in quella dedicata a Eduardo De Crescenzo, con la presentazione del progetto sulle sue radici musicali e sulla sua città, “AVVENNE A NAPOLI passione per piano e voce” (3 luglio ad Ascoli Piceno), con lettura di Federico Vacalebre, proiezione del video di “Marechiaro” di Michele Bernardi e il concerto di Eduardo de Crescenzo e Julian Oliver Mazzariello.   

CINEMA
Il cinema è sempre stato uno dei temi centrali de La Milanesiana e anche quest’anno torna con alcuni importanti appuntamenti: il Cinema Anteo di Milano, in occasione dei novanta anni dalla nascita, ospiterà la Maratona Truffaut, con le proiezioni di “I 400 colpi” (1959, 99'), “Finalmente domenica” (1983, 110'), “L’ultimo metrò” (1980, 131') e le letture di Paola Malanga e Paolo Mereghetti dedicate al grande regista francese. All’Anteo Spazio Cinema di Milano, serata dedicata al regista statunitense Abel Ferrara, a cui verrà consegnato il Premio Omaggio al Maestro / La Milanesiana: durante l’incontro si terrà un dialogo con il regista, Pedro Armocida e Giulio Sangiorgio e interverrà Chiara Caselli, a seguire proiezioni di “Molly Bloom” (2016, 20’) di Chiara Caselli e di “The Addiction” (1995, 82’) di Abel Ferrara. Il 30 giugno ad Ascoli Piceno al Teatro Ventidio Basso appuntamento con il dialogo tra Carlo Verdone e Paolo Mereghetti. Al Cinema Mexico di Milano verranno proiettati “Occhi blu” (2021, 86’) di Michela Cescon, presente in sala con il direttore della fotografia Matteo Cocco, “Dracula” (1931, 75’) di Tod Browning con una sonorizzazione dal vivo a cura di Massimo Zamboni (chitarra e voce), Cristiano Roversi (tastiera) e Simone Beneventi (percussioni e vibrafono) e l’anteprima assoluta del film “Gli animali leggono la costituzione” (2022) di Flavia Mastrella. Al Teatro Franco Parenti di Milano incontro tra i registi e sceneggiatori Damiano e Fabio D’Innocenzo, che con il loro film “Favolacce” hanno vinto l’Orso d’argento per la migliore sceneggiatura al Festival di Berlino 2020 e cinque Nastri d’argento tra cui miglior film, con lo scrittore francese Édouard Louis.

FILOSOFIA e SCIENZA
Al Teatro Franco Parenti di Milano incontro dedicato alla cultura e alle voci della Lombardia, con gli interventi di Stefano Bruno Galli (Assessore all'Autonomia e Cultura Regione Lombardia), Giordano Bruno Guerri, Lorenzo Ornaghi, Pier Luigi Vercesi e dialogo di Ada Gigli Marchetti. Il 16 giugno a Milano si terrà una serata dal tema “Lode dell’oblio”, con Lectio Magistralis sull’argomento di Massimo Cacciari, a cui seguirà il concerto di Ramin Bahrami. A Seregno, atteso l’incontro tra Vinicio Capossela e il politico greco ed economista Yanis Varoufakis, per la serata “Guerre e omissioni”. Il 24 giugno a Pavia, il linguista Noam Chomsky sarà in dialogo con Andrea Moro e a seguire, spettacolo di Sonia Bergamasco, “Il quaderno di Sonia”. Appuntamento a Firenze, il 9 luglio, per la lectio “La cura, il dire, il non dire” di Gianpaolo Donzelli. Alla Casa dell’energia e dell’ambiente di Milano, appuntamento dedicato a “La Città”. Il Volvo Studio Milano ospiterà le serate “I numeri e l’universo”, con Piergiorgio Odifreddi, il Prix Goncourt 2020 Hervé Le Tellier e Aurelio Picca e a seguire concerto degli Extraliscio, “Romantic Robot”, e “Le parole della scienza” insieme ad Andrea Moro, Giorgio Vallortigara e Jennifer Ackerman e a seguire concerto di Enrico Ruggeri.

ARTE
Il Festival darà grande spazio anche alle mostre, visitabili nel corso dell’estate in diverse città italiane: il 4 giugno inaugurerà al MVSA – Museo Valtellinese di storia e arte di Sondrio la mostra “Omissioni” (4 giugno - 31 agosto) con opere realizzate da Simone Cristicchi che presenterà l’esposizione insieme a Marcella Fratta (Assessore alla Cultura del Comune di Sondrio) ed Elisabetta Sgarbi; dal 6 giugno al 15 luglio alla Galleria Ceribelli di Bergamo saranno in mostra le opere del grande interprete della fotografia contemporanea Nino Migliori (classe 1926) con “Lumen – A lume di candela” (a cura di Marina Nella Truant ed Elisabetta Sgarbi), che verrà inaugurata il 6 giugno con un evento a cui parteciperà anche il grande fotografo; si prosegue poi con la mostra “Being or nothingness” che dal 18 giugno al 18 luglio permetterà di ammirare a Milano una raccolta di  opere di Jo Endoro, inaugurata il 18 giugno da Jo Endoro, Francesco Mazza, Elisabetta Sgarbi. Passando in Piemonte, dal 25 giugno all’11 settembre alla Reggia di Venaria di Torino l’attesissima mostra “TUTTI I LINUS. 100 anni con Charles Schulz” (a cura di Igort ed Elisabetta Sgarbi) con l’inaugurazione prevista il 25 giugno alla presenza di Massimo Martelli, Igort ed Elisabetta Sgarbi. Gli appuntamenti proseguono poi nelle Marche dove dal 30 giugno al 15 settembre alla Galleria d’arte contemporanea Osvaldo Licini di Ascoli Piceno sarà possibile visitare la mostra di Carlo Verdone “Il colore del silenzio” (a cura di Elisabetta Sgarbi e Paolo Mereghetti), con inaugurazione il 30 giugno insieme a Carlo Verdone, Stefano Papetti ed Elisabetta Sgarbi e prologo musicale di Hildegard De Stefano. Si torna poi a Milano dove al Volvo Studio Milano dal 7 luglio al 3 settembre si terrà un’importante mostra sul rapporto tra il cinema e le quattro ruote, dal titolo “VOLVO P1800. Simon Templar. Il cinema e il mito di un’auto” (a cura di Elisabetta Sgarbi), inaugurata il 7 luglio alla presenza di Aurelio Picca, Chiara Angeli (Sales and Marketing Director Volvo Car Italia) ed Elisabetta Sgarbi. Due le mostre in programma a Bormio: dal 21 luglio al 15 settembre la Banca Popolare di Sondrio nel cuore della città ospiterà la mostra di Tricarico “Contro Tricarico” a cura di Elisabetta Sgarbi (inaugurazione il 21 luglio), mentre il 22 luglio ai Giardini V Alpini ci sarà l’inaugurazione della scultura luminosa creata da Marco Lodola e donata al Comune di Bormio dalla Fondazione Elisabetta Sgarbi dal titolo “Rosafumetto 2022 – La Rosa della Milanesiana fiorisce a Bormio”. Infine, dal 29 luglio al 18 agosto La Milanesiana sbarcherà al Ca’ Sagredo Hotel di Venezia con la mostra di Ignazio Stella (Stern) “Dalla collezione Cavallini Sgarbi” che verrà inaugurata da un evento con Vittorio Sgarbi e Pietro Di Natale (curatori della mostra) e il concerto del chitarrista Renato Caruso. Non mancheranno inoltre importanti omaggi a grandi artisti, come gli appuntamenti dedicati a Caravaggio e Pasolini di Vittorio Sgarbi, e quelli che il critico dedicherà a Raffaello, che, nella serata a Bormio, verrà accompagnato da un prologo letterario/musicale di Tricarico.

TEATRO
Anche quest’anno La Milanesiana dedica al Teatro numerosi appuntamenti. Al Teatro Franco Parenti di Milano appuntamento il 7 giugno con l’anteprima assoluta del racconto cantato “Non perderti niente” di Luca Barbarossa e l’8 giugno con lo spettacolo “QUI A TUÉ MON PÈRE / Chi ha ucciso mio padre”, scritto e interpretato da Édouard Louis e diretto da Thomas Ostermeier. Il Piccolo Teatro Strehler ospiterà “Amistade”, una contaminazione di Flavia Mastrella e Antonio Rezza tra Fratto X e la poetica di Fabrizio De André sfuggita dalle labbra di Dori Ghezzi (in dialogo con Armando Besio), mentre Cervia sarà la cornice dello spettacolo “Rezza/Mastrella a sorpresa”. In occasione dei 100 anni dalla prima pubblicazione, al Teatro No’hma di Milano, andrà in scena lo spettacolo “Joyce” di e con Mauro Covacich, con prologo di Giuliana Bendelli. Tornano alla Milanesiana il “Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show” e lo spettacolo di e con Gene Gnocchi “Se non ci pensa Dio, ci penso io”.
 
DIRITTO
A 30 anni di distanza dalle uccisioni di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, a Milano si terrà un importante incontro per ricordare, e mai dimenticare, i due magistrati. In dialogo ci saranno Claudio Martelli, Livia Pomodoro, Giangiacomo Schiavi. Anche per questa edizione de La Milanesiana, Piergaetano Marchetti (presidente della Fondazione Corriere della Sera e Bookcity) cura la sezione dedicata al Diritto e Doveri, in collaborazione con Intesa Sanpaolo e Fondazione Corriere della Sera. Con la scrittrice Edith Bruck, a cui verrà consegnato il Premio Rosa d’Oro della Milanesiana, verrà indagato il tema della “Memoria”. Importante e ancora più denso di significato in questo momento storico, l’incontro dedicato a “L’arte e il potere”, insieme alla scrittrice e sceneggiatrice russa Ludmila Ulitskaya (a cui verrà consegnato il Premio Rosa d’Oro della Milanesiana) e alla scrittrice e saggista russa Elena Kostioukovitch. Sarà invece dedicato al “Diritto alla privacy”, il dialogo tra Pasquale Stanzione (Presidente del Garante per la protezione dei dati personali), Franco Toffoletto e Piergaetano Marchetti. Si parlerà del diritto alla protezione dei dati personali insieme al politico Antonello Soro, a Enea Trevisan, fondatore e CEO di Ealixir, che si occupa di Diritto all'Oblio e Rimozione contenuti Web, al responsabile comunicazione di Ealixir, Bruno Giurato, al filosofo e accademico Maurizio Ferraris e allo scrittore Guido Maria Brera. Livigno ospiterà l’incontro tra Alan Friedman e Carlo Calenda, a seguire concerto “Tra Oriente e Occidente” di Ramin Bahrami.

SPORT
Dopo essere stato introdotto l’anno scorso come uno dei temi de La Milanesiana, torna anche quest’anno lo sport. Federico Buffa, giornalista, telecronista sportivo e scrittore, sarà il protagonista a Bormio dello spettacolo “Italia Mundial”, di cui è anche l’autore, accompagnato dal pianoforte di Alessandro Nidi. Bormio ospiterà una serata dedicata a Federica Pellegrini, una delle più grandi atlete che l'Italia abbia mai avuto, ancora oggi detentrice del record del mondo nei 200 stile libero e primatista europea nei 400, con prologo letterario del Premio Strega 2021 Edoardo Nesi, proiezione del documentario a lei dedicato, “Underwater” (2020, 101’) di Sara Ristori, e un dialogo con il direttore della Gazzetta dello Sport, Stefano Barigelli.
 
I PREMI DE LA MILANESIANA
Premio Omaggio al Maestro / La Milanesiana ad Abel Ferrara
Premio Rosa d’Oro della Milanesiana a Edith Bruck
Premio Rosa d’Oro della Milanesiana a Ludmila Ulitskaya
Premio Jean-Claude e Nicky Fasquelle / La Milanesiana a Tahar Ben Jelloun
 
Main Sponsor de La Milanesiana: Ealixir, Fondazione Cariplo, Comune di Bormio, Rotary Club Bormio Contea, Intesa Sanpaolo, Volvo, Milano Serravalle - Milano Tangenziali, ENEL, Conad, Grafica Veneta. Partner de La Milanesiana: Regione Emilia-Romagna, APT Regione Emilia-Romagna, Comune di Ascoli Piceno, Regione Marche, Almo Collegio Borromeo Pavia, Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo, Fondazione Banca Popolare di Milano, Fondazione dell'Ospedale Pediatrico Anne Meyer, La Venaria Reale, Fondazione AEM, MM Spa, GfK, Corriere della Sera, Damman Frères, Gerardo Sacco, pba, Galleria Vik Milano.
La Milanesiana ringrazia: Comune di Seregno, Comune di Alessandria, Comune di Sondrio, Comune di Bassano del Grappa, Comune di Faenza, Comune di Imola, Comune di Bagno di Romagna, Comune di Dozza, Comune di Gatteo A Mare, Comune di Cervia, Comune di Livigno, Comune di Firenze, Palazzo Reale, Fondazione Corriere della Sera, Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa, Teatro Franco Parenti, Spazio Teatro No’hma, Teatro Carcano di Milano, Teatro Gerolamo, Anteo, Cinema Mexico, Conservatorio di Milano, Ca’ Sagredo Hotel - Venezia, Fondazione Il Vittoriale degli Italiani, Camera di Commercio delle Marche, Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, Musei Civici di Ascoli Piceno, Fondazione Elisabetta Sgarbi, Fondazione Cavallini Sgarbi, Betty Wrong, Libreria di Quartiere, Giacomo Milano, Studio Volpatti, Francesca Filauri – Circolo Cultural-mente Insieme, Studio Toffeletto De Luca Tamajo, Ciaccio Arte, @Video S.r.l., Piergaetano Marchetti, Netphilo Publishing S.r.l., Raptus&Rose, Galleria Ceribelli, Cenacolo Artom, Salone Internazionale del Libro di Torino, Bookcity Milano, lafeltrinelli.it e IBS.it, Attilio Ventura, A+G Design, Kinéo, Ornella Bramani, Fondazione Fabrizio De André Onlus, Errestampa, Sergio Antolini, Banca Popolare di Sondrio, Fondazione Credito Valtellinese, SEV Sondrio Società Economica Valtellinese, Lions Clubs International, Assicurazioni Schena – Banca Generali Private, Fondazione Pro Valtellina Onlus, BIM, Rotary Club Milano Precotto San Michele.
  
LA MILANESIANA 2022
#lamilanesiana2022