Visioni: Le Novità

Le novità video segnalate da Blogfoolk...

Primo Maggio, le voci e i luoghi della Grecìa Salentina
Kurumuny e il Comune di Martano rendono omaggio alla Festa dei Lavoratori
Il documentario di Luca De Paolis con la voce narrante di Luigi Chiriatti e la partecipazione di Antonio Castrignanò, Rocco Nigro e Luigi Marra ricorda i grandi cantori Cici Cafaro e Cosimino Chiriatti, recentemente scomparsi

Kurumuny Edizioni e il Comune di Martano sono lieti di rendere omaggio ai grandi cantori del Salento e alla Festa dei Lavoratori. A partire dalle 10.30 di sabato primo maggio verrà trasmesso sulle pagine Facebook e sui canali Youtube del Comune di Martano e di Kurumuny Edizioni il documentario firmato da Luca De Paolis, prodotto dal Comune di Martano in collaborazione con Kurumuny, che celebra idealmente la Festa del Primo Maggio, nell’obiettivo di restituire un’idea di unione e condivisione in un momento in cui ogni assembramento è reso impossibile a causa della pandemia in corso.  Con la voce narrante di Luigi Chiriatti, l’interpretazione di Antonio Castrignanò e dei musicisti Rocco Nigro e Luigi Marra, il lavoro conduce lo spettatore attraverso luoghi, suoni e volti simbolo della Grecìa Salentina, della sua storia e del suo presente. Il documentario è, in primis, un doveroso omaggio a due grandi cantori recentemente scomparsi, Cosimino Chiriatti e Cici Cafaro, tra le personalità più emblematiche e rappresentative della cultura popolare dell’area grica del Salento, depositari della tradizione orale, abili stornellatori, fonti d’ispirazione per intere generazioni di musicisti. Cosimino e Cici sono stati anche assidui frequentatori della Festa del Primo Maggio a Kurumuny, ricorrenza che si è tenuta per circa un ventennio nell’omonima campagna che sorge nel comune di Martano.  La Festa dei Lavoratori a Kurumuny ha costituito un appuntamento fisso, un riferimento nel panorama delle feste popolari del territorio, all’insegna dell’incontro tra generazioni, dello scambio, dell’inclusione fino alla condivisione di cibo, musica, idee e visioni. Un grande “rito laico”, un’occasione conviviale di confronto su temi come multiculturalità, diritti dell’altro e necessità della salvaguardia delle radici. Da qui sono passate migliaia di persone e centinaia di musicisti, scrittori, danzatori, cantanti, intellettuali, politici e il premio Nobel per la Pace Rigoberta Menchú. A Kurumuny si sono riannodati i fili della memoria con un’umanità antica, di cui Cosimino e Cici erano degni rappresentanti, molto presente nell’intero territorio della Grecìa salentina e di Martano.  Il comune di Martano rappresenta un crocevia nell’ambito delle grandi ricerche etnomusicologiche condotte sul territorio. Uno snodo fondamentale che dal 1954 ha visto susseguirsi studiosi del calibro di Alan Lomax e Diego Carpitella, Gianni Bosio e Clara Longhini, Giovanna Marini e Cecilia Mangini. Il documentario è anche un viaggio tra le bellezze artistiche e architettoniche del paese grico: chiostri, corti e cortili, chiese, scorci nascosti, strade storiche come Via Chiesa, una delle più antiche del paese, palazzi nobiliari tra cui Palazzo Micali, pregevole espressione di architettura aristocratica e gentile del XVIII secolo, o il meraviglioso Palazzo Grassi,  risalente al XIX secolo. 

Per approfondire
Kurumuny Edizioni ha dedicato diversi lavori, nel corso degli anni, alla valorizzazione del contributo dei grandi cantori Cici Cafano e Cosimino Chiriatti. Di Cici Cafaro, a cura dell’antropologo Eugenio Imbriani, Kurumuny ha pubblicato Io scrivo la realtà (2012), un’autobiografia in parole e canto. Mentre Cosimino Chiriatti è tra i protagonisti del libro e cd I cantori di Martano (2006). Alla campagna di Kurumuny e alla Festa dei Lavoratori è invece dedicato il documentario del grande regista Piero Cannizzaro, Ritorno a Kurumuny (2003).
___________________________________________________________________________________

Karkum Project
presenta

ARBËRESH LE TRADIZIONI MUSICALI DELLE ANTICHE COMUNITA’ ALBANESI D’ITALIA

In occasione del Natale, Karkum Project presenta il documentario "Arbëresh Le Tradizioni Musicali Delle Antiche Comunità Albanesi del Sud Italia", un viaggio musicale nel profondo Sud Italia, alla scoperta di una tradizione di origine balcanica, presente da secoli e perfettamente integrata con noi. Sono gli Arbëresh. Albanesi d’Italia e conservano dal ‘600 i loro usi, costumi e lingua. Un popolo la cui storia è legata a stretto giro con quella del nostro Meridione. Alleati dei Borboni contro l'avanzata ottomana e Briganti nella resistenza all’unità d’Italia. Il viaggio parte dalla provincia di Taranto, in collaborazione con il Laboratorio Arbëria di S. Marzano.


Mario Salvi, l’organetto della “terra dei trulli”. Il nuovo documentario prodotto da Karkum Project

"Mario Salvi: La scoperta dell'organetto e della pizzica nella terra dei trulli" è Il titolo dell'audiovisivo prodotto da Karkum Project, che tratta differenti argomenti nell'ambito della musica popolare: dalla prassi esecutiva, ricerca, interpretazione delle melodie tradizionali, al fenomeno della world music. Nello specifico gli argomenti vengono contestualizzati nel lungo lavoro di ricerca e studio svolto da Mario Salvi, noto interprete e ricercatore di musiche tradizionali. L'organetto e la musica tradizionale in un’area della Puglia che va dall'alto Salento alla Valle d'Itria sono al centro di questo nuovo lavoro di Karkum Project. "Reduci da un primo audiovisivo (presentato a metà del 2019) sulla danza salentina della Pizzica Pizzica, abbiamo voluto questa volta indagare un contesto di tradizione più prettamente musicale".  A partire dall'organetto e dalla Valle d’Itria, il filmato tratta tematiche importanti quali: la prassi esecutiva della musica popolare e l'interpretazione della tradizione,  offrendo spunti di riflessione per tutti i musicisti ed appassionati del settore. Il lavoro è suddiviso in tre capitoli ed è un vero e proprio vademecum sulla musica popolare e il suo approccio. La collaborazione di Karkum Project con Mario Salvi nasce da un'intervista gentilmente concessa da Mario nel settembre del 2019 a Cisternino (Br). "Siamo orgogliosi di aver realizzato questo lavoro con Mario, uno tra i principali esponenti della didattica dell'organetto in Italia. Questa produzione è un contributo nella direzione della libera diffusione e divulgazione della cultura sul web. Pertanto siamo davvero felici che questo nostro desiderio abbia trovato un valido partner come Organetto.it, il portale dell'organetto in Italia". Il documentario si innesta nel quadro della ricerca e diffusione delle culture popolari promossa da Karkum Project e si intreccia con una serie di altre attività inerenti.


PIZZICA PIZZICA: ALLA RISCOPERTA DEL BALLO SALENTINO QUASI PERDUTO
Migliaia di visualizzazioni in poche ore per il documentario ideato da Karkum Project con la danzatrice e ricercatrice Franca Tarantino.

Il progetto è ambizioso: creare e diffondere un documento, fruibile a tutti, sulle vere origini del famoso ballo salentino. Un appello, per certi versi, quello di Karkum Project e di Franca Tarantino, contenuto nel documentario lanciato pochi giorni fa sul web. Lo scopo è quello di preservare le nostre radici culturali, sempre più spesso minacciate da mode e fenomeni televisivi che, di fatto, ne sconvolgono totalmente il senso.  La considerazione di partenza è semplice: la cultura coreutica popolare salentina è stata negli anni tacitamente trasformata in un’accattivante creatura del marketing, capace di attirare turisti e fruitori, ma, allo stesso tempo, di cancellare e ridisegnare la memoria e le radici culturali di un popolo. Il documentario prodotto e ideato da Karkum Project mette in luce e in scena il vasto lavoro di ricerca affrontato dalla danzatrice, ricercatrice e psicoterapeuta Franca Tarantino. E’ un viaggio emotivo lungo la realtà contadina e le vere origini della Pizzica Pizzica (erroneamente denominata pizzica o taranta). Attraverso la visione ed il racconto autobiografico della protagonista si indagano le vere ragioni che hanno portato la pizzica a divenire “neopizzica”, le distorsioni e la diffusione di un cliché erroneamente perpetrato nei diversi “folk revival” che si sono susseguiti sino ad oggi. Un campo sempre poco esplorato quello della danza salentina, un vero e proprio “buco culturale”, ricco di superficialità, al contrario delle tante ricerche musicali e antropologiche che dettagliatamente sono riuscite a spiegare e preservare la tradizione. Afferma Karkum Project: Abbiamo affrontato questa piccola, ma grande, impresa con tanto entusiasmo e voglia di dare un contributo alla tradizione e alla ricerca. La prima di una serie di attività culturali inerenti alle tradizioni popolari italiane. Siamo estremamente felici di aver scelto Franca, che, senza ombra di dubbio, è una tra le persone più preparate in circolazione, per quanto concerne la danza salentina. Un ringraziamento sincero e doveroso va anche al danzatore, musicista Giuseppe Delle Donne, per le sue performance artistiche contenute nel documento. Il nostro obiettivo non era solo quello di informare, ma anche di lanciare un messaggio preciso ed inequivocabile: La danza tradizionale è cultura, dunque, va salvaguardata. Un vero e proprio bagno di realtà lontano dalle seducenti gonne sventolanti, verso la riappropriazione della tradizione di un ballo, per certi aspetti privato, comunitario e familiare. Portare lo spettatore in una dimensione empatica con il protagonista è stato un fattore fondamentale nella rappresentazione, per disegnare simbolicamente (ma effettivamente) “il tramonto della tradizione in atto”. In un mondo fatto di velocità ci ha stupito positivamente la risposta e l’interazione ottenuta in poche ore sul web. In ultima istanza ci sentiamo di essere ottimisti per il futuro, perchè quando c’è un interesse culturale, che spinge tante persone ad informarsi e a dedicare dieci minuti del proprio tempo alla visione di un contributo, non possiamo che considerare questa cosa, come una gran bella notizia per tutti.


Karkum Project
produzioni Libere ed Indipendenti
info@karkumproject.it
www.karkumproject.it