Letture: Le Novità

Tutte le novità editoriali presentate da Blogfoolk...

Tullia Conte, L'altra taranta, Annabella Rossi e il tarantismo nel Cilento, Indipendent Press

L'artista Tullia Conte, che vive in Francia dove ha importato le danze del Salernitano, ripercorre nel libro le tracce storiche del tarantismo cilentano dalle ricerche di Annabella Rossi fino ai giorni nostri. Un fenomeno che può dialogare non solo con l'arte contemporanea ma anche con i recenti approcci terapeutici, la cui ultima manifestazione si è verificata nel 1956. Il tarantismo, fenomeno ampiamente studiato nel meridione d'Italia, vede nel Cilento, in Campania, l'ultimo baluardo della sua manifestazione. Non avendo goduto di particolari attenzioni dagli storiografi e nemmeno dalla letteratura di settore, il fenomeno è documentato dalla compianta antropologa Annabella Rossi. La studiosa vi ha dedicato una ricerca che raccoglie circa cinquanta testimonianze realizzate tra Capaccio, Trentinara e altri paesi dell'entroterra salernitano. A trent'anni dagli ultimi studi vuole riportare l'attenzione sulle interviste realizzate dall'antropologa Annabella Rossi e trasportare il lettore nel fascino di questo mistero, quello del morso del ragno detto tarantola. Tullia Conte, regista teatrale, performer è impegnata da anni nello studio delle danze tradizionali secondo una prospettiva di antropologia teatrale. Tra i suoi spettacoli : Tarantella Cruda, Storia di Maria, tarantata, Antidotum, San Tarantella, SUDD in scena presso teatri partenopei e francesi. Nel 2012 fonda con Mattia Doto « sudanzare », associazione basata a Parigi che si occupa di promozione della danza e delle culture subalterne del meridione italiano, in particolare organizza stage di danza, conferenze, produce e promuove attività in Francia e nel territorio europeo.

disponibile su AMAZON e sulle principali piattaforme, prezzo: 22 euro
_________________________________________________________________________________

Dal 28 novembre in tutte le librerie e nei negozi online il nuovo libro di Luca D'Ambrosio
MUSICA MIGRANTE
Dall’Africa all’Italia passando per il Mediterraneo 
Prefazioni di Angélique Kidjo e Valerio Corzani
Arcana Edizioni - pp. 224 - 16,50 euro – Immagine di copertina di Laura Colucci

Il blogger e critico musicale Luca D’Ambrosio prosegue il suo viaggio alla scoperta della musica con un nuovo e insolito progetto editoriale a metà strada tra il racconto e il saggio. Si intitola Musica migrante. Dall’Africa all’Italia passando per il Mediterraneo (Arcana, 2019) e vede le prefazioni dell’artista africana Angélique Kidjo e del giornalista Valerio Corzani. Prendendo spunto dalle drammatiche testimonianze dei migranti arrivati in Italia all’inizio del terzo millennio, l’autore di questo libro decide di partire alla scoperta delle musiche di un intero continente: l’Africa. È un viaggio narrativo intrapreso con curiosità, entusiasmo e persino un pizzico di incoscienza che, tuttavia, riesce a mettere in evidenza alcuni aspetti umani, storici, culturali e finanche statistici di un universo musicale estremamente vasto e multiforme. È il background di una nuova generazione costretta ad abbandonare la propria terra, giovani africani che hanno attraversato prima il deserto e poi il Mediterraneo nel rischioso tentativo di trovare un futuro migliore, portandosi dietro un bagaglio di suoni e memorie che viaggiano sempre di più sulla Rete. Musica migrante è un libro sui generis che racconta e analizza con semplicità e leggerezza la “musica africana”, fra tradizione e nuove contaminazioni, alla luce di una società e di un mercato discografico sempre più globalizzati e digitali. 
«È veramente importante oggi raccontare la storia della nostra musica mentre si segue la migrazione dei popoli africani» Angélique Kidjo 
«D’Ambrosio prova a occuparsi delle musiche di un bacino vasto come quello dell’Africa settentrionale e dell’Africa subsahariana. Parte, come giusto, dalle fondamenta per arrivare anche ai nuovi generi di musica popolare urbana. Si concede anche lo sfizio di approfondire alcuni temi apparentemente marginali come gli archivi digitali africani e i musicisti di seconda generazione in Italia» Valerio Corzani
Luca D’Ambrosio (Sora, 1970) è un blogger con la passione per la musica. Ideatore e responsabile di Musicletter.it e della Targa Mei Musicletter (Premio nazionale per il giornalismo musicale sul web), ha scritto per webzine (Sentireascoltare, Extra! Music Magazine) e riviste («Il Mucchio Selvaggio», «Gazzetta Italia», «La Rivista»). È stato consulente musicale di due programmi radiofonici della Rappresentanza in Italia della Commissione europea. È membro della giuria delle Targhe Tenco. Nel 2018 ha pubblicato per Arcana La musica, per me.
________________________________________________________________________________

Roberto Sallustio, Shakuhachi – Il suono dell’anima

Il libro vuole presentarsi come il primo testo scritto in lingua italiana interamente dedicato allo shakuhachi, un flauto dritto in bambù diffusosi nel Giappone del Seicento come strumento meditativo di una piccola setta Zen e oggigiorno suonato in varie parti del mondo, in contesti differenti e variegati. Il lavoro proposto si articola in tre parti, precedute da un’introduzione che descrive, in maniera generale, la musica tradizionale giapponese e i suoi metodi di trasmissione. La prima parte è una presentazione dello strumento: in essa sono illustrati le tipologie di shakuhachi apparse nel corso dei secoli, la fattura e i metodi di costruzione, le tecniche di base per suonarlo, i repertori. La seconda parte descrive le vicende storico-culturali che hanno condotto lo shakuhachi a passare da hōki, strumento religioso impiegato dai “monaci del nulla” come elemento della pratica meditativa, a gakki, strumento musicale utilizzabile da tutti. Questo passaggio vede la nascita delle scuole di shakuhachi e la diffusione delle diverse tradizioni, molte delle quali giunte fino ad oggi. La terza parte è dedicata all’analisi della diffusione dello shakuhachi nella società europea, con uno studio cronologico sulla sua presenza in Italia. Completano l’opera le considerazione finali dell’autore, un appendice e il glossario.


_________________________________________________________________________________

Across the Year di Davide Steccanella
La storia del rock in 365 giorni - Ed. Paginauno

È da oggi nelle librerie l'ultimo libro di Davide Steccanella, Across the Year, pubblicato dalla casa editrice Paginauno: una storia del rock costruita su 365 giorni, con prefazione di Enrico Ruggeri. Across the Year, che fa il verso a una nota canzone dei Beatles, racconta il genere musicale che ha creato più leggende di sempre: con un accadimento per ogni giorno, data per data, che si tratti della nascita di grandi della scena musicale di tutti i tempi, della composizione di pezzi indimenticabili, di uscite di album o di allontanamenti di membri che facevano parte delle band. Cosa è accaduto, ad esempio, il 24 gennaio? Quel giorno, nel 1962, Brian Epstein ha firmato un contratto come manager e agente dei Beatles e ha cominciato la sua carriera come uno dei massimi artefici della fortuna dei quattro di Liverpool. «Quasi una storia d'amore», così ha definito John Lennon il suo rapporto con Epstein. Giorno successivo, 25 gennaio: nel 1978 i Joy Division debuttano dal vivo al Pips Disco di Manchester. Il gruppo durerà un solo anno, fino al suicidio del cantante Ian Curtis, ma segnerà per sempre la storia con un dark punk esistenziale che non ha più avuto simili. E poi il 26 gennaio del 1973 la canzone Blockbuster degli Sweet conquista il primo posto nelle classifiche inglesi, il 27 gennaio 2014 muore a 94 anni Pete Seegers, grandissimo folk singer e attivista statunitense a cui si deve tra le altre We Shall Overcome, diventata inno del movimento americano per i diritti civili. Così per 365 date (più una, l'anno immaginario è bisestile), saltando avanti e indietro nei decenni, Steccanella racconta una storia esaltante e restituisce al rock tutta la sua importanza, quella di un genere musicale che dopo aver seguito i principali fermenti culturali degli ultimi settant’anni, ancora oggi continua a dimostrarsi più vivo che mai anche se l’industria del disco, che un tempo ne governava le sorti, è stata soppiantata da altre realtà. Dice l'autore, Davide Steccanella: «Il rock è stato la colonna sonora della mia generazione. Ogni sabato pomeriggio andavamo alla Fiera di Sinigaglia di via Calatafimi per acquistare i dischi usati perché poche volte potevamo permetterci quelli nuovi. Tutti leggevamo Ciao 2001, ascoltavamo le radio libere e parlavamo per ore di impianti stereo e di quei mitici concerti dei grandi artisti stranieri che a quei tempi in Italia non volevano venire. Across the Year è un omaggio a tutti quelli che hanno reso più bella una parte significativa della nostra vita». Across the Year fa parte della collana musicale In Utero delle Edizioni Paginauno.

L'AUTORE
Davide Steccanella (Bologna 1962) vive a Milano. Avvocato e giornalista pubblicista, ha pubblicato I promessi sposi in cialdoni. Guida alla lettura di un romanzo immortale (2008), Montserrat Caballé, ultimo soprano assoluto (2009), Non passa lo straniero. Ovvero quando il calcio era autarchico (2015), Le indomabili. Storia di donne rivoluzionarie (2017), Gli anni della lotta armata. Cronologia di una rivoluzione mancata (2018), Sediziose voci. Appunti di viaggio nel magico mondo del melodramma (2018) e tre edizioni di Rivoluzionaria, agenda di 16 mesi (2016, 2017 e 2018).
________________________________________________________________________________
 
________________________________________________________________________________

Un incredibile biopic a fumetti sulla vita e la musica di Bob Dylan, ricco di fan service per gli appassionati del cantautore
Robert Allen Zimmerman, in arte Bob Dylan, classe 1941, non ha bisogno di presentazioni. Di questo 2018 è stata la lunga diatriba in merito al Premio Nobel per la letteratura che gli è stato assegnato, che lui all’inizio non aveva degnato di risposta. Questo graphic novel rappresenta un biopic completo che passa attraverso la sua vita, raccontandoci gli inizi e la carriera: ogni pagina è costellata di fan service per gli appassionati del compositore americano, ossia copertine di dischi e citazioni a piene mani. Il fumetto è magistralmente disegnato da due autori stilisticamente molto diversi: Stefano Corrao, che affronta con il suo tratto realistico tutta la fase iniziale della vita di Bob Dylan e la sua fase matura, e l’elegante Alessandra Melarosa, che firma la copertina e le tavole che raccontano la fase centrale di crescita artistica del cantautore. Il volume si inserisce perfettamente nella catena di successi inanellata dalla collana Music & Comics di Edizioni NPE, che partì con La Storia della Musica Metal a Fumetti e La Storia della Musica Rock a Fumetti, facendole seguire dai volumi biopic di David Bowie, Bruce Springsteen, Elvis e dal recente imperdibile Jugband Blues – a graphic trip on the tracks of Syd Barrett.
________________________________________________________________________________

VOLOLIBERO EDIZIONI
Presenta

DAVID CROSBY - Ultimo eroe dell'Era dell'Acquario di  MARCO GROMPI
Prefazione di Luca De Gennaro

Dotato di voce, ego, talento e un amore per la libertà smisurati, David Crosby (classe 1941) ha condotto una vita intensissima, estrema, spesso spericolata. Nel corso degli anni, è stato testimone e protagonista di molti eventi chiave della storia  del rock, nonché fondatore di gruppi come i Byrds e CSNY. Per evidenti motivi anagrafici (peraltro a fronte di un’anamnesi medico-clinica che ha dell’incredibile) David Crosby è uno degli ultimi eroi dell’Era dell’Acquario ancora in circolazione. Nelle quattrocento pagine di questo libro si racconta David Crosby in maniera globale, includendo non solo la musica ma anche la sua essenza più visionaria e la sua poesia. L’approfondimento della sua visione e idea di musica, vita e politica, si ricava grazie alle diverse interviste rilasciate durante una lunga carriera e riportate in questo volume; alcune inedite e raccolte dall’autore stesso. L’appendice conclusiva contiene una dettagliata discografia e filmografia, oltre a un’ampia bibliografia. Marco Grompi Musicista e scrittore, a partire dagli anni Novanta ha curato e tradotto varie pubblicazioni di ambito rock tra cui monografie e antologie di testi dedicate a Neil Young, Joni Mitchell, Eagles, CSNY, Sonic Youth, U2 e Bob Dylan. È autore di Bob Marley. Canzoni di libertà (Giunti), Le canzoni di Bob Marley e Neil Young 1963-2003: 40 anni di rock imbizzarrito (Editori Riuniti). Del rocker canadese ha tradotto (con Davide Sapienza) l’opera omnia ufficiale in Neil Young. Tutti i testi (Giunti) e le autobiografie Il sogno di un hippie e Special Deluxe (Feltrinelli). Ha collaborato con riviste specializzate (“Buscadero”, “Jam”, “Late For The Sky”, “Tribe”, “Playmusic”), con Radio Popolare e alla stesura del Dizionario del Pop-Rock (Baldini&Castoldi) e della Grande Enciclopedia Rock (Giunti). Nelle stagioni teatrali 2015/2017 ha portato in scena Waterface, recital musicale di cui è co-autore, regista e protagonista (medaglia 3D Smiting Festival 2015).

L'IMPORTANTE E' ESAGERARE
Storia di Enzo Jannacci di Nando Mainardi
Collana: Fuorisacco
IN LIBRERIA DAL 30 OTTOBRE
Disponibile anche in eBook

L'importante è esagerare non è soltanto il titolo di una canzone: è una dichiarazione di guerra, una confessione esistenziale. Di certo Enzo Jannacci - il suo autore e interprete - è stato il cantautore più esagerato della storia della canzone, in grado di unire opposti normalmente inconciliabili: la tristezza e l'allegria, la tragedia e la farsa, la disperazione e la leggerezza. Coerentissimo dal punto di vista poetico, eppure ogni volta in grado di spiazzare e stupire. Popolare, eppure anticonformista e distante dai gusti e dalle preferenze del grande pubblico. Con la sua aria stranita, Jannacci ha saputo cantare come nessun altro gli ultimi della pista: i barboni, i tossici, le puttane, i telegrafisti dal cuore urgente, quelli che aspettano il tram, le donne che passano tristi serate in latteria, gli uomini a metà. È apparso sulla scena con la freschezza di un Buster Keaton nato dalle parti di Lambrate alla periferia di Milano e con la genialità di un Gilbert Bécaud appena dimesso dal neurodeliri; se n'è andato con un'ultima, meravigliosa e definitiva interpretazione di El portava i scarp del tennis. Una storia artistica unica e irripetibile, che merita di essere conosciuta ed esplorata. Nando Mainardi. Nando Mainardi è nato nel 1972 a Fiorenzuola d'Arda (Piacenza), dove risiede. Attualmente lavora nel campo della comunicazione e della formazione. Nel 2012 ha pubblicato il libro "Enzo Jannacci. Il genio del contropiede" e nel 2014 "Ossessione Calcio. Storie di football e nostalgie". Per Vololibero ha pubblicato nel 2016 "La magnifica illusione. Giorgio Gaber e gli anni 70". Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e radiofoniche, occupandosi di politica, canzoni e calcio.

il decimo ed ultimo volume della collana SOUL BOOKS
DAL 25 SETTEMBRE NELLE LIBRERIE E STORE DIGITALI DISPONIBILE ANCHE IN EBOOK

ETERNI
Vite brevi e romantiche di grandi compositori
di Elisa Giobbi
Prefazione di Arturo Stàlteri
Formato: 14 x 21 cm Pagine: 208 b/n

IN LIBRERIA DAL 20 FEBBRAIO 2018
Disponibile anche in eBook

«I loro spiriti battevano sul mio Come le ali di mille farfalle» Dall'Antologia di Spoon River di Egdar Lee Masters.

Purcell, Pergolesi, Mozart, Schubert, Bellini, Mendelssohn, Chopin, Bizet e Gershwin: nessuno è arrivato ai quarant'anni. Brevi vite che hanno patito enormi tormenti fisici ed emotivi; un destino che, come per dispetto, ha accompagnato la loro straordinaria sensibilità con la fragilità del corpo e il tormento dell'anima. Esistenze fugaci e intense quasi quanto quelle delle rockstar della fine del Ventesimo secolo, la cui scomparsa è, come per molti di questi grandi, ugualmente avvolta nel mistero. Elisa Giobbi, come sottolinea Arturo Stàlteri nella sua prefazione, ci racconta la vita e le opere di questi eccelsi compositori scomparsi troppo presto. Lo fa con lucidità, senza compiacimenti e, tuttavia, con affetto. Li ama e li fa vivere di nuovo quei personaggi che hanno attraversato l'esistenza respirando più musica che aria. Proprio la “loro” musica, alla fine, ha vinto: è ancora qui con noi e, quindi, lo sono anche i suoi artefici. Li sentiamo vicini, soffriamo, ci esaltiamo con loro e ci troviamo a condividerne debolezze e amore per la vita.

Elisa Giobbi
Nata negli anni Settanta a Firenze, coltiva scrittura e musica fin dall'adolescenza. Dopo la laurea in lingue, fonda la casa editrice Caminito, che dirige fino al 2009. È autrice di Firenze suona. La scena musicale e artistica raccontata dai protagonisti (Zona, 2015), di Rock'n'Roll Noir. I misteri, le relazioni e gli amori del Club 27 (Arcana, 2016) e del suo primo romanzo La rete (Stampa Alternativa, 2018). Si occupa anche dell'organizzazione e della conduzione di eventi culturali e musicali. La copertina di questo libro è il (terzo) frutto della collaborazione tra Vololibero Edizioni ed il grafico Manuele Scalia che si è occupato anche del restyling grafico dei loghi e di tutta la grafica della casa editrice. Manuele Scalia è un graphic designer freelance con base a Milano. Dal 2000 collabora continuativamente con la casa editrice Arnoldo Mondadori Editore. Negli anni ha curato gran parte dei titoli degli "Strade Blu", la collana più alternativa della casa editrice. Ma si occupa anche di narrativa, saggistica, e varia. Saltuariamente disegna e progetta anche copertine di dischi per band indipendenti. E' anche musicista. Spesso gira l'Europa come cantante e chitarrista della band The Three Blind Mice.

SOLOMON BURKE Ho visto un re
di Graziano Uliani e Edoardo Fassio
Con interventi di Peter Guralnick e Scott Billington
Collana: SOUL BOOKS - Vol. 10
Formato: 12 X 19 Prezzo 12 Euro

Pur essendo nato e cresciuto a Philadelphia, Solomon Burke diede un contributo insostituibile alla preparazione di quella miscela di gospel, country, pop e blues conosciuta come soul sudista. Quando il musicista firmò per la Atlantic Records, nel 1960, riempì il vuoto causato dal passaggio di Ray Charles alla concorrenza. Modestamente, l'uomo che volle farsi re del rock and soul, si riteneva il miglior cantante del mondo. Ma guai a puntare tutto su una carta sola! Oltre a seguire l'intera filiera dei suoi spettacoli, gestiva una catena di fast food, una società di assistenza agli orfani e una casa editrice musicale. Laureato in scienze funerarie, era pure titolare di un'impresa di onoranze funebri e, naturalmente, vescovo nella chiesa fondata da sua nonna, la House of God for All People.
Graziano Uliani - Nato a Bologna, è il creatore del Porretta Soul Festival che, dal 1988 - anno della prima edizione - in pochi anni è diventato la vetrina europea del Memphis Sound, proponendo, spesso per la prima volta in Europa, autentiche leggende come Solomon Burke, Rufus Thomas & Carla Thomas e tanti altri. Nel 1992 ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Memphis per il contributo dato alla diffusione della musica soul in Europa, a cui sono seguiti numerosi riconoscimenti internazionali, ultimo in ordine di tempo il premio KBA-Keeping the Blues Alive 2017.
Edoardo Fassio - Torinese, scrive di blues, folk e jazz per “La Stampa” e per “TorinoSette”; collabora con “Musica Jazz”, “Il Blues” e con numerose pubblicazioni europee. Dal 1984, con il classico pseudonimo di Catfish, è autore, conduttore e animatore di trasmissioni radio: la più duratura programmazione di blues in Europa. Ha seguito il Porretta Soul Festival per “La Stampa”, “Il Blues”, “Blues & Rhythm”, Rai Stereo Notte e Radio Flash di Torino. Ha pubblicato nel 2006 Blues per Laterza e, nel 2017, Soul City per Vololibero.

Ogni libro della collana Soul Books é introdotto da una prefazione curata da Massimo Oldani grande esperto italiano di soul, r&b e black music che cura la trasmissione VIBE su Radio Capital. Graziano Uliani (organizzatore e direttore artistico del Porretta Soul Festival) inserisce in ogni pubblicazione curiosità, notizie e aneddoti della sua decennale attività a fianco dei più grandi nomi del soul. Il tutto diretto da Alberto Castelli. 

LA COLLANA "SOUL BOOKS" E' REALIZZATA CON IL SUPPORTO DI RADIO CAPITAL ED IL SOSTEGNO PORRETTA SOUL FESTIVAL

BRITANNICA
Dalla scena di Manchester al Britpop
di Alessio Cacciatore, Giorgio Di Berardino
Formato: 14 x 21 cm Pagine: 336 b/n
Collana: Passioni Pop

IN LIBRERIA DAL 23 GENNAIO 2018
Disponibile anche in eBook

“Se il punk servì a sbarazzarsi degli hippy, allora io con la mia musica mi sbarazzerò del grunge”(Damon Albarn). Madchester, Baggy, Britpop, Il ritorno del rock d'oltremanica. Il racconto si snoda attraverso dieci anni ricchi di rivolgimenti sociali, nuove espressioni musicali, creatività e contraddizioni. Oasis, Blur, Stones Roses, Joy Division, La Factory Records, FAC 51 The Hacienda, Creation records e tutti gli altri protagonisti della scena sono raccontati nel contesto di un'Inghilterra in pieno fermento tra Thatcher e Blair. Oltre cinquecento schede di band del decennio fanno da ricca appendice e completano questo libro indispensabile per conoscere la musica che ha attraversato gli anni tra il 1988 e il 1998.
ALESSIO CACCIATORE Nato a Penne (PE) nel 1978, si è laureato in Lingue e letterature straniere. Ha collaborato con la rivista “Rockstar”. Attualmente scrive per LamusicaRock.com e indieforbunnies.com. Ha già pubblicato Woodstock 1969, Gruppo Albatros, 2011.
GIORGIO DI BERARDINO Nato a Pescara nel 1980, musicista, dj e collezionista. Dalla metà degli anni Novanta ha viaggiato in Italia e in Europa, seguendo la maggior parte dei gruppi citati in questo libro. Collabora con il fan club italiano degli Oasis e attualmente lavora a Scallydelia, un nuovo progetto musicale.
Assieme conducono “Britannica” programma radiofonico su RadiostART.

SIMON & GARFUNKEL
Un ponte su acque agitate
di Eleonora Bagarotti
Formato: 14 x 21 cm Pagine: 160 b/n
 IN LIBRERIA DAL 16 OTTOBRE 2018
Disponibile anche in eBook
Copertina di Manuele Scalia.

Simon & Garfunkel: dal 1955 al 2018 la storia e un fiume ininterrotto di musica e poesia. 
And the vision that was planted in my brain  Still remains, within the sounds of silence

Questo libro è una sintetica e, tuttavia, esaustiva e aggiornata cronaca biografica di Simon & Garfunkel, oltre che di Paul Simon e Art Garfunkel solisti. Un atto d'amore nei loro confronti. Iniziata sui banchi di scuola nel Queens di New York, la leggenda di Simon & Garfunkel è ancora viva. Il duo ha segnato la storia musicale degli anni Sessanta, tra lunghi addii e riconciliazioni dietro e sopra il palco. Canzoni come The Sound of Silence, Bridge Over Troubled Water o la stupenda Mrs. Robinson, che esplode dagli schermi del film Il laureato di Mike Nichols, sono opere d'arte, non muoiono mai e, per questo, vale la pena di continuare a scriverne. Nel 2018 Simon ha realizzato il suo tour d'addio, conclusosi proprio nel Queens, dove tutto ha avuto inizio. Contemporaneamente ha annunciato l’uscita del suo nuovo lavoro: In The Blue Light. Garfunkel ha continuato la sua attività tenendo recital in piccoli teatri e pubblicando una sua autobiografia. Il cerchio sembra chiuso, armoniosamente come le loro melodie. Un’accurata discografia completa il volume.
Eleonora Bagarotti è giornalista del quotidiano “Libertà” di Piacenza, dove si occupa di Cultura&Spettacoli e tiene una rubrica dedicata alle mamme single. Ha pubblicato: L'eredità del sogno (Cortina); Magic Bus, The Who, Le canzoni di Tom Waits, Ligabue, Storia del rock ed Elvis Costello (Editori Riuniti). The Who. Pure & Easy (Arcana), 4 Ever. John Paul George Ringo (Vololibero). Diplomata in arpa, sta frequentando il triennio di Percussioni al Conservatorio di Piacenza. Nel tempo libero è traduttrice, autrice e talvolta interprete di teatro, dove ha iniziato lavorando per Pete Townshend degli Who in Tommy - The musical e Lifehouse. Ha scritto con Alberto Dosi il reading teatrale The Women in The White Album e collabora con la Fondazione Arturo Toscanini a una pièce dedicata ad Arrigo Boito per le celebrazioni Parma 2020.

COVER STORY
Le più belle copertine dei dischi italiani di Roberto Angelino
Supervisione e prefazione di Luciano Tallarini
IN LIBRERIA DAL 20 NOVEMBRE 2018
Disponibile anche in eBook
copertina di Emanuele Scalia - www.manuelescalia.com/

COVER STORY Segreti e racconti delle 150 più belle e intriganti copertine dei dischi italiani.

Delle copertine straniere si sa tutto ma di quelle italiane nessuno ha mai scritto quasi nulla. Eppure, grandi artisti, fotografi e illustri artigiani hanno partecipato alla realizzazione di quelle copertine che, oltre a restarci negli occhi e nel cuore, hanno contribuito non poco al successo dell’album che contenevano. Ed eccoci qui con 76 capitoli in cui altrettanti lp storici italiani, con un interessante gioco di specchi e di rimandi, diventano 150 e più cover che, oltre a essere belle, hanno alle spalle anche una storia inedita e coinvolgente, gustosi retroscena e simpatici aneddoti che, allora, vale davvero la pena di raccontare. Un libro importante che si avvale della supervisione di Luciano Tallarini, per mezzo secolo re delle copertine dei dischi italiani.
Roberto Angelino, giornalista milanese classe 1952, ha lavorato per un quarto di secolo al settimanale Oggi; dal 2004 al 2007 è stato vicedirettore di Gente, poi è tornato a Oggi per curare gli Speciali e il bimestrale Oggi Foto. Nel 2015 con Salvatore Giannella ha pubblicato presso l’editore BookTime il volume Milano 50, con le schede dei 350 locali imperdibili della città sede dell’Expo, anticipate e successivamente sviluppate con successo sul sito Giannella Channel. Per lo stesso editore ha pubblicato altri due volumi: nel maggio 2016 Milano, mettiamoci una pietra sopra - Retroscena, aneddoti e segreti della città incisi nel marmo di 50 targhe storiche sulle facciate dei suoi palazzi e, due mesi dopo, Milano al verde, guida ai migliori cinquanta agriturismi di Milano e Provincia. Luciano Tallarini è nato nel 1936 ad Asola (Mantova), ha lavorato tutta la vita a Milano e oggi vive nel suo buen retiro sul lago d’Iseo. Art director di talento, è stato per mezzo secolo il re delle copertine dei dischi italiani, quasi un migliaio da lui ideate, disegnate e curate nella grafica, nella fotografia e nell’immagine. Le ha realizzate per Mina e per tutti gli altri cantanti di successo, da Ornella Vanoni a Renato Zero, da Patty Pravo a Roberto Vecchioni, da Loredana Bertè a Vasco Rossi, da Mia Martini ad Adriano Celentano, da Raffaella Carrà a Fabrizio De André. Nel 2008 ne ha pubblicato una raccolta nel libro Pop life - Una vita in copertina, ristampato dieci anni più tardi.