Concerti Jazz & Blues

I concerti della scena jazz & blues...

_____________________________________________________________________________________

“L’ANIMA DEL JAZZ”
con JAN GARBAREK, TRILOK GURTU, PAOLO FRESU, CARLO CANTINI
No Borders Music Festival
DOMENICA 24 LUGLIO 2022 
(inizio concerto ore 14:00, apertura porte ore 11:00)
LAGHI DI FUSINE – TARVISIO (UD)
   
Quattro grandi Maestri, quattro giganti della musica Jazz mondiale si incontrano per la prima volta assieme tutti sullo stesso palco per dar vita a “L’Anima del Jazz”, un concerto speciale e unico nel suo genere ideato da Jan Garbarek, Trilok Gurtu, Paolo Fresu e Carlo Cantini per la 27esima edizione del No Borders Music Festival. L’evento esclusivo, che richiamerà tutti gli appassionati del jazz da Italia, Austria e Slovenia, è fissato per domenica 24 luglio 2022 (apertura porte ore 11:00, inizio concerto ore 14:00) ai Laghi di Fusine, uno dei luoghi più affascinanti dell’intero comprensorio montano del Tarvisiano, che ha ricevuto il certificato di destinazione per il turismo sostenibile secondo gli standard internazionali GSTC, un risultato che conferma ulteriormente l’attenzione del territorio nei confronti della sostenibilità e dei cambiamenti climatici. I biglietti per il concerto saranno in vendita a partire dalle ore 10:00 di lunedì 23 maggio online su Ticketone.it e nei punti vendita autorizzati Ticketone.
Riconosciuto a livello unanime come uno dei più grandi sassofonisti di tutti i tempi, Jan Garbarek si è avvicinato allo strumento sin da piccolo, nella sua Oslo, dopo aver ascoltato John Coltrane alla radio. La sua ricerca musicale ha viaggiato ampiamente nel tempo e nello spazio, dalle canzoni popolari della sua nativa Norvegia alle improvvisazioni sulla polifonia medievale, passando per la musica del subcontinente indiano e del Medio Oriente. Nel corso di questi viaggi musicali, i suoni intensamente concentrati dei suoi sassofoni tenore e soprano sono diventati tra i più immediatamente riconoscibili e ossessionanti della musica contemporanea. Nato a Mumbay in India nel 1951, Trilok Gurtu è il percussionista dallo straordinario virtuosismo che fonde la tecnica occidentale e indiana per sviluppare uno stile e un suono inconfondibili che da metà anni ’90 lo rendono dominatore delle classifiche di popolarità tra i percussionisti e tra i più grandi innovatori dell’arte percussiva di tutti i tempi. Considerato da critica e pubblica uno dei trombettisti più affermati ed eclettici della scena musicale, Paolo Fresu vanta innumerevoli collaborazioni con artisti jazz internazionali e anche con alcuni tra i più grandi cantanti pop italiani, senza dimenticare le sue musiche per il teatro e il cinema, che lo hanno portato a collaborare con Stefano Benni, Paolo Rossi, Marco Paolini, Piera degli Esposti e tantissimi altri. Violinista, compositore, arrangiatore e produttore, Carlo Cantini che nel corso della sua straordinaria carriera ha collaborato con Rostropovic, Andrea Bocelli, Stevie Wonder, Astor Piazzolla e si è esibito nei templi della musica mondiale(dalla Royal Albert Hall di Londra alla Birdland di Vienna) è la mente musicale di questo strepitoso ed esclusivo concerto.  Dopo i concerti comunicati nelle scorse settimane che vedranno protagonisti Tommaso Paradiso e Brunori Sas ai Laghi di Fusine, rispettivamente il 23 luglio e il 31 luglio, e Benjamin Clementine al Rifugio Gilberti il 6 agosto, si impreziosisce dunque il programma della 27esima edizione del No Borders Music Festival, la storica rassegna che si tiene al confine tra Italia, Austria e Slovenia, valorizzando la musica come forma culturale e mezzo di comunicazione universale in grado di essere compreso da tutti, superando i confini linguistici, etnici, sociali e geografici. 
Attraverso la musica, il No Borders Music Festival è riuscito inoltre a far scoprire a migliaia di persone alcuni dei luoghi naturalistici più incontaminati e suggestivi del comprensorio montano del Tarvisiano, ponendosi dunque come obiettivo anche la sensibilizzazione e sostenibilità ambientale della propria rassegna, essendo tra i primi a promuovere l’accesso alle aree dei concerti solamente a piedi e in bicicletta.
Sul sito ufficiale del festival www.nobordersmusicfestival.com sono inoltre consultabili tutte le informazioni sui pacchetti speciali che includono, oltre al biglietto per il concerto, il noleggio delle escursioni con le guide naturalistiche e il pernottamento in albergo.
Il No Borders Music Festival è organizzato dal Consorzio di Promozione Turistica del Tarvisiano, Sella Nevea e Passo Pramollo, in collaborazione con Regione Friuli Venezia Giulia, PromoTurismoFVG, Fondazione Friuli, Crédit Agricole Friuladria, BIM, Comune di Tarvisio, Comune di Chiusaforte, Allianz Assicurazioni, Idroelettrica Valcanale, ProntoAuto e Mastertent.
  
Prezzo dei biglietti: posto unico € 25,00 + dp
Biglietti in vendita a partire dalle ore 10:00 di lunedì 23 maggio online su Ticketone.it e nei punti vendita autorizzati Ticketone
_____________________________________________________________________________________

I CONCERTI AL MUSEO 
Tornano in primavera gli appuntamenti musicali del Museo del Saxofono.
In programma dal 26 marzo al 21 maggio 2022

Riprendono con la primavera, al Museo del Saxofono, i concerti settimanali della stagione 2022.Una grande e doppia opportunità, per chi non conosce ancora questo giovane spazio espositivo, che oltre a proporre musica di grande qualità con interpreti di assoluto spessore, offre la possibilità di ammirare da vicino la collezione di saxofoni più grande del mondo. A tale proposito, sabato 9 aprile alle ore 18, verrà presentato in anteprima il catalogo ufficiale del Museo, realizzato con il contributo della Regione Lazio: frutto del grande lavoro di acquisizione, studio e di ricerca svolto da Attilio Berni sugli strumenti delle Collezioni del museo. L’opera si è avvalsa del contributo di prestigiosi esperti internazionali del settore; un volume prestigioso di grande formato che include numerose immagini di qualità, approfondimenti e notazioni tecnico-descrittive delle varie metamorfosi dello strumento che si intrecciano con le storie personali degli inventori e dei musicisti che lo hanno imbracciato. 
In relazione alla stagione musicale primaverile 2022, si inizierà sabato 26 marzo con i Big Night Players, orchestra che celebra la cultura italo-americana proponendo l'energia assoluta dello swing mescolata alla musicalità frenetica e ritmica degli anni ’50-’60. La formazione è composta da Francesco Sofia (voce), Andrea Pedroni (sax tenore), Carlo Capobianchi (tromba), Walter Fantozzi (trombone), Paolo Bernardi (pianoforte), Giordano Panizza (contrabbasso), Marco Della Torre (batteria).
Domenica 3 aprile, per celebrare il grande repertorio del Gospel, musica nata per dare energia al corpo e speranza all'anima, sarà di scena Gospel Energy, con Dimitri Espinoza Grechi al sax tenore e Paolo “Pee Wee" Durante all’organo Hammond.
Sabato 9 aprile, presentazione di Saxophones, catalogo del Museo del Saxofono con, a seguire, il concerto del Classic Jazz Quintet costituito da Attilio Berni (saxofoni), Maurizio Oriente (tromba), Alessandro Crispolti (pianoforte), Christian Antinozzi (contrabaso) e Alfredo Romeo (batteria)
Sabato 23 aprile saranno protagonisti i musicisti del Big Block City, titolo dell’ultimo lavoro di Angelo Trane & Andrea Rongioletti, totalmente composto e realizzato durante il periodo del “lockdown”. Il repertorio, che abbraccia sonorità jazz/smooth con melodie mediterranee spesso influenzate da sonorità afroamericane, sarà eseguito insieme a Letizia Liberati, voce solista.
Sabato 7 maggio la Ciribiribin Italian Swing Orchestra composta da Coky Ricciolino (voce), Andrea Tardioli (Clarinetto e Sax), Dario Pierini (Piano), Flavia Ostini (Contrabbasso), Antonio Donatone (Batteria) proporrà il concerto Do You speak Italiano, un viaggio tra melodie indimenticabili, dedicato ad artisti come Alberto Rabagliati, Bruno Martino, Natalino Otto, Fred Buscaglione, il Trio Lescano e molti altri. 
A chiudere la rassegna primaverile, sabato 21 maggio, il quartetto capitanato da Susanna Stivali con un progetto interamente dedicato all’enorme e diversificato lavoro del poeta, scrittore, autore e compositore Chico Buarque de Hollanda. La cantante, considerata una delle piu interessanti voci del panorama jazz italiano ed internazionale, si esibirà in Caro Chico accompagnata da Alessandro Gwis (pianoforte), Marco Siniscalco (basso elettrico e contrabasso) e Marco Rovinelli (batteria).

Sabato 21 maggio 2022 - Ore 21:30
CARO CHICO
Omaggio a Chico Buarque de Hollanda
Susanna Stivali voce solista; Alessandro Gwis pianoforte; Marco Siniscalco basso elettrico e contrabbasso; Marco Rovinelli batteria

La rassegna primaverile di concerti al Museo del Saxofono chiude con un omaggio ad un compositore, autore e interprete emblema della musica brasiliana: Chico Buarque de Hollanda. Ad interpretarne l'essenza sarà la voce di Susanna Stivali, la cui passione per questo grande artista, che attraversa e racconta la musica e la cultura brasiliana da oltre quarant’anni, è alla base del suo ultimo progetto discografico, pubblicato in Brasile per la prestigiosa etichetta Biscoito e uscito in Italia nel 2019 per l’Egea - Incipit. Insieme a lei, sabato 21 maggio alle ore 21:30, si esibirà un trio di eccezione formato da Alessandro Gwis al pianoforte, Marco Siniscalco al basso elettrico e contrabbasso e Marco Rovinelli alla batteria. "Omaggiare e rimaneggiare l’enorme e diversificato lavoro di Chico Buarque - afferma la cantante - significa conoscere il Brasile nelle sue espressioni più tradizionali e al tempo stesso, confrontarsi con un poeta, un compositore colto e popolare, uno scrittore, un grande autore di testi dalla poetica cangiante ed immaginifica. Il linguaggio jazzistico da cui ho deciso di partire vuole contenere e reinterpretare tutte queste anime, proponendo un nuovo modo di rileggere Chico Buarque con uno sguardo che viene da lontano". La forza del progetto, cantato tutto in italiano, è nell'incontro tra due culture musicali diverse e tra lingue diverse che si sono spesso incontrate nella musica di Chico che conosce bene ed ama la nostra cultura.  L'album, registrato tra Brasile ed Italia, conta la partecipazione di diversi musicisti provenienti da diversi stili ed esperienze musicali, tra cui Francis Hime, Jaques Morelembaum, Rita Marcotulli, Cicero e Cristina Braga, oltre alla preziosa presenza dello stesso Chico Buarque che ha voluto prendere parte a questo progetto duettando con Susanna Stivali in italiano in “Morena dagli occhi d'acqua”. La ricerca di nuove sonorità si mescola ad un'autorialità che propone testi di alta caratura poetica, con le traduzioni di alcuni grandi nomi, quali Sergio Bardotti, grande amante della cultura brasiliana e amico di Chico, Bruno Lauzi, Ivano Fossati, Vinicio Capossela e, ultimo in ordine di tempo, Max de Tomassi, che ha tradotto diversi brani appositamente per il cd. Il concerto è preceduto da un'apericena (opzionale) e l'ingresso è regolamentato dalla vigente legge anti-Covid. Biglietti in vendita sul circuito Liveticket o direttamente al Museo. 
SUSANNA STIVALI
Negli ultimi anni si è imposta come uno dei nuovi nomi del jazz italiano. Docente di Canto jazz al Conservatorio di Musica Licino Refice di Frosinone, si è specializzata con Bob Stoloff, Murk Murphy, Mily Bermejo e il Berklee College of Music di Boston. Si è esibita in importanti festival in Italia e all'estero tra i quali Umbria Jazz Winter, More Jazz Series (Mozambico), Saje Jazz Festival (Sud Africa), IncontrinJazz tra Italia e Brasile (Brasile), International Folk Music Festival e Italian Woman In Jazz (USA), Le Vallette Jazz (Malta), Crest Jazz Vocal (Francia), Villa Celimontana Jazz Festival, Lucca Summer Fest, Casa Del Jazz, Fano Jazz; Jazz for Children, Atina Jazz Festival. Collabora con Lee Konitz, Miriam Makeba, Giorgia, Chico Buarque De Hollanda, Francis Hime, Jaques Morelenbaum, Fred Hersch, Rosario Giuliani, Aaron Goldberg, Rita Marcotulli, Paolo Damiani, Gabriele Mirabassi, Salvatore Bonafede, Ramberto Ciammarughi, Luca Mannutza, Gianluca Renzi, Lorenzo Tucci, Eddy Palermo, Andy Gravish, Max Ionata, Nicola Angelucci, Stefania Tallini, Danny Grisset, Quincy Davis, Joseph Lepore, Marco Panascia. Discografia: A secret Place (Alfamusic) - Piani DiVersi (Zone Di Musica) - Caro Chico (Biscoito Fino), Going for the unknown (Jazzit Records).

Tutti i concerti (esclusi quelli di domenica 3 e sabato 9 aprile), si svolgeranno alle ore 21:30 al costo di € 15 e saranno anticipati, per chi lo desidera, da un’apericena a pagamento al costo di € 15. L'entrata del pubblico sarà disposta in base ai vigenti regolamenti ministeriali sulle norme anti-Covid. 
Biglietti in prevendita sul sito https://www.liveticket.it/museodelsaxofono  o direttamente al Museo info@museodelsaxofono.com. Ingresso concerti: € 15,00 apericena prima dei concerti (opzionale): € 15,00. Ingresso regolamentato secondo le attuali normative anti-Covid. È consigliata la prenotazione

MUSEO DEL SAXOFONO
via dei Molini snc (angolo via Reggiani), Maccarese, Fiumicino (RM)
Info su biglietti, orari, prentazioni e modalità di partecipazione al sito ufficiale: www.museodelsaxofono.com/

Il Museo del Saxofono è un’eccellenza del territorio di Fiumicino e l’unico, nel panorama internazionale, dedicato a questo strumento. Un'esposizione di stupefacenti strumenti per districarsi nelle innumerevoli trasformazioni del saxofono ed incontrare i grandi capolavori delle fabbriche Conn, Selmer, King, Buescher, Martin, Buffet, Rampone, Borgani, ecc… seguendo un connubio tra arte ed artigianalità, creatività e tradizione che dalla bottega dell'inventore Adolphe Sax giunge fino ad oggi. Questo e molto altro ancora in un autentico spazio della cultura musicale “saxy”.  Dal piccolissimo soprillo di 32cm al gigantesco contrabasso di 2mt, dal Grafton Plastic agli strumenti dell'inventore Adolphe Sax, dal mitico Conn O-Sax al Selmer CMelody di Rudy Wiedoeft, dal Jazzophone ai grandiosi Conn Artist, dai sax a coulisse ai saxorusofoni, dal tenore Selmer di Sonny Rollins all’Ophicleide e molti altri ancora….. 

Il Museo del Saxofono gode del Patrocinio di Comune di Fiumicino ed Ambasciata del Belgio. Sponsor tecnici sono Selmer Paris (Francia), Borgani (Italia), Eppelsheim (Germania), BCC Roma, International Woodwind (Usa), J'Elle Stainer (Brasile), Lyrical Music Publications, 4DRG e Narnia Festival. Suoi partner sono le Farmacie Comunali Fiumicino, Anipo (Francia), ProLoco Fregene-Maccarese e Complesso L’Oasi.
_____________________________________________________________________________________

AKAMU
Concerts from May to June 2022
 
May 16 - Porgy und Bess – Wien - Famoudou Don Moye "Percussion & Brass Express” Trio
May 16 - Teatro Asioli – Correggio - Florin Niculescu & Christian Escoudé Gipsy All Stars
May 20 - Teatro Comunale – Modena - Orchestra Creativa dell’Emilia-Romagna meets Ernst Reijseger (+ guest Rosa Brunello)
May 25 - New Morning – Paris - Hermeto Pascoal & Grupo
May 27 - Porgy und Bess – Wien - Hermeto Pascoal & Grupo
May 29 - Lithuanian National Drama Theatre – Vilnius - Anthony Braxton Saxophone Quartet feat. Andre Vida, James Fei and Chris Jonas
Jun 3 - NRW – Bonn - Roscoe Mitchell & Vagrancy Ensemble
Jun 3 - Teatro San Leonardo – Bologna - Anthony Braxton Saxophone Quartet feat. Ingrid Laubrock, James Fei and Chris Jonas
Jun 4 - NRW – Bonn - Roscoe Mitchell & Vagrancy Ensemble
Jun 5 - De Singel – Antwerp - Anthony Braxton Saxophone Quartet feat. Ingrid Laubrock, James Fei and Chris Jonas
Jun 7 - Casa del jazz – Roma - Anthony Braxton Saxophone Quartet feat. Ingrid Laubrock, James Fei and Chris Jonas
Jun 8 - Casa del jazz – Roma - Roscoe Mitchell Quintet feat. Tomeka Reid, Silvia Bolognesi, Tani Tabbal and Dudu Kouate
Jun 10 - Archa Theatre – Prague - Roscoe Mitchell Quintet feat. Tomeka Reid, Silvia Bolognesi, Tani Tabbal and Dudu Kouate
Jun 11 - TBA – Nickelsdorf - Roscoe Mitchell & Tani Tabbal
Jun 18 - Fireworks Factory – London - Roscoe Mitchell Solo + Duo with Kikanju Baku
Jun 24 - Serpentine South Galleries – London - Roscoe Mitchell Trio feat. Simon Sieger and Dudu Kouate
Jun 28 - Wigmore Hall – London - Roscoe Mitchell Trio feat. Simon Sieger and Dudu Kouate
Jun 30 - TBA – Portoroz - Elliott Sharp - Brad Jones - Andrea Centazzo
July 2 - Avditorij Portorož – Portorose - Richard Galliano New York Tango Trio
July 9  - Emilia Romagna Festival – Comacchio - Richard Galliano Solo
July 11 - Emilia Romagna Festival – Carpi - Richard Galliano Solo +++ Hermeto Pascoal & Grupo
July 13 - Teatro la Fenice – Venezia - Richard Galliano Solo – Passion Galliano +++ Hermeto Pascoal & Grupo
July 14 - TBA – Monopoli - Richard Galliano Solo
July 15 – TBA – Nereto - Hermeto Pascoal & Grupo
July 17 – Jazz on The Road – Brescia - Jaques Morelenbaum Cello Samba Trio & Paula Morelenbaum
July 18 – Albinea Jazz – Albinea - Jaques Morelenbaum Cello Samba Trio & Paula Morelenbaum
July 19 – Montalcino Jazz&Wine – Montalcino - Jaques Morelenbaum Cello Samba Trio & Paula Morelenbaum
July 20 – Padova Jazz Pedrocchi – Padova - Jaques Morelenbaum Cello Samba Trio & Paula Morelenbaum
July 21 – Sannio Music Fest – Benevento - Richard Galliano New York Tango Trio
July 22 – Montalcino Jazz&Wine – Montalcino - Richard Galliano New York Tango Trio
July 22 – Gezmataz – Genova - Jaques Morelenbaum Cello Samba Trio & Paula Morelenbaum
July 23 – Stresa Festival – Stresa - Ricardo Herz, Roberto Taufic & Gabriele Mirabassi
July 23 – Zafferana Jazz – Zafferana Etnea - Jaques Morelenbaum Cello Samba Trio & Paula Morelenbaum
July 23 - Museo Archeologico – Roma - Camilla Battaglia & Rosa Brunello
July 23 - TBA – Villach - Dudù Kouate & The Africation 4tet
July 24 – Palermo Summer Jazz Festival - Jaques Morelenbaum Cello Samba Trio & Paula Morelenbaum
July 25 – Blue Jazz e non solo – Salemi - Jaques Morelenbaum con Giovanni Ceccarelli e Daniele di Bonaventura
July 28 – Classical Beat – Travemunde - Jaques Morelenbaum & Paula Morelenbaum & Classical Beat Orchester
July 29 – Montefiore Conca - Trio Brasita (Stefania Tallini, Gabriel Grossi e Jaques Morelenbaum)
July 29 – Casa del Jazz – Roma - Yamandu Costa & Armandinho duo
July 30 – Roma - Trio Brasita (Stefania Tallini, Gabriel Grossi e Jaques Morelenbaum) 
July 30 – Villach - Silvia Bolognesi Young Shout special guest Greg Burk
Aug 2 – Corropoli - Trio Brasita (Stefania Tallini, Gabriel Grossi e Jaques Morelenbaum)
Aug 4 – Festambiente Sud – Vieste - Trio Brasita (Stefania Tallini, Gabriel Grossi e Jaques Morelenbaum)

more info on www.akamu.net
_____________________________________________________________________________________

INCOGNITO
Sei date imperdibili in Italia tra luglio e agosto per gli Incognito.

Gli Incognito sono uno tra i più importanti progetti e gruppi di acid-jazz al mondo. Nati in Inghilterra nel 1976 dalla volontà di Jean- Paul “Bluey” Maunick, sono una formazione in continuo mutamento, proprio come la loro musica. 15 album in studio in oltre 30 anni di carriera. La fluidità nelle composizioni è un elemento caratterizzante del percorso degli Incognito, tuttavia questo non ha mai pregiudicato il loro stile musicale ben definito che spazia dal soul al funk fino all'r&b. I successi dei primi anni Duemila vengono confermati nel 2010 dalla pubblicazione di Live in London: the 30th Anniversary Concert e Transatlantic R.P.M. arricchito dalle performance di artisti come Chaka Khan e Mario Biondi. Nel 2012 gli Incognito pubblicano “Surreal”, seguito da “Amplified Soul” (2014), “In Search of Better Days” (2016) e dal loro ultimo lavoro “Tomorrow’s New Dream” (2019), come sempre un album di immersione nell’acid jazz e con i contributi di numerosi musicisti e cantanti. Radio Monte Carlo è la radio ufficiale del tour italiano degli Incognito.

8 luglio 
Giugliano (NA) / Livingston at Lido Varca D’Oro
9 luglio 
Trieste - Trieste Estate / Castello di San Giusto
10 luglio 
Rimini – Corte degli Agostiniani / Percuotere la Mente
12 luglio 
Perugia - Umbria Jazz / Arena Santa Giuliana
13 luglio
Pescara – Pescara Jazz / Teatro D’Annunzio
12 agosto 
Cabras (OR) – Piazza Stagno / Dromos Festival
____________________________________________________________________________________

OMAR SOSA
Spring-Summer Touring 2022

May 13
Brescia, Italy
Brixia Forum
Omar Sosa & Paolo Fresu

May 14
Cremona, Italy
Auditorium Arvedi
Omar Sosa & Paolo Fresu

June 3
Dresden, Germany
Dresdner Musikfestspiele
AGUAS Trio, featuring
Omar Sosa, piano; Yilian Cañizares, violin, vocals; Gustavo Ovalles, percussion
 
June 4
Vincennes, France
Auditorium Jean-Pierre Micquel
Omar Sosa & Yilian Cañizares 
AGUAS Trio, featuring Gustavo Ovalles, percussion

June 11
Brussels, Belgium
Bozar
SUBA Trio, featuring
Omar Sosa, piano; Seckou Keita, kora, vocals; Gustavo Ovalles, percussion

June 15
Poznan, Poland
Enter Enea Music Festival
Omar Sosa & Marialy Pacheco

June 23
Bremen, Germany
Sendesaal Bremen
Omar Sosa & Marialy Pacheco

June 25
Timmendorfer Strand
JazzBaltica
Omar Sosa & Marialy Pacheco

July 7
Heidenheim, Germany
Opern Festspiele
Donnerstag
Jazzgala 'Es:sensual', featuring
Omar Sosa, piano; NDR Bigband

July 8
Rome, Italy
Casa del Jazz
I Concerti nel Parco
Omar Sosa & Marialy Pacheco

July 10
Bad Zwischenahn, Germany
Park der Gärten
Omar Sosa & NDR Bigband

July 15
Cervo, Italy
Omar Sosa & Ernesttico

July 16
Canelli, Italy
Omar Sosa & Ernesttico

July 18
Reggio Emilia, Italy
Festival Mundus
Chiostri di San Pietro
Omar Sosa & Ernesttico

July 23
Tricase, Italy
Omar Sosa & Seckou Keita
SUBA Trio, featuring
Gustavo Ovalles, percussion

July 24
Selva di Fasano, Italy
Bari in Jazz
Minareto
Omar Sosa & Seckou Keita
SUBA Trio, featuring
Gustavo Ovalles, percussion

July 27
Travemünde, Germany
Classical Beat
Omar Sosa & Joo Kraus, featuring
Classical Beat Orchestra

August 2
Sète, France
Fiest'a Sète
SUBA Trio, featuring
Omar Sosa, piano; Seckou Keita, kora, vocals; Gustavo Ovalles, percussion

 August 6 & 7
Napa, California
Blue Note Napa
Quarteto Americanos, featuring
Josh Jones, drums; Sheldon Brown, saxophones; Ernesto Mazar Kindelán, bass

August 13
San Jose, California
San Jose Jazz Summer Fest
Quarteto Americanos, featuring
Josh Jones, drums; Sheldon Brown, saxophones; Ernesto Mazar Kindelán, bass

August 19
Würselen, Germany
Burg Wilhelmstein
Omar Sosa & Marialy Pacheco

August 26
Bran, Romania
Jazz at Bran Castle
Omar Sosa & Ernesttico

August 27
Elmau, Germany
Schloß Elmau
Omar Sosa & Marialy Pacheco

August 31
Mecklenburg-Vorpommern, Germany
Festspiele
Omar Sosa & NDR Bigband

September 2
Eutiner, Germany
Eutiner Festspiele
Omar Sosa & NDR Bigband

September 16-18
New York, New York
Dizzy's Club
Jazz at Lincoln Center
Omar Sosa Quarteto Americanos

September 21
Madison, Wisconsin
Capitol Theater
Overture Center for the Arts
Quarteto Americanos, featuring
Josh Jones, drums
Sheldon Brown, saxophones
Ernesto Mazar Kindelán, bass

September 22-25
Chicago, Illinois
Jazz Showcase
Omar Sosa Quarteto Americanos

Complete tour details:
_____________________________________________________________________________________

GoGo PENGUIN

29 LUGLIO
FANO (PU) – FANO JAZZ

30 LUGLIO
ROMA – CASA DEL JAZZ

31 LUGLIO
FOLLONICA (GR) - ARENA LE FERRIERE

Tornano finalmente in Italia i GoGo Penguin, tre date speciali per il trio di Manchester ormai acclamato a livello internazionale. I GoGo Penguin sono tre elettrizzanti musicisti dal vivo, compositori di colonne sonore innovative, capaci di miscelare musica elettronica, influenze minimaliste,  jazz e rock.  Un insieme che pulsa e scorre per le piste da ballo, ma anche attraverso l'apertura a mondi interiori meditativi, trasportando l'ascoltatore in nuove dimensioni. Il 2022 segna il debutto in tournée dell'ultimo membro della band, il batterista Jon Scott, che aggiunge il suo stile unico e propulsivo alla musica esaltante del trio di Manchester. I GoGo Penguin sono: Chris Illingworth, pianoforte, Nick Blacka, basso e Jon Scott alla batteria, oltre alla produzione sonora di Joe Reiser.
I GoGo Penguin, formatisi a Manchester nel 2012, sono un gruppo composto dagli inglesi Chris Illingworth (piano), Nick Blacka (Basso) e Jon Scott (batteria). Il loro stile, un mix di elettronica, hip hop, musica classica, rock e jazz, li ha portati ad essere identificati dal pubblico internazionale come i “Radiohead del British Jazz”. Il gruppo inizia la sua carriera con l’album Fanfares del 2012, seguito subito da v2.0, entrambi per la Godwana Records. Quest’ultimo viene nominato per il Premio Mercury come miglior album britannico dell’anno. L’anno successivo i GoGo Penguin firmano un contratto con la Blue Note Records, per la quale pubblicano nel 2016 Man Made Object. Il disco mostra l’anima musicale del gruppo: l’elettronica si unisce alle influenze rock e minimaliste, per creare una musica incisiva ma estremamente sperimentale. Due anni dopo, nel 2018, pubblicano A Humdrum Star, album che ancora una volta definisce lo stile del gruppo in cui il jazz rimane l’elemento fondante senza tuttavia rinunciare alla componente di improvvisazione e innovazione dei GoGo Penguin. Il trio inglese affascina anche il pubblico italiano in un concerto tenuto al Locus Festival di Locorotondo (BA) nello stesso anno. Nel 2019 il gruppo pubblica l’EP Ocean in a Drop, seguito subito dall’album GoGo Penguin. Nel maggio 2021 pubblicano GGP/RMX, una brillante e vivida riedizione del loro ultimo GoGo Penguin con contributi di rinomati artisti internazionali come Cornelius, Machinedrum, Yosi Horikawa, Rone, Nathan Fake, 808 State, James Holden, Shunya, Clark, Portico Quartet e Squarepusher.
_____________________________________________________________________________________

DURAND JONES & THE INDICATIONS
per la prima volta in Italia 
Domenica 11 settembre
Milano, Santeria – Viale Toscana, 31

Bass Culture porta in Italia in prima assoluta la band americana, originaria di Bloomington, Indiana, “Durand Jones & The Indications”.  La band è una delle realtà più importanti della nuova scena soul americana, e vanta tra le sue fila artisti di altissimo livello: il leader e cantante Durand Jones, il batterista e cantante Aaron Frazer, il chitarrista Blake Rhein, il tastierista Steve Okonski e il bassista Mike Montgomery. L’unica tappa in Italia è in programma domenica 11 settembre al Santeria di Milano. Per l’occasione Durand Jones & The Indication presenteranno il terzo lavoro discografico “Private Space” pubblicato il 30 luglio 2021 da Dead Oceans: un disco soul moderno di 10 tracce, con all’interno una giusta dose di funk suonata in chiave jazz e con accenni di disco e house music.
L’ascesa della band è stata decisamente rapida: da un seminterrato dell’Indiana, dove, ancora studenti universitari, hanno registrato il loro omonimo primo nel 2016, passando alla ribalta su palcoscenici internazionali in pochissimo tempo. Dopo il secondo album American Love Call, la band ha iniziato ad attirare una certa attenzione grazie ai loro shows coinvolgenti. Brani senza tempo come “Witchoo”, “The Way That I Do” e “Sea of Love” evocano allo stesso modo la disco music e il groove pop funk di Idris Muhammad e Raphael Saadiq, Pete Rock e DJ Premier.  Se da un lato “Private Space” è un allontanamento intenzionale dalle radici del funk e soul degli anni ’60, dall’altro la sua atmosfera esplosiva rimane fedele alle origini e ai gusti della band. “C’è molto del DNA originale della band, ma non solo” – dice Blake Rhein – “Le cose che mi entusiasmano di più sono l’insieme di generi e influenze, anche retrò, affiancate a convenzioni decisamente pop e più moderne”. "Il suono di “Private Space” non è un caso" aggiunge Aaron Frazer “Stiamo effettivamente mostrando più lati di noi stessi, uno sguardo più profondo e ampio su chi siamo, sia come musicisti che come fan della musica”. Il loro nuovo progetto discografico si appoggia alla speranza, fondendosi attorno all’idea che la gioia possa renderci liberi. “Voglio che chi ci ascolta sappia che dai momenti davvero difficili può nascere qualcosa di bello” – dice Durand, che proclama in “Love Will Work It Out” che “tutte le persone tristi mi hanno fatto cadere in ginocchio/tutto quello che potevo fare era piangere e gridare/sapevo che dovevo fidarmi della fede e che l’amore avrebbe funzionato”. La band ha diffuso in ogni brano pensieri pieni di sentimenti profondi e, mentre il mondo si sta lentamente riprendendo dal caos degli ultimi anni, “Private Space” sembra arrivare nel momento giusto.

Biglietti disponibili  su Dice e Ticketone