Festival Jazz

I principali festival jazz in Italia...

ACCADEMIA FESTIVAL ... IN JAZZ 2019
DAL 28 AL 30 GIUGNO

Da venerdì 28 a domenica 30 giugno torna, per la quarta edizione, Accademia Festival ... in Jazz, una rassegna di musica Jazz che si completa con delle Masterclass organizzata grazie all'Accademia Musicale Romana e al comune di Saracinesco. L'evento è ospitato nel comune di Saracinesco, caratteristico paese alle porte di Roma, che per il quarto anno consecutivo vedrà la presenza di jazzisti di livello internazionale che terranno concerti e, come negli anni precedenti, Masterclass rivolte a tutti i giovani musicisti che vogliono perfezionare la propria preparazione. Un'occasione per ascoltare del buon Jazz, godere della piacevole frescura e approfondire il proprio sapere con importanti Maestri.  La direzione artistica è affidata a Gabriele Buonasorte e Giuseppe Martone, artisti ed organizzatori di grande preparazione ed esperienza.

Venerdì 28
Francesco Bearzatti 
"Roman Promenade"
Francesco Bearzatti // sassofono; Marco Siniscalco // basso; Alessandro Marzi // batteria

Sabato 29
Trio Principato - Negri - Marzi
Pierpaolo Principato // pianoforte; Mauro Negri // sassofono - clarinetto; Alessandro Marzi // batteria

Domenica 30
Esibizione degli allievi dei laboratori di musica d'insieme a seguire concerto di presentazione del nuovo album di
Gabriele Buonasorte // Time Lapse
"The Taste of a 2nd Life"
Gabriele Buonasorte -// sassofono; John B. Arnold // batteria; Gabriele Lazzarotti // basso; Pierpaolo Principato // pianoforte.

I concerti inizieranno alle 21:15, si terranno presso il Centro Polivalente e saranno tutti ad ingresso gratuito.

MASTERCLASS

28 giugno
Francesco Bearzatti: tecniche di Improvvisazione - fiati - musica d'insieme
Marco Siniscalco: basso - musica d'Insieme
Alessandro Marzi: batteria - musica d'insieme

29 giugno
Francesco Bearzatti: tecniche di Improvvisazione - fiati - musica d'insieme
Alessandro Marzi: batteria - musica d'insieme
Mauro Negri: tecniche di improvvisazione - fiati - musica d'insieme
Pierpaolo Principato: tecniche di improvvisazione - pianoforte - musica d'insieme

30 giugno
Mauro Negri: tecniche di improvvisazione - fiati - musica d'insieme
Pierpaolo Principato: tecniche di improvvisazione - pianoforte - musica d'insieme
John B. Arnold: batteria - musica d'insieme

Per info: +39 339 8787299 // info@accademiamusicaleromana.it
_________________________________________________________________________________


Musica, danza, teatro, cabaret e reading: al via domenica 19 maggio a Olgiate Olona (Va) la decima edizione di 
JAZZaltro 
con un evento speciale dedicato alla pace, le poesie di Paolo Fresu, il jazz degli ARS3 e molto altro

Compie dieci anni JAZZaltro, manifestazione che dal 2010 a oggi ha proposto lungo l’asse della S.S. Sempione e del fiume Olona, tra la provincia di Varese e quella di Milano, una serie di appuntamenti ed eventi legati alle musiche del mondo, “aprendosi” sempre più spesso ad altre forme espressive e artistiche, dalla danza al teatro, dalla scultura alla fotografia. Con la partecipazione di 700 musicisti (molti dei quali di levatura internazionale), 130 tra formazioni e gruppi (provenienti da ogni angolo del mondo), una cinquantina di danzatori e una presenza di cura 65.000 spettatori, JAZZaltro è cresciuta nel tempo, consolidandosi anno dopo anno. Per la nuova edizione, al via domenica 19 maggio al Cinema Teatro Area 101 di Olgiate Olona (ore 10.15; ingresso a offerta libera), i responsabili della manifestazione hanno organizzato un evento speciale nel segno della musica, della poesia, della danza, del cabaret e del teatro dal forte carattere simbolico, il cui filo conduttore è la pace o, meglio, la convivenza pacifica tra i popoli. Di altissimo profilo gli artisti coinvolti: Paolo Fresu presenterà il suo ultimo libro, intitolato “Poesie jazz per cuori curiosi” (editore Rizzoli), sperimentando il linguaggio della parola, tra piccole prose e poesie, come strumento di creatività. In un percorso per associazioni di idee, Fresu esplora le grandi domande sulla libertà e la vera funzione dell’arte, si sofferma sulle suggestioni nate dal quotidiano e dai suoi viaggi, riflette sulla diversità e sull’accoglienza, gioca con gli uccelli e con i colori, si abbandona ai voli della mente per tornare infine alle radici dell’amata Sardegna. Alcune di queste poesie verranno lette dalle attrici Eugenia Marcolli e Sara Pennacchio. Dalla poesia al cabaret con Norberto Midani, attore e comico di razza, che nel corso della sua carriera ha collaborato con le migliori figure del teatro italiano (Giorgio Strehler, Tino Buazzelli, Dario Fo, Paolo Panelli, Bice Valori ed Eduardo De Filippo). Spazio, poi, al reading con la voce solista di Sergio Chillè, che commenterà un testo di Don Milani, e al teatro con lo spettacolo “IO”, a cura di un gruppo di 30 artisti disabili, protagonisti di una pièce intensa e toccante. Per quanto riguarda la musica, sul palco del Cinema Teatro Area 101 salirà prima il cantautore Luigi Maione e, poi, i musicisti Ermanno Librasi (sax soprano, duduk, furulya, clarinetto basso, ewi), Emanuele Le Pera (voce, percussioni afrocaraibiche) e la danzatrice Laura Zahira, che presenteranno un estratto del loro spettacolo in cui le musiche originali si intrecciano con la tradizione africana e con quella mediorientale, nel segno di una coinvolgente contaminazione. A seguire, il trio jazz ARS3 (composto da Mauro Grossi al pianoforte, Attilio Zanchi al contrabbasso e Marco Castiglioni alla batteria), una delle formazioni più interessanti della scena italiana, presenterà il disco “Promemoria”, i cui brani sono ispirati a canzoni icone di pace come “Il Disertore” di Boris Vian, “Poca voglia di fare il soldato” di Ivano Fossati, “Master of War” di Bob Dylan e altre. Un disco che ha fatto scalpore e che ha visto la presenza di ospiti importanti, tra i quali spiccano Sheila Jordan e il compianto Gianmaria Testa. Infine, gli spettatori che lo desidereranno potranno pranzare (su prenotazione) con il cast artistico. Durante il pranzo interverrà in acustico la Balcon Band, la formazione di matrice folk più seguita nell’area del Varesotto. L’evento inaugurale di JAZZaltro è realizzato con il patrocinio dei Comuni di Olgiate Olona e Fagnano Olona e con la collaborazione di Rete dei Popoli, network che raggruppa più di una ventina di associazioni del territorio che affrontano insieme l’emergenza del razzismo e che si impegnano a favore dell’accoglienza. JAZZaltro continuerà con tanti appuntamenti fino alla fine di settembre, con ospiti illustri, iniziative speciali e la presenza di grandi nomi del panorama internazionale. Imperdibile, per esempio, è l’evento in programma domenica 26 maggio, sempre all’Area 101 di Olgiate Olona quando si esibirà il quartetto “all stars” composto dal pianista Enrico Pieranunzi (tra i jazzisti italiani più apprezzati nel mondo), il vibrafonista Andrea Dulbecco, il contrabbassista Luca Bulgarelli e il batterista André “Dédé” Ceccarelli, tra i più importanti a livello europeo. I quattro musicisti presenteranno il loro ultimo progetto, ispirato alla figura di Michel Legrand, il grande compositore, arrangiatore e pianista francese recentemente scomparso. Special guest della serata sarà la cantante Simona Severini. Da segnalare, inoltre, il superquartetto newyorkese guidato dal batterista Jochen Rueckert (in scena sabato 13 luglio al Maga di Gallarate), il quintetto del sassofonista Jacopo Jacopetti, “impreziosito” dalla presenza della cantante brasiliana Heloisa Laurenço (giovedì 18 luglio a Busto Arsizio), e il trio Azul (Fausto Beccalossi alla fisarmonica, Oscar Del Barba al pianoforte e Attilio Zanchi al contrabbasso) che chiuderà la decima edizione sabato 28 settembre ad Olgiate Olona.

JAZZaltro – Da domenica 19 maggio a sabato 28 settembre
Il programma della decima edizione


Sabato 6 luglio
Gallarate
MaGa, via Egidio De Magri 1, ore 21, ingresso libero
Flamencontamina
Ritmo, passione e calore: spazio ai Flamencontamina, sabato 6 luglio, per il quinto appuntamento di JAZZaltro, la rassegna che da dieci anni porta i suoni del mondo lungo l’asse della S.S. Sempione e del fiume Olona, tra la provincia di Varese e quella di Milano. L’appuntamento è al museo Maga di Gallarate (Va) alle ore 21 (ingresso libero; in caso di maltempo, il concerto avrà luogo all’interno della struttura). Nata nel 2017 da un progetto di Mario Caccia (basso) e Roberto Talamona (chitarra flamenco), questa formazione è completata da Lautaro Acosta (violino), Toti Canzoneri (flauto traverso), Francesco Perrotta (cajon e percussioni) e Pierfrancesco Tarantino (batteria e percussioni) e mescola il flamenco, il tango, il jazz, il samba e la fusion. Il risultato? Una contaminazione, appunto, che rivisita il folklore gitano in modo originale e accattivante. La sonorità del gruppo si ispira a una matrice di tipo ispanico caratterizzata dall’uso della chitarra flamenca e del basso elettrico, affiancati da flauto, violino e percussioni: strumenti impiegati, di solito, in generi musicali tra loro distanti, ma che sono comuni nella musica mediterranea e in quella latina.  Il repertorio è fatto di composizioni originali e rivisitazioni di brani celebri di artisti quali Chick Corea, Astor Piazzolla, Paco de Lucia, Vicente Amigo, Hermeto Pascoal ma non solo e lascia spazio a momenti di improvvisazione e di virtuosismo lirico.  In occasione del concerto di sabato 6 luglio è prevista, inoltre, l’esibizione della danzatrice Ester Bucci.
JAZZaltro proseguirà fino alla fine di settembre: da segnalare, tra i tanti appuntamenti in agenda, il concerto del superquartetto newyorkese guidato dal batterista Jochen Rueckert (sabato 13 luglio sempre al Maga di Gallarate), il live del quintetto del sassofonista Jacopo Jacopetti, “impreziosito” dalla presenza della cantante brasiliana Heloisa Laurenço (giovedì 18 luglio a Busto Arsizio), e l’esibizione del trio Azul (Fausto Beccalossi alla fisarmonica, Oscar Del Barba al pianoforte e Attilio Zanchi al contrabbasso) che chiuderà la decima edizione della rassegna sabato 28 settembre ad Olgiate Olona.

Venerdì 12 luglio
Castellanza
Giardini retro Municipio, viale Rimembranze 4, contest ore 18, concerto ore 21, ingresso libero 
NATALIO MANGALAVITE & MONICA DEMURU
Natalio Mangalavite (tastiere e voce) & Adel Naim (beatbox); Monica Demuru (voce); Carlos “el tero” Buschini (basso)

Sabato 13 luglio
Gallarate
Museo Maga, via Egidio De Magri 1, ore 21, ingresso libero
Jochen Rueckert quartet feat. Chris Cheek 
Jochen Rueckert (batteria); Mike Moreno (chitarra); Matt Penman (contrabbasso); Chris Cheek (sax)

Giovedì 18 luglio
Busto Arsizio
Palazzo Gilardoni, via Fratelli d’Italia 12, ore 21, ingresso libero
Jacopo Jacopetti quintet feat. Heloisa Laurenço 
Heloisa Laurenço (voce); Jacopo Jacopetti (sax); Marco Ponchiroli (pianoforte); Paolo Andriolo (basso); Enzo Zirilli (batteria)

Sabato 20 luglio
Fagnano Olona
Approdo Calipolis, via C. Colombo 80 - Valle Olona, ore 21, ingresso libero
Baro Drom Orkestra
Vieri Bugli (violino); Modestino Musico (fisarmonica); Michele Staino (contrabbasso); Gabriele Pozzolini (batteria, tamburelli)

Giovedì 31 agosto
Gorla Maggiore
Palazzo dell’Assunta, piazza Martiri della Libertà, ore 21, ingresso 5-8-10 euro
Quartetto SE.GO.VI.O.
Salvatore Seminara (chitarra); Stefano Gori (flauto); Paolo Vignani (fisarmonica); Gabriele Oglina (clarinetto)

Sabato 28 settembre
Olgiate Olona
MO.OM Hotel, via San Francesco 15, ore 21, ingresso 10-15 euro
Azul
Oscar Del Barba (pianoforte); Fausto Beccalossi (fisarmonica); Attilio Zanchi (contrabbasso)

_________________________________________________________________________________


BRAIN ZONE FESTIVAL
III° Edizione
4-7 luglio 2019
Brenzone sul Garda (VR)


NOTTI MAGICHE AL CAMPO
XXIV° Edizione
9-10 agosto 2019
Campo di Brenzone (VR)

Brenzone sul Garda (VR) è pronto per un’altra estate di musica dal vivo, grazie a due manifestazioni capaci di far confluire sulla sponda del lago di Garda nomi di punta del cantautorato e del jazz nazionale, con le orecchie aperte anche sulla black music, il funk, i suoni etnici e la sperimentazione. Il primo appuntamento sarà con il Brain Zone Music Festival dal 4 al 7 luglio: una vera e propria maratona musicale, quattro giornate con musica dal vivo a ogni ora del giorno in innumerevoli location e anche in forma itinerante. Spicca la presenza di Raphael Gualazzi, che si esibirà in co-leadership con Mauro Ottolini in un inedito trio creato appositamente per il concerto di Brenzone. Tutti i concerti del Brain Zone Music Festival sono a ingresso gratuito. In agosto arriverà poi la ventiquattresima edizione di Notti Magiche a Campo. Le sere del 9 e 10 agosto, canzone d’autore e jazz si troveranno fianco a fianco nella scenografia naturale di Campo di Brenzone, con le significative presenze di Fabio Concato e di “Storyville Story”, co-diretto da Mauro Ottolini e Fabrizio Bosso. Brain Zone Music Festival è organizzato dal Comune di Brenzone sul Garda, l’Associazione Pro Loco Brenzone, il CTG Brenzone, la Funivia Malcesine Monte Baldo. Notti Magiche a Campo è a cura esclusivamente del CTG Brenzone. Il Brain Zone Music Festival dal 4 al 7 luglio suonerà in tutte le frazioni di Brenzone sul Garda, con un programma musicale distribuito nei luoghi più caratteristici: spiagge, strade, piazzette, trasformate in teatri all’aperto. Si farà anche musica in movimento, con spettacoli itineranti per le strade e anche sulle barche lungo le coste del lago. Nella giornata inaugurale del festival, giovedì 4 luglio, in piazza San Niccolò (Assenza di Brenzone sul Garda) si potrà ascoltare una serie di esibizioni non stop: Laurelight, Miss Cekka Lou & Professor PeeWee, i Contrada Lorì e i Bayou Moonshiners. Con una esibizione in sax solo di Francesco Bearzatti dedicata a Duke Ellington, prendono il via anche i concerti che si terranno ogni giorno presso il Museo Etnografico “Madre Maria Domenica Mantovani” a Castelletto di Brenzone: una specie di festival nel festival, tanto da meritarsi un titolo tutto suo, "Avant-Gard-a", a sottolineare lo spirito innovativo e sperimentale della musica, in stretta connessione col territorio. Questa appendice del festival prevede l’apertura, ogni giorno dalle 19 alle 22, del museo di Castelletto di Brenzone, che ospiterà la mostra fotografica “Rayografie” con gli scatti di Renzo Bertasi. I concerti di venerdì 5 prenderanno il via nel pomeriggio sul porto di Castelletto di Brenzone con la “Piano Story” del trio di Federico De Vittor e poi con Laurelight. La sera, oltre all’itinerante Magicaboola Brass Band, si ascolteranno Miss Cekka Lou & Professor PeeWee (piazzetta Olivo, Castelletto di Brenzone), l’omaggio a Etta James della cantante Stephanie Ocean Ghizzoni (Piazza M.M.D. Mantovani, Castelletto di Brenzone), mentre “Interiors” del polistrumentista Valerio Corzani aggiungerà un tassello di originalità per “Avant-Gard-a” al museo di Castelletto di Brenzone. Sabato 6, riflettori puntati su Mauro Ottolini, che proporrà il suo progetto “Sea Shell”, in cui gli strumenti principali sono le conchiglie (Spiaggia Acquafresca, vicino al Circolo nautico Acquafresca). Per l’occasione, alla band di Ottolini si uniranno Valerio Corzani di Radio RAI e l’Orchestra “Mosaika” diretta da Marco Pasetto, dando vita a una policroma formazione di oltre 20 elementi. Gli altri live della giornata vedranno impegnati l’itinerante Magicaboola e la cantante e polistrumentista Eloisa Atti in solo per la sezione “Avant-Gard-a” al museo di Castelletto di Brenzone. A Porto di Brenzone si ascolteranno invece il trio del pianista Federico De Vittor con l’aggiunta della voce di Stephanie Ocean Ghizzoni, Laurelight e l’omaggio a Billie Holiday del quartetto della cantante Vanessa Tagliabue Yorke. Alle ore 23:30 (Spiaggia Acquafresca) una festosa Jam Session coinvolgerà tutti i musicisti del festival. “Raphael Gualazzi sings, Mauro Ottolini swings” è il concerto più atteso di domenica 7, oltre che dell’intero Brain Zone Music Festival: i due artisti si uniranno per suonare insieme alcuni dei più famosi brani del repertorio jazz e blues (Piazza Ferrari, Magugnano). Sarà una giornata finale con musica senza sosta: dalle 7 del mattino, con un solo della violinista Laura Masotto (Garden Hotel Du Lac, Porto di Brenzone), alla Jam Session di mezzanotte con tutti i musicisti del festival (Piazza Ferrari, Magugnano). Tra questi estremi cronologici, in Piazza M.M.D. Mantovani (Castelletto di Brenzone) si esibiranno la Banda di Castelletto e i Bayou Moonshiners; sulla Spiaggia Acquafresca Eloisa Atti e ancora i Bayou Moonshiners; sul porto di Castelletto di Brenzone il quartetto della cantante Claudia Bidoli; al Museo di Castelletto di Brenzone, per “Avant-Gard-a”, gli OoopopoiooO, ovvero gli avveniristici e giocosi Vincenzo Vasi e Valeria Sturba. La Magicaboola suonerà assieme a Ottolini in un concerto in barca e itinerante (con tanto di cerimonia di benedizione delle barche) e poi ancora in Piazza Ferrari a Magugnano. Notti Magiche a Campo si terrà nelle sere del 9 e 10 agosto, una collocazione di calendario ormai classica: quella delle notti delle stelle cadenti di San Lorenzo. Un’occasione musicale-astronomica esaltata dalla suggestiva scenografia offerta dall’antico borgo medievale semi-abbandonato di Campo di Brenzone: un angolo di natura fuori dal tempo al quale si accede solo a piedi, per un ascolto musicale in sintonia con l’ambiente. L’edizione 2019 allunga ulteriormente il già lungo elenco di grandi protagonisti della musica italiana che si sono esibiti a Campo in passato. Venerdì 9 agosto, Fabio Concato ripercorrerà i principali successi della sua più che quarantennale carriera, aggiungendovi le canzoni del suo album Tutto qua, assieme agli stessi musicisti che hanno preso parte alla realizzazione del disco. Sabato 10 agosto si ascolterà il nuovo progetto “Storyville Story”, con due dei più brillanti ottoni nazionali, il trombone di Mauro Ottolini e la tromba di Fabrizio Bosso, che si avventureranno su un terreno congeniale a entrambi: un viaggio musicale alla scoperta del jazz primigenio di New Orleans.

PROGRAMMA

Brain Zone Music Festival

giovedì 4 luglio
Castelletto di Brenzone, Museo Etnografico “Madre Maria Domenica Mantovani”
“Avant-Gard-a”
ore 18: inaugurazione mostra “Rayografie” di Renzo Bertasi
(orari mostra: dal 4 al 7 luglio, ore 19-22)
ore 18:30: FRANCESCO BEARZATTI solo
“Duke Ellington Sound of Love”
Francesco Bearzatti (sax)
Assenza di Brenzone sul Garda, Piazza San Niccolò
ore 20: Laurelight
Laurelight (voce, chitarra)
ore 21: Miss Cekka Lou & Professor Pee Wee
Alessandra Cecala (contrabbasso, voce), Pee Wee Durante (pianoforte, tastiere, voce)
ore 22: Contrada Lorì
“Cicole Ciacole”
Federico De Vittor (pianoforte, vibrandoneon, voce), Francesco Scardoni (voce), Massimo Florio (fisarmonica, voce), Roberto Nicolino (contrabbasso, voce), Paolo Marocchio (chitarre, mandolino, voce), Andrea Trevisan (chitarra, voce), Ester Wegher (violino, voce), Turopero (composizioni, violoncello)
ore 23:15: Bayou Moonshiners
Stephanie Ocean Ghizzoni (voce, rullante, washboard, percussioni), Max Lazzarin (voce, pianoforte, gran cassa)

venerdì 5 luglio
Castelletto di Brenzone, porto
ore 18:30: Piano Story
Federico De Vittor (pianoforte), Giulio Corini (contrabbasso), Marco Soldà (batteria)
ore 19:30: Laurelight
Castelletto di Brenzone, piazzetta Olivo, ore 20
Miss Cekka Lou & Professor Pee Wee
concerto itinerante, ore 20:30
Magicaboola Brass Band
Castelletto di Brenzone, Museo Etnografico “Madre Maria Domenica Mantovani”, ore 21
“Avant-Gard-a”
VALERIO CORZANI
“Interiors” 
Valerio Corzani (voce, basso semiacustico, basso tinozza, percussioni, laptop e Iphone), Erica Scherl (violino, tastiera, effetti, looper)
Castelletto di Brenzone, Piazza M.M.D. Mantovani, ore 22:30
“Etta James Tribute
Stephanie Ocean Ghizzoni (voce), Dan Martinazzi (chitarra), Filippo Bricolo (organo Hammond), Andrea Pimazzoni (sax tenore), Barry Robinson (basso), Lele Zamperini (batteria), Beatrice Bertozzo, Chiara Dal Molin (cori)
a seguire Jam Session con gli artisti del festival

sabato 6 luglio
concerto itinerante, ore 10:30
Magicaboola Brass Band
Spiaggia Acquafresca (vicino Circolo nautico Acquafresca), ore 17:30
MAURO OTTOLINI “Sea Shell”
con Orchestra “Mosaika” diretta da Marco Pasetto
special guest Valerio Corzani di Radio RAI
Mauro Ottolini (conchiglie, trombone, strumenti fatti con le zucche), Antonio Njgen Coatti (conchiglie), Vincenzo Vasi (flauto a naso, theremin, giocattoli sonori, lattine, bicchieri, materiale plastico, rifiuti sonori), Giulio Corini (contrabbasso), Simone Padovani (percussioni), Maurilio Balzanelli (percussioni, materiale percosso, percussioni ad acqua); Orchestra “Mosaika”: Chiara Merci, Maria Rosa Marchi, Denise Dimè (voce), Samar Oukazi (voce, percussioni), Anna Pasetto (violino), Claudio Bizzo (sax tenore), Mezuru Takahishe (tromba), Renzo Segala (clarinetto basso), Chiara Vantini (chitarra), Carlos Cuesta (basso), Rey Manè (chitarra), Anna Nicotra (tastiera), Diane Peters (arpa), Ernesto Nanque Da Silva (tina, djembe, batteria, voce), Marco Pasetto (clarinetto, direzione)
Porto di Brenzone sul Garda, ore 19
Piano Story & Stephanie Ocean Ghizzoni
Federico De Vittor (pianoforte), Giulio Corini (contrabbasso), Marco Soldà (batteria)
special guest Stephanie Ocean Ghizzoni (voce)
Castelletto di Brenzone, Museo Etnografico “Madre Maria Domenica Mantovani”, ore 21
“Avant-Gard-a”
ELOISA ATTI
“Walking the Edge”
Eloisa Atti (voce, ukulele, concertina)
Porto di Brenzone sul Garda
ore 21: Laurelight
ore 22:15: VANESSA TAGLIABUE YORKE
“Night for Lady Day”
Vanessa Tagliabue Yorke (voce), Paolo Birro (pianoforte), Salvatore Maiore (contrabbasso), Paolo Mappa (batteria)
Spiaggia Acquafresca (vicino Circolo nautico Acquafresca), ore 23:30
Jam Session con i musicisti del Festival (Magicaboola, Bayou Moonshiners, Sea Shell, Orchestra “Mosaika”, OoopopoiooO e altri)
FESTA IN SPIAGGIA (in caso di maltempo si suona nel club “El Barchet” di fronte alla spiaggia)

domenica 7 luglio
Porto di Brenzone sul Garda, Garden Hotel Du Lac, ore 07
Laura Masotto
“Fireflies” 
Laura Masotto (violino)
Castelletto di Brenzone, Piazza M.M.D. Mantovani
ore 10: Banda di Castelletto
+ cerimonia benedizione delle barche
concerto sulla barca e itinerante con Magicaboola Brass Band & Mauro Ottolini
ore 12: Bayou Moonshiners
Spiaggia Acquafresca (vicino Circolo nautico Acquafresca)
ore 17:30: ELOISA ATTI 
“Walking the Edge”
ore 18:30: Bayou Moonshiners
Castelletto di Brenzone, porto, ore 19
Claudia Bidoli “Feira Lusa”
Claudia Bidoli (voce), Claudio Moro (chitarra classica), Thomas Sinigaglia (fisarmonica), Enrico Terragnoli (basso acustico-percussivo)
Castelletto di Brenzone, Museo Etnografico “Madre Maria Domenica Mantovani”, ore 21
“Avant-Gard-a”
VINCENZO VASI & VALERIA STURBA “OOOPOPOIOOO”
“Elettromagnetismo e libertà”
Vincenzo Vasi (voce, theremin, basso elettrico, percussioni, scatole di cartone, sedie e tavoli, giocattoli, tres, chitarra elettrica, ukulele, Yamaha QY10, tastierine giocattolo, oggetti e cianfrusaglie, barattoli di tisane, batteria),

Valeria Sturba (voce, theremin, violino elettrico, violino acustico, giocattoli, rosario elettronico, chitarra elettrica, monotron, Yamaha QY10, tastierine giocattolo, oggetti e cianfrusaglie, barattoli di tisane)

Magugnano, Piazza Ferrari
ore 21:30: Magicaboola Brass Band (presenta Valerio Corzani di Radio RAI)
ore 22:30: “RAPHAEL GUALAZZI sings, MAURO OTTOLINI swings
Raphael Gualazzi (pianoforte, voce), Mauro Ottolini (sousaphone, trombone), Gianluca Nanni (batteria)
a seguire ore 24: Jam Session con i musicisti del Festival (Magicaboola, Bayou Moonshiners, OoopopoiooO, Laurelight, “Feira Lusa” e altri)

Notti Magiche a Campo

venerdì 9 agosto
Campo di Brenzone, ore 21:30
FABIO CONCATO
Fabio Concato (voce), Ornella D’Urbano (arrangiamenti, pianoforte, tastiere), Stefano Casali (basso), Larry Tomassini (chitarre), Gabriele Palazzi (batteria)

sabato 10 agosto
Campo di Brenzone, ore 21:30
FABRIZIO BOSSO & MAURO OTTOLINI
“Stroryville Story”
Fabrizio Bosso (tromba), Mauro Ottolini (trombone), Vanessa Tagliabue Yorke (voce), Glauco Benedetti (sousafono), Paolo Birro (pianoforte), Paolo Mappa (batteria)

Brain Zone Music Festival
Informazioni:
brenzonemusicfestival@gmail.com
I.A.T. Porto di Brenzone: tel. 045 7420076
Tutti i concerti sono gratuiti

Notti Magiche a Campo
Informazioni:
brenzonemusicfestival@gmail.com
www.brenzone.it

Informazioni e prevendite:
I.A.T. di Porto di Brenzone sul Garda
tel. 045 7420076
email: ctgbrenzone@gmail.com
Biglietti:
posto unico 15 euro
Bambini fino a 10 anni compiuti: 5 euro
_________________________________________________________________________________

JazzAroundYou
FESTIVAL
Con ospiti internazionali del calibro di
SCOTT HAMILTON e DEBORAH CARTER

DAL 25 MAGGIO AL 14 LUGLIO
IL PRIMO FESTIVAL JAZZ NEL CHIVASSESE TRA I TEATRI E LE PIAZZE DI
CASALBORGONE, CAVAGNOLO, CHIVASSO E LAURIANO

Da sabato 25 maggio a domenica 14 luglio, tra i teatri e le piazze di Casalborgono, Cavagnolo, Chivasso Lauriano nasce Jazz Around You Festival, la nuova rassegna jazz del chivassese, promossa dall’Associazione Culturale Blu Room, che animerà l’estate con artisti della scena jazz nazionale e internazionale sotto la direzione artistica del chitarrista jazz Daniele Ciuffreda.

«La prima edizione di Jazz Around You vuole ampliare quello che fino al 2018 è stato il Chivasso Jazz Festival, ovvero una rassegna circoscritta alla Città, a tutto il territorio del Chivassese, creando una rete di Amministrazioni Comunali e realtà locali accumunate dal desiderio di promuovere la cultura, utilizzando il Jazz per valorizzare il territorio, attraverso un programma che incrocia artisti di fama internazionale, musicisti del territorio, eccellenze locali, concerti e teatri. – commenta il direttore artistico Daniele Ciuffreda – Per sottolineare la necessità di mettere in luce proprio le nostre eccellenze, sono stati ideati i quattro eventi denominati “Spotlight”, uno per ogni Comune aderente, che saranno da vetrina per i vari soggetti e realtà, creando così una manifestazione culturale eterogenea ed interdisciplinare. A completare tutto ciò, abbiamo identificato location da adibire agli eventi del JAY che avessero un significato ed un valore importante per i Comune ospitanti così da ampliare sia il valore della manifestazione che il legame con le realtà locali. Jazz Around You è un progetto importante che dà il via ad un circuito che saprà accrescere l’offerta culturale musicale, rafforzare la collaborazione, la cooperazione ed accrescere la conoscenza delle straordinarie ricchezze che il nostro territorio offre.» Jazz Around You è un progetto culturale, esperienziale e territoriale che ha come fine il creare, attraverso una rete forte e coinvolta, eventi in grado di valorizzare i luoghi storici e rappresentativi del territorio, utilizzando la musica come mezzo per riscoprire location, prodotti e realtà che abbiano una forte identità sul territorio. Jazz Around You vuole essere un percorso guidato dall’energia creativa del Jazz che, attraverso arti performative, teatro, mostre, approfondimenti storici ed esperienze enogastronomi possa far immergere i fruitori in esperienze culturali a tutto tondo con l’obiettivo di valorizzare il territorio. Ecco gli artisti e gli eventi in programma:

JAY FESTIVAL
25 maggio-14 luglio

25 maggio
SAX CRIMES – Chivasso;
2 giugno
TONY MATCH TRIO ft. SCOTT HAMILTON – Chivasso;
8 giugno
TESSAROLLO/TAUFIC DUO – Chivasso;
15 giugno
DANIELE TIONE/ALBERTO MANDARINI – Lauriano;
22 giugno
DEBORAH CARTER – Chivasso;
29 giugno
MICHELE FRANCESCONI TRIO – Cavagnolo;
6 luglio
SIMONE LOCARNI QUARTET – Casalborgone;
14 luglio
GIANNI CAZZOLA – Chivasso;

Jazz Around You è un progetto di Blu Room Associazione Culturale in partnership con l’associazione Alternative Karming, con il contributo dei Comuni di Chivasso, Cavagnolo, Casalborgone e Lauriano, del main sponsor del Festival a2a Gencogas, con il supporto degli sponsor SMAT Società Metropolitana Acque Torino, Colia Assicurazioni e Previdenza UnipolSai Assicurazioni, Consorzio Formazione Canavese in partnership con Consorzio Piemonte Jazz, Hotel Europa, Fai, Osteria La Voglia del Gruppo Lin s.r.l e XXL Cafè.

_________________________________________________________________________________

PIANO PIANO FESTIVAL
IV edizione
Lecce, 2 - 5 Luglio 2019
L’evento estivo di musica e teatro, curato da Irene Scardia

Piano Piano Festival, l’evento itinerante organizzato dall’etichetta discografica Workin’ Label, giunto alla quarta edizione, è a Lecce dal 2 al 5 Luglio 2019. Un progetto che, ad ogni edizione, esprime, con stile unico ed informale, la ricerca artistica e musicale. I concerti, come di consueto, sono ospitati in quattro location selezionate tra venues istituzionali e strutture private a Lecce e dintorni. Il programma, curato dalla musicista Irene Scardia, propone prestigiose presenze internazionali ed interessanti novità nazionali. Ogni serata, due spettacoli con un aperitivo offerto dalle aziende partners Conti Zecca e Forno Amato. 

La serata inaugurale: ospiti YAKIR ARBIB e MARELLA MOTTA TRIO
Piano Piano Festival inaugura Martedì 2 Luglio con la prima serata organizzata in collaborazione con il Comune di Lecce, presso il chiostro dell’Ex convento degli Agostiniani a Lecce. In programma il piano solo del compositore Yakir Arbib, apprezzato per il suo virtuosismo e per la sua capacità di fondere la grande musica classica all’improvvisazione jazz e nella seconda parte della serata, la voce intensa di Marella Motta, in trio con il tastierista Jacopo Mazza e il batterista Emmanuele Pella, presenta il suo primo disco “And everything between” tra sonorità soul, funk r'n'b.

Tra gli artisti ospiti: Rita Pelusio e Carmen Souza
Mercoledì 3 Luglio il festival si trasferisce nel giardino dell’Ex Convitto Palmieri a Lecce, portando in scena il nuovo progetto del batterista e compositore salentino Dario Congedo in trio con il pianista Dorian Dumont ed il bassista Federico Pecoraro, e la performance in solo della pianista e cantante tedesca Olivia Trummer tra composizioni originali e arrangiamenti di noti standard jazz. La serata, inserita nel programma “Muse, Musei, Musiche”, è in collaborazione con la Regione Puglia, il Polo Biblio Museale di Lecce, il Museo Castromediano ed il Teatro Pubblico Pugliese. Giovedì 4 Luglio al Relais delle Rose a Lecce si susseguono “Piano Mirroring” La tua personalità in musica, una novità in campo artistico e performativo, ideata dal pianista Alessandro Sironi, ed il quintetto della giovane cantante e compositrice toscana Francesca Gaza, che presenta il disco “Lilac for people”, radicato nel jazz e nutrito delle suggestioni del pop e dell’elettronica in un chamber jazz-pop originale. Venerdì 5 luglio Piano Piano Festival chiude all’Acaya Golf Resort & Spa a Vernole di Lecce, con l’attrice Rita Pelusio insieme a Franca Pampaloni al pianoforte in “Eva. Diario di una costola”, viaggio irriverente nella contemporaneità delle donne di oggi; a fine serata, il set della straordinaria pianista e cantante Carmen Souza, in trio con il bassista Theo Pascal ed il batterista Elias Kacomanolis, che presenta il nuovo disco “Creology”, percorso transatlantico da paesi portoghesi attraverso il mare sino in Brasile e Cuba, per approdare  sulle coste di New Orleans.  

Piano Piano Festival è accessibile
Piano Piano Festival crede nella cultura e nella musica accessibile a tutti. Con questo intento, la quarta edizione, vede l’inizio della collaborazione con le associazioni Movidabilia e Cooperativa Socioculturale, che coinvolgeranno gli ospiti con disabilità sensoriali e psicofisiche.


Le serate in programma di Piano Piano Festival:
Martedì 2 Luglio ore 21:00
Chiostro Ex Convento degli Agostiniani, Lecce
YAKIR ARBIB, piano solo
MARELLA MOTTA TRIO, “And everything in between”
In collaborazione e con il Comune di Lecce

Mercoledì 3 Luglio ore 21:00
Giardino Ex Convitto Palmieri, Lecce
DARIO CONGEDO TRIO, “Don’t Quit”
OLIVIA TRUMMER, piano e voce
Nell’ambito di “Muse, Musei e Musiche”

Giovedì 4 Luglio ore 21:00
Relais delle Rose, Lecce
PIANO MIRRORING, “La tua personalità in musica”
FRANCESCA GAZA QUINTET, “Lilac for People”

Venerdì 5 Luglio ore 21:00
Acaya Golf Resort & Spa, Vernole (Le)
RITA PELUSIO, “EVA. Diario di una costola”. Teatro e musica
CARMEN SOUZA TRIO, “Creology”

Piano Piano Festival ringrazia per il contributo ed il sostegno:
Patrocini:  UNISALENTO | CONSERVATORIO “T. Schipa” | CONFINDUSTRIA. Partner Istituzionali: COMUNE DI LECCE | REGIONE PUGLIA | POLO BIBLIO MUSEALE LECCE | PROVINCIA DI LECCE | MUSEO CASTROMEDIANO | TEATRO PUBBLICO PUGLIESE. Sponsors: CONAD | VESTAS HOTELS & RESORTS | GIANNUZZI | ENEGAN | OFFICINA Ing. TARANTINO | CAROLI HOTELS. Sponsors tecnici: CONTI ZECCA | FORNO AMATO | ACAYA GOLF RESORT & SPA | B&B RELAIS DELLE ROSE | DIMORA DEI CELESTINI. Partners sociali: MOVIDABILIA | COOPERATIVA SOCIO CULTURALE

Info & Prevendite
La prevendita dei biglietti sarà attiva dal 15 giugno, online sul sito www.pianopianofestival.it e presso Youm Youmusic in Piazza Mazzini, 71 Lecce tel. 0832.241574.
Per maggiori informazioni: info@pianopianofestival.it 338 8591002 - 329 4123339
#PPF2019 #SostieniLaBellezza
_________________________________________________________________________________

La IV edizione del festival 
Pianostuni 
ospita Raphael Gualazzi ed un esclusivo spettacolo di danze aeree e piano, il 12 e 13 luglio 2019 nel centro storico di Ostuni (BR).
Ospite speciale l'attore Riccardo Scamarcio che presenta il Premio PianOstuni 2019 per giovani pianisti emergenti.


In arrivo il 12 e 13 luglio 2019 la quarta edizione del festival PianOstuni, che esalta l'unicità della "città bianca" pugliese attraverso i suoni del pianoforte e dei suoi grandi interpreti. Un connubio reso ancora più suggestivo dall'accostamento ai vini pregiati di Masseria Altemura, main sponsor dell'evento per il secondo anno consecutivo. Tutto si svolge a Ostuni (BR) nell’accogliente piazzetta Viale Quaranta, sul belvedere ai piedi dei tipici Torrioni. Il festival prende letteralmente il volo venerdì 12 luglio, con uno speciale spettacolo ad ingresso libero con danze aeree e piano sospeso: una produzione esclusiva in Prima assoluta che promette di portare nel cielo di Ostuni il pianista Mirko Signorile ed i danzatori della compagnia ResExtensa, con le coreografie di Elisa Barucchieri e la voce di Giovanna Carone. Mirko Signorile, rinomato pianista nella scena jazz italiana, non è nuovo a sperimentazioni ed avventure artistiche inconsuete: l’unione con le strabilianti perfomance aeree di Elisa Barucchieri crea una nuova sorprendente dimensione emotiva e spaziale al suo pianismo. Concerto conclusivo in Piano Solo il sabato 13 luglio con Raphael Gualazzi, artista italiano fra i più popolari e apprezzati anche all'estero. Compositore, cantautore e pianista capace di un perfetto equilibrio fra jazz e pop, Gualazzi riesce sempre a stupire e coinvolgere il grande pubblico, mantenendo una grande autorevolezza e credibilità nell'ambiente musicale. Ospite e testimonial dell'evento, il celebre attore Riccardo Scamarcio, che consegnerà sul palco il Premio PianOstuni 2019, concorso aperto ai giovani pianisti dai 14 ai 25 anni. Per questo concerto, sono in vendita i biglietti nel circuito Ticketone.it. PianOstuni 2019 è un festival ideato e organizzato dalla società Bass Culture, promosso dal Comune di Ostuni, supportato dalla Regione Puglia nell’ambito dell’ “Avviso pubblico per lo Spettacolo e le Attività culturali. FSC 2014-2020 – Patto per la Puglia” e dal main sponsor privato azienda vinicola Masseria Altemura. Partner tecnici del festival sono: Pianoforti Farina, fornitore ufficiale di tutti i pianoforti utilizzati nell’evento; il Relais La Sommità che accoglie gli ospiti e gli artisti, e l’Osteria CasaCiaccia ristorante ufficiale della manifestazione.

Venerdì 12 luglio ore 21
AIR PIANO con Mirko Signorile (piano) e Giovanna Carone (voce), di Elisa Barucchieri e Res Extensa dance company.
Evento speciale in Prima assoluta per PianOstuni
Ingresso libero

Sabato 13 luglio ore 21
RAPHAEL GUALAZZI
piano solo
+ consegna Premio PianOstuni 2019 alla presenza di Riccardo Scamarcio, in collaborazione con OrchestrAcademy

Biglietti disponibili online e nei punti vendita Ticketone
Posti a sedere: € 30 + d. p.
Posti in piedi: € 15 + d. p.

INFO-LINE
Bass Culture Infotel. 393 9639865
_________________________________________________________________________________

XV edizione
Festival Metropolitano
BARI IN JAZZ
dal 29 GIUGNO al 20 AGOSTO

CAETANO VELOSO, FRANCESCO DE GREGORI, PAOLO FRESU, ANDREA MOTIS, MICHEL GODARD, REDI HASA, AZIZA BRAHIM, DANIELE DI BONAVENTURA, DANIELE SEPE, AMARO FREITAS, LUCIA CARVALHO e molti altri per uno degli eventi più attesi dell’estate pugliese nei comuni di Acquaviva, Alberobello, Conversano, Fasano, Giovinazzo, Gravina, Monopoli, Polignano, Sammichele

Dal 29 giugno al 20 agosto si svolgerà la XV edizione del Festival Metropolitano BARI IN JAZZ, organizzata dall’associazione culturale Abusuan, sempre più parte integrante del tessuto sociale di un territorio splendido come quello pugliese, contribuendone all’immagine e alla valorizzazione. Il festival di quest’anno si svolgerà in nove tra i più caratteristici comuni pugliesi tra siti Unesco, uliveti secolari e testimonianze architettoniche di grande pregio, con molti nomi di spicco che attrarranno un pubblico eterogeneo per interessi, gusti musicali ed età. Il Festival quest’anno è realizzato con il sostegno di Unione Europea, MiBAC, Regione Puglia, Comuni di: Bari, Acquaviva, Alberobello, Conversano, Fasano, Giovinazzo, Gravina, Monopoli, Polignano, Sammichele. Il programma prevede più di venti performance dal vivo per quasi due mesi di rassegna tra i comuni dell’area di Bari e di Brindisi con numerosi musicisti nazionali, internazionali e talenti locali che proporranno jazz ma anche melodie italiane, commistioni con elettronica, musica indiana, africana, brasiliana, nord europea. Il Festival si aprirà il 29 giugno sul mare di Polignano con un concerto della giovane ed eccentrica trombettista spagnola ANDREA MOTIS seguito dalla performance della pugliese ERICA MOU;  si prosegue con il Castello di Sammichele, sito del XV secolo che ospiterà uno dei più importanti talenti brasiliani degli ultimi anni, il pianista AMARO FREITAS (05 luglio); Conversano sarà teatro delle esibizioni, tra la piazza centrale e Giardino dei Limoni dei coinvolgenti BENIN INTERNATIONAL MUSICAL “BIM” (9-10 luglio), la cantante ZARA MCFARLANE (25 luglio) e l’originale blend fra tradizione indiana jazz, Africa ed elettronica del percussionista SARATHY KORWAR (26 luglio); Alberobello, sito Unesco, accoglierà il duo AKUTUKU con la partecipazione del sassofonista GAETANO PARTIPILO, una performance suggestiva con una tecnica che prevede di far risuonare l’acqua come una percussione (13/07); la splendida Piazza Ciaia di Fasano, comune al centro delle masserie e degli uliveti secolari farà brillare le due stelle più luminose di questo firmamento artistico, FRANCESCO DE GREGORI con la Gaga Symphony Orchestra + Gnu Quartet in uno spettacolo che ripercorrerà tutti i più grandi successi di oltre quarant’anni di attività del cantautore (21 luglio) e CAETANO VELOSO, autentico mito vivente che attraverso la rivoluzione del tropicalismo partita negli anni sessanta e passando per mezzo secolo di musica, è divenuto testimone di una stagione artistica forse irripetibile (22 luglio); Giovinazzo invece vedrà il concerto della cantante brasiliana / angolese LUCIA DE CARVALHO (27 luglio); la piazza del duomo di Gravina avrà protagonista un orgoglio nazionale e star internazionale, il trombettista PAOLO FRESU in un concerto insieme al bandoneista DANIELE DI BONAVENTURA e all’ospite d’eccezione JAQUES MORELENBAUM (30 luglio). Il mese di agosto sarà tutto appannaggio del Minareto della Selva di Fasano, splendido esempio di edilizia orientalista di fine ‘800. Qui dal 7 al 20 agosto si alterneranno il progetto LAND-SCAPES del trio formato dal pianista KEKKO FORNARELLI il batterista GREGORY HUTCHINSON e il trombettista GIORGIO  DISTANTE (7 agosto), l’unica data italiana dei pianisti VITOR ARUJO (9 agosto) e FARAJ SULEIMAN (13 agosto)  il duo FARLIBE di MIRKO SIGNORILE e GIOVANNA CARONE feat. DANIELE SEPE (10 agosto), il progetto KAREYCE con NICOLA CONTE e una band che esprime le migliori nuove vitalità fra i musicisti pugliesi (14 agosto) YARAKA ENSEMBLE (16 agosto), la data in esclusiva nazionale della cantante afro spagnola AZIZA IBRAHIM (18 agosto), il duo REDI HASA & MICHEL GODARD, ed a chiudere il trio anglo-russo-italiano DINNER PARTY (20 agosto). Da sempre caratterizzato come un ambiente poliedrico, Bari In Jazz si compone non solo di concerti, ma anche di contaminazioni ed occasioni di incontro, come laboratori e workshop, per avvicinare il pubblico alla cultura internazionale. Tutto ciò valorizzando, al contempo, i comuni e i territori coinvolti, che da semplici location, si trasformano in veri e propri co-protagonisti di questo splendido viaggio culturale. Nei molti anni di Festival, infatti, il connubio cultura e turismo ha sempre avuto una potenza straordinaria per la promozione del territorio. Il coinvolgimento dei singoli comuni, ognuno con l’opportunità di poter esprimere il proprio valore culturale e turistico, contribuisce infine a un risultato importante per tutta la comunità.
29 giugno Ore 21.30
Cala Paura - Polignano a mare
ANDREA MOTIS QUINTET
ANDREA MOTIS, tromba, voce; IGNASI TERRAZA, pianoforte; JOSEP TRAVER, chitarra; MARTIN LEITON, contrabbasso; ESTEVE PI VENTURA, batteria
Se il mondo del jazz non fosse così dannatamente lento nel riconoscere il talento, nel 2017 sarebbe bastata l’uscita di “Emotional Dance”, il suo primo disco da leader per la Impulse!,a proiettare Andrea Motis nella stratosfera. Il grande Quincy Jones aveva visto giusto quando l’aveva invitata, non ancora diciassettenne, sul palco del Barcelona Festival. Oggi i suoi estimatori sono ben più numerosi degli happy few di un tempo e il disco nuovo di zecca “Do Outro Lado Do Azul” è qui a dimostrare che Andrea Motis è una stella luminosa del jazz contemporaneo e che ascoltarla è come aprire una finestra sulla primavera.

29 giugno Ore 20.00
Cala Paura - Polignano a mare
ERICA MOU TRIO
La cantautrice pugliese Erica Mou torna in Puglia per ripercorrere dal vivo i principali momenti della sua carriera artistica iniziata a Bari. Nel concerto a Polignano, in trio con Antonio Iammarino (rhodes e pianoforte) e Flavia Massimo (violoncello), Erica concede ampio spazio alla sperimentazione, attitudine scoperta e sviluppata con la loop station, attraverso cui amplifica e moltiplica le sonorità della sua chitarra acustica e della sua incantevole voce. Erica Mou insieme ai suoi eccellenti musicisti incontra il gusto dell'improvvisazione jazz, in piena sintonia con l'ispirazione di chi è capace di perdersi sempre tra le note musicali, come in nuovi luoghi da esplorare, senza mai dimenticare le sue radici che affondano in terra come nel mare della Puglia.

5 luglio Ore 21.00
Castello Caracciolo - Sammichele di Bari 
AMARO FREITAS
Prodigioso, giovane pianista brasiliano è l’astro nascente del jazz carioca e internazionale. Originario delle favelas di Recife, abbandona il conservatorio per difficoltà economiche ma, grazie ad un talento e ad una caparbietà straordinarie, a soli 22 anni si impone all’attenzione della scena jazz brasiliana, divenendone uno dei pionieri. Dal maracatu afro-brasiliano ai ritmi carnevaleschi ad alta intensità di frevo e baião, il suo stile pianistico percussivo trae origine da queste sonorità tradizionali del Pernambuco, tuttavia con un approccio di sperimentazione e rinnovamento. Il secondo album di Amaro Freitas è, infatti, un flusso musicale senza frontiere che collega, con naturalezza, tradizione ritmica e musicale brasiliana a nomi d'avanguardia come Vijay Iyer, Craig Taborn, Thelonious Monk e i maestri Moacir Santos e Hermeto Pascoal, verso orizzonti di fulminanti e elettrizzanti sperimentazioni jazz. Amaro suona nel classico formato trio, ma non ripete le norme. Accanto a Jean Elton (basso acustico), Hugo Medeiros (batteria) e il musicista ospite Henrique Albino (flauto, sassofono, clarinetto basso), Amaro esplora le capacità percussive del pianoforte in complessi schemi matematici che creano ritmi imprevedibili e ipnotici. 

7 luglio Ore 21.00
Sagrato della Basilica di Maria Santissima della Madia – Monopoli
NEW GENERATION CONNECTION MALGACHE progetto speciale
Kekko Fornarelli piano; Rakoto David Livanantenaina batteria; Andriambelo Haritianiaina basso; Guest Tsanta Randriamhajasoa tromba
La proposta per il Comune di Monopoli è il concerto nato nell’ambito del progetto speciale italo-malgascio New Generation Connection. Il Festival Metropolitano Bari in jazz e il Nosy Be Jazz Festival Internazionale del Madagascar hanno ricercato, infatti, uno spazio di collaborazione culturale che si è sviluppato nel mese di aprile in Madagascar e proseguirà nel mese di giugno in Italia, con due residenze artistiche. Un quartetto italo-malgascio, creato per l'occasione, composto dai giovani musicisti del Madagascar - Rakoto David Livanantenaina alla batteria, Andriambelo Haritianiaina al basso, feat. Tsanta Randriamhajasoa alla tromba ed il musicista professionista dall'Italia Kekko Fornarelli -  si esibisce in entrambi i festival: il Festival Metropolitano Bari in jazz e il Nosy Be Jazz Festival Internazionale del Madagascar.  Un incontro nel segno del jazz e della libera improvvisazione musicale con la partecipazione di alcuni fra i migliori studenti dei corsi di jazz del Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli e delle scuole di musica malgasce. Il progetto speciale New Generation Connection intreccia e esplora storie, culture, universi e repertori in un mix esplosivo e poetico, in cui le radici del jazz incontrano la grande tradizione melodica araba attraverso le inquietudini e i rituali ancestrali delle sonorità africane. 

10 luglio Ore 21.00
Piazza Castello - Conversano
BIM 
Jimmyl Tchegnon aka Jimmy Belah // canto, batteria, percussioni (Sacla, Gons, Gangan); Brigitte KITI aka Amessiamey // canto, nacchere; Yelouassi Nadège aka Nayel Hoxo // canto, nacchere; Jean Gbètognon aka Yewhe Yeton // canto, percussioni (Gon, Alèklé); Boni Obinti aka Lionel // basso, voce, percussioni (Agomê); Totin Emile aka Resnikpa // percussioni (Kpezin, Sacla, Kpahlè, Ogbon, Gangan); Yaovi Emmanuel Atcho // chitarra, canto
BENIN INTERNATIONAL MUSICAL (BIM) è un progetto musicale e radiofonico in collaborazione con Radio France ORTB, EBU, Rolling Stone Magazine e TV5Monde. Riappropriarsi dei ritmi voodoo e delle canzoni tradizionali beninesi attraverso il trip-hop, il pop-rock e i suoni elettronici, è questa la sfida del collettivo di artisti del BIM. Tra il transe gospel di Teùn Teùn, il funk groove di Destiny, l'afrobeat di Allons danser e i ritmi voodoo di Benin Atmosphere, il BIM ha il proprio modo di raccontare il continente africano mentre getta luce sulla cultura voodoo che, al di là dei luoghi comuni, predica un atteggiamento positivo verso la terra e l'umanità, allontanando il paese dalle deviazioni fondamentaliste. ll Benin è alla radice delle maggiori correnti musicali del XX secolo e il riferimento ultimo per le grandi band attuali come gli Arcade Fire, Franz Ferdinand, Talking Heads, Gorillaz... Dal gospel al blues, passando per il jazz e il rock fino al rap, tutti questi stili musicali cosiddetti "moderni" sono nati nella città di Ouidah, sulla strada degli schiavi. Creare una band che raccontasse questo patrimonio e offrisse al Benin l'influenza internazionale che merita sono stati i punti di partenza della creazione del BIM.

13 luglio Ore 21.00
Hyper Club - Alberobello 
AKUTUK duo
Feat. GAETANO PARTIPILO
TEMPO D'EAU
Bare-handed aquatic percussions in the Gulf of Guinea
Direzione artistica Binda Ngazolo; Lois Zongo - Akutuk, voce, flauti d'acqua; Odile Barlier - Akutuk, voce, flauti d'acqua
Originario del Camerun, l'Akutuk è una tecnica di percussione acquatica a mani nude, un gioco tra aria, acqua e corpo. Negli spettacoli questa straordinaria tecnica è sublimata da Lois Zongo. Iniziata fin dalla prima infanzia in Camerun dalla madre, ci offre un'ispirazione originale e innovativa. Originariamente Akutuk è un know-how ancestrale che rende omaggio ai benefici degli elementi della natura. Un'attività strettamente femminile trasmessa per generazioni da donna a donna nella foresta camerunese."Il primo incontro con i suoni di Akutuk è sempre una rivelazione! Fino a quando i nostri occhi non lo confermano sarà difficile convincerci che bassi rotondi, sordi e potenti, o che il suono, gli applausi melodici e variegati non sono prodotti da una pelle tesa su un tamburo, ma da una mano che colpisce l'acqua! Un momento di sonorità unica e visione poetica”.

21 luglio Ore 21.00
Piazza Ciaia – Fasano
FRANCESCO DE GREGORI
GREATEST HITS LIVE
Gaga Symphony Orchestra, diretta da Simone Tonin 
Gnu Quartet (Raffaele Rebaudengo alla viola, Francesca Rapetti al flauto, Roberto Izzo al violino e Stefano Cabrera al violoncello) 
Francesco De Gregori, accompagnato da una grande orchestra, presenterà per la prima volta in un contesto sinfonico, i suoi più grandi successi in piazza Ciaia a Fasano, unica data in Puglia. La Gaga Symphony Orchestra, diretta da Simone Tonin e composta da quaranta elementi, avrà come nucleo centrale il quartetto degli Gnu Quartet (Raffaele Rebaudengo alla viola, Francesca Rapetti al flauto, Roberto Izzo al violino e Stefano Cabrera al violoncello) oltre alla band che accompagna De Gregori ormai da lungo tempo.

22 luglio Ore 21.00
Piazza Ciaia – Fasano
CAETANO VELOSO
OFERTORIO – Caetano, Moreno, Zeca, Tom Veloso
Bari in Jazz annuncia per il 22 luglio 2019 il concerto del grande CAETANO VELOSO. L’artista brasiliano ha scelto Fasano per chiudere il suo breve tour italiano nel quale presenterà il suo progetto “OFERTORIO” – Caetano, Moreno, Zeca, Tom Veloso”. Il concerto, uno degli appuntamenti di punta del festival pugliese, vedrà Veloso riproporre il suo repertorio, in un concerto “intimo e familiare” che metterà in risalto, qualora ce ne fosse ancora bisogno dopo oltre 50 anni di musica e quasi altrettanti dischi, la sconfinata poetica di un artista che ha attraversato le epoche, gli stili, le rivoluzioni culturali, rimanendo negli anni un punto di riferimento imprescindibile della musica mondiale. In questo nuovo show CaetanoVeloso&Family eseguiranno canzoni impossibili da dimenticare, come "Un angolo Afoxé per il blocco Ilê", "Hinterland", "O Leãozinho" e "Reconvexo". “Ofertorio” sarà uno spettacolo completamente in acustico: Caetano suonerà la sua amata chitarra, mentre Moreno, Zeca e Tom si alterneranno con vari strumenti. Si tratterà di uno show che permetterà di ripercorrere il repertorio di Veloso. “È uno show per famiglie, nato dal mio desiderio di trasmettere felicità. Avere dei figli è la cosa più importante nella mia vita adulta. Quello che ho imparato dalla nascita di Moreno - e confermato con gli arrivi di Zeca e Tom - non ha un nome e non ha un prezzo. Credo, veramente, che la nostra non sia una famiglia di musicisti qualunque: c’è un carattere genetico dedicato alla musica”, ha concluso Caetano Veloso.

25 luglio Ore 21.00
Giardino dei limoni, San Benedetto – Conversano
ZARA MCFARLANE esclusiva sud Italia
Binker Golding – Sax; Zara McFarlane - vox; Kishon Khan - keys; Max Luthert- Bass; George Bird – Drums
Sulle tracce dell'eredità musicale dei Caraibi, Zara McFarlane esplora la sua interconnessa visione della diaspora e realizza un album da capogiro con cui ritorna protagonista all'interno di una scena jazz britannica che in questo frangente si dimostra ancora una volta particolarmente vivace. Con l'album “Arise” (2017) la McFarlane esplora tutte le combinazioni possibili tra l'identità british e le origini jamaicane, in uno scambio culturale figlio dell'attuale climax musicale londinese. “Arise” è il suo terzo album ed esce, come i precedenti, per la Brownswood Recordings di Gilles Peterson. In quest'occasione ha lavorato con Moses Boyd, batterista e produttore molto influente con cui ha condiviso il percorso del programma Tomorrow’s Warriors, una scuola di perfezionamento che sta contribuendo a sviluppare nuove avanguardie in una fervente scena jazz live che sta raccogliendo grandi risultati tra i giovani nella capitale britannica.

26 luglio Ore 21.00
Giardino dei limoni, San Benedetto - Conversano 
SARATHY KORWAR
MORE ARRIVING
Viviamo in tempi che dividono. Il multiculturalismo cresce di pari passo con le tensioni razziali ed i politici sembrano incapaci di avvicinare le persone al loro contorto messaggio. È tempo di una prospettiva diversa. Nel suo secondo album “More Arriving” Sarathy Korwar fa esplodere la sua vibrante e variegata miscela di parole che tutti possono ascoltare. Questo non è necessariamente un disco legato al concetto di unità, è invece un onesto riflesso dell'esperienza di Sarathy, del suo essere indiano e britannico, che incorpora le scene rap di Mumbai e New Delhi con la sua strumentazione indiana classica ispirata al jazz. Si tratta di un disco nato dal confronto, o meglio: per i nostri tempi di confronto. Registrato per oltre due anni e mezzo in India e nel Regno Unito, “More Arriving” attinge alla nascente scena rap di Mumbai e presenta molti dei suoi artisti più interessanti, nonchè poeti ed interpreti. Con questo album, Korwar espande la sua narrazione politicizzata per abbracciare l'intera diaspora definita brown: "Questo è un moderno disco brown. Il tipo di disco che un indiano contemporaneo che vive nel Regno Unito da 10 anni farebbe", dice Korwar. "Questo è ciò che mi sembra possa essere la musica indiana in questo momento e questo significa incorporare più voci brown".
27 luglio Ore 21.00
Piazza Duomo - Giovinazzo
LUCIA DE CARVALHO
Lúcia de Carvalho, autrice, compositrice e interprete, è tornata in prima linea nella scena con la sua seconda opera intitolata KUZOLA, che significa «Amorevole» in kimbundu, la lingua madre angolana di sua madre. Rilasciato a ottobre 2016, l'album Kuzola è stato registrato per tutto il 2015 in Brasile, Francia e Angola. Più di 20 musicisti locali dei tre paesi hanno preso parte a questa incredibile avventura musicale e umana. Hugo Bachelet, documentarista dall'agenzia parigina Couac Productions, ha seguito Lúcia de Carvalho durante i suoi viaggi di registrazione e ha trasformato in immagini il viaggio verso la fonte. Il film documentario "Kuzola, Songs of the roots" ci regala un viaggio commovente e stimolante intriso di allegria. Ci spinge a viaggiare per il mondo, oltre i nostri confini, alla ricerca della nostra identità, con la musica come nostro passaporto. Lucia ha un fascino scintillante e una presenza scenica umanizzante. Canta, balla, suona le percussioni. La sua voce è saldamente radicata e tuttavia calda e delicata. I ritmi delle sue composizioni si collegano alla terra e le armonie ariose portano il pubblico ad una maggiore gioia di sé. La nuova line-up è incredibile. Oltre alla chitarra e al coro, Lucia de Carvalho ha aggiunto un violoncello e un tamburo di cajon che rendono la sua musica molto più varia. Il giubilo dello spettacolo, legato alle sue origini, ma aperto a nuovi orizzonti, è inevitabilmente contagioso, delizia ogni tipo di pubblico.

30 luglio Ore 21.00
Piazza Duomo - Gravina 
PAOLO FRESU & DANIELE DI BONAVENTURA WITH JAQUES MORELENBAUM 
Paolo Fresu: tromba, flicorno, effetti; Daniele di Bonaventura: bandoneon, effetti ; Jaques Morelenbaum: violoncello
Paolo Fresu è attivo sulla scena di questi ultimi anni con diversi “duo”. Uno di questi è lo “strano incontro” fra tromba e bandoneon: un dialogo in musica nel segno di strumenti ad aria e di un lirismo dagli aromi mediterranei che sta lasciando un segno distintivo. Protagonisti insieme alle voci corse del coro “A Filetta” del riuscito progetto “Mistico Mediterraneo” e dell'omonimo disco pubblicato da ECM, Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura vivono ormai da anni la dimensione di un duo davvero particolare che fa incontrare due strumenti così apparentemente dissimili quali la tromba e la “fisarmonica argentina”. Un incontro, quello fra il trombettista sardo e il bandoneonista marchigiano, ormai ben rodato attraverso tanti concerti e che viene veicolato con intelligenza attraverso un concerto di grande effetto ricco di poesia, intimismo e di quelle piccole cose capaci di raccontare i colori dell'universo musicale contemporaneo. Da un’altra parte del cielo vive invece l’incontro del trombettista di Berchidda con un autentico maestro del suono, della musica evocativa e del mondo armonico tout-court qual è il violoncellista carioca Jaques Morelenbaum, vero “must” della musica brasiliana contemporanea, ben noto in Italia specialmente per le tante importanti frequentazioni con l’importante nome di Caetano Veloso. Le sonorità fondamentali sono ovviamente quelle che si appoggiano sull'immenso patrimonio sonoro brasiliano, "filtrato" dalle lenti mediterranee e dalla ricerca del peculiare suono di Paolo.

7 agosto Ore 21.00
Minareto – Selva di Fasano
KEKKO FORNELLI FT. GREGORY HUTCHINSON E GIORGIO DISTANTE
LAND-SCAPES
Kekko Fornarelli, pianoforte/sintetizzatori/elettronica; Gregory Hutchinson, batteria; Giorgio Distante, tromba HY-E.T. - Hybrid Electroacoustic Trumpet
Uscire fuori dagli schemi è ormai il marchio di fabbrica della produzione dell'eclettico musicista e produttore pugliese Kekko Fornarelli, pioniere di una nuova forma di "Jazz Crossover" che negli ultimi anni lo ha portato alla ribalta in tutto il mondo. Vero curioso ed amante della musica a 360 gradi, torna al Bari in Jazz 2019 con una nuova premiére, Land-Scapes, affiancato da altri due straordinari musicisti: Gregory Hutchinson, "Hutch", iconico batterista New Yorkese già sideman di gran parte degli dei dell'olimpo del jazz statunitense, e Giorgio Distante, puro talento musicale e genio nostrano, inventore di un nuovo strumento unico al mondo, l'HY-E.T. (Hybrid Electroacoustic Trumpet). Una miscela unica, nuova, dove caldi paesaggi e tessuti armonici mediterranei si fonderanno al soffio dei venti del nord, dove l'ancestrale ritmo tribale si mescolerà con le ritmiche urbane più moderne, dove l'acustico e l'elettronica si scontreranno per creare un unico, armonico, paesaggio sonoro.

9 agosto Ore 21.00
Selva Di Fasano – Minareto
VITOR ARAUJO esclusiva nazionale
Dopo essersi presentato al pubblico all’età di 18 anni come pianista e interprete non convenzionale della musica classica brasiliana con “TOC” e con il suo debutto come compositore e primo album in studio “A/B”, Vitor allarga radicalmente i suoi orizzonti artistici con il doppio album “Levaguiã Terê”. Il disco si presenta come uno studio del “brasiliano” dal punto di vista culturale ed estetico. Vitor esplora i paesaggi sonori del Brasile attraverso grandi orchestrazioni, cariche di sessioni ritmiche, delicati arrangiamenti vocali, rumori diversi e rodata conoscenza del suono. Un lavoro complesso e ambizioso, ma pienamente giustificato dal suo obiettivo finale: quello di presentare, attraverso la musica, il Brasile del XXI secolo, con le sue tradizioni storiche, il suo folklore, le sue radici, ma anche con il suo posto importante nell’universo delle informazioni su scala globale. Facendo il suo debutto come compositore/arrangiatore per una grande orchestra, Vitor elabora un linguaggio sinfonico che, pur nutrendosi dalle infinite fonti della tradizione ereditata da Villa-Lobos e Tom Jobim, porta anche informazioni sonore, colore e sfumature della musica di avanguardia del XX secolo, sia quelle delle scuole erudite come l’elettro-acustica e il minimalismo, che quelle della musica popolare (artisti alternativi/sperimentali degli ultimi anni e l’elettronica anti-pop). Oltre ai più di 30 musicisti dell’orchestra, il disco conta della collaborazioni di diversi artisti, provenienti da band come Cordel do Fogo Encantado, Abayomy Afrobeat Orchestra, Ventre, Rua e Baleia.

10 agosto Ore 21.00
Minareto - Selva di Fasano 
FARLIBE DUO
GIOVANNA CARONE MIRKO SIGNORILE feat. DANIELE SEPE
Il duo composto da Giovanna Carone e Mirko Signorile nasce dal caso, lui jazzista, lei cantante barocca, si incontrano su un terreno altro, quello della canzone d’autore in lingua yiddish, ed in questo territorio straniero trovano una poetica ed un suono comune. Il live è il loro luogo d’elezione, la musica yiddish è rivisitata in modo originale, non filologico. I temperamenti solari, mediterranei e meditativi dei due dipingono di colori nuovi le musiche della straordinaria tradizione Ashkenazita e si divertono attraverso musiche e testi originali ad inventare una nuova canzone d’autore in lingua Yiddish. Al loro attivo due cd: Betàm Soul e Far Libe. Due musicisti profondamente diversi per formazione e carattere che in questo percorso di riscoperta musicale hanno rivelato un’incredibile affinità artistica e poetica, in uno stile che va oltre il pop, il classico, il jazz e l’etnico.

13 agosto Ore 21.00
Minareto – Selva di Fasano
FARAJ SULEIMAN esclusiva nazionale
Faraj Suleiman (1984) compositore e pianista. Ha studiato composizione musicale sotto la direzione del Maestro Arik Shapira e suona per lo più composizioni originali, che sono fortemente influenzate dalla musica araba e dai ritmi orientali. E’ anche influenzato dalle tradizioni del tango e del jazz.

14 agosto Ore 21.00
Minareto - Selva di Fasano 
NICOLA CONTE & SPIRITUAL GALAXY 
"NEW AFRICA feat. KAREYCE FOTSO" with CAROLINA BUBBICO, LUCA ALEMANNO, SIMON MULLIER, DARIO CONGEDO, SIMONE PADOVANI 
Nicola Conte (guitar); Carolina Bubbico (keys & vocals); Simon Mullier (vibraphone, keys, percussions); Luca Alemanno (double bass & fender bass); Simone Padovani (percussions); Dario Congedo (drums)
“New Africa” è un progetto speciale realizzato per il festival Bari in Jazz. In dimensione tribale/futurista, echi della tradizione musicale legate alla cultura dell'Africa Occidentale e Centrale si reinventano in chiave contemporanea, fondendo jazz ed elettronica, 70's afro funk e canzone di protesta. Elementi tratti dal repertorio della cantante e songwriter Kareyce Fotso si rigenerano nel sound del collettivo Spiritual Galaxy, mentre le atmosfere dell'album “Let Your Light Shine On” della Spiritual Galaxy si vestono di nuovi colori attraverso la voce ed il feeling di Kareyce. In questa versione di Spiritual Galaxy, oltre a Nicola Conte, saranno protagonisti l'arrangiatrice, cantante e pianista Carolina Bubbico, il bassista Luca Alemanno, il vibrafonista Simon Mullier, il batterista Dario Congedo ed il percussionista Simone Padovani.

16 agosto Ore 21.00
Minareto – Selva di Fasano
PROGETTO YARAKA ENSEMBLE
Yarákä (musica brasiliana contaminata) nasce nel 2015 dall'idea del chitarrista Gianni Sciambarruto, di voler realizzare un processo di ricerca atto a trovare un punto di incontro tra le culture musicali del mondo, dalle atmosfere tropicali amazzoniche fino alle sonorità mediterranee amalgamate dai ritmi di origine africana. Seppur giovane, il progetto ha avuto modo di esibirsi in numerose realtà locali e non, riscuotendo ottime critiche, soprattutto per l'originalità e la qualità musicale proposta e nel 2018 è uscito il loro primo disco autoprodotto dal titolo "Invocaçao", distribuito in digitale da "Love University Records".  
18 agosto Ore 21.00
Minareto – Selva di Fasano
AZIZA IBRAHIM esclusiva nazionale
Aziza Brahim (Voix, Tabal); Guillem Aguilar Nolis (Bass); Ignasi Cusso Ruis (Guitare); Nicolas Roca Gomez (drums)
Con profonda passione e grazia, la musica di Aziza Brahim percorre abilmente la distanza tra le sue radici del Sahara Occidentale e Barcellona, dove ora vive. Aziza è al tempo stesso poetessa dal suono contemporaneo e ed eloquente portavoce di rilievo del popolo Saharawi e della sua incessante lotta per il riconoscimento e la giustizia. Nata e cresciuta nei campi profughi del Saharawi lungo la frontiera tra l'Algeria e il Sahara occidentale, si è trasferita in Spagna nel 2000. Qui ha fondato l'eclettica band saharawi/spagnola Gulili Mankoo con la quale ha pubblicato due dischi autoprodotti: l'EP "Mi Canto" (2008) e un album "Mabruk" (2012) entrambi per Reaktion, un'etichetta francese specializzata in musica sahariana. Negli ultimi anni Aziza si è esibito in importanti festival e locali tra cui WOMAD Cáceres (2012) e Queen Elizabeth Hall di Londra (2009).  Il nuovo album di Aziza “Soutak” ("Your Voice"), suo debutto per l'etichetta Glitterbeat, è la prima registrazione che si focalizza prevalentemente sulla cadenza della sua voce maestosa e sulla critica appassionata dei suoi testi.  Il gruppo che ha scelto e selezionato per l'album è composto dagli spagnoli Nico Roca (percussioni) & Guillem Aguilar (basso), Malian Kalilou Sangare (chitarra acustica principale), Badra Abdallahe (voce di accompagnamento), e oltre a cantare, Aziza contribuisce con la chitarra ritmica acustica e il tabal, il tradizionale tamburo a mano dei Saharawi. La musica in “Soutak” è una miscela potente e sfumata di culture musicali e presenta motivi maliani, spagnoli, cubani e anglo-europei contemporanei, il tutto tenuto insieme dalla profonda e radicata conoscenza della canzone e del suono tradizionale Saharawi da parte di Aziza. Con “Soutak” Aziza Brahim ha dato vita ad un potente volo verso la libertà; un mondo alternativo dove la speranza è imminente e la danza è giustificata. 

19 agosto Ore 21.00
Minareto – Selva di Fasano
REDI HASA & MICHEL GODARD 
Redi Hasa: Violoncello; Michel Godard: Tuba, Serpentone
Redi Hasa è il violoncello più creativo nell’area della musica adriatica, tra le sponde italiche e balcaniche. Predilige, fin da ragazzo, l’ibridazione tra generi musicali differenti, fondendo in particolare il rigore della formazione classica con l’immediatezza delle tradizioni popolari e sviluppando un approccio al suono liquido e meticcio, che lo caratterizza negli anni. Già pilastro della Bandadriatica, ora stretto collaboratore di Ludovico Einaudi, Redi costruisce sul suo violoncello una “polifonia monostrumentale” nelle sfumature folk e in quelle più ardite della reinvenzione della tradizione. Nel corso di un carriera ventennale ha suonato tra gli altri con l’Orchestra popolare italiana, King Naat Veliov, Kocani Orkestra, Mauro Pagani, Rita Marcotulli, Pacifico: musica diversa per provenienza, generi, ispirazioni da cui Hasa ama lasciarsi contaminare. Attualmente in tour come solista dell’ensemble del pianista Ludovico Einaudi, compare anche nell’ultimo disco di Robert Plant “Carry Fire”. Michel Godard è un musicista e compositore francese, suonatore di tuba e di serpentone. È uno dei pochissimi solisti di tuba e probabilmente l'unico solista di serpentone. Questo strumento non aveva mai goduto di un repertorio solistico. Godard, con il suo enorme talento tecnico, vi esegue un repertorio che va dalla musica del XVI secolo al jazz ed alla musica improvvisata. Come solista di musica classica, ha suonato e registrato con l'Orchestre Philharmonique de Radio France, con l'Orchestre National de France, con l'ensemble Musique Vivante, con l'Ensemble La Fenice di Parigi, con XVIII-21 Musique des lumières, con l'Ensemble Jacques Moderne. Nell'ambito del jazz, ha suonato, con Rabih Abou-Khalil, Christof Lauer, Luciano Biondini, Linda Bsiri, Michel Portal, Louis Sclavis, Henry Texier, Enrico Rava, Michael Riessler, Kenny Wheeler, Ray Anderson, Sylvie Courvoisier, Klaus König, Simon Nabatov, Wolfgang Puschnig, Linda Sharrock, Misha Mengelberg, Maria Pia De Vito, Willem Breuker, Herbert Joos, Dave Bargeron, Steve Swallow, Roberto Martinelli. Come compositore, ha scritto brani per Radio France, per la Südwestrundfunk e per il Ministero della Cultura francese.

20 agosto  Ore 21.00
Minareto – Selva di Fasano
THE DINNER PARTY progetto speciale
Vladimir Miller, piano; Pierpaolo Martino, double‐bass; Adrian Northover, saxophones
The Dinner Party è il nome di un trio di libera improvvisazione attivo negli ultimi anni sulla scena jazz londinese e europea, composto dal pianista anglo-russo Vladimir Miller (Moscow Composers Orchestra), dal contrabbassista italiano Pierpaolo Martino, fondatore di ensemble avant-jazz quali Mondegreen, Howl e Machine3, e dal sassofonista inglese Adrian Northover, noto in quanto membro di The Remote Viewers e della London Improvisers Orchestra. A differenza di molti ensemble di ‘improv’ il trio predilige un approccio melodico e meditativo all’improvvisazione in cui il silenzio, i sussurri e la specifica grana di ciascun strumento assumono una rilevanza assoluta. In questo senso, le composizioni istantanee dei Dinner Party diventano spazi dialogici in cui voci dal background culturale molto diverso si interrogano a vicenda, stabilendo un affasciante dialogo con il passato, in grado di eccedere i confini della musica stessa. Lo sperimentalismo letterario di Virginia Woolf, il patrimonio folk russo (e inglese), il cinema e la poesia di Pasolini diventano affascinanti risorse in grado di nutrire uno spazio sonoro ossia un “party” conversativo in grado di ridefinirsi di continuo. 

Info generali: www.bariinjazz.it 
Tel. 0808090139 – Mob. 3663397036 – Mail info@abusuan.com – info@bariinjazz.it
Prevendite concerti: Ticketone
________________________________________________________________________________

Sile Jazz 
8th edition
Sounds without borders
13 June - 28 July 2019



Sile Jazz Festival reaches its 8th edition in 2019. The Festival aims to be a moment of cultural gathering, a path of discovery and re-discovery of locations along the Sile river, and opportunity to explore, at the same time, the most contemprary jazz scene.  A good new is making Sile Jazz even more interesting: some bike tours around the river and good tipical dinner will enrich the Festival. 

PROGRAM

THURSDAY 13 JUNE, h 20
Festival Launch Party with LAURA AVANZOLINI SEPTET 
15 euro, concert + buffet
Best Western Premier BHR Treviso Hotel
Via Postumia Castellana, 2, 31055 Quinto di Treviso TV

FRIDAY 14 JUNE, h 21
KIRKE KARJA QUARTET
Preganziol, Giardino della Biblioteca
 Menù Sile Jazz, dinner at Ristorante Magnolia

 SATURDAY 15 JUNE, h 21
JAN STURIALE & ZORAN MAISTOROVIC GUITAR BAND
Silea, giardino della Biblioteca dei Liberi Pensatori
h 16: bike tour ALONG THE GREENWAY OF SILE RIVER
Menù Sile Jazz, dinner at Osteria da Nea

FRIDAY 21 JUNE, h 21
VAN KEMENADE’S THREE HORNS AND A BASS
Mogliano Veneto, Piazzetta del Teatro
Menù Sile Jazz, dinner at Unico Ristorante

SATURDAY 22 JUNE, h 21
HANG EM HIGH
Casale sul Sile, Porto
h. 16: bike tour  CASALE TREVISO PARCO NATURALE DEL SILE 
Menù Sile Jazz, dinner at  Uno Due Ristorante

FRIDAY 28 JUNE, h 21
ROBERTO PIANCA SUB ROSA
Zero Branco, Villa Guidini
Menù Sile Jazz, dinner at  Convivio di Villa Guidini

SATURDAY 29 JUNE, h 21
COSENTINO & DIODATI “Guitars night"
Two guitar solos
Badoere di Morgano, Chiesetta di Sant’ Antonio / Piazza Indipendenza
h 16: bike tour  SAMBUCO RING AND FONTANASSI WOOD
Sile Jazz Menù for dinner Mediterraneo Cantina

FRIDAY 5 JULY, h 21
REIS DEMUTH WILTGEN
Piazza Rinaldi, Treviso  
 Menù Sile Jazz, dinner at Odeon La Colonna 

SATURDAY 6 JULY, h 21
SIGURTÁ ONORATI PATERNESI
Villa Lattes, Istrana 
 h 16: bike tour  ISTRANA CASTELFRANCO
Menù Sile Jazz, dinner at  Frà Bernardo 

SPECIAL EVENT
FRIDAY 12 JULY, h 21
JOSHUA REDMAN QUARTET
Still Dreaming with Ron Miles, Scott Colley & Dave King
Treviso, Piazza Rinaldi
biglietto: 15 euro
Menù Sile Jazz, dinner at  Odeon Alla Colonna

SATURDAY 13 JULY, h 21
FABIO GIACHINO TRIO
Villa Grimani Morosini Gatterburg,  Albaredo di Vedelago 
h 16: JAZZ BIKE TOUR ON THE SOURCES OF THE RIVER
Menù Sile Jazz, dinner at Corona d'Oro

FRIDAY 19 JULY, h 21
ROSA BRUNELLO LOS FERMENTOS
Piazzetta del Teatro, Mogliano Veneto 
Menù Sile Jazz, dinner at Unico Ristorante

SATURDAY 20 JULY, h 21
E-VOLUTION  ALBATROS
Parco sul Fiume Musestre, Roncade 
 h 16: bike tour RONCADE, TO THE LAGOON ALONG MONACO-VENEZIA 
Menù Sile Jazz, dinner at La Rocca

FRIDAY 26 JULY, h19.30
Jazz Cruise in the Venice Lagoon 
EM4NCIPATION 
h 19.30 via Trieste 94 - Portegrandi (VE)
 Portegrandi - Laguna Sud - Torcello - Murano and back
h 24 - Portegrandi (VE)
ticket 45 euro (sailing, dinner and concert)

SATURDAY 27 JULY, h 21
 GREEN TOUR EVENT
GRANT STEWART EUROPEAN QUARTET
Villa Memo Giordani Valeri, Quinto di Treviso
h 16:  bike tour QUINTO DI TREVISO, ALONG SENTIERO DEGLI EZZELINI
 Menù Sile Jazz, dinner at Antica Osteria Righetto

SUNDAY 28 JULY, h 21
 JULIE SASSOON QUARTET
Piazza Pio X, Casier
Menù Sile Jazz, dinner at Trattoria al Sile
_________________________________________________________________________________

Entroterre Festival
simposio itinerante di musica, arte e convivialita'


Partirà il 15 giugno da Portomaggiore di Ferrara presso la Delizia del Verginese l'edizione 2019 di Entroterre Festival (terza edizione). Unico nel suo genere per la vastità del territorio coinvolto, per la ricercata selezione delle location e per la varietà di eventi, il Festival coinvolgerà le terre emiliano romagnole attraverso una rassegna di oltre 50 eventi. Diversità paesaggistiche e urbanistiche, sapori, profumi e tradizioni che attraversano una terra ricca come l'Emilia Romagna. Città che si trasformano in palcoscenici naturali per accogliere la musica in tutte le sue declinazioni, dal jazz, folk, blues alla musica antica. Questo è Entroterre. Alcuni nomi di eccezione: Luca Damiani, direttore artistico della manifestazione nonchè storico conduttore di Radio Rai, Massimo Nunzi con lo spettacolo "Jazz in Cinemascope", Rinaldo Alessandrini, direttore d'orchestra e clavicembalista, con il concerto "La musica da camera nella Famiglia Bach".
_________________________________________________________________________________


Pedras et Sonus - Jazz Festival Parte Montis
dal 17 al 22 agosto il festival Jazz diretto da Zoe Pia nel cuore della Marmilla
anteprima l’8 agosto, traversata il 7 agosto

Il Pedras et Sonus - Jazz Festival Parte Montis arriva nella sua seconda edizione tessendo nuove trame sonore ad opera della clarinettista e compositrice sarda Zoe Pia, Direttrice Artistica. Le date: dal 17 al 22 Agosto 2019, con il concerto di anteprima l’08 agosto e la novità del 07 agosto quando alle 10h30 salperà da Livorno la nave gialla che darà vita alla collaborazione con Time in Jazz di Paolo Fresu e Corsica-Sardinia Ferries. I sei territori dell’Unione dei Comuni Parte Montis (della Provincia di Oristano) saranno attraversati, mappati e raccontati attraverso eventi sonori con affermati ed emergenti musicisti del panorama jazzistico sardo e italiano in co-working con le realtà locali artigianali di Mogoro, Masullas, Gonnostramatza, Simala, Pompu e Siris. Il Pedras et Sonus vuole impegnarsi nella valorizzazione della musica patrimonio dell'Unesco, il Jazz, sul modello dei festivals di maggiore spicco regionale, nazionale ed internazionale con particolare riguardo, nella sua seconda edizione, alla sempre più ampia gamma di intrecci sonori. Il programma: Zoe Pia “Seascape 3rd” con Mauro Ottolini e Roberto De Nittis & Funky Jazz Orchestra di Berchidda (07 agosto, Livorno - Golfo Aranci, Nave Mega Express Two, h. 10e30); Mauro Ottolini & Sousaphonix in “Bix  Factor” (08 agosto, Mogoro, Chiesa della Madonna del Carmine, h. 22.00); Nilza Costa 4th “Roots” e il Coro Sa Gloriosa di Masullas (17 agosto, Gonnostramatza, Bosco loc. Serzela, h. 22.00); Zoe Pia con “Feminas" feat. trampolieri del Teatro Antas (18 agosto, Simala, Ex Montegranatico, h. 22.00); Gavino Murgia B&G trio (19 agosto, Mogoro, Nuraghe Cuccurada, h. 22.00); Roberto De Nittis & Micro Jazz Orchestra feat. Ada Montellanico in “Dada” (20 agosto, Masullas, Parco Geominerario dell’Ossidiana, h. 22.00); Vincenzo Vasi e Valeria Sturba in “Ooopopoiooo “ (21 agosto, Pompu, Casa del pane, h. 22.00); Freak Motel in “Escape Room" e Simone Grussu in “Ballendi Su Ballu" (22 agosto, Siris, Chiesa di San Sebastiano, h. 22.00). Il 19 Agosto alle ore 18h00 presso la sala convegni della Fiera dell’Artigianato Artistico della Sardegna, a Mogoro, verrà proiettato il docu-film “Donne e dee di Sardegna. Féminas e divas de Sardinia” con la partecipazione dell’autrice e regista Daniela Vismara, il lavoro prodotto da Rai Sardegna in collaborazione con il Centro di Produzione Rai di Milano. Questi gli artisti a cui verrà affidato il compito di rileggere lo spazio della cultura storica trasformandolo contemporaneamente nel contenuto di un progetto creativo e nel contenitore in cui ricollocare gli output espressivi. I luoghi interessati saranno nel territorio dei sei Comuni facenti parte dell’Ente, dalle realtà archeologiche ai centri storici, dai centri naturalistici ai poli museali. Prima, dopo e durante gli spettacoli sarà possibile conoscere i territori in maniera inusuale grazie alla rete di turismo sostenibile che si è intrecciata al festival attraverso tour experience, cene sotto le stelle, visite guidate notturne dei siti archeologici e tour sensoriali del gusto. Paesaggi sonori e commistioni artistiche daranno forma a una kermesse unica nel suo genere, con una panoramica a 360° sul jazz, le musiche improvvisate ad ampio raggio, i suoni etnici, le contaminazioni più stimolanti. Un rigenerante connubio tra natura e centri storici, artigianato e musica d’arte.  La Cantina Sociale “Il Nuraghe” di Mogoro e la BAM (Birrificio Artigianale Mogorese) creeranno un’edizione limitata di bottiglie dedicate al Pedras et Sonus Jazz Festival Parte Montis per la sua seconda annata. Il Pedras et Sonus Jazz Festival è reso possibile grazie all'Unione dei Comuni Parte Montis e con il contributo della Fondazione di Sardegna, dei Comuni di Mogoro, di Masullas, di Gonnostramatza, di Siris, di Pompu e di Simala e con la partecipazione e il sostegno di Corsica Ferries-Sardinia Ferries, Grafik Art di Ales, Cantina Sociale "Il Nuraghe" di Mogoro, l’Associazione Musicale Mogorese, il Birrificio Artigianale Mogorese - Bam, Cochi’s Art e Alessandra Curreli Made In Italy.



Tutti i concerti sono ad ingresso gratuito.
pedrasetsonus@gmail.com
_________________________________________________________________________________

Nei luoghi storici della suggestiva città di Gubbio torna il Festival Jazz Gubbio No Borders
Dal 17 agosto al 1 settembre la 18^ edizione del Festival Jazz di Gubbio ambientato nei luoghi storici e suggestivi della città tra cui il Palazzo Ducale e il Teatro Romano, con grandi protagonisti del jazz nazionale come Danilo Rea, Fabrizio Bosso, Lorenzo Tucci, Javier Girotto, Massimo Moriconi e le No Borders Masterclass con docenti illustri che già lo scorso anno hanno registrato il tutto esaurito.


Nella città ducale di Gubbio dal 17 agosto al 1 settembre 2019 si terrà la 18esima edizione del Festival jazz  Gubbio No Borders. Organizzato dall'Associazione Jazz Club Gubbio con la direzione artistica di Luigi Filippini, la manifestazione è divenuta uno degli eventi più attesi dell’estate umbra, con una notevole affluenza di pubblico e ospitando ogni anno grandi esponenti del jazz nazionale. Protagonisti di questa edizione 2019 saranno sicuramente i luoghi storici della Città grazie alla preziosa partnership con il Polo Museale dell’Umbria: il Palazzo Ducale, antica residenza estiva di Federico da Montefeltro, luogo dalla straordinaria bellezza rinascimentale che spicca nell’architettura prevalentemente medievale di Gubbio, il suggestivo Teatro Romano che risale al 20 a.c., il Cortile della Società Generale Operaia di Mutuo Soccorso del Palazzo Benvenuti nel quartiere San Martino, il più antico della Città. Varie ere storiche esaltate architettonicamente che svettano sul paesaggio naturalistico di Gubbio, luogo dal fascino irresistibile che ogni anno richiama nell’Alta Umbria migliaia di turisti. Fondamentale il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia che ha finanziato l’alta qualità di questa 18 esima edizione, che presenta in cartellone nomi illustri tra cui il pianista Danilo Rea, il trombettista Fabrizio Bosso, il sassofonista Javier Girotto, il batterista Lorenzo Tucci e il bassista Massimo Moriconi. Dopo il grande successo e il tutto esaurito dello scorso anno, con studenti provenienti da tutta Italia, tornano le No Borders Masterclass dirette da Leonardo Radicchi e Andrea Angeloni, che si sono distinte sia per l’illustre corpo docenti formato da alcuni tra i jazzisti di punta del panorama nazionale, tra cui Francesco Diodati, Cristiano Arcelli e Gabriele Evangelista, sia per l’elemento distintivo della didattica strutturata in lezioni individuali, che consente ad ogni studente una esperienza personalizzata sulle singole esigenze di apprendimento e perfezionamento. Il programma completo è presente al link. Per info e iscrizioni (costo agevolato fino al 15 giugno): masterclass.noborders@gmail.com – tel. 342.6858424 oppure 334.8534002. Riconosciuto a livello nazionale, il Gubbio No Borders negli anni ha portato nella Città di Gubbio tanti protagonisti del panorama jazz italiano e internazionale. Quest’anno ad aprire la manifestazione, sabato 17 agosto alle 21.30 nella splendida cornice del Teatro Romano, sarà Danilo Rea, uno dei pianisti più amati in Italia in ambito jazz e pop: lo hanno voluto accanto a sé celebri artisti come Mina, Gino Paoli, Pino Daniele, Domenico Modugno, Claudio Baglioni, Fiorella Mannoia, Riccardo Cocciante, Renato Zero, Gianni Morandi e Adriano Celentano. Il suo talento lo ha portato ad affermarsi anche sulla scena internazionale suonando in tutto il mondo al fianco dei più grandi nomi del jazz come Chet Baker, Lee Konitz, Steve Grossman, Phil Woods, Michael Brecker, Joe Lovano, Gato Barbieri, Brad Mehldau, Michel Camilo e il Premio Oscar Luis Bacalov. Insieme al trio completato dal noto contrabbassista Ares Tavolazzi e dal batterista Ellade Bandini, Rea interpreterà con il suo inconfondibile stile melodico alcuni brani celebri - tra cui alcune “perle” dei Beatles, e darà prova della sua grande raffinatezza come improvvisatore. Mercoledì 21 agosto alle 21.30 nel celebre Palazzo Ducale di Gubbio un altro appuntamento con i grandi del jazz italiano: il batterista Lorenzo Tucci, il trombettista Fabrizio Bosso, il sassofonista Javier Girotto e l’hammondista Luca Mannutza. Quattro musicisti d’eccezione e molto amatidal grande pubblico: Lorenzo Tucci ha suonato in tutto il mondo collaborando con i migliori musicisti jazz contemporanei (tra cui Tony Scott, George Garzone, Mark Turner, Emmanuel Bex, Danilo Rea, Enrico Pieranunzi, Enrico Rava, Stefano Di Battista, Dado Moroni, Rosario Giuliani); l’acclamato Javier Girotto è il fondatore degli amatissimi Aires Tango, e Fabrizio Bosso è uno dei trombettisti di punta della musica italiana: più volte è stato invitato a calcare il palco del Festival di Sanremo insieme a Sergio Cammariere, Nina Zilli, Simona Molinari e Raphael Gualazzi,e si è esibito nelle location più prestigiose a livello internazionale sia come solista insieme a grandi direttori d’orchestra come Wayne Marshall o Maria Schneider, sia con la London Symphony Orchestra, sia con formazioni a suo nome.  Il bellissimo Palazzo Ducale ospiterà anche il concerto di mercoledì 28 agosto, sempre alle 21.30: sul palco Massimo Moriconi, una vera e propria icona della musica italiana, e “the new voice talent” Emila Zamuner, con il progetto “Duets” che celebra le canzoni tratte dal songbook americano ed italiano, esaltando la maestria musicale dei due musicisti.  Celebre bassista di Mina, con cui ha inciso ben 34 album, Massimo Moriconi è uno dei musicisti più richiesti in Italia.Oltre ad aver vinto il referendum nazionale di Guitar Club come miglior contrabbassista e come miglior bassista di sala di registrazione, si è aggiudicato anche il referendum della rivista “Chitarre” come miglior bassista jazz-fusion. Nella sua carriera ha registrato oltre 350 dischi, e si è interfacciato con autentici miti tra cui Chet Baker, Billy Cobham, e Lee Konitz. In Italia conta moltissime collaborazioni tra cui quelle con Armando Trovajoli, Lelio Luttazzi, Fabio Concato, Fiorella Mannoia e Franco Califano. Sarà il quartiere storico di San Martino, ubicato nel cuore della Città, ad ospitare l’ultimo concerto dell’edizione 2019 del Festival: domenica 1 settembre alle 21.30 nel Cortile della Società Generale Operaia di Mutuo Soccorso si terrà il concerto “No BordersMeet Up” con i 9 docenti delle No BordersMasterclass: i chitarristi Francesco Diodati e Paolo Ceccarelli, i sassofonisti Cristiano Arcelli e Leonardo Radicchi, il trombonista Andrea Angeloni, il contrabbassista Gabriele Evangelista, la cantante Marta Raviglia, il batterista Marco Valeri, il pianista Alessandro Giachero. Insieme a loro, si esibiranno gli studenti delle Masterclass.


Info e biglietteria: Associazione Jazz Club Gubbio: tel. 347.8283783 - 075.9220693.  
_________________________________________________________________________________

VILLAGE CELIMONTANA
IL FESTIVAL JAZZ CON PIÙ AFFLUENZA D’EUROPA
L’estate romana si riempie di Musica con più di 100 concerti dal 1° giugno al 10 settembre 2019
Media Partner Ufficiale della Rassegna
Dimensione suono soft

Un’estate romana che si riempie di musica, cultura ed eleganza con la quarta edizione del Village Celimontana, rassegna organizzata dal Cotton Club che avrà luogo dal 1° giugno fino al 10 settembre 2019. Dopo l’enorme successo della passata stagione, dichiarato il Festival Jazz con più affluenza d’Europa, torna uno degli appuntamenti più attesi dell’estate che proporrà più di 100 concerti live e un programma di grande livello. Un festival, dunque, che vedrà alternarsi sul palcoscenico i grandi musicisti jazz, formazioni swing e manouche, offrendo spettacoli di tango e alcune delle più interessanti big band italiane. Scenario ideale per questa kermesse, una location elegante e suggestiva che richiama il fascino della vecchia Roma e che per l’occasione sarà allestita in uno stile integrato alla bellezza di una villa che è tornata a proporre musica di qualità. L’offerta culinaria è adatta alle serate estive romane, con la Pinsa, la griglieria e i frittini freschi al cartoccio come la migliore tradizione romana. Media-Partner della rassegna sarà Dimensione suono soft.
APERTURA: La giornata di apertura della rassegna, ovvero il 1° giugno 2019, sarà affidata al sassofono del grande Javier Girotto insieme al pianoforte di Natalio Mangalavite. Un duo argentino che da anni vive in Italia e che con il progetto “Estandars” darà inizio ad un Festival di oltre 100 concerti attraverso la poesia della sua musica ed il carattere inconfondibile della sua terra, l’Argentina.
NAT KING COLE: Il Festival del 2019 è caratterizzato dalla celebrazione di uno dei più carismatici personaggi della musica mondiale, Nat “King” Cole che nasceva esattamente 100 anni fa nel 1919. Il Village Celimontana farà gli auguri alla sua maniera: ogni sera i musicisti dedicheranno un pezzo a questo musicista unico e “Unforgettable”, un grandissimo pianista e cantante, a cui tanti si sono inspirati, tra cui anche artisti italiani, uno su tutti, Luigi Tenco, a cui il talentuoso e giovane cantautore Saverio Martucci dedicherà alcuni brani. Ogni mese verrà dedicato un intero evento a partire dal concerto di Claudio “Greg” Gregori con Max Pirone ed il suo sestetto nel mese di giugno, Larry Franco e Dee Dee Joy che da anni cantano Nat e Natalie Cole nel mese di luglio, Silvia Manco e Davide Palma ad agosto e Marco Ricciardi che chiuderà il Festival a settembre con un’orchestra dalla sezione di archi a suggellare la grandezza del personaggio.
LE BIG BAND: Il Village Celimontana è da sempre la casa delle Big Band che trovano il loro spazio per esibirsi. Emanuele Urso sarà l’unico ad avere uno spazio continuo il Venerdì dove porterà 6 volte la sua incredibile Big Band, il Maestro Claudio Pradò il giorno della festa della Repubblica con il suo Hard Bop dell’Artidee Jazz Orchestra, i Soulpeanuts, la Ialsaxophone Jazz Ensemble, la Lake Jazz Orchestra, la Cotton Club Orchestra del Maestro Remo Izzi, la Bixi Big Band di Carlo Capobianchi, l’orchestra di Marco Ricciardi con i suoi archi ed I Soliti Ignoti, la Big Band del Maestro Aldo Bassi. Anche il Gospel di altissima qualità di Antonella Cilenti e i suoi Phonema Gospel singers.
SERATE SOCIAL: Tante le “serate dedicate al sociale” a partire dal primo appuntamento con La Nazionale Jazzisti Italiani Onlus mercoledì 5 Giugno con una raccolta in favore di un jazzista, calciatore della Nazionale, che ha avuto un grave problema di salute. Max Maglione organizzerà una raccolta fondi il 16 giugno a favore dell’Associazione Onlus Peter Pan con la partecipazione straordinaria di Fabrizio Bosso per una raccolta di beneficenza al fine di aiutare i bambini affetti da malattie onco ematologiche. Altro evento di grande rilievo sarà quello del 21 giugno in occasione della Festa della Musica, durante questa giornata Village Celimontana organizzerà una raccolta fondi attiva e concerti dalle 16:00 alle 24:00 oltre ad una raccolta di beni di prima necessità per il Venezuela grazie alla collaborazione con l’Associazione “Venezuela, piccola Venezia”.
ROMAN CLASSIC JAZZ FESTIVAL: Lino Patruno è “lo” storico musicista, sia per la sua grande connessione alla musica Jazz tradizionale sia per la sconfinata cultura e conoscenza di aneddoti e circostanze legate a questo periodo di musica. E’ sufficiente pensare che Pupi Avati lo chiamò a collaborare per il film “Bix, un ipotesi leggendaria” proprio perché nessuno come lui conosceva la storia di Bix Beiderbecke e Jo Venuti. Ecco quindi una settimana dedicata al grande Jazz tradizionale, Lino Patruno presenta il Roman Classic Jazz Festival dal 30 Luglio al 4 Agosto. Il grande Jazz di un secolo fa prenderà vita partendo dalla colonna sonora, firmata da Duke Ellington, del film Cotton Club della Big Band del Maestro Remo Izzi ai frizzanti Hot Stompers; dal quartetto Swing con i tanti ballerini che animeranno la serata dell’americano Michael Supnick alla Big Band stile Benny Goodman del fenomeno Emanuele Urso; dall’interpretazione elegante e musicale di Riccardo Mei, accompagnato dalla Big Band del Maestro Carlo Capobianchi, del grande Frank Sinatra al magico Dixieland del Banjo di Lino Patruno nel suo Jazz show. Uno storico Festival nel Festival per ricordare la grande musica Swing ed i più grandi interpreti.
CELIMONTANGO TUTTI I LUNEDÌ: E’ una rassegna dedicata al Tango ballabile da “Milonga” che quest’anno sarà impreziosita con dei live. La serata comincerà con la lezione di Tango dei maestri più rinomati a Roma, Francesca Del Buono e Santiago Castro che insegneranno anche come ballare con i concerti dal vivo: una novità assoluta offerta da Celimontango. Le serate saranno caratterizzate dal ballo, dalla musica dal vivo e dalla musica dei “musicalizzatori”, i dj del Tango, nella classica sequenza di Tande. In programma le giovanne Las Maripositas un gruppo tutto al feminile e Tango Crew della cantante e attrice Vera Dragone.
SWING SWING SWING TUTTI I MARTEDÌ: E’ una rassegna dedicata al ballo Swing, il Lindy hop, il Charleston, il Tip Tap. Molti verranno vestiti in stile Vintage. Le serate cominceranno sempre con una lezione gratuita offerta dalle migliori scuole di Roma, una lezione “primi passi” per mettere in condizione di ballare anche chi non lo ha mai fatto. Le lezioni si svolgeranno al centro della pista. Seguirà il concerto dal vivo che sarà ballato da tutti i ballerini ed il Dj set Swing a cura di Dj Arpad, il tutto sarà coordinato dalla madrina della serata Lalla Hop che darà la cadenza giusta dettando il susseguirsi dei tempi.
BEVO SOLO ROCK’N’ROLL UN GIOVEDì AL MESE: E’ la rassegna dedicata al Rock’n’roll anni ’50, per chi ama ballare nello stile Grease e American Graffiti, molti si vestono in stile e il Village Celimontana sarà ricco di animazioni anni ’50 come hula-hoop, giubox, surf meccanico, zucchero filato e pop corn, per ricreare l’atmosfera adatta. Le serate cominceranno con le lezioni gratuite offerte dalle migliori scuole romane ed a seguire il doppio concerto, uno alle 21 e l’altro alle 22,15.
INTERNATIONAL VILLAGE CELIMONTANA: Village Celimontana sarà anche uno spazio dedicato alla musica internazionale, dalla Francia avremo le serateED Gipsy Manouche di Leila Duclos, les Petits Papiers e les Chats Noirs, ed il Jazz internazionale di Jean Sebastien Simonoviez (Francia) e Jacob Dinesen (Danimarca), dall’argentina Javier Girotto e Natalio Mangalavite dagli USA Noreda Graves ed il suo Soul e Fatimah Provillon degli Smoking Cats, dalla Norvegia Nina Pedersen che presenterà il suo nuovo progetto.
I GIOVANI TALENTI: Spazio ai giovani talenti emergenti, Federica Michisanti presenta Itchy quartet, Jacopo Ferrazza presenta Theater, Matteo Cidale e Valerio Vantaggio con 2 batterie sul palco presentano Batteriology, Vittorio Cuculo, stella emergente del Sax tenore presenta Between e poi Federico Bosio, Davide Palma, i Newtones e tanti altri. Giovanni Cicchirillo, Lorenzo Soriano, Federico Mazzola, Federico Colalelli sono alcuni dei tanti ragazzi che invece suonano nelle orchestre.
I GRANDI DEL JAZZ: Non mancano i grandi nome del Jazz italiano che hanno sempre partecipato alle magiche serate di Villa Celimontana, Dado Moroni e Max Ionata con “Two for Stevie”, Maurizio Giammarco con “Trad with Trap”, Marcello Rosa ed il suo vocabolario Jazz, Gianni Oddi e la sua orchestra di sax “Ialsaxophone”, il dolce Clarinetto di Bepi D’Amato ci ricorderà Artie Shaw, ed il virtuoso sax di Carlo Atti, Michele Pavese ed il suo trombone Dixieland per un tributo allo scomparso Carlo Loffredo.
ED INOLTRE: Max Paiella verrà 2 volte con i suoi Rabbits, David Riondino con il “Decameron canzoni e storie”, Gigì e Al Bianchi con il loro Great Show, Stefano Reali e Pamela D’Amico ci racconteranno dell’incredibile vena compositiva di Tom Jobim, Cristiana Polegri di Gene Kelly, Stefano Abitante interpreterà Fred Buscaglione. Infine un evento unico con la proiezione del film di Stefano Landini dedicato a Petito e Picchi Pignatelli “Cocktail Bar” gestori del mitico Music Inn in cui hanno suonato i più grandi del Jazz mondiale: l’evento prenderà piede domenica 21 luglio ed a seguire si terrà il concerto della Colonna sonora originale del film composta da Massimo Fedeli ed interpretata dal suo quintetto.
ROMA NON FA LA STUPIDA STASERA: Tutte le domeniche di giugno l’appuntamento è con il Format “Roma non fa la stupida stasera”, serata che prevede un intrattenimento musicale e teatrale con il Trio Monti ed i Fuorisync. Testi e regia di questo spettacolo sono di Maurizio Francabandiera, ottimizzazione Antonella Venanzi. Cinque domeniche in cui non mancheranno tanti ospiti a sorpresa tra comici, attori e artisti.
IL FOOD & BEVERAGE: Tante le soluzioni e tutte romane, si parte dalla Pinsa romana passando per i “frittini” al cartoccio fino alla “griglieria” espressa. I dolci artigianali dalla Creperia ai Waffel fino alla frutta fresca e cornetteria notturna. Dai sapori locali ci spostiamo verso il Nord Europa con l’azienda Kissmeyer, brand tedesco pluripremiato, che sarà presente con un’offerta di dieci birre artigianali di grande livello e con Okologisk, birra danese, e la sua bionda biologica. L’iniziativa è parte del programma dell’Estate Romana promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con SIAE.

OGNI LUNEDÌ – CELIMONTANGO

OGNI MARTEDÌ – SERATA SWING SWING SWING
Scuola di ballo con lezione gratuita ore 20:30
Concerto Live ore 22:00

TUTTI I GIOVEDÌ VENERDÌ SABATO E DOMENICA DI GIUGNO E LUGLIO
DUO LIVE ore 19:00 – a cura delle migliori scuole di musica di Roma
A seguire Main Concert ore 22:00

LUNEDI’ 24 GIUGNO
CELIMONTANGO - TANGO CREW
TANGO
Ogni lunedì Jazz Village ospita Celimontango, evento curato da “il Principe e Dj Vargas” che trasformerà lo spazio della Villa in un’autentica Milonga. “Il segreto del tango sta in quell’istante di improvvisazione che si crea tra passo e passo. Rendere l’impossibile una cosa possibile: ballare il silenzio.”  Lezioni di tango a cura di Samantha Dispari e Santiago Fina, maestri argentini che saranno presenti a Celimontango per tutta la durata del Festival dal mese di giugno fino a settembre. Lunedì 24 giugno la milonga è impreziosita da un evento live con i Tango Crew. La band nasce dall'incontro di quattro musicisti provenienti da esperienze musicali molto diverse, il loro approccio è quello di creare una sinergia perfetta tra musica e ballo, il gruppo si ispira alle grandi orchestre di tango che fanno parte della tradizione musicale di questo stile di musica, cercando sempre di inserire elementi tematici più nuovi con un uno sguardo verso il futuro. Tango Crew – line up: Vera Dragone, voce; Mariano Navone, Bandoneon; Sebastian Villanova, pianoforte; Giuseppe Civiletti, contrabbasso.
Milonga (serata di ballo) tutti i lunedì dalle ore 22,00 alle 2,00. Organizzatori: Alberto Alfieri Cardia “il Principe”- Riccardo Vargetto “Vargas”- Ingresso €. 10,00
Corsi di Tango pre-milonga a Villa Celimontana il Lunedì dalle ore 20,30 – 22,00 (a seguire ore 22,00 Milonga CELIMONTANGO); Lez singola 12€; Lez + Milonga 20€

MARTEDI’ 25 GIUGNO
SWING SWING SWING
OLD FRANK
SWING 
Ogni martedì si balla al Village Celimontana con la serata a tema "SWING SWING SWING ! Spazio per i Lindy Hoppers e amanti del ballo Swing! Ogni settimana una lezione di ballo gratuita ad inizio serata per imparare i primi passi e ballare ritmo di Swing. Questa volta sarà il turno della scuola Swing & Soda. A seguire sul palcoscenico andranno Davide Palma e Carlo Capobianchi che propongono da alcuni anni gli “Old Frank” nel panorama dello swing e del jazz romano ed italiano. Hanno suonato in numerosi festival e club della capitale portando in tutte le occasioni la passione e la freschezza dello swing. Il quintetto è formato da voce, tromba, pianoforte, contrabbasso e batteria, una formazione agile ed elastica e allo stesso tempo ricca di suoni e colori frizzanti, tipici della “swing-era”. Il loro repertorio di famosi e indimenticabili standard americani è arricchito dal tributo al grande Frank Sinatra. Line-up: Davide Palma, voce; Carlo Capobianchi, tromba; Vincenzo Lucarelli, piano; Giuseppe Talone, contrabbasso; Andrea Nunzi, batteria;
Selezioni musicali swing ore 20:00; Lezione di ballo gratuita per principianti ore 21:00
Concerto OLD FRANK ore 22:00; Djset Only Swing di Lalla Hop e Dj Arpad 23:00
Ingresso free

MERCOLEDI’ 26 GIUGNO
IALSAXOPHONE - DIRETTA DA GIANNI ODDI
HARD BOP 
Ialsaxophone Ensemble, è un grande laboratorio di ricerca musicale afroamericana composto da musicisti provenienti da varie aree artistiche della scena musicale romana. Si riunisce tutte le settimane sotto la guida di Gianni Oddi storico saxofonista dell’Orchestra di Musica Leggera della Rai per approfondire e sperimentare nuove partiture e per affinare vari aspetti solistici ed interpretativi della storia del jazz e non solo.  Ha già partecipato a concerti e rassegne importanti come: Festa della Danza Teatro Greco, Concerto per 100 Sax di Salvatore Sciarrino alla Galleria Nazionale di Arte Moderna, Concerti Jazz al Teatro dei Dioscuri, Teatro Tirso, Teatro dei Servi, Auditorium della Discoteca di Stato, Be-Bop Jazz Club, Teatro Il Cantiere, Teatro Le Salette, Music Inn Jazz Club, Jazz on the River “Barcone Sul Tevere”. La serata sarà illuminata dalla presenza di due pietre miliari della storia del jazz: Antonello Vannucchi e Cicci Santucci, artisti che hanno scritto da decenni la storia del jazz internazionale. Il programma del concerto, prevede musiche della storia del jazz tra le più importanti scritte da: Dizzy Gillespie, Charlie Parker, Joe Zawinul, Jimmy Giuffrè, Marco Tiso, Adriano Piva, Gianni Oddi, Pino Iodice, Tito Puente. Proiezioni delle opere Jazz di Sandro Perelli. GIANNI ODDI: Figlio d'arte (il padre è mandolinista), compie gli studi al Conservatorio Niccolò Paganini di Genova, in cui si diploma in pianoforte e fisarmonica nel 1968; già da studente però inizia a suonare in complessi jazz cittadini il sassofono, che diventa in breve il suo strumento preferito. Si trasferisce poi a Roma e nel 1970 entra alla RCA Italiana come session-man, suonando con tutti i principali artisti dell'etichetta (da Domenico Modugno a Claudio Baglioni, da Mia Martini a Lucio Dalla. Nel 1972 entra nella Big Band del Maestro Enrico Simonetti, insieme tra gli altri al trombettista Michele Lacerenza, al sassofonista Sal Genovese, al bassista Maurizio Majoranaed al percussionista brasiliano Mandrake, effettuando alcuni concerti; il cd tratto da questi spettacoli verrà pubblicato solo nel 2006 nella serie Via Asiago 10. Sua è anche la sigla del TG2 dal 1983 al 1987. Nel 1973 pubblica un album strumentale, con alcune canzoni molto note riarrangiate, tra cui La collina dei ciliegi di Lucio Battisti e My Love di Paul Mc Cartney, primo di una serie di dischi in cui reincide successi del momento con alcuni inediti di sua composizione. Nella seconda metà degli anni '70 diventa primo sax alto dell'Orchestra di Musica Leggera della RAI di Roma, tralasciando sempre più l'attività di session man; diventa inoltre sassofono solista per Ennio Morricone. Si è anche dedicato alla composizione di colonne sonore, tra cui per Mondo di notte oggi (1976). Line-up: Gianni Oddi Sax; Beverly Lewis Voce; Stefano Napoli Contrabbasso; Massimiliano Di Cristoforo Batteria; Marina Acerra Sax; Stefano Angeloni Sax; Mario Biondi Sax; Carla De Virgilio Sax; Giorgio Guarini Sax; Anna Impellizzeri Sax Baritono; Marco Macor Sax; Lino Pasqualetti Sax; Massimiliano Perugini Sax; Adriano Piva Sax; Paolo Piva Sax; Tiziano Liburdi Sax; Luigi Martini Sax; Sandro Perelli Sax.

GIOVEDI’ 27 GIUGNO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ITCHY QUARTET FEATURING ROBERTO PIANCA
JAZZ CONTEMPORANEO
ITCHY Quartet nasce dalla collaborazione tra il chitarrista svizzero Roberto Pianca e la contrabbassista romana Federica Michisanti, vincitrice del Top jazz 2018 come miglior nuovo talento italiano e leader di due formazioni, con le quali è attiva sia in Italia che in Europa. Tre dischi pubblicati come leader, l’ultimo dei quali Silent Rides è arrivato settimo tra i migliori dischi Italiani del 2018 secondo Musica Jazz. Roberto ha suonato e lavorato con una grande varietà di artisti tra i quali Joey Baron, Russ Lossing, Rafael Schilt, Sienna Dahlen, Savina Yannatou, Glenn Zaleski ed inciso due dischi per l’etichetta ECM con la formazione Third Reel. Completano la formazione Simone Maggio al pianoforte, che da anni collabora con Federica nel progetto TRIONESS, compositore e docente al St Louis college of music di Roma, e Francesco De Rubeis alla batteria, che si esibisce regolarmente da lungo tempo su alcuni dei più prestigiosi palchi  internazionali e svolge una intensa attività di musicista per la danza, collaborando con istituzioni di livello internazionale  tra Roma e NYC, quali Juilliard School of Arts, Cunningham Trust, Tisch School at NYU, American Music and Dramatic Academy, Martha Graham Company, Accademia Nazionale di Danza. ITCHY Quartet propone brani originali e canzoni della tradizione jazzistica americana, rivisitate secondo lo stile ed il sound della formazione. Line-up; Roberto Pianca, chitarra; Federica Michisanti, contrabbasso; Simone Maggio, piano; Francesco De Rubeis, batteria.

VENERDI’ 28 GIUGNO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 - EMANUELE URSO “THE KING OF SWING” BIG BAND
SWING
Un tuffo nell’America degli anni ’30 e soprattutto in quell’epoca che a posteriori è stata definita la “Swing Era”. Venerdì 28 giugno 2019 l’appuntamento al Village Celimontana è con il re dello Swing “Emanuele Urso” con la sua straripante e coinvolgente big band composta da ben 17 elementi. Non solo un concerto, dunque, ma un vero e proprio viaggio in musica verso un periodo storico (’35 – ’45) che ha lasciato una traccia indelebile nella storia stessa. Erano quelli gli anni in cui si affermavano artisti quali Benny Goodman, Jimmy, Tommy Dorsey, Glenn Miller, Harry James Charlie Barnet tra i bianchi e Chick Webb, Jimmy Lunceford, Sy Oliver, Cab Calloway tra i neri. Un jazz diverso, dunque, più raffinato e dolce che si andava a sostituire a quella musica più “nera” e viscerale di artisti importanti quali King Oliver, il primo Louis Armstrong ed il primo Duke Ellington. La big band capitanata da Emanuele Urso, che da anni si contraddistingue per gusto, tecnica e raffinatezza, ci riporta proprio in quel periodo storico: quegli anni ’30 in cui le sale erano prese da assalto da ballerini, mentre piccolo e grande schermo trasmettevano concerti che avrebbero lasciato un grande retaggio alle generazioni future.Quello di venerdì 4 aprile sarà, dunque, uno spettacolo che riporterà il pubblico verso questo immaginario, con un approfondimento particolare ad autori quali il grande Banny Goodman, senza dubbio uno dei più grandi musicisti, compositori e direttori d’orchestra della storia. Inoltre la big band proporrà i brani con gli arrangiamenti originali che Fletcher Henderson scrisse per Benny Goodman Orchestra, un’ulteriore prova di autenticità di uno show che ripercorre la poetica del “Cotton Club” di Harlem degli anni ’30 con tutta la sua energia. Emanuele Urso è polistrumentista dalla grande raffinatezza artistica: quando suona il clarinetto dà prova di grande tecnica, eleganza e talento improvvisativo, quando è alla batteria, invece diventa energia e potenza allo stato puro. E’ senza dubbio uno dei più grandi interpreti moderni del suono di quell’epoca e lo spettacolo non si limita ad una mera riproduzione, ma rappresenta una vera e propria immersione in un’altra epoca. Merito non solo della tecnica dei musicisti, impeccabile e sublime, ma anche del gusto e della poetica di un musicista dalla grande sensibilità musicale che ha creato e sa dirigere alla perfezione una big band di grande livello. Line-up; Emanuele Urso, Clarinetto/Batteria; Lorenzo Soriano, Tromba; Giuseppe De Simoni, Tromba; Federico Colalelli, Tromba; Alessandro Fumarola, Tromba; Stefano Matteucci, Sax; Stefano Di Grigoli, Sax; Lucia Cardone, Sax; Daniele Dominici, Sax Contralto; Marco Pace, Sax; Alessandro Cicchirillo, Trombone; Nicola Fumarola, Trombone; Adriano Urso, Piano; Sergio Piccarozzi, Chitarra; Stefano Napoli, Contrabbasso; Giovanni Cicchirillo, Batteria; Clara Simonoviez, Voce. 

SABATO 29 GIUGNO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 - SAVERIO MARTUCCI FEAT ALLESSANDRO TOMEI
IL MIRACOLO DEL GIORNO
CANTAUTORE
Saverio Martucci nasce a Benevento il 2 maggio 1984. Cantautore ispirato e innamorato della forma canzone, quella che nasce direttamente dalla melodia più semplice, senza forzature. Durante gli studi di pianoforte classico al conservatorio Nicola Sala di Benevento è folgorato dal linguaggio poetico e al contempo sovversivo del grande autore Miles Davis. Decide quindi di approfondire tale linguaggio iscrivendosi al triennio di scrittura per organici jazz. Il debutto come cantante avviene a 15 anni nei concerti del padre Nico Martucci, prima come cantante- percussionista e poi come pianista- cantante. Le prime canzoni sono esperimenti poetici o forse troppo poetici perché non hanno ancora i caratteri che servono a distinguere un cantautore da altri per originalità e forma. Con la canzone “Cantabile” conquista la fiducia del Maestro Vessicchio col quale collabora come autore per alcuni nomi della musica italiana e contemporaneamente si esibisce nei concerti del Maestro accompagnato dal “Sesto Armonico” e dal chitarrista Ciro Manna. Nel 2015 incontra quello che diventerà il suo produttore artistico Dario Rosciglione, noto contrabbassista e talent scout, il quale gli propone di realizzare un EP con l’etichetta “Jando Music” di Giandomenico Ciaramella (Produttore Discografico). Ha cantato nel progetto della pianista Rita Marcotulli (Omaggio ai Pink Floyd). Attualmente è in tournèe con il Maestro Vessicchio, i Solisti del Sesto Arminico, Ciro Manna, Antonio Muto, Alessandro Scialla, Andrea Rzzoli, Marco Galiero, Filippo D’Allio, Alessandro Tomei, Mario Caporilli, Rocco Degola (con la partecipazione speciale della cantautrice – arrangiatrice - direttrice d’orchestra leccese Carolina Bubbico).

DOMENICA 30 GIUGNO
ORE 19:00 - DUO LIVE - JAZZ
ORE 22:00 - LAKE JAZZ ORCHESTRA
BE BOP BIG BAND
Domenica 30 giugno presso Village Celimontana andrà in scena la Lake Jazz Orchestra. Lake Jazz orchestra nasce a Bracciano nell’ottobre 2010 da un’idea del M.° Luca Rizzo incoraggiata e supportata dall’assessorato alla cultura del comune di quel periodo. L’organico è quello di una big band tradizionale composta da una sezione di cinque sax, cinque trombe, quattro tromboni, una voce ed una sezione ritmica formata da pianoforte, chitarra, contrabbasso e batteria. Al primo CD “Mission Impossible” uscito nel 2012, sono seguiti più di trenta concerti tra i quali: Fortezza Borgia, Auditorium della Conciliazione di Roma, Viva Bracciano, Festival del Cinema, Teatro di Vejano, Marino Jazz Festival ecc. Successivamente la Lake Jazz Orchestra ha realizzato altri due CD: “So big…” e “Live at Marcigliana” seguiti da intensa attività concertistica. Hanno collaborato e suonato con la Big band: Sergio Vitale, Enzo De Rosa, Claudio Corvini, Tiziano Ruggeri, Marco Rovinelli, Francesco Lento, Antonio Padovano ed altri. La big band in questi anni è cresciuta molto sia da un punto di vista strettamente musicale che di organico. L’ ultimo lavoro “Strike up the band” è interamente dedicato agli arrangiamenti di Sammy Nestico, uno dei più grandi arrangiatori per Big Band. Un progetto nato due anni fa e che ha avuto il piacere di ospitare uno dei maggiori solisti italiani: Max Jonata. Il CD è stato presentato alla Casa del Jazz a febbraio 2019. Line-up: Daniela Bazzan, voce; Luca Rizzo, 1° alto sax e clarinetto; Simona Guidoni, 2° alto sax; Federico Luison, 2° alto sax; Fabrizio D’alisera, 1° tenor sax; Roberto Leoni, 2° tenor sax; Daniele Bonomi, 2° tenor sax; David Cerasuolo, baritone sax; Sergio Vitale, 1° tromba; Enrico Martella, 2° tromba;
Luca Celon, 3° tromba; Arnaldo Granati, 3° tromba; Giovanni Bardocci, 4° tromba; Stan Adams, 1° trombone; Fabrizio Vinciguerra, 2° Trombone; Dario Piccioni, 3° trombone; Alfio Spitaleri, trombone basso; Raniero Bei, pianoforte; Cristina Perone, chitarra; Laura Pesce Delfino, contrabbasso; Marco Rovinelli, batteria.

LUNEDI’ 1° LUGLIO
CELIMONTANGO
TANGO

MARTEDI’ 2 LUGLIO
SWING SWING SWING
THE SWING BARRIQUES PLUS
SWING

MERCOLEDI’ 3 LUGLIO
MAX PAIELLA & THE RABBITS
SWING

GIOVEDI’ 4 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 21:00 - BEVO SOLO ROCK’N’ROLL - THE PARTNERS IN CRIME ROOTS
ROCK’N’ROLL ANNI ‘50
ORE 22: 00 - BEVO SOLO ROCK’N’ROLL - RED WAGONS
ROCK’N’ROLL ANNI ‘50

VENERDI’ 5 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 - EMANUELE URSO “THE KING OF SWING” BIG BAND
SWING BIG BAND

SABATO 6 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 - BEPI D’AMATO
ARTIE SHAW TRIBUTE
SWING

DOMENICA 7 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 - PHONEMA GOSPEL SINGERS
GOSPEL POP

LUNEDI’ 8 LUGLIO
CELIMONTANGO
TANGO

MARTEDI’ 9 LUGLIO
SWING SWING SWING
CONOSCI MIA CUGINA
SWING

MERCOLEDI’ 10 LUGLIO
DAVID RIONDINO FEAT MAURIZIO FIORILLA
DECAMERON: CANZONI E STORIE
SWING

GIOVEDI’ 11 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 - STEFANIA PATANE’
NEW FOCUS
JAZZ E SICILIA

VENERDI’ 12 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 - EMANUELE URSO “THE KING OF SWING” SEPTET
SWING

SABATO 13 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 - ANDREA PAGANI QUINTET
BLUE
SMOOTH JAZZ

DOMENICA 14 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 - CARLO ATTI QUARTET FEAT PAT SENATORE
JAZZ MODALE

LUNEDI’ 15 LUGLIO
CELIMONTANGO - LAS MARIPOSITAS
TANGO

MARTEDI’ 16 LUGLIO
SWING SWING SWING
GIANLUCA GALVANI SWING QUARTET
SWING

MERCOLEDI’ 17 LUGLIO
ADIKA PONGO
SOUL FUNK

GIOVEDI’ 18 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 - MAMA’S BLUE ROSE BAND
SWING ANNI ‘20

VENERDI’ 19 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
 JAZZ
ORE 22:00 - EMANUELE URSO “THE KING OF SWING” BIG BAND
SWING BIG BAND

SABATO 20 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE 
JAZZ
ORE 22:00 - JACOPO FERRAZZA
THEATER
JAZZ MODERNO

DOMENICA 21 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 21:00 - PROIEZIONE FILM: COCKTAIL BAR
ORE 22.30  MASSIMO FEDELI QUINTET
COLONNA SONORA “COCKTAIL BAR”
JAZZ SOUNDTRACK

LUNEDI’ 22 LUGLIO
CELIMONTANGO - TANGO CREW
TANGO

MARTEDI’ 23 LUGLIO
SWING SWING SWING
JAZZ VIPERS FEAT LARA LUPPI
SWING

MERCOLEDI’ 24 LUGLIO
THE WAIKIKI LEAKS
SWING LUAU
HAWAIAN SWING

GIOVEDI’ 25 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 - CRISTIANA POLEGRI
OMAGGIO A GENE KELLY
BROADWAY

VENERDI’ 26 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 - EMANUELE URSO “THE KING OF SWING” SEPTET
SWING

SABATO 27 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
ORE 22:00 JAKOB DINESEN & JEAN-SEBASTIEN SIMONOVIEZ QUINTET
JAZZ WORLD

DOMENICA 28 LUGLIO
ORE 19:00 - DUO LIVE
JAZZ
LARRY FRANCO 
UNFORGETTABLE NAT & NATALIE
JAZZ VOCALE

LUNEDI’ 29 LUGLIO
CELIMONTANGO
TANGO

MARTEDI’ 30 LUGLIO
SWING SWING SWING 
MICHAEL SUPNICK QUARTET
SWING

MERCOLEDI’ 31 LUGLIO
COTTON CLUB ORCHESTRA
DUKE ELLINGTON “COTTON CLUB” SOUDTRACK SWING

GIOVEDI’ 1° AGOSTO
LINO PATRUNO JAZZ SHOW
DIXIELAND

VENERDI’ 2 AGOSTO
EMANUELE URSO “THE KING OF SWING” BIG BAND
SWING BIG BAND

SABATO 3 AGOSTO
MEI & BIXIE BIG BAND
RICCARDO MEI CANTA SINATRA
JAZZ VOCALE

DOMENICA 4 AGOSTO
HOT STOMPERS
SWING

LUNEDI’ 5 AGOSTO
CELIMONTANGO
TANGO

MARTEDI’ 6 AGOSTO
SWING SWING SWING
HAPPY FEET SWINGIN’BAND
SWING

MERCOLEDI’ 7 AGOSTO
CLAUDIA MARSS 
PROGETTO RAIZES
LATIN JAZZ

GIOVEDI’ 8 AGOSTO
ORE 21:00 - BEVO SOLO ROCK’N’ROLL – CALTIKI
ROCK’N’ROLL ANNI ‘50
ORE 22:00 - BEVO SOLO ROCK’N’ROLL - MARCO LIOTTI & FIFTY FIFTY
ROCK’N’ROLL ANNI ‘50

VENERDI’ 9 AGOSTO
EMANUELE URSO “THE KING OF SWING” NONET
SWING

SABATO 10 AGOSTO
MAURIZIO GIAMMARCO
TRAD WITH A TRAP
JAZZ

DOMENICA 11 AGOSTO
MARCELLO ROSA & FILIPPO LA PORTA
ARTE SINCOPATA
JAZZ E PAROLE

LUNEDI’ 12 AGOSTO
CELIMONTANGO - LAS MARIPOSITAS 
TANGO

MARTEDI’ 13 AGOSTO
SWING SWING SWING
PAOLA RONCI & THE REEFERMEN
SWING

MERCOLEDI’14 AGOSTO
NOREDA GRAVES BAND
BUTTERFLY TOUR
SOUL

GIOVEDI’ 15 AGOSTO
DADO MORONI & MAX IONATA
TWO FOR STEVIE
JAZZ

VENERDI’ 16 AGOSTO
EMANUELE URSO “THE KING OF SWING” BIG BAND
SWING BIG BAND

SABATO 17 AGOSTO
MARCO GUIDOLOTTI & NICOLA STILO
IMMORTAL SOUNTRACK OF ENNIO MORRICONE

DOMENICA 18 AGOSTO
ROMAN CLASSIC JAZZ HERITAGE
DIXIELAND

LUNEDI’ 19 AGOSTO
CELIMONTANGO
TANGO

MARTEDI’ 20 AGOSTO
SWING SWING SWING
SWINGIN’FAT CATS
SWING

MERCOLEDI’ 21 AGOSTO
FRED BUSCAGLIONE E I SUOI ASTERNOVAS
SWING ITALIANO

GIOVEDI’ 22 AGOSTO
LES CHATS NOIRS
CANZONE FRANCESE

VENERDI’ 23 AGOSTO
EMANUELE URSO “THE KING OF SWING” NONET
SWING

SABATO 24 AGOSTO
SILVIA MANCO & DAVIDE PALMA
NAT KING COLE & NATALIE COLE
JAZZ VOCALE

DOMENICA 25 AGOSTO
LEILA DUCLOS GIPSY QUARTET
JAZZ MANOUCHE

LUNEDI’ 26 AGOSTO
CELIMONTANGO - TANGO CREW
TANGO

MARTEDI’ 27 AGOSTO
SWING SWING SWING
LES PETITS PAPIERS
SWING MANOUCHE

MERCOLEDI’ 28 AGOSTO
I SOLITI IGNOTI BIG BAND
SOUNDTRACK

GIOVEDI’ 29 AGOSTO
SMOKING CATS
NU SOUL

VENERDI’ 30 AGOSTO
SAMANTHA IORIO
A LADY IN SOUL
SOUL

SABATO 31 AGOSTO
SISTERS
JAZZ VOCALE

DOMENICA 1° SETTEMBRE
SCOOP JAZZ BAND
JAZZ

LUNEDI’ 2 SETTEMBRE
CELIMONTANGO - LAS MARIPOSITAS
TANGO

MARTEDI’ 3 SETTEMBRE
SWING SWING SWING
STICKY BONES
DIXIELAND

MERCOLED’ 4 SETTEMBRE
APPLE SING APPLE PLAY
DISCO FUNK

GIOVEDI’ 5 SETTEMBRE
ORE 21:00 - BEVO SOLO ROCK’N’ROLL – NEWTONES
ROCK’N’ROLL ANNI ‘50
ORE 22:00 - BEVO SOLO ROCK’N’ROLL - GREG & THE ROCKIN’REVENGE
ROCK’N’ROLL ANNI ‘50

VENERDI’ 6 SETTEMBRE
SOULPEANUTS BIG BAND
FUNK SOUL

SABATO 7 SETTEMBRE
RUSSIAN CROSSOVER
JAZZ E RUSSIA

DOMENICA 8 SETTEMBRE
MARCO RICCIARDI ORCHESTRA
NAT IN MY OWN WAY
VOCALE & SINFONIA

LUNEDI’ 9 SETTEMBRE
CELIMONTANGO
TANGO

MARTEDI’ 10 SETTEMBRE
SWING SWING SWING
DR JAZZ & DIRTY BUCKS SWING BAND
SWING

Villa Celimontana, Via della Navicella, 12
Dal 1° giugno al 10 settembre
Inizio concerti ore 22:00
Ingresso free
_________________________________________________________________________________


09 Giugno 2019
CORCORSO JAZZALGUER MEDITERRANI
Luogo: Plaça del Quartè
Tema: Jazz e Giovani
Forte del riuscito debutto nella prima edizione della rassegna, ritorna JazzAlguer Mediterrani, il contest riservato a giovani gruppi della area mediterranea. Al concorso possono partecipare formazioni che abbiano un'età media (sommando quella dei singoli membri) non superiore ai trentacinque anni e che contino non più di due album già pubblicati. Jazz, indie e musiche del mondo sono i generi ammessi; condizione indispensabile è l'originalità dei brani proposti. Tra tutti i gruppi che si saranno iscritti entro il termine ultimo del 23 febbraio stabilito dal regolamento, la giuria del concorso selezionerà cinque band che saranno chiamate a esibirsi dal vivo ad Alghero il 9 giugno in una serata aperta al pubblico nell'ambito di JazzAlguer. Spetterà quindi alla stessa giuria il compito valutare le esibizioni e decretare il gruppo vincitore: in palio c'è una borsa di studio del valore di cinquemila euro da destinare ad attività di formazione e crescita artistica, come corsi di specializzazione, la produzione e/o la pubblicazione di un disco o di un altro progetto musicale. Ad aggiudicarsi la palma della vittoria nella prima edizione del concorso, l'anno scorso, è stato il progetto Lilac for People della cantante e compositrice toscana Francesca Gaza.

29 Giugno 2019
GINO PAOLI E DANILO REA “L’ART DE L’ENCONTRE”
Luogo: Tenute Sella&Mosca
Tema: Jazz e Canzone

Un'autentica icona della canzone d'autore e uno dei più lirici e creativi pianisti della scena jazzistica nazionale: Gino Paoli e Danilo Rea arrivano a JazzAlguer il 29 giugno per rinnovare l'appuntamento alle Tenute Sella&Mosca all'insegna de L'art de l'encontre, proposta originale della rassegna, inaugurata nella passata edizione dall'incontro musicale della cantante Franca Masu con Eugenio Finardi. Il cantautore di Monfalcone, dove è nato nel 1934, ma genovese d'adozione fin dall'infanzia, e il pianista romano (ma vicentino di nascita, classe 1957) formano un sodalizio capace di incantare diverse generazioni grazie all'intesa e alla perfetta alchimia musicale dei due artisti unite alla loro continua voglia di sperimentare e mettersi in gioco. Accreditato di numerosi sold out sui più prestigiosi palcoscenici in Italia e all'estero, il loro live si presenta come un concerto unico ed emozionante, a base di voce, pianoforte e improvvisazione, su una scaletta aperta che si rinnova di volta in volta con brani tratti dai tre dischi pubblicati dal:  ci sono le canzoni più amate di Gino Paoli – come "Il cielo in una stanza", "Averti addosso", "Vivere ancora", "Perduti", "La gatta", "Come si fa" - insieme a chicche dei cantautori genovesi, che per Gino sono gli amici di una vita: "Canzone dell'amore perduto" e "Bocca di rosa" di Fabrizio De André, "Il nostro concerto" di Umberto Bindi, "Vedrai vedrai" di Luigi Tenco e "Se tu sapessi" di Bruno Lauzi. Ma non mancherà nemmeno un omaggio alla melodia napoletana e alla canzone d'autore  francese, che hanno in Paoli e Rea due appassionati conoscitori.

07 Luglio 2018
BILL FRISELL TRIO
Luogo: Tenute Sella&Mosca
Tema: Jazz e Meticcio
Bill Frisell è uno di quei musicisti che si riconoscono immediatamente all’ascolto per lo stile e il timbro inconfondibile del suo strumento. Nel corso di una carriera artistica ultraquarantennale, costellata di dischi (il primo album a suo nome, “In line”, è del 1982, il più recente, “Music IS”, è uscito lo scorso marzo) e riconoscimenti prestigiosi, il chitarrista americano (nato a Baltimora nel 1951) ha attraversato generi e stili lavorando con i musicisti più diversi, come Paul Motian, John Zorn, Jan Garbarek, Marc Johnson, Julius Hemphill, Paul Bley, John Scofield, Wayne Horvitz, Gavin Bryars, Suzanne Vega, Vinicius Cantuaria, Marianne Faithful, Elvis Costello, David Sylvian, tra gli altri. Ma è con la sua attività da leader che ha ottenuto i maggiori consensi, affermandosi come uno dei più ricercati artisti dello strumento a corde della scena musicale contemporanea grazie a un’abile fusione di rock, country, jazz e blues, secondo una ricetta di cui è un raffinato e originale interprete. Bill Frisell approda ad Alghero il 7 luglio per chiudere in bellezza questa seconda edizione di JazzAlguer in trio con Thomas Morgan e Rudy Royston. Bassista tra i più richiesti sulla scena internazionale, il primo ha suonato in oltre novanta registrazioni e in giro in tutto il mondo come membro di gruppi guidati da Jakob Bro, Jim Black, Dan Weiss, Craig Taborn, Paul Motian, John Abercrombie, Dave Binney, Steve Coleman, Tomasz Stanko e lo stesso Bill Frisell, tra gli altri. Nativo di Fort Worth e cresciuto a Denver, il batterista Rudy Royston si è inserito rapidamente nella scena musicale di New York suonando con musicisti di fama internazionale come Javon Jackson, Les McCann, David Gilmore, Ben Allison, Jason Moran, Jeremy Pelt, Greg Osby, Ravi Coltrane, Don Byron, Stanley Cowell, Tom Harrell, John Ellis, John Patitucci, Dave Douglas, Branford Marsalis, per citarne alcuni. Amante di tutti i generi musicali, Rudy Royston continua a espandere i suoi orizzonti man mano che acquisisce un crescente riconoscimento nel mondo del jazz.

Inaugurata lo scorso 2 novembre dal violoncellista Mario Brunello, e proseguita l’antivigilia di Natale con il progetto "Back to Bach" di Paolo Fresu con l'ensemble I Virtuosi Italiani, la seconda edizione di JazzAlguer è organizzata dall'associazione culturale Bayou Club-Events con il contributo del Comune di Alghero, della Fondazione di Sardegna, della Camera di Commercio di Sassari, delle Tenute Sella&Mosca, del Banco di Sardegna, di Unipol Gruppo, della Fondazione Alghero (Musei / Eventi / Turismo), e con il patrocinio dell'Assessorato del Turismo della Regione Autonoma della Sardegna.
_________________________________________________________________________________


VAL DI FASSA PANORAMA MUSIC
5° Edizione
4 luglio - 25 agosto 2019
Val di Fassa

Musica incastonata nei paesaggi d’alta quota delle Dolomiti: torna Val di Fassa Panorama Music, la cui quinta edizione si svolgerà dal 4 luglio al 25 agosto. Con i suoi dodici concerti all’aperto in orario diurno (oltre a un paio di serate in teatro), la rassegna musicale fa dei paesaggi dolomitici della Val di Fassa dei protagonisti assoluti dello spettacolo, non meno dei live, che saranno tutti a ingresso gratuito. Contesti naturalistici suggestivi sempre diversi faranno da cornice ai concerti: Ciampedie (Vigo di Fassa), Buffaure (Pozza di Fassa), Ciampac (Alba di Canazei), Col Margherita (Passo San Pellegrino), lo Chalet Valbona (Lusia, Moena), il Rifugio Fredarola (Belvedere, Canazei), il Rifugio Friedrich August (Col Rodella, Campitello di Fassa), la Baita Paradiso (Passo San Pellegrino). Qui musica e natura d’alta montagna suoneranno all’unisono. Tutti i luoghi sono raggiungibili con gli impianti di risalita ma anche a piedi, per chi vuole aggiungere un tocco sportivo e avventuroso all’ascolto. In cartellone si distinguono vari percorsi di ascolto: le canzoni, d’autore o jazz, in lingue minoritarie (con Martina Iori, Felix Rossy e Rita Payés, Silvia Michelotti, i Dimonic, Elsa Martin), la sinergia tra musica classica e jazz (Saxofollia, Olivia Trummer e Nicola Angelucci, Raffaella Zagni e Angela Palfrader, Camilla Dell’Agnola e Valentina Turrini), varie gradazioni di musica black (soul, blues, rock, gospel, reggae...) con i Lost Boys, gli Ukulele Lovers, Marco Furio Forieri e i Venice Ska-J, Betty Vittori, Titti Castrini, i Bandanera Afrobeat. Val di Fassa Panorama Music è organizzato dalle Società impianti a fune della Val di Fassa, in collaborazione con l’Azienda per il Turismo della Val di Fassa. “Lingue minoritarie, giovani e musica jazz” è una vera e propria rassegna nella rassegna, attraverso la quale Val di Fassa Panorama Music dà risalto ad artisti che lavorano su testi in lingue minoritarie. Due appuntamenti si svolgeranno in via eccezionale in orario serale al Teatro Navalge di Moena. Il 14 luglio un doppio set vedrà impegnati il gruppo della cantautrice ladina Martina Iori e, a seguire, dalla Catalogna, il quintetto del trombettista Felix Rossy con l’aggiunta della cantante e trombonista Rita Payés. Martina Iori è ormai un nome di riferimento della scena musicale ladina, consacrata dalla vittoria di importanti concorsi internazionali dedicati alla canzone in lingue minoritarie come il Suns Europe e il Liet International. Il giovane Felix Rossy, figlio d’arte (il padre è Jorge Rossy) e figura emergente della scena jazzistica iberica, aprirà le porte della sua band alla giovanissima Rita Payés, che ad appena 19 anni è già un fenomeno: le sue performance vantano milioni di visualizzazioni su YouTube. Il 25 agosto, Disaster, l’ensemble jazz della scuola di musica di Lana, farà da apertura per la band della cantante e chitarrista friulana Silvia Michelotti. Il suo “Il Princip content e altris contis” si ispira alle favole di Oscar Wilde, dimostrando come sia possibile produrre cultura in lingua friulana senza tirare in ballo le tradizioni popolari, confrontandosi invece con l’attualità di temi di denuncia, ribellione e ricerca spirituale. Diurni e in alta quota saranno invece gli altri spettacoli dedicati alle lingue minoritarie. Il 25 luglio (Ciampac – Alba di Canazei) con i Dimonic, band che fonde pop, jazz e funk in un insieme mozzafiato, valorizzando le sonorità delle lingue ladina, inglese e italiana. Il 28 luglio (Baita Paradiso – Passo San Pellegrino) con il trio della cantante Elsa Martin, che scava nell’espressività lirica del friulano. I concerti di “Lingue minoritarie, giovani e musica jazz” sono organizzati in collaborazione con l’Associazione di Cultura e Musica “La Grenz” di Moena, con il contributo della Regione Trentino - Alto Adige, della Provincia Autonoma di Trento e del Comun General de Fascia. Ampio spazio avranno le musiche black, in innumerevoli varianti, dall’incalzante e propulsivo rock-blues dei Lost Boys (4 luglio, Rifugio Fredarola – Belvedere – Canazei) al contagioso swing-pop degli Ukulele Lovers, con una decina di suonatori di ukulele, oltre alla ritmica (11 luglio, Buffaure – Pozza di Fassa). E poi il sassofonista e cantante Marco Furio Forieri (ex Pitura Freska) assieme ai Venice Ska-J, col loro esuberante ska in ‘salsa lagunare’ (18 luglio, Chalet Valbona – Lusia – Moena); il trio della vocalist Betty Vittori, attento alle ‘radici’ del soul ma pronto a incursioni verso altri territori (21 luglio, Ciampedie – Vigo di Fassa); il quintetto del fisarmonicista Titti Castrini, che viaggia da New Orleans alla canzone d’autore, tra atmosfere gitane e swing anni Trenta (1 agosto, Buffaure – Pozza di Fassa); le torrenziali improvvisazioni su travolgenti ritmiche afrobeat del quartetto Bandanera Afrobeat, creato dal batterista senegalese Moulaye Niang assieme al percussionista Mafal Diaw (4 agosto, Rifugio Friedrich August – Col Rodella – Campitello di Fassa). Classica e jazz flirtano tra di loro nelle restanti date del programma. Il quartetto di sassofoni Saxofollia (22 agosto, Col Margherita – Passo San Pellegrino) si muove con disinvoltura tra vari repertori: barocco, classico, operistico e jazz, con incursioni dallo swing al be-bop fino al jazz contemporaneo. La pianista Raffaella Zagni e la violinista Angela Palfrader nel loro “Non Solo Tango” (8 agosto, Ciampedie – Vigo di Fassa) intrecciano le sonorità classiche dei loro strumenti con spunti jazzistici e varie forme di danza (tango, valzer, czarda, rumba...), in una variopinta assimilazione di materiali musicali eterogenei. Strumenti arcani (come la dulsetta) saranno in mano a Camilla Dell’Agnola e Valentina Turrini, il cui “Canti del Vivo” è un concerto canoro polifonico e strumentale che entra in stretta simbiosi con l’ambiente naturale che lo ospita (18 agosto, Ciampac – Alba di Canazei) e il cui repertorio attinge a diverse culture tradizionali. Sarà invece schiettamente jazzistico il duo che affianca la cantante e pianista tedesca Olivia Trummer e il batterista Nicola Angelucci: un connubio strumentale insolito, favorito dall’ormai lungo affiatamento tra i due musicisti (11 agosto, Chalet Valbona – Lusia – Moena).

PROGRAMMA

Giovedì 4 luglio, ore 12
Rifugio Fredarola – Belvedere – Canazei
Blues-rock
THE LOST BOYS
Poncio Belleri (chitarra), Ottavio Barbieri (tastiere), Nicola Zanardelli (basso), Paolo Zanaglio (batteria)
In caso di maltempo il concerto si terrà all’interno del Rifugio Fredarola

Giovedì 11 luglio, ore 12
Buffaure – Pozza di Fassa
Swing, pop, blues, gospel
UKULELE LOVERS
In caso di maltempo il concerto si terrà presso il Padiglione Manifestazioni di Pozza di Fassa alle ore 14:30

Domenica 14 luglio, ore 21
Teatro Navalge – Moena
“Lingue minoritarie, giovani e musica jazz”
MARTINA IORI  (Ladinia)
Martina Iori (voce, chitarra, ukulele), Matteo Cuzzolin (sax tenore), Matteo Rossetto (chitarra elettrica), Marco Stagni (contrabbasso), Enrico Tommasini (batteria)
FELIX ROSSY QUINTET with special guest RITA PAYÉS (Catalunya)
Felix Rossy (tromba), Tomeu Garcias (trombone), Ben Tiberio (basso), Andreu Pitarch (batteria), Davis Whitfield (piano), Rita Payés (voce, trombone)
Il concerto fa parte della rassegna “Lingue minoritarie, giovani e musica jazz” promossa dall’Associazione di Cultura e Musica “La Grenz” di Moena con il contributo della Regione Trentino - Alto Adige, della Provincia Autonoma di Trento e del Comun General de Fascia

Giovedì 18 luglio, ore 12
Chalet Valbona – Lusia – Moena
Reggae, ska, swing
MARCO FURIO FORIERI & VENICE SKA-J
Marco Furio Forieri (voce, sax), Edoardo Brunello (sax alto e tenore), Marcello Faggionato (tromba),
Frank Martino (chitarra), Mauro Zulian (tastiere), Daniele Vianello (basso), Alan Liberale (batteria) 
In caso di maltempo il concerto si terrà all’interno dello Chalet Valbona

Domenica 21 luglio, ore 12
Ciampedie – Vigo di Fassa
Soul
BETTY VITTORI
Betty Vittori (voce), Felice Cosmo (tastiere), Federica Zanotti (batteria) 
In caso di maltempo il concerto si terrà presso la sala consigliare del comune di Vigo di Fassa alle ore 14:30

Giovedì 25 luglio, ore 12
Ciampac – Alba di Canazei
“Lingue minoritarie, giovani e musica jazz”
DIMONIC (Ladinia)
Judith Geissler, Lucia Kastlunger (voce), Moritz Grübel (sax alto), Florian Donaubauer (tastiere),
Chris Kilgenstein (chitarra), Johannes Göller (basso), Matthias Bäuerlein (batteria) 
In caso di maltempo il concerto si terrà all’interno del Rifugio Crepa Neigra
Il concerto fa parte della rassegna “Lingue minoritarie, giovani e musica jazz” promossa dall’Associazione di Cultura e Musica “La Grenz” di Moena con il contributo della Regione Trentino - Alto Adige, della Provincia Autonoma di Trento e del Comun General de Fascia
  
Domenica 28 luglio, ore 12
Baita Paradiso – Passo San Pellegrino
“Lingue minoritarie, giovani e musica jazz”
ELSA MARTIN TRIO (Friuli)
Elsa Martin (voce), Alessandro Turchet (contrabbasso), Andrea Ruggeri (batteria)
In caso di maltempo il concerto si terrà presso l'’Hotel Arnika al Passo San Pellegrino alle ore 14:30 
Il concerto fa parte della rassegna “Lingue minoritarie, giovani e musica jazz” promossa dall’Associazione di Cultura e Musica “La Grenz” di Moena con il contributo della Regione Trentino - Alto Adige, della Provincia Autonoma di Trento e del Comun General de Fascia
  
Giovedì 1 agosto, ore 12
Buffaure – Pozza di Fassa
Gipsy swing
TITTI CASTRINI & IL SUO QUINTETTO
Titti Castrini (fisarmonica, voce), Daniele Richiedei (violino), Martino De Franceschi (contrabbasso), Davide Veronese (tromba, voce), Cesare Valbusa (percussioni)
In caso di maltempo il concerto si terrà presso il padiglione manifestazioni di Pozza di Fassa alle ore 14:30

Domenica 4 agosto, ore 12
Rifugio Friedrich August – Col Rodella – Campitello di Fassa
World music
BANDANERA AFROBEAT
Mafal Diaw (percussioni), Stefano Ottogalli (chitarra), Alvise Seggi (basso), Moulaye Niang (batteria)
In caso di maltempo il concerto si terrà all’interno del rifugio Friedrich August

Giovedì 8 agosto, ore 12
Ciampedie – Vigo di Fassa
Classica, tango
NON SOLO TANGO
Raffaella Zagni (pianoforte), Angela Palfrader (violino) 
In caso di maltempo il concerto si terrà presso la sala consigliare del comune di Vigo di Fassa alle ore 14:30

Domenica 11 agosto, ore 12
Chalet Valbona – Lusia – Moena
Jazz
OLIVIA TRUMMER & NICOLA ANGELUCCI
Olivia Trummer (pianoforte, tastiere, voce), Nicola Angelucci (percussioni)
In caso di maltempo il concerto si terrà all’interno dello Chalet Valbona

Domenica 18 agosto, ore 12
Ciampac – Alba di Canazei
CANTI DEL VIVO
concerto canoro polifonico e strumentale 
di e con Camilla Dell'Agnola e Valentina Turrini
In caso di maltempo il concerto si terrà all’interno del Rifugio Crepa Neigra

Giovedì 22 agosto, ore 12
Col Margherita – Passo San Pellegrino
Musica classica, jazz
SAXOFOLLIA
Fabrizio Benevelli (sax soprano), Giovanni Contri (sax alto), Marco Ferri (sax tenore),  Alessandro Creola (sax baritono) 
In caso di maltempo il concerto si terrà presso l’Hotel Arnika al Passo San Pellegrino alle ore 14:30

Domenica 25 agosto, ore 21
Teatro Navalge – Moena
“Lingue minoritarie, giovani e musica jazz”
DISASTER
Ensemble jazz della scuola di musica di Lana
Maximilian Tribus, Marius Lungu, Susanne Überbacher (sax), Stefan Wallnöfer (trombone),
Clemens Plaschke (pianoforte), Thomas Wallnöfer (basso), Florian Weiss (batteria)
SILVIA MICHELOTTI & BAND (Friuli)
Silvia Michelotti (voce, chitarra), Leo Virgili (tastiere, percussioni), Leonardo Duranti (chitarre), Marco D’Orlando (percussioni)
Il concerto fa parte della rassegna “Lingue minoritarie, giovani e musica jazz” promossa dall’Associazione di Cultura e Musica “La Grenz” di Moena con il contributo della Regione Trentino - Alto Adige, della Provincia Autonoma di Trento e del Comun General de Fascia
  
Informazioni:
APT Val di Fassa:, Strèda Roma, 36 – 38032 Canazei (TN)
tel.: 0462 609500
e-mail: info@fassa.com

Biglietti: Tutti i concerti sono gratuiti. Il biglietto di andata/ritorno degli impianti di risalita è incluso nel Panoramapass o a carico dei partecipanti
_________________________________________________________________________________

Big Daddy Wilson, Tino Tracanna, Jasmine Ashley Terrell, Sonata Islands, Floors, Rita Payés, Marco Furio Forieri, Claudio De Rosa Jr. e tanti altri i protagonisti di una ricca ottava edizione, che porta il jazz internazionale tra estate e autunno nelle più belle località trentine
TrentinoInJazz 2019: otto anni di grande jazz!

APS Trentino Jazz, Fondazione CARITRO, Provincia Autonoma di Trento
Regione Autonoma Trentino Alto Adige
presentano
TRENTINOINJAZZ 2019
otto anni di grande jazz!

Otto anni di grande jazz in Trentino, con nomi provenienti da tutto il mondo. Con estrema sintesi, potrebbe essere questo il biglietto dal visita del TrentinoInJazz, una delle rassegne italiane più tenaci e originali, che torna con una ricca - e non potrebbe essere diversamente, visti i precedenti e la peculiarità del progetto - ottava edizione, sempre all'insegna del network che unisce rassegne preesistenti e del dialogo tra artisti italiani e internazionali. Una rete di spettacoli, più che una rassegna vera e propria, TrentinoInJazz è una delle più significative e lunghe iniziative musicali del panorama nostrano ed europeo: preceduto da un aperitivo primaverile, il programma parte a giugno e termina in autunno, copre due stagioni grazie al networking tra enti locali e organizzatori, è aperto a varie declinazioni del jazz e generi affini, coinvolge centinaia di musicisti, addetti ai lavori e promoter, mette in connessione attività artistiche, comuni, accoglienza e turismo in alcuni dei luoghi più affascinanti d'Italia e d'Europa. A questo va aggiunto l'ingresso gratuito per la maggior parte delle serate. L'APS Trentino Jazz - ente ideatore e coordinatore del TrentinoInJazz presieduto da Chiara Biondani - fino al 2011 è stato solo un cartellone di manifestazioni affini, in seguito "federate" in un percorso comune, una vera e propria rete dal nome TrentinoInJazz che si snoda nel corso del 2019 sull’intero territorio della provincia di Trento. TrentinoInJazz 2019 ribadisce l'unicità di un percorso unitario, punta sulle diverse espressioni del jazz contemporaneo ed è articolato in sei "microfestival" dislocati in varie aree provinciali: TrentinoIn Jazzclub (dall'8 maggio), Katharsis 2019 (dal 16 febbraio), Panorama Music (dal 23 marzo), Lagarina Jazz (dal 20 giugno), Valli del Noce Jazz (dal 16 luglio), Valsugana Jazz Tour (dal 13 luglio), ovviamente ognuna con la propria identità artistica e connotazione territoriale. TrentinoIn Jazzclub (ideata da Emilio Galante) fa come sempre da grande anteprima e coinvolge i club di Trento e Rovereto. Partita a maggio, entra nel vivo dal 16 giugno con Panaemiliana e prosegue sempre a Rovereto con Sarah Stride Duo (23/06), Sonata Islands Kommandoh (5/09), Raffa & The Bluebirds Lab (12/09), Mack (26/09). A luglio partono due delle sezioni storiche del TIJ, Valli del Noce Jazz e Valsugana Jazz Tour. La prima debutta con un autentico big: Big Daddy Wilson (16/07 Malé). Al gigante della black music seguono JEMM Music Project (17/07 Cles), Rita Botto Jazz Quartet (18/07 Denno),Trio Ammentos (19/07 Nanno), Sonata Islands con Third Stream (22/07 Cles), Trio Corrente (23/07 Malé), Elina Duni & Rob Luft (24/07 San Romedio), infine Claudio Jr De Rosa Quartet (25/07 Segno). Valsugana Jazz Tour arriva alla Edizione n.17 con il consueto cartellone di qualità: Damiana Dellantonio Trio (13/07 Tenna), Latin Jam Session (17/07 Valcanover), FareJazz Big Band Latin Project (21/07 Tenna), Jasmine Ashley Terrell (27/07 Pergine Valsugana), Funky Beat Band (3/08 Levico Terme). Altri due fiori all'occhiello sono Lagarina Jazz e Panorama Music. Lagarina Jazz, sempre attento a proposte di rilievo internazionale, a cura del giornalista Giuseppe Segala, parte il 20 giugno con il trio Floors(Filippo Vignato, Francesco Diodati, Francesco Ponticelli) a Isera (TN) e prosegue con il ritorno di Tino Tracanna Double Cut (28/06 Villa Lagarina), poi Stefano Colpi Atrio (29/06 Ala), chiusura con Radio Zastava (5/07 Mori). Appuntamento speciale, emozionante per tutti coloro che lo hanno conosciuto e ascoltato, il concerto in memoria di Carlo Alberto Canevali: il saluto al compianto musicista scomparso lo scorso 10 marzo si terrà il 30 giugno a Villa Lagarina. Immancabili gli appuntamenti di Panorama Music nel palcoscenico naturale delle Dolomiti della Val di Fassa, organizzato dalle società di impianti a fune della Val di Fassa (dir. artistica Enrico Tommasini). Concerti in alta quota tra jazz, rock, blues e pop a ingresso gratuito: si parte il 4 luglio con The Lost Boys (Canazei), poi Ukulele Lovers (11/07 Pozza di Fassa), Martina Iori e Feix Rossy Quintet con Rita Payés (14/07 Moena), Marco Furio Forieri & Venice Ska-J (18/07 Moena), Betty Vittori (21/07 Vigo di Fassa), Dimonic (25/07 Alba di Canazei), Elsa Martin Trio (28/07 Passo San Pellegrino), Titti Castrini (1/08 Pozza di Fassa), Bandanera Afrobeat (4/08 Campitello di Fassa), Non solo tango (8/08 Vigo di Fassa), Olivia Trummer & Nicola Angelucci (11/08 Moena), Canti dal vivo (18/08 Alba di Canazei), Saxofollia (22/08 Passo San Pellegrino), Disaster (25/08 Moena). Tipicamente autunnale e invernale, Katharsis (V edizione della stagione di musiche classiche, contemporanee, jazz organizzata da Associazione Ars Modi con la direzione artistica di Edoardo Bruni) riparte il 2 novembre in Sala Sosat a Trento con Sax e Piano. Qui si terranno anche i concerti di Ludus Quartet(16/11), Duo Maclé (30/11) e Sonata Islands (7/12).