Numero 497 dell'11 aprile 2020

In copertina questa settimana è Piero Brega. Il suo “Mannaggia a me” è un disco che suona diverso dai precedenti lavori, restituendoci un autore che canta Roma nelle sue contraddizioni ma anche nel suo fascino. Ne parliamo nell’intervista, non dimenticando di riandare alla sua esperienza con Il Canzoniere del Lazio e i Carnascialia che ancora oggi hanno tanto da insegnare i musicisti d’oggi. Proseguiamo con un altro nome storico del folk revival, Eugenio Bennato che, con le Voci del Sud, ha pubblicato “Qualcuno sulla terra”. L’ampia pagina sulle musiche del mondo offre l’album eponimo del duo Radical Raptors (Roberto Zanisi al bouzouki e William Nicastro al basso), con la loro mescolanza di sonorità mediorientali, jazz, al progressive-rock e al funk; il formidabile quintetto romeno dei Taraful Bucureştilor (“La musique des lăutari tsiganes de Bucarest”); le ispirate storie della cantante polacco-yemenita Rasm Almashan (“Yemenia”); la prospettiva latinoamericana proposta dalla violoncellista, autrice cantante brasiliana di residenza parigina Dom La Nena (Tempo”). Accogliamo, poi, sulle nostre pagine la prestigiosa firma di Vincenzo Santoro, che scrive del volume di Paolo Pecere “Il dio che danza. Viaggio, trance, trasformazioni”, mentre nello spazio della canzone d’autore proponiamo la seconda parte di “Le canzonette secondo Pierpaolo Pasolini”, a firma di Elisabetta Malantrucco. Segue la recensione dell’album di debutto di Enrico Morello (“Cyclic Sings”). Chiusura con l’obiettivo di Corzani Airlines puntato sul bassista e produttore Paolo Baldini, già con gli Africa Unite.
 
Editor's Note 
This week’s cover story is Piero Brega. Although his “Mannaggia a me” sounds different from the previous album, it gives us an author who sings Rome in its contradictions, but also in its charm. We catches up with veteran artist to hear about his latest recording, not forgetting to go back to his experience with Il Canzoniere del Lazio and Carnascialia, whose lessons are still significant to today’s musicians. We continue with another historic name in the Italian folk revival, Eugenio Bennato, who has published “Qualcuno sulla terra” with Voci del Sud. A wide world music page offers the original fusion of Middle Eastern sounds, jazz, progressive-rock and funk from Roberto Zanisi (bouzouki) and William Nicastro (electric bass), that is Radical Raptors, who have released their eponymous debut. You find, then, the stunning Romanian quintet Taraful Bucureştilor (“La musique des lăutari tsiganes de Bucarest”), the inspired stories sung by the Polish-Yemeni singer Rasm Almashan (“Yemenia”), the South American viewpoint as presented by the Brazilian-born Paris resident cellist, author and singer Dom La Nena (“Tempo”). Also, we welcome to our pages the prestigious Vincenzo Santoro, who writes about Paolo Pecere’s book “Il dio che danza. Viaggio, trance, trasformazioni”, whilst on the songwriting column you’ll enjoy “Le canzonette secondo Pierpaolo Pasolini”, the second part of Elisabetta Malantrucco’s article. This is followed by Enrico Morello's debut album (“Cyclic Sings”). Our #597 ends with Corzani Airlines picture, focusing on bassist and producer Paolo Baldini, formerly with Africa Unite.

Ciro De Rosa
Direttore Responsabile di Blogfoolk


COVER STORY
VIAGGIO IN ITALIA
WORLD MUSIC
LETTURE 
STORIE DI CANTAUTORI
SUONI JAZZ
CORZANI AIRLINES

L'immagine di copertina è un'opera di Donatello Pisanello (per gentile concessione)

Nessun commento