Numero 472 del 9 ottobre 2020

L’ottobre di #FoolkMagazine si apre con il nostro disco del mese, “The Stolen Cello”, opera prima dal violoncellista e compositore albanese Redi Hasa, ben noto per il suo lungo percorso artistico che dalla musica tradizionale della sua terra lo ha condotto a quella salentina fino a toccare le collaborazioni con Ludovico Einaudi e Robert Plant. È un lavoro nel quale il musicista esplora le potenzialità espressive del violoncello, dando vita a composizioni in cui intreccia il suo vissuto, ma anche ricordi, emozioni e suggestioni della sua terra. Con Redi Hasa abbiamo parlato non soltanto dell’album ma anche di “Bach is Back”, progtto che lo ha visto protagonista lo scorso anno e che diventerà un documentario prodotto da Ponderosa Music&Arts. Ancora sulla rotta balcanica con “White World: Music for Dance and...” del Boris Kovač New Ritual Quartet, poi in Irlanda per “So Ends the Day”, le storie marittime della cantautrice Éilís Kennedy. Ultima tappa in Marocco per “Zid Zid. When Light Takes You on Its Motorbike” di Othman El Kheloufi. Vi raccontiamo della ristampa rimasterizzata di “Manicomi”, primo e unico album dei De Sfroos, band dalla quale ha avuto inizio la carriera solista di Davide Van De Sfroos. È un segno importante che ci sia di nuovo un’ampia pagina dedicata alla musica dal vivo con le cronache dalla XXV edizione del “Festival Ethnos”, andato in scena ai piedi nei comuni a piedi del Vesuvio, dal “FolkEst”, con il Premio Alberto Cesa, tenutosi nella friulana Spilimbergo, e con “Dal Tramonto all’Appia: Around Jazz”, rassegna che ha riempito con il meglio della scena jazz italiana il magnifico Parco Archeologico dell'Appia Antica a Roma. Proponiamo, quindi, la recensione di “Pangea” del chitarrista italo-tunisino RednaKS. Infine, Corzani Airlines presenta il maestro delle corde Stelios Petrakis, sul palco dell’edizione 2018 del Førde Festivalen.

Editor's Note
The October of #FoolkMagazine opens with our album of the month, which is “The Stolen Cello”, the stunning first solo album by the celebrated Albanian cellist and composer Redi Hasa, known for his long artistic career that has led him from the music of his homeland to Salento traditional music, and to his flambouyant collaborations with Ludovico Einaudi and Robert Plant. The Albanian musician explores the expressive potential of the cello, giving life to compositions where he weaves his experience, but also memories, emotions and suggestions of his land. We has spoken to Redi Hasa about the album but also about “Bach is Back”, which saw him as the protagonist last year and which is about to become a documentary produced by Ponderosa Music&Arts. Still on the Balkan route, you find Boris Kovač New Ritual Quartet’s “White World: Music for Dance and...”. Then, we head to Ireland for “So Ends the Day”, the maritime stories of singer-songwriter Éilís Kennedy. Last stop Morocco for Othman El Kheloufi’s  “Zid Zid. When Light Takes You on Its Motorbike”. We recount the reissue of “Manicomi”, the first and only album by De Sfroos, the band from which Davide Van De Sfroos solo career began. A relevant and pleasing event is to have a large page dedicated to live music again. We offer the chronicles from the “Festival Ethnos”, staged in various towns at the foot of Mount Vesuvius, from the “FolkEst” within Alberto Cesa Award took place in the Friuli town of Spilimbergo, and from “Dal Tramonto all'Appia: Around Jazz”, which filled the magnificent Appia Antica Archaeological Park in Rome with the music of top artists of the Italian jazz scene. We propose, therefore, the review of “Pangea” released by the Italian-Tunisian guitarist RednaKS. Finally, Corzani Airlines presents the master of strings Stelios Petrakis, on stage at the 2018 Førde Festivalen.

Ciro De Rosa
Direttore Responsabile di www.blogfoolk.com


BF-CHOICE
WORLD MUSIC
VIAGGIO IN ITALIA
I LUOGHI DELLA MUSICA
STRINGS
CORZANI AIRLINES

L'immagine di copertina è un'opera di Donatello Pisanello (per gentile concessione)

Nessun commento