Numero 178 del 19 Novembre 2014

L’apertura di Blogfoolk #178 spetta alle esplorazioni sonore di Tiziana Portoghese e Francesco Palazzo, rispettivamente mezzosoprano e fisarmonicista, che ripercorrendo le orme di Luciano Berio, hanno dato vita a “Folksongs”. Con Palazzo andiamo alla scoperta del progetto discografico e delle ricerche musicali che lo hanno caratterizzato. Proseguiamo nell’attraversamento di territori sonori obliqui, con un’ampia pagina di musiche world. Partiamo dalla Gran Bretagna, da cui arrivano “Live” dei Sans, quartetto guidato da Andrew Cronshaw, tra i polistrumentisti della scena folk inglese più aperti alle esperienze musicali interculturali, e “The Red Book”, della rinnovata Penguin Cafè Orchestra, l’ensemble oggi nelle mani di Arthur, figlio del compianto fondatore Simon Jeffes: un album dai paesaggi sonori a cavallo tra folk e musica da camera. Il “Consigliato Blogfoolk” della settimana va al progetto Fofoulah, scaturito da quella officina creativa che è la Glitterbeat, ed incentrato sull’incontro tra le ritmiche del tamburo sabar e le sonorità urbane del dub. Il nostro viaggio in Italia profuma di Mediterraneo, visto che lo splendido “Amada” è il frutto della collaborazione tra il duo sardo Elva Lutza e il cantante nizzardo Renat Sette. Tappa anche nel prolifico Salento, per parlare di  “Pizzarraggiata” di Stella Grande & Anime Bianche. Sul versante jazz, vi raccontiamo “Insieme a Te” di Daniele Falasca. Con il volume “Taarab. Music in Zanzibar in the Twentieth Century” di Janet Topp Fargion, edito dall’editore Ashgate, ci immergiamo nel affascinante mondo sonoro dell’isola crocevia dell’Oceano Indiano. Infine, ci congediamo con un Taglio Basso di sapore roots, dedicato a “I’m a Troubadour” di Hal Ketchum. Segnaliamo, infine, la petizione “Loro cambiano il Senato... noi cambiamo i Se(uo)natori!” per proporre la nomina a Senatore a Vita di Giovanna Marini.

Ciro De Rosa
Direttore Responsabile di www.blogfoolk.com

WORLD MUSIC
VIAGGIO IN ITALIA
LETTURE
SUONI JAZZ
TAGLIO BASSO



L'immagine di copertina è un opera di Donatello Pisanello (per gentile concessione)