Thione Seck (1955 – 2021)

Khalifa Sall, sindaco di Dakar dal 2009 al 2018, ha paragonato la sua scomparsa alla perdita di «un autentico monumento della musica senegalese». Thione Ballago Seck, 66 anni, è morto il 14 marzo a Dakar all’ospedale di Fann, dov’era stato ricoverato insieme alla moglie il 12 marzo, ed è stato seppellito al cimitero di Yoff. A Dakar, il suo locale, il Kilimandjaro, ed i suoi concerti sono stati a lungo un punto di riferimento imprescindibile. Nato a Dakar, nel quartiere popolare di Gueule tapée, ha sempre saputo che avrebbe fatto il musicista. Il padre, poliziotto, non vedeva di buon occhio quella scelta e Thione Seck ha dovuto lottare per farla accettare alla sua famiglia. Negli anni Sessanta, non era considerato un «vero» mestiere, ma proprio la generazione di Seck, Youssou N’Dour e Baba Maal hanno fatto sì che l’opinione generale cambiasse a questo proposito. A soli diciassette anni, viene introdotto da Abdoulaye Mboup nell’Orchestra Baobab dove ritrova il percussionista e batterista Mountaga Kouyate, cresciuto, come lui, nella Gueule tapée. Saranno inseparabili, i «benjamins du Baobab», protagonisti delle notti di Dakar, dei grands bals de la gendarmerie de Colobane, quelli che ospitavano il presidente Léopold Sédar Senghor. Abbiamo chiesto a Fallou Seck, percussionista, cantante, compositore, educatore, da anni residente a Padova, di raccontarci in un paio di brani la straordinaria capacità di Thione Seck di cantare versi scritti di suo pugno rivolgendosi al cuore dei senegalesi: «Thione Seck veniva da una famiglia di griot e musicisti, soprattutto percussionisti, fra i più importanti di Dakar. I griot sono caste che si dedicano a cantare le lodi, gli avvenimenti storici, la musica tradizionale, la danza: nella tradizione orale assumono il ruolo di biblioteche, in tutti i Paesi dell’Africa occidentale. Giovanissimo, Thione Seck cantava già nei vari locali notturni di Dakar! E’ stato una guida per molti cantanti che venivano da altre regioni, come Baba Maal, Ismaël lo e altri». Il primo brano scelto da Fallou per ricordare Thione Seck è «Chérie coco» (“Amore mio”): «Viene dagli anni Settanta, dal suo lavoro con l’Orchestra Baobab, dalla capacità di fondere i colori afrocubani con le influenze della musica tradizionale wolof. 
E’ una canzone d’amore, condivide sentimenti: ‘Pensare a te m’impedisce di dormire’. Da buon griot Thione tesse le lodi, gli omaggi alla famiglia e alla bellezza della sua chéri coco. Afferma che l'amore non vede le classi sociali e lo fa perché in Senegal caste e gruppi etnici ponevano ostacoli ai matrimoni. È un atteggiamento che è cambiato col tempo, ma persiste, in parte, ancora oggi»
. Dopo l’esperienza con l’Orchestra Baobab, nel 1983 ha dato vita, con il cugino Assane Ndiaye al gruppo Raam Daam. Per Fallou e, fra le canzoni memorabili con questo gruppo, sui ritmi mbalax, c’è senz’altro il brano «Papa». «In questa canzone canta suo padre e lo descrive come un modello, per le sue qualità e per la sua spiritualità. In un verso racconta: ‘Solo quando avrai intorno a te una famiglia e la dovrai nutrire ed educare capirai quanto tuo padre abbia fatto per te’. I versi riflettono un Senegal in cui, in generale, la donna si prende cura della casa, mentre l’uomo lavora fuori casa, spesso in condizione di poligamia e di famiglie numerose. Non è facile per i padri soddisfare i bisogni dei figli… Un altro verso ricorda che ‘qualunque genitore ama i propri figli più di sé stesso’. Come in molte delle sue canzoni, anche in questo caso Thione Seck è l’autore dei versi e le sue parole raccontano la vita delle famiglie, i rapporti sociali e offrono consigli su come vivere meglio insieme, mentre, al contempo, invitano a ballare».


Falou Galas Ndindi Seck e Alessio Surian

1 commento:

  1. ciao, anni fa quando i venditori africani tenevano anche cd taroccati, spesso chiedevo di vendermi qualcosa della loro musica, e così conobbi oltre ai noti Youssun N'Dour e Alpha Blondie, anche Baaba Mal, Kine Lam e per l'appunto, il nostro Thione Ballago Seck, voce splendida e arrangiamenti sorprendenti. Spiace davvero che sia mancato, così giovane. Non per abusare della vostra pazienza, ma suggerire l'ascolto di Orchestra Baobab non mi pare giustamente rappresentantivo di Thione. Vi suggerisco se avete la pazienza di dare un'occhiata, questo bel video che gli appartiene anche per produzione https://www.youtube.com/watch?v=TBWsEjFFD6k grazie per averlo ricordato

    RispondiElimina