Corzani Airlines: Apparat


Apparat (“Roma Summer Fest”, Auditorium Parco della Musica, Agosto 2019)
Foto di Valerio Corzani

“I miei gusti stanno cambiando, chiaro. Potrei anche fare la stessa musica ma poi non sarei più... io! Sarebbe qualcosa di pubblicato per altre ragioni: perché il pubblico si aspetta delle cose da me, oppure per vendere album. E poi c'è questo problema, anche se non lo definirei come tale: mi annoio molto facilmente. E in studio voglio principalmente fare qualcosa che mi diverta. La musica è iniziata come un hobby ed è diventata un lavoro, e per fare qualcosa di bello ho bisogno di divertirmi. Ho bisogno di raggiungere quel momento in cui le cose iniziano a succedere da sole, senza che io stia lì a controllare tutto. A volte c'è un momento in cui tutto inizia a svilupparsi come se avesse vita propria. Un momento magico, davvero, che arriva solo quando riesco a sorprendermi. E voglio continuare a essere quel tipo di persona che si meraviglia di tutto, come vent'anni fa quando ero agli inizi della mia carriera”
Sascha Rings aka Apparat

fotografie e suggestioni 

Nessun commento