Les frères Paranthoën – Into the jungle (Klam Records, 2018)

Formano una bella coppia i fratelli Alan (violin) e Youen Paranthoën (organetto diatonico e voce), musicisti dai piedi ben saldi nella tradizione bretone, che rileggono con sensibilità modernissima. Non parliamo di neofiti, poiché i due coinvolti nel circuito delle fest-noz da oltre vent’anni e sono membri del quartetto Spontus. Però, “Into the jungle” è il loro debutto, pubblicato sul finire dello scorso anno dall’etichetta discografica del collettivo Klam. Il disco è imperniato sugli stili musicali delle regioni del Morbihan (Pays d’Auray, Pays Vannetais), i cui moduli sonori, tradizionalmente eseguiti dalla combinazione biniou-bombarda, sono trasposti sugli strumenti di Alan e Youen, i quali, con intelligenza e padronanza tecnica, approdano a nove tracce dal sound contemporaneo. Difatti, lo spettro musicale è ampio, esaltato da esplorazioni melodiche, micro-variazioni, improvvisazioni, complementarietà dei ruoli assunti da violino e organetto, presenza di bordoni e riff di matrice rock. L’en dro “Loeiz”, messo in apertura dell’album, esemplifica la linea espressiva, “Pempempemp” si dipana tra begli incastri timbrici e acrobazie dell’organetto. I due brani cantati (“Komz a raer din” e “Un de oan e bord er mor” ), che raccontano storie d’amore e della difficoltà di sposarsi, hanno quel procedere singolare e ipnotico dei gwerz, con la voce di Youen ben corrisposta dal fraseggio del violino. La gavotte pourlet che dà il titolo all’album, invece, è un festoso rincorrersi degli strumenti. L’hanter dro “Er verig yaouank” è uno degli episodi più riusciti, caratterizzato da un violino inarrestabile; droni e ostinati magnificano la suite plinn “Angus”. “Vivement le retour” è una variazione su una marcia matrimoniale, in cui Youen si produce in sorprendenti ornamentazioni, mentre il ridée “A la recherche de la deuxième phrase” con i suoi cangianti andamenti è il tripudio danzante con cui i Paranthoën ci salutano. Quando si dice musiche attuali! 


Ciro De Rosa 

Nessun commento