Dario Lombardo & the Blues Gang - Searchin' For Gold (Il Popolo del Blues/Materiali Sonori)


Il Popolo del Blues è una delle più belle realtà della musica italiana, un programma radio, un’etichetta discografica, un giornale ma soprattutto un’anima grande ovvero il suo fondatore l’indimenticato Ernesto De Pascale, prematuramente scomparso lo scorso 13 febbraio. Fucina di idee e di talenti, l’attività discografica dell’etichetta fiorentina, è stata negli ultimi anni molto intensa e tra le sue proposte più interessanti merita di essere riscoperto Searchin’ For Gold, disco datato 2003 del blues-combo torinese, composto dal talentuoso chitarrista Dario Lombardo e la sua Blues Gang. Nata nel 1989 dalle ceneri dei Model-T Boogie la Blues Gang è, per l’occasione, integrata da alcuni eccellenti musicisti toscani come Fabrizio Bocciardi alla chitarra ritmica e alla lap steel, Mario Marmugi alla batteria e Daniele Nesi al basso, a cui si aggiungono Andrea “Red Rooster” Scagliarini armonicista e amico di lunga data di Dario Lombardi e lo stesso Ernesto De Pascale nella doppia veste di produttore e musicista. Il disco, pubblicato a cinque anni di distanza da I Don’t Want 2 Lose, nel quale appariva come ospite il chitarrista chicagoano Phil Guy, è stato inciso presso i Planet Sound Studios di Firenze, e presenta nove brani autografi di cui, tre scritti in collaborazione tra il chitarrista piemontese ed Ernesto De Pascale. Proprio la figura di Ernesto De Pascale è stata determinante a far emergere a pieno il talento compositivo di Dario Lombardo, infatti attraverso un lungo lavoro di ricerca sonora insieme hanno dato vita ad una visione molto moderna del blues nel quale si ricorrono influenze che spaziano dal soul al rythm & blues, passando per la roots music, il funky, e il boogaloo. L’ascolto svela un disco di ottimo livello e attraverso i vari brani si ha modo di apprezzare tutta la passione con la quale Lombado ha approcciato non solo il blues come genere ma anche il songwriting. In questo senso vale la pena citare Lonesome Blues che rimanda ai dischi della Fat Possum, la tiratissima New Age Blues e il chicago blues di I’m Tired. Tra i brani migliori vanno segnalate I Can’t Stand The Pain, K s Waves, ma soprattutto Bad Neighborhoods nella quale dialogano alla grande slide, armonica e il piano Rhodes suonato da Ernesto De Pascale. In attesa di ascoltare il prossimo lavoro del chitarrista e cantautore torinese, Searchin’ For Gold resta un ottimo esempio di blues made in Italy, ma soprattutto uno dei dischi più belli e coinvolgenti della discografia de Il Popolo Del Blues.


Salvatore Esposito