Francesco De Gregori 18 agosto 2007, Masseria di Torcito, Cannole (Le)


Il tour estivo di quest’anno di Francesco De Gregori è stato caratterizzato da un qualcosa di anomalo per lui, ovvero l’aver suonato in piccole località ma assolutamente deliziose dal punto di vista artistico. E’ il caso anche della Masseria Saracena di Torcito, situata nel territorio del Comune di Cannole in provincia di Lecce. Forse ispirato dalla bellezza del posto, ma anche dal suo legame con il Salento (lo ricordiamo nel 2004 durante la Notte della Taranta alle prese con il grico), ma il concerto tenuto nella bella location salentina è stato caratterizzato da una performance particolarmente sentita e coinvolgente. Francesco De Gregori è in grande forma e sfoggia un cantato impeccabile, così come la band che lo asseconda in modo eccellente nel reinventare i vari brani seguendo i dettami del Neverending Tour del suo nume tutelare Bob Dylan. Ciò non ha impedito, come accadeva in passato, di concedere al pubblico numerosi classici del passato (Titanic, La Leva Calcistica della Classe ’68, Rimmel, Niente da Capire, Generale, Alice, La Donna Cannone) ma anche qualche successo recente come alcuni estratti dall’ottimo disco dello scorso anno Calypsos (dolcissima la resa di Cardiologia).
Non manca qualche chicca come la tiratissima Bambini Venite Parvulos in apertura, la velenosa La Ballata dell’Uomo Ragno ma soprattutto una incredibile e commovente rilettura de L’Abbigliamento di Un Fuochista. Sul finale commuove la nuova versione di Buonanotte Fiorellino, riarrangiata come una delle ballate di Modern Times di Bob Dylan. Un concerto di Francesco De Gregori non ha bisogno di grandi commenti, soprattutto se si tratta di una performance di alto livello come quella di Torcito.

Salvatore Esposito

Nessun commento