Marco Zanotti/Gaia Carboni – Re-flexio (Brutture Moderne, 2021)

“Re-flexio” è un progetto multidisciplinare nato dalla collaborazione tra il percussionista Marco Zanotti e l’artista Gaia Carboni. Il concetto di riflessione, dal latino re-flectere, “volgere indietro”, è alla base dell’intero processo creativo. Qui, al di là del significato etimologico o puramente fenomenico del termine, Zanotti e Carboni hanno interpretato la “riflessione” con uno spirito filosofico che ha a che fare più con il pensiero, il ricordo e l’esperienza, come ha sottolineato personalmente il musicista: “Riconsiderare un fatto passato alla luce del presente per comprenderlo meglio”. Partendo da questo punto di vista condiviso, Marco e Gaia hanno rispettivamente elaborato quindici composizioni musicali e sessantaquattro tavole in alluminio. Le incisioni sono state realizzate utilizzando scarti di lastre segnate dal tempo, sulle quali l’artista è successivamente intervenuta creando segni e soluzioni cangianti che invitano alla contemplazione (o alla riflessione attiva, per rimanere in tema). I brani invece, sono quindici appunti di viaggio che rappresentano, luoghi, momenti ed esperienze significative nella vita del compositore, eseguiti quasi completamente in solitudine, eccezion fatta per i delicati interventi di sax, violoncello, tromba, flauto e voce. Nelle musiche possiamo ascoltare kamalen’goni, marimbe, fiati e strumenti acustici (alcuni dei quali inventati dallo stesso Zanotti), ma anche elettronica e field recordings che aggiungono una certa tridimensionalità al tutto. Quello di Marco è un suono originale, esotico e piacevolmente organico che tocca world music, ambient ed elettronica, attuando un’interessante fusione primitivo/futuristica, per citare il maestro Jon Hassell e il suo Fourth World. Ci sono inoltre curiose tracce di minimalismo, non a caso, compositori come Steve Reich, hanno sempre attinto dalla tradizione musicale africana e dall’innegabile energia propulsiva e quasi trascendentale di quelle articolate costruzioni ritmiche. Anche qui naturalmente, il ritmo è l’indubbio protagonista del disco ma rappresenta solo la parte di un microcosmo ben più complesso e articolato che è completato egregiamente dalle tavole di Gaia Carboni, intriganti e arcaiche come le musiche. “Re-flexio” rappresenta insomma un bell’esempio di comunicazione tra linguaggi differenti, superando le consuete idee di album e opera d’arte, per giungere a un formato unico che le comprenda entrambe. A conferma di ciò, il progetto, pubblicato dall’etichetta italiana Brutture Moderne è disponibile in ben quattro edizioni differenti: Box 1 (doppio vinile 10”, digital download code e libretto di otto pagine), Box 2 (doppio vinile 10”, incisione in alluminio 24x24, libretto di otto pagine e digital download code), Box 3 (64 incisioni in alluminio 24x24 edizione limitata e download) e infine, album in versione digitale. Per ulteriori informazioni, vi invitiamo a consultare la pagina Bandcamp


Marco Calloni

Nessun commento