Lucus Trio – Bragato/Piazzolla (Digressione Music, 2020)

Il Lucus Trio nasce in quella realtà che è l’associazione lucana “Officina Musicale 52” dall’incontro tra il presidente di quest’ultima il Maestro Francesco Parente (violoncello) con Rocco Russillo (flauto) e Alessandro Bove (pianoforte) e rappresenta l’incontro e la sintesi tra tre strumentisti dal diverso background musicale, ma accomunati dal desiderio di condividere le rispettive esperienze artistiche per dare vita ad un percorso comune di ricerca musicale attraverso l'intero repertorio cameristico, spaziando con versatilità dalla musica classica a quella conemporanea e senza disdegnare interazioni con altri generi musicali. Edito dall'etichetta pubbliese Digressione Music, il loro nuovo album "Bragato/Piazzolla" raccoglie nove brani che, nel loro insieme, gettano nuova luce sulla collaborazione tra il grande grande violoncellista argentino di origine italiana José Bragato e il famoso compositore argentino Ástor Piazzolla. I due musicisti diedero vita ad una collaborazione intensa, segnata da reciproche influenze ed arricchimenti che produsse capolavori considerati centrali nello sviluppo della musica popolare argentina. Nato ad Udine il 12 ottobre del 1915 e morto a Buenos Aires il 18 luglio 2017, Bragato emigrò giovanissimo in Argentina e ben presto si segnalò al grande pubblico come direttore d'orchestra in ambito classico, ma la svolta nella sua carriera arrivò grazie all'incontro con Piazzolla che lo volle al suo fianco come arrangiatore e come punta di diamante dell'ensemble Nuevo Tango con il quale rivoluzionò la tradizione tanguera portandovi uno strumento come il violoncello ed arricchendo ogni brano di virtuosismi. Quel sodalizio consentì al compositore argentino di far approdare la tradizione tanguera in ambito classico e cameristico e fruttò numerosi brani originali composti proprio per il violoncellista come la celebre "Bragatissimo". L'ascolto è, dunque, un viaggio nel tempo attraverso cui si ripercorre la vicenda artistica di Bragato prima con le sue splendide composizioni "Chacarera", "Milontan" e "Impresionista" legate alla tradizione musicale argantina, si passa attraverso quel capolavoro che sono le "Quattro Stagioni" intrise di poesia e suggestioni senza pari e si conclude con le intense "La muerte de l'Angel" e la ben nota "Oblivion". Le versioni firmate da Lucus Trio evidenziano un eccellente affiatamento tra le tre voci strumentali con una particolare cura riposta nell'esaltazione dell'eleganza melodica delle composizioni di Piazzolla nelle io violoncello di Parente guida magistralmente il trio, accompagnato in modo impeccabile dal flauto di Russillo e dal pianoforte di Bove. Insomma "Bragato/Piazzolla" è un album prezioso, un altro esempio dell'unicità della mission culturale di Digressione Music.


Salvatore Esposito

Nessun commento