Woolly Wolstenholme – Maestoso (Eclectic Disc/Audioglobe)

Abbandonati i Barclay James Harvest nel 1979 dopo il deludente Gone To Earth a causa di divergenze artistiche con gli altri componenti della band, che volevano percorrere (e avrebbero percorso tra alti e bassi) la via del pop d’autore, il geniale tastierista Woolly Wolstenholme, l’anno successivo pubblicò Maestoso, il suo album di debutto. Recentemente ristampato e rimasterizzato dalla Eclectic Disc con l’aggiunta di due bonus track dal vivo (Even The Night e la splendida Has To Be A Reason), Maestoso è un disco piacevole, non eccessivamente pretenzioso che spazia dal folk al rock fino a toccare il progressive più elegante. Tra i brani da ricordare c’è senza dubbio Maestoso: A Hymn In The Roof Of The World che fu composta per essere incisa in un disco dei BJH nel 1974 ma scartata, l’iniziale Sail Away, la splendide American Excess (anch’essa scartata perché ritenuta troppo pretenziosa dagli altri membri dei BJH) e la cartolina autunnale di Live On The Line. Maestoso per Wolly Wolstenholme fu la base di lancio per il suo side-project omonimo che porta ancora avanti oggi con gli inseparabili Steve Broomhead alle chitarre e Kim Turner alle percussioni, entrambi già presenti in questo disco.

Salvatore Esposito

Nessun commento