Rusties - Move Along (Tube Jam/I.R.D.)


Dopo aver passato anni a calcare i palchi della nostra penisola e dell’Europa portando in giro le canzoni di Neil Young, i Rusties finalmente hanno fatto il grande salto verso un disco composto da canzoni originali di cui otto composte da Marco Grompi e due da Osvaldo Ardenghi. Inciso con l’aiuto di alcuni ospiti come Cristina Donà e Robi Zonca, Move Along, questo il titolo del disco, è composto da dieci brani che partendo dal loro amore per la musica di Neil Young e per la West Coast spaziano e allargano il raggio d’azione tanto a sonorità più europee e a tematiche che spaziano dall’attualità all’amore passando per qualche spaccato introspettivo. Il disco all’ascolto si svela in tutta la sua solidità, sia dal punto di vista della produzione sia dal punto di vista della scrittura, che pur mantenendo stretti i legami con le passioni musicali made in USA del quartetto, non cade mai nel tranello del già sentito. Ad aprire il disco sono l’elettrica Eclipse, brano ispirato da una vera eclissi solare e che diventa una riflessione sull’uomo e sul suo rapporto con la natura, e la riflessiva The Show, in cui i Rusties cantano di come la vita possa essere un continuo teatro ma prima o poi arriva il momento di gettare la maschera. Arriva poi prima una ballata folk acustica che sembra uscita dai solchi di Freedom di Neil Young, ovvero la title track dove brilla la voce di Cristina Donà poi l’autobiografica Soldier Of Fortune, scritta da Osvaldo Ardeghi. Il disco assume tratti più rock prima con la ballad You’ll Never Know con protagonista la chitarra di Robi Zonca, poi con Low Spirit in cui ritorna tutto l’amore dei Rusties per Neil Young e i Crazy Horse. Sul finale arrivano poi le ottime By Your Side, Tracks e la splendida Sinking. Move Along è il frutto di una grande passione per la musica, una passione che vive nei brani dei Rusties e che rafforza tutto il loro desiderio di comunicare attraverso il rock.
Salvatore Esposito
Il disco è distribuito da IRD ma è acquistabile anche attraverso questi siti:
www.myspace.com/rustiesband
www.tubejamrecords.com
www.myspace.com/tubejamrecords