Frankie Chavez – Double Or Nothing (Search Records/Materiali Sonori, 2017)

Considerato uno dei talenti della scena musicale portoghese, Frankie Chavez è un polistrumentista e cantautore brillante, interprete di un folk-rock con venature soul e blues che affonda le sue radici tanto nella musica americana quanto in quella della sua terra. Oltre a suonare la chitarra e i suoi derivati come la Lap Steel, il musicista lusitano è tra i più raffinati ed innovativi interpreti della chitarra portoghese, avendo sperimentato accordature innovative che gli consentono di mescolare le melodie tipiche del fado con le dodici battute del blues, dando vita ad una originale alchimia sonora. Se i suoi primi passi nel mondo della musica furono caratterizzati dal paragone costante con Ben Harper del quale sembrava ricalcare gli stilemi, successivamente la sua cifra stilistica si è fatta sempre più personale, aprendosi ad una visione globale della propria arte, nella quale convivono la sua anima europea con il sole, il vento ed il mare della sua terra e quella americana con le sonorità blues e gli echi di surf music. Cresciuto musicalmente in giro per l’Europa ed approdato negli ultimi anni in Australia, dove si dedica abitualmente alla sua passione per il surf, Chavez vanta un percorso artistico di tutto rispetto, intrapreso con l’ottimo album di esordio “Family Tree” del 2011 e proseguito con altrettanto successo con “Heart & Spine” del 2015. A distanza di due anni da quest’ultimo lo ritroviamo con “Double Or Nothing”, terzo album in carriera, registrato lo scorso anno con la co-produzione di Fred Ferreira (batteria, percussioni, opi, Moog Sub37) e la partecipazione di João Correia (batteria e percussioni), Dovovan Bettencourt (basso), Luis Nunes (batteria, basso, percussioni e keys), Paulo Borges (piano, Organo Farfisa, Rhodes, Mellotron, Glokenspiel), Rui Maia (Korg MS-10) e Poli Correia (voce). Il disco raccoglie dieci brani nati in un particolare momento della vita di Frankie Chavez, come lui stesso racconta nella presentazione: “Ho trascorso due anni continuamente in tour e di recente sono anche diventato padre di due gemelle. Quindi sono stato costretto a pensare alla mia vita e decidere se continuare a fare musica o cominciare qualcosa di diverso. Ho deciso di scommettere sulla musica. Non posso immaginare nient'altro. Si tratta davvero di un gioco d'azzardo: o tutto o niente. Il nome del disco viene proprio da questa idea di scommettere e di correre il rischio”. Si tratta di un “un album di storie che riguardano perdite e nascite, sull'essere in viaggio, e sul tempo che spendiamo in imprese inutili”, prosegue il musicista portoghese, “Parla anche di amore e di relazioni impossibili. E degli attacchi terroristici e della violazione della libertà”. Ad aprire il disco è il primo singolo estratto del disco, l’intensa “My Religion”, un brano nato da una riflessione sui recenti attentati terroristici che hanno colpito l’Europa: “Ho scritto questa canzone il giorno dopo gli attentati di Parigi nel novembre 2015 e, proprio per l'argomento che trattava, ho deciso subito di chiedere a Poli Correia di cantarlo con me”. Si prosegue con la trascinante “Save” che fa da apripista a quel gioiello che è “Whatever Happened To Our Love”, altro singolo estratto dal disco, e caratterizzato da un andamento ispirato alla surf music nel quale si innesta la psichedelia del ritornello. Se “Time for a change” è una ballata caratterizzata da un crescendo soul-rock di grande impatto, la successiva “Strong Enough To Pray” è un incantevole brano acustico tutto giocato sulle chitarre. Il tasso elettrico torna a rialzarsi con “Getaway” per attenuarsi con la sinuosa “Move On” prima che lo strumentale “Sliding Donnie” ci accomgni verso il finale in cui brillano la superba title-track e la riflessiva “By The Banks Of This Old River”. Insomma, “Double or Nothing” è il disco della maturità di Frankie Chavez e la speranza è quella di vederlo presto sui grandi palcoscenici internazionali dove saprà certamente misurarsi ad armi pari con i suoi colleghi. 


Salvatore Esposito
Posta un commento