QuartAumentata – The Best Of QuartAumentata (iCompany, 2016)

I QuartAumentata nascono nel 1998, in occasione della stesura delle musiche per un progetto teatrale, dall’incontro tra Paolo Sofia (voce), Massimo Cusato (percussioni e batteria), Peppe Platani (basso) e Salvatore Gullace (chitarra, mandolino, bouzuki e nashtakar), quattro musicisti calabresi dal diverso background musicale, ma accomunati dal desiderio di riscoprire e rileggere la tradizione musicale della loro terra, attraverso il linguaggio e i ritmi della World Music. Come lascia intendere il loro nome, che trae origine dall’intervallo musicale di quarta aumentata, molto comune nella musica del Mediterraneo, la band calabrese ha orientato, sin dal loro primo album, la propria ricerca verso la contaminazione sonora, mescolando sonorità moderne ed elementi della tradizione calabrese, il tutto con testi cantati in dialetto o in italiano. Dopo aver messo in fila ben sette album tra cui il più recente “Sirene e Naviganti” del 2012 edito da Sony Classica, la formazione calabrese torna in pista con “The Best Of”, antologia composta da tredici brani del loro repertorio riletti per l’occasione dal vivo in studio. Evocando l’energia dei loro concerti il disco, ci svela tutta l’energia dei QuartAumentata i quali, attraverso nuove sonorità che lambiscono pop, rock e funk, danno nuova vita a brani storici come “Vai”, “Pumadora a Prunu”, “Santu Nzertu”, e “Quandu Amuri”, senza dimenticare composizioni più recenti come “Omini di panza” e “Calabria sona”, con quest’ultima che segnaliamo come potenziale brano manifesto della nuova musica calabrese. “Best Of” è, dunque, l’occasione giusta per scoprire questo storico gruppo calabrese e dalla esperienza ormai ultradecennale. 


Salvatore Esposito