Yu Lingling & Guo Gan – Yue Luo (Felmay)

E’ sempre difficile venire in contatto con proposte musicali provenienti dall’Oriente, sia per la scarsa distribuzione in Europa di questi dischi sia perché spesso si ha a che fare con prodotti di difficile fruibilità per i nostri mercati. Felmay, da sempre attenta alle proposte della scena world di recente ha distribuito in Italia un vero e proprio gioiello, che apre un interessante spaccato sulla tradizione musicale cinese ed in particolare su i due suoi strumenti più rappresentativi ovvero la pipa e l’erhu, il primo è uno strumento a corde rientrante nella famiglia dei liuti e spesso identificato come il violino cinese, mentre il secondo è uno strumento ad arco. Il disco in questione è Yue Luo del duo cinese composto dalla virtuosa della pipa Yu Lingling e da Guo Gan, musicista e figlio di una dinastia di suonatori di erhu. Il genere da loro proposto è chiamato Jiangnan Sizhu, “letteralemnte la seta e il bambù del Jiangnan”, ad indicare proprio gli strumenti a corde, che in epoca antica erano di seta, e i flauti che erano costruiti essenzialmente in bambù. Molto diffuso in varie aree della Cina, questo genere musicale, trova la sua origine nell'area sud-occidentale, nello Jiangnan, appunto ovvero nella zona compresa tra Shanghai, Nanjing (Nanchino) e Hangzhou, ed era spesso utilizzato con una funzione rituale, ed ancora oggi è interpretato da gruppi non professonisti nelle case del te. Yue Luo, è però la dimostrazione di come questo genere sia molto apprezzato da importanti musicisti di estrazione classica, e questo per il grande fascino che sprigiona l'intreccio sonoro tra la pipa e l'erhu, infatti se il primo presenta una varità di tecniche espressive tra cui il tremolo, dato da una ripetizione rapida di una stessa nota, gli armonici e alcuni elementi percussivi, il secondo incanta per la splendida varietà melodica, che rimanda idealmente alla voce umana. Durante l'ascolto si viene letteralmente rapiti dal fascino di brani come l'inziale Yue Luo, dalla melodica e struggente Zhonghua Iiuban o dall'evocativa Xoap Sa Liu, che sembra dar vita ad una sorta di acquerello sonoro caratterizzato dai paesaggi dell'estremo Oriente. Lingling Yu e Guo Gan, con questo disco sintetizzano una tradizione antichissima, dandocene un gustoso assaggio che ci incuriosisce schiudendoci le porte di un mondo musicale pieno di fascino.


Salvatore Esposito