Stages

Corsi, Stage e tutto ciò che riguarda la formazione musicale in ambito folk e world


L’Associazione Culturale e Artistica Folkestra & Folkoro, con il patrocinio della Città Metropolitana di Torino e del Comune di Pragelato
organizza
“FOLKESTRA OPEN SUMMER 2017” 
Pragelato (TO)
da martedì 18 a sabato 22 luglio 2017
Direzione Artistica: Simone Bottasso

Una “Settimana Musicale Estiva” rivolta a tutti gli appassionati di musica, siano essi strumentisti, cantanti o ballerini. Verranno proposti stage di strumento, di canto, di musica d’insieme; le serate saranno dedicate a spettacoli dal vivo, concerti orchestrali, corali, bal folk, animati dagli stessi docenti e partecipanti ai corsi, e con importanti ospiti esterni. Il tutto contraddistinto da un unico denominatore comune: la musica tradizionale rivisitata da giovani artisti contemporanei e riproposta utilizzando linguaggi compositivi e esecutivi moderni. Verranno altresì organizzate attività musicali e di danza per bambini. 

L’Associazione Folkestra & Folkoro, con sede a Bricherasio (TO) è stata costituita nel 2014 a supporto dell’attività artistica dell’omonimo ensemble orchestrale da anni presente sulla scena italiana ed internazionale della world music. Si è sempre contraddistinta nella valorizzazione e diffusione della musica tradizionale piemontese, e non solo, attraverso l’organizzazione di eventi, manifestazioni, corsi di musica. Ne sono testimonianza le Rassegne e Festival “Folkestra Nights” realizzate nel corso degli anni, e che hanno visto la partecipazione di illustri artisti ospiti (Accordzeam, Andy Cutting, Grégory Jolivet, Riccardo Tesi, Norbert Pignol, Elena Ledda, Gigi Biolcati), e i numerosi stage di strumento e musica d’insieme realizzati anche con il supporto degli artisti stessi.

Location: Villaggio Kinka – Pragelato (TO) Termine d’iscrizione: 15 maggio 2017. Per maggiori informazioni, iscrizioni e costi di partecipazione, consultare il sito www.folkestra.it e la pagina facebook https://www.facebook.com/events/247280582405710/
        
Docenti e Corsi

Simone Bottasso
L'organetto del futuro - groove e minimalismo.
Lavoreremo sul suono, sulla melodia e sul modo di accompagnare, al fine di cerare una composizione per ensemble di mantici con groove e improvvisazione. Il corso non è rivolto a principianti, ma è aperto anche alle fisarmoniche.

Musicista, compositore, arrangiatore e direttore, Simone Bottasso inizia a suonare l’organetto nel 1995 all’età di otto anni approfondendo il repertorio della musica tradizionale occitana e francese. Grazie a numerosi stages e masterclass con alcuni tra i più grandi organettisti internazionali (Marc Perrone, Riccardo Tesi, Norbert Pignol e Stephane Milleret,...) fa proprie tecniche strumentali innovative sul proprio strumento, tra cui l’improvvisazione jazz. Parallelamente allo studio dell’organetto, si diplomato in flauto traverso nel 2011 presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino. Frequenta il corso triennale in Jazz al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino e si laurea nel Febbraio 2013 ottenendo la votazione di 110/110 e dignità di stampa per la tesi “Gli incontri tra le musiche del mondo ed il jazz”. Nel 2013 si trasferisce a Rotterdam per studiare composizione jazz, contemporanea ed elettronica con Paul Van Brugge e Renè Uijlenhoet.

Matthias Loibner
La ghironda, suono e improvvisazione
Il corso del ghirondista austriaco Matthias Loibner, considerato il Jimi Hendrix della ghironda, si concentrerà sulla qualità e la ricchezza di tutti quei suoni che la ghironda può esprimere e sulla chiarezza e il significato del suonare e dell’interpretazione. Il corso includerà tecniche di base ed avanzate per entrambe le mani. Il corso è aperto a tutti i livelli, ma ai partecipanti è richiesto di saper gestire le caratteristiche di base dello strumento, come per esempio accordare e gestire la ghironda autonomamente.

Musicista poliedrico, Matthias Loibner inizia nel 1990 lo studio della ghironda, precoce autodidatta e poi con Barbara Grimm, Valentin Clastrier, Riccardo Delfino e Gilles Chabenat, 1 ° premio al "Concorso di ghironda e cornamusa," S. Chartier [F] 1994. Dal 1994 è professore di tecnica della ghironda e improvvisazione; è autore di un metodo per la ghironda con Riccardo Delfino. Collabora con artisti di livello internazionale: Sandy Lopicic Orkestar, Nataša Mirković -Da Ro, Tunji Beier, Ross Daly, Linsey Pollak, dididumdum, Selvaggio Marmalade, The Big Five (Uganda), Armin Pokorn, Jörg Mikula, Alex Deutsch, DJ Shantel e altri. 

Simone Sims Longo
Musica elettronica e live electronics
Un innovativo laboratorio per sperimentare l'interazione tra strumenti acustici e strumenti elettronici/computer, tecniche di registrazione e sound-design. Corso aperto a musicisti e cantanti computer-friendly: non sono necessarie conoscenze pregresse di musica elettronica. 

Simone Sims Longo è un sound artist, la sua musica è costantemente influenzata dalla composizione elettroacustica e dalla club culture. In continua ricerca sonora. Simone Sims Longo è laureato in musica elettronica al Conservatorio "G. F. Ghedini", ha lavorato a Berlino per Soluxion Lab e all'ACROE di Grenoble, dove è diventato parte di EASTN / European Art Science Technology Network. Numerose le performance dov’è stata protagonista la musica di Simone Sims Longo, tra cui un live-set binaurale a 2000 metri d’altezza al colle della Maddalena (confine tra Francia e Italia) e uno spettacolo di danza “Petite Coopération dei Corpi Vibranti” a le MAGASIN Centre National d’Art Contemporain di Grenoble.

Nicolò Bottasso
Il violino open- minded
Un laboratorio di esplorazione dello strumento senza pregiudizi. Oltre agli aspetti tecnici basilari verranno proposti brani tradizionali o di composizione lavorando sull'interpretazione, l'arrangiamento e l'improvvisazione. Il corso è aperto a tutti gli strumenti ad arco. Non adatto a principianti assoluti.

Nicolò Bottasso si diploma in violino presso il Conservatorio G.Verdi di Torino. Studia tromba con Fabiano Cudiz e jazz con Giampaolo Casati, Furio di Castri e Pino Russo. Frequenta masterclass con Giovanni Falzone, Michele Rabbia, Michel Godard, Daniele Sepe, Riccardo Zegna, Gavino Murgia. Con Duo Bottasso, Stygiens e TradAdlp si esibisce in Italia, Francia, Perù, Olanda, Belgio, Inghilterra Portogallo, Germania, Spagna, Finlandia. Ha registrato TradAlp con l’ensemble TradAlp, Crescendo con Duo Bottasso (3° classificato al Premio Città di Loano per la Musica Popolare 2015) e Si scrive Med in Itali con Med In Itali. E’ Direttore Artistico con Simone Bottasso e Pietro Numico di Folkestra & Folkoro

Filippo Ansaldi
Big Banda Contemporanea
Un coraggioso laboratorio di musica d'insieme aperto a musicisti di ogni livello in cui ascolto, improvvisazione e composizione diventano parte di un unico linguaggio accessibile a tutti. Il corso è finalizzato alla creazione di un breve concerto ispirato dalle sonorità tradizionali delle bande, delle big band e della musica contemporanea per fiati, corde e sezione ritmica. Rivolto non solo agli strumenti a fiato e a strumenti ritmici, ma anche a tutti coloro che vogliono esplorare nuove sonorità e fare musica con groove.

Filippo “Pippo” Ansaldi si è laureato con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “G.Verdi” di Torino sotto la guida di Pietro Marchetti. Ha collaborato con importanti istituzioni e festival ed è risultato vincitore di numerosi premi in concorsi internazionali. E’ docente presso l'Istituto musicale di Boves (CN) e direttore artistico della Banda "S. Pellico" di Boves. Dal 2014 si dedica allo studio di Composizione per Orchestra di fiati presso il conservatorio G. Verdi" di Torino, sotto la guida di Lorenzo della Fonte. Dal 2015 frequenta il "Master di II livello in Interpretazione della Musica Contemporanea" presso il Conservatorio "Santa Cecilia" di Roma.

Pietro Numico
La voce del coro - muusica vocale a cappella (per coro femminile).
La voce nel coro, il suo potere espressivo, l'intenzione musicale comune, creare e gestire la tensione, la ricerca della consonanza. Il laboratorio prevede un lavoro di vocalità e la produzione di un concerto di mezz'ora; è rivolto a coriste e cantanti con basi di lettura musicale e capacità di ascolto.

Pianista e direttore di coro, Pietro Numico ha conseguito entrambi i diplomi brillantemente studiando presso il Conservatorio di Cuneo, l’Istituto musicale pareggiato “G. Donizetti” di Bergamo e la Luebeck Musikhochschule in Germania. Come direttore si è perfezionato in molte masterclass in Italia, Germania, Danimarca e Olanda. Nel 2011 si è distinto come direttore presso il festivalChor.com di Dortmund, dirigendo lo Jungesvokalensemble di Hannover. Ha diretto il coro del Liceo Scientifico di Cuneo, con cui ha partecipato a due edizioni del “Festival di Primavera”, Montecatini 2012 e 2013, il coro femminile “La scala del Re” di Carrù, il coro di voci bianche de l’Offerta Musicale e la Banda Rumorosa “Silvio Pellico” di Boves. Ha poi diretto il coro “Orlamuende Singeverein” e come assistente il coro della Jenaer Philarmonie ed il Kammerchor F. Liszt di Weimer. Attualmente è maestro assistente del coro lirico del teatro di Chemnitz (Germania). Dal 2012 collabora con Simone e Nicolò Bottasso nel progetto Folkestra e Folkoro,
________________________________________________________________________________

"Aria, Acqua, Terra, Fuoco" - Stage residenziale di Flamenco Arabo
Dal 23 al 25 giugno 2017
Tenuta San Felice, Umbria

Immersi nella natura umbra potrete sperimentare questa meravigliosa danza con i suoi 4 elementi: ARIA: fluidità, grazia, leggerezza; FUOCO: passione, coraggio, determinazione, forza, forze rinnovatrici; ACQUA: purificazione, calma, flusso vitale, flessibilità, morbidezza, femminilità, fecondità; TERRA: concretezza, solidità, potenza, dolcezza , femminilità. Questi 4 elementi caratterizzano il Flamenco Arabo, danza di fusione, appunto, tra il flamenco e la danza araba.
COSTI E PROMOZIONI
Il costo complessivo è di € 220,00 a persona e comprende: Seminario di flamenco arabo 10 ore complessive, 2 pernottamenti in doppia, tripla o quadrupla, 2 colazioni, 4 pasti completi (cena di venerdì, pranzo e cena di sabato, pranzo di domenica), Utilizzo piscina. C’è la possibilità di usufruire di 4 camere uso singola con un supplemento del 25% sul costo della struttura. Chi si iscrive entro domenica 14 maggio potrà farlo al prezzo promozionale di € 190,00 complessivi.

MODALITÀ’ DI PAGAMENTO
Il termine ultimo per le iscrizioni è fissato a Domenica 4 giugno 2017. Entro quella data sarà necessario compilare il Modulo iscrizione da stampare e rispedire firmato a labflamencoarabo@gmail.com e, contestualmente, effettuare un bonifico pari al 50% dell’importo totale alle seguenti coordinate: TENUTA SAN FELICE SRL – Società Agricola - BANCA DELLE MARCHE Agenzia di Borgo Trevi IBAN: IT 24 Q 06055 38721 0000 0000 1890. BIC: BAMAIT3A.

Le iscrizioni non complete di scheda e bonifico verranno considerate nulle.​A questo indirizzo troverete tutte le info necessarie e le modalità di iscrizione http://www.corsoflamencoroma.com/stage-residenziale-di-flamenco-arabo/
_________________________________________________________________________


ÉSERVEZ DÈS MAINTENANT VOS STAGES & MASTER CLASSES DE L'ÉTÉ... SUR UN SITE INTERNET ENTIÈREMENT RÉNOVÉ !

Chaque édition du Festival s’accompagne d’un riche programme de stages et master classes en danse, musique, voix et art de vivre : du débutant au professionnel sans oublier les ateliers jeune public. L’occasion idéale d’expérimenter, apprendre, se perfectionner ou s’initier tout en partageant le plaisir de jouer, danser et chanter ensemble ! Cante flamenco ou gospel, danses mandingues ou colombiennes, gamelan ou fanfare méditerranéenne, danses tsiganes ou contemporaines, accordéon, guitare et oud, palmas, feldenkrais, calligraphie japonaise ou cuisine provençale… 38 stages & master classes sont proposés cette année !


RÉSERVEZ VOS STAGES
38  STAGES & MASTER CLASSES

MUSIQUE
DEREK GRIPPER Guitare; THIMIOS ATZAKAS Oud; DANIEL MILLE Accordéon; GASPAR CLAUS Laboratoire de création; FANFARAÏ Fanfare  méditerranéenne; HENRI MAQUET Gamelan; LAURENT RIGAUD & VERIOCA Percussions & chants de Rio de Janeiro; DAHMANE KHALFA Derbouka & percussions orientales; JUAN MANUEL CORTÉS Cajón & Palmas

VOIX
NIÑO DE ELCHE Cante flamenco; MAURA GUERRERA Chants & tambourins d'Italie du Sud; ALEXANDRE ARKHINTCHEEV Chant diphonique; MICFLOW Beatbox; MAX ZITA Gospel; CLOTILDE RULLAUD Chanter le monde; EMMANUEL PESNOT Transmettre le chant populaire

DANSE
NICOLA MONACO, CIE AKRAM KHAN Danse contemporaine; VIRGILE DAGNEAUX, CIE KADER ATTOU Hip-hop; MARIA PEREZ Flamenco; LA MONETA Flamenco; MANU SISSOKO Danses mandingues; MARITZA ARIZALA Danses colombiennes; NURIA ROVIRA SALAT Danses tsiganes

ART DE VIVRE
ANNA FALCIDIA Feldenkrais; RONALD MACK Yoga & musiques; GERARD KURDJIAN Méditations musicales; AKIKO MURAYAMA Calligraphie japonaise; ERICK VEDEL Cuisine provençale

JEUNE PUBLIC
CROCO'LIRE Là-bas, c'est où; MÔM'ARLES Môm'en musiques

__________________________________________________________________________

ESTADANZA
LABORATORIO NAZIONALE DI DANZA TRADIZIONALE ITALIANA
34° anno – 68a edizione
Castrovillari (CS) 
24-31 luglio 2017

TRADIZIONI A CONFRONTO:
danze e musiche di Calabria e Puglia

Prosegue la lunga vita di Estadanza, prima rassegna didattica estiva sulle danze tradizionali in Italia. Per il terzo anno consecutivo siamo ospitati in Calabria dalla Pro Loco del Pollino della bella cittadina di Castrovillari, in contesti culturali calabro-lucani. Confluisce in questa manifestazione la più vasta esperienza di ricerca sul campo dell’Etnodanza italiana. Uno studio meticoloso e penetrato in innumerevoli realtà locali per oltre 40 anni di ricerca ha permesso di estrarre e documentare varie centinaia di esempi di balli contadini, molti dei quali sono andati perduti presso le nuove generazioni. Un archivio dunque preziosissimo per andare oltre le generalizzazioni che oggi si fanno dei balli folk, utile anche agli stessi giovani dei luoghi di origine che possono ritrovare tracce delle proprie radici espressive. Uno scaffale di iniziative. Un’edizione anche quest’anno ricca di iniziative e opportunità di conoscenza: Vari seminari didattici di danza popolari (Calabria e Puglia). Corsi di musica (organetto, tamburello, zampogna, fisarmonica). Lezioni teoriche di Antropologia della danza. Lezioni di Antropologia del tarantismo. Visione guidata di filmati inediti di ricerca e di archivi storici. Convegno sullo stato di conservazione e tutela del patrimonio etnico in Calabria. Incontri e feste con anziani, ballerini e musicisti dei paesi della zona del Pollino. Concerti di ascolto e da ballo del festival Etno-jazz “SUONI”. Visite a centri storici, scavi archeologici e a collezioni particolari. Visite a musei d’arte, di archeologia, arte sacra e di cultura contadina.Visite a laboratori artigianali di zampogna, ciaramella e tamburelli. Gastronomia locale.

CORSI DI DANZA POPOLARE
Corso di balli popolari calabresi
Ore 10 – Insegnanti: Pino Gala, Tiziana Miniati e Tamara Biagi
Il corso farà svolgere ai partecipanti un viaggio culturale nelle varie forme di tarantelle calabresi. Si comincia con i balli dell’area del Pollino, una delle aree più conservative dell’etnografia italiana, dove rimane la presenza delle pastorali, tarantelle arcaiche dalle forme fortemente iterative e perciò terapeutiche. Inoltre il quadro calabro-lucano di questa zona di transizione culturale vede la presenza di tarantelle in cerchio, a quattro e in coppia, oltre alle danze delle comunità arbresh. Il viaggio continuerà attraverso la Sila sino all’area aspromontana. 
Repertorio: tarantelle e pastorali del Pollino, tarantella silana, scotis, tarantella figurata del Reventino, villanella bagnarota.

Corso di balli popolari pugliesi
Ore 7 – Insegnanti: Pino e Sabina Gala
Nell’imperversare di centinaia di corsi di neo-pizzica (o come va di moda ora “taranta”) e di trasformazioni artistiche di modelli originari che quasi nessuno conosce (perché la tradizione coreutica era in gran parte già finita negli anni ’70-’80), riteniamo sia utile continuare a far conoscere i modelli tradizionali originari, in modo da fissare un punto di partenza storicamente e filologicamente definito di ballo contadino.
Repertorio: pizzica pizzica del capo d’Otranto e Cisternino, tarantella di Carpino, tarantella altamurana, scozië di Cisternino.

Mini corso di balli gioco
Ore 3 – Insegnante: Tamara Biagi e Sabina Gala
Poca importanza sinora è stata data ai balli-gioco: si tratta di balli divertenti e di intrattenimento sociale. Attinti in varie zone d’Italia, essi esercitano anche rilevanti funzioni pedagogiche e aggregative.

Mini corso di tarantella di Montemarano
Ore 3 – Insegnanti: Pino Gala e Tiziana Miniati
Approfittando della presenza dei musici di Montemarano al festival dei “Suoni”, un minicorso trasmetterà i caratteri essenziali della tarantella in cerchio e a quattro.

ATTIVITA’ CULTURALI
Antropologia del tarantismo
Ore 4 – prof. Eugenio Imbriani – Univ. del Salento
La coreo-terapia è un fenomeno storico di larga diffusione mediterranea, ma soprattutto presente in Puglia; essa incuriosisce e affascina ancora oggi molte persone. Ripercorrendo le fonti storiche e gli importanti studi
sull’argomento, si cercherà di comprendere con quante lenti nel tempo è stato osservato il fenomeno e come su di esso sono mutate le varie interpretazioni.

Antropologia della danza
Ore 3 – prof. Giuseppe Gala – Ass. Taranta
Numerose questioni da dirimere: dall’importanza della danza nelle tradizioni contadine alla sua dispersione graduale e irrimediabile, dalle fonti storiche allo stato attuale della documentazione scientifica, dalle
contaminazioni odierne alle visioni nostalgiche e spettacolari. Il tutto condito con video recuperati durante la ricerca.

Convegno di studi
Estadanza è quest’anno la sede per un convegno nazionale che faccia il punto sugli studi e sulla tenuta delle tradizioni in Calabria e sulla tutela del patrimonio immateriale delle culture locali. In particolare si metteranno a fuoco anche quelle attività di rivalorizzazione e di rifunzionalizzazione di espressioni della tradizione. Partecipano antropologi, ricercatori e insegnanti di danza calabrese.

CORSI DI MUSICA POPOLARE
Ore 10 - Suonatori della zona insegneranno dopo pranzo vari strumenti secondo stili e repertori locali. Per gli allievi di organetto e fisarmonica è consigliabile venire muniti dello strumento.
Organetto a due bassi: Paolo Martino (villanelle reggitane)
Zampogna, ciaramella, fisarmonica: Luigi Stabile (repertorio nord-calabrese)
Tamburello: Giuseppe Longo (stili calabresi)

OSPITALITÀ
I partecipanti saranno alloggiati gratuitamente dalla Pro Loco del Pollino nell’Istituto Alberghiero di Castrovillari in camere da 2-3 letti. Portarsi le lenzuola. I pasti con cucina calabro-lucana saranno consumati presso il refettorio.

VISITE, INCONTRI e FESTIVAL ETNO-JAZZ
Vi saranno incontri con anziani dei paesi limitrofi e con la cultura arbresh(albanese), escursione nei centri storici della zona e nel parco nazionale del Pollino. Quattro serate del festival Etno-jazz, e feste nei paesi
vicini.

COSTI
• Corso intero di balli calabresi e pugliesi: € 110.
• Corsi di strumenti musicali: € 6 ad ora.
• Alloggio gratuito (nelle condizioni suddette).
• Costo del vitto: 20 € al giorno (colazione, pranzo e cena).
• Obbligatoria la tessera 2017 dell’Ass. Cult. Taranta (€ 15).

ISCRIZIONI & INFORMAZIONI
Chi vuole iscriversi deve telefonare o scrivere in associazione per ottenere la disponibilità dei posti, ricevuto l’assenso, deve compilare un apposito modulo d’iscrizione e versare l’anticipo di € 50 sul c/c postale
sottoscritto (o per bonifico bancario), precisando il tipo di corso cui vuole partecipare e il proprio recapito (con telefono); la rimanente cifra verrà poi saldata all’inizio della manifestazione.

- C/c postale N° 26456509 intestato a Choreola / Taranta - Via Alfani 51 - 50121 FIRENZE
- Coordinate bancarie: Cassa Risparmio Firenze - Via Bufalini, 6 - IBAN IT52 O061 6002 8000 0009 6161C00

INFO
Tel +39-055295178 Mobile: 340-5131771 (Sabina) / 347-5000000 (Pino)/ 347-6186994 (Tiziana)/ 349-4312349 (Tamara)

L’Ass. Cult. “Taranta” non ha fini di lucro. Le entrate dei corsi, detratte le spese di segreteria e degli operatori esterni, sono devolute alla ricerca e alle pubblicazioni. L'organizzazione si riserva i diritti di accettazione delle iscrizioni e di eventuali variazioni del programma. È vietato filmare le manifestazioni della rassegna senza autorizzazione.
____________________________________________________________________________
 _________________________________________________________________________

Seminario annuale chitarra acustica fingerstyle diretto da Franco Morone
dal 25 al 30 Luglio - Casa Alpina/Centro Civico - Malosco -  Tn
28 Luglio ore 21.00 concerto dei partecipanti c/o il centro civico - Malosco -  Tn
29 Luglio ore 21.00 concerto di Franco Morone c/o il centro civico - Malosco -  Tn
 e
Quest’anno è giunto alla 12° edizione il seminario didattico di chitarra fingerstyle diretto da Franco Morone in collaborazione con il Comune e la Pro Loco di Malosco. Il piccolo centro in provincia di Trento ogni anno ospita appassionati di chitarra provenienti da Italia, Germania, Austria, Svizzera, Olanda , Belgio, Ungheria e Stati Uniti. I partecipanti ospitati presso la Casa Alpina, un hotel immerso nella quiete del bosco, apprendono le tecniche di chitarra acustica nate con il blues e poi sviluppate con stili e generi quali: jazz, tradizionale celtico, folk italiano ed etnico. Oltre alle lezioni individuali e collettive i partecipanti sono impegnati con le prove per il concerto al teatro del Centro Civico previsto per Venerdì 28 Luglio alle ore 21.00 . Durante la serata si alternano esibizioni in solo, duo, trio e per finire l’intera orchestra di chitarre dei partecipanti. Per tutti l'appuntamento di fine corso costituisce una esperienza stimolante e di confronto. Sarà poi lo stesso Franco Morone ad esibirsi il giorno successivo Sabato 29 ore 21.00 con la speciale partecipazione di Raffaella Luna.
Ingresso libero per entrambi gli appuntamenti