Ariel Kalma & Friends – Rue De La Gaité 70’s (Autoprodotto, 2017)

Il musicista e compositore sperimentale francese Ariel Kalma, ha recentemente pubblicato diversi lavori che ripercorrono le sue passate esperienze in un periodo di formazione musicale e spirituale che ci ha consegnato esperimenti tanto lungimiranti quanto pionieristici. In questo senso, ricordiamo per esempio gli splendidi “An Evolutionary Music (Original Recordings 1972-79)” pubblicato nel novembre del 2014 dall’americana RVNG, Intl, oppure, il recentissimo ed eccellente “French Archives 1977- 80”, uscito il 29 giugno del 2017 per l’ottima label italiana Black Sweat Records, lavori indispensabili per comprendere l’affascinante percorso compiuto dell’artista negli anni settanta. In occasione del nuovo numero di Blogfoolk, abbiamo deciso di dedicare la nostra sezione “Contemporanea” a “Rue De La Gaité 70’s”, un album fresco di pubblicazione che rispolvera ulteriori e interessantissimi nastri d’archivio registrati tra il 1976 e il 79 a Parigi in Rue De La Gaité appunto, dove Kalma abitava. In quel periodo, il musicista Brahim El Belkani e altri amici (tra cui Loy Ehrlich) si “accamparono” nello studio salotto della sua abitazione suonando musica in stile marocchino G’nawa con influenze indiane e free jazz, come ricorda lo stesso Kalma sulla sua pagina personale. Questa breve descrizione racchiude effettivamente l’essenza “esplorativa” delle sessioni che attraverso sei brani, di cui segnaliamo in particolare la lunga “Sand And Wind”, esprimono in primis la grande voglia di suonare insieme travalicando limiti formali imposti e barriere culturali. “Rue De La Gaité 70’s”, ci mostra un giovane artista che dopo i frequenti viaggi in india, (il primo dei quali nel 1972) e l’acquisizione di tecniche come la respirazione circolare, ritrovò nella musica un forte messaggio comunicativo e spirituale. Questi aspetti, uniti all’influenza di: Jazz, Minimalismo, World Music, ma anche e sopratutto dell’esperienza come tecnico presso l’Institut National Audiovisuel, Groupe De Recherches Musicales (INA GRM) di Pierre Henry, conferirono al suo approccio allo strumento e al suono, un carattere del tutto personale, in grado di fondere attitudini e modalità solo apparentemente contrastanti. Da più di quarant’anni la musica rappresenta per Kalma qualcosa di universale, in grado di fondersi armoniosamente con ciò che ci circonda. Questo “Rue De La Gaité 70’s” è un altro curioso documento dell’importante opera del talentuoso musicista, di cui ritorneremo presto a parlare. Se per caso non lo conoscete ancora, procuratevi i lavori che abbiamo menzionato, non ne rimarrete affatto delusi… 


Marco Calloni
Posta un commento