venerdì 22 luglio 2016

Beoga – Before We Change Our Mind (Beoga, 2016)

CONSIGLIATO BLOGFOOLK!!!

Va riconosciuto ai Beoga di essersi imposti da subito come una delle band più innovative del panorama tradizionale irlandese, mettendo in fila quattro belle incisioni: “A lovely Madness” (2004), “Mischief” (2007), “The Incident” (2009) e “How to tune a Fish (2011)”. Dopo aver festeggiato i dieci anni di attività con una registrazione dal vivo (“Live at 10. The 10th Anniversary Concert”, CD +DVD, 2013), ora il quintetto della contea di Antrim presenta “Before We Change Our Mind”, nuovo album in studio – il sesto in assoluto –, contenente undici tracce (set strumentali di loro composizione, song e ballate tradizionali o d’autore contemporaneo) per poco meno di cinquanta minuti di musica pensata, ben suonata e decisa nell’impatto comunicativo. I Beoga allineano Eamon Murray (bodhrán e percussioni), Liam Bradley (piano e tastiere), Seán Óg Graham (organetto, chitarra, cori), Damian McKee (organetto) e Niamh Dunne (violino, voce); sono ospiti nel disco Conor McCreanor (contrabbasso e basso elettrico), Stephen McCartney e Rachel Coulter (cori) e l’Arco String Quartet (Clare Hadwen e Kathleen Gillespie al violino, Richard Hadwen alla viola e Nikolin Sokol Koka al violoncello). Il lavoro conferma l’assetto della band, il cui suono trad di disposizione contemporanea si avvale di una notevole confidenza compositiva e strumentale. Concorrono a fare del quintetto una delle formazioni di punta dell’Irish traditional music la combinazione di due organetti diatonici, i fraseggi puliti del violino, la ritmica sempre puntuale e guizzante, l’inventiva del pianoforte, e, non da ultimo, la bella voce della cantante. “The Homestead Hero” è l’effervescente biglietto da visita, mentre il passo slow di “Eochaid” riluce per le aperture insolite e le sequenze più eteree. Appeal vocale e arrangiamento di spessore per la prima ballata del programma, che è il tradizionale “The Bonny Ship, The Diamond”. 
Gli strumentali “Aurora”, uno slip jig che porta la firma di Seán Óg Graham, e il set di rigogliosi reel, intitolato “The Convict”, sono fulgidi dimostrazioni della cifra strumentale della band, sempre abile nel tessere tele dai variegati ornamenti e spargere venature bluesy e swing. La successiva song brilla ancora per l’arrangiamento, ma anche per il lirismo interpretativo di Niamh Dunne: si tratta di “Farewell to Carlingford”, proveniente dal repertorio di Tommy Makem. Invece, “Jump the Broom” è una pagina più delicata, che si muove a tempo di slow waltz, e si distingue per il notevole interplay tra chitarra acustica, organetto, piano e violino; lo stesso clima carezzevole aleggia nella ballata “Like a Dime”, firmata da Eamon O’Leary”. La band si produce nel meglio del proprio eloquio strumentale con la title-track, che è un medley di tre straripanti e disinvolti temi da danza. Poi, ecco il cambio repentino, con la sola voce di Niamh a illuminare con il suo canto a cappella “Wexford Town”, canzone portata alla notorietà dal traveller Pecker Dunne. In “Valhalla” chitarra e organetto conducono la prima parte, che è lo slip jig “Nancy’s letterbox”; poi entra il piano a fare da collante per la combinazione degli altri strumenti nello sviluppo della seconda parte (“Valhalla”) e fino all’elegante scioglimento finale. I Beoga non hanno riposato sugli allori, molto più di un insieme di brillanti strumentisti, sono autori di ottima levatura, capaci di libertà e controllo, sanno ben amalgamare gli ingredienti del loro sound e – non dimentichiamolo – si dimostrano anche eccellenti dominatori del palco. Info su www.beogamusic.com 


Ciro De Rosa

0 commenti: