Suoni Di Canna. Launeddas e musica dalla Sardegna, Cappella Paolina, Palazzo del Quirinale, 13 Dicembre 2015

“Suoni di Canna. Launeddas e musica dalla Sardegna” è questo il titolo del concerto che Luigi Lai (Launeddas), Mauro Palmas (Liuto cantabile e mandola) Elena Ledda (Voce) Fabio Vargiolu (Launeddas) e Pietro Cernuto (Friscaletto) hanno portato in scena domenica 13 dicembre nella splendida cornice della Cappella Paolina ed andato in onda in diretta sulle frequenze di Radio Rai3 per la storica trasmissione “I Concerti del Quirinale”. Concepito da Mauro Palmas per rendere omaggio all’arte ed alla maestria di Luigi Lai, leggenda vivente della musica sarda e grande depositario del repertorio tradizionale delle launeaddas, il recital ha rappresentato per il pubblico una preziosa occasione per scoprire questo straordinario strumento ad ancia battente che da sempre caratterizza i momenti storici e sociali della vita delle comunità isolane, in particolar modo delle zone meridionali, essendo utilizzato tanto nella musica sacra quanto in quella profana. Ad aprire il concerto è la versione per due launeddas “A Sant’Efisio”, brano devozionale della tradizione dedicato al protettore di Cagliari, nel quale brilla tutta l’eleganza stilistica di Luigi Lai nel dialogare con Fabio Vargiolu. Il viaggio sonoro prosegue nel dialogo tra la tradizione sarda e quella siciliana per “Luna Piena” tratta da “Voglio un chilo di pane” del Tama Trio e per l’occasione proposta da Mauro Palmas alla mandola e Pietro Cernuto al friscaletto. Ritorna in scena Luigi Lai e le sue launeddas sono protagoniste di una straordinaria versione del “Saltarello”, in cui la melodia rinascimentale e permeata dagli stilemi della tradizione sarda. 
La ninna nanna “Anninnia” cantata magistralmente da Elena Ledda ci conduce poi alla seconda parte del concerto che si apre con lo straordinario solo di Luigi Lai per launeddas mediana pippia in re, che raccoglie un lungo applauso di omaggio da parte del pubblico. Il lirismo del dialogo tra il liuto cantabile di Mauro Palmas e il friscaletto di Pietro Cernuto, e la musica processionale dedicata a Santa Maria suonata da Luigi Lai e Fabio Vargiolu alle launeddas ci conduce nel cuore del concerto con l’intenso e toccante gocios sulla natività in cui spicca l’intensa vocalità di Elena Ledda, ed impreziosito dall’inteplay tra le corde di Palmas e le ance di Lai. Launeddas e liuto ci regalano un invito al ballo prima del Gocios conclusivo che vede nuovamente Elena Ledda al centro della scena accompagnata dall’ensemble al completo. Il lungo applauso finale suggella un piccolo grande evento storico che resterà a lungo nella memoria di chi ha avuto la fortuna di esserci. Per quanti non sono riusciti ad ascoltare la diretta radio, consigliamo vivamente il podcast del concerto disponibile al seguente link.



Salvatore Esposito