Taranta Minor - H2941 - Allegro (Autoprodotto)

Il progetto musicale Taranta Minor raccoglie alcuni musicisti provenienti dal basso Salento, e nasce dall’incontro tra Ambrogio De Nicola (voce, chitarra e tamburello) già con Officina Zoè ed autore di alcuni brani della colonna sonora di Sangue Vivo di Edoardo Winspeare, e Angelo Litti (tamburello e voce), ai quali si sono uniti Giuseppe Profico (voce e chitarra), e Roland Koçillari (basso). Forte dell’esperienza maturata dai vari componenti singolarmente in varie formazioni locali, questo gruppo si è proiettato subito come una realtà importante della musica di riproposta salentina, proponendo un ricco repertorio che spazia dalla pizzica agli stornelli passando per i canti di lavoro e quelli d’amore. A corollario di una intensa stagione di attività live arriva H2941 – Allegro, disco di debutto dell’ensemble salentino, che raccoglie dieci brani tradizionali arrangiati da Ambrogio De Nicola ed eseguiti in modo brillante mescolando gli insegnamenti dei vecchi alberi di canto e qualche bella intuizione originale. Ispirandosi alla Costellazione del Ragno, i Taranta Minor attraverso questi dieci brani hanno voluto offrire all’ascoltatore una summa di quello che è l’enorme patrimonio della musica popolare salentina. Durante l’ascolto brillano così i canti d’amore come Quant'ave, Quannu camini tie e Ninnella ma anche i canti di lavoro della tabacchine come Fimmene, Lu Sule Calau e La Tabbaccara o ancora gli stornelli come Fior Di Tutti I Fiori. Non mancano due travolgenti pizziche come Pizzica Salentina e il classico Santu Paulu. Ciò che piace dei Taranta Minor è, senza dubbio, l’approccio rispettoso con la musica tradizionale e la loro genuina sincerità, e laddove manca la capacità di osare, il gruppo salentino non si risparmia imprimendo ai brani una intensità ed un energia difficilmente riscontrabili in altre realtà. H2941 – Allegro è dunque un ottimo disco e rappresenta senza dubbio una eccellente base di partenza per il futuro.


Salvatore Esposito