Liguriani - Liguriani (Felmay)

A dare uno sguardo alla formazione dei Liguriani, viene subito da pensare che siamo di fronte ad un supergruppo, infatti questo quintetto ligure mette insieme alcuni tra i più brillanti talenti del folk revival italiano ovvero il talentuoso Filippo Gambetta all'organetto, l'eccellente chitarrista fingerpicking Claudio De Angeli, il cantante e violinista Fabio Biale e due componenti dei Birkin Tree ovvero Michel Balatti (flauto traverso in legno) e Fabio Rinaudo (musette bourbonnaise a 16 e 14 pollici). Insomma un gruppo di primo livello, nato però non con lo scopo di asfaltare concorrenti o vendere montagne di dischi ma con lo scopo di dare vita ad un percorso di ricerca musicale che parte dalla tradizione musicale ligure per estendersi sino al Piemonte e alla Francia, un viaggio immaginario che ci conduce attraverso antichi sentieri che partono dalle montagne e raggiungono la costa, il tutto senza perdere di vista quei popoli che hanno raggiunto le coste del Ponente navigando attraverso le onde. Il loro repertorio è dunque molto vario, come varie sono le anime che lo influenzano, e non è casuale che nella loro proposta musicale confluiscano canti patriottici, malinconiche mazurche, vivaci monferrine piemontesi, ballate narrative, e languidi valzer. In questo senso importante è stata la collaborazione con l'attore Mauro Pirovano con il quale hanno realizzato diversi spettacoli a tema come Fischia Il Vento, Invexendo Di Natale, Vari(e)azioni Paganiniane e La Guerra del bersagliere Giromino, che hanno rappresentato la base di partenza per Liguriani, disco che mette in fila undici brani molti dei quali sono dei medley tra due tradizionali provenienti da zone diverse. L'ascolto svela a pieno tutta la capacità del gruppo di riuscire a ricreare un sound ligure in senso stretto nel quale convivono le diverse tradizioni della regione, una miscela sonora in cui confluiscono suggestioni diverse come nel caso dello splendido intreccio tra Alessandrina in Re e le Monferrine o lo splendido tradizionale genovese Sutta a Chi Tocca intrecciata con Severino. Non mancano alcuni brani che rimandano alla guerra come Stamattina Si Va All'Assalto e O Gorizia Tu Sei Maledetta, ma il vertice lo si tocca con Perigordino di Paganini nella quale viene riletto un classico del celebre violinista intrecciandolo con Giga di Gilli. Insomma Liguriani è un disco prezioso nel quale la ricerca musicale è la base per dare vita ad un percorso di grande spessore artistico.

Salvatore Esposito

Posta un commento