Kapela Ze Wsi Warszawa/Warsaw Village Band – Waterduction/Uwodzenie (Karrot Kommando, 2020)

Chissà se quando si misero insieme, nel 1997, i musicisti della Kapela Ze Wsi Warszawa pensavano che sarebbero diventati il fenomeno più rappresentativo della nuova musica di ispirazione tradizionale orale polacca. Di certo la vittoria nel festival-contest Nowa Tradycja, organizzato dalla radio nazionale, fece risuonare anche fuori dai confini il nome della band, ma si deve aspettare il secondo album, “Wiosna Ludów/People’s Spring” (2001) – inciso per una delle etichette più intraprendenti dell’epoca, la Orange World, creata da Piotr Pucylo (oggi, tra le sue tante attività professionali c’è la direzione artistica del festival Globaltica) – per vedere la formazione allargare il suo bacino di pubblico fino a calcare le scene dei festival europei. La copertina con l’imponente e famigerato Palazzo della Cultura e della Scienza, da cui sbocciava un girasole era il segno della volontà di affrancarsi dalle modalità ripulite del folk promosso dall’establishment ai tempi del regime del socialismo reale. I Warsaw Village Band, come sono più conosciuti nel circuito world music, reclamavano un’attitudine estetica più prossima al punk che si andava saldando con la ricerca sul campo, la frequentazione dei suonatori dei villaggi nord-orientali del Paese, il riportare in circolazione antichi violini. Ne scaturì un avvincente progetto caratterizzato da varietà timbrica, da accenti ritmici irregolari irrobustiti da una potente sezione ritmica e uno stile vocale reso penetrante dall’uso dei risuonatori naturali (śpiew biały, canto bianco). Cambi di organico, svariate collaborazioni, dai conterranei Trebuna-Tutka agli Hedningarna, da Mercedes Peón ai Dhoad Gypsies, dai DJ a Kayhan Kalhor e tanti altri ancora, hanno impresso il loro suono impetuoso, ma che via via si è fatto più raffinato (http://www.warsawvillageband.net). Oggi WVB allinea Magda Sobczak-Kotnarowska (voce principale, dulcimer e violoncello), Sylvia Świątkowska (voce, violino, viola e suka), Ewa Wałecka (voce, violino e ghironda), Pawel Mazurczak (basso elettrico e contrabbasso), Maciej Szajkowski (percussioni e tamburi a cornice), Piotr Gliński (percussioni e baraban) e Miłosz Gawryłkiewicz (tromba, flicorno, corno) e Mariusz Dziurawiec (dubmaster). 
Nel 2018 la band ha dato lustro a veterani cantatori, cantatrici e strumentisti in “Mazovian Roots Re:action”, esplorazione della regione in cui è situata la capitale. Sulla scia di quel percorso di ricerca, il 2020 ha portato “Waterduction/ Uwodzenie”, disco nato come colonna sonora di “Zaginione Urzecze”, un documentario di Adam Rogala sulla Mazovia e sull’ecosistema del fiume Vistola, allegato alla versione de luxe dell’album. Il disco esplora in versi e musiche questa terra segnata dalle acque: il titolo inglese è una crasi tra acqua e seduzione, quello polacco, ancora più incisivo, contiene al suo interno la parola per acqua (woda). Abbiamo raggiunto due delle tre donne della band, Magdalena Sobczak-Kotnarowska e Sylwia Świątkowska, che ci parlano del nuovo progetto, appena nominato disco dell’anno 2020 nel concorso Folkowa Fonogram all’interno del Festival Nowa Tradycja 2021, e della loro ricerca musicale.

Com’è cambiato negli anni il suono della Kapela Ze Wsi Warszawa?
Magdalena Sobczak-Kotnarowska - È difficile rispondere a questa domanda.  La nostra strumentazione determina il suono. Abbiamo sempre fatto in modo che siano strumenti acustici, quelli che si usano e sono stati usati nella musica popolare polacca. Questi sono il violino di Płock (un violino polacco ricostruito, a sei corde senza tastiera e con un corpo di forma quadrangolare, ndr), suka (un violino suonato in posizione verticale come la gadulka bulgara, ndr), ghironda, dulcimer, contrabbasso, viola, baraban (il grande tamburo basso con piatto, ndr), tamburi a cornice e, recentemente, tromba e fiati. A volte, per arricchire il nostro suono abbiamo invitato degli ospiti internazionali. La composizione personale della band è cambiata nel corso degli anni e ogni nuovo membro ha portato il suo strumento di sensibilità, conoscenza, estetica ed esperienza. 
Nei primi tempi, i membri della band erano autodidatti, quindi il suono e lo stile erano semplici ma più simili alla trance. Nella formazione attuale la maggior parte di noi ha ricevuto un’educazione musicale. Così, ci avviciniamo al fare musica in modo più consapevole. La nostra espressione è cambiata, dato che ora siamo tutti persone mature. All’inizio lo stile della band era determinato dall’elemento giovanile, punk hardcore, energia, fuoco. Ora ci concentriamo sulla trance profonda, sull’esperienza interiore. A volte costruiamo forme complicate e a volte diamo voce alla semplicità. Negli ultimi anni Mariusz Dziurawiec, il nostro ingegnere del suono e dubmaster, proprietario di Studio As One, ha avuto un'enorme influenza sul suono dei nostri dischi e concerti. Puntiamo su un bel suono, quasi audiofilo. Per noi è molto più importante di un tempo.

Al centro del nuovo album c’è di nuovo la Mazovia e, in particolare la microregione di Urzecze. Cosa vi ha attratto di questi territori? 
Sylwia Świątkowska - Viviamo a Varsavia e Urzecze ne fa parte. Qui siamo cresciuti, qui abbiamo vissuto l’amore e sono nati i nostri figli. La consapevolezza del fatto che proprio sotto casa nostra, nel luogo dove andiamo a passeggiare, esisteva una microregione etnografica separata, che era un meraviglioso mosaico di culture e persone che vivevano insieme e lavoravano sul fiume e con il fiume è uno stimolo estremamente stimolante. Questo ci ha incuriosito molto perché si tratta fondamentalmente di scoperte degli ultimi anni. Dopo la Seconda Guerra Mondiale questa regione è scomparsa, poiché è stata incorporata nell’agglomerato. Urzecze era il granaio di Varsavia. La Vistola stessa era un’autostrada per il flusso di merci e prodotti, non solo cibo, ma anche beni culturali. 
Urzecze era abitata dagli emigrati olandesi, che trovarono rifugio proprio in questa zona. Ci hanno mostrato come vivere con il fiume, grazie ad esso e nonostante la sua forza. Hanno costruito capanne speciali ben pensate e adattate per funzionare in condizioni di inondazione difficili. Hanno portato un soffio di libertà, perché erano persone libere, a differenza dei contadini polacchi, che avevano un signore sopra di loro ed erano soggetti alla servitù della gleba. Gli olandesi ci hanno portato i salici piangenti, sotto i quali si sedeva Fryderyk Chopin, e le fragole… Il fiume Vistola era navigato da zatterieri e rematori, che facevano galleggiare il legname dalle montagne, dall’estremo sud della Polonia, fermandosi a Urzecz sulla strada per Danzica verso il mare. Poi viaggiavano in direzione opposta, portando con sé informazioni, canzoni e storie. La cultura degli zatterieri, la cultura di lavorare sul fiume e di stare con il fiume, di vivere sul fiume: anche questa è un'immagine potente dei vecchi tempi. ll fiume è un simbolo del passato, del presente e del futuro. Scorre attraverso tutta la linea del tempo. Ci piace molto questa metafora. In passato, la Vistola serviva come un'autostrada. Merci, cibo, materiali per costruire case, prodotti delle mani e melodie di canti e danze venivano trasportati su di esso. Collegava le persone, dava loro lavoro e vita. A volte era imprevedibile e folle. Allagava le case, rovinava i beni, annegava e uccideva. La Vistola è multidimensionale. Oggi la gente in Polonia vuole addomesticarla, concretizzarla e regolarla. Dopo un po’ di tempo si scopre che la Vistola ha una sua mente e un suo piano e tutti i regolamenti umani sono superflui o addirittura inutili.  La Vistola ha dato e dà la vita e anche la toglie. È una legge eterna della natura.

Che dite delle peculiarità della musica di queste aree? 
Magdalena Sobczak-Kotnarowska - Qualcosa che spicca è il mosaico culturale di questa regione. L’hanno creata emigranti dai Paesi Bassi, ebrei e polacchi. Questa zona era fortemente dipendente dal fiume, che ha plasmato questa cultura. Non è rimasto molto della musica. Un gruppo di canti e danze è legato agli zatterieri. Anche i richiami degli zatterieri appartengono a loro. Nei testi delle canzoni apparivano personaggi come uomini e donne annegati, spiriti dell’acqua. C'è anche un elemento di musica, danze e melodie ebraiche. Tuttavia, c’è solo del materiale residuo. Ci siamo interessati a questo argomento ora che non c’è nessuno che ricordi quelle melodie o canzoni prebelliche. Ecco perché è così difficile ricreare questa musica. Per noi è un’espressione musicale della nostra immaginazione. Usiamo le melodie trovate nelle regioni vicine, confidando che le melodie siano fluite lungo la Vistola e abbiano messo radici a Urzecze.

Il fatto che ti sia stato chiesto di creare una colonna sonora per un documentario ha cambiato il processo di composizione? 
Magdalena Sobczak-Kotnarowska - Sì, ha influenzato molto il processo di composizione. In effetti, ha reso molto più facile la realizzazione dell’album. Abbiamo composto per il film avendo in mente immagini del fiume Vistola, meandri pittoreschi, sabbie, correnti e tratti verdi della natura della Vistola. Secondo noi, la musica era molto pittorica, evocava anche il soffio del vento e la freschezza del fiume. Dopo averla creata avevamo una base per un ulteriore lavoro musicale sull’album. Abbiamo deciso allora che volevamo includere questo carattere e questa atmosfera da film, per portare pace e serenità, per essere fortemente illustrativi. 
In poche settimane abbiamo creato il materiale per l’album, espandendo le composizioni, aggiungendo testi che abbiamo scritto noi stessi, a volte distruggendo completamente ciò che era già stato scritto per il film, trovando nuovi significati, nuovi testi e canzoni.

Riguardo ai testi, cosa cantano?
Magdalena Sobczak-Kotnarowska - L’album include un intero spaccato di genere di canzoni tradizionali polacche. C’è una ninna nanna, c’è una canzone per il giorno di San Giovanni, che di solito veniva eseguita vicino all’acqua, la sera vicino al falò la notte del 24 giugno: è un’usanza pagana. Le ragazze si riunivano vicino all’acqua, facevano vento e lanciavano ghirlande. Gli uomini le pescavano. In questo modo si formavano delle coppie, e questo era un presagio di matrimonio precoce. C’è un’orazione all'acqua: un incantesimo che veniva recitato dall’acqua per ottenere la salute e il favore dell’elemento, che si credeva avesse proprietà curative. “Potopielka” è una ballata, ma ha un tema matrimoniale. Nell’originale, lo sposo non arriva al suo matrimonio perché cade da cavallo e annega nel fiume. Il fiume quindi gli organizza un matrimonio subacqueo.  Molti dei testi erano incompleti, così Sylwia Świątkowska ha aggiunto parole e significati ad alcuni di essi.
 
Come nasce la collaborazione con il poeta di Cracovia, Marcin Świetlicki? 
Sylwia Świątkowska - Appena prima di entrare in studio, sapevamo già che il nostro album si sarebbe chiamato “Seduzione”. Per allontanarmi per un po’ dal pensare solo alle registrazioni, ho iniziato a cercare poesie e poemi. Ho trovato una poesia di Marcin Świetlicki. Era da un po’ di tempo che progettavamo di creare qualcosa insieme. Era una coincidenza o il destino? Si è scoperto che anni fa aveva scritto una poesia con lo stesso titolo. 
Il testo della poesia corrispondeva meravigliosamente al tema dell’acqua e dei fiumi. Dato che Marcin Świetlicki è un artista attivo anche sul palco, sapevamo che solo lui poteva interpretare e recitare questa poesia. Sono anni che intrecciamo un elemento maschile e spezziamo le voci femminili nelle nostre azioni. Abbiamo incluso in questo numero questo concetto e un grande desiderio che brucia da qualche parte in noi di combinare in canzoni comuni le forze della Banda con varie voci maschili della poesia polacca.

Pensate che la metafora del fiume che scorre possa essere più utile di quella delle radici per rappresentare le identità che sono in continuo movimento? 
Magdalena Sobczak-Kotnarowska e Sylwia Świątkowska - Questa è una domanda molto interessante. Sì, la metafora di un fiume in relazione all’identità e all’identificazione di una persona contemporanea illustra questo in modo vivido. La nostra identità, come un fiume, è soggetta a molte influenze, è alimentata da molte fonti, cambia e serpeggia, qualcosa ci scorre intorno, ci nutre solo per un momento, solo per cambiare in un momento, o per produrre un raccolto nutriente. È una bella metafora, forse effettivamente più utile che parlare di radici?
 
Cosa vi insegnato l’incontro con i musicisti tradizionali?
Magdalena Sobczak-Kotnarowska - Abbiamo lavorato a stretto contatto con cantanti e musicisti folk sull'album “Uprooting" e “Mazovian Roots Re:action”. Lavorando con la gente, abbiamo avuto la possibilità di essere parte di quella che si chiama “cultura vivente”, il che significa che abbiamo potuto vedere che la canzone viveva insieme a loro, nel loro mondo. 
Siamo andati a trovarli in campagna, nelle loro case di famiglia. Questo ci ha permesso di vedere che la tradizione non è ancora morta. Abbiamo scoperto la bellezza della crudezza della vita in campagna. Tutto ci è sembrato molto sincero, commovente. L'esperienza quotidiana e festiva del canto, la solitudine, la lotta con il destino, i momenti felici e prosperi, l’essere al centro dell’attenzione e la mancanza di attenzione. Tutte queste cose accadono alla persona comune, ma anche alla nostra tradizione. Abbiamo sentito che attraverso il contatto diretto con la gente di campagna tocchiamo il nucleo della nostra cultura e tradizione popolare.
 
Siete stati pionieri di una nuova ondata di musicisti folk urbani in Polonia. Pensate di aver avuto un ruolo di primo piano?
Magdalena Sobczak-Kotnarowska - Il ruolo di leader è una specie di missione e di responsabilità. Stavamo scappando da questo, volevamo concentrarci sulla musica, la ricerca, la composizione, la creazione, i concerti e il contatto con il pubblico. Ma è sempre risultato che ha avuto un enorme impatto su molte persone. Sia positivo che negativo. Alcuni erano contenti, altri negavano il nostro approccio alla tradizione. Ma noi non eravamo indifferenti agli altri. Avevamo la nostra visione. Dopo qualche tempo, si scoprì che era di grande ispirazione per altri musicisti e ricercatori. Stavamo tracciando per loro non solo sentieri musicali e stilistici, ma anche concertistici. Ed eravamo felici di osservare come altri gruppi polacchi venivano invitati a festival e palcoscenici dove noi avevamo suonato prima. Maciej Szajkowski ha soprattutto una vena da leader in lui, ha un ruolo da opinionista nell’ambiente. Ora, dopo quasi 25 anni, siamo percepiti come autorità, ma dobbiamo anche ricordare che per molto tempo siamo stati colpiti dalla
comunità della cosiddetta “musica tradizionale”, che sosteneva che elaboravamo troppo la musica folk. Nel frattempo, anni dopo, si è scoperto che chi ci criticava stava percorrendo la nostra stessa strada. Per questo motivo cerchiamo di rimanere ed essere onesti con noi stessi. Non giudichiamo, accenniamo, aiutiamo, animiamo, insegniamo. Questo è il ruolo che abbiamo assunto oggi.

Qual è il vostro prossimo capitolo?
Sylwia Świątkowska - È difficile per noi pianificare qualcosa. Abbiamo davvero diverse idee e questo numero continua ad aumentare. Aspettiamo quel piccolo, ma significativo movimento dell’universo, che ci mostrerà quale di esse iniziare a mettere in moto. Siamo aperti a ciò che sta accadendo. Aperti ai segnali… Attualmente stiamo lavorando su canzoni originali, ma stiamo anche partecipando a molti progetti. Uno di questi sarà un’interpretazione musicale dei racconti di Stanisław Lem. In un altro raggiungeremo la poesia di Tadeusz Różewicz. All’orizzonte c’è anche la collaborazione con la Filarmonica di Kalisz. Con ogni probabilità, alla fine delle vacanze estive, produrremo anche “Waterduction” in una versione sinfonica. Il nostro “Waterduction” si sta diffondendo sempre di più. Alla fine, vorremmo fare dei concerti per i nostri ascoltatori. Ed è su questo che ci stiamo concentrando attualmente. 


Kapela Ze Wsi Warszawa/Warsaw Village Band – Waterduction/Uwodzenie (Karrot Kommando, 2020)
#CONSIGLIATOBLOGFOOLK 

Nel segno dell’acqua, elemento simbolico e sacrale del folklore slavo ma anche risorsa e bene comune, e della civiltà del fiume come via di comunicazione e di scambio tra le genti, i WVB ritornano con “Seduzione”, un concept album, un’etnografia creativa della microregione di Urzecze, la striscia di terra situata su entrambe le sponde della Vistola.  “Storicamente il fiume con i suoi affluenti è come parte del flusso sanguigno, una tregua dalla città moderna. Volevamo catturarlo in musica”, racconta Sylwia Świątkowska, violinista e cantante della band. “La Vistola è stata  un canale influente non solo in termini di commercio, ma anche di comunicazione… [che] ha portato un soffio di libertà, modernità e indipendenza, creando un vibrante mosaico culturale”. Producono energia densa, con un sound scuro, ambientazioni talvolta austere e atmosfere cinematiche; il tutto ruota intorno a un organico che comprende salterio, violini, percussioni, tromba e, naturalmente, quegli impasti vocali che sono uno dei cardini della band polacca. Si avverte, poi, la mano preziosa dell’ingegnere del suono Mariusz Dziurawiec, il quale ha conferito solidità alla cifra sonora e rifinito il marchio di fabbrica della WVB. “Waterduction” contiene brani originali in cui si ravvisano elementi tradizionali nei passaggi melodici e ritmici, tensioni armoniche, droni e sequenze iterative e ipnotiche, bassi profondi dai richiami trip-hop e fiati che all’improvviso aprono la melodia. Apre il programma l’eterea “Uroda” (“Bellezza”), visione introduttiva che cede la via alla superba “Oracja do wody” (“Invocazione all’acqua”). Entrano lampi jazzati di tromba in “Spławiany”, tema chi si sviluppa decisamente sul piano ritmico nella seconda parte, mentre il violino conduce la melodia. Si parte con un archetto solitario nella title track (il brano più lungo con i suoi 7 minuti e 23) che è avvolgente: un potente dub mazoviano che sostiene lo spoken word del poeta di Cracovia Marcin Świetlicki. Entrano, quindi, le voci femminili, poi di nuovo i violini al centro prima del ritorno dei fiati. “Potopielka” è una tragica ballata nuziale, guidata da basso, violini, salterio e canto. Segue la movimentata danza hassidica (“Chasydzki Urzecza”), cui fa da contraltare “Rzeceńka”, che si srotola lenta, impennandosi nel finale, tra vortici percussivi di tabla (Piotr Malec) e squarci di tromba. Scorre placido lo strumentale “Krępiański” fino a condurci alla conclusiva “Kołyska” (“Ninna-nanna dell’acqua”).  Non siamo di fronte all’impetuosa WVB del passato, ma accogliamo il comprovato eclettismo di un collettivo maturo, che leviga le forme elaborando un’architettura sonora che è ispirata alle fonti tradizionali ma contiene un forte elemento immaginativo che rende il suono attuale, pienamente contemporaneo. È corposa fluidità che scorre decisa e che seduce: come le acque del fiume. 


Ciro De Rosa

Nessun commento