giovedì 19 gennaio 2017

The Nordic Fiddlers Bloc – Deliverance (NFB/Hearth PR, 2016)

Il secondo disco del trio composto dallo svedese Anders  Hall (violino e viola), dal norvegese Olav Luksengård Mjelva (hardingfele e violino baritono), entrambi membri dell’ottima band folk-rock Sver, e dallo scozzese delle isole Shetland Kevin Henderson (violino), in forza ai Boys of the Lough, rispecchia l’abilità di interazione tra questi tre valenti strumentisti che suonano insieme da almeno sette anni e sono abili nel combinare con vigore e intensità la conoscenza delle rispettive, fiorenti tradizioni violinistiche popolari con la propria cifra artistica. Lo fanno costruendo in “Deliverance” un programma in dieci tracce, comprendente temi tradizionali e nuove composizioni, in cui linee melodiche e di basso, ritmo e armonizzazioni rapiscono l’ascoltatore. Prendete l’iniziale “Talons Trip to Thompson Island”, un tempo di reel composto da Kevin Henderson, esempio di brano che pur pienamemte nell’alveo della tradizione folk è ricco di complessità timbriche ed esecutive. Non meno superbo il movimento di strumenti, con un tocco di classicismo, che si ascolta nella polska tradizionale “Flinken”. Il successivo brano è “Hjaltaren” – il nome antico in nordico delle Shetland –, un’altra articolata composizione di Mjelva, che a tratti rimanda al suono della cornamusa. Invece, “The Hen Hunt” riporta a tragiche vicende per l’economia agricola delle isole Orkney. Il pizzicato apre la title-track, un brano che cautamente prende forma e sostanza nell’intreccio delle corde dei tre artisti. Ci si sposta sul versante della danza con l’elaborata “Djävulspolskan”. Non manca un brano celebratore di un pub di Lerwick nelle Shetland (“In the Lounge”), location di trascinanti session; ancora una volta elementi tradizionali folklorici e dettami classici si fondono che è un piacere. Poi arriva uno degli episodi più riusciti, il valzer “Hals Lilla Vals”, di foggia svedese, mentre “Scallowa Lasses/ Lorna's Reel” ci portano al cospetto del repertorio di Willie Hunter, grande violinista delle Shetland e maestro di Kevin Henderson. In conclusione di questo vibrante disco c’è “Nødåret”, tema riflessivo firmato da Olav Luksengård Mjelva. 


Ciro De Rosa

0 commenti: