Luca Olivieri - La Saggezza delle Nuvole (AG Productions, 2015)

Pianista, arrangiatore e compositore dalla solida formazione musicale, Luca Olivieri vanta un intenso percorso artistico speso tra la composizione di musiche per il teatro, il cinema e la sonorizzazioni di film dell’epoca del muto, nonché la produzione di due album come solista “Trigenta” del 1996 e “La Quarta Dimensione” del 2008. A sette anni di distanza da quest’ultimo è arrivato, alla fine dello scorso anno, “La Saggezza delle Nuvole”, disco che raccoglie nove composizioni originali, frutto di due anni di registrazioni in diversi studi italiani, alla cui realizzazione hanno collaborato numerosi ospiti come Caroline Lavelle (violoncello), Saro Cosentino (chitarra elettrica), Cesare Malfatti (chitarra elettrica, chitarra acustica), Nicola Alesini (sassofono soprano), Giorgio Li Calzi (tromba, tromba con harmonizer), Fabrizio Barale (chitarra elettrica, chitarra reverse), Luca Serrapiglio (clarinetto basso, sassofono baritono, sassofono tenore, sassofono soprano), Marcello crocco (flauto traverso, flauto basso), Andrea Cavalieri (basso elettrico), Diego Pangolino (percussioni), Federica Baldizzone: (violino elettrico), Roberto Lazzarino (chitarra elettrica) e le voci di Andrea Chimenti e Romina Salvadori. Sebbene registrato in momenti differenti, l’album trova il suo filo conduttore nella scrittura e negli arrangiamenti di Olivieri, il quale è riuscito non solo a mettere in luce il suo lavoro di compositivo e di ricerca sonora, ma anche a fornire la preziosa occasione per scoprire le immense potenzialità poetiche della musica. L’ascolto svela tutta la potenza evocativa delle composizioni di Olivieri, che nel loro insieme tracciano un itinerario sonoro nel quale vengono tracciati sentieri inesplorati che aprono all’introspezione interiore. Dividendosi tra tastiere, wurlitzer, korg ms 20, programmazioni, glockenspiel, melodica, celesta, toy piano, e percussioni, Luca Olivieri compone un soundscape ricco di suggestioni sonore nel quale si mescolano ambient, minimalismo, jazz, ed elettronica. Brillano, così, brani come l’iniziale “Endless life”, le sperimentazioni di “Orizzonte verticale”, in cui spicca il sax di Luca Serapiglio e la voce di Andrea Chimenti e che rimanda ora al Battiato degli anni Settanta ora ai Tuxedomoon, quel gioiello di rara bellezza che è “Apprendista Funambolo”, ma soprattutto "Varuna", impreziosita dal violoncello di Caroline Lavelle, e “Playing With Colours”, vertice del disco, nella quale dialogano la chitarra di Saro Cosentino e il sax di Nicola Alesini. “La Saggezza delle Nuvole” è, dunque, un disco pregevole che non mancherà di regalare grandi emozioni a quanti vi dedicheranno la loro attenzione.  


Salvatore Esposito
Posta un commento