A Loano Suona Il Folk

I Folk Awards Italiani e Tanto Altro Al Premio Nazionale Città di Loano, dal 22 al 26 Luglio 2013 

La vetrina del nufolk italiano è Loano (SV) dal 22 al 26 luglio, cinque giorni nei quali il cuore della cittadina rivierasca ligure diventa palcoscenico del Premio Nazionale per la musica tradizionale italiana, sotto la direzione artistica di John Vignola e l’organizzazione minuziosa dalla Compagnia di Curiosi. Si inizia il 22/7 con i ponti musicali gettati da gruppi liguri con la Corsica (Uribà e Dopucena) e con Istanbul (Orchestra Bailam e la Compagnia di Canto Trallallero). Lo sguardo mediterraneo anche coinvolgerà Raiz & Radicanto, che il giorno successivo saliranno sul palco per proporre un viaggio attraverso la rete immaginaria e narrativa del mare nostrum, in cui le distanze si annullano e le voci, i volti, gli echi dei popoli che lo abitano si mescolano. Nella stessa serata, e non poteva essere altrimenti, Alfio Antico, signore dei tamburi, riceverà il premio alla carriera, ma ci attendiamo sorprese… Previsto per il 24 luglio il concerto di Mario Incudine, meritato trionfatore con il miglior album 2012 per il bellissimo disco “Italia talìa”. Poi al ballo, con lo stage di danze popolari sarde condotto dal Lucio Atzei (dal 23 al 25 luglio) che sfocerà nella festa danzereccia del 25 animata dal duo Gilberto Cominu (organetto) e Bruno Loi (launeddas). Ma non solo perché sarà dato spazio anche allo storico repertorio dal ballo di Secondo Casadei: valzer, polche, mazurche del tipico sound romagnolo, guidate dall’accoppiata clarinetto e sax. Il progetto “Secondo a Nessuno” mette insieme Claudio Carboni di Banditaliana ed altri notevoli musicisti da anni impegnati nel recupero e valorizzazione della musica da ballo emiliano-romagnola. La serata finale del festival, in realtà inizia il pomeriggio con l’incontro dedicato al Circolo Gianni Bosio, premiato quest’anno come più significativa realtà culturale; John Vignola ed Enrico de Angelis incontreranno Omerita Ranalli ed Enrico Grammaroli (responsabili dell’Archivio Franco Coggiola del Circolo Gianni Bosio). Gran finale alla sera luglio con Vinicio Capossela che presenta “La Banda della Posta - Musica per sposalizi”, direttamente da Calitri, Irpinia d’Oriente, per dirla con Franco Arminio. Un concerto che vuol recuperare musiche per fisarmonica, mandolino, chitarre, balli e cerimoniali nuziali: un atto d’amore verso la tradizione musicale della terra dei suoi genitori. Non secondario il corollario di incontri e showcase del “Premio Incontra…”, che si susseguono al pomeriggio nel corso della settimana loanese (ore 18.30). Il 22 luglio il gruppo AlberKant e l’Associazione Cantovivo, insieme a Ciro De Rosa daranno vita ad un omaggio al ricercatore e musicista Alberto Cesa. Poi il 23 luglio Paolo Jannacci, Osvaldo Ardenghi e John Vignola ricorderanno la canzone in dialetto milanese di Enzo Jannacci. Invece, “Quellodelcantastorie” è il titolo dell’incontro (24 luglio) e del volume dedicato ai cantastorie. Se ne parlerà con Giorgio Vezzani, i cantastorie Giampaolo e Agnese Pesce, il raccontastorie Gianni Gili e la mente del Premio Tenco, Enrico de Angelis. Ancora Sardegna il 25 luglio, per la presentazione dell’Enciclopedia della Musica Sarda, in compagnia di Marco Lutzu, curatore insieme a Francesco Casu dell’intera opera, ch ne parlerà con il nostro Ciro De Rosa.

La Redazione di www.blogfoolk.com