The Jazz Convention – Sound Briefing (Mordente Records)

Storica formazione jazz italiana, The Jazz Convention, nasce negli anni novanta sotto l’ala protettrice di Nicola Conte e sin da subito si segnalò come una delle band giovani più talentuose del momento. Il motore trainante del gruppo è senza dubbio la coppia composta da Fabrizio Bosso alla tromba e Gaetano Partipilo al sax, ma è difficile non restare incantati anche dalla qualità degli altri musicisti ovvero Giuseppe Bassi (contrabbasso), Fabio Accardi (batteria) e Claudio Filippini (pianoforte), quest’ultimo senza dubbio tra i più affermati musicisti italiani under trenta. Sound Briefing è il loro terzo album e raccoglie dieci brnai tra inediti composti da ognuno dei componenti del gruppo e alcuni splendidi omaggi a Lee Morgan, Andrew Hill e Charlie Parker del quale rendono in modo scintillante ed originale Billie’s Bounce. Ad aprire il disco è Yes You Can, No You Can’t di Lee Morgan caratterizzata da una ritmica trascinante, ma nel vivo si entra prima con Fiore Purpureo di Filippini, brano dalla melodia toccante e quasi malinconica e poi con il soul jazz di Hozic di Partipilo. Di ottima fattura sono anche il veloce swing di Silly Toy di Accardi nel quale brilla l’eccellente intreccio tra il sax di Partipilo e la tromba di Bosso, la sofferta ballata Daniela’s Walking di Bassi, o ancora la splendida In Volo di Bosso in cui l’autore suona il filicorno. Non manca anche un waltz con Endless Dream di Bassi, della quale si apprezza l’eccellente costruzione musicale in crescendo che culmina con uno strepitoso assolo di Bosso. Soul Briefing è senza dubbio una delle produzioni jazz più belle dell’anno, non solo per il magnifico affiatamento tra i musicisti, che si respira ascoltando il loro sontuoso interplay ma soprattutto per la qualità intrinseca delle composizioni che mirano non al tecnicismo fine a se stesso ma piuttosto a trasmettere emozioni e suggestioni sonore. 



Salvatore Esposito