Tenores Di Bitti - Voci Ancestrali dalla Sardegna (Aditi/Felmay/Egea)

CONSIGLIATO BLOGFOOLK!!

Che il canto a tenore sardo – patrimonio intangibile dell’Umanità per l’Unesco – sia una delle procedure polivocali più affascinati del Mediterraneo è risaputo. Altrettanto riconosciuta è l’eccellenza dei Tenores di Bitti Remunnu 'e Locu, maestri di quest’antica arte canora. Per la sua storia, il quartetto è anche il paradigma delle relazioni consapevoli tra locale/globale (il disco pubblicato per la Real World), degli incontri tra forme della tradizione orale e linguaggi sonori altri (la collaborazione con Lester Bowie ed Ornette Coleman), dell’influenza sul pubblico esercitata dai gusti di grandi artisti (l’interesse e la stima manifestati da Frank Zappa). Il DVD, articolato in due parti, e sottotitolato in italiano, francese e inglese, riempie un vuoto che era doveroso colmare. La pima raccoglie un concerto torinese (50 minuti), dove le quattro voci – gli storici componenti Daniele Cossellu (boche e mesa ‘oche) e Piero Sanna (boche e mesa ‘oche) e i due ultimi arrivati, Pierluigi Giorno (contra) e Mario Pira (bassu) che hanno rilevato Ziu Batore e Ziu Tranca – esemplari per accordo, calore e tessitura, presentano il loro articolato repertorio di serenate, strofe poetiche, balli, canti satirici e religiosi. A mo’ di lezione-concerto, l’impareggiabile leader Cossellu svela gli aspetti basilari della vocalità ancestrale. La seconda parte contiene interviste ai componenti del gruppo del nuorese, divenuti anche cavalieri della Repubblica, che entrano nel dettaglio, esponendo non solo le caratteristiche delle voci, le tecniche, l’apprendimento dello canto, ma raccontando anche la storia del gruppo, il suo impegno didattico e divulgativo. Il tutto è arricchito da suggestive immagini di Bitti, della sua campagna, delle montagne circostanti, del complesso nuragico di Su Romanzesu. 

 Ciro De Rosa