Luca Francioso & Roberto Dalla Vecchia – Morning Lights (Autoprodotto)

Luca Francioso e Roberto Dalla Vecchia non hanno bisogno di presentazioni perché per loro parlano i tanti concerti, gli stages e i dischi realizzati in questi anni. L’uno è senza dubbio uno dei talenti italiani del fingerpicking, mentre l’altro è uno dei più apprezzati chitarristi flatpicking, entrambi si sono ritrovati spesso ad incrociare le loro strade sul palco e non ci sorprende che abbiano deciso di realizzare un disco a quattro mani, considerando anche il grande affiatamento tra loro. E’ nato così Morning Lights disco, concepito nell’ottobre del 2011 e registrato lo scorso febbraio, che raccoglie dieci brani inediti nei quali i due chitarristi dimostrano un grande feeling non solo tecnico ma anche compositivo. Per capire le ispirazioni che hanno animato questo lavoro basta leggere il sottotitolo, Music To Start Your Day, che lascia intendere come queste canzoni siano nate per accompagnare il risveglio e le prime ore del mattino, fungendo non solo da colonna sonora ma anche come da supporto energizzante per il prosieguo della giornata. Partendo dalla tenue melodia della title track che apre il disco, l’ascoltatore viene condotto attraverso i dieci brani in scaletta in una sorta di lento risveglio, un antidoto sicuro ed infallibile al fastidioso suono della sveglia. Si prosegue poi con la splendida One Step Back Two Step Forward sulla cui melodia trascinante colorata di blues si innesta un perfetto interplay tra le due chitarra. Se Listening To The Dew Fall, che rimanda ai paesaggi spettacolari delle Dolomiti, ci riconduce ad atmosfere più soffuse, con The Call Of The World si raggiunge il primo vertice del disco con le due chitarre che si dialogano magistralmente disegnando una linea melodica di grande intensità. Di grande pregio sono anche Cappuccino Drawing che ci conduce verso atmosfere quasi swing, e A New Day For A New Story nella quale si ha modo di apprezzare a pieno le peculiari caratteristiche di entrambi i chitarristi. Di grande pregio è anche il trittico di brani finale composto da Scent of Life, Colors Behind The Window e Last Star che insieme compongono una sorta di suite finale densa di poesia sonora nella quale l’evocatività delle parole è sostituita dall’intreccio elegante e raffinato tra le due chitarre che disegnano una trama sonora ricca di suggestione. Morning Lights a differenza dei tanti dischi dedicati al mondo delle sei corde non è una raccolta di meri esercizi di stile e di tecnica ma è un concentrato di passione e dedizione alla musica. 



Salvatore Esposito