Suoni: Le Novità

Le novità discografiche segnalate da Blogfoolk...

FELMAY
le novità 


___________________________________________________________________________

DOPOBARBA
Armonie profumate dalle barberie di San Vito dei Normanni

In distribuzione “Dopobarba”,  il primo lavoro discografico del Circolo Mandolinistico – San Vito dei Normanni  una raccolta di brani antichi della tradizione e brani moderni  suonati, arrangiati e interpretati “alla barbiera”, stile originale tipico delle barberie, fino a pochi decenni fa luoghi di formazione e scambio musicale. 

Mercoledì 21 giugno la prima presentazione a San Vito dei normanni

Mercoledì 21 giugno alle 21.00 a San Vito Dei Normanni (Br) in piazza Giosuè Carducci, in occasione della Festa della Musica e del solstizio d'estate, il Circolo Mandolinistico - San Vito dei Normanni presenterà “Dopobarba” il suo primo lavoro discografico appena pubblicato dalla casa editrice Kurumuny. In "Dopobarba" il Circolo Mandolinistico propone un corpus sonoro in cui brani antichi della tradizione – ballabili, operette, serenate e pizziche pizziche – si alternano a composizioni apprese e ‘rubate’ da suonatori di passaggio o dal giradischi; melodie moderne ma suonate all’antica, arrangiate e interpretate con l’originale tocco “alla barbiera”. Musica viva, suonata in acustico, che ha portato una vera rivoluzione nelle abitudini e nei costumi della gente, attraversando tutti gli strati sociali. Questo lavoro affonda le proprie radici nel ricco patrimonio musicale legato agli strumenti a plettro, in particolare il mandolino e la chitarra. Risuonavano le corde nelle botteghe artigiane di San Vito dei Normanni, in melodie impregnate di dopobarba e fumo di sigaretta, colonna sonora di un’intimità pubblica. Il mandolino rappresenta una tra le più importanti identità musicali di San Vito dei Normanni. Oltre a rivestire un ruolo chiave nella meloterapia del tarantismo, è nelle botteghe artigiane e nelle barberie in particolare che l’arte dello strumento, insieme alla sapienza del mestiere, si apprendeva e tramandava, ai garzoni di bottega e a chiunque fosse desideroso di apprenderla. Di generazione in generazione, questo ricco repertorio tradizionale allietava la clientela e la comunità intera risuonando dalle botteghe alle strade, dai teatri alle sale da ballo. Il Circolo Mandolinistico di San Vito dei Normanni è sato fondato nel1934 dal professore Francavilla. Si hanno poche notizie in merito ai suoi primi anni di attività, cessata, secondo l’attestazione delle fonti orali, in concomitanza e a causa del secondo conflitto mondiale. Il Circolo riapre solo nel 2003, dopo che l’ultima barberia musicale ha chiuso i battenti, grazie alla dedizione di Federico Di Viesto, tra gli ultimi maestri della tradizione, e alla passione di Giovanni De Palma. Nel 2015 il Circolo si rinnova con la conduzione del giovane mandolinista Peppino Grassi. Come nelle botteghe di un tempo, il Circolo è oggi luogo d’incontro in un clima di convivialità e senso di appartenenza musicisti giovani e anziani, professionisti e non, suonano, si confrontano, reciprocamente apprendono e crescono.  Ne fanno parte Federico Di Viesto (mandolino e chitarra), Giovanni Arpino (percussioni) Domenico Bruno  (percussioni) Pietro Camporeale  (mandolino e basso tuba), Carmine “Nuccio” Caroli (mandola)  Francesco Ciriello  (chitarra), Mimmo Epifani (mandolino) Vincenzo “Swing” Fasano (voce), Palmo Rosario Grassi - Palmuccio di Patr’Antonio (voce), Antonio Montanaro (mandola), Gino Punzi  (violoncello), Cosimo Santoro  (voce).
_____________________________________________________________________________


TAMIKREST - KIDAL
Glitterbeat's most renowned band returns with a stunning 4th album, that perfectly balances their rocking and meditative elements. The recordings took place in Bamako, Mali with Mark Mulholland from Tony Allen's Afro-Haitian Experimental Orchestra producing. It was mixed by David Odlum who won a Grammy for his work with Tinariwen. Tamikrest are at the top of their game and show again that their reputation as one of West Africa's most innovative bands, is well-deserved. Restless, experimental, heartbroken, rebellious. "Angry rebel rock from the edge" - Mojo. ”A stunning realisation of Tamikrest's potential... Kidal is first and foremost a kick-ass, spirited rock 'n' roll album" - The Line of Best Fit. “A defiant statement of resistance...what is there not to like?" - fRoots.

JOSHUA ABRAMS & NATURAL INFORMATION SOCIETY - SIMULTONALITY
Simultonality is an album of “pure motion.” Without sounding frenetic it is the most explosive Natural Information Society music on record. It is Abrams's most structured & thru-composed music yet. Much of it is also fast, a mass of densely patterned elements swiftly orbiting constantly reconfiguring centers that are variously harmonic & rhythmic, clearly stated or implied.

75 DOLLAR BILL – WOOD / METAL / PLASTIC / PATTERN / RHYTHM / ROCK
The NYC-based duo of Rick Brown and Che Chen, creates hypnotic, pulsing music that weaves an ecstatic line from raw electric blues, Arabic modes and entrancing folk minimalism back to the streets of New York. ‘Wood / Metal / Plastic / Pattern / Rhythm / Rock', their expansive second album, crashed onto many of 2016's “Best-of” lists, including The Wire and Uncut.

KING AYISOBA – 1000 CAN DIE
Born in Bolgatanga in rural Ghana, King Ayisoba was a prodigy on the kologo, playing locally until he'd outgrown the possibilities of the area. His new album is fiery and uncompromising. Ghanaian legend creates a raw, emphatic sound that fuses kologo music with contemporary sonics. Feat. Lee “Scratch” Perry, afrobeat legend Orlando Julius & more. Produced by Zea (from The Ex).

BARGOU 08 - TARG
It's the forgotten place. Lying between the mountains of northwest Tunisia and the Algerian border, the Bargou valley and the village named after it lie isolated, away from the world. It's poor, barren country, but standing apart, Bargou has developed its own culture that had never been documented until Nidhal Yahyaoui began the task. With Targ, the album he's made with his band Bargou 08, Yahyaoui has perfectly fused the past and the present to place Bargou on the map.

BABA ZULA - XX
Formed by Osman Murat Ertel and Levent Akman in 1996, Baba Zula took Turkish psychedelic pioneers of the 1960s as their inspiration and foundation for what they called Istanbul psychedelia, the fathers of a scene that's since grown up around them. Baba Zula have played all over the world, won awards for their work in film and theatre, often been rewarded at the Turkish Billboard awards, and had their albums counted among the most prestigious ever released in Turkey.

IFRIQIYYA ELECTRIQUE - RÛWÂHÎNE
Ifriqiyya Electrique is a film and documentary project as much as a band. The footage is astonishing: of wild, ecstatic gatherings that seem, to us, the un-initiates, by turns other-worldly and utterly familiar. It is familiar because we all recognise the need for “new ways of forgetting”, in Cambuzat's words. But we surely need to remember too. For here is another deep tradition, another precarious music, on the brink: a vital part of a Sufi culture being pressed on all sides by the forces of reaction. Ifriqiyya Electrique will not be lamenting its passing – because they will refuse to let it pass. "'Extraordinary' doesn't even do it justice...an album catching a feeling, an emotion, a moment in a lifetime. Improvisation between tradition and technology. Quite literally blood, sweat and tears. Fantastic." 10/10 - Louder Than War (UK)


Spain – Live At The Love Song
Doppio album pubblicato esclusivamente in vinile Ltd. Edition (1000 copie) per gli Spain di Josh Haden, registrato dal vivo al Love Song Bar di Los Angeles con ospiti, tra gli altri, Bill Frisell, Craig Haynes (batterista di Sun Ra) e Petra Haden. Un nuovo sound inedito e ricco di inattese e ipnotiche derive noise/psichedeliche per la gloriosa band guidata dal figlio di Charlie Haden.

Mark Olson – Spokeswoman Of The Bright Sun
Nuovo album in studio per il fondatore dei Jayhawks Mark Olson. Un nuovo capitolo nella saga delle sue splendide produzioni dal Joshua Tree Desert che, da molti, sarà salutato come il suo miglior lavoro dai tempi di “Hollywood Town Hall”. Mark sarà in tour a ottobre e novembre a supporto di quest’album.

Vita Bergen – Retriever
Con questo nuovo album la giovanissima band svedese si avvicina sempre più alla loro personalissima visione di “perfect pop song”. ARTE Tracks li ha recentemente definiti “the hottest new band from Scandinavia”.

Chantal Acda – Bounce Back
Il seguito dell’acclamatissimo “The Sparkle In Our Flaws”. Registrato e prodotto dal leggendario Phill Brown (Talk Talk, The Walkabouts, etc.) e con la partecipazione di Bill Frisell alla chitarra solista. “A wonderful and edgy listen”.

My Baby – Prehistoric Rhythm
Il nuovo album di questo esplosivo collettivo trance/desert/delta-blues/dance è anche il loro debutto su etichetta Glitterhouse. “Hypnotic and funky as hell!”. Pubblicato anche in doppio vinile (plus download code).

The DeSoto Caucus – 4
Il nuovo album del quartetto danese facente parte dell’ultima incarnazione dei Giant Sand di Howe Gelb. “Quiet noisemakers with one of the most intriguing mixes of Americana, Psychedelic and fantastic rock music!”

Hugo Race & Michelangelo Russo – John Lee Hooker’s World Today
Nuovo album pubblicato solo in vinile Ltd. Edition (1.000 copie) della leggenda dell’underground australiano (ed ex Bad Seeds con Nick Cave) Hugo Race, qui in coppia con Michelangelo Russo, suo collaboratore di lunga data e già membro dei True Spirit. Una sorprendente ed emozionante rilettura di otto classici del grande John Lee Hooker che si spingono ben oltre gli usuali confini del Blues contemporaneo.

Annunciati a fine 2017…

Die Nerven – Live in Europa
Doppio album dal vivo (disponibile solo in vinile Ltd. Edition in 3000 copie) dei giovanissimi punkrockers tedeschi Die Nerven, registrato da Ralv Milberg su 24 piste durante il recente, trionfale, tour europeo. “The ultimate live album”.

Caroline Keating - tba 
Il lungamente atteso nuovo album dell’amatissima singer/songwriter/pianista canadese.

Distance, Light & Sky – tba
Il secondo album del nuovissimo supergruppo formato da Chris Eckman (The Walkabouts, Dirtmusic), Eric Thielemans e Chantal Acda.

The Jeffrey Lee Pierce Sessions Project – The Task Has Overwhelmed Us
Quarto e ultimo capitolo del preziosissimo Jeffrey Lee Pierce Sessions Project: una nuova raccolta di canzoni inedite dello scomparso leader dei Gun Club, interpretate da Nick Cave, Mark Lanegan, Mick Harvey e moltissimi altri suoi grandi amici ed estimatori.
__________________________________________________________________________

Dulce Pontes, la regina della world music, torna con "Peregrinaçåo", il nuovo disco in uscita il 10 marzo

“Peregrinaçåo” è il nuovo doppio disco di Dulce Pontes, cantante, polistrumentista, compositrice, arrangiatrice e produttrice portoghese, in uscita il prossimo 10 marzo per Edel Italy. Nota per aver perpetuato la memoria del fado, la musica popolare portoghese, ha negli anni collaborato con artisti del calibro di Ennio Morricone, Caetano Veloso, Andrea Bocelli e molti altri. Il suo stile musicale fonde le sonorità del fado con quelle più moderne del pop e del folk, dando nuova vita alla musica tradizionale del suo paese, diventando negli anni uno dei punti di riferimento della world music in tutto il mondo. Oltre che dai suoni tipici della penisola iberica, Dulce Pontes attinge anche da quelli arabi, africani, brasiliani e bulgari e canta, oltre che in portoghese, anche in spagnolo, galiziano, mirandese, italiano, inglese e greco. La sua hit “Canção do mar” è stata inserita nella colonna sonora del film hollywoodiano del '97 “Schegge di Paura”. Uno degli ultimi album, "Focus", è il frutto della collaborazione con il musicista premio oscar alla carriera nel 2007 Ennio Morricone, e una sua reinterpretazione del tema di “C'era una volta il West”, dal titolo “Your Love”, è stata scelta dall'Enel a partire dal 2010 per i suoi spot istituzionali. Nel 2007 canta il brano “La Luz Prodigiosa” contenuta nell'album “We All Love Ennio Morricone”. Nel 2009 festeggia i vent'anni di carriera pubblicando un album doppio dal titolo “Momentos” che contiene alcuni importanti esibizioni dal vivo e alcuni brani inediti. Torna oggi con un disco che narra del bisogno dell'essere umano di intraprendere un viaggio, una ricerca, un pellegrinaggio appunto, fuori dalla confusione del mondo moderno, per ricollegarsi con le sue emozioni. Nel primo disco “Nudez” Dulce Pontes suona piano e percussioni accompagnata a volte dall’orchestra e canta poesie in fado in portoghese. Il suo viaggio cambia linguaggio in “Puertos de Abrigo” il secondo disco, prevalentemente in spagnolo: un mix di flamenco e tango, con forti radici argentine. Anche i luoghi di registrazione rappresentano il pellegrinaggio emotivo della Pontes: Bragança, che si trova nella regione a nord est di Tras-os-Montes, in Portogallo è l’epicentro della sua vita.  Lo studio della sua casa chiamato “Catacumbas” e un altro nella capitale spagnola Madrid, sono diventati il suo rifugio creativo. I monolocali Namouche di Lisbona e il mitico ION di Buenos Aires hanno reso poi questo pellegrinaggio di Pontes un’esperienza unica, come tutto ciò che viene fatto con la verità.
____________________________________________________________________________

DiaDuit - Aquiloni (Rox Records 2017)


Gioiosi ritmi irlandesi che si fondono con melodie dal sapore tradizionale per ballare danze francesi e cantare canzoni in italiano. Ecco Aquiloni, il secondo lavoro dei Dia Duit (il "ciao" detto in lingua gaelica che nasconde una benedizione), quattro giovani musicisti e compositori che vengono dal veneto
______________________________________________________________________________

GIULIO CANTORE & ALMADIRA
Venerdì 9 giugno esce Derive

Venerdì 9 giugno esce ufficialmente il nuovo album di Giulio Cantore & Almadira Derive, per l’etichetta bolognese Bajun Records. Sarà disponibile su iTunes, Spotify, Deezer e su tutte le altre piattaforme digitali. Giulio Cantore, musicista e liutaio, appassionato di chitarre dalla costruzione all’esecuzione e del processo creativo che scaturisce, pensa al disco partendo dal laboratorio, costruendo gli strumenti di cui necessitano le sonorità dei brani. Per Derive ha costruito e poi suonato una chitarra flamenca, Weissenborn (o chitarra Hawaiiana), una chitarra acustica baritona, un cavaquinho portoghese, una chitarra soprano. All’ascolto Derive è un disco con molte allusioni al mondo del mare e unitario nel susseguirsi delle tracce, con tutti i brani uniti tra loro, come a comporre i capitoli di un unico racconto, come descrizioni di un unico panorama. “Almadira” e “andare alla deriva” sono due concetti che fanno pensare al mare e a ciò che il mare lascia sulla spiaggia, i tronchi, ad esempio, o i legni levigati. Giulio Cantore ha utilizzato questo materiale per produrre la confezione dei cd interamente in legno, confezione a tiratura limitata e numerata. All’interno della tracklist di Derive è presente anche un brano dal titolo Almadira, parola in dialetto riminese che indica la linea di detriti che si forma sulla battigia al ritirarsi della marea (conchiglie, legni, plastiche, alghe). È una sorta di sigla e dichiarazione di intenti del progetto musicale. Il brano dice: Almadira, almadira, musica franca arriva dal mar il mare unisce le terre che separa, la musica unisce le culture che separa

Biografia
Giulio Cantore, classe 1984, è cantautore, chitarrista e liutaio. Vive a Meldola (FC), circondato dalla campagna romagnola, ma le sue origini sono emiliane e pugliesi. Fin da piccolo desidera diventare un musicista: negli anni colleziona passioni come quella per il blues, il funk, il reggae e, in un secondo momento, la world music, in particolare Enrique Morente, Arto Tuncboyacian e Ben Harper. Dal 2006 al 2008 frequenta la Scuola di Liuteria del Centopievese e impara a modellare il legno, per costruire strumenti a pizzico. In quegli anni, si avvicina alla Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli e riprende contatto con la musica tradizionale pugliese, che fa parte della sua storia familiare. Compone e incide “L’anca uscita dal somaro”, con gli Ossanema, e inizia a suonare con il gruppo di musica popolare Bevano est. Nel 2008 raggiunge alcuni amici in Andalusia e frequenta, per intere giornate, le botteghe dei maestri liutai. Vede il suo primo concerto di flamenco e se ne innamora. Il progetto “Giulio Cantore & Almadira” nasce il giorno del suo matrimonio: suona, con due amici musicisti, brani scritti di suo pugno. Giulio Cantore: Chitarra classica e voce; Stefano Fabbri: percussioni;Fabio Mina: flauto traverso, bansouri, doudouk; Marco Liverani: basso, weissenborn e armonica.
________________________________________________________________________________

Raffaele Bruno e Delirio Creativo
“Fragili anime guerriere”

Si chiama “Fragili anime guerriere” il disco d’esordio dell’attore e regista Raffaele Bruno ed esce il 7 maggio per l’etichetta napoletana, Graf. Dopo l’esperienza con il gruppo musicale, Rete co’mar, Raffaele ritorna con un nuovo progetto insieme alla sua compagnia teatrale, Delirio creativo. Compagnia che lavora nelle carceri, nelle comunità di recupero per tossicodipendenti e nei centri per il disagio psichico. Quella del Delirio creativo è “una musica di dolore e speranza assieme. Forse solo a Napoli la puoi suonare così forte”, così ne scrive Stefano Benni, con cui Raffaele Bruno ha collaborato. Grazie alla produzione artistica di Massimo De Vita l’album fonde parti recitate, musica popolare dalle atmosfere sudamericane e influenze balcaniche, con la grande canzone d’autore italiana. La forza del teatro e l’immediatezza della musica, per amplificare le voci di chi la voce non l’ha mai avuta. Barboni, matti e detenuti sono le ombre e i fantasmi che popolano l’universo del Delirio creativo. “Scognamiglio”, la canzone che anticipa l’uscita dell’album racconta di un clochard a cui è rimasto solo il vino. Parole di sangue cantate dal cantautore napoletano Giglio, ospite del brano. Tantissimi le collaborazioni del disco tra cui parte della new wave napoletana: il cantante de La Maschera, Roberto Colella, ‘o Rom, Claudio Gnut, Isole Minori Settime, Gatos do Mar, Fede‘n’Marlen, la cantante della Rete co’mar, Silvia Romano, Maurizio Capone e la storica voce della N.C.C.P., Gianni Lamagna, nel brano dedicato alle quattro giornate di Napoli. Incontri e narrazioni, che si sovrappongono e si rincorrono in un flusso di musica teatrale o di teatro musicale, per un disco che sa da che parte stare e cioè dalla parte degli ultimi. Delirio creativo sono: Raffaele Bruno: autore dei testi e voce narrante; Enzo Colursi: voce e piano; Federica Palo voce recitante; Daniele De Vita: chitarre; Luigi Castiello: contrabasso; Santolo Rea: percussioni; Vincenzo Maddaluno: fiati. Special guest: Marco Salvatore: batteria e percussioni, Giuseppe Maddaluno: clarinetto, Michelangelo Bencivenga: chitarre e Igor Caiazza (zildjian artist): batteria e percussioni
______________________________________________________________________________

LARA MOLINO
"Lu fóche de San Tumasse"


“Lu fóche de San Tumasse” è il primo singolo da “Fòrte e gendìle”, nuovo disco di Lara Molino in uscita per fonoBisanzio / IRD il prossimo 9 giugno. Il brano è accompagnato da un video realizzato da Giulio Innocenti che è disponibile da oggi su Youtube. “Fòrte e gendìle”, prodotto artisticamente dal violinista e songwriter Michele Gazich, è il primo lavoro in lingua d'Abruzzo di Lara Molino e raccoglie dieci brani folk quasi tutti scritti da Lara insieme al padre e poeta Michele Molino, che interviene con la propria voce in alcuni passaggi della tracklist. “Lu fóche de San Tumasse” è la traccia che apre in modo programmatico il disco ricordando una ritualità antica capace di sopravvivere strenuamente alle evoluzioni tecnologiche e alla disgregazione delle comunità. “Quella del Fuoco di San Tommaso – racconta la cantautrice di San Salvo, Chiesti – è una delle usanze a cui sono più legata. Il fuoco è calore, famiglia, Natale, vita, comunità. Lo si ricorda acceso nella notte del 20-21 dicembre 1745 quando giunse a San Salvo l’urna contenente le reliquie di San Vitale martire, il santo patrono della città. Ma l’accensione del grande fuoco è un rito arcaico, forse italico, da sempre ripetuto, un evento identitario che i sansalvesi continuano ad amare perché costituisce il filo rosso che lega il presente al passato.” “Fòrte e gendìle” – realizzato in circa due anni dopo un lungo lavoro di ricerca storica e musicale – è un disco essenziale, arrangiato con una chitarra acustica e il violino e la viola di Gazich, a cui sono stati aggiunti di tanto in tanto un'altra chitarra (suonata da Marco Lamberti) e una fisarmonica (Titti Castrini, già al lavoro con Vinicio Capossela) a completare una gamma di timbri che vedono al centro di tutto la voce della titolare, forte e gentile come il proverbiale modo di dire usato spesso per descrivere le genti d'Abruzzo. E del resto è proprio di queste persone, della loro storia di sofferenze e solidarietà, delle tradizioni e delle migrazioni, che i brani raccontano, con parole semplici e ferme nutrite dall'espressività evocativa e dalla verità di una lingua che travalica il tempo e la globalizzazione per parlare a chiunque. Non è infatti un disco per soli abruzzesi “Fòrte e gendìle”: come ogni album realmente folk ha la forza di parlare a quella parte di terra e radici che ognuno di noi si porta dietro nonostante tutto. Collegando il sangue dei padri a quello dei figli, lasciando che siano le vite di un tempo (di povere donne, di pescatori e migranti, di vecchi e briganti) a parlare alle vite di oggi.

Link
____________________________________________________________________________

OGNI GOCCIA: IN DISTRIBUZIONE IL NUOVO 
LAVORO DISCOGRAFICO DEL PROGETTO ADRIA

Il disco della formazione salentina composta da Claudio Prima, Emanuele Coluccia, Rachele Andrioli e Francesco Pellizzari è disponibile in download e in streaming sui principali store digitali e in vendita sul sito adriatik.it. È da pochi giorni in distribuzione nei principali store digitali e in vendita sul sito adriatik.it, Ogni goccia, nuovo progetto discografico degli Adria. La formazione salentina nasce dall’idea di Claudio Prima ed Emanuele Coluccia, già collaboratori in numerosi progetti di indagine sulle musiche cosiddette ‘di confine’ (BandAdriatica, Tukrè, Giovane Orchestra del Salento) e autori della colonna sonora di Versoterra – a chi viene dal mare, progetto teatrale dell’attore, autore e regista Mario Perrotta. Al loro fianco Rachele Andrioli, una delle voci più belle del panorama salentino, e Francesco Pellizzari, batterista di grande talento, già protagonista, con il progetto Bija, di numerosi riconoscimenti nazionali. Il lavoro discografico autoprodotto - che arriva a oltre sei anni di distanza dal precendete Penelope - contiene undici tracce frutto di un nuovo percorso creativo all’interno della tradizione "d'autore" riscritta con piglio moderno da Claudio Prima. Fra i brani, principalmente inediti, anche le dediche a Mia Martini, Chico Buarque (Valsinha), Hermeto Pascoal (Garrote) e un brano tradizionale salentino rivisitato (Quantu me pari beddha te luntanu). “Riscrivere la tradizione con i piedi nell’acqua, a volto scoperto. Farsi scompigliare le idee e restituire forma e lezione al mare, pazienza e distacco, sale e fortuna”, sottolinea Claudio Prima. “Le canzoni di Adria nascono con il piglio curioso di chi non è stanco di mettersi in cammino, con mani attente. Le dita inumidite che indicano la rotta. Sono canzoni che hanno imparato il trucco del marinaio, mescola ardita di riso e pianto. L’organetto si fa bandiera delle tradizioni di tutti i venti, aria spinta a forza, che geme e germina. La voce di Rachele è la voce di tutte le donne del Sud. Col sax a cercare incessantemente un approdo e le percussioni a scandire il passo. Adria è musica nuova, intrigo d’Adriatico, nutrimento dell’attesa”.
______________________________________________________________________________

Nuevo Mundo
Il primo CD dei Saber Système

Nuevo Mundo è un disco realizzato da giovani diciottenni cuneesi, che per età e per esperienze di vita e hanno necessariamente dovuto guardare oltre la propria provincia, al mondo e  alle sue differenti culture Nuevo mundo è cantato in francese, spagnolo italiano ed occitano, con qualche parola della lingua dioulà della Costa d’Avorio. Nuevo Mundo è un disco di musica word, in cui le sonorità elettroniche del pop di oggi si mescolano ai suoni dei flauti, alle percussioni africane,  agli organetti dell’Occitania,  alle chitarre acustiche  ed alle voci. Nuevo Mundo è veramente un disco nuovo!. Scarica gratuitamente Nuevo Mundo al link http://sabersysteme.wixsite.com/sabersysteme/music
  
All tracks recorded and mixed at home by Alex Rapa, except “la révanche” recorded at MMA Studio by Marco Giurisato – Cuneo, Italy. Mastering at Studio Play! By Alberto Macerata - Via Don Enrico Calliero, 5 Bricherasio (TO), Italy. Additional hurdy-gurdy in “parla pas” – by Maurizio Giraudo - Additional vocals in “il canto dei venti” by Alex Rapa. Artistic production, music, lyrics and arrangements by  Saber Système and Gai Saber, except words of “il canto dei venti”  by the poet Gino Giordanengo, who so loved the town of Peveragno and its mountain  Bisalta. Executive Production Associazione Culturale Gai Saber – Strada del Gavotto 6 – 12016 Peveragno (CN) – Italy – www.gaisaber.it - info@gaisaber.it - 2017. The project Saber Système was born in 2014 but it finds its origins in the traditional Occitan  music courses promoted in 2012 and 2013 by the Gai Saber cultural association. All the students who live in the area around Cuneo, a city situated in Piedmont in the North-West of Italy, developed an autonomous musical project. Its main feature is the connection between the linguistic and cultural aspects of the frontier territory between Italy and France. Languages used  for their songs are in fact Italian, Occitan, French and Spanish with a mixture that can be easily understood by all people who speak Romance languages, while the music melts the traditional roots with electronic sounds of today’s pop music.
______________________________________________________________________________

“LA RUBIA CANTA LA NEGRA”
IL NUOVO ALBUM DI GINEVRA DI MARCO, UN SENTITO OMAGGIO A MERCEDES SOSA 
IN USCITA IL 19 MAGGIO IN CD E LP

“Non ho mai sentito una voce più bella di quella di Mercedes, é stata la voce che mi ha fatto riconsiderare il significato del termine ‘cantare’; una voce colma di sonorità, un tesoro che spalanca l’anima”.Con queste parole Ginevra Di Marco annuncia l’uscita il 19 maggio del nuovo album “La Rubia canta la Negra”, su etichetta Funambulo/Luce Appare appassionato tributo a Mercedes Sosa, la più grande “cantora” di tutta l’America Latina. Un disco che arriva a 6 anni di distanza da Canti, richiami d’amore e che segna il grande ritorno della “Rubia” (la bionda) Ginevra, una delle più autorevoli voci della world music e del nuovo folk italiano, premiata due volte con la prestigiosa Targa Tenco. Un lavoro che prosegue il percorso di recupero e la rilettura dei canti popolari del mondo iniziato nel 2006 con Stazioni Lunari prende terra a Puerto Libre, e proseguito nel 2009 con Donna Ginevra. Alcuni tra i brani più significativi del repertorio della “Negra”, come “Alfonsina y el mar”, “Razon de vivir” e “Todo cambia” (cantata in italiano su adattamento di Teresa de Sio), trovano nuova vita nell’interpretazione di Ginevra, che regala al suo pubblico anche tre pezzi inediti: “Saintes Maries de la mer”, primo singolo dell’album, “Fuoco a mare” e “Sulla corda”. Mercedes Sosa, simbolo della lotta per la libertà del popolo argentino negli anni della dittatura, ancora oggi è una figura in grado di insegnare i valori del coraggio e della fiera resistenza alle oppressioni. Vittima di censura, arrestata e poi costretta all’esilio nel 1979, non smise mai di condannare ciò che avveniva nel suo paese, dove riuscì a rientrare alla vigilia del crollo della dittatura. “Esistono artisti ed esistono pupazzi che indossano la maschera della protesta per poi toglierla dietro le quinte. Mercedes Sosa ha scelto da che parte stare e ha pagato con la sofferenza dell’esilio questa coerenza feroce - afferma Ginevra - nonostante questo ha continuato a cantare sui palchi di tutto il mondo e il suo canto era un vento di speranza che sapeva arrivare ovunque. Quando cantava era una bandiera alzata, un timbro purissimo capace di trasmettere una straordinaria universalità, un amalgama perfetto di intimità e vita collettiva”. “La Rubia canta la Negra” è stato prodotto e arrangiato da Ginevra con i compagni di sempre Andrea Salvadori (chitarre, mandolino ed elettronica) e Francesco Magnelli (pianoforte e magnellophoni) Una squadra da sempre attenta a non distogliere mai lo sguardo da lidi inesplorati per raccontare con curiosità e attenzione la ricchezza della cultura musicale del mondo. Il disco è stato realizzato attraverso una campagna crowdfunding sulla piattaforma Becrowdy.com, una nuova possibilità per dare vita a progetti culturali coinvolgendo persone con gli strumenti di comunicazione della rete. Una filosofia di azione accolta a braccia aperte dal trio perché molto simile alla loro idea di diffusione della musica: lontano da compromessi, in un rapporto sempre più stretto con il pubblico. L’album è nato grazie al Festival “Musica dei Popoli” di Firenze, che nel settembre dello scorso anno ha invitato la cantante a mettere in scena uno spettacolo interamente dedicato a Mercedes Sosa. L’esibizione si è avvalsa della collaborazione di un talentuoso gruppo di musicisti: i Forrò Miòr (Timoteo Grignani, percussioni; Nicholas Farruggia, chitarra e voce; Alberto Becucci, fisarmonica) e del percussionista Gabriele Pozzolini (Baro Drom). Un lavoro accurato da cui ha preso forma il disco e che è stato poi proseguito da Ginevra, Francesco e Andrea con uno studio sui brani scelti, riportando le canzoni ad una veste più minimale, per trio. Una cifra stilistica che accoglie e abbraccia nuovi universi musicali scegliendo poi, con netta convinzione, di restituirli in una visione assolutamente personale grazie anche all’utilizzo non convenzionale degli strumenti acustici. Questa seconda fase ha visto la partecipazione di Luca Ragazzo e Marzio Del Testa, alla batteria (con Del Testa sono stati registrati anche due dei tre brani inediti).
_______________________________________________________________________________

ALESSIO LEGA - "MARE NERO" (Autoprodotto)
Ritratto di un inferno bello mosso
Data di uscita: 6 giugno 2017

Uscirà il prossimo 6 giugno in completa autoproduzione “Mare Nero”, il nuovo disco di Alessio Lega a quattro anni dall'ultimo lavoro di canzoni proprie “Mala Testa” e dopo il progetto “Bella Ciao” insieme a Riccardo Tesi, Ginevra Di Marco, Lucilla Galeazzi e Elena Ledda, disco e concerto che continuano tutt'oggi a girare in Italia e in Europa. “Mare Nero” – che verrà prossimamente anticipato dal singolo con video “Ambaradan” – è la prima opera senza un tema dominante di Alessio Lega, eppure si ha l'impressione che un legame fra i brani ci sia. Questo legame è nella capacità del cantautore di far tornare la Storia materia viva. La facilità con cui da essa estrae e distilla storie, quelle che è necessario (ri)raccontare, riportandole magari al presente della cronaca. Così in questa “antologia alluvionale di brani personalissimi, che proverei quasi vergogna a interpretare in pubblico” a unire un brano all'altro è la Storia. Fatta di eroismi, opposizioni, resistenze, libertà cercate e non sempre ottenute, che Alessio Lega rende carne viva, accadimento da condividere. Grazie alla forza intensa di un musicista con l'esperienza raffinata e popolare dello studioso (ovvero del ricercatore, del divulgatore, dell'innamorato) e l'accoratezza di chi non può fare altro che scrivere, raccontare, cantare. Dipingere il “ritratto di un inferno bello mosso” come recita il sottotitolo del disco. “Mare Nero” è il terzo disco da autore di Lega (in totale ad oggi se ne contano otto, fra dischi di traduzioni, rifacimenti, live). Nasce da due anni di lavoro ed è un'opera di “avanzi”, di canzoni rimaste fuori dalle uscite precedenti per vari motivi o riproposte in nuove versioni. Ma “avanzi” non significa “canzoni buttate via”. Insomma, non è un disco minore, anzi, è con tutta probabilità il miglior biglietto da visita dell'Alessio Lega songwriter sempre sospeso sul filo sottile che separa il passato nobile della canzone d'autore storica e impegnata da un presente confuso dove le contraddizioni non mancano e c'è dunque bisogno di narratori veri, in grado di mettere in fila i fatti e le parole come si deve. Questo fa da sempre Alessio Lega e “Mare Nero” lo testimonia, così come testimonia la tendenza – riscontrabile sin dal debutto del 2004 “Resistenza e Amore” (Targa Tenco per il miglior esordio) – a non sedersi sugli allori di un “fare canzoni da cantautore”, cioè solo chitarra e voce, per esplorare invece le rotte sonore più disparate, a volte lasciando che a suggerire la direzione sia il brano stesso, altre volte “sorprendendo” la canzone con scelte sonore imprevedibili. E ciò avviene anche grazie alla direzione artistica di Rocco Marchi (Mariposa, Hobocombo) e Francesca Baccolini (Hobocombo). Ogni brano vive di un'invenzione sonora diversa e ciò vale anche per le due riletture presenti nel disco: “Fiore di Gaza”, firmata da Paolo Pietrangeli, e “Hanno ammazzato il Mario in bicicletta” di Dario Fo e Fiorenzo Carpi, di cui ricorre una citazione dal tema di Pinocchio. E se la title-track è un autentico inno politico anarchico fra il serio, l'ironico e il postmoderno, “Zolletta” è la canzone che Alessio Lega ha dedicato a Enzo G. Baldoni, già pubblicata in un introvabile live del 2004 e qui riproposta in una versione ancora più dolce e sognante. Si chiude così “Mare Nero” prima della “Petizione per l’affidamento dei figli alle coppie omosessuali”. Non male per un disco di “avanzi”. Ma d'altra parte, come ci ricorda Alessio, “si è trattato di cucinare una cena con quello che era rimasto in frigo dal cenone di capodanno: riuscirci pare che sia il privilegio dei cuochi migliori.”
_____________________________________________________________________________

Nuovo Canzoniere Partigiano
s/t 
(21/04/2017 -  Autoprodotto)

Il Nuovo Canzoniere Partigiano nasce da un lavoro di ricerca e attualizzazione dei canti della Resistenza italiana. Canti di lotta su nuovi percorsi sonori per ricordare, dopo più di 70 anni, uno dei momenti più importanti della storia del popolo italiano. Atmosfere che vanno dal post-rock al punk e al folk per dare una nuova vita canzoni che fanno parte del bagaglio culturale del paese. "Con queste canzoni vogliamo provare ad avvicinare i giovani di oggi ai coetanei di allora per salvaguardare un pensiero di giustizia e libertà, un germoglio di condivisione e impegno civile". Il disco, dal titolo omonimo, raccoglie sei canzoni, registrate in presa diretta da Maurizio Baggio a La Distilleria  durante lo scorso inverno. 5 canti tradizionali e una canzone inedita, "Marola", frutto del lavoro di ricerca del gruppo, che ha scovato un testo, originariamente un canto legato alla tradizione orale dell'alto vicentino e ne ha riscritto la musica (storicamente il testo veniva cantato sull'aria de Lo Spazzacamino). "Marola" racconta dell'eccidio ad opera dei soldati tedeschi avvenuto sulle colline tra i paesi di Zugliano e Chiuppano (Vi). Il Nuovo Canzoniere Partigiano è formato da Silva Cantele (Phill Reynolds, Miss Chain & The Broken Heels), Andrea Grigolato (Il Buio), Francesco Cattelan (Il Buio), Alberto Brunello (Hexn, Hartal!), Alberto Zordan (Il Buio) e Maurizio Baggio (produttore di band come The Soft Moon, Merchandise, Death Index, etc). Il disco sarà pubblicato in CD e digitale ed è già disponibile il preorder: https://nuovocanzonierepartigiano.bandcamp.com. È importante sottolineare che il ricavato del progetto (live, dischi) verrà destinato alla raccolta fondi per la ricostruzione di un ospedale nella regione curda di Rojava. A quest'indirizzo si possono reperire informazioni sul progetto e, ovviamente, contribuire: http://www.mezzalunarossakurdistan.org/un-ospedale-per-il-rojava/. La band pubblica oggi un primo estratto dal disco e si tratta proprio dell'inedita "Marola”.
______________________________________________________________________________

Materiali Sonori
Le novità

JUANA MOLINA - Halo
“Halo" è il settimo album della cantante argentina Juana Molina e continua il percorso sperimentale che ha cominciato anni fa. Segna un uleriore evoluzione della sua voce inconfondibile. Spinge ancora una volta la sua sconcertante, ipnotica musica e la sua più sconvolgente vocalità. Appartiene a una categoria rara: quella dei musicisti liberi, come Björk o Robert Wyatt. Juana è semplicemente libera e questo disco è un capolavoro. file under: pop / world music 

LUISA COTTIFOGLI - Come un albero d’inverno 
Il nuovo suggestivo progetto discografico di Luisa Cottifogli evoca le altezze, la montagna, il Nord. Il taglio del lavoro è contemporaneo, pur traendo ispirazione dalla tradizione: sono presenti la vocalità alpina nella rilettura di alcuni classici corali, ma anche vocalità difoniche e gutturali che richiamano le montagne e i ghiacci di varie parti del mondo. Un album fatto principalmente di voci. Luisa Cottifogli, attraverso la sua voce-strumento, dipinge suggestivi paesaggi nordici e montani, coadiuvata dalle chitarre e dagli arrangiamenti strumentali di Gabriele Bombardini.  Chiama a raccolta le voci degli Armonici Cantori Solandri (Val di Sole), di Oskar Boldre (beat-box e voce difonica), del coro alpino CeT e le note del clarinettista-pianista Gianni Pirollo. Un viaggio al Nord e un profondo cammino nell’animo umano, una voce inconfondibile. file under: world music

INVENTIONIS MATER - Zapping 
Originale rilettura di alcune straordinarie pagine di Frank Zappa (“G-Spot Tornado”, “Igor’s Boogie”, "Son Of Mr. Green Genes”…), Edgard Varese, Igor Stravinsky e composizioni dedicate di Pierpaolo Romani. Fra musica da camera, suoni e intrecci inconsueti, pop obliquo. Essenziale. Bella musica e ironia. Con Pierpaolo Romani (clarinetto, clarinetto basso); Andrea pennati (chitarre, seta); Nazareno Caputo (vibrafono, percussioni). file under: Frank Zappa / new music / new classics

MAURIZIO GERI, JACOPO MARTINI, NICOLA VERNUCCIO - Djambolulù Swing Trio
Un trio di sole corde all’insegna dello swing-manouche nostrano, guidato da Maurizio Geri (Banditaliana) un eccellenza del genere. Pochi gli standard e molte le composizioni originali, una reunion fra i più apprezzati interpreti dello stile in ambito italiano ma riconosciuti anche a livello internazionale. Special guest Stefano “Cocco” Cantini al sax. File under: jazz manouche / world music

ACID ARAB - Musique de France 
Potente musica elettronica! Energia pura! Per due anni ACID ARAB hanno coinvolto e incantato il pubblico dei festival e dei club di mezza Europa con la loro miscela inebriante di musica elettronica occidentale mescolata a voce e sonorità orientali. Formati nel 2012 dai DJ parigini Guido Minisky e Hervé Carvalho, Acid Arab hanno pazientemente affinato il loro stile, incontrando decine di artisti provenienti da tutto il Nord Africa e il Medio Oriente. Un progetto costruito sulla creazione di musica basata su un incontro (diciamo “a parità di condizioni”) tra i diversi mondi culturali (al contrario di un semplice collage). Un bel segnale in questa nostra epoca... 

LA SCATOLA BLU - Hanno Ammazzato Spargiamore
Da una idea di Massimiliano Gambinossi (già con Ginevra Di Marco negli album "Trama tenue", "Smodato temperante”, "Disincanto" ed ex componente dei Ci s'ha, band del CPI, il Consorzio Produttori Indipendenti, con cui incide due album e partecipa al tributo "The different you, Robert Wyatt e noi”) e i musicisti Leonardo Bertini, Alessandro Calò, Stefano Materazzi e Alessandro Bernocchi, nasce nel 2014 il gruppo LA SCATOLA BLU. Fortemente influenzati dalla canzone popolare e d'autore italiana propongono dieci canzoni ispirate alle vite conosciute nei loro viaggi, facendole proprie e vestendole con arrangiamenti e suoni curati dalla meticolosa produzione artistica di Andrea Salvadori.

EMBRYO - It Do
Nuovo disco (con album doppio in vinile) dello storico gruppo tedesco. Registrazioni inedite degli ultumi anni (2015-16) con alcune preziose tracce (come “Russian Melody” di Mal Waldron) e ospiti da ogni parte del mondo: Deobrat Mishra (sitar), Prashant Mishra (tabula), Hasan Gorgun (darbaka), Nikita Fialkov (voce), Youssef Amazl (benedir), Abdul Samad Habibi (rubab), Roma Bunka (chitarra)… Gioielli di rock-jazz, fusion e world music confezionati con sapienza da Christian Burchard e dalla sua erede Marja Burchard (batteria, piano, klavinett, marimba, whistiling, voce).
File under: Embryo / jazz-rock / world music

MICHELE MARINI ORGANICTRIO, Quintauro featuring RICCARDO TESI, MAURIZIO GERI, DUO BOTTASSO, DANIELE DONADELLI, ELIAS NARDI.
Secondo disco per il Michele Marini OrganicTrio: è Quintauro, nuova opera con undici inediti, proiettata in un continuum temporale che la promuove degna erede del precedente lavoro Changemood. L’ispirazione viene dal mondo del Jazz/blues, della fusion e della world music. UN ulteriore capitolo della ricerca musicale del trio, che continua il suo percorso oltre i canoni tradizionali del jazz. Coinvolti molti ospiti di prestigio: Riccardo Tesi, Maurizio Geri, Nicolò Bottasso, Simone Bottasso, Elias Nardi, Daniele Donadelli. file under: world music / jazz

LE TON MITE', Passé Composé Futur Conditionnel
Le Ton Mité una sorta di "cooperativa musicale" che ruota attorno alle composizioni del musicista itinerante, costruttore di strumenti e fine artista McCloud Zicmuse, americano di Bruxelles. Dopo aver lasciato gli Stati Uniti a metà degli anni zero è uno dei protagonisti della bizzara band Hoquets (“Belgotronics”). Tornato negli USA, alla ricerca delle proprie radici realizza questo nuovo album che è la colonna sonora di questo viaggio. Un patchwork di 50 canzoni, nei suoi 67 minuti: paesaggi, riflessioni, incontri, aneddoti e movimenti. Fusioni di jazz, barocco, psychedelia, folk & R'n'B.
file under: rock / jazz / world music

VERONIQUE VINCENT & AKSAK MABOUL, 16 Visions Of Ex-Futur 
Sedici riletture ("reimagined, performed or reworked") dei brani del disco che sarebbe dovuto essere il terzo album di Aksak Maboul (la storica band "progressive” fondata da Marc Hollander con la voce sognante e straordinaria di Véronique Vincent). Ma il progetto fu abbandonato e, pubblicato tre decenni dopo, ha rimesso in pista (con live di grande successo) gli Aksak Maboul e ha sollecitato queste “16 Visions” di grande attualità musicale, realizzate da un manipolo di personaggi di spicco della nuova musica elettronica europea. file under: new-rock / alternative-pop /electronic music

THE LOVE THIEVES, Soft
Nove tracce in lingua inglese, nelle quali emergono sonorità ed influenze pop ed elettroniche direttamente dagli anni '80, che sfiorano a tratti il rock e lo shoegaze. Band livornese che si rifà alla scena new wave degli anni '80, anche se reinterpretata e riletta in chiave più moderna e con un nuovo spirito. Il risultato è un disco con un'anima prevalentemente pop, con un suono leggero e particolare, da cui viene in riferimento il titolo, “Soft”, che trasmette questa sensazione di leggerezza e morbidezza. Un disco intenso che porta l'ascoltatore in una dimensione dolcemente parallela.

FRANKIE CHAVEZ - DOUBLE OR NOTHING
uscita: 19 maggio 2017
Musicista solare ed energico, il cuore diviso tra la sua terra natia, il Portogallo, e quella che lo ha “adottato”, l’Australia, il pluristrumentista Frankie Chavez è uno di quegli artisti che si fa una gran fatica a classificare. La sua musica è bastarda, un ibrido di rock, folk, chiaramente figlia del blues, ma che non disegna nemmeno la struggente dolcezza del soul a leggerezza della musica “surf” (forse questo potrebbe avere a che fare con il fatto che egli stesso sia un surfista niente male). Ma differenza degli altri rocker della sua generazione, e oltre una visione globale della propria arte, la sua anima è europea, e della sua terra natia si porta dietro il sole, il vento e il mare sempre presenti nelle sue canzoni,  mai scontate, mai uguali, energiche, riflessive e solari. Info: www.musicastrada.it 

Prossime uscite 
KASAI ALLSTARS, Around Felicité
CARACAS [VALERIO CORZANI & STEFANO SALETTI], Ghost Tracks
ARTE’. Artè . CD Visage Music
YASUALI SHIMIZU, Music For Commercial
MATIAS AGUAYO & THE DESDEMONAS, tba 
ZAZOU/BIKAYE/CY1, Noir et Blanc 
AKSAK MABOUL, Un Peu De L’Ame Des Bantis 
__________________________________________________________________________

IMANY
DA VENERDÌ 30 SETTEMBRE IN ESCLUSIVA SU ITUNES
IL NUOVO ALBUM “THE WRONG KIND OF WAR”

da venerdì 7 ottobre disponibile in tutti gli store digitali e nei negozi tradizionali
Attualmente in rotazione radiofonica il primo singolo
“SILVER LINING (CLAP YOUR HANDS)”

A OTTOBRE DAL VIVO IN ITALIA PER DUE IMPERDIBILI DATE!
27 ottobre - Alcatraz di MILANO
29 ottobre - Auditorium Parco della Musica di ROMA

Da venerdì 30 settembre sarà disponibile in esclusiva in digital download su iTunes il nuovo album di inediti della super star francese IMANY, “THE WRONG KIND OF WAR” (pubblicato in Italia su etichetta Time Records). Dal 7 ottobre sarà possibile acquistare il disco in tutti gli store digitali e nei negozi tradizionali. “The Wrong Kind of War” è stato anticipato in radio dal primo singolo, “Silver Lining (Clap Your Hands)”, il cui video è visibile al seguente link https://youtu.be/ut3_P4drQWw, in continua ascesa nella classifica airplay radio settimanale di EarOne e nella Top 20 dei singoli più venduti su iTunes Italia. All’epoca del suo primo disco, Imany era una giovane donna. Ora, cinque anni dopo, sono cambiate molte cose, ma non il suo incredibile talento nello scrivere i testi e lo stile inconfondibile della sua voce sensuale, roca e un po’ malinconica, capace di inserirsi alla perfezione in un genere musicale unico, tra contaminazioni soul, folk, blues e pop. Ancora una volta, Imany si dimostra una sorprendente combinazione di sobrietà e glamour che si è fatta conoscere ed apprezzare dal pubblico per il suo stile personale ed elegante. Questa la tracklist del disco: “Save Our Soul”, “No Reason No Rhyme”, “You Don't Belong To Me”, “I Long For You”, “Nothing To Save”, “There Were Tears”, “The Rising Tide”, “Wrong Kind of War”, “I Used To Cry”, “Lately”, “I'm Not Sick But I'm Not Well”, “Silver Lining (Clap Your Hands)”, “Don't Be So Shy (Live Version)”, “Don't Be So Shy (Filatov & Karas Remix)”. A ottobre, l’artista si esibirà live nel nostro paese in due imperdibili date, organizzate da BMU Music Intersuoni e Amadeus srl: il 27 ottobre all’Alcatraz di MILANO e il 29 ottobre all’Auditorium Parco della Musica di ROMA. È possibile acquistare in prevendita i biglietti online su www.ticketone.it e nei punti vendita abituali. Nadia Mladjao meglio conosciuta come IMANY è nata in Francia nel 1979 da genitori nativi delle isole Comore; il suo nome d'arte significa “fede” nella lingua Swahili. Nel 2010 arriva a Parigi, portando nel suo bagaglio solo alcuni vestiti, un portfolio, e un CD demo autoprodotto con sei delle sue canzoni. Aveva trascorso gli ultimi sette anni a New York a lavorare come modella. Stanca di essere considerata solo un “appendiabiti”, decide di buttarsi nel mondo della musica. Grazie all'aiuto della sorella Fatou, che riesce a convincere diversi programmatori musicali a farla suonare nei loro locali, col passare dei mesi Imany si esibisce nei più prestigiosi club di Parigi, dove viene scoperta dal produttore Malick N'Diaye, che la incoraggia a perseverare, a scrivere nuove canzoni e a fare sempre più concerti. Nel 2011, viene pubblicato il suo primo disco “The Shape Of A Broken Heart”, prodotto da As’ (Grace, Wasis Diop) per l’etichetta Thinkzik. L’album contiene 12 canzoni tutte in lingua inglese che rivelano il ritratto di una donna libera, un’artista emancipata, che offre ogni emozione come un dono ed è garanzia di sincerità senza compromessi. All’interno del disco anche il singolo multiplatino “You Will Never Know”, il cui video supera attualmente i 22 milioni di visualizzazioni complessive. Dopo numerosi concerti in tutta Europa, Imany viene scelta per curare la colonna sonora del film francese "Sous Les Jupes Des Filles" ("Sotto le gonne delle ragazze") con Isabella Adjani, Vanessa Paradis e Laetitia Casta, presentato al Festival di Cannes del 2014. Attualmente, Imany è ai primi posti delle classifiche europee di iTunes, Shazam e Spotify con la versione remix del singolo “Don’t Be So Shy”, a cura dei dj/produttori Filatov & Karas, contenuta nel nuovo album “The Wrong Kind of War”.
__________________________________________________________________________

Uscita ½ Vivo ½ Postumo: gli uomini e le donne di Max Arduini
Max Arduini firma ½ Vivo ½ Postumo in uscita nei negozi, su ITunes e sui principali store digitali (release date 09 giugno) su etichetta Clapo Music (ediz. Marechiaro, distrib. Edel) con la collaborazione artistica di due personaggi storici della musica italiana come Renato Marengo e Claudio Poggi: nove tracce per raccontare gli uomini, le donne e gli umori di questo cantastorie di anime con la passione e l’ironia che gli sono proprie. Si va dalla poliedrica varietà dei fenomeni da baraccone de La varietà dei Nani alla dolorosa epopea degli indiani d’America di Sitting bull. O ai confini labili fra mondo reale e mondo dei fumetti in Fumetto di Pesce. Ci sono poi i tuffi nel marasma scomposto delle note da cui, miracolosamente, nascono canzoni (La bestia nel campo di note). Ma ci sono anche gli operai come Api che cambiano il mondo, ma nessuno lo sa. E poi il grande mito di Marco Pantani in Sul col Du Galibier. E il tempo un po’ sgangherato dei bilanci di Un sordo mormorio. O il viaggio nella memoria della propria stessa biografia, da Ravenna a Roma, con la sua valigia di note e di sogni in Dal ‘72. Quei sogni che, per ciascuno di noi, potrebbero diventare treni perduti o in perenne ritardo, come in Treni tremens. Ad accompagnare Max (piano e voce) in questa nuova avventura discografica i FuoriQuota: Valdimiro Buzi (mandolino, piano e tastiere e strumenti), Mario Damico (batteria), Alessandro Luci (basso) e Costantino Buzi (chitarre). Poliedrico e sanguigno, come l’ha definito qualcuno, Max Arduini è un cantautore nel senso più pieno della parola: un autore cioè che plasma parole a braccetto con i suoni e che utilizza il verbo come strumento per raccontare e per scolpire storie, personaggi e pensieri. Mettendo la passione in ogni verso e in ogni accordo. Ogni canzone di Arduini è un po’ come piccolo grande film: paesaggi e personaggi compaiono e attraversano l’ascolto, tracciando emozioni e pensieri. Ravennate d’origine, non a caso, Max si è formato nei circuiti underground del riminese e della Romagna, quella dei locali dove si fa musica la sera, delle fisarmoniche (il bisnonno suonava la fisarmonica), del mare e della nebbia fitta. Cascato su un palco quasi per caso alla fine degli anni ‘80, Max ha oramai alle spalle 30 anni di musica, di quella quotidiana, fatta di palchi e di locali. Fra gli artisti di The best of Demo 2010-11 è il primo classificato del Mei 2011 con La settima casa.
_____________________________________________________________________________

MASSIMO PRIVIERO 
Uscirà il 15 settembre il nuovo album ALL'ITALIA
Moletto/MPC/Self/Italy Digital Music

Un vero e proprio concept album che racconta, canta e suona il nostro Paese, rendendo omaggio alle storie di vita degli Italiani di ieri e di oggi. Il primo singolo estratto - LONDON - sarà in radio dal 1° settembre. È imminente il ritorno di Massimo Priviero, che questa volta dà forma e vita ad un progetto che sconfina l’ambito musicale per diventare contemporaneamente racconto e poesia . Il primo settembre 2017 verrà lanciato il primo estratto “London”, a seguire il 15 settembre sarà invece il turno della pubblicazione dell’album “All’Italia”. Un disco che parla di rinascita, di rinnovamento, di forza. Il 21 giugno prossimo (ore 19.00) Massimo Priviero sarà ospite per la rassegna “I MAGNIFICI 7 - 1967/1977”, ideata e curata da Enzo Gentile, presso il Teatro degli Arcimboldi di Milano, dove ci sarà anche un’anticipazione live dal nuovo album in "solo". Il 15 ottobre un grande concerto all'Alcatraz di Milano. Massimo Priviero in questo nuovo progetto fotografa storie scandite lungo la "nostra" strada comune dal Novecento fino ai giorni nostri. Un viaggio italiano vissuto fino in fondo, a volte con commozione ed altre con dolcezza, attraverso linguaggi ed approcci musicali diversi che tuttavia conservano una precisa ed uniforme sonorità acustica a sostegno di un’importante cifra letteraria. Si partirà da un pezzo d’Italia per dipanarsi in altri angoli di mondo o del nostro stesso paese e si conserverà sempre il tratto che accomuna tutte le storie che è nel nel grande amore verso gente sentita più cara proprio quando decide di mettere in gioco la propria esistenza. Cambiamento dunque. Con forza e con coraggio. Canzoni con dentro una speciale epica di fondo, che scavano tra ieri e oggi.
____________________________________________________________________________

LE ORME
ESCE VENERDI’ 8 APRILE IL NUOVO ALBUM
“ClassicOrme”
Disponibile in pre-order sul sito www.leorme-officialfanclub.com

Dal 31 marzo il singolo inedito “SULLE ALI DI UN SOGNO”

Esce l’8 aprile il nuovo album de Le Orme dal titolo ClassicOrme, una rivisitazione in chiave classica di alcune delle loro più famose canzoni: Gioco di bimba, Una dolcezza nuova, La porta chiusa, Storia o Leggenda e altre ancora. Il disco contiene anche tre inediti, tra cui il singolo che anticipa l’uscita dell’album: Sulle Ali di un Sogno. La parte cantata è stata affidata alle splendide voci del tenore finlandese Eero Lasorla e della soprano italiana Marta Centurioni, grazie a una collaborazione con il Conservatorio S. Cecilia di Roma.  La parte strumentale è abilmente eseguita, insieme a Michi Dei Rossi, batteria, da un quintetto di archi,  due violini, viola, violoncello e contrabbasso, ed un pianista classico. Anche il famoso violinista brasiliano Marcus Viana ha prestato le sue magiche note in un pezzo dell’album: Preludio. Un disco in cui la musica classica - la parte iniziale e quella finale del disco, sono ispirate rispettivamente alla Ciaccona di J.S. Bach e al Va’ Pensiero di G. Verdi - si mescola alla melodia italiana e al rock sinfonico di uno dei più longevi gruppi del panorama italiano ed internazionale. ClassicOrme (LoveMusic/Self), esce in vari formati ed è disponibile in pre-order sul sito ufficiale (www.leorme-officialfanclub.com) e su quello del distributore Self (www.selfdistribuzione.it).

www.leorme-officialfanclub.com
www.facebook.com/leorme
_______________________________________________________________________________

CLAUDIO LOLLI
"Il ritorno sulle scene del grande cantautore bolognese e degli Zingari Felici in collaborazione con La Tempesta Dischi"

Disponibile da oggi, lunedì 10 aprile, lo storico live del 2014 al Teatro Galliera di Bologna. Il 19 maggio il nuovo album di inediti dal titolo "Il grande freddo".

Claudio Lolli e La Tempesta Dischi: uno dei rappresentanti più illustri della canzone d'autore italiana insieme all'etichetta di punta della scena indie nazionale. Un'accoppiata altamente suggestiva che sancisce con una doppia uscita primaverile il grande e atteso ritorno sul mercato discografico del cantautore bolognese. Disponibile da oggi, lunedì 10 aprile, nei principali store digitali la registrazione del concerto tenutosi il 22 maggio 2014 al Teatro Galliera di Bologna in cui Claudio Lolli e il Maestro Paolo Capodacqua (tra i suoi più recenti collaboratori) si unirono per l'occasione a Roberto Soldati e Danilo Tomasetta, ovvero il nucleo storico degli Zingari Felici, i musicisti di quello che probabilmente rimane l'album di maggior successo di tutta la discografia lolliana: "Ho visto anche degli zingari felici" del 1976. Il 19 maggio invece è prevista l'uscita de "Il grande freddo", il nuovo album di inediti di Claudio Lolli che vede sempre il supporto degli Zingari Felici Roberto Soldati e Danilo Tomasetta. Otto canzoni, o meglio poesie, e un recitativo semistrumentale che interrompono un lungo silenzio artistico.
_____________________________________________________________________________

Terra Sporca, dal 26 maggio nei migliori negozi di dischi e store digitali. Ad anticipare il nuovo album di Ennio Rega il singolo Sgacio

Terra Sporca, questo il titolo del nuovo disco di Ennio Rega, in uscita il prossimo 26 maggio, a 5 anni  da Arrivederci Italia, album che oltre al grande consenso di critica e pubblico è valso al cantautore due importanti premi nazionali,  il Premio Lunezia 2012 e il  Premio Brassens 2013. 15 brani inediti per questa nuova raccolta, maturata sapientemente, e nata dalla co-produzione tra Scaramuccia Music e Forward Music Italy, con distribuzione Edel Italy.  Registrato in diretta ai Forward Studios che vede oltre a Ennio Rega, (pianoforte e voce) musicisti di primo piano nel panorama nazionale, Lutte Berg (chitarre), Pietro Iodice (batteria), Marco Siniscalco (basso elettrico e contrabbasso) a cui si aggiungono in alcuni brani Primiano Di Biase (fisarmonica) e Paolo Innarella (flauti e sax). Una sorta di live in studio in cui Ennio e la band si sono divertiti a trasformare ed evolvere arrangiamenti rigorosamente prefissati, inseguendo improvvisazioni sorte nel feeling del momento.  Un crossover tra jazz, rock londinese e una spruzzata di canzone popolare a tinte mediterranee dà vita a un prodotto elegante ed essenziale, a tratti rock progressivo, in cui emerge netta la forte personalità di ogni canzone di Ennio Rega. I temi ruotano attorno a un mondo che più non ci prevede, scrive il cantautore, indifferente anche all’umiltà con cui ci sforziamo di capirlo ed accettarlo. L’ironia è ancora una volta la forma letteraria più congeniale all’artista campano, motivato non da scetticismo né distacco, ma dalla ricerca di  un mondo nuovo, quello che canta in Sgacio, singolo che anticipa l’uscita dell’album. Un testo che racconta di un’amicizia, della leggerezza dell’avere solo l’essenziale, una casa a impatto zero, il sogno di un pianeta dove “chi ha perso contro il mondo” può essere ancora libero veramente. Terra Sporca è un album ricco, ricco di umanità, della vita che brulica e che lotta contro le ingiustizie, di porci e di strade che amano e sognano, storie d’innocenti che pagano, di fabbriche, di guerra e terapeute in cattedra, psichiatri che sbavano. Storie di donne e di adozione, di ottantenni rivoluzionari e ribellioni dimenticate, di amore perduto. Terra Sporca è uno specchio in cui ognuno può ritrovare il proprio riflesso. Molti i riferimenti autobiografici, come Non ti ho mai fatto un regalo, Evviva Bellavista e Angela dici. L’album vede anche la partecipazione dell’amico Patrizio Trampetti, ex NCCP, con cui Ennio duetta nel brano Ripensa e inventa, oltre all’intervento della figlia Lucrezia Venturiello, cantante lirica, ospite nel brano La strada per Celia.  Ad anticipare l’uscita del disco, il singolo Sgacio in arrivo in radio e negli store digitali a partire dalla fine di aprile. Intanto l’artista si sta preparando al prossimo Rega tour 2017, che inizierà a settembre a Roma.
_____________________________________________________________________________

TEHO TEARDO & BLIXA BARGELD
ESCE OGGI IN VINILE E DOWNLOAD PER SPECULA RECORDS IL NUOVO EP “FALL”

Qualcosa che non vi aspettereste proprio: la cover di “Hey Hey My My” di Neil Young firmata da Teho Teardo e Blixa Bargeld, il duo più oscuro della musica contemporanea, incessantemente dedito a tracciare nuove rotte per l’anima musicale europea. Si apre proprio con questo monolite rock del celebre musicista canadese il nuovo EP dei 2 artisti, disponibile da oggi, 31 marzo, nelle piattaforme digitali e nei migliori negozi di dischi in vinile per l’etichetta Specula Records. A 2 anni dal precedente EP “Spring”, “Fall” segue il lungo tour dell’ultimo, celebrato album “Nerissimo” che ha portato Teardo e Bargeld a suonare in tutta Europa, Cina e Giappone ed anticipa una nuova serie di concerti. “Fall” esce proprio alla fine dell’inverno e raccoglie quanto realizzato in questi mesi tra Roma e Berlino. In questa versione di “Hey Hey My My”, emergono le distorsioni, Blixa si impadronisce del rullante, la sega musicale diventa una bacchetta magica che veste la canzone di un abito misterioso e, in un crescendo di archi, clarino basso e chitarra baritona, si celebra la scomposizione di una delle canzoni più significative del passato, per rinvenire quella scrittura nell’Europa dei giorni nostri. Perché “una cover si esegue per liberarsi di una canzone che ci perseguita da anni, lo si fa dopo aver trovato se stessi nelle profondità di qualcosa scritto da altri” spiega Teardo. Oltre al classico di Neil Young l’EP contiene altri tre brani inediti: “Ziegenfisch”, “Testosteron Sklaven” e “Bianchissimo” “Fall” è una vera wunderkammern sonora in cui (ri)scoprire l’attualità di quelle forme primarie, di quei tratti fondanti della cultura europea cari a Teho e Blixa, compresi gli accenni dada del testo di “Bianchissimo” (“Ho superato la membrana/Dò via lino bianco pulito a tutte le anime del Purgatorio/Ho un negozio di biancheria che si chiama Bianchissimo”), un brano ipnotico e teatrale il cui titolo è un evidente divertissement che richiama, per contrasto, il titolo dell’ultimo LP. “Bianchissimo” è una canzone creata impiegando tutte le tracce registrate per la canzone “Nerissimo” e che non sono state utilizzate nel mix finale. Ai 2 maestri di cerimonia, nel disco si affiancano David Coulter alla sega musicale, Gabriele Coen al clarino basso e tutta la sezione di archi con Vanessa Cremaschi ed Elena De Stabile al violino, Ambra Michelangeli e Stefano Azzolina alla viola, Laura Bisceglia e Giovanna Famulari al violoncello. Dopo aver presentato in anteprima assoluta il nuovo EP “Fall” al Palais de Tokyo a Parigi, il duo riprenderà a suonare in Italia nei prossimi mesi ed eseguirà, oltre ai pezzi del nuovo EP, un lungo brano finora inedito. Nella line up del tour ci saranno Laura Bisceglia al violoncello, Gabriele Coen al clarino basso ed un quartetto d’archi.
____________________________________________________________________________


BLACK SHOP: ESORDIO DISCOGRAFICO PER LA CANTANTE SALENTINA LETIZIA ONORATI
Il disco, arrangiato dal pianista e compositore Paolo di Sabatino, sarà presentato ufficialmente sabato 1 ottobre al Teatro Paisiello di Lecce
Sabato 1 ottobre esce in Italia e all’estero distribuito da Ird e nei migliori store digitali, Black Shop disco d’esordio della giovane cantante leccese Letizia Onorati. Prodotto dall’etichetta Dodicilune nella collana editoriale Koinè, il disco sarà presentato ufficialmente nel giorno dell’uscita (ore 21 – ingresso libero) al Teatro Paisiello di Lecce. Black Shop contiene tredici brani firmati tra gli altri da Duke Ellington, Chick Corea, Miles Davis, Thelonious Monk riproposti dal trio che coinvolge con la cantante anche il pianista Paolo di Sabatino (che ha curato gli arrangiamenti) e la violoncellista Giovanna Famulari. Il tour di presentazione del disco toccherà anche Bari (17 novembre - Kabuki) e Roma (25 novembre - Circolo dell’Antico Tiro a Volo). Il cd è un viaggio sonoro che cronologicamente si svolge tra Softly as in a Morning Sunrise, un tema d’operetta datato 1928, e Black Shop, una canzone che Di Sabatino scrisse nel 2009 per Mario Biondi. «Nel mezzo una manciata di gemme, alcune pescate dal mare di Tin Pan Alley, altre dal golfo del jazz, tutte arrangiate nell’intima dimensione del duo o nella foggia cameristica del trio con violoncello», precisa nell’introduzione al disco il musicologo Luca Bragalini. «Preziosissime le ballad. These Foolish Things (che il jazz ha davvero iniziato ad amare quando Billie Holiday se ne prese cura nel 1936) è omaggiata da una lettura straordinaria così come la performance di Spring Can Really Hang You Up the Most, in cui Letizia Onorati scava con maturità un testo di grande fragilità, che è davvero toccante. Non meno riusciti i brani trascinanti come Joy Spring, in cui le note dello scat son scelte con gusto, Four, virato a samba, o Sweet and Lovely, la vecchia song del 1931, irriverentemente rovesciata in un avvincente gospel; in quest’ultimo titolo l’improvvisazione vocale si appoggia al passaggio al IV di battuta 5 dall’andamento blues per citare il classico Now’s the Time. Di interesse il quadruplo tributo al Duca con una Prelude to a Kiss in 6/8, una It Don’t Mean a Thing carica di groove, una Sophisticated Lady da cui svetta un ispirato solo di piano (misto di forza ritmica e attenta ricerca melodica) ed un inchino ad In a Sentimental Mood che è uno dei momenti più alti di questo disco», prosegue Bragalini. «Qui un severo arpeggio del violoncello ancorato alla scala minore naturale è lo scarno accompagnamento della prima esposizione del tema affidata alla voce; quando il pianoforte fa il suo ingresso nella seconda A il violoncello diventa improvvisamente lirico e cantabile: l’inclemente trenodia cangia in un romantico slow. L’interpretazione vocale è senza sforzo; la Coda, che spegne con delicatezza il capolavoro che Ellington scrisse nel 1935, è assolutamente commovente». Letizia Onorati è una cantante leccese, classe 1992. La sua passione per la musica inizia sin da piccola e all’età di otto anni comincia a studiare canto con l’insegnante Elisabetta Guido. Ha studiato negli anni con importanti esponenti del panorama jazz nazionale e internazionale come Paolo Di Sabatino, Rachel Gould, Mark Sherman, Jerry Bergonzi, Francesco Petreni, Maria Laura Bigliazzi, Mauro Campobasso, Fabrizia Barresi, Bob Stoloff che la sceglie per una borsa di studio e Roberta Gamberini. È stata solista del coro gospel “A. M. Family” e ha partecipato al progetto “Le sacrè en musique” ideato da Elisabetta Guido e dalla manager internazionale della danza Sofia Capestro. Ha collaborato con le cantanti TiaArchitto e Barbara Errico (Italian Jazz Awards 2011) e con il pianista SergioCorbini (docente di piano - Siena Jazz). Attualmente partecipa a progetti con diverse formazioni. Da maggio 2015 avvia un percorso di perfezionamento con la “lady” del jazz Tiziana Ghiglioni. Giovanna Famulari è un’artista triestina, romana di adozione, violoncellista, diplomata presso il conservatorio di Trieste, pianista, cantante e attrice. Nelle sue più recenti esperienze teatrali e cinematografiche ha collaborato con Alessandro Haber, Rocco Papaleo, Maddalena Crippa, Peter Stein, Massimo Venturiello ed altri. Intensa e ricca la sua attività musicale, infatti collabora stabilmente con Ron e Tosca (anche in veste di produttrice e arrangiatrice); ha inciso con Sony Classical “Verdi’s mood” di Cinzia Tedesco. Ha collaborato con Lenny White, Solomon Burke, Luca Barbarossa, Mimmo Locasciulli, Mogol e ha partecipato all’ultimo progetto discografico di Gegè Telesforo “FunSlowRide”. Ha suonato con Danilo Rea, Antonello Salis, Gabriele Choen, Gabriele Mirabassi, Stefano Sabatini, Pietro Iodice e molti altri. Vanta numerose partecipazioni a trasmissioni radiofoniche e televisive per la Rai con cui continua il sodalizio dal 1990. E’ stata protagonista di tournée in Europa ma anche in Argentina, Israele, Palestina, Tunisia, Algeria ecc. Vincitrice del premio “Pavoncella d’oro 2016 alla creatività femminile” per la versatilità dei linguaggi. Paolo Di Sabatino, pianista, compositore e arrangiatore. Nato a Teramo nel 1970, inizia giovanissimo lo studio del pianoforte sotto la guida del padre e si diploma nel 1990 col massimo dei voti, la lode e la menzione speciale, presso il Conservatorio di Bari. Nel 1994, nello stesso Conservatorio, consegue il diploma di Musica Jazz. Dedicatosi esclusivamente al jazz si esibisce con varie formazioni a proprio nome dal “piano solo” all’ottetto. Ha partecipato a numerose trasmissioni radio-televisive (Radio Rai 1,2,3, Radio Capital, Rai News 24, Tg2, Domenica In, La7) e suonato in importanti clubs e festivals, tra i quali ricordiamo: Fano, Pescara, Pomigliano, Urbino, Festival pianistico del Gargano, Lignano, Foggia, Bergamo, Villa Celimontana, Cagliari, Veneto Jazz, Aosta, Ruvo di Puglia, Ai Confini tra Sardegna e Jazz; Lugo Jazz Festival, Salamanca Jazz Festival, Jazz Atlantico (Auditorio de Tenerife) (Spagna); Berlino, Amburgo, Oslo, Goteborg;  Tokyo, Osaka, Shizuoka (Giappone); Novo Mesto, Losanna, Minsk; Mosca, Kursk, Krasnodar, Arkhangelsk, Ekaterinburg, Nizhny Tagil, Nizhniy Novgorod, San Pietroburgo, Kovrov (Russia); Perelik (Bulgaria), Santiago, Chicureo e San Bernardo (Cile), Cordoba e Buenos Aires (Argentina).

dal 22 ottobre "3,3 periodico" nuovo disco del progetto Esedra
“3,3 periodico” è il titolo del nuovo disco del progetto Esedra, prodotto dall’etichetta Dodicilune nella collana editoriale Fonosfere, distribuito in Italia e all’estero da Ird e nei migliori store digitali. Il disco contiene otto brani, che si muovono tra funky, fusion, progressive, jazz, improvvisazione e sperimentazione, composti ed eseguiti da Ezio Epaminonda (basso elettrico), Giovanni Giuffrida (chitarra elettrica) e Marco Maria Pennisi (batteria). Il progetto Esedra nasce nel 2005 dall'esperienza decennale di diversi progetti musicali e da subito propone nuove atmosfere mescolando generi e sonorità articolate. Nel corso degli anni il trio siciliano si è esibito in giro per l’Italia dividendo il palco con artisti come Kunsertu, James Taylor Quartet, Mike Stern Band, Victor Wooten Band, Trilok Gurtu Band, Gong, Soft Machine Legacy, Nathalie Philippe Petrucciani Ré, HBC Henderson Berlin Chambers. Nel 2011, dopo uno studio accurato, nasce “Le Macchine di Leonardo”, uno spettacolo che omaggia il genio di Leonardo Da Vinci, con una scenografia costruita con meccanismi dell'inventore. Nel 2012 gli Esedra conquistano l’European Jazz Contest di Capurso e aprono il concerto di Scott Henderson, Jeff Berlin e Dennis Chambers all'Auditorium “Le Ciminiere” di Catania. “3,3 periodico” è il frutto del lavoro degli ultimi anni. “Studi, ricerche, calcoli, teorie, invenzioni, tutto per avere la sol uzione a qualsiasi problema, tutto per la comprensione e il controllo, senza renderci conto che la risposta è proprio lì, a portata di mano, sotto il nostro naso, camuffata di ordinario, di naturalezza. Non c’è bisogno di grandi conoscenze, basta la semplice altruistica pura volontà di farlo. Sovente dimentichiamo che come in alto è in basso, come dentro è fuori, come in piccolo è in grande. Ed ancora più incauti scordiamo che tra forze opposte, una positiva e una negativa, ce n'è sempre una neutralizzante. E guardando in profondità ... 3,333333333333”, spiegano i tre musicisti. “Nell’universo avvengono eventi a prima vista impossibili oltre l’immaginazione umana. Il desiderio è la chiave di azione dei portali spazio temporali che, in un periodo di 12 lune, ci ha reso viaggiatori di 12 ambientazioni extraterrestri per trovare l’equilibrio in noi stessi in armonia con gli altri esseri viventi”. E proprio con 12Lune si apre il disco che prosegue con 3010 L’era dei Mammut quando “il loro passo pesante echeggerà dalle montagne alle valli, sarà un’era di grandi cose. Ritornerà l’era dei giganti”. La grande traversata è “un viaggio tra realtà e immaginazione attraverso monti, valli, mari, fiumi, foreste, deserti e distese di ghiaccio intervallati da ambientazioni futuristiche e allo stesso tempo preistoriche in stile fantasy”. La scaletta procede poi con Ecila, “personalità intensa creativa ed ottimista, come un bambino che ama attirare l’attenzione ed essere in evidenza”, Le macchine di Leonardo, un brano che suggerisce “l’idea dello stupore e dell'angoscia che accompagna l'umanità nel momento in cui riflette sull'Assoluto e fa i conti sul significato ultimo della propria esistenza”. Nftc è una sigla derivata dalle iniziali di un detto siciliano, un inno all’unicità che “spesso abbiamo il bisogno di esprimere uscendo fuori dal gregge,è un grido d’orgoglio per essere noi stessi, nel bene e nel male di essere unici”. Concludono il lavoro discografico La Mutazione e il Buio, un esperimento interamente improvvisato, che contiene tre registrazioni fatte singolarmente in momenti diversi “senza punti di riferimento e senza sapere cosa hanno eseguito gli altri prima. Realizzate di notte al buio, esattamente per trovare lo stato d’animo ideale. Quest’ultimo brano rappresenta la scia di tre che lascia il periodico, tracciando l’infinito”. Ezio Epaminonda, esperto in matematica, appassionato alla fisica relativistica e quantistica, fonda il suo personale metodo di studio attraverso la matematica. Ogni metrica musicale viene quindi vista come una successione numerica, i cui termini sono legati l'uno all'altro dalla magia della  spiritualità. Infatti, la musica viene vista dal bassista come un connubio tra matematica e spiritualità: la prima dà gli strumenti per una corretta definizione dei termini per un approfondito e variegato ascolto del suono attraverso i suoi “assiomi”, la seconda facilita il musicista al distacco dalla vita materiale per il raggiungimento del Dio interno a sé; le due entità, apparentemente opposte e diverse tra loro, si fondono attraverso il confronto, accorgendosi di essere due riflessi di una stessa luce. Sin da piccolo suona la chitarra e il piano, si appassiona al basso all'età di 18 anni, durante il quale passa anche un'esperienza da cantante. Poliedrico, ama le percussioni, ma trova nel basso la profondità dell'anima, che trasmette attraverso le “parole” della matematica. Giovanni Giuffrida, affascinato dalla musica fin dalla nascita come quasi tutti gli esseri viventi, compie a sei mesi le sue prime registrazioni vocali con registratore a cassette. Dopo due mesi di grandi successi un guasto al dispositivo interrompe la quasi avviata carriera di oratore che riprende a 14 anni quando decide di suonare la chitarra. Dopo anni di concerti e collaborazioni con svariati gruppi e artisti in tutto il territorio nazionale nel 2005 si concretizza l’intesa musico-spirituale con gli attuali componenti degli Esedra. Tutto ciò che le parole non riescono a dire la musica lo esprime. Ascoltandola si può viaggiare nel tempo e nello spazio, solo l’anima comprende il suo linguaggio. Dolore, gioia, desiderio, speranza, tristezza, amore, rabbia è un mare di emozioni al di sopra di ogni discorso, ti eleva sia suonarla che ascoltarla. La musica è un’energia magica sempre presente, in verità il musicista non inventa quasi niente, con tanta modestia e grande sensibilità ha il solo compito di dargli voce dalla propria anima attraverso lo strumento. Marco Maria Pennisi, batterista, arrangiatore, compositore e fonico. Endorser delle batterie SONOR e piatti UFIP. Nato a Riposto CT il 13 Gennaio 1974, ha cominciato a suonare la batteria all'età di quattordici anni. Laureato in Batteria e Percussioni Jazz presso l’Istituto Superiore di studi Musicali Vincenzo Bellini di Catania con il massimo dei voti. Ha partecipato al Disma Music Show di Rimini, l’Intexpo: Fiera degli strumenti musicali di Pesaro e Sol Music di Palermo. Ha suonato e collaborato live e in studio con artisti nazionali ed internazionali: Kelly Joyce, Cecilia Gayle, Andrea Mingardi, Nick Luciani (ex voce solista dei Cugini di Campagna), Daniela Pedali, il chitarrista e produttore di F. De Gregori Vincenzo Mancuso, Paola4 feat Viola Valen tino, il pianista jazz Santi Scarcella, Edoardo Guarnera, Gigi Sabani, il cantante inglese Leo Sayer, la cantante maltese Chiara, Stefano Marletta, Francesca Mariani, Lidia Pastorello e Lorenzo Tognocchi di Amici 2012, Orchestra sinfonica di Craiova, Orchestra Samarcanda, Orchestra Kashmire, Esedra, Isabò, Roberta Marchese, Lucio Dalla con la Blue Big Band, Corale Polifonica Jonia. Ha suonato nel Tour siciliano della selezione di Miss Italia 2001 e suonato in diverse trasmissioni televisive: Il brutto anatroccolo su Italia uno, La vita in diretta su Rai 1, Sanremo lab 2006 su Rai1, Insieme su Antenna Sicilia, MTV e SKY. Support musical group: Scott Henderson, Jeff Berlin, Dennis Chembers, Sàrcina (Le Vibrazioni), Povia, Riccardo Fogli, Anna Tatangelo, Paolo Meneguzzi. Batterista, autore, compositore e arrangiatore della Band Le Macchine Volanti, vincitori di Sanremo Lab 2006 (Accademia della musica di Sanremo). Insegnante di batteria presso la Mar co Maria Pennisi Drum School di  Riposto CT, Accordi Music lab a Catania, Istituto comprensivo Giarre 3 CT, Melody and Time a S.Teresa di Riva ME.

LAURA AVANZOLINI - I'M ALL SMILES

Giovedì 10 novembre è uscito in Italia e all’estero distribuito da IRD e nei migliori store digitali, “I’m All Smiles” della cantante Laura Avanzolini. Prodotto dall’etichetta Dodicilune nella collana editoriale Koinè, il disco contiene otto standard, firmati tra gli altri da Arthur Altman, Herbert Martin, George e Ira Gershwin, Billy Strayhorn, Paul Quinichette, Thelonious Monk e Duke Ellington, eseguiti da Fabio Petretti (sax tenore) e Daniele Santimone (chitarra 7 corde). «Per ogni musicista che si confronta con il jazz esiste una questione sempre aperta, vale a dire, come affrontare gli standard. Un terreno tanto esteso e accogliente che diventa però immediatamente infido per chi lo percorre dando per scontato il valore e il significato dei vari brani», sottolinea il giornalista e scrittore Fabio Ciminiera nelle note di copertina. «Laura Avanzolini sceglie, per il suo disco di esordio come leader, di affrontare il punto senza maschere né stilemi. E lo fa mettendo a fuoco alcuni punti essenziali: l'arrangiamento dei brani, grazie ad un lavoro curato; la presenza nel trio di due musicisti, come Fabio Petretti e Daniele Santimone, esperti e solidi nel loro approccio al linguaggio; la necessità di far passare nella voce complessiva del trio l'attenzione costante al tessuto ritmico e armonico dei brani», prosegue. «E se la questione non si esaurisce mai, come si diceva all'inizio, la risposta arriva nella pratica dai tanti piccoli tasselli con cui la c antante affronta e supera di fatto i vari rischi che si incontrano nel mettere mano al repertorio degli standard. Una sintesi fatta di impasti timbrici, di incroci melodici, una continua applicazione nel dare forza e risalto alle attitudini del trio e alle inclinazioni dei suoi singoli componenti». Laura Avanzolini, classe 1985, si avvicina giovanissima alla musica grazie allo studio del pianoforte e della chitarra, per poi approdare allo studio del canto e del jazz con Martina Grossi. Diplomata con il massimo dei voti e la lode in Canto Jazz al Conservatorio “Gioacchino Rossini” di Pesaro sotto la guida di Bruno Tommaso. Attualmente è iscritta al Biennio in Canto Jazz del Conservatorio “G. Martini” di Bologna. Parallelamente studia inglese e spagnolo grazie alla laurea in “Comunicazione Interlinguistica Applicata”, conseguita presso la Sslmit di Forlì. Approfondisce l'universo della voce grazie al Corso Universitario di Alto Perfezion amento in Vocologia Artistica. Ha studiato con Roberta Gambarini, Rachel Gould, DianaTorto, John Taylor, Joey Blake, Maria Pia De Vito, Cristina Zavalloni, Amy London, Cinzia Spata, Sheila Jordan, Cameron Brown. Insegna canto jazz presso il Conservatorio “J. Tomadini” di Udine. Insegna canto jazz presso i corsi pre-accademici del Conservatorio “B. Maderna” di Cesena (Fc). Ha inciso “Skylark” (Zone di Musica, 2013), insieme a Michele Francesconi, Giacomo Dominici e Marco Frattini. Dal 2011 collabora con la Colours Jazz Orchestra diretta dal M° Massimo Morganti, con la quale ha inciso il disco “Quando Mi Innamoro In Samba” (Egea, 2013). Daniele Santimone, studia in Italia con Riccardo Manzoli ed Antonio Cavicchi presso la Scuola di Musica Moderna dell'Associazione musicisti di Ferrara. Dal 1997 al 1999 risiede a Boston per seguire i corsi del Berklee College of Music dove studia con, tra gli altri, Mick Goodrick, Jim Kelly, Jon Damian e G eorge Garzone e si specializza in arrangiamento, composizione e performance ottenendo un Bachelor's Degree in Professional Music. Partecipa inoltre a seminari tenuti da John Basile, Bruce Forman, Wayne Krantz, Peter Bernstein, Esterhàzy String Quartet, Christian McBride, Mulgrew Miller, Pat Metheny e Paolo Fresu. Nel 2011 consegue il diploma accademico di II livello presso il Conservatorio Statale di Musica di Rovigo “F.Venezze”. Dai primi anni novanta ha militato in varie formazioni e ha suonato (tra gli altri) con Roberto Gatto, Flavio Boltro, Matthew Garrison, Jesse Davis, Dario Deidda, Gabriele Mirabassi, Fabrizio Bosso, Stefano Di Battista, Rosario Bonaccorso, Daniele Scannapieco, Luca Mannutza, Giovanni Amato, Lorenzo Tucci, Michael Baker, Ivano Borgazzi, Claudio Fasoli, Robert Bonisolo, Carlo Atti, Roberto Rossi, Tom Kirkpatrick, Alfonso Santimone, Francesco Bigoni, Danilo Gallo, Zeno De Rossi, Stefano Senni, Stefano Bedetti, Walter Paoli, Piero Odorici, Karl Potter, Pat rizio Fariselli, Mario Feres, Orchestra del Conservatorio Verdi di Milano, Orchestra città di Ferrara. Ha partecipato a festival tra i quali Umbria Jazz Winter, Veneto Jazz, Crossroads, Mantova Music Festival, IJazz di Amsterdam, Estival di Lugano e calcato i palchi di numerosi teatri italiani tra cui il Teatro Regio di Parma e Teatro degli Arcimboldi di Milano. Insegna chitarra, musica d’insieme e teoria presso diverse associazioni e istituti tra cui, la Scuola Comunale di Musica "G. Sarti" di Faenza dove insegna dal 2001. Nel 2007 viene chiamato a far parte del corpo docenti presso il Conservatorio “G.Frescobaldi” di Ferrara in qualità di assistente per i corsi Jazz triennali di I Livello. Opera inoltre come traduttore e collaboratore per i seminari di artisti quali John Abercrombie, Scott Henderson, Ralph Alessi, Roberto Gatto, Matthew Garrison e Stefano Battaglia. Dal 2011 è parte del corpo docente del “Conservatorio Statale di Musica C.Pollini” di Padova dove è or a titolare della cattedra di chitarra jazz. Fabio Petretti, sassofonista compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra diplomato in clarinetto, saxofono e musica jazz. Ha collaborato come performer con vari musicisti fra i quali Evan Parker, Kenny Wheeler, Slide Hampton, Jimmy Cobb, George Russell, Gato Barbieri, Bruno Tommaso, Diana Torto, Stefano Bollani, Marco Tamburini, Paolo Fresu, Enrico Rava, Fabrizio Bosso, Franco Cerri, Tomaso Lama, Simone Zanchini, Achille Succi. Negli anni ha sviluppato metodi didattici molto efficaci che l’hanno portato a insegnare in vari seminari e corsi. Dal 1995 è docente di saxofono di ruolo presso i conservatori. Nel 2010 ha fondato la “Italian Jazz Orchestra” un gruppo flessibile composto da circa 25 elementi (archi, fiati e ritmica) per la quale a composto e diretto una suite dal titolo “Crystal Wall Jazz Suite”. Dirige e collabora con diversi gruppi fra i quali: il Quartetto di saxofoni “Trip Saxo phone Quartet” con Achille Succi, Marco Ferri e Dario Cecchini, “MJB” big band di 18 elementi attiva da oltre quarant’anni, “Italian Tunes” duo con il talentuoso pianista Michele Francesconi, “Fabio P3T Quartet” con Paolo Ghetti contrabbasso, Paolo Birro piano e Stefano Paolini batteria, “Fabio Pe3tti Trio” con Massimo Manzi alla Batteria, “Barbara Casini e Fabio Petretti Duo”  voce, chitarra e saxofoni. La forte personalità di P3T votata da sempre alla ricerca si alimenta percorrendo diverse strade: performativa, compositiva, didattica.

IN USCITA DOUX DÈSIRS DELL'INEDITO DUO COMPOSTO  DAL FRANCESE MICHEL GODARD E DALL'EGIZIANO IHAB RADWAN
Martedì 7 febbraio esce in Italia e all’estero distribuito da Ird e nei migliori store digitali, "Doux Dèsirs" il nuovo lavoro del duo composto da Michel Godard e Ihab Radwan. Un progetto originale che unisce suggestioni francesi, italiane ed egiziane. Uno sguardo al passato remoto e uno al futuro anteriore attraverso il prisma e le mille facce del jazz. Musica classica e suggestioni arabe e su tutto un interpl ay vivido e fertile. Le composizioni dei due musicisti hanno molti punti in comune: la modalità, gli ornamenti, la spontaneità ma soprattutto l'improvvisazione, che è la chiave di volta di questa collaborazione. Michel Godard ammalia con il suo serpentone, morbido, setoso, molto vicino alla voce; al basso tuba suggerisce linee, pensieri, traiettorie. L'oud, il liuto arabo, di Ihab Radwan si fa canto, sussurro, racconta. Affabula. Insieme, essi immaginano una musica senza barriere, bella e flessibile, proiettata fuori del tempo. L'incontro è creativo, necessario. Accende il desiderio. Doux Dèsirs è la prima uscita di un 2017 che per la Dodicilune si preannuncia intenso e ricco di nuove produzioni nazionali e internazionali.

TWELVE COLOURS AND SYNESTHETIC CELLS:
GIANLUIGI TROVESI E UMBERTO PETRIN, DOPO DIECI ANNI,
TORNANO INSIEME PER UN NUOVO PROGETTO DISCOGRAFICO
Martedì 14 febbraio esce in Italia e all’estero distribuito da Ird e nei migliori store digitali, “ Twelve Colours and Synesthetic Cells” il nuovo lavoro discografico - a dieci anni da “Vaghissimo Ritratto” - del duo composto dal sassofonista e clarinettista Gianluigi Trovesi e dal pianista Umberto Petrin. Il nume tutelare di riferimento è Alexander Skrjabin (Mosca 1872 - 1915) che i due musicisti “usano” come semplice pretesto iniziale per un dialogo suddiviso in molte vignette dalla notevole intensità. A nove brani ispirati a frammenti di preludi skrjabiniani si alternano, infatti, dodici improvvisazioni ispirate alla nota tabella sinestetica che il compositore russo aveva creato inventando un legame tra lo spettro dei colori e il carattere espressivo della musica da lui composta. «Umberto Petrin e Gianluigi Trovesi sono due spericolati giocolieri del pentagramma, sempre pronti a gettarsi in avventure che evitano con leggerezza e bravura i luoghi comuni e le banalità, prendendo spunto da musiche di epoche diversissime per realizzare una sintesi di linguaggi sempre personale e ricca di spunti interessanti e creativi», sottolinea nelle note di copertina Carlo Boccadoro. «Petrin è pianista sopraffino, dotato di un bellissimo suono che disegna panorami quasi “cinematografici” per ampiezza e capacità di colori; a questa abilità strumentale bisogna aggiungere una curiosità intellettuale che lo porta ad apprezzare musiche diversissime, dal free di Ornette Coleman al funk degli Chic; uguale apertura di orizzonti si ritrova nella personalità di Trovesi, che alternando diversi colori strumentali (clarinetto contralto, sax contralto, clarinetto piccolo) trova linee sempre inconfondibili, personali, dove il gusto dell'ironia e dello scherzo così tipici del suo stile si alternano a momenti che si riallacciano più strettamente alla tradizione jazzistica tout court. Anche Gianluigi spazia dalla musica rinascimentale al jazz più sperimentale, senza però realizzare minestroni stilistici improbabili ma, anzi, tenendo sempre ben salda la capacità di osservarne le più diverse sfaccettature per ricavarne suggestioni nuove». Il carattere di molti pezzi presenti nell'album non ha nulla di “non-finito” o di parziale, ognuno è un gioiello perfettamente cesellato e completo in se stesso, dove l'eco lontana delle armonie skjabiniane si stempera in quella del linguaggio jazzistico senza c he questo abbia nulla di artificioso. «Per musicisti di questo livello è normale confrontarsi con mondi diversi e muoversi al loro interno con assoluta naturalezza. Rispetto alle scorribande barocche del loro precedente album Vaghissimo Ritratto vi è qui una maggiore asciuttezza di approccio, le linee melodiche sono più angolose e sagomate e le atmosfere sono meno sognanti. La pulsazione ritmica, che nel precedente lavoro veniva quasi interamente abbandonata a favore di un lirismo quasi estatico, viene ripresa con vigore creando incastri di notevole virtuosismo e groove. Qualche suggestione di valzer fa capolino con garbo ogni tanto, convivendo pacificamente con le formule ritmiche derivate dal mondo dell'hip-hop che all'inizio del disco appaiono assieme alla voce del grandissimo poeta Osip Mandelstam' (un modo per ricordarci che Petrin è grande appassionato di poesia e autore di versi)», continua Boccadoro. Le dodici improvvisazioni hanno «un carattere decisamente più astratto degli altri pezzi, ma riescono a non perdere un grammo della loro comunicatività grazie all'intesa telepatica tra i due musicisti, che li porta sempre ad ascoltare i più piccoli dettagli di fraseggio per restituirli reciprocamente arricchiti di nuova invenzione; i due musicisti evitano l'approccio “muscolare” e competitivo di troppi dischi in duo apparsi sulla scena negli ultimi anni, preferendo suonare unicamente lo stretto necessario, lasciando spazio uno all'altro con generosità. Le tessere di questo coloratissimo mosaico musicale alternano stati d'animo assai differenti formando però un'architettura di rara compattezza e soli dità, che grazie alla freschezza improvvisativa dei due protagonisti passa in un lampo, facendo immediatamente voglia di ricominciare da capo l'ascolto del disco».

LA MUSICA E LA CULTURA CUBANA E BRASILIANA PROTAGONISTE 
DELLE NUOVE USCITE "PUGLIESI" DELL'ETICHETTA DODICILUNE
Adriano Clemente propone “Havana Blue”, un progetto di composizioni ispirate dalla musica di Bebo Valdes, Mario Bauza, Tito Puente, Mongo Santamaria e altri giganti della musica latina tradizionale. Una celebrazione della musica popolare brasiliana dall'inizio del XX secolo ad oggi: MPB! è il nuovo disco del duo composto dalla cantante Paola Arnesano e dal fisarmonicista Vince Abbracciante.

Lunedì 20 febbraio, dopo "The Mingus Suite”, prosegue la collaborazione tra l'etichetta e il compositore e arrangiatore leccese Adriano Clemente con “Havana Blue”, un progetto di composizioni ispirate dalla musica di Bebo Valdes, Mario Bauza, Tito Puente, Mongo Santamaria e altri giganti della musica latina. Il lavoro nasce, infatti, dall'amore di Clemente per la cultura e la musica cubana e prende forma proprio in seguito ad alcuni viaggi nell'isola caraibica, dove il progetto è stato interamente registrato insieme ad una nutrita compagine di artisti cubani. Il cd ospita Santiago Ceballos (tromba), Heikel Trimiño (trombone), Yuniet Lombida e Victor Guzman (sax alto/baritono), Emir Santa Cruz (sax tenore e clarinetto), Leyanis ValdÉs (piano), Yandy Martinez (contrabbasso), Augusto Lage (congas), Lennon Ruiz (timbales, snare drum, claves) e Adel Rodriguez (bongos, maracas, güiro, cowbell).

Martedì 21 febbraio sarà in distribuzione MPB! della cantante Paola Arnesano e del fisarmonicista Vince Abbracciante, una celebrazione della musica popolare brasiliana dall'inizio del XX secolo ad oggi. Antônio Carlos Jobim diceva che "la tristezza e la nostalgia hanno la stessa dignità della felicità, perché condividono la stessa bellezza". La musica popolare brasiliana (o MPB) è intrisa di questi sentimenti e stati d'animo quasi viscerali che ne caratterizzano il popolo: dalla "tristeza" alla "felicitade", dalla "saudade" (nostalgia) allo "choro" (pianto). Priva di rabbia o voglia di ribellione, racconta più spesso lo struggimento per la terra, la natura, la storia, con grande poesia, uso di luoghi comuni, ironia e molto divertimento. Il canto eclettico di Paola Arnesano si sposa a tutto questo, accompagnato dalla maestria del fisarmonicista Vince Abbracciante, che  ricorda la fisarmonica come lo strumento storico della musica popolare brasiliana. Attraverso contaminazioni personali che non alterano la dignità dello stile raccontano "o choro", "o baiao", "o samba", "a bossanova", da Pixinguinha a Gonzaga, da Sivuca a Gismonti, da Barroso a Buarque.

JOHN TAYLOR, PAUL MCCANDLESS, PIERLUIGI BALDUCCI E MICHELE RABBIA RILEGGONO DIECI BRANI DEL REPERTORIO DEL PIANISTA BILL EVANS 
Evansiana è il secondo progetto discografico del quartetto. Circa quattro anni dopo "Blue from Heaven", martedì 28 febbraio il disco - pubblicato, come il precedente, dalla Dodicilune Records con il coordinamento di Balducci e la produzione di Gabriele Rampino, direttore artistico dell’etichetta salentina - esce in Italia e all’estero distribuito da Ird e nei migliori store digitali. “Evansiana” è inevitabilmente legato al ricordo della grande figura artistica di John Taylor, scomparso nel luglio 2015 poco dopo la registrazione del cd, probabilmente il vero continuatore dell'estetica e del pianismo di Evans.  Dopo l'uscita di "Doux Dèsirs" di Michel Godard e Ihab Radwan, “Twelve Colours and Synesthetic Cells” di Gianluigi Trovesi e Umberto Petrin, “Havana Blue” di Adriano Clemente e MPB! di Paola Arnesano e  Vince Abbracciante, prosegue il 2017 dell'etichetta salentina Dodicilune che si preannuncia intenso e ricco di nuove produzioni nazionali e internazionali. La quinta e ultima uscita di febbraio è “Evansiana”, un’antologia di dieci brani del repertorio di Bill Evans, secondo progetto discografico del quartetto composto dal pianista britannico John Taylor, dal fiatista statunitense Paul McCandless, dal bassista pugliese Pierluigi Balducci e dal percussionista piemontese Michele Rabbia. Circa quattro anni dopo “Blue from Heaven”, martedì 28 febbraio il disco - con il coordinamento di Balducci e la produzione di Gabriele Rampino, direttore artistico della Dodicilune - esce in Italia e all’estero distribuito da Ird e nei migliori store digitali. “Evansiana” è inevitabilmente legato al ricordo della grande figura artistica di John Taylor, scomparso nel luglio 2015 poco dopo la registrazione del cd, probabilmente il vero continuatore dell'estetica e del pianismo di Evans. In scaletta sette brani firmati dal musicista statunitense (Very early, Re: person I knew, Time remembered, Turn out the stars, B winor waltz - for Elaine, Children play song, Epilogue) e altri tre pezzi del suo repertorio, firmati da Bernstein/Comden/Green (Some other time), Kenny Wheeler (Sweet Dulcinea Blue) e Miles Davis (Blue in green). «Nel corso del 2014 Gabriele Rampino mi aveva ripetutamente invitato a realizzare una nuova incisione con lo stesso quartetto del mio precedente disco. E in estate ebbi l’idea di coinvolgere tutti in un'antologia di Bill Evans. Mi parve eccitante il pensiero che John si cimentasse con una rilettura del pianista americano che più ha distillato nel suo pianismo ingredienti di riconoscibile ascendenza europea», ricorda Balducci. «Mi entusiasmai anche all'idea che il lirismo di Paul, con il suo suono splendido, potesse rendere le composizioni di Evans ancora più scolpite e cesellate. E che la sensibilità e la poetica leggerezza di Michele potesse sostenerlo con il suo tipico approccio asservito all’armonia, alla melodia, al dialogo anche sussurrato. Io sarei riuscito così a dedicare un disco alle composizioni di Evans che avevano per me un profondo significato affettivo e nostalgico», prosegue. «Per me significava chiudere un cerchio, tornando su quel meraviglioso incontro, sempre rinnovato nel mondo del jazz, tra la componente africana e quella europea. Ma in fondo, ne sono convinto, lo era anche per i miei compagni di avventura. Così, chiesi ai miei compagni di viaggio di proporre due o tre brani ciascuno. Così è nato “Evansiana”. Racconta la storia di quattro m usicisti che forse non vedevano l'ora di poter suonare Bill Evans. Due di loro, i più giovani, sono cresciuti anche ascoltando i dischi dei due più anziani, e tutti insieme hanno rimescolato le proprie storie e le proprie carte. Questo disco narra di un felice incontro durato pochi anni e dell'effimera bellezza della vita. Questo disco è un frammento di eternità. È consapevolezza che anche se tutto scompare e svanisce, l'arte, che è spiritualità immanente nelle cose, resta». «Oltre che il suo pianismo, anche il repertorio compositivo di Evans ha ispirato, forse con qualche ritardo, musicisti di varia estrazione; ma, dopo il progetto di Paul Motian con Joe Lovano e Bill Frisell (Jmt, 1990), una formula  di questa cifra artistica, con un suono di gruppo davvero unico e irripetibile, non si era mai ascoltata», precisa Gabriele Rampino. «Pur nel ruolo centrale assunto in modo del tutto naturale dal piano di Taylor, che armonicamente sviluppa ed estende significativamente il vocabolario di Evans, il quartetto è fortemente caratterizzato dal suono e dallo stile inconfondibile di Paul McCandless,  che conferisce al songbook evansiano un mood a-la-Oregon. La ritmica sublime di Balducci e Rabbia dona anticonvenzionalità e freschezza all'ensemble, che esplora le ricche e spesso difficili armonie evansiane  in una sfida vinta con naturalezza».

LA GIOVANE CANTANTE TARANTINA ANTONELLA CHIONNA TORNA CON RYLESONABLE, UN PROGETTO NATO DALL'INCONTRO CON IL MUSICISTA STATUNITENSE PAT BATTSTONE  
Dopo l'uscita di "Doux Dèsirs" di Michel Godard e Ihab Radwan, “Twelve Colours and Synesthetic Cells” di Gianluigi Trovesi e Umberto Petrin, “Havana Blue” di Adriano Clemente, "MPB!" di Paola Arnesano e  Vince Abbracciante, ed “Evansiana”, un’antologia di dieci brani del repertorio di Bill Evans del quartetto composto da John Taylor, Paul McCandless, Pierluigi Balducci e Michele Rabbia, prosegue il 2017 dell'etichetta salentina Dodicilune che si preannuncia intenso e ricco di nuove produzioni nazionali e internazionali. Martedì 7 marzo esce in Italia e all’estero distribuito da Ird e nei migliori store digitali, “Rylesonable” di Antonella Chionna. Nel suo terzo progetto discografico, sempre firmato Dodicilune, la scrittrice, musicista, cantante e improvvisatrice tarantina è affiancata dal pianista, compositore e improvvisatore statunitense Pat Battstone (steinway piano, fender rhodes), con il quale da alcuni anni ha avviato un'interessante collaborazione musicale tra l'Italia e gli Stati Uniti. Completano la line up il contrabbassista Kit Demos e il vibrafonista e percussionista Richard Poole. Rylesonable - nato nel corso di un tour della Chionna negli Stati Uniti e registrato nel Rear Window Studio di Brookline - è un disco che fonde standard, avanguardia, poesia e libera improvvisazione. Otto dei dodici brani in scaletta nascono proprio dalla collaborazione tra i quattro musicisti (“Under a Persian Sky”, “Thanatos”, “As The Morning Drifts Away”, “Lady Of The Waters”, “Nell'Urna Molle e Segreta”, “Ciao Ciao Andante”, “Oasis”, “Rimpiattino Mannaro”). Completano la tracklist “Sophisticated Lady” di Duke Ellington, Ir ving Mills e Mitchell Parish, “Lover Man / Nature Boy” di Jimmy Davis, Roger Ramirez, James Sherman ed Eden Ahbez, “Fida (to Carla)” con testo della Chionna su musica del chitarrista e compositore pugliese Gabriele di Franco, e “Rather Life”, liberamente ispirato da un poema di André Breton. Sabato 11 Marzo (ore 21) nel Teatrino di Corte della Villa Reale a Monza e domenica 12 marzo (ore 17) al Bezzecca Lab di Milano, la cantante parlerà del disco e delle sue opere nell’ambito di due appuntamenti dedicati alla poesia e alla scrittura pugliese. Classe 1990, Antonella Chionna è una scrittrice, musicista, cantante e improvvisatrice tarantina, e, nonostante la giovane età, ha già al suo attivo altri due dischi sempre con l’etichetta discografica Dodicilune. “Adiafora” e "Halfway to dawn (sing a song of Strayhorn)" che hanno ricevuto ottime recensioni da prestigiose riviste culturali di settore. Ha pubblicato due libri di poesia per Lietocolle; le sue altre opere sono state incluse in varie antologie e canali divulgativi italiani di poesia e musica. Patrick Battstone è un pianista, compositore e impr ovvisatore americano. Negli ultimi due decenni, ha collaborato con diverse realtà musicali. Le sue ultime uscite discografiche, “The last Taxi”, “Beyond the Horizon” e “From dream to dream”, hanno avuto un grande successo di critica e hanno tracciato per più settimane le classifiche di jazz americano, raggiungendo la top 15. Quando non suona, Patrick lavora come ingegnere al Draper Labs di Cambridge.

THE CURE: NUOVO SINGOLO PER VITO "FORTHYTO" QUARANTA
The Cure, brano del pianista e compositore statuninense Keith Jarrett, è il secondo singolo di "Radio Interference", ultimo progetto discografico del chitarrista e cantante pugliese Vito Quaranta alias Forthyto. Su youtube è disponibile il video firmato da Joe Pansa e realizzato sulle spiagge di Polignano a Mare e Mola di Bari. Nei brani del disco – uscito qualche mese fa per l’etichetta Dodicilune e distribuito da Ird – il compositore è affiancato dal contrabbassista Giorgio Vendola, dal batterista Mimmo Campanale, dal trombettista Luca Aquino, dal fisarmonicista Antonello Salis e dal suonatore di tabla Arup Kanti Das. Radio Interference è un lavoro di totale riscrittura di brani che hanno interferito nella sfera non solo musicale ma emozionale dell’artista. Un percorso nella memoria di brani che hanno un valore inevitabilmente musicale, ma altresì segnate da un legame fortemente personale, non a caso condiviso con musicisti con i quali l’intesa è anche di carattere squisitamente umana. Il fisarmonicista sardo Antonello Salis è presente in tre brani che regalano momenti di grande lirismo sia nella quasi operistica Prism di Keith Jarrett, che in Last Train Home di Pat Metheny, dal connotato fortemente west coast, per i quali, sono state scritte liriche originali, concludendo con Lucignolo di collodiana memoria, di Fiorenzo Carpi, dal sapore squisitamente folk. Luca Aquino presta il suo “fiato” in altri due brani; la rarefatta versione di How far can you Fly? di Luca Flores, anch’essa a sua volta correlata da liriche originali, e la metropolitana Esteem di Steve Lacy, qui come dedica aperta all’uomo comune. Le tabla di Arup Kanti Das tessono le loro ritmiche in una mantrica versione di Caravan di Juan Tizol cosi come nella poliritmica ritualità di Four Sticks presa in prestito dai Led Zeppelin. A sostenere questo fermento creativo una ritmica solida e puntuale formata da Giorgio Vendola al contrabbasso che in Cavatina di Stanley Myers esprime tutto il suo potenziale narrativo e Mimmo Campanale alla batteria che in On Green Dolphin Street di Kape/Washington si cimenta in fill di alta scuola. Un’analisi più approfondita meriterebbero i tre soli del leader stesso. Una versione acustica di The Cure di Keith Jarrett crea l’illusione di due chitarre che eseguono il tema, mentre nel Preludio #1 di Johann Sebastian Bach composizione e improvvisazione si inseguono in un flusso continuo, si conclude con l’eterea versione di You don’t know what love is di Don Raye e Gene de Paul dove a cappella, il brano viene cantato sfruttando le risonanze della chitarra acustica.  Vito "Forthyto" Quaranta, chitarrista, compositore, didatta. Si diploma in Musica Jazz presso il Conservatorio Nino Rota di Monopoli, e successivamente consegue il Diploma Accademico in discipline della musica di II livello in Jazz con il massimo dei voti. Ha studiato Musica Improvvisata con G. Gaslini, F. D'Andrea, B. Mover, S. Battaglia. E più specificatamente chitarra con S. Henderson. J. Diorio, M. Stern, P. Metheny e M. Goodrick e presso l'American Institute of Guitar di New York. Svolge attività concertistica esibendosi in forme concerto disparate, condividendo le performances tra gli altri, con Billy Hart, Antonello Salis, Eugenio Colombo, Steve Potts, Massimo Manzi, Gianni Lenoci, Roberto Ottaviano, Pippo Matino, Luca Aquino ed altri. È stato semifinalista due anni consecutivi nell'International Songwriting Competition – 2012/2013 – su oltre ventimila partecipanti da tutto il mondo.

NOW: NUOVO PROGETTO DISCOGRAFICO PER IL BATTERISTA, VIBRAFONISTA E COMPOSITORE ROMANO CLAUDIO PISELLI 
Dopo l'uscita di "Doux Dèsirs" di Michel Godard e Ihab Radwan, “Twelve Colours and Synesthetic Cells” di Gianluigi Trovesi e Umberto Petrin, “Havana Blue” di Adriano Clemente, "MPB!" di Paola Arnesano e  Vince Abbracciante,  “Evansiana”, un’antologia di dieci brani del repertorio di Bill Evans del quartetto composto da John Taylor, Paul McCandless, Pierluigi Balducci e Michele Rabbia, e “Rylesonable” della cantante tarantina Antonella Chionna, prosegue il 2017 dell'etichetta salentina Dodicilune che si preannuncia intenso e ricco di nuove produzioni nazionali e internazionali. Dal 21 marzo è in distribuzione in Italia e all’estero nel circuito Ird e nei migliori store digitali, Now del batterista, vibrafonista e compositore romano Claudio Piselli. A cinque pezzi inediti si aggiunge un’originale versione di “Giant Steps” di John Coltrane nel quale spicca il sax baritono di Marco Guidolotti. La line up è completata dalla chitarra synth di Daniele Siscaro (nel brano di apertura) e dal contrabbasso di Giuseppe Talone. “Un istante è sempre un mondo nuovo, un’occasione irripetibile per fidarsi delle nostre infinite capacità”, sottolinea Piselli. La tracklist si apre con Go e prosegue con Magic Pivot, che racconta il perenne equilibrio tra dovere e piacere, tra quel che sembriamo e quel che siamo, tra finzione e verità. Now "è un punto preciso nel tempo, piantato con il chiodo nel muro della vita. Il martello delle scelte batte impetuoso e fissa l’istante. D’ora in poi sarà un mondo nuovo, un modo diverso di vedere il quadro di me stesso. La musica è cornice, io sono la forma, voi mettete il colore”, racconta il compositore. Dopo Giant Steps di John Coltrane il disco si chiude con Tiramisù (“Le scelte sono come il tiramisù meno ne hai, più ne vorresti. Il tiramisù è la mia decisione di piacere, e per piacere datemi un’altra fetta”) e Oilà ("Un tribale battito cardiaco, la festa della foresta nel cuore antico dei sentimenti, è il rientro dal viaggio, è il ritmo dell’abbraccio, è la fine del percorso, è l’inizio di un nuovo viaggio”). Claudio Piselli inizia gli studi di batteria con il Maestro Lorenzo Tucci successivamente si iscrive al Conservatorio di Frosinone dove consegue il diploma di Strumenti a Percussione sotto la guida di Antonio Caggiano. Sin dagli inizi orienta i suoi interessi verso il jazz e il repertorio classico-sinfonico. Vanta numerose collaborazioni come percussionista sia in orchestra sia in  formazioni cameristiche, tra cui l’Ensemble Algoritmo diretto da Marco Angius. Con l'Ensemble Sixe conquista il Premio Cosima Listz e partecipa alla rassegna "Settimane all'avanguardia" all'Auditorium del Conservatorio "Santa Cecilia" di Roma. Ha lavorato con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e il Teatro San Carlo di Napoli. Come solista suona presso l'Aula Magna di Roma Tre, con programmi dedicati al "Novecento Musicale nel continente americano", eseguendo autori Cole Porter, G. Gershwin, N. Rosauro, J. Cage e S. Reich. Ha lavorato con Luis Bacalov, Ennio Morricone Nicola Piovani, esibendosi con quest’ultimo in diversi Teatri in Cina. Ha suonato in Orchestra per trasmissioni televisive e spettacoli teatrali insieme a Cristian de Sica ed Enrico Montesano. Suona il vibrafono in diverse formazioni di Jazz e vanta numerose collaborazioni le ultime con Giampiero Locatelli, Andrea Nunzi, Leonardo Borghi, Marco Guidolotti, Emanuele Urso, Abu Djigo, Marco Tiso, Maurizio Abeni.

CERCLE MAGIQUE TRIO - Cercle Magique
Il chitarrista Nando di Modugno, il bassista Viz Maurogiovanni e il batterista Gianlivio Liberti sono i protagonisti di "Cercle Magique", nuovo progetto discografico firmato Dodicilune. Il disco, che nasce dall’incontro di tre personalità musicali molto diverse fra loro, ma straordinariamente combinate in un dialogo a voce sommessa, sarà disponibile da domenica 23 aprile nei migliori store digitali e dal 7 maggio sarà distribuito da Ird in Italia e all’estero. Cercle Magique sarà presentato ufficialmente con tre concerti al Ladisa in Jazz di Valenzano (23 aprile), all'Osteria Malatesta di Matera (28 Aprile) e al Moonlight di Bari (7 Maggio). Un viaggio tra il mistic o e l’esoterico, che conosce la sensualità della terra e del fuoco e il battesimo dell’acqua. Ogni traccia evoca paesaggi suggestivi, universi onirici e straniati, che declinano naturalmente dal rarefatto al fisico, senza eccessi. I temi si fanno morbidi, i tempi lenti, e accompagnano l’ascoltatore in atmosfere soffuse e godibili. Gli interventi elettroacustici personali dei tre, le suggestioni jazz e un incalzante retropensiero funk-rock conquistano al primo ascolto. Dal torpore alla vita: tutto si anima all’improvviso nelle linee tratteggiate del basso e nelle vibrazioni incessanti delle percussioni. È l’emersione di un altro tempo, di un’altra dimensione.

SINCRETICO È IL NUOVO PROGETTO DISCOGRAFICO DEL FISARMONICISTA E COMPOSITORE PUGLIESE VINCE ABBRACCIANTE

Venerdì 5 maggio esce per Dodicilune - distribuito in Italia e all’estero da Ird e nei migliori store digitali - Sincretico, nuovo progetto discografico del fisarmonicista e compositore pugliese Vince Abbracciante. L'uscita del disco sarà accompagnata da un tour di concerti che prenderà il via giovedì 4 maggio da Castellana Grotte e proseguirà venerdì 5 maggio nella Chiesa della Graziella di Napoli, sabato 6 maggio al Caffè Letterario di Conversano per “Il libro possibile”. Da sabato 13 a venerdì 19 maggio il musicista sarà in Brasile per tre concerti a Belo Horizonte (13 maggio al Festival Internazionale Fisarmonica) e Rio De Janeiro (18 maggio al Bar Semente e 19 maggio all’Istituto di Cultura Italiana). Altri appuntamenti a Bari (31 maggio), Muro Leccese (21 luglio), Matera (11 agosto) e Castelfidardo (15 settembre). Sincretico - un concept album di otto composizioni originali per fisarmonica, chitarra e quintetto d'archi - sfugge a un'unica definizione di genere e rappresenta una sintesi delle esperienze musicali in cui Abbracciante si è misurato nel corso della sua attività artistica. Il jazz, la musica popolare brasiliana, la canzone italiana, il tango, la musica classica, le colonne sonore, la musica balcanica e le collaborazioni in orchestra, confluiscono in un magma emozionale che caratterizza l'intero lavoro. Un meltin’ pot di suggestioni e atmosfere "mediterranee". Spinto, audace, magnetico, materico, che sconfina. Come il virtuosismo di Vince Abbracciante e del suo accordéon, sostenuto dal passo discreto della chitarra di Nando Di  Modugno, dal contrabbasso di Giorgio Vendola e dalla texture vellutata degli archi dell’Alkemia Quartet composto da Marcello De Francesco e Leo Gadaleta (violino), Alfonso Mastrapasqua (viola) e Giovanni Astorino (violoncello). Si vola da un’idea all’altra, in una tensione permanente, che continua ad avvertirsi anche nella distensione elegante dei temi. È un viaggio senza meta, una corsa verso la luce, che intriga, appassiona e coinvolge, in tutta la sua fisicità.  “Vince Abbracciante: è la stella nascente della fisarmonica in Italia, dotato di una tecnica notevole, un senso profondo del blues e dello swing. Padroneggia la fisarmonica come pochi e suona con talento qualsiasi genere musicale”, si legge nel Dizionario del Jazz Italiano di Flavio Caprera (Feltrinelli, 2014). “Sincretico” apre le porte di un mondo sonoro caleidoscopico e appassionante. “Chi più mi ha impressionato è un giovane italiano, originario della Puglia: si chiama Vince Abbracciante. In ogni brano mi ha imbarcato in una storia e commosso”, disse di lui Richard Galliano (Jazzman, 2005). Classe 1983, originario di Ostuni, a otto anni intraprende gli studi musicali con il padre Franco e con Annibale Sanese. Diplomato in musica jazz al Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli sotto la guida di Gianni Lenoci e laureato in fisarmonica classica con lode e menzione speciale al Conservatorio Egidio Romualdo Duni di Matera con Gian Vito Tannoia, ha frequentato master class, seminari, corsi con Franco D’Andrea, Bruno Tommaso, Richard Galliano, Joelle Leandre, Steve Potts, Roberto Gatto, Dado Moroni, Jacques Mornet, Rosario Giuliani. Dal 2000 è testimonial delle fisarmoniche Borsini di Castelfidardo. Si è esibito in festival e jazz club in tutto il mondo suonando con numerosi musicisti (Juini Booth, John Medeski, Richard Galliano, Marc Ribot, Javier Girotto, Gabriele Mirabassi, Flavio Boltro, Carlo Actis Dato, Lucio Dalla, Ornella Vanoni, Jenny B, Heidi Vogel). Nel 2006 si avvicina alle tastiere vintage, come l’organo Hammond, Farfisa, Rhodes dando sfogo alla sua vena creativa e psichedelica. Nel 2009 progetta insieme a Carlo Borsini un nuovo sistema per il cambio dei registri della fisarmonica, che permette di ampliare la gamma sonora del suo strumento. Ha scritto colonne sonore per i film del regista Gianni Torres e ha pubblicato vari cd con The Bumps (Davide Penta & Antonio Di Lorenzo) e con Giuseppe Delre (Different Moods, 2011), Paola Arnesano (Tango!, 2012 e MPB, Dodicilune 2017) e Alessandro Palmitessa (Duobanda, 2014). Nel 2012 è uscito anche “Introducing”, nel quale è affiancato tra gli altri da Juini Booth e Roberto Ottaviano. Nella sua carriera ha conquistato numerosi premi nazionali e internazionali. L'Alkemia Quartet nasce nel 2016, cominciando la sua attività concertistica collaborando con Jeremy Cohen (del Quartet San Francisco). Progetto "crossover" nel solco del Turtle Island String Quartet (NY), si caratterizza per la sua versatilità dal jazz al pop al contemporaneo. Di prossima pubblicazione un disco contenente l'integrale dei quartetti per archi di Giovanni Sollima. Nando di Modugno, cresciuto in un ambiente musicale (il padre e il fratello maggiore sono musicisti) ha proseguito la sua formazione nel Conservatorio di Bari con Linda Calsolaro diplomandosi con lode, quindi con Alirio Diaz, con Josè Tomas e, all' Accademia Chigiana di Siena ed alla Musik Akademie di Basilea (Solisten Diplom), con Oscar Ghiglia. L’interesse particolare per le diverse forme di espressione musicale gli hanno consentito di svolgere una intensa e varia attività concertistica e di collaborare con musicisti di differenti estrazioni (Nicola Piovani, Ennio Morricone, Howard Shore, Peter Eotvos, Daniele Gatti, Pierre Favre, Bobby McFerrin, Arnoldo Foà, Fabrizio Bosso, Gabriele Mirabassi e molti altri), con orchestre (Santa Cecilia, Teatro San Carlo, Provincia di Bari, Teatro Petruzzelli, Carlo Felice di Genova, Wyoming Synphony Orchestra, Bozeman Symphony, Basel Sinfonietta) e vari ensemble di musica contemporanea. È docente di chitarra presso il Conservatorio "Nicolò Piccinni" di Bari. Contrabbassista e compositore pugliese, Giorgio Vendola si è diplomato in contrabbasso presso il Conservatorio di Musica “Niccolò Piccinni” di Monopoli. Musicista sensibile alla tradizione quanto alla sperimentazione, nel suo percorso formativo abbraccia i più diversi generi e stili musicali (rock, pop, ethno) soffermandosi in particolar modo sul jazz e la musica improvvisata. Si esibisce in contrabbasso solo e in gruppo, sulle scene di diversi importanti teatri e festival fra l’Europa e il resto del mondo. Dal 2007 collabora con la compagnia TeatroMinimo come autore ed esecutore di musiche. Ha collaborato con lo scrittore Gianrico Carofiglio nello spettacolo ”Le Notti dell'avvocato Guerrieri”. Nell'ambito della musica popolare, ha suonato e inciso con due tra i gruppi più rappresentativi della musica popolare del Salento Canzoniere Grecanico Salentino e Ghetonia. Esplora le musiche dei balcani con i Talea ed è membro attivo in altre formazioni (SynerJazz Trio, Urban Society, Pinturas, Minafrik Orchestra, Mirko Signorile quartet, Kekko Fornarelli Trio). Ha collaborato, a vario titolo con Andrea Centazzo, Paolo Fresu, Enrico Rava, Naco,  Rita Marcotulli, Gianluigi Trovesi, Roberto Ottaviano, Rosalia de Souza, Fabrizio Bosso, Roberto Dani, Gianluca Petrella, Dave Liebman, Yves Robert, Cristina Zavalloni, Louis Sclavis, Barbara Casini, Nasheet Waits, Maurizio Giammarco, Ettore Fioravanti, Greg Osby, N’Guyen Lè, Pino Minafra, Louis “Tebugo” Moholo, Keith Tippett, Dave Binney, Sarah Jane Morris, Rob Ellis (Pj Harvey), Cristiano Godano(Marlene Kuntz), Josh Klinghoffer (Red Hot Chilli Peppers), Michael Rosen, Roberto Gatto, Francesco Bearzatti, Antonello Salis, Renè Aubry, Cuong Vu, Ballaké Sissoko. Ha inciso per diverse etichette come Soul Note, Universal, Enja, Ogun, Leo Records, Stradivarius, Verve.

LE (DONNE) DI CHIARA PAPA
La cantante e chitarrista salentina presenta sul palco di Astràgali Teatro a Lecce il suo album d'esordio - in uscita martedì 9 maggio - prodotto dall'etichetta Dodicilune nella collana editoriale Fonosfere Sabato 13 maggio (ore 21 - ingresso libero) il palco di Astràgali Teatro a Lecce ospita la presentazione ufficiale di (donne), esordio discografico della chitarrista e cantante Chiara Papa, prodotto dall'etichetta Dodicilune nella collana editoriale Fonosfere e distribuito dal 9 maggio in Italia e all’estero da Ird e nei migliori store digitali. (donne) è una raccolta di storie, un calderone di racconti che vengono dal passato e da terre lontane. Parole che sono incise nell'intimo di ognuno di noi. Sono voci di donne straordinarie, personificazioni di archetipi femminili (la Madre, la Guerriera, la Martire, l'Amante) che hanno segnato e continuano a segnare la storia universale, la vita di ogni essere umano. (donne) è un invito a sentire la realtà con tutti i sensi, per accorgersi che tutto l'Universo parla al femminile e che il femminile è in ogni cosa, in ognuno di noi: l'aria, la pioggia, la terra natìa, sono il respiro di due amanti, le lacrime di una martire, il ricordo di un amore lontano. Chiara Papa - che suona anche ukulele e dulcimer - propone nove brani tradizionali. Morenica, Hija Mia e Arvoles lloran por lluvia provengono dalla tradizione sefardita, Solnuska da quella russa, Moj e Bukura More è un brano arbëresh, Duerme Negrit proviene dall’Argentina, La Llorona dal Messico mentre La Dama d'Aragò ed El Testament d'Amelia sono due pezzi catalani. “Suono da sempre. Da che ne ho memoria. Suono e canto perché farlo è una necessità. Non ho mai amato le bambole; ho sempre preferito dar vita ai miei eroi immaginari con le matite e i colori. Eroi e protagonisti dei miei racconti, delle mie storie”, sottolinea Chiara Papa. “Amo raccontare. Da sempre. Raccontare attraverso la musica e i suoni è la forma più sublime e potente che conosca. Perciò, lo faccio. Racconto. Il suono cristallino del pianoforte è stato il mio primo amore ma non potevo cavalcare una balena scura, scintillante dai denti d’avorio bianco e nero. Per non farmi morire d’amore, mi portarono in un negozio che odorava di legno e foreste. Una chitarra con delle rose sulla rosa mi chiamò, lieve. Fu la chiamata ad una vocazione: le sei corde mi legarono l’anima in una stretta che persiste ancora e si fa più forte. Ogni giorno di più. Da quel giorno iniziò una storia che insieme alla gioia del cammino e degli arrivi ha conosciuto la fatica degli ostacoli e dello sconforto. La chitarra è diventata il medium della mia anima. È diventata una dolcissima maledizione”, prosegue. “Mi sono lasciata ammaliare dal fascino dell’Antico, della musica che viene dalle corti dei re e delle regine, dalla solitudine di un organo in una chiesa gotica, dalle corde di budello e dalle voci di Dive e Dei. E poi il jazz negro, quello cattivo e sensuale, gioioso e superficiale. Il blues dolente. Il Sud America colorato. Frida Kahlo. Il canto degli zingari e dei migranti di ogni tempo, uomini e donne, soprattutto donne. Tutto questo dimora nel mio cuore. E lo racconto. Con le labbra e con le mani”.

SERGIO ARMAROLI & FRITZ HAUSER - STRUCTUING THE SILENCE
Sabato 13 maggio esce in Italia e all’estero distribuito da Ird e nei migliori store digitali, "Structuring the Silence", il nuovo progetto discografico del duo che unisce il vibrafonista, percussionista e compositore italiano Sergio Armaroli e il batterista e percussionista svizzero Fritz Hauser. Il disco - prodotto dall’etichetta salentina Dodicilune - sarà presentato ufficialmente in concerto nel giorno dell’uscita nell’Atelier Isabel Bürgin di Basilea. "Structuring the Silence" è una ricerca sonora attraverso l’improvvisazione a partire da una una scrittura minima, all’interno di un’architettura del vuoto e del silenzio intesa come un paesaggio sonoro quale luogo di ascolto ecologico. L’esecuzione è intesa come “scultura vivente” in un processo costante di dialogo come una “percus sion conversation”. “Silence has been an essential element of my percussion playing since the very beginning. Developing sounds out of silence, fading into silence, stopping a cymbal crescendo to let the silence explode into space. These were some of the elements I used a lot, and I still do. Then I met John Cage, who wrote a piece for me. One of his number pieces -one4- , and depending on how you deal with the given elements and performance rules, you end up with a lot more silence than I was used to. Silence that makes you listen, silence that makes you think. Silence that can frighten you, but also silence that gives you peace, and hope... Sergio Armaroli is a percussionist/composer who has given much more than just a thought or two to silence. He has made an extensive research on composing techniques, and improvising concepts. He has explored all possible ways to deal with silence and he has put these reflections into the concept pieces of STRUCTURIN G THE SILENCE. Playing with him, and creating silence with him was both a pleasure, and a challenge: Silence is an endless ocean, sound is the vessel to travel on it...” Fritz Hauser. Nato nel 1953 a Basilea, Fritz Hauser propone spettacoli in solo per batteria e percussioni che esegue in tutto il mondo; lavori crossmediali con la ballerina e coreografa Anna Huber, con l'architetto Boa Baumann e con la regista Barbara Frey; composizioni per ensemble di percussioni e solisti, impianti sonori, giochi radiofonici, musica per film e letture. Nel campo della musica improvvisata ha collaborato con numerosi musicisti (Urs Leimgruber, Joëlle Léandre, Marilyn Crispell, Christy Doran, Pauline Oliveros, Lauren Newton, Patrick Demenga e molti altri). Dal 1998 al Concorso Internazionale di Percussione di Stoccolma, collabora con diversi gruppi di percussioni e solisti di tutto il mondo (Kroumata, Percussione Synergy, Nexus, Speak Percu ssion, Keiko Abe, Steven Schick, Bob Becker, Michael Askill). Nel corso della sua lunga carriera ha realizzato numerosi cd come solista e con vari gruppi. La poetica di Sergio Armaroli abbraccia molteplici ambiti espressivi alla costante ricerca di un’unità dell'esperienza. Si dichiara pittore, percussionista concreto, poeta frammentario e artista sonoro oltre a fondare il proprio operare all'interno del "linguaggio del jazz" e dell'improvvisazione come "estensione del concetto di arte". Concentrato su una scrittura diffusa, consapevole di essere produttore "di-segni", dove l'invenzione verbale è "gesto poetico", nella vita è costretto ad uno sforzo pedagogico costante (www.sergioarmaroli.com). Svolge un’intensa attività artistica caratterizzata da un eclettismo stilistico accentuato con una tendenza alla dispersione linguistica come alla rinuncia e ad una forte predilizione per il "silenzio". Si è esibito in qualità di "attore musicale " e percussionista concreto in prestigiosi teatri e sale da concerto internazionali esponendo come artista in ambito off e sperimentale. Ha al proprio attivo numerose pubblicazioni in campo teorico musicale e poetico. Questo è il suo sesto cd con l’etichetta Dodicilune dopo “Prayer and request” (2010) e “Vacancy in the Park” (2015) con Axis Quartet, “Early Alchemy” (2013) un solo di marimba, “Tecrit” (2014) con Riccardo Sinigaglia (santur elettrico, flauti barocchi ed elettronica) e "Micro and More Exercises" con Giancarlo Schiaffini (2016).

Painting Jazz Duo - "Peace"
Esce il 19 giugno 2017 "Peace", il nuovo progetto discografico del Painting Jazz Duo. "Peace" è un racconto per segmenti, “pacificamente” incastonati su una tela variopinta. Loro sono un duo coeso, forte della sua storia e della sua sintonia. Ogni traccia è una dichiarazione di guerra, un’apertura totale alla sperimentazione: forte, audace, spinto, il suono sobbalza e diverte nella totale imprevedibilità delle sue mosse. Emanuele Passerini (sax) e Galag M. Bruno Belloni (piano) sono alla loro terza esperienza per Dodicilune. Collaudati nel loro approccio “descrittivo”, regalano un punto di vista nuovo, a tratti irriverente, anche a standard e grandi classici intoccabili come “I Loves You Porgy” o l’ “Arte della Fuga”. Emanuele Passerini, cl asse 1971, si approccia allo studio del sassofono da autodidatta. La disinvoltura degli inizi gli regala un grande entusiasmo nel suonare e nel frequentare formazioni jazz, rock, blues, soul e acid. Studia con Daniele Cavallanti e Tiziano Tononi presso il CEMM di Bussero, per poi perfezionarsi con Tiziana Ghiglioni, Giovanni Tommaso, Walter Donatiello e Dave Liebman. Nel 2008 avvia il progetto New Standard Jazz Duo, oggi  Painting Jazz Duo, con Galag Massimiliano Bruno Belloni. Galag Massimiliano Bruno Belloni, nato nel 1949, inizia a suonare il pianoforte da bambino. Dopo un breve periodo di studi in Conservatorio, continua da autodidatta a cimentarsi col jazz e la composizione di repertorio classico e leggero, senza trascurare le tecniche improvvisative. Numerose le sue partecipazioni a festival e concorsi, oltre che le esibilizioni dal vivo. Nel 2008 avvia il progetto New Standard Jazz Duo, oggi  Painting Jazz Duo, con Emanuele Passerini . Il Painting Jazz Duo, nasce come New Standard Jazz Duo. Emanuele Passerini (sax) e Galag Massimiliano Bruno Belloni (piano) vantano come un repertorio di composizioni originali e di brani totalmente improvvisati. Dall’approccio descrittivo/decostruttivo, hanno uno stile personale ed eccentrico, caratterizzato dal colore, dall’ “apertura”, dall’interplay forte. Per la Dodicilune hanno pubblicato Talk and Fly (2013) e The Well-Tempered Duo: Bach Project (2014).

Francesco Caligiuri - Olimpo
Esce il 26 giugno "Olimpo", disco d'esordio del polistrumentista calabrese Francesco Caligiuri.  Olimpo è un lavoro delicato, introspettivo, eppure avventuroso, in  solo. L'intero album è uno sforzo individuale, dalla composizione all'esecuzione, con Caligiuri dedito alla costruzione di strati di suono, con utilizzazione morbida dell'elettronica a servizio delle ance, dal clarinetto basso al sax soprano al baritono, con chiara ispirazione dal miglior John Surman. “This is Francesco Caligiuri first cd and he strikes! What an open and wild mind behind this beautiful music. I specially love his blend of strong Mediterranean melodies with the powerful Viking spirit” (Michel Godard). Olimpo is the debut album of Francesco Caligiuri, a delicate, introspective, yet adventurous, solo work. It communicates a unique vision along the emotional landscapes of the classic Myth, with strong inspirations from popular music, but firmly linked to the jazz tradition. The result is both ethereal and bold, and extremely enjoyable. L'opera comunica una visione unica lungo i paesaggi emotivi del Mito classico, forte di  ispirazione dalla musica popolare, ma rimanendo saldamente legato alla tradizione jazz. Il risultato è etereo ma audace, comunque di estrema godibilità. Il percorso improvvisativo di questa musica si può riassumere nella parola “Mýthos”, “racconto”. Le diverse timbriche degli strumenti e gli affascinanti suoni dell'elettronica suggestionano, conducendo la mente in un viaggio immaginario e immaginifico tra mito e leggenda, lungo i topoi culturali dell’antica Grecia e di tutto il bacino del  Mediterraneo. L’improvvisazione, che mette a nudo il musicista esprimendone l’identità e l’essenza, ispira l’intenso pensiero musicale del progetto. Le nove composizioni originali richiamano tutte personalità e storie di divinità della mitologia greca: da Zeus e Poseidone, potenti e stabili, a Dionisio, Apollo e Afrodite, sentimentali e armoniosi; da Ares, Athena ed Efesto, creativi e solenni, ad Ade, oscuro e instabile. FRANCESCO CALIGIURI. Cosentino, classe 1991, si è diplomato in sassofono presso il Conservatorio “S.  Giacomantonio”, per poi avviarsi allo studio delle tecniche di arrangiamento, composizione e improvvisazione jazz. Predilige il sax baritono, e partecipa attivamente a diverse formazioni cameristiche, classiche e jazz, vantando anche ruoli di primo nell’Orchestra di fiati della Provincia di Cosenza. Dal 2014 suona nel progetto Cypriana di Nicola Pisani. Si è perfezionato, tra gli altri, con Michel Godard, Marco  Sanninni, Paolo Damiani, Matt  Brewer, Miguel  Zenon, Ben  Wendel, Logan  Richar dson, Franco  D’Andrea, Marcello Piras.

L’etichetta salentina Dodicilune è attiva dal 1996 e riconosciuta dal Jazzit Award tra le prime etichette discografiche italiane (dati 2010/2014). Dispone di un catalogo di oltre 180 produzioni di artisti italiani e stranieri, ed è distribuita in Italia e all'estero da IRD presso 400 punti vendita tra negozi di dischi, Feltrinelli, Fnac, Ricordi, Messaggerie, Melbookstore. I dischi Dodicilune possono essere acquistati anche online (Amazon, Ibs, LaFeltrinelli, Jazzos) o scaricati in formato liquido su 56 tra le maggiori piattaforme del mondo (iTunes, Napster, Fnacmusic, Virginmega, Deezer, eMusic, RossoAlice, LastFm, Amazon, etc).
____________________________________________________________________________

PATTY LOMUSCIO - FURTHER TO FLY (ALFA MUSIC, 2016)

Quando nel 2011 decisi di intraprendere il mio viaggio studio a New York per un breve periodo, non avrei mai potuto immaginare che la mia vita si sarebbe arricchita di esperienze musicali ed umane così forti ed emozionanti. New York è una città magica, il jazz si respira ovunque , anche nei supermercati, e proprio in quel vortice di emozioni ho conosciuto Gianluca Renzi, musicista straordinario, diventato poi mio grande amico, e Jon Davis, pianista come ben pochi in giro...Prima di ripartire per l'italia ci siamo fatti una promessa: la volta seguente in cui sarei tornata a New York avremmo registrato, insieme, i l mio disco, il mio jazz. E così è stato, promessa mantenuta: a settembre 2015 con la mia valigia carica di idee e sogni sono ripartita per registrare " le Canzoni" che hanno accompagnato la mia adolescenza, le più belle di Simon & Gurfunkel, con i loro live al Central Park, questa volta con sonorità diverse (grazie agli arrangiamenti di Gianluca). Il 9/9 abbiamo registrato 9 tracce, cosa del tutto casuale....pura coincidenza o cosa? " Further to Fly "è il mio desiderio di spiccare " un volo interiore ", sempre,  tutte le volte che vorrò e che la vita mi concederà. Patty Lomuscio vocal; Jon Davis piano; Gianluca Renzi bass and percussions; Vince Ector drums.

ROBETTO SPADONI & NEW PROJECT JAZZ ORCHESTRA - TRAVEL MUSIC (ALFA MUSIC, 2016)

La “musica da viaggio” è una costante nella vita e nell’attività di molti musicisti. Qualsiasi luogo, qualsiasi momento può essere quello giusto: un foglio, un menù, il registratore vocale di un cellulare possono trasformarsi in partiture provvisorie, per appunti di una fugace intuizione del momento che, come i sogni, potrebbe svanire per sempre in pochi minuti. È importante fissarla in qualche modo, per poter in seguito rifl ettere, elaborare, sviluppare, arrivare all’opera compiuta. In questa nuova tappa della collaborazione con la New Project Jaz z Orchestra, il programma proposto è il frutto di quelle intuizioni, che si sono ampliate fino a raggiungere la dimensione orchestrale. Si tratta di un repertorio concepito e sviluppato interamente in viaggio: di molti frammenti è ancora viva dentro di me l’immagine del luogo e del momento in cui si sono concretizzati. Senza alcun intento descrittivo, sono piuttosto l’espressione di luoghi e tempi interiori. La collaborazione con la New Project Jazz Orchestra ha fruttato in questi ultimi anni la pubblicazione di tre CD dedicati rispettivamente a Gerry Mulligan, Thelonious Monk e Billy Strayhorn. Questo cammino compiuto insieme ha sviluppato tra noi un alto grado di confi denza e di intesa umana e musicale: ciò che ascoltate in questo album è dovuto anche alla paziente costruzione del sound e del fraseggio su cui abbiamo lavorato a lungo. In questo ideale itinerario abbiamo voluto coinvolgere tre grandi musicisti jazz italiani, tre ospiti preziosi e speciali, costantemente presenti in moltissimi progetti nel ricco panorama nazionale: Giovanni Falzone, Roberto Cipelli e Mauro Beggio. A loro mi lega, oltre alla collaborazione artistica, un affettuoso legame personale che si alimenta di musica e di momenti di vita trascorsi insieme: la portata del loro eccezionale contributo è facilmente apprezzabile già dal primo ascolto di questa opera. 

Riccardo Fassi Tankio Band meets Fabio Morgera  
"Scrittura e concezione complessiva tengono conto della moltitudine di elementi presenti nella realtà e, di conseguenza, nella musica". La moltitudine di elementi si amplia nell'incontro tra Fabio Morger a e la Tankio Band guidata da Riccardo Fassi. Ed è un fenomeno che si genera per motivi diversi, musicali e filosofici e, naturalmente, per le combinazioni che si innescano tra i vari livelli di lettura. Sette composizioni di Fabio Morgera, alcune già apparse in altre registrazioni - come Illegal Immigration started in 1492, presente in CTRL-Z, o Spanteco (Vomero), ascoltata in Neapolitan Heart - altre inedite o composte per l'occasione. L'interpretazione dei brani si costruisce via via insieme a Riccardo Fassi e ai musicisti della Tankio Band: arrangiamento, conduction, stratificazione di livelli sonori, la capacità di passare dall'organico completo alla dimensione del piccolo combo, un disegno ormai abituale tanto per la formazione, ormai un patrimonio della scena jazzistica nazionale, quanto per il trombettista. La st oria della Tankio Band racconta di collaborazioni ben scelte, dell'intenzione di    affrontare repertori importanti e distanti tra loro. Una visione peculiare e il lavoro certosino fatto dal collettivo seguendo la filosofia e la curiosità di Riccardo Fassi connettono la firma stilistica della band con la storia degli organici ampi del passato, ne filtrano i  riferimenti attraverso una analisi sempre attenta e definiscono con decisione il carattere originale della formazione. Fabio Morgera, dal canto suo, ha vissuto a lungo a New York e, come è facile immaginare, ha maturato negli anni, grazie alle sue intenzioni personali e alle collaborazioni, uno stile personale capace di tenere insieme tensioni ritmiche, radici italiane e nervature afroamericane, l'attenzione alla pagina scritta e alla melodia. Nei suoi lavori, ha sempre puntato a dare una lettura stratificata dell'attualità, una l ettura che non coinvolge solamente gli aspetti musicali e, quindi, anche questo nuovo disco si pone in modo coerente con la visione complessiva del trombettista.

Esce il nuovo album di Cettina Donato "Persistency-The New York Project"
Esce il 10 marzo per AlfaMusic il quarto disco registrato a New York della compositrice, pianista e direttore d'orchestra Cettina Donato, presentato con un tour in Italia e all'estero. Di origine siciliana, da anni divide la sua carriera tra Stati Uniti e Europa. L'intero ricavato dalla vendita dei dischi sarà devoluto alla costruzione della Residenza "VillagGioVanna" in provincia di Messina: un progetto di accoglienza da lei ideato e fortemente voluto. "Puoi raggiungere qualsiasi obiettivo tu abbia programmato ma ci vuole azione, persistenza e la capacità di guardare in faccia le tue paure. Questo è il motivo per cui ho chiamato il mio nuovo progetto "Persistency" (perseveranza) perché niente è impossibile e non abbiamo alcun limite. Noi stessi siamo il nostro limite. Dobbiamo soltanto credere un po’ di più in noi stessi. Mi auguro che le musiche di questo album siano di vostro gradimento perché sono state realizzate con amore e con il cuore." Cettina Donato. Registrato lo scorso settembre a Brooklyn, e presentato live in anteprima al Blue Note di New York, il disco nasce dal successo di precedenti collaborazioni di Cettina Donato con il grande batterista Eliot Zigmund, con il sassofonista Matt Garrison e il contrabbassista Curtis Ostle. Composto da otto tracce, questo nuovo lavoro ospita sette brani originali concepiti come grandi omaggi agli artisti più amati da Cettina Donato: George Gershwin, Thelonious Monk e Herbie Hancock - che più volte ha incoraggiato personalmente la stessa Cettina allo sviluppo della sua vena creativa - anche se a livello compositivo talvolta si discosta dalla tipica forma della jazz song. Valorizzato è comunque il senso della semplicità e della cantabilità, da sempre peculiarità della sua visione musicale. La tracklist ospita anche il brano "Lawns" di Carla Bley, con un mood che rispecchia musicalmente l'andamento dell'intero disco. Il tour di presentazione del disco prevede date in Europa e Stati Uniti, con un calendario in continuo aggiornamento e con diversi musicisti ad avvicendarsi nella formazione trio e quartetto, tra cui Eliot Zigmund, Matt Garrison e Curtis Ostle per le date negli USA, Marton Juhasz, Matyas Hofecker, Vito di Modugno, Francesco Ciniglio, Luca Fattorini, Mimmo Campanale, Riccardo Fioravanti, Stefano Bagnoli, Nino Pellegrini e Vladimiro Carboni per le date in Europa. Il primo concerto avverrà in piano solo a Budapest il 13 marzo alla Sala Giuseppe Verdi per l'Istituto Italiano di Cultura, mentre il 15 marzo Cettina sarà a Praga nello storico Reduta Jazz Club in trio con Marton Juhasz alla batteria e Matyas Hofecker al contrabbasso, sempre per un evento in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura.  Il 30 aprile vi sarà il primo live in Italia alla Casa del Jazz di Roma, in occasione dell'International Jazz Day UNESCO. Il 6 maggio Cettina sarà al The Club di Viareggio, il 26 maggio a Foggia, il 27 ad Andria e il 28 a Valenzano, mentre il 23, 24 e 25 giugno sarà a Feltre protagonista di una residenza artistica al Jazzit Fest. Il 29 agosto tornerà negli Stati Uniti per un concerto a Kendall Square, Cambridge, e il 18 settembre a Boston per il Sounds of Italy Festival. Cettina ha deciso di devolvere tutto il ricavato della vendita dei dischi ad un progetto da lei fortemente voluto: la costruzione della Residenza “VillagGioVanna”, in provincia di Messina, destinata ad ospitare in maniera permanente bambini, ragazzi e adulti affetti da autismo e che non hanno il sostegno della propria famiglia. Il progetto comprende anche un grande spazio destinato alle attività musicali con uno studio dotato di strumenti, dischi, una sala cinema, un terreno che ospiterà animali domestici per la Pet Therapy ed anche una piscina. Previsto il supporto di medici, assistenti, infermieri, operatori. Cettina Donato da sempre divide la sua carriera tra Stati Uniti e Italia, luoghi nevralgici dove, tra jazz e classica, ha sviluppato un intenso percorso artistico, dalla composizione e direzione per orchestra, alla conduzione di formazioni come trio e quartetto, al piano solo, collaborando con molti artisti noti della scena internazionale. Il JAZZIT Award 2015 ne riconosce i meriti annoverandola nella classifica dei migliori arrangiatori italiani. Un patrimonio di conoscenze ed espressività che in Italia diffonde anche attraverso una intensa attività didattica nei conservatori di Messina, Alessandria e Livorno.
________________________________________________________________________________

Diego Ruvidotti Quartet
SIMPLY DEEP

Dopo l’esperienza con il gruppo Dream Machine (l'organ trio con cui ha inciso il cd “Live on the Lake” nel 2013), Diego Ruvidotti torna al quartetto con il progetto “Simply Deep” e il carattere suggestivo della sua musica si presenta in modo più astratto, percorrendo molteplici scenari emozionali con uno slancio vitale che cerca un'autentica sincerità espressiva. Scrive nelle note di copertina:” Simply Deep è per me una predisposizione dell'animo nell'affrontare la vita, dunque anche la musica come sua proiezione. La semplicità di esprimere sinceramente ciò che siamo, di comunicare con trasparenza e di dialogare con il mondo in modo profondo e coraggioso. Ecco perchè il live” Il jazz del Quartetto, ben appoggiato alla tradizione ma aperto a 360 gradi, scorre carico di groove contemporanei e i richiami a generi e stili musicali diversi vengono distillati e offerti all'ascolto con trasparenza e fruibilità: con questo spirito “Simply Deep” si presenta nello stesso modo dal vivo e sul cd (che è la registrazione mixata in diretta di un unico concerto). Il disco contiene tutti brani originali firmati da Ruvidotti e le strutture compositive lasciano ampio spazio all'improvvisazione intrecciando episodi solistici e dialogo collettivo. Trasferitosi da Milano in Umbria nel 2012, Diego Ruvidotti ha iniziato presto a collaborare con i validi musicisti locali, trovando la giusta alchimia per lo sviluppo del suo progetto musicale insieme ad Alessandro Bravo, pianista molto apprezzato e titolare della cattedra di jazz al Conservatorio “Morlacchi” di Perugia e ai fantasiosi talenti, giovani ma ben preparati e sensibili, Alessandro Bossi al basso elettrico e Fabio D'Isanto alla batteria. Il quartetto è attivo dal 2014 e si è esibito in rassegne e concerti a Torino (Piazza dei Mestieri), Trento (Well in Jazz), Rovereto, Perugia (Umbri Pro Jazz- Teatro F. Bicini), Sant'Apollinare (CastleJazz 2015) e San Mariano di Corciano (Ricomincio da Tre Music Club) dove è stato registrato dal vivo “Simply Deep”).

_______________________________________________________________________________

XYQuartet – Orbite
“È una bella cosa riscoprire la meraviglia - disse il filosofo. - L’astronautica ci ha fatto tornare tutti bambini.” Ray Bradbury
“È tutta colpa della Luna, quando si avvicina troppo alla Terra fa impazzire tutti.” William Shakespeare
“L’universo è fatto di storie, non di atomi.” Muriel Rukesyer

Orbite è il terzo album di XYQuartet, in uscita il 12 aprile 2017 per nusica.org. La data di uscita non è casuale: il 12 aprile del 1961, infatti, il cosmonauta Yuri Gagarin fu il primo uomo ad entrare in orbita attorno alla Terra, e per celebrare questo evento l’Unesco nel 2011 ha istituito la Giornata internazionale del volo dell’uomo nello spazio. Se nel precedente album XY il tema dello spazio e della sua esplorazione era già presente in alcuni brani, il nuovo disco, come un vero e proprio concept album, si sviluppa attraverso otto composizioni originali dedicate a quegli uomini e donne che hanno per primi esplorato lo spazio con le proprie storie epiche, drammatiche o addirittura tragiche e controverse. Fazzini e Fedrigo, bandleader e fondatori del gruppo, nati negli anni settanta hanno vissuto la suggestione dei voli spaziali di quegli anni di pionieri e hanno ritrasferito nella loro musica quelle immagini lontane che hanno assunto un’aura di un vero e proprio mito postmoderno. Musicalmente si tratta di un passo importante per la maturazione del linguaggio di questo gruppo che spazia tra jazz e ricerca con fluidità e leggerezza, elaborando il materiale musicale in modo mai banale, ricomponendo codici differenti in modo omogeneo: dal jazz alla contemporanea, dal prog al postminimalismo, dal pop alle ultime influenze newyorkesi. Questo è l’undicesimo cd prodotto dall’associazione Culturale nusica.org, diretta dagli stessi Fedrigo e Fazzini, attiva nella promozione della cultura musicale sul web, sposando la filosofia dell’open content, con partiture, video e musica liberamente fruibili online, e della diffusione nel territorio attraverso rassegne, concerti e laboratori.  XY Quartet è una band veneta con alle spalle ormai un percorso di tutto rispetto: sei anni di attività, più di cinquanta concerti in Italia e all’estero, due dischi e riconoscimenti importanti di critica e pubblico.
______________________________________________________________________________

CLOCK’S POINTER DANCE

Clock’s Pointer Dance è un quintetto costituito da una frontline (Paolo Malacarne, tromba; Andrea Catagnoli, sax contralto; Andrea Baronchelli, trombone), riconducibile a sonorità jazzistiche, e una sezione ritmica di origine marcatamente rock (Michele Bonifati, chitarra; Filippo Sala, batteria). L’omonimo primo album, registrato a dicembre dello scorso anno, sarà pubblicato il 28 giugno 2017 per l’etichetta UR Records. L’album contiene tutti brani originali a firma dei 5 musicisti che rappresentano uno sguardo contemporaneo sul jazz, sintesi delle diverse sensibilità musicali dei componenti della formazione. Il quintetto si è formato in occasione del primo JAZZ(s)RA Forum di Annecy, Francia, nell’ottobre 2015 dove ha rappresentato l’Italia e la regione Lombardia, all’interno del progetto europeo Erasmus+, in un’importante occasione di scambio e confronto tra giovani musicisti emergenti di diversi paesi europei (Francia, Germania, Spagna e Italia). In quest’occasione il progetto ha suscitato riscontri entusiastici da parte del pubblico e della critica. Nel mese di marzo 2016 il gruppo ha partecipato al DopoFestival della trentottesima edizione di Bergamo Jazz, la prima sotto la direzione artistica del trombettista americano Dave Douglas. Quindi a luglio dello stesso anno il quintetto ha partecipato al Festival di Clusone Jazz; ed è proprio al famoso orologio planetario della cittadina della Val Seriana dove si svolge il festival che il nome della band rende omaggio. I musicisti, seppure tutti under 30, hanno già avuto importanti esperienze artistiche e professionali che li hanno portati a collaborare con musicisti di calibro nazionale ed internazionale come Dave Liebman, Aruan Ortiz, Cyro Baptista, Adam Rudolph, Keith Tippett, Chris Cutler, Karl Berger, Stefano Battaglia, Giovanni Falzone, Paolo Botti, Tino Tracanna, Roberto Bonati. L’album verrà presentato dal vivo il 28 giugno a Milano (Jazz in Cascina-Mare Culturale Urbano) e  il 25 Agosto all’Accademia Carrara di Bergamo.

________________________________________________________________________________

L'Orchestra Jazz Parthenopea di Pino Jodice e Giuliana Soscia 
presenta 
MEGARIDE feat. Paolo Fresu

Disponibile nei negozi e in tutti i digital store da venerdì 31 marzo l'album live estratto dal meraviglioso concerto tenuto lo scorso 22 giugno 2016 presso il vulcano Solfatara a Pozzuoli, in occasione del Pozzuoli Jazz Festival. L'Orchestra Jazz Parthenopea nasce nel cuore flegreo della Napoli creativa e vulcanica da un'idea di Pino Jodice e Giuliana Soscia e raccoglie 20 straordinari musicisti provenienti dal Sud Italia. Uno dei rarissimi casi di orchestra ad avere due direttori e forse l'unico a offrire al pubblico una visione maschile e femminile di composizione, arrangiamento e direzione. Per quanto possa trovare un riferimento nella possente orchestra di Stan Kenton, si aggiunge l'utilizzo di strumenti meno usuali, dalla fisarmonica di Giuliana Soscia ai tamburi etnici e uso del canto del percussionista Giovanni Imparato, al basso tuba, ampliando così la gamma timbrica, offrendo sonorità capaci di far ben coesistere tradizione e innovazione attraverso percorsi di sperimentazione e contaminazione. Il progetto Megaride, ispirato all'isolotto luogo di nascita dell'antica Parthenope, vuole esprimere Napoli come centro culturale del Mediterraneo, crocevia oggi come in passato d’incontri meravigliosi e artisticamente insuperabili in cui il jazz rappresenta una realtà importante e consolidata. Desiderio di valorizzazione dei musicisti locali e di rinascita del Mediterraneo attraverso la musica capace di favorire l'interscambio culturale e di abbattere, oggi più che mai, ogni muro. Il percorso musicale (oltre 75 minuti nell'album) prevede composizioni originali e arrangiamenti per orchestra di Pino Jodice e Giuliana Soscia in cui la scrittura variegata e la ricerca timbrica sono gli ingredienti principali, celebrati in questo concerto anche dalla presenza dell'ospite d'eccezione Paolo Fresu, forse il musicista jazz italiano più seguito in tutto il mondo. Grandi mescolanze fra tradizione americana e colori etnico-folcloristici, dalla composizione di Jodice "Feste popolari in Sardegna" alla "Lu Scottis" della Soscia. Anche influenze della musica classica facilmente percepibili fra le note di Giuliana Soscia nel brano "Sonata per luna crescente". Fra gli arrangiamenti di Pino Jodice, oltre alla composizione "Inno alla vita" scritta da Paolo Fresu per il figlio ed un’inedita versione per orchestra jazz di "Volcano for Hire" dei Weather Report, non manca un omaggio al grande Pino Daniele con la versione jazzistica di "Chi tene 'o mare" che riceve il Riconoscimento di Eccellenza Certificata dalla Fondazione "Pino Daniele Trust Onlus". I musicisti coinvolti sono: Pino Jodice (direzione, composizioni, arrangiamenti e pianoforte), Giuliana Soscia (direzione, composizioni, arrangiamenti e fisarmonica), Paolo Fresu (composizione, tromba, flicorno e live-electronic), Giovanni Imparato (percussioni e voce), Domenico Guastafierro (flauto), Enzo Amazio (chitarra), Alexandre Cerdà Belda (tuba), Luciano Bellico, Claudio Cardito, Gianluca Vigliar, Valerio Virzo, Nicola Rando (sassofoni), Gianfranco Campagnoli, Lorenzo Federici, Fabio Renzullo, Pino Melfi, Umberto Paudice (trombe), Alessandro Tedesco, Francesco Izzo, Pasquale Mosca, Michelangelo Grisi (tromboni), Marco De Tilla (basso elettrico e contrabbasso), Pietro Iodice (batteria). Pino Jodice e Giuliana Soscia, entrambi con un lungo percorso alle spalle, sono accomunati da una stessa visione della musica e della composizione. Uniti nell'arte e nella vita dal 2007 con il "Giuliana Soscia & Pino Jodice Quartet” (e Duet) hanno pubblicato otto album e riscosso consensi di critica e pubblico in tutto il mondo con un'incredibile attività concertistica. Pino Jodice è pianista, pluripremiato compositore ed arrangiatore e direttore con esperienza in alcune delle più importanti orchestre jazz al mondo. Giuliana Soscia è considerata dalla critica una delle migliori fisarmoniciste jazz d'Italia oltre ad essere talentosa pianista, compositrice e direttrice d'orchestra.
___________________________________________________________________________

Homemade: sonorità dal basso volano oltreoceano

Homemade è un album. Ma prima di tutto è un progetto collettivo originale che nasce da un’idea della Label e società di produzione indipendente romana M.I.L.K. (Minds In a Lovely Karma). E approda, pronti via, sul mercato jazz internazionale con una campagna fino a fine aprile su DownBeat.com, una delle vetrine più importanti del settore. Prendi 23 band, una villa trasformata in studio di registrazione e un’ora di registrazione live a disposizione. Ecco che ne viene fuori un disco: Homemade. Un lavoro a più voci, ognuna con uno stile e un sound personale, un’iniziativa nata da basso in occasione del Jazzit Fest 2016, dove musicisti, cultori, etichette e tecnici si sono ritrovati in uno stesso posto, e hanno creato un’occasione di unione e di crescita. Visto il successo dell’iniziativa, si è pensato di andare oltre, di mirare ad un progetto più ambizioso. Delle 23 band che hanno partecipato ne sono state selezionate 10, che hanno deciso di partecipare ad una coproduzione innovativa ideata da Milk. Il progetto era quello di realizzare un album di dieci brani eseguiti da dieci esemble diverse, ognuno con solo un’ora di studio a disposizione. Gli artisti che hanno preso parte alla produzione sono: Anna Luglio Duo, Strade, Paolo Innarella Classic Flute, Simona Parrinello Trio, Small House, Ilaria Capalbo & Stefano Falcone, Sergio Di Gennaro 3io, Maloo, Duologues, Satoyama e Filippo Cosentino. Per l’anno 2016 Milk ha organizzato, come nei due anni precedenti, una residenza creativa, uno studio mobile nella casa di un abitante di Cumiana, sede del festival. Un progetto innovativo che si è trasformato nel corso degli anni fino ad approdare ad Homemade, questo album che esce unicamente all’estero. Gli artisti hanno diviso i costi e hanno acquistato un banner sulla homepage del sito Down Beat che rimanda direttamente al sito creato da Milk, in cui vi sono informazioni, fotografie e ascolti di tutti gli artisti coinvolti mezzo per far conoscere le band al pubblico internazionale. Un modo inedito per presentare e realizzare idee che possano permettere di dare spazio all’arte in tempi difficili. Make Art (is) Possible.

____________________________________________________________________________

Pollock Project esce con il quarto album tra songwriting e jazztronica

Sabato 13 maggio Pollock Project sale sul palco della Casa del Jazz (ore 21.00, €. 15,00 intero, €. 12.00 ridotto) per presentare il nuovo album: Speak Slowly Please!, il disco della svolta jazztronica. Se nei primi tre album si seguiva un percorso in nome del visionario e dell’art-jazz ora quella matrice sembra inglobata in uno stile musicale unico e trasversale che è ormai divenuto un preciso marchio di fabbrica del gruppo. Un mix imprevedibile ed evocativo di jazz contemporaneo, world music, post-prog, musica elettronica ed arti visuali che si muove liberamente fra classico e modernità. Un disco all’insegna del numero 4: quarto album e quattro musicisti perché Pollock Project è divenuto ora un quartetto. A fianco, infatti, al suo ideatore Marco Testoni, nonché autore di tutti i brani (piano, handpan, percussioni; Premio Colonne Sonore 2014 e Premio Roma Videoclip 2016 Compositore dell’anno), Elisabetta Antonini (voce, live electronics. Top Jazz 2014 - Miglior Nuovo Talento) e a Simone Salza (sassofoni e clarinetto; interprete dei principali autori italiani di musica per cinema come Ennio Morricone e Nicola Piovani) si aggiunge in pianta stabile lo stile intenso e duttile del chitarrista svedese Mats Hedberg. Preziosi special guests del disco: Primiano Di Biase (Dire Straits Legacy), Giancarlo Russo (Meteor Shower) e Guido Benigni (Acustica Medievale). Come da tradizione Il titolo dell’album è programmatico: un ironico ed amichevole invito ad una chiarezza di linguaggio che sappia essere diretto pur esprimendo contenuti musicalmente e culturalmente profondi. Già dalla sua prima traccia, L As In A Gift una canzone scritta da Marco Testoni con il testo della cantautrice irlandese Kay McCarthy, ma soprattutto con la title-track Speak Slowly Please!, una moderna ballad ispirata al libro di Julio Cortazar e Carol Dunlop (Gli autonauti della cosmostrada, ovvero un viaggio atemporale Parigi-Marsiglia), il disco mostra una discontinuità con le produzioni precedenti uscendo dalla consueta musica strumentale per inoltrarsi nel terreno della songwriting. Cosi Marco Testoni spiega il titolo del disco: “Speak Slowly Please è una piccola frase che nasconde bellissimi e semplici contenuti. E’ una richiesta di chiarezza, ma è anche un desiderio di capire il nostro interlocutore. Ti chiedo di parlare lentamente per comprenderti meglio e tu provi a farti capire non dando per scontato che io conosca bene la tua lingua. Sembra una sciocchezza ma non lo è affatto! Sia nel quotidiano che nella musica.”. Fra le altre tracce dell’album troviamo Nana, un brano dedicato ai musicisti che accompagnarono lo strip di Aiché Nana che diede inizio alla Dolce Vita, e alcuni dei più noti pezzi dei primi tre album qui riarrangiati per la nuova formazione: Unnecessary, Pe No Chao e Impossible Humans. Infine non poteva mancare la rilettura di due pezzi strumentali riscoperti nella loro profonda novità: lo standard So What di Miles Davis e Watermelon in Easter Hay di Frank Zappa un brano incredibilmente lirico e poetico, tanto differente rispetto alla produzione del grande musicista americano. Due brani solo apparentemente lontani fra di loro, in realtà accomunati dalla straordinaria ed imprevedibile trasversalità dei suoi autori.
 _________________________________________________________________________________

Un dialogo tra diversità, come sempre tra jazz, rock, prog e musica colta: a tre anni di distanza da 'AdC', la band bolognese torna con un ambizioso doppio album. Tra gli ospiti Alessandro Bonetti dei Deus Ex Machina
Violato Intatto: il quarto album di Accordo dei Contrari!

ACCORDO DEI CONTRARI
Violato Intatto  
11 tracce | 73.25 minuti
ADC - distribuzione Self/Ma.Ra.Cash

«Violato Intatto è, tra tutti gli album realizzati, quello che più rispecchia l'essenza di Accordo dei Contrari. E' possibile distinguere un'identità diversa per ogni brano, e riconoscervi forme diverse reciprocamente integrate. Ma Violato Intatto è l'esatto opposto di un collage: compatto e unitario, fluido e articolato, attraversato sempre, anche nei momenti meno irruenti e più contemplativi, o in quelli più onirici, da una stessa forza riconoscibilissima, in continuo moto e in perenne proiezione. Questo è Accordo dei Contrari». Non potevano presentare meglio il loro nuovissimo album, i quattro membri di Accordo dei Contrari: a quindici anni dai loro esordi, dopo tre dischi apprezzati in Italia e all'estero, i musicisti bolognesi definiscono finalmente la loro proposta artistica con Violato Intatto. Un doppio album - con distribuzione Self - che racchiude e sintetizza elementi, direzioni, obiettivi e ambizioni di una carriera, all'insegna di una musicalità che rifugge dalla connotazione di genere. Nato a Bologna nel 2001, Accordo dei Contrari tra il 2007 e il 2014 ha pubblicato tre album e ha suonato in numerosi festival italiani e stranieri; grazie al lavoro in studio e all'attività live, il gruppo ha raccolto un significativo consenso internazionale. Dopo la partecipazione al Crescendo Festival di Saint Palais sur Mer e al Time In Jazz di Paolo Fresu a Berchidda, Accordo dei Contrari è diventato un trio strumentale senza basso elettrico: l'organico che ha dato vita ai lavori di Violato Intatto. «L'assenza del basso elettrico non ha influito sulla scrittura: Accordo dei Contrari, in origine, era proprio un trio costituito da tastiere, chitarra e batteria, e le composizioni di Giovanni Parmeggiani spesso poggiano, sia ritmicamente che armonicamente, sulla mano sinistra (dunque sull'invenzione di linee di basso al piano). Tale assenza distingue di fatto la nostra formazione dalla formula più tipica del trio/quartetto elettrico. Ovviamente non mancano precedenti illustri (basterebbe pensare ai primi Lifetime, ai Doors, ai Van der Graaf Generator), ma quel che conta è che noi siamo molto soddisfatti del risultato: il sound ha acquisito un colore particolare». Il biennio 2015/2016 è stato pieno di energia e di idee per Accordo Dei Contrari, l'arrivo del quarto membro, il sassofonista Stefano Radaelli, ha consentito alla band di completare un progetto nato all'insegna di una ispirazione e una ricchezza di idee davvero rilevanti. Complice anche la presenza di ospiti, tra i quali Alessandro Bonetti, violino dei Deus Ex Machina, Violato Intatto ribadisce l'eclettismo del quartetto, conferma intuizioni e sviluppi affrontati negli album precedenti, si arricchisce del desiderio di esplorare nuovi territori e approfondire gli elementi ormai tipici della loro formula strumentale a cavallo tra rock, jazz e musica colta. Registrato dal vivo in studio con overdubs ridotte al minimo, con il mastering dell'esperto Udi Koomran (già con Ahvak, Present, 5uu's etc.), Violato Intatto rappresenta Accordo Dei Contrari anche per la dimensione live, che come sottolinea la band «è essenziale, addirittura identitaria. Essa si manifesta e si impone naturalmente, abbattendo gli steccati esistenti tra una prova in sala, una registrazione in studio o un concerto. La musica di Accordo dei Contrari presenta per concezione strutture preparate e molto elaborate, ma resta vitale e spontanea proprio perché non può prescindere da un approccio all'esecuzione di tipo collettivo: l'orecchio di ognuno è educato, per programma, ad ascoltare la voce dell'altro (o degli altri) e a rispondere, in un dialogo sempre aperto e profondo nella dinamica. E' per questo che c'è continuità e non frattura tra parti scritte e parti totalmente improvvisate». "Un dialogo sempre aperto e profondo". Perfetta sintesi per le undici tracce di Violato Intatto, lavoro che rilancia, se ce ne fosse ancora bisogno, l'unicità di Accordo dei Contrari: una continua, evoluta e pacifica convivenza tra diversità per una delle formazioni più preparate e originali del panorama europeo.
___________________________________________________________________________

Cuore, anima e sensualità delle arie di Giacomo Puccini, il canto e l'incanto di musica nuova perché antica, antica perché nuova, e il vento leggero della memoria nel secondo lavoro dei due chitarristi siciliani. L'avvincente operazione culturale di Almendra Music con una originale ricreazione delle chitarre gemelle  
Hacked Arias: un inedito Puccini chitarrista nella traduzione del Duo Blanco Sinacori

DUO BLANCO SINACORI
Hacked Arias (Vol. 1: Giacomo Puccini) 
5 tracce | 16.10
Almendra Music (AM0031)
Distr. The Orchard | BandCamp e Digitale (iTunes, Spotify, Amazon, etc)

«Quando con Giuseppe avviai il Duo Blanco Sinacori non avrei mai immaginato di realizzare un album del genere: l’idea di poter tradurre con una coppia di chitarre la sapiente potenza comunicativa di un’aria d’opera mi sembrava impossibile. Poi invece arrivarono le Hacked Overtures del nostro primo album, e poi arrivò Nessun Dorma! Fu questa la prima Aria che traducemmo per il Duo, da noi inizialmente pensata come bis dopo concerti, e il suo incredibile successo nei live ci spinse a continuare verso questa strada» (Alessandro Blanco).  «Riprendendo concept e forma del nostro album di debutto, pensammo che le celeberrime arie di Puccini dovevano essere intermezzate da virtuosi virus del pensiero e del codice musicale, in grado di insinuarsi nella percezione musealizzata del repertorio e così ricollocandolo nel tempo naturale della cosiddetta “musica classica”: il tempo presente dell'ascolto, l'oggi. Qui entra in gioco Valentina Casesa, grande artista il cui genio musicale era già a noi noto, peraltro con una sua originalissima ricerca proprio sul tempo e sulla memoria, personale e nella storia della musica. Valentina non tardò ad accettare l'invito e scrisse le due perle in dialogo con le Arie pucciniane» (Giuseppe Sinacori). Da Rossini e Bellini a Puccini. Dalle sinfonie d'opera alle arie. Dallo studio al concerto, dal successo di Nessun dorma al ritorno in studio. Due chitarre gemelle e speculari, due pirati delle sei corde tanto rispettosi quanto audaci. Hacked Arias (Vol. 1: Giacomo Puccini) è un disco importante: come sempre accade nelle produzioni Almendra Music, anche un album breve di cinque brani si rivela il punto d'arrivo di un percorso musicale, compositivo e interpretativo, colto e umano, in un catalogo discografico la cui coerenza trova la propria realizzazione nella varietà delle musiche e del pensiero che lo informa. Il secondo lavoro del Duo Blanco Sinacori è proprio questo, un manifesto cristallino e coerente di una visione artistica che guarda al passato per farlo respirare con il presente, e viceversa: l'omaggio a una 'materia vivente' con l'inedita versione chitarristica di tre celebri arie di Giacomo Puccini, vere e proprie “hit” come E lucevan le stelle (Tosca, 1899), O mio babbino caro (Gianni Schicchi, 1918), la già citata Nessun Dorma (Turandot, 1923), in dialogo con due brani di Valentina Casesa (Frammenti e Riflessi), pensati e composti per questo progetto del Duo Blanco Sinacori. Duo chitarristico nato nel 2009 con la guida di Antonello Farulli all'Accademia “Incontri col Maestro” di Imola, il Duo Blanco Sinacori ha bruciato le tappe affermandosi subito a livello internazionale con un'attività concertistica che dall'Italia ha presto incontrato il pubblico di quattro continenti(imminente è il prossimo tour in Cina), grazie a una proposta musicale che fa tesoro della grande cultura musicale italiana col preciso intento di rivitalizzare, senza populismi né banalizzazioni, l'immagine irrigidita della chitarra classica nella musica d'oggi. Alessandro Blanco e Giuseppe Sinacori sono musicisti chiave nell'evoluzione di Almendra Music: il loro debutto Hacked Overtures del 2015 è diventato un titolo "storico" della label-laboratorio siciliana, lo stesso Blanco con Heptachord (in coppia col sassofonista Nicola Mogavero) nello scorso novembre ha offerto al pubblico e alla critica un altro punto di vista "almendrico", tra world music, prog e musica contemporanea di scrittura. Il Duo Blanco Sinacori suona una coppia di chitarre gemelle (una mancina l’altra destra) appositamente costruite dal liutaio Vincenzo Candela. Se in Hacked Overtures la coppia si misurava con le sinfonie d'opera di Rossini e Bellini (ispirandosi alle trascrizioni di Mauro Giuliani ma ripartendo dalle partiture orchestrali originarie), questo primo “spin off”, Hacked Arias, estende la ricerca alle arie di Puccini, ancora una volta con un approccio rigoroso ma tutt'altro che museale. L'obiettivo del duo è legato al desiderio di far respirare nella contemporaneità - dunque per un pubblico che ha abitudini, rituali e consapevolezze diverse rispetto a quello dell'era pucciniana - celeberrime arie d'opera accanto a brani d'autore appositamente composti, attuali e funzionali al concept. Ogni album Almendra va anche ascoltato, interpretato e compreso all'interno del laboratorio di pensiero sonoro della label siciliana. Così come i vari album pianistici mostrano più di uno sguardo laterale rispetto alla letteratura pianistica sia classica che attuale, anche Hacked Arias va calato nel clima di ampia collaborazione all'interno della factory. Grazie al coinvolgimento di Valentina Casesa (analogo a quello di Maurizio Pisati in Hacked Overtures), Hacked Arias si affianca alla linea-guida stabilita dalla recente e nutrita serie di piano album Almendra, conferendole una rinnovata vitalità proprio con l'interpretazione del duo. Decisiva in tal senso la dichiarazione della Casesa: «Quando Alessandro e Peppe mi hanno chiesto di realizzare dei ponti tra le arie di Puccini, mi è venuta subito in mente l'immagine dello sfogliare un vecchio album di fotografie: un vento leggero, dettato dallo sfoglio di pagine irrigidite, era proprio ciò che avrei potuto realizzare. Ho iniziato a scrivere prendendo piccoli frammenti melodici pucciniani, ed ho iniziato a trattarli e nutrirli con estrema cura, come piccoli germogli nuovi e per questo dai contenuti profondi: nuovi perché antichi, antichi perché nuovi. La memoria musicale di un passato così importante, come quello di Puccini, non poteva e non doveva più essere nascosta, incarcerata in prigioni più o meno dorate! Ecco il fine: mantenere viva la memoria, perché essa è sempre nel e del momento presente».  È assai importante anche il lavoro grafico e concettuale realizzato da Antonio Cusimano - visual artist noto come 3112htm - intorno alla figura di Puccini per realizzare la copertina di Hacked Arias, ancora una volta un piccolo gioiello visivo nella ormai storica tradizione Almendra, sempre attenta al rapporto tra memoria e futuro, tra identità e pluralità di segni e stimoli, con il dichiarato omaggio al movimento artistico degli Anacronisti: «Lo scopo prefissato era quello di "hackerare" Giacomo Puccini con elementi che lo rendessero avulso dal proprio contesto temporale, al fine di creare un contrasto con la sua figura sedimentata nell'immaginario collettivo. L'artwork crea dunque, con espedienti anacronistici, un'immagine del compositore paradossalmente "fedele" e diversa a un tempo da quella universalmente conosciuta, una versione distopica e immaginifica che mischia elementi distanti fra loro nel tempo. La composizione muove infatti dalla ritrattistica del XIX secolo, che ancora permaneva in Italia in pieno XX secolo, e vede Puccini ritratto a mezzo busto come da tradizione, ma sullo sfondo di un muro di periferia di oggi con scritte e tag di writers che diventano la tracklist dell'album, e nelle vesti di un bucaniere come nei ritratti dei capitani nell'epoca d'oro della pirateria, con l'effige del Duo Blanco Sinacori sul tricorno: un "Jolly Roger" in cui le chitarre sostituiscono il tradizionale teschio con le tibie incrociate».