Beppe Gambetta - Live At The Teatro Della Corte, The First 10 Years (Gadfly Records)

CONSIGLIATO BLOGFOOLK!

Beppe Gambetta è senza dubbio uno dei più importanti chitarristi italiani, non solo per la sua grande familiarità con gli ambienti folk e country americani, ma soprattutto per essere uno dei pochi nostri esponenti della nuova musica acustica. Sarebbe limitativo comunque concentrare il suo eclettismo in poche righe perché il chitarrista genovese vanta interessi differenziati che spaiano dalla cucina all’insegnamento fino a toccare ovviamente la chitarra e il suo ormai annuale Acoustic Nights, che dal 2001 è diventato un appuntamento fisso al Teatro della Corte di Genova. Questo evento negli anni è diventato un momento di incontro preziosissimo per tutti gli amanti della chitarra acustica, per i quali è un’occasione spesso unica per ascoltare non solo gli artisti italiani ma anche quelli europei ed americani. A distanza di dieci anni dalla prima edizione, Beppe Gambetta ha deciso di raccogliere in un disco, Live At The Teatro Della Corte – The First 10 Years, il meglio delle performance dal vivo di queste edizioni, che ovviamente vedono coinvolti una lunghissima schiera di ospiti tra cui vale la pena citare l’ex Byrds Gene Parson, Patty Larkin, Martino Coppo, Mike Marshall, Don Ross e Tony McManus. Si spazia così da brani tradizionali italiani a quelli americani passando per composizioni originali, il tutto senza che per un attimo si perda quella magia che solo la chitarra di Gambetta riesce a ricreare. In una sequenza alternata quasi perfetta tra strumentali e cantati, scorrono piccoli gioielli come il duetto con Brad Davis in Blackberry Blossom o il tradizionale slovacco Vlašico/Czardas eseguita insieme a Miso Vavro, o ancora una magnifica Romance in Durango di Bob Dylan che allo stesso tempo omaggia anche la traduzione di Fabrizio De Andrè riportando alcune strofe in italiano. Tra i brani originali brillano Indifference eseguita insieme a Mike Marshall, la dolcissima Stefania scritta dal conterraneo Pasquale Taraffo e la splendida Procession, che in questa versione live si esalta nella sua spettacolare sequenza melodica. Questo splendido live è così un eccellente documento della preziosa opera di Beppe Gambetta non solo come musicista, la cui carriera ormai parla da se, ma anche come punto di riferimento per quanti amano la chitarra acustica e ovviamente il suo legame con la tradizione country e folk americana. Live At Teatro Della Corte non dovrebbe, dunque, mancare agli appassionati del genere ma ci sentiamo di consigliarlo vivamente anche a coloro che vogliono avvicinarsi alla produzione artistica di questo grande chitarrista italiano. 


Salvatore Esposito