Le vie dei canti

LE VIE DEI CANTI
IV edizione 
Settembre Dicembre 2019
“Stupore e Incanto “

Parte sabato 14 settembre la 4° edizione del Festival di musica e cultura di tradizione orale Le Vie dei Canti”, con un viaggio in musica sul trenino di Genova Casella per continuare fino a dicembre sui palcoscenici di alcuni dei più bei palazzi della nostra città.  Il festival fa parte del circuito “Genova Città dei Festival” e oltre al Comune di Genova è organizzato dall’ Gruppo Spontaneo Trallalero e realizzato grazie al sostegno di Fondazione CARIGE, Regione Liguria, Ass. SardaTellus, AutogasNord, e la collaborazione di Porto Antico Spa, Camera di Commercio, Fondazione Palazzo Ducale, Palazzo della Meridiana, CAP&S, CIV Ripa Maris, la Ferrovia Genova Casella, Proloco Casella e patrocini dei comuni di Casella Serra Riccò e Parco Antola. “Siamo molto orgogliosi dell’imprimatur grafico che nasce dalla geniale creatività di Stefano Rolli che ha colto perfettamente il messaggio del nostro festival -  dice Laura Parodi direttore artistico insieme ad Alessandro Guerrini – Le Vie dei Canti affronta un argomento attuale e nello stesso tempo perduto: la capacità di stupirsi e quindi “Stupore e Incanto”  sono gli argomenti di questa edizione.  Così il Maestro Peppe Vessicchio nostro ospite:  “…ci siamo condannati da soli alla privazione dello stupore. Quando invece ogni stupore è premessa di bellezza” ndr.  E bellezza sarà ascoltare  voci strepitose nel loro canto, maestri di strumento, danze, vibrazioni e frequenze da cogliere… per stupirsi a cominciare dalle note che si ascolteranno nel centro storico con CaruggInCanto dalla seconda metà di settembre. Abbiamo voluto con noi artisti legati profondamente alle proprie radici musicali tradizionali che hanno fatto incontrare con grande maestria la musica di tradizione orale con suoni contemporanei senza tradirne il valore e aiutandola a non finire nel ghetto della rievocazione correndo il rischio di farne un culto non praticato. 
Cian Cianin” è il titolo che abbiamo voluto dare alla giornata inaugurale del 14 settembre (info ciancianin@gmail.com) con l’augurio per il trenino che compie 90 anni di continuare il suo lento cammino  e che sia un invito anche per tutti a rallentare un po’ i ritmi e quindi in queste lentezze ritrovate permettersi il lusso di stupirsi”. Quindi ci si ritroverà alle 11,15 alla Stazione  Trenino Genova-Casella  per godere di un Viaggio in musica nelle carrozze del trenino storico e raggiungere Torrazza per fare  pranzo tipico genovese  presso agriturismo E Reixe  e con “Canti intorno al tavolo” i partecipanti  potranno imparare-cantando con uno dei più rappresentativi cantaStorie italiani Chacho Marchelli brani della tradizione ligure e piemontese.  Sarà presente anche la neonata “Rete Produttori Agricoli Alta Valpolcevera”. Alle 16,30 si riprenderà il percorso con il trenino per raggiungere Casella dove nell’Area Expò alle ore 17 ci sarà un Work-shop di “Danze rare del Piemonte” con Enzo Conti e Paola Comola dell’Ass.Cult Trata Birata. Nell’area saranno presenti produttori dei prodotti tipici del Parco Antola.Alle  ore 21,30  “ Tra Cel e Tera". Concerto a ballo de “I Tre Martelli” freschi del riconoscimento Premio alla carriera Città di Loano.


Domenica 29 settembre  nella Sala del Minor Consiglio di Palazzo Ducale alle 16,00 con “Cosa sono le nuvole”   concerto del duo salentino Rachele Andrioli: voce e tamburi a cornice una cantante dalla eccezionale versatilità timbrica vocale e Rocco Nigro: fisarmonicista strepitoso.  Arrivano all’appuntamento col nostro festival dopo la tournée europea dove hanno  portato la loro  ricerca sonora che fa rivivere i canti della tradizione del sud Italia con sensibilità moderna;  proposta artistica  che gli ha fatto vincere a gennaio in Germania il prestigioso “Premio Folk Eiserner Eversteiner”.
Sabato 12 ottobre in Piazza delle Feste  e con “Voci di suoni,  suoni di passi” dopo lo strepitoso successo dello scorso anno torna il balfolk al Porto Antico:  sul palco  due “leoni” della scena musicale europea  che presenteranno il progetto “Gran Bal Dub” con il frontman dei Lou Dalfin Sergio Berardo,  voce e ghironda  e Madaski, : electronic devices, voce; co-fondatore degli Africa Unite considerato uno dei principali esponenti della scena dub italiana, i quali hanno unito le forze per esplorare le connessioni tra la musica delle Valli Occitane con i suoni della dancehall. La ghironda degli antichi suonatori itineranti, che fino alla metà del secolo scorso attraversavano l’Europa diffondendo le musiche identitarie della cultura d’Oc, incontra la contemporaneità dell’elettronica, dando vita a stupefacenti incroci ed attraversamenti sonori tra presente, passato e futuro. 
Sonos, cantos e ballos de sa Sardinia” : continua l’appuntamento con le tradizioni della Sardegna e la proficua collaborazione con l’associazione Sardatellus che ospiterà Sabato 19 ottobre nella sala delle grida del Palazzo della Borsa alle 21,00 il gruppo Le Balentes il cui stile parte dal canto a tenore, caratteristico della tradizione sarda maschile, rivisitato in maniera molto personale facendo incontrare la tradizione con sonorità più moderne e altre realtà etniche di tutto il bacino del mediterraneo. Il gruppo di ballo Tuffudesu con i balli tradizionali di Osilo come il “Ballu Tundu” tipico ballo del Logudoro  o “S’Aggesa” chiamato ballo degli sposi;  “Sa danza” , il ballo del corteggiamento e Chirigheddu Pintu. I danzatori indosseranno i bellissimi abiti tradizionali di gala che da sempre ha caratterizzato il paese di Osilo come “Sa capitta” in velluto di seta composto decorati con ampi motivi floreali ricamati a mano con fili di seta, ciniglia e lamine d’oro o d’argento. 
La dottoressa Silvana Vernazza della Sovrintendeza etnoantropolgica della Liguria dei dialoghi fra  lingaggi: danza, musica, abiti e le lroo decorazioni 
Sabato 9 novembre - Genova Palazzo della Meridiana  ore 16,00 “Lo stupore originario” conversazione con  Stefano Catucci filosofo docente di Estetica all'Università di Roma "La Sapienza"  Scrittore e storico conduttore dei Concerti del Quirinale di Radio3. Come riattivare l’incanto dell’infanzia, come ritrovarlo specificamente nella musica e attraverso la musica?” A seguire il pubblico sarà accompagnato da Fabio Rinaudo artista ligure d’eccellenza dalle collaborazioni prestigiose in ambito europeo, alla scoperta delle peculiarità della cornamusa. Con  “La Musica fa crescere i pomodori” Domenica 10  novembre  all’Auditorium Strada Nuova ore 16,00  conversazione in musica con una vera icona della musica popolare italiana  il Maestro Peppe Vessicchio e il duo “EbbaneSis". due strepitose artiste napoletane , Viviana Cangiano e Serena Pisa,  diventate famose con i  loro virtuosismi vocali e alla loro comicità grazie al successo avuto sul web. “La musica non è solo stimolo cerebrale.  Può parlare alle nostre cellule e con una parte di noi che non conosciamo. E quando gli armonici si combinano in modo naturale, l’equilibrio delle loro attrazioni è pacifico e ci dà benessere. Musica armonico-naturale, io la definisco così. Se tutte le cose che ci circondano avessero questo equilibrio, questa propria formidabile individualità all’interno di un insieme, ci troveremmo in una condizione ideale.”  Così il Maestro Vessicchio. 
Domenica  1 dicembre  - Circolo Autorità Portuale  “Genova canta il tuo canto” La chiusura del Festival  è l’appuntamento fisso che la nostra manifestazione dedica all’esibizione di tutte le Squadre di Trallalero. La prima domenica  di dicembre  le Squadre di Bel Canto Popolare : A Lanterna, Giovani Canterini di Sant’Olcese,  Gruppo Spontaneo Trallalero,  La Squadra si sfideranno nella Sala Montelucco del CAP&S.
Il Festival da quest’anno collabora con Grafica KC di Giacomo Chiarella una realtà tipografica che cerca da sempre di unire la qualità del prodotto alla sostenibilità! Condividiamo in particolare il progetto “Il Cielo in Una Stampa”: laboratorio di stampa interno alla Sezione Maschile della Casa Circondariale di Genova Pontedecimo che ha l’obiettivo di formare un gruppo di persone detenute al lavoro tipografico!


Info www.leviedeicantifestival.it FB: Le Vie dei Canti Festival gstrallalero@gmail.com
Associazione Culturale Gruppo Spontaneo Trallalero – 3703110014 - 3474757932



Nessun commento