Festival Canzone D'Autore

I principali festival dedicati alla canzone d'autore e al rock

MESSAPIA SUMMER FESTIVAL

Domenica 20 agosto
Muro Leccese (Le)

CRIFIU
In concerto
FESTIVAL BAR ITALIA
Lo spettacolo italiano
CICCIO RICCIO
Speaker e dj di una delle maggiori radio del Sud
Piazza del Popolo  
Evento gratuito

Messapia Summer Festival: un grande evento di musica con tre grandi nomi tutti in una notte sul main stage di Piazza del Popolo a Muro Leccese

E' uno degli appuntamneti più attesi dell'estate salentina: l’amministrazione comunale di Muro Leccese in collaborazione con Dilinò organizza la Prima edizione di “Messapia Summer Festival”, un grande evento di musica live che ospiterà sul main stage di Piazza del Popolo a Muro Leccese (LE) tre grandi realtà musicali per una notte di musica che richiamerà migliaia di fans: in apertura gli speaker e i dj di Ciccio Riccio una delle maggiori radio del Sud Italia che apriranno le danze fino all’atteso concerto dei Crifiu che tornano dal vivo in Salento per una tappa del loro tour estivo "A un passo da te Tour” e lo spettacolo di musica italiana tutta da ballare di Festival Bar Italia. L’appuntamento è Domenica 20 agosto in Piazza del Popolo a Muro Leccese (Le) – Ingresso Libero. All’interno della piazza bar e stand enograstronomici. Media Partner Ciccio Riccio. Messapia Summer Festival è un evento unico che in una notte ospita tre grandi realtà musicali che richiamano migliaia di fans. Ciccio Riccio è ormai un marchio consolidato che gira la Puglia con i migliori dj e speaker di Ciccio Riccio e Ciccio Riccio Tv. A loro l’apertura della serata prima dell’atteso live dei Crifiu che proprio nella loro città portano il loro nuovo spettacolo live che sta girando tutta l’Italia con un riscontro di pubblico sempre più crescente. La band salentina farà danzare ed emozionare con il nuovo spettacolo live che accoglie le canzoni del nuovo disco insieme ai tanti brani ormai hit del repertorio della band capace di mescolare i suoni del Mediterraneo al rock, al pop e all'elettronica contemporanea. Dopo le presenze al Primo Maggio di Roma è una delle band più seguite e apprezzate che il Salento sta esportando in tutta Italia. In chiusura a far ballare tutta la notte lo spettacolo di Festival Bar Italia con Vanny deejay e i migliori vocalist e animazioni d’Italia: un evento dedicato alla musica Italiana da ballare con sceneggiatura e allestimenti in stile Italiano tutti rigorosamente firmati Bar Italia; un progetto che da 10 anni fa divertire l’Italia e che riempie tutte le Piazze in cui fermano la loro carovana di luci, animazioni, ballerine e divertimento. Un appuntamento da non perdere, quindi, ricco e per ogni genere all’interno del quale spicca il grande ed atteso concerto dei CRIFIU, che tornano nel Salento per una data molto attesa, tappa del nuovo tour che sta facendo ballare ed emozionare tutta l’Italia con una scaletta ricchissima e un allestimento scenico inedito, per far danzare e cantare il loro numeroso pubblico con un live straordinario e dal forte impatto sonoro ed emotivo.

All’interno della Piazza bar e stand enogastronomici.
Start ore 21.30 - Ingresso Libero
Infoline 3207455943
 _________________________________________________________________________________

XXVIII BUSKER FESTIVAL di CARPINETO ROMANO
L’arte di strada nei vicoli storici della Città d’Arte
25 - 26 agosto, Carpineto Romano (RM)
dalle ore 21.30 – ingresso gratuito

Si rinnova per il 28esimo anno consecutivo il festival di artisti di strada da sempre amato e seguito: il Carpineto Romano Busker Festival, con due giorni unici di teatro, musica, performance e installazioni artistiche all'insegna della libertà. Dal 1990 a oggi, infatti, in occasione del Festival, le strade di Carpineto Romano si animano di quell’arte in grado di abitare ogni angolo urbano, in piena tradizione “baschera”, dando vita a una festa unica di musica e colori. Diventato ormai parte integrante del patrimonio culturale della cittadina, il Festival Buskers di Carpineto Romano si distingue nel panorama nazionale grazie alla commistione dei tradizionali spettacoli di strada con spettacoli che solitamente trovano spazio solo nei teatri o nei live club come la commedia dell'arte e il teatro d'innovazione, spettacoli di circo contemporaneo con strutture aeree, performer di pittura dal vivo che trasformano piazze e vie in musei. “Ormai la cultura busker ha invaso tutta la penisola” ha dichiarato il sindaco di Carpineto Romano Matteo Battisti, “una battaglia vinta per chi come il Comune di Carpineto Romano ha da sempre supportato l’arte di strada rendendola protagonista di uno degli eventi più amati e seguiti del centro Italia, dove si svolge il più antico Busker Festival: un’invasione artistica e culturale libera e felice di cui da 28 anni siamo testimoni e sostenitori”. “Si tratta di un evento nato e pensato proprio per il nostro antico borgo come luogo ideale per le performance” ha continuato Noemi Campagna Assessore alle Politiche Culturali. “Uno scenario unico dove l’arte di strada attraverso la parola, il gesto, la narrazione e lo spettacolo trova la sua ragione di esistere, si integra e prende forma”. Tra le grandi novità di questa edizione lo spettacolo di danza verticale “Di nuvole e vento” della compagnia MateriaViva con Anton Giulio de Guglielmo e Alessandra Lanciotti. I due performer voleranno sulla parete occidentale del campanile, danzando in una prospettiva ribaltata, straniante, che ricorda i quadri di Escher, trasposti in una dimensione lunare e romantica. Anche quest’anno il nouveau cirque sarà una delle attrattive principali per grandi e piccini con spettacoli come Etna Di Antonio Bonura in Arte il Drago Bianco, Tatiana Foschipropone una performance di acrobatica aerea utilizzando tessuti corda e trapezio, antiche discipline circensi riadattate con carattere teatrale e proposte con grazia e forza., Diego Grimaldi in arte Godié con la clownerie teatrale, Alessia Montuni con la magia delle sue bolle di sapone, Aurora col suo spettacolo su trampoli, Elia Bartoli in arte “GiocolElia”, Warner Circus in un esilarante spettacolo di giocoleria , Irene Betti con  il suo spettacolo di contorsionismo e verticali. Per il teatro, Guglielmo Bartoli “Teresa!” mentre Eduardo Ricciardelli propone ”27+1 J”; per la pittura, ospiti la performance di pittura dal vivo di Cristiano Quagliozzi in arte Quac e la collettiva di Artiamoci, con gli Artisti Federico Giampaolo, Gemma Martellla, Mauro Cacciotti, Vania Sabelli, Fabio Castrucci e infine il pittore emiliano Esposito presenterà una performance dal titolo “Sogni “  di pittura e danza. La Musica verrà presentata in tutte le sue forme e generi con il percussionista Drumbo, lo spettacolo country musicale dei Keet & More, la street Band Calabballa , la sperimentazione della voce di Noisyra, I Nuàri gruppo locale che sta preparando l’uscità del secondo disco. Il cantautore Leo Folgori, il one man band Salvario. Altra novità dell’edizione 2017: ScuderieMArteLive lancia una Call for Artist per selezionare i migliori talenti emergenti delle arti performative (teatro, danza e circo) dandogli la possibilità di accedere al MArteLive e approdare alla Biennale MArteLive 2017 (deadline 21 agosto 2017). Anche per il 2017 la direzione artistica sarà affidata alle ScuderieMArteLive di Peppe Casa,con il coordinamento artistico di Linda Fiocco. L’appuntamento del 2016 con l’Arte di Strada è il 25 e 26 agosto a Carpineto Romano (RM) con il XXVII Busker Festival.

Per Info:  Ufficio Turistico: 06/97180028
_________________________________________________________________________________


3° EDIZIONE DEL FESTIVAL PARADISO MUSICALE 
DAL 18 AL 21 AGOSTO 2017 
A VALSAVARENCHE - AOSTA

Dopo il successo dello scorso anno, la musica continua a farla da padrone nella meravigliosa località della Valsavarenche, all’interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Si terrà infatti da venerdì 18 a lunedì 21 agosto 2017, appunto a Valsavarenche, in località Degioz, la terza edizione del Festival Paradiso Musicale, organizzato dalla Pro Loco del paese, in sinergia con l’Ente Parco Nazionale del Gran Paradiso, il Consiglio regionale della Valle d'Aosta e l'Amministrazione comunale e sempre in gemellaggio con il Festival dell’Ascolto di Introd. Continua l'iniziativa che si prefisse sin dalla sua prima edizione l’obiettivo ambizioso di coniugare le bellezze naturalmente presenti nella Valsavarenche, interamente contenuta nel Parco Nazionale del Gran Paradiso, con la musica, forma di espressione artistica che nei luoghi montani, come in questo caso ai piedi della catena del Gran Paradiso, sembra trovare una sua dimensione ancora più legata al territorio e alla cultura locale. E questa iniziativa pian piano sta conquistando tutta la meravigliosa valle, ampliando sia la durata della manifestazione che incrementando le esibizioni musicali ed i luoghi interessati. Il Festival infatti inizierà venerdì 18 agosto, alle ore 17.00, con un aperitivo musicale presso l’Hostellerie du Paradis, il bellissimo hotel tre stelle aperto tutto l’anno in località Eaux-Rousses, dedicato a tutti i clienti e gli ospiti di questa struttura immersa nel verde, che vedrà esibirsi Paolo Bonfanti e Marino Coppo in duo. La carriera del genovese Paolo Bonfanti, è costellata di collaborazioni eccellenti, da leggende del british blues come Dick Heckstall-Smith, a idoli italiani come Fabio Treves. La sua evoluzione artistica, oltre ad aver prodotto alcuni manuali didattici sulla chitarra blues, si intreccia con quella del mandolinista bluegrass Martino Coppo, avvocato per sopravvivere come si definisce, dando vita al CD “Friend Of A Friend” nel 2014. La serata continuerà alle ore 21.00 nella sala consiliare del Municipio a Degioz, differenziare l’offerta e raggiungere il pubblico direttamente “a casa”, con una seconda esibizione del duo Bonfanti-Coppo per tutti i villeggianti ed i residenti presenti nel capoluogo, sempre ad ingresso libero. Sabato 20 agosto, il primo appuntamento è fissato per le ore 11.00 presso l’hotel Parco Nazionale a Degioz- Valsavarenche, per un caffè letterario che vedrà la presenza di Marino Grandi, direttore della rivista Il Blues, che racconterà, accompagnato da alcuni brani musicali e dalla chitarra di Giovanni Parodi, la storia di questa musica nata dagli schiavi neri e che ancora oggi affascina band come i Rolling Stones. Alle 15.00 ci si ritroverà presso il capannone della Pro Loco in località Degioz, dove l'Associazione Culturale Tamtando proporrà un laboratorio musicale aperto a tutti (dai 0 ai 100 anni) che permetterà ai partecipanti di creare strumenti musicali; al termine, dalle ore 17.00 circa, gli stessi strumenti verranno utilizzati durante un concerto/marching band lungo le vie del capoluogo che si concluderà con un apericena presso l’Abro De La Leuna. La partecipazione al laboratorio è gratuita. Quasi contemporaneamente, dalle ore 16.00  presso i locali della Sala Parrocchiale si terrà una introduzione al ballo swing/lindy hop sempre aperto a tutti. Alla sera, a partire dalle ore 21.00, avremo il concerto di Jimmy & The Rebels presso il capannone della Pro Loco il località Degioz. Proveniente dall’esperienza pluriennale dei famosi Mandolin’ Brothers, Jimmy Ragazzon, che nella sua lunga carriera ha collaborato con musicisti italiani come Maurizio “Gnola” Glielmo, e stranieri come Richard Lindgren o Jono Manson, porta avanti questo suo progetto parallelo di American Music, testimoniato dal recente disco “SongBag” che lo ha visto, con i Mandolin’ Brothers,  addirittura rappresentare gli USA nel padiglione ufficiale alla scorsa Borsa Internazionale del Turismo a Milano.  Domenica 20 agosto il Festival Paradiso Musicale si estenderà alla Fiha di –s–Artisan,  fiera dell’Artigianato, dei gusti e dei sapori locali: avremo l’esibizione dei fisarmonicisti Fabio & Roger due artisti, che, spostandosi tra i vari punti strategici della fiera, accompagneranno i turisti, i villeggianti e i residenti nel percorso alla riscoperta delle ricchezze nascoste nel lavoro manuale degli artigiani. Più tardi alle 16.00 nel piazzale del Comune in località Degioz, avremo un nuovo concerto di Jimmy & The Rebels, dedicato questa volta ai turisti in visita alla Valsavarenche e alla sua ormai rinomata Fiera dell’Artigianato. La giornata di domenica si concluderà con una festa musicale, a partire dalle ore 21.00, presso il Bar Lo Forquin, per festeggiare degnamente un appuntamento che sta diventando imperdibile tra le vette delle Alpi. Il festival però non finirà la domenica, infatti lunedì sera per i turisti ancora presenti nell’incantevole cornice della Valsavarenche, il duo Vico Dietro Il Coro, già presenti nella prima edizione del 2015, presenteranno alle 21.00 nella Sala Consiglio del Comune di Valsavarenche il loro nuovo disco dal titolo “Cacciallavolpe”. Dopo la prima coraggiosa e ambiziosa edizione si è tenuta nel 2015, articolata in due serate, con una numerosa partecipazione sia di villeggianti che di residenti, lo scorso anno, ma soprattutto in questo 2017, spinti dai positivi riscontri, il festival si è ingrandito, aumentando l’offerta sia musicale che di intrattenimento, per un pubblico dai 5 agli 85 anni, e iniziando a conquistare anche le altre frazioni della Valsavarenche, che rimane ancora un piccolo gioiello, quasi un “angolo di Paradiso”. L’iniziativa è realizzata con la collaborazione di alcune realtà locali, come l’Abro De La Leuna, l’Hotel Parco Nazionale, il B&B Vers Le Bois, L’Hostellerie Du Paradis, il Bar Lo Fourquin, oltre alla società di eventi, AZ Blues, il Consiglio Regionale della Valle d’Aosta, l’Ufficio Regionale del Turismo nonché dell'Ente Parco Nazionale del Gran Paradiso. Ancora una volta le bellezze naturali delle cime alpine della Valle d’Aosta e del Gran Paradiso incontrano l’arte ed in particolare la musica, per un connubio unico e magico, un’esperienza da vivere direttamente sul posto.

________________________________________________________________________________


Il grande Blues continua a risuonare
per le vie del centro storico di Levico Terme in Trentino

Dopo il grande successo delle prime due edizioni estive, del 2015 e 2016, che hanno visto diventare la cittadina termale ai piedi della catena del Gruppo del Lagorai un importante punto di riferimento per gli amanti del Blues, torna, sempre nel mese di Agosto (18-19 e 20), l’attesissima terza edizione del Levico Terme Blues Festival 2017. Sempre tre giorni di grande musica lungo le strade del centro storico dove poter camminare tra shopping con negozi aperti tutte le sere, aperitivi e grande musica rigorosamente dal vivo proposta da artisti di levatura internazionale giunti da ogni parte d’Italia per questo evento divenuto di diritto un appuntamento fisso per le estati musicali trentine.
La manifestazione, a cura del Consorzio Levico Terme In Centro in collaborazione con A-Z Blues ha lo scopo di proporre ad un pubblico eterogeneo, composto sia da appassionati che dai numerosi turisti, un evento culturale di grande spessore che enfatizzi un genere musicale – il Blues e l’American Music appunto – da sempre legato ai momenti di feste oltre ad essere all’origine di tutta la musica moderna. Durante i giorni del Festival Levico Terme non sarà solo meta turistica per le escursioni in montagna, tra magnifici boschi e il bel lago da Bandiera Blu, tra storia, cultura e sapori ma offrirà, anche, l’occasione per muoversi e ballare a ritmo di Blues. I tanti artisti si racconteranno grazie al loro vasto repertorio saldamente legato al blues della tradizione fino a quello più contemporaneo, in un percorso che saprà accompagnare i presenti in un viaggio virtuale tra le principali città della musica a stelle e strisce quali Memphis, Chicago e New Orleans. E parliamo di musicisti che godono di una grande reputazione in Italia e anche all’estero, del calibro di Piero De Luca & Big Fat Mama, Ciosi, Mora & Bronski, Max Prandi, Poor Boys, Gabriel Delta, Daniele Tenca e Matteo Sansonetto Blues Revue, che avranno l’onore di rendere grande questa terza edizione del Levico Terme Blues Festival. Se vi piacciono il blues, la montagna e la natura, la buona cucina potete approfittare di questa grande occasione per un vacanza musicale indimenticabile sfruttando la grandissima ricettività locale, con speciali offerte di soggiorno dedicate ai cultori del buon Blues. Tante occasioni di alta qualità, come da antica tradizione levicense. www.visitlevicoterme.it/blues.

PROGRAMMA E ORARI CONCERTI

Venerdì 18 Agosto
Ore 20,00 Palco principale (Piazza della chiesa) Piero De Luca & Big Fat Mama
Ore 21,00 Palco principale (Piazza della chiesa) Gabriel Delta Band

Sabato 19 Agosto
Ore 10,00 Cinema Piero De Luca & Big Fat Mama
Ore 11,00 Municipio Poor Boys
Ore 16,00 Caffè Impero Max Prandi
Ore 17,00 Cinema Daniele Tenca Trio
Ore 18,00 Municipio Ciosi
Ore 21,00 Palco principale Matteo Sansonetto Blues Revue

Domenica 20 Agosto
Ore 10,00 Cinema Max Prandi
Ore 11,00 Municipio Daniele Tenca Trio
Ore 16,00 Cinema Poor Boys
Ore 17,00 Municipio Ciosi
Ore 21,00 Palco principale Mora & Bronski
_________________________________________________________________________________

FESTIVAL CONTRO 2017
“FESTIVAL DELLA CANZONE D’IMPEGNO”
CASTAGNOLE DELLE LANZE (AT) 
Dal 19 al 30 agosto 


Francesco Gabbani, I Nomadi, Antonello Venditti e Brunori SAS, fra i protagonisti della nuova edizione.

Piazza San Bartolomeo a Castagnole delle Lanze
inizio spettacoli ore 21.30
Dodici giorni di spettacoli e concerti animeranno la nuova edizione del Festival Contro a Castagnole delle Lanze in Piemonte. Oltre al consueto appuntamento con le nocciole delle Langhe e il raduno nazionale del fans club di una delle band più longeve e apprezzate del panorama nazionale come quella de I Nomadi, quest’anno sono attesi Francesco Gabbani, trionfatore al Festival di Sanremo, Brunori SAS vincitore del Premio Tenco, Il cantautore romano Antonello Venditti e il cabarettista e monologhista Pucci. 
SABATO 19 AGOSTO
GRIDO 
Ingresso gratuito – Pseudonimo di Luca Paolo Aleotti è un rapper cantautore italiano, ex membro del gruppo musicale pop-rap Gemelli DiVersi. Fratello minore di J-Ax, collabora anche con gli Articolo 31. A marzo 2017 pubblica il nuovo album da solista “Segnali di fumo”.    
.
DOMENICA 20 AGOSTO
PUCCI
Ingresso € 20 - cabarettista, monologhista nonché presentatore ed animatore delle notti milanesi, attento osservatore della quotidianità, ama dialogare e scontrarsi con il pubblico improvvisando situazioni grottesche

LUNEDì 21 AGOSTO 
TRELILU
Ingresso gratuito – Quartetto comico-musicale piemontese portavoce del genere “new folk comico”. Melodie originali di vario genere popolare, testi esilaranti, spontaneità dei personaggi proposti, voglia di ridersi addosso: questi gli elementi che caratterizzano i Trelilu.

MARTEDì 22 AGOSTO 
ANTONELLO VENDITTI
Ingresso € 20 – Considerato uno fra i più popolari esponenti della Scuola Romana, il cantautore vanta 30 milioni di copie vendute per 48 album pubblicati. Fra i suoi successi più riusciti: “Notte prima degli esami”, “Roma capoccia” e “Alta marea”.   

MERCOLEDì 23 AGOSTO
BUD SPENCER BLUES EXPLOSION
Ingresso gratuito - Duo alternative rock punk blues romano formatasi nel 2007 e composto da Adriano Viterbini e Cesare Petulicchio. Una fervida attività live sconfinata anche oltreoceano è la caratteristica dominante della band. 

GIOVEDì 24 AGOSTO 
STATUTO
Ingresso gratuito - Il volto italiano italiano dello ska composto da oSKAr, Naska, Rudy Ruzza, Enrico Bontempi. Il loro coerente ma non per questo mai evoluto stile mod, con la loro immediatezza e sfrontatezza nei testi impegnati, spesso ironici o sarcastici conquistano anche il palco di Sanremo nel 1992. 

VENERDì 25 AGOSTO 
FRANCESCO GABBANI
Ingresso €20 – ha trionfato a Sanremo nella sezione Nuove Proposte nel 2016 e nei Big nel 2017. Con il suo “Occidentali's Karma” si è confermato l'artista italiano con il videoclip più visto in un unico giorno e ha travolto l'Euro Vision Song Contest.

SABATO 26 AGOSTO
I NOMADI
Ingresso € 20 - Sono il gruppo musicale pop rock italiano fondato nel 1963 dal tastierista Beppe Carletti e dal cantante Augusto Daolio. Hanno pubblicato fino al 2012 settantuno album tra dischi registrati in studio o dal vivo e raccolte varie. Sono uno dei più conosciuti - e longevi - complessi della musica leggera italiana. Alle 18.30 inizierà il consueto raduno nazionale del fans club.

DOMENICA 27 AGOSTO
I CUGINI DI CAMPAGNA
Diciotto album pubblicati per l’amatissimo gruppo musicale pop fondato nel 1970, che ha da sempre conciliato la musica all’immagine e alla presenza scenica. Indimenticabile resta “Anima mia”, successo del 1973. 

LUNEDì 28 AGOSTO
FIERA DELLA NOCCIOLA 
ORCHESTRA MARIANNA LANTERI
L'orchestra Marianna Lanteri debutta il 20 marzo 2011 al Palaliabel di Salsomaggiore Terme (PR) sede storica del concorso di Miss Italia. Otto musicisti di talento, versatili e pronti a dar vita, con la loro professionalità, a note e melodie che vi accompagneranno durante tutta la serata. 

MARTEDì 29 AGOSTO
LOU DALFIN
Gruppo musicale piemontese nato nel 1982 che rivisita la musicale tradizionale occitana rielaborandola e contaminandola con la musica moderna e affiancando agli antichi trumenti acustici, quelli più noti della musica rock, jazz e reggae.   

MERCOLEDì 30 AGOSTO
BRUNORI SAS 
Ingresso € 20 – classe 1977, origini cosentine, imprenditore mancato ma considerato uno dei migliori cantautori italiani del momento e vincitore della Targa Tenco come miglior disco e miglior canzone. 
E' possibile raggiungere il Comune di Castagnole della Lanze con il servizio bus del consorzio Grandabus utilizzando la Linea 045 CAVALLERMAGGIORE - BRA - ALBA – ASTI. 


_______________________________________________________________________________


Dallo Sciamano allo Showman 2017
15a edizione
festival della canzone umoristica d’autore
Dal 1° agosto al 22 dicembre
Valle Camonica (BS)

Dedicato a Sergio Bardotti

Vittorio De Scalzi e Gnu Quartet, Eugenio Finardi, Neri Marcorè e Edoardo De Angelis, Ascanio Celestini e Peppe Voltarelli, e tanti altri…

…Quattro mesi di concerti, incontri inediti, convegni, showcase, interviste, recital, canzoni-cabaret, laboratori teatrali per ragazzi e per le scuole, monologhi e ballate… 

È dedicata all'autore e paroliere Sergio Bardotti, la 15a edizione di “Dallo Sciamano allo Showman”, il festival della canzone umoristica d'autore nato in Valle Camonica (BS) nel 2003. Fu proprio in quell'anno che le fondatrici del festival, Nini Giacomelli e Bibi Bertelli, lo contattarono per coinvolgerlo in questa nuova avventura: Bardotti accettò all'istante e per cinque anni fu il direttore artistico dello Shomano. Sono passati dieci anni da quando Sergio Bardotti è venuto a mancare, e il festival sceglie di ricordarlo – e permettere alle nuove generazioni di scoprire la sua straordinaria personalità artistica – con un'edizione speciale nel corso della quale tutti gli ospiti coinvolti dovranno rispettare una regola: portare sul palco una canzone firmata dal Maestro. L'edizione del 2017, che durerà dal 1° agosto al 22 dicembre, è connotata come di consueto da ironia e qualità, dall'abbinamento di grandi nomi dello spettacolo a quelli di promettenti autori emergenti e dalla prestigiosa e continuativa collaborazione con il Club Tenco e il festival catalano Cose di Amilcare. Ogni appuntamento ricorderà la figura del Maestro, ma il clou delle celebrazioni culminerà nel mese di novembre (in data e luogo ancora da definire) con “Sergio Bardotti, un talento caleidoscopico”, il convegno coordinato da Sergio Secondiano Sacchi (Responsabile Artistico del Club Tenco) che vedrà la partecipazione di autorevoli esponenti del mondo dello spettacolo; e con la data del 22 dicembre a Edolo, nel corso della quale Vittorio De Scalzi, accompagnato dagli straordinari e virtuosi giovani musicisti dello Gnu Quartet, riproporrà “Concerto Grosso”, l'album “barocco” dei New Trolls del 1971 prodotto da Sergio Bardotti (che curò anche i testi dei brani) con musiche di Luis Bacalov.
IL PROGRAMMA – L’edizione 2017 è fitta di appuntamenti importanti: quattro mesi di live, concerti, incontri, convegni, showcase, interviste, recital, laboratori teatrali per ragazzi e per le scuole, monologhi e ballate. Il 6 settembre a Breno due istrioni contemporanei calcheranno in esclusiva lo stesso palco dello Shomano: Ascanio Celestini – attore e autore teatrale tra i rappresentanti più importanti del nuovo teatro di narrazione – si unirà alla voce e alle melodie di Peppe Voltarelli – due volte Targa Tenco – per un recital nel percorso condiviso tra poesia e impegno sociale. E sarà un'altra accoppiata a farla da padrona il 10 settembre in quel di Darfo Boario Terme, quando Edoardo De Angelis e Neri Marcorè infiammeranno il palco del Teatro San Filippo proponendo in modo divertente e leggero, tra un sorso di vino e quattro chiacchiere, le più famose canzoni dello stesso De Angelis, ma anche quelle dei cantautori più amati da entrambi: De André, Dalla, De Gregori, e ancora Gaber, Tenco, Endrigo, Lauzi e Ciampi. Tornano anche gli storici appuntamenti con “Pagine di Musica”, gli incontri/showcase legati a presentazioni di libri e racconti in libertà. Quest'anno il festival avrà l'onore di ospitare Eugenio Finardi (il 13 settembre al Musil di Cedegolo), che racconterà, in musica e parole, i suoi oltre cinquant'anni di carriera; e il giovane cantautore Ivan Talarico che, intervistato da Antonio Silva, si esibirà l'11 agosto a Borno in uno showcase nel corso del quale proporrà i suoi brani dolci e surreali e le sue poesie intelligenti e graffianti. La serata è realizzata in collaborazione con il Circolo Culturale La Gazza. A metà tra canzone e cabaret sarà invece la serata del 29 settembre a Edolo con Norberto Midani, che con la sua comicità godibile e sferzante coinvolgerà gli spettatori in esilaranti improvvisazioni tra musica, demenzialità, monologhi e attualità. Altro graditissimo ritorno è quello di Alberto Patrucco, grande amico del festival cui spetterà il compito di inaugurare la 15a edizione dello Shomano il 1° agosto in quel di Paspardo: qui tra monologhi e ballate eseguiti alla chitarra racconterà storie con parole e canzoni originali, per lo più umoristiche, attorno alla spiazzante tematica del “Pessimismo Comico”. La rassegna, come sempre, rende tributo alla Valle Camonica. Quest'anno lo farà anche dedicando una serata ai suoi giovani con il concerto del cantautore camuno Kamal, accompagnato al violino da Mirela Isaincu, e la partecipazione del rapper Diego “Drama” Ghenzi, che si esibiranno l'8 agosto in quel della libreria STORiE a Pisogne. Nel mese di novembre a Breno verrà ricordato il “Guccini International”, l'evento dedicato al Maestrone di Pavana che, con la sua presenza, ha caratterizzato l'edizione 2016 del festival. Si tratta della presentazione del cofanetto (DVD + CD) con le splendide immagini della rassegna valligiana e una scelta di canzoni tra quelle eseguite in quei giorni in cui artisti italiani e internazionali – sia a Boario che (l'anno prima) a Barcellona – hanno reso omaggio a uno dei cantautori più amati di sempre. Una co-produzione con l'associazione catalana Cose di Amilcare. Nella primavera 2018 il cofanetto verrà presentato a Barcellona e nello stesso periodo (al Tinta Roja) avrà luogo una serata interamente dedicata a Sergio Bardotti e curata da Sergio Secondiano Sacchi – Cose di Amilcare. E infine non può mancare l'ispirazione primigenia del festival, quella che si lascia suggestionare dall'universo evocativo delle storie millenarie incise sulla roccia della Valle Camonica, fatte di pitoti, sciamani e astronauti. Anche quest'anno troverà infatti il suo posticino nel festival il progetto “Pitoon, i pitoti in cartoon nella Valle dei Segni”: con la mostra “Cam-uno”, esposta al Parlamento Europeo di Bruxelles lo scorso giugno; “Viaggio intorno al mondo dei Pitoti”, laboratorio teatrale e multimediale per ragazzi curato da Bibi Bertelli (Breno, 3-4 e 5 settembre); “Pitotando con Zaziau”, laboratorio per le scuole condotto da Bibi Bertelli intorno alla canzone sciamanica “Zaziau”, scritta da Nini Giacomelli, Alessio Lega e Rocco Marchi (Darfo Boario Terme, dal 20 settembre); “Lo sciamano pitoto”, anteprima nazionale del cartoon realizzato da cartoonist, fumettari e disegnatori con la supervisione del regista Giorgio Bellasio e dello sceneggiatore Guglielmo Fiamma (Breno, 18 novembre). Tutti gli appuntamenti della 15a edizione del festival sono a ingresso gratuito, ad eccezione della serata con Nerì Marcorè e Edoardo De Angelis del 10 settembre a Darfo Boario Terme (ingresso 15 €). Per informazioni: Centro Culturale Teatro Camuno – teatrocamuno@libero.it | 329.2447516. Alla conduzione delle serate Bibi Bertelli e Antonio Silva, mentre la direzione artistica è affidata all'autrice Nini Giacomelli. Le targhe che saranno consegnate sono realizzate dall'artigiano Mauro Felter.

________________________________________________________________________________

________________________________________________________________________________

La Francia In Scena
Da martedì 23 maggio a mercoledì 6 dicembre 2017
Un viaggio inedito nella creazione artistica francese

Oltre 70 spettacoli, 5 mostre d’arte contemporanea tra Roma, Milano e il Padiglione Francese alla Biennale di Venezia, 10 incontri con gli operatori nazionali ed europei per un totale di 170 date - quasi tutte prime in Italia - in 36 città italiane per 6 mesi, dal 23 maggio al 6 dicembre 2017. Un’eccezionale occasione per conoscere la straordinaria vitalità artistica francese. È la terza edizione de “La Francia in scena”, la stagione artistica dell'Institut français Italia, realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell'Institut français e del Ministère de la Culture et de la Communication, della Fondazione Nuovi Mecenati, della Commissione Europea (Creative Europe) e del Ministero dell'Istruzione italiano dell'Università e della Ricerca - Afam (MIUR - Afam). Musica, danza, il progetto speciale “Bibliothèques Vivantes", nuovo circo, performance, arte contemporanea, spettacoli per ragazzi: una programmazione ricchissima che offre per il terzo anno consecutivo al pubblico italiano la possibilità di conoscere meglio lo straordinario panorama dello spettacolo dal vivo e di tutta la creazione contemporanea francese, con particolare attenzione ai linguaggi multidisciplinari, alle contaminazioni fra generi, alle estetiche ibride e alle opere multimediali. Nella prospettiva di una sempre più fertile attività di cooperazione bilaterale e di un forte rinnovamento del pubblico, “La Francia in scena” è costruita grazie al dialogo serrato con le più importanti istituzioni culturali italiane e con le principali reti artistiche della penisola: Piemonte dal vivo, Bolzano Danza, Romaeuropa Festival, Spring Attitude Festival, Segni d’Infanzia, Pennabilli, Tutti Matti per Colorno, Torino Danza, Short Theatre, Terni Festival, il festival AngelicA e Milano Musica. La novità assoluta della stagione 2017 è il programma “Bibliothèques Vivantes", caratterizzato da performance artistiche e installazioni partecipative in luoghi insoliti e poco sfruttati per lo spettacolo dal vivo come le grandi biblioteche pubbliche e universitarie italiane e le mediateche degli istituiti francesi di diverse città. Ed è proprio il progetto “La Bibliothèque” ad inaugurare la Francia in scena: dal 23 maggio la regista Fanny De Chaillé inizierà la sua residenza creativa alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma che culminerà in una performance aperta al pubblico dal 6 al 9 giugno. Il progetto è realizzato in collaborazione con l’Institut français e la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma e con l’Accademia di Francia – Villa Medici. In calendario anche le performance degli artisti Catherine Meurisse e DD Dorvillier, Emmanuelle Pireyre e i live dei musicisti delle Siestes Electroniques. La rete Finestate Festival/transARTE inviterà Ivana Müller e il suo progetto “Annotare” nelle biblioteche di Bassano del Grappa, di Roma, di Terni e di Prato. A Terni, il duo Kristoff K. Roll creerà una biblioteca sonora del mondo con “A l’ombre des ondes”. Grande evento il 21 giugno per La Festa della Musica in collaborazione con il Ministero dei Beni culturali e il Comune di Roma. L’iniziativa ideata dal Ministero della Cultura francese celebra l’inizio dell’estate e dal 1985 è diventata l’appuntamento europeo in cui musicisti dilettanti e professionisti invadono le strade, i musei, i palazzi delle città con concerti gratuiti. Sul palco italo-francese in piazza Farnese, davanti la sede dell’Ambasciata di Francia, si esibiranno in un concerto imperdibile la band francese La Femme e l’artista italiano Cosmo. Migliore nuova band francese ai French Music Awards del 2013, anno del loro esordio, La Femme è già band di culto e le loro sonorità psych-pop con la nostalgia degli anni ‘80 hanno conquistato nientemeno che i Red Hot Chili Peppers che gli hanno affidato l’apertura del loro ultimo tour europeo. Il loro nuovo album “Mystère” è uscito alla fine del 2016. Cosmo è il pop che non ti aspetti. Canzoni e sonorità che guardano senza paura all’universo della club culture. Brani da cantare a squarciagola oppure da ballare fino a perdere completamente il fiato. Marco Jacopo Bianchi, già leader e fondatore dei Drink to Me, una delle cult band più amate dell’underground italiano, è esploso nell’estate del 2016 grazie al singolo “L’ultima festa”, il brano che dà il titolo al suo ultimo album e che ha letteralmente dominato l’airplay delle radio italiane. Dopo un ottimo esordio con “Disordine”, il disco che l’ha fatto conoscere a un pubblico nuovo e che lo ha portato a esibirsi anche sui palchi dei più importanti festival italiani, con “L’ultima festa” ha compiuto il vero e proprio salto di qualità finendo in testa a quasi tutte le classifiche dei migliori dischi del 2016. Il 21 giugno sarà una tappa speciale dopo un tour di più di 88 date, scandito a colpi di sold out. Il 19 maggio è uscito il suo nuovo singolo, “Sei la mia città”, un brano dal groove elegante e che non rinuncia a far muovere la testa, primo brano inedito di Cosmo dai tempi di "L'ultima festa". Una canzone che preannuncia il nuovo album, ora in lavorazione, che dovrebbe uscire nel 2018. Radio2, voce ufficiale della manifestazione, trasmetterà il concerto in diretta da Piazza Farnese a partire dalle ore 21 sulle frequenze di Radio2 Live, con la conduzione di Pier Ferrantini e Carolina Di Domenico. Anche quest’anno, una particolare attenzione è riservata al “jeune public” con una programmazione speciale dedicata ai più piccoli e agli adolescenti per la quale il Ministère de la culture et de la communication francese ha coniato il marchio “Génération Belle Saison” e che si articola attraverso il programma speciale Ref Kids del Romaeuropa Festival a Roma, la collaborazione con il Festival New Generations - Segni Infanzia di Mantova e i laboratori ad hoc di drammaturgia contemporanea nell’ambito di Fabulamundi-Playwriting Europe. Petit Bateau è sponsor della programmazione dedicata al pubblico più giovane. Per il pubblico di tutte le età è invece il grande spazio riservato ai 22 appuntamenti con la danza contemporanea francese, che avrà un ruolo di primo piano nei più importanti festival italiani. Si rinnova nel 2017 anche la forte attenzione verso il nuovo circo con 13 spettacoli e un progetto speciale realizzato dalla compagnia francese Les Acolytes e quella italiana Cirque El Grito, sorta di cabaret itinerante in Basilicata e in Puglia: "Si tu t'imagines" è uno spettacolo a 360 gradi che offrirà agli spettatori una storia del circo contemporaneo, dalle origini nelle piazze dei villaggi fino ad arrivare nei tendoni e, oggi, nei teatri. La produzione unica è stata possibile grazie alla Fondazione Nuovi Mecenati e il gruppo Total. Le molteplici narrazioni della scena artistica francese.

Musica
Sono 12 gli appuntamenti musicali della Francia in scena 2017, con una particolare attenzione alle tournée: oltre alle due date a Napoli di Cléo T, il 23 maggio a Palermo  ai Cantieri Culturali alla Zisa è la data che segna l’inizio del tour di Sébastien Roux e l’ensemble Dedalus: “Inevitable Music#5” è un affascinante esperimento musicale, prima di una serie di traduzioni sonore a partire dai Wall Drawings di Sol Lewitt che dopo Palermo toccherà le città di Milano, Matera e Bologna da maggio a ottobre. Attesissimo il ritorno a Roma, dopo lo straordinario successo dello scorso anno, di Cristophe Chassol. Compositore originario della Martinica, vero e proprio sciamano della musica, Chassol porterà il 27 maggio sul palco di Spring Attitude Festival la sua musica tridimensionale. Grandissima attesa anche per il fulminante mix tra tradizioni voodoo e il suono afro-funk in puro stile anni ‘70 del gruppo francese Vaudou Game che arriva in Italia per una lunga tournée (16 giugno a Palermo, 17 a Catania, 18 giugno a Potenza, 19 a Matera, 26 luglio a Desio e 19 agosto a Mandrea). Suono analogico, mood vintage ed esplorazione delle radici diventano un mezzo con cui l’ensemble francese guidato dal carismatico Peter Solo guarda al futuro. Dopo l’album di debutto “Apiafo” (2014) è arrivato l’atteso secondo album, “Kidayù”, già incensato dalla critica internazionale. Anticipata dalla preview di Spring Attitude con la performance audiovisuale del duo franco-giapponese Nonotak, la programmazione musicale trova il suo momento clou nella Festa della Musica il 21 giugno con la doppia esibizione di La Femme e Cosmo, per proseguire con una rinnovata attenzione nei confronti dell’universo jazz, a partire dai giovani talenti: il 4 luglio a Bari in Jazz, il bassista Sylvain Daniel si esibirà in uno spettacolo che unisce immagini digitali e musica dal vivo. La pratica di scambio culturale assume un ruolo di assoluto rilievo nell’ambito della Francia in Scena: dal 20 al 23 settembre saranno in residenza creativa il trombonista francese Fidel Fourneyron insieme al sassofonista italiano Cristiano Arcelli, un momento di creazione e produzione che culminerà il 23 settembre con un grande concerto alla Casa del Jazz di Roma. Il progetto di residenza, selezionato dal Midj - Associazione Italiana Musicisti di Jazz - tramite concorso nazionale, è realizzato in collaborazione con le principali istituzioni del jazz italiano e francese e creato nell’ambito del Festival Franco-Italiano di jazz e musiche improvvisate “Una Striscia di Terra Feconda” che si svolgerà all’Auditorium Parco della Musica dal 19 al 23 settembre. Sul fronte della musica contemporanea “La Francia in Scena” dialoga con due grandi partner in Italia: il Festival AngelicA a Bologna, che dal 6 al 30 maggio inviterà a Bologna Ghedalia Tazartes, Benat Achiary e Erwan Keravec, Roscoe Mitchell e Francesco Filidei; e il Festival  Milano Musica che nel 2017 rende omaggio all’Ircam – Centre Pompidou con 2 eventi: il 3 novembre si esibirà all’Auditorium San Fedele il giovanissimo quartetto d’archi Quatuor Diotima mentre il 6 novembre sarà la volta di Mariangela Vacatello che si addentrerà nell’universo musicale di un gigante della musica contemporanea come Georges Aperghis.

Cooperazione artistica e musicale
L’Institut français Italie e Uni-Italia organizzano per la prima volta una giornata dedicata all’istruzione superiore per le Belle Arti, il Design e l’Architettura e la Musica (a Torino, Accademia Albertina delle Bella Arti il 27 giugno), al fine di gettare le basi per un progetto futuro sulla formazione artistica e allo stesso tempo per lanciare nuove forme di scambio nel campo della pedagogia e della formazione avanzata in ambito musicale. Si tratta di progetti fondamentali per l'Europa di domani. L’Institut français Italia e l’Ambasciata di Francia accompagnano dal 2011 un progetto pilota sulla cooperazione franco-europea incentrato sulla formazione superiore artistica e musicale con l’obbiettivo di promuovere gli scambi artistici e didattici tra conservatori francesi ed italiani, articolandoli secondo un progetto annuale comune. In questa prospettiva, sono favoriti i rapporti di reciprocità e di partenariato con le istituzioni musicali di entrambi i paesi e/o i laboratori di creatività di alto livello. Questa collaborazione continua a rappresentare un esempio di innovazione negli scambi tra i due paesi. Nel 2017 saranno i conservatori di Bologna, Sassari, Palermo, L’Aquila e Roma ad organizzare scambi di creazione e di pedagogia con i conservatori di Parigi, di Lione e di Pechino. "La Francia in scena", stagione artistica dell'Institut français Italia, è realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell'Institut français e del Ministère de la Culture et de la Communication, della Fondazione Nuovi Mecenati, della Commissione Europa (Europa Creativa) e del Ministero dell'Istruzione italiano dell'Università e della Ricerca - Afam (MIUR - Afam).

CALENDARIO LA FRANCIA IN SCENA

AGOSTO
19 agosto – Vaudou Game – Mandrea Music Festival, Mandrea MUSICA
26 agosto – Sébastien Roux Ensemble Dédalus - Inevitable Music – Musma, Matera MUSICA

SETTEMBRE
20/ 23 settembre – “F.A.R.E.”: Fourneyron/Arcelli residence ensemble - Residenza di creazione franco-italiana per il jazz. Concerto 23 settembre, Una Striscia di Terra Seconda, Casa del Jazz, Roma MUSICA

OTTOBRE
28 ottobre – Sébastien Roux Ensemble Dèdalus - Inevitable Music – teatro di Ricerca Musicale, Bologna MUSICA

NOVEMBRE
3 novembre – Quatuor Diotima e Ircam – Centre Pompidou – Festival Milano Musica, Auditorium San Fedele, Milano MUSICA
6 novembre - Mariangela Vacatello e Ircam-Centre Pompidou – Festival Milano Musica, Teatro Elfo Puccini, Sala Shakespeare, Milano MUSICA

L’ARCOBALENO MUSICALE DI CLEO T: LA PARIGINA INNAMORATA DELL’ITALIA
ALL'INSTITUT FRANÇAIS DI NAPOLI IL 15 LUGLIO PER "LA FRANCIA IN SCENA"
LA COLONNA SONORA DI UN’ESPERIENZA INTERATTIVA DOVE BALLO, PITTURA, STRUMENTI ANALOGICI E ARTI VISIVE SI MESCOLANO

Cantautrice parigina cresciuta tra ninna nanne neorealiste e cinema italiano, affascinata da Fellini, innamorata di Pompei, conquistata dalle poesie di Leopardi, Cleo T farà tappa sabato 15 luglio all’Institut français di Napoli (Via Crispi 86) per un atteso concerto-spettacolo che prevede l’ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Il giorno prima, per le celebrazioni del 14 luglio in occasione della Festa Nazionale Francese, si terrà una serata ad inviti. Un evento speciale nell’ambito de La Francia in scena, la stagione artistica dell’Institut français Italia e dell'Ambasciata di Francia in Italia giunta alla terza edizione. Cleo T. sarà la protagonista di SHINE, spettacolo coinvolgente e sensoriale basato sul suo nuovo album “And Then I Saw A Million Skies Ahead” che ha attraversato l’Europa, dall’Inghilterra alla Germania, dai Balcani all’Italia, prima di approdare in Canada e di atterrare a Parigi in autunno. Tre anni dopo il suo primo album registrato a Bristol con John Parish (leggendario produttore di PJ Harvey), Cleo T. ha presentato il suo nuovo album a marzo. “And Then I Saw A Million Skies Ahead” è un disco in cui mette insieme undici musicisti da tutto il mondo, che mixano gospel e musica balcanica, Neo Soul e cantautorato, pop ed elettronica, il velluto delle dive del jazz e l'acidità di un funk inesplorato. Un vero e proprio arcobaleno musicale che da sempre la contraddistingue. Segue le orme delle grandi dive di ieri e di domani e ci offre un secondo album al di là di ogni classificazione. Di base a Berlino dal 2015, l’artista combina la sua naturale capacità autoriale con la potente elettronica di Rodion, produttore e DJ berlinese. In questo lavoro di sinestesia multidisciplinare, le voci, i corpi, le immagini si incontrano, la pittura e il video si mescolano tra arti analogiche e digitali. Tra la notte profonda e una meteora, la musica di Cleo T. unisce la potenza emotiva dei grandi interpreti all'intensità selvaggia dell’elettronica minimale. Le coreografie digitali interattive create dall'artista visivo Maflohé Passedouet riecheggiano i fenomeni bioluminescenti, come le lucciole e l’aurora boreale. Un progetto non solo musicale ma la colonna sonora di un’esperienza interattiva dove ballo, pittura, strumenti analogici e arti visive si mescolano. Da sempre ispirata a grandi donne della musica, da Kate Bush a Florence & The Machine passando per Nina Simone, Cleo T. ricerca la sua dimensione anche nell’arte di artisti come Frida Kahlo e Pier Paolo Pasolini. “Siamo molto orgogliosi di ospitare Cleo T. per la festa nazionale – dichiara il Console generale di Francia a Napoli Jean Paul Seytre – Un’artista eclettica e versatile che con la sua opera musicale riesce ad abbracciare tutte le forme d’arte, dalla pittura alla danza, dalla letteratura al mondo digitale, in una contemporaneità straordinariamente suggestiva”. "La Francia in scena", stagione artistica dell'Institut français Italia, è realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell'Institut français e del Ministère de la Culture et de la Communication, della Fondazione Nuovi Mecenati, della Commissione Europa (Europa Creativa) e del Ministero dell'Istruzione italiano dell'Università e della Ricerca - Afam (MIUR - Afam).

Sabato 15 luglio ore 20,30 - ingresso libero fino ad esaurimenti posti disponibili
Institut français, Napoli - Via F. Crispi 86 (presso la sala Dumas)
Venerdì 14 luglio serata a inviti
Sul palco: Clémence Leaute, Valentin Mussou, Victor Roux , Grégoire Leaute

Sito Ufficiale:
institutfrancais-italia.com
Social Media: facebook.com/IFItalia / twitter.com/IF_Italia / #FranciainScena
_______________________________________________________________________________


SABATO 7 OTTOBRE 2017 
TORNA A CEREA
IL PIU' GRANDE EVENTO BLUES DELL'ANNO 
8° EDIZIONE DEL RADUNO NAZIONALE
BLUES MADE IN ITALY

La Città di Cerea, sempre più nota come la Capitale del Blues in Italia, anche quest’anno è pronta ad accogliere migliaia di appassionati sia italiani che esteri che arriveranno per seguire e vivere il raduno nazionale Blues Made in Italy, giunto all'ottava edizione. 15 ore ininterrotte di Blues, 3 palchi, oltre 50 artisti e 60 espositori di strumenti musicali artigianali provenienti da tutta Italia sono gli ingredienti “ormai non più segreti” di una formula che fa registrare di anno in anno una netta crescita della manifestazione. L’evento dedicato alla cultura musicale si terrà in Area Exp, in uno spazio coperto di oltre 4.000 mq. con concerti dal vivo, seminari di approfondimento e presentazioni di novità editoriali, con la conduzione d’eccezione di Maurizio “Dr. Feelgood” Faulisi di Virgin Radio. “Blues Made In Italy” è una realtà dalla storia curiosa. La sua origine, nell’ottobre del 2010, riporta al primo raduno organizzato all’interno di un live-club con un successo decisamente inaspettato. Da allora la manifestazione ha cavalcato una crescita riuscendo così a portare in quel di Cerea (VR) i migliori nomi della scena blues sia italiani che stranieri, facendola così divenire una tra le più prestigiose e ambite “vetrine” nel panorama musicale italiano. Quello del Blues è un mondo magari non sovraesposto al grande pubblico ma che ha la forza di coinvolgere moltissimi appassionati e che funge anche da fucina di talenti. L’organizzazione è resa possibile grazie al lavoro del direttivo dell’omonima associazione che, con l’aiuto di circa trenta volontari appassionati, riescono ad attrarre migliaia di persone offrendo loro una giornata memorabile. E anche quest’anno è tutto pronto per il consueto appuntamento con la più grande Fiera del Blues italiano, ormai giunta alla sua ottava edizione. Sabato 07 ottobre 2017, a partire dalle ore 10:30, presso l’Area Exp di Cerea (VR), si terrà quindi l’8° raduno nazionale Blues Made In Italy che, grazie ai piccoli e costanti investimenti e alle notevoli intuizioni, anche questa volta saprà offrire proposte di assoluto interesse con la certezza di riuscire a regalare momenti indimenticabili. A seguire e vivere la manifestazione si attendono dunque migliaia di appassionati e curiosi che giungeranno da ogni parte d’Italia e, in numero crescente, anche dall'estero. L’Area Exp, teatro dell’evento, offrirà una superficie coperta di oltre 4.000 mq e sarà dotata di diversi punti di ristoro e di comodissime aree parcheggio contribuendo a rafforzare il binomio spesso citato dalla stampa nazionale: “Citta di Cerea: Capitale del Blues”. Saranno tre i palchi: uno per il blues elettrico, uno per quello acustico e uno dedicato alle esibizioni estemporanee,  le prove strumenti e a promuovere la musica suonata, spazio anche dedicato alle presentazioni sia di nuove produzioni editoriali che di seminari di approfondimento. Anche quest’anno è previsto il coinvolgimento degli studenti delle scuole di musica sempre più attirati dalla vasta zona dedicata alla mostra-scambio per collezionisti e dall’esposizione di prodotti artigianali di liutai che, con maestria, fondono la loro perizia artistica con lo spirito della musica che li anima, tramandando il loro know-how alle nuove generazioni. L’organizzazione dell’evento, già premiato come “Miglior Festival Blues” in occasione della notte degli “Oscar del Blues”, sarà a cura di Lorenz Zadro, presidente dell'omonima associazione affiancato da un affiatato direttivo tutto impegnato nella diffusione della cultura del Blues attraverso la valorizzazione degli artisti italiani, la loro attività concertistica e la loro produzione musicale che, per merito delle elevate qualità proposte, si trova sempre più sotto i riflettori. Con questo intento, dal 2013, Blues Made In Italy è socio-attivo di “European Blues Union”, associazione europea nata a Bruxelles nel 2008, che raccoglie al suo interno i massimi esperti di blues europei assieme a promoter, organizzatori di festival, giornalisti e musicisti, con l'intento di promuovere il blues europeo nel vecchio continente. L’importanza del raduno nazionale si evince dalla presenza, fin dal primo mattino, di musicisti che giungono in terra veronese da ogni parte della nostra Nazione; una nutrita rappresentanza del meglio del Blues italiano che va dai giovani emergenti ai ben più quotati e conosciuti bluesmen che hanno fatto la storia di questo genere musicale in Italia. Ma non sono solo i musicisti che arricchiscono il parterre di Blues Made In Italy dove, tra amicizia e business (come compete ad ogni fiera che si rispetti), si trovano sempre più professionisti del settore musicale che scelgono il raduno come strumento per conoscere e avvicinare artisti e realtà da coinvolgere nelle loro organizzazioni. Blues Made In Italy 2017 si snoderà su un continuo susseguirsi di esibizioni dal vivo, su entrambi i palchi, già a partire dal mattino per proseguire fino a notte inoltrata, che vedrà protagonisti band e musicisti solisti, provenienti dall’intero territorio italiano. Sul palco centrale si attendono Adriano Degli Esposti, Alex Usai Band, The Big Blue House, Big Man James Trio, The Blues Queen, BJ & Blues Guys, Bluesberry Field, BluesMec Blues Band, The C.Zek Band, Mike Coacci Band, Fabio Nobili, Fabi’s Blues Band, Filippo “Bluesboy” Barontini, Frammenti Diatonici, Frank Lo Prete & The Timesless Riders, Hope In Trouble, Hot Shanks Blues Band, Manolo & Vintage Factory, Martin’s Gumbo Blues Band, Matteo Pizzoli’s True Grit, Maurizio Renda Band, Mr. Beard, Piero De Luca & Big Fat Mama, Rufus Party, Van Kery Blues Band mentre sul palco dedicato alle esibizioni unplugged si alterneranno Andrea Cubeddu, BluesTones, Eugenio Greco & New Mississippi Band, Filippo “The Panda” Ravasio, Gabriele Dodero, Good Old Boys, Henry’s Blues Duo, King Biscuit Time, Marco “Ray” Mazzoli, Meg & Val Bonetti, Midnight Troubles, Rubber Band, Savoia Brothers & Pancaro e Wakaonda. L’ottava edizione si concluderà con le performance di alcuni ospiti che valorizzeranno ancor più l’evento portando sul palco tutta l’esperienza accumulata negli anni tra palchi internazionali e studi di registrazione, definiti veri e propri “assi” del Blues nazionale in tutte le sue sfumature: Limido Brothers, Stefano Zabeo & Angelo “Leadbelly” Rossi, Maurizio Bestetti, Bayou Moonshiners, One Man Bluez, Maurizio Pugno Band, Thomas Guiducci e The Gutbuckets.  La conduzione dell’evento sarà affidata al carismatico Maurizio “Dr. Feelgood” Faulisi di Virgin Radio, figura di spicco nell’ambiente musicale italiano, conduttore radiofonico (dal 1978), divulgatore, critico musicale, musicista e dee-jay a fianco di Matteo Sansonetto e Valter Consalvi, storici presentatori della kermesse. In un'altra area appositamente predisposta ci saranno iniziative che renderanno ancor più eccitante l’attesa della manifestazione: l'esposizione di quadri e incisioni a cura della pittrice veronese Alexandra Balint, confluiti nel libro di recentissima pubblicazione dal titolo “Blues Pills: Storie e Illustrazioni alla Scoperta della Musica Nera”, oltre ad una nutrita mostra fotografica a cura di Gigi Montali, apprezzatissimo fotografo, esploratore poliedrico e uomo ricco di esperienze dirette sul campo nel Deep South degli Stati Uniti d'America, che per l'occasione presenterà il suo nuovo libro “Tracce di Blues”. Nell'occasione sarà presentata al pubblico anche la recente produzione musicale a cura dell'associazione, dal titolo “The Blues Masters: an italian tribute”, un CD-tributo ai grandi Maestri del Blues, che ha visto coinvolti alcuni tra i principali esponenti del Blues italiano in un personale confronto con alcuni degli storici protagonisti del Blues mondiale, con particolare attenzione al sociale e alla beneficenza dato che parte del ricavato sarà devoluto a Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus, associazione operante sul territorio a sostegno di famiglie residenti nei paesi recentemente colpiti da terremoto nel centro Italia. Per poter ospitare tutto ciò si è pensato di ampliare ulteriormente l’area espositiva dove saranno installate esposizioni di prodotti artigianali locali e di liuteria, come amplificatori, chitarre, armoniche a bocca, cigar-box e sistemi di microfonazione, con una predilezione per l’artigianato dedito alla costruzione di strumenti tipici del Blues. Inoltre, a conferma del connubio “Blues & cultura”, sarà allestito uno spazio dedicato al mercatino dell’usato con dischi da collezione, libri e fumetti a tema. Come di consueto, saranno presenti le aree ristoro interamente gestite dal partner storico Roses American Bar, con particolare attenzione alla degustazione di prodotti enogastronomici tipici della tradizione veneta. Insomma, anche per quest'anno Blues Made In Italy promette di regalare un grande evento di musica, spettacolo, aggregazione e divertimento, con la promessa di confermarsi una vera e propria garanzia per tutti gli appassionati che come ogni anno attendono questo appuntamento per iniziare al meglio la stagione musicale invernale. Non resta quindi che darci appuntamento per sabato 07 ottobre 2017 presso l’Area Exp di Cerea (VR)! L’ottava edizione del raduno nazionale Blues Made In Italy è un evento patrocinato dal Comune di Cerea. Ingresso libero.

_______________________________________________________________________________

PREMIO TENCO 2017
RASSEGNA DELLA CANZONE D'AUTORE
41° EDIZIONE
19-20-21 OTTOBRE
TEATRO ARISTON – SANREMO (IM)

ANTICIPAZIONI PROGRAMMA:
LA PRIMA SERATA VEDRA’ PROTAGONISTI TUTTI I VINCITORI DELLE TARGHE TENCO

VINICIO CAPOSSELA (artista), CAMANÉ e MASSIMO RANIERI (operatori culturali) sono i vincitori del PREMIO TENCO 2017, il riconoscimento assegnato dal 1974 alla carriera degli artisti che hanno apportato un contributo significativo alla canzone d'autore mondiale. Le tipologie del premio sono due: per cantautori e per operatori culturali. In linea con la scelta del Club Tenco di dedicare alle Terre di Mare tutte le iniziative del 2017, così come la riuscita MUSICHE DA NEW YORK, anche le scelte artistiche della RASSEGNA DELLA CANZONE D’AUTORE (PREMIO TENCO) 2017 trovano quest’anno, in questo fil rouge, la propria espressione. Si è pensato, quindi, ad artisti che abbiano un legame forte con il mare o che ne abbiano esaltato i suoi tanti aspetti (di seguito le motivazioni dell'assegnazione dei Premi).
ANTICIPAZIONI PROGRAMMA PREMIO TENCO 2017 - Si prosegue, intanto, nella stesura del programma della 41° edizione della Rassegna della Canzone d'Autore (Premio Tenco 2017) organizzata dal Club Tenco con il contributo del Comune di Sanremo,  SIAE - Società Italiana degli Autori ed Editori, Casinò di Sanremo, Regione Liguria, Camera di Commercio delle Riviere di Liguria e Coop Liguria:
- confermate location e date: il Teatro Ariston di Sanremo dal 19 al 21 ottobre. 
- il 19 ottobre, prima giornata della Rassegna, è prevista una serata interamente dedicata ai vincitori delle TARGHE TENCO 2017. Si potranno vedere sullo stesso palco: CLAUDIO LOLLI, BRUNORI SAS, LASTANZADIGRETA, GINEVRA DI MARCO, CANIO LOGUERCIO e ALESSANDRO D’ALESSANDRO. Ancora da definire le date degli interventi di Camané, Vinicio Capossela e Massimo Ranieri.
- TORNANO I MOMENTI COLLATERALI E CONGRESSUALI - A latere della Rassegna, negli stessi giorni del 19, 20 e 21 ottobre - sempre organizzato dal Club Tenco - si terrà il convegno "Cantautori a scuola", centrato sui rapporti fra canzone d'autore e mondo didattico, in vista di un possibile progetto d'introduzione della canzone come materia di studio nelle scuole italiane dopo il confronto, per ora a distanza, tra il Club Tenco e il ministro Dario Franceschini su questo tema. Al Forum, che segna per il Tenco il ritorno di importanti momenti congressuali in margine agli eventi spettacolari (come avveniva nei primi anni della storia del Club), prenderanno parte artisti, operatori del settore, esponenti delle istituzioni e dei media. Il programma dettagliato del convegno e l'elenco dei partecipanti saranno comunicati nel corso delle prossime settimane.
- Sono già aperte le prevendite per assistere alla 41° edizione della Rassegna. Da quest’anno, inoltre, è stato abolito il diritto di prevendita, quindi i biglietti hanno lo stesso prezzo sia in prevendita che al botteghino.

DI SEGUITO LE MOTIVAZIONI DEI PREMI TENCO 2017 

VINICIO CAPOSSELA – PREMIO TENCO ALL’ARTISTA
Abbiamo assistito, nel dopo Tenco del 1989, alla partenza del suo viaggio. Un viaggio nella storia della musica e dell’uomo, nella geografia dell’anima e del mito inseguendo le suggestioni di correnti marine. Ci ha portato nei porti di Livorno, Amburgo e Atene; ha esplorato musiche di mare come il rebetico, la morna, il tango, la taranta; si è immerso nei miti di Melville e nel racconto di un viaggiatore come Céline. Il Premio Tenco non poteva essergli assegnato che nell’edizione intitolata alle Terre di Mare.

CAMANÉ – PREMIO TENCO ALL’OPERATORE CULTURALE
Il Fado è l’anima e l’icona musicale di Lisbona, capitale di viaggi e di esplorazioni. Da quando, nel 2011, l’Unesco l’ha proclamato “patrimonio culturale immateriale dell’Umanità”, molti cantanti prestigiosi infilano nel loro repertorio qualche canzone di questo genere. Ma noi premiamo colui che è il cantante di Fado per antonomasia, l’erede naturale di Amália Rodrigues e Alfredo Marceneiro, la voce in grado di divulgare le emozioni e la poesia che la città di Lisbona tramanda da quasi secoli.

MASSIMO RANIERI - PREMIO TENCO ALL’OPERATORE CULTURALE
Juke-box, radio e televisione, prestigiosi teatri e cinema, non c’è mezzo o luogo di comunicazione che non abbia diffuso il patrimonio onnicomprensivo della sua musica conquistando ogni tipo di pubblico, come conviene solo ai grandi artisti. La sua straordinaria rivisitazione del repertorio della canzone di Napoli, sua città natale, esaltata dalla “nuova mediterraneità” di Mauro Pagani o dalla lettura jazz, fa di lui, al contempo, un grande divulgatore della tradizione e il prototipo di linguaggi espressivi del tutto inediti.

_______________________________________________________________________________


IL MEGLIO DELLA CANZONE D'AUTORE FEMMINILE AL 
PREMIO BIANCA D'APONTE
IN FINALE DIECI ARTISTE DA TUTTA ITALIA, ALLA VINCITRICE UN TOUR DI OTTO CONCERTI
27-28 OTTOBRE AD AVERSA, MADRINA RACHELE BASTREGHI DEI BAUSTELLE

Sono dieci, provenienti da tutta Italia, le cantautrici che si contenderanno la vittoria al “Premio Bianca d'Aponte – Città di Aversa”, che quest'anno darà diritto a un tour di otto concerti in luoghi prestigiosi realizzato grazie a NuovoImaie (progetto realizzato con i fondi dell’art.7 L. 93/92). Un bonus particolarmente importante per la 13a edizione del concorso riservato a sole cantautrici, che approderà alle serate finali al Teatro Cimarosa di Aversa il 27 e il 28 ottobre 2017. Le artiste selezionate sono: Patrizia Capizzi da Caltanisetta con “Meu jogo”, Marta De Lluvia da Recanati (MC) con “Mai abbastanza”, Marialuisa De Prisco da Gesualdo (AV) con “Va tutto bene”, Francesca Marì da Taranto con “Clochard”, Fede ‘N’ Marlen da Napoli con “Le cose restano lì”, Federica Morrone da Castel San Giorgio (SA) con “Alice”, Ilaria Mureddu da Torino con “Il nostro universo” , Frida Neri da Fano (PU) con “Di porpora e neve”, Nòe da Menfi (AG) con “Manifesto di un giorno X”, Francesca Romana Perrotta da Lecce con “Io sono l’egoista”. A testimonianza del grande prestigio raggiunto, il Premio Bianca d'Aponte ha ricevuto nelle scorse settimane a Laigueglia durante il festival “Queste piazze davanti al mare” il premio "Questi passi..", assegnato ad artisti, operatori ed organizzatori che con la propria attività hanno contribuito alla diffusione della canzone di qualità, come la Fondazione De André e il Club Tenco. Come recentemente annunciato, in veste di madrina e presidente di giuria del d'Aponte ci sarà quest'anno Rachele Bastreghi dei Baustelle, che salirà anche sul palco per interpretare un brano di Bianca d'Aponte, la cantautrice prematuramente scomparsa a 23 anni a cui il festival è dedicato. Insieme a lei si esibiranno altri protagonisti della musica italiana che ricorderanno fra l'altro lo storico direttore artistico del Premio, Fausto Mesolella. Le dieci finaliste di quest'anno sono state selezionate in un mese e mezzo di lavoro del Comitato di Garanzia del Premio, formato da giornalisti, produttori, autori e musicisti, tra i più importanti nel mondo musicale italiano. Sono: Giuseppe Anastasi (cantautore), Roberta Balzotti (giornalista RAI), Giuseppe Barbera (musicista e compositore), Tony Bungaro (cantautore), Rossana Casale (cantautrice), Maurizio Cerino (Il Mattino) Enrica Corsi (Premio Bindi), Giorgiana Cristalli (Ansa), Enrico de Angelis (giornalista e storico della canzone), Mauro De Cillis (giornalista RAI), Cristina Donà (cantautrice), Salvatore Esposito (Blogfoolk), Massimo Germini (musicista e compositore), Kaballà (cantautore), Saverio Lanza (musicista e produttore), Enzo La Penna (Ansa Napoli), Elena Ledda (cantautrice), Petra Magoni (cantautrice), Elisabetta Malantrucco (giornalista RAI), Nino Marchesano (La Repubblica Napoli), Alberto Menenti (paroliere), Andrea Mirò (cantautrice), Alfredo Rapetti Mogol (paroliere), Mariella Nava (cantautrice), Martina Neri (giornalista), Michele Neri (Vinile), Francesco Paracchini (L’isola che non c’era), Valentina Casalena Parodi (Premio Andrea Parodi), Paolo Pasi (Tg3), Duccio Pasqua (RaiRadio2), Fausto Pellegrini (Rainews24), Sandro Petrone (giornalista RAI), Timisoara Pinto (giornalista RAI), Angiola Codacci Pisanelli (L’Espresso), Alessia Pistolini (giornalista), Marco Ragusa (Warner), Antonio Ranalli (giornalista), Gianfranco Reverberi (musicista e compositore), Ivan Rufo (Festival Botteghe d’Autore), Brunella Selo (cantautrice), Corrado Sfogli (musicista e compositore), Alessandro Sgritta (giornalista), Ferruccio Spinetti (musicista e compositore), Paolo Talanca (critico musicale), Jacopo Tomatis (Giornale della musica), Roberto Trinci (Sony), Fausta Vetere (cantautrice), Dario Zigiotto (operatore culturale), Maria Cristina Zoppa (giornalista RAI).

Per ulteriori informazioni: 336 694666 – 335 5383937 info@biancadaponte.it