Festival Jazz

I principali festival jazz in Italia...

Umbrò Summer Fest 
dal 4 agosto al 7 settembre

Il cartellone di concerti estivi targato Umbrò - Arci Perugia, con il patrocinio di Umbria Jazz. Dall’Isola Polvese a Trevi, passando per Spello, cinque eventi all’insegna del jazz e della musica d’autore: Avion Travel, Licaones, Umbria Ensemble, Danilo Rea, Sergio Cammariere.

Cinque appuntamenti live con il jazz e con la musica d’autore, tre location d’eccezione, tra le più suggestive dell’Umbria. Nasce Umbrò Summer Fest, rassegna di concerti targata Umbrò – Arci Perugia, con il patrocinio di Umbria Jazz. Nell'incantevole scenario della Rocca di Isola Polvese, 4 agosto Avion Travel, 12 agosto Licaones, 24 agosto Danilo Rea. Il 19 agosto a Spello, nella location esclusiva delle Torri di Properzio, 'Heaven', un progetto di Umbria Ensemble. Il 7 settembre presso Villa Fabri a Trevi, Sergio Cammariere in concerto. A distanza di 15 anni dal loro ultimo album di inediti ‘Poco mossi gli altri bacini’, gli Avion Travel tornano con ‘Privé’. Undici tracce, tutte originali e in parte inedite, la cui scrittura è iniziata durante il ‘Retour’ (2014 – 2017), che li ha visti ricongiungersi nella formazione originale, con Fausto Mesolella. Nell’estate 2017, dopo la scomparsa di Mesolella e un periodo di riflessione, il tour riprende in quintetto con l’entrata di Duilio Galioto alle tastiere. Formazione ricca di verve e ironia, i Licaones propongono un live in stile acid jazz, muovendosi con disinvoltura tra funk, atmosfere classicamente hammondiane, ritmi latini e molta improvvisazione jazz. Ai fiati, il sassofonista Francesco Bearzatti e il trombonista Mauro Ottolini, coadiuvati dall’organista Oscar Marchioni e dal batterista Paolo Mappa. ‘Heaven’ è un progetto di Umbria Ensemble, nato oltre i confini della musica classica e del rock, nell’ambito di una ricerca musicale oltre le barriere accademiche degli stili e delle scuole. Umbria Ensemble ha scelto un repertorio dalla fisionomia originale, dove la musica di Nick Cave, Robert Wyatt, R.E.M., David Byrne e tanti altri rivive nelle raffinate sonorità degli archi, che ne valorizzano la preziosità  timbrica e il fascino melodico. Pianista noto su scala nazionale e internazionale per la capacità di muoversi con disinvoltura attraverso diversi generi musicali, Danilo Rea ha raccolto negli anni la stima del pubblico e della critica. Molti sono gli artisti con cui ha collaborato nel corso degli anni: Gino Paoli, Fiorella Mannoia, Adriano Celentano, Riccardo Cocciante, Renato Zero e Gianni Morandi, nell’ambito del pop italiano, Chet Baker e John Scofield nell’ambito del jazz internazionale, fino ai fortunati progetti del Trio di Roma con Roberto Gatto ed Enzo Pietropaoli e i Doctor 3, con lo stesso Pietropaoli e Fabrizio Sferra. Sergio Cammariere si cimenterà con un nuovo live per piano solo, che raccoglie tutto il suo mondo musicale di cantautore e di pianista. Lo spettacolo rispecchia l’animo e l’approccio musicale unico dell’artista, una perfetta combinazione tra intensi momenti di poesia. In scaletta i brani più famosi di Cammariere e alcune composizioni tratte dal suo disco ‘Piano’, che raccoglie alcune delle colonne sonore da lui prodotte. Le prevendite sono disponibili online sul sito di Ticketitalia e presso i punti vendita di Umbrò (via Sant’Ercolano 2, Perugia), Circolo Arci Sant’Erminio (Perugia), Impact 0 Beach Bar (Isola Polvese), Circolo Arci Moiano.

Informazioni
075 572 7809
 _________________________________________________________________________________

Dal 12 al 22 agosto la storica rassegna calabrese arriva alla XXXVIII Edizione, con il filo conduttore dell'italianità e l'omaggio a Frank Zappa e Lennie Tristano: tante prime assolute, tra gli ospiti Ray Gelato, William Parker, Rosàlia De Souza, Deborah J. Carter, Nicolai/Di Battista, Enzo Pietropaoli, Balanescu/Cojaniz, Minino Garay, Daniele Sepe e molti altri
Un porto aperto di musica e culture: 38 anni di Roccella Jazz Festival!

Il Comune di Roccella Jonica (RC)
è lieto di presentare:

ROCCELLA JAZZ FESTIVAL 2018 - RUMORI MEDITERRANEI
XXXVIII EDIZIONE
12 - 22 agosto 2018
Direzione Artistica: Vincenzo Staiano

Un omaggio all'Italia, al contributo italiano offerto alla musica di tutto il mondo, al nostro Paese come luogo di cultura e accoglienza non solo artistica. E' questo il filo conduttore della XXXVIII Edizione del Roccella Jazz Festival, una delle rassegne più note, amate e apprezzate del jazz internazionale. Appuntamento a Roccella Jonica (RC) dal 12 al 22 agosto 2018 nelle tradizionali location Porto delle Grazie, Largo Colonne Rita Levi Montalcini e Teatro al Castello, con il tema chiave dal titolo Italians. Italians è la linea guida dell'edizione 2018: confermando il concetto degli spostamenti secondo la rosa dei venti, il Festival del 2018 si dirige verso ovest per scoprire e valorizzare il ruolo avuto dagli italo-americani nella nascita e lo sviluppo del jazz nei paesi d’oltremare. Italians è la cornice ideale per un appassionato tributo a una straordinaria figura del Novecento: Frank Zappa. L'anno scorso il RJF ha omaggiato Rino Gaetano, quest'anno con tre concerti, una conferenza e un film il festival è dedicato a un italo-americano geniale e anticonformista che ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della musica, attraversando tutti i generi. La prima parte della sessione di agosto - la tradizionale Jamming Around - si divide in due momenti. Il 12 e 13 agosto si terrà al Porto delle Grazie il programma Jazz @ The Sea. Domenica 12 apre il festival l'AJS Trio, uno dei migliori gruppi della scena jazz albanese, recente protagonista del Balkan Jazz Showcase di Tirana, dove il Roccella Jazz ha partecipato come consulente e unico ospite italiano. Sarà un concerto speciale anche per il suo significato storico, visto che il trio di Gent Rushi, Ermal Rod e Emiljan Dhimo fonde jazz e musica balcanica, un tempo proibita dal regime di Enver Hoxha. Chiuderà la serata l'Enzo Pietropaoli Wire Trio con Woodstock Reloaded: una travolgente e orgiastica rilettura dei classici di Woodstock da parte di un originale e ammirato terzetto jazz (Pietropaoli con Zanisi e Paternesi). Lunedì 13 arriva la strepitosa vocalist americana Deborah J. Carter, primadonna del jazz mondiale, con Daniele Gorgone, Marco Piccirillo ed Elio Coppola. Il 15, 16 e 17 agosto Jamming Around passa con Jazz @ Village al Largo Colonne Rita Levi Montalcini. Serata tutta africana mercoledì 15 con il Wise African Cultural Group, un ensemble creato dall’omonima associazione presieduta da Blessing Ajuka Ngozi e ospitato dal Museo dello Strumento Musicale di Reggio Calabria diretto da Demetrio Spagna. Giovedì 16 RJF incontra per la prima volta la figura di Frank Zappa: dopo l'apertura del duo Braga-Mauro, splendida coppia clarinetto e fisarmonica di area ethno-jazz, Marco Pacassoni e la sua band (Alberto Lombardi, Enzo Bocciero, Lorenzo De Angeli) omaggerà Frank Zappa con una interessante chiave di lettura: la centralità di vibrafono e marimba nei pezzi caratterizzati dalla presenza di Ruth Underwood, ideale ispiratrice del nuovo cd Frank & Ruth. Venerdì 17 dall'Italia all'estero con un musicista assai presente fuori dai confini nazionali: il violinista Luca Ciarla con il suo concerto solo, one man band con violino, voce, loop station ed elettronica. A seguire un cambio radicale, con la cantautrice Valentina Gullace che presenterà in anteprima a Roccella i brani del suo disco d'esordio La mia stanza segreta, in uscita a ottobre: una produzione originale in prima nazionale.  Il clou del Roccella Jazz, come sempre intitolato Rumori Mediterranei, si tiene dal 18 al 22 agosto nella tradizionale location del Teatro al Castello, che ospita i big del jazz italiano e internazionale, sotto l'egida Going West: A Ovest di Frank Zappa. Si parte sabato 18 con Anthus, eccezionale figura artistica apolide - di origine siciliana - e cantante/compositore amatissimo nel mondo del jazz spagnolo: Anthus presenterà per la prima volta in Italia il nuovo album Calidoscopic, premiato svariate volte in Spagna. Un vocalist che fonde jazz contemporaneo e suoni mediterranei, un novello Demetrio Stratos accompagnato da una formazione coi fiocchi, Pol Padrós, Mark Aanderud, Manel Fortià e Ramón Díaz. Seconda parte dedicata al blues delle origini, quelle antiche, con il griot maliano Baba Sissoko e il bluesman americano Mighy Mo' Rodgers, insieme con Griot Blues - Mali meets Mississippi. Con loro in una serata che si preannuncia ipnotica e affascinante, Darryl Dunmore, Luca Giordano, Walter Monini, Seydou Diabate Sissokho e Pablo Leoni. Domenica 19 prima mondiale con grande ritorno del duo Alexander Balanescu - Claudio Cojaniz, che a Roccella presenterà Lennie's Song, un omaggio al leggendario Lennie Tristano. Italians è per l'appunto un format grazie al quale il pianista friulano di origine serba e il celebre violinista rumeno tributano il loro riconoscimento a una figura storica come Lennie Tristano, originario di Aversa (CE) e diventato uno dei grandi pianisti della storia del jazz. L'Italia è anche terra che accoglie e ospita gli artisti, ed è il caso di Rosàlia De Souza: la più famosa interprete di bossa nova al mondo tra quelle operanti al di fuori del Brasile vive in Italia da anni ed è recentemente tornata - dopo nove anni di assenza - con il favoloso disco Tempo, che presenta a Roccella con un quartetto di assi come Antonio De Luise, Sandro Deidda, Aldo Vigorito e Dario Congedo. Lunedì 20 sarà invece il giorno tutto dedicato a Frank Zappa, a venticinque anni dalla sua scomparsa. Si parte nel pomeriggio con la conferenza Zappa 25—Parthenia a cura del critico Gianmichele Taormina, di Partinico proprio come la famiglia Zappa. Seguirà la proiezione del docufilm RAI 1982 – L’Estate di Frank di Salvo Cuccia, preceduta da un incontro con Eleonora Cordaro, produttrice del docufilm dedicato al concerto di Zappa sospeso a Palermo nell'82. Il primo concerto sarà Riccardo Fassi Tankio Band Plays Frank Zappa: un esemble rodato e di successo, quello del tastierista Riccardo Fassi, che presenterà nuovi arrangiamenti di inediti che abbracciano il periodo 70-90. Con Fassi ci saranno Manlio Maresca, Torquato Sdrucia, Pierpaolo Bisogno, Steve Cantarano, Pietro Iodice. A seguire un musicista iconoclasta come Zappa: Daniele Sepe con il progetto Direction Zappa. Il sassofonista napoletano, una delle figure più eclettiche e sorprendenti in circolazione, avrà accanto a sè due stelle come Dean Bowman e Hamid Drake insieme a Alessandro Morlando, Tommy De Paola e Davide Castigliola. Spettacolare la proposta di martedì 21, un quartetto all star americano, creatore di un suggestivo soul astrale: il William Parker New Organ Quartet in The Language Of Cosmic Truth. Il poderoso contrabbassista William Parker avrà al fianco Cooper Moore, Hamid Drake e James Brandon Lewis. E in un'edizione caratterizzata dall'italianità, non potrà mancare Ray Gelato con i suoi Giants: un'autentica icona swing, figura storica amante dell'Italia e della musica americana degli anni '50, popolarissimo entertainer adorato in tutto il mondo. Con lui Danny Marsden, Andy Rogers, Olly Wilby, Gunther Kurmayr, Manuel Alvarez, Ed Richardson. Serata di chiusura mercoledì 22 con due concerti diversi ma complementari. Apertura affidata a una garanzia, il sestetto guidato da Nicky Nicolai e Stefano Di Battista, una delle grandi coppie di artisti del jazz italiano. A Roccella presenteranno una produzione originale con una scaletta che includerà alcuni brani cantati da celebri crooner italo-americani: con la coppia ci saranno personalità quali Andrea Rea, Daniele Sorrentino, Roberto Pistolesi e Aldo Bassi. Chiude il Roccella Jazz 2018 il quintetto guidato dall'esplosivo percussionista argentino Minino Garay, che torna a Roccella dopo nove anni con grande attesa. La sua Tunga Tunga's Band propone una musica da ballo nata dal connubio tra la nostra tarantella e il Pasodoble di origine spagnola: un'evoluzione dello storico "Quarteto", fondato a Cordoba nel 1943 dall'immigrato italiano Augusto Fernando Marzano ispirandosi al pianismo della figlia diciassettenne Leonor (una pianista allora diciassettenne). Osteggiata dal regime argentino, la Tunga Tunga è poi tornata in auge e Garay offrirà la sua interpretazione in chiave jazz, con gli stessi strumenti del Quarteto, insieme a Lalo Zanelli, Pajaro Canzani, Jonathan Grande e Christophe Lampidecchia. Il Roccella Jazz Summer Campus sarà un’altra novità di questa edizione: un insieme di attività didattiche e formative di vario tipo, un ciclo di conference e proiezioni filmiche e alcune mostre. Le attività didattico-formative saranno organizzate con la forma di clinics e master classes condotte da musicisti di primissimo piano che parteciperanno ai concerti. I seminari e workshop avranno come docenti alcuni critici e operatori di grande spessore. Le conferenze e le proiezioni cinematografiche riguarderanno il tema Italians e in particolare il ruolo avuto dai siculo-americani nella nascita e nello sviluppo del jazz. Si cercherà, infatti, di sottoporre a verifica la veridicità dell’assunto ormai diffusa che il jazz è una musica siculo-afro-americana. A discuterne critici, storici e cineasti provenienti dall’Italia e dall’estero. 

Roccella Jazz:

Roccella Ionica:
 _________________________________________________________________________________

Ristorante La Cueva, Jazz Club Ferrara
Regione Emilia-Romagna, Assessorato alla Cultura Comune di Codigoro (FE)
CUEVA SUMMER JAZZ
VIII Edizione
24 luglio – 04 settembre 2018

Martedì 21 agosto, ore 22.00
In collaborazione con Jazz Club Ferrara
PAIO - SANTIMONE - ABRAMS - MORGANTI JAZZ QUARTET

Martedì 21 agosto è swinging Cueva con l’originale sound dell’inedito Jazz Quartet. Il quartetto, composto da 4 inter pares  quali Massimo Morganti al trombone, Alfonso Santimone alle tastiere, Marc Abrams al contrabbasso e Riccardo Paio alla batteria, sposa il jazz della tradizione a un’accattivante contemporaneità. Appuntamento in collaborazione con Jazz Club Ferrara, con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Codigoro. Swing, espressività, maestria tecnica sono le caratteristiche del Jazz Quartet, inedito quartetto protagonista - martedì 21 agosto (ore 22.00) - del secondo appuntamento firmato Cueva Summer Jazz 2018. La sezione ritmica, formata da Alfonso Santimone alle tastiere, Marc Abrams al contrabbasso e Riccardo Paio alla batteria, si prefigura come ideale trampolino di lancio per le imprevedibili circonvoluzioni del trombone ‘domato’ da un fuoriclasse dello strumento qual è Massimo Morganti. Ne emerge un sound originale, che sposa il jazz della tradizione a un’accattivante contemporaneità, in grado di coinvolgere emotivamente lo spettatore.  L’evento è realizzato in collaborazione con Jazz Club Ferrara e vede il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Codigoro (FE). Massimo Morganti si diploma in Trombone, Strumentazione per Banda e Composizione al Conservatorio di Musica "G. Rossini" di Pesaro, per poi proseguire gli studi al Berklee College di Boston grazie a una borsa di studio vinta ai seminari di Umbria Jazz 1997. La sua attività concertistica, che abbraccia sia piccole formazioni che grandi orchestre, lo porta a collaborare con importanti musicisti del panorama jazz italiano e internazionale quali Kenny Wheeler, Bob Brookmeyer, Bob Mintzer, Mike Stern, Scott Robinson, Joe La Barbera, Maria Schneider, Paul McCandless, la WDR Big Band, Cyro Baptista, Fabio Zeppetella, Ramberto Ciammarughi, Paolo Damiani, Marco Tamburini, Fabrizio Bosso, Javier Girotto, Gianluca Petrella, Gianluigi Trovesi, Cristina Zavalloni, Gabriele Mirabassi, Enrico Rava, Aldo Romano, Toninho Horta, Ronnie Cuber, Jack Walrath, Paolo Fresu tra gli altri. Ha all'attivo oltre sessanta incisioni come leader, sideman e co-leader. Nel 2001 fonda la Colours Jazz Orchestra di cui è il direttore, con la quale incide tre dischi. Attualmente è insegnante di Trombone Jazz  al Conservatorio “F. Venezze” di Rovigo e al Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia. Nato a Ferrara, Alfonso Santimone è stato membro stabile del quintetto di Giulio Capiozzo ed ha suonato e collaborato in Italia e in Europa con Harold Land, Robert Wyatt, Gorge Cables, Jimmy Owens, Tony Scott, Bruce Forman, John Clark, Ares Tavolazzi e Claudio Fasoli tra gli altri. Impegnato in molteplici progetti di musica sperimentale, elettronica e improvvisata, Santimone ha contribuito alla produzione di svariati album in qualità di compositore e arrangiatore oltreché di pianista. È parte del Roberto Gatto Trio e co-dirige, insieme a Piero Bittolo Bon, la Tower Jazz Composers Orchestra, l’orchestra residente del Jazz Club Ferrara. Attualmente è docente ai corsi di alto perfezionamento di Siena Jazz. Marc Abrams si avvicina al pianoforte a sette anni. Passa al violino a dieci, mentre all’età di dodici anni dà il via alla sua carriera esibendosi in orchestre regionali e da camera composte da giovani musicisti dell’area di New York. Approda al basso l’anno successivo. In un lasso di tempo piuttosto breve, partecipa a trasmissioni radiofoniche e televisive, festival jazz, concerti e tournée in Italia, Europa e Stati Uniti. Queste fondamentali esperienze lo vedono al fianco di Kenny Clarke, Sal Nistico, Chet Baker, Karl Berger, John Tchicai, Steve Lacy, Gil Evans, AI Foster, Benny Golson, Steve Grossman, Slide Hampton, Kirk Lightsey, Pietro Tonolo, Massimo Urbani, Luisa Longo, Paolo Birro , Robert Bonisolo e molti altri. È membro della Lydian Sound Orchestra dal 2002 ed è docente di Contrabbasso Jazz al Conservatoro “C. Pollini” di Padova. Riccardo Paio esordisce negli anni '90. Da allora conduce un'intensa attività che abbraccia prestigiose collaborazioni, tour, registrazioni, apprezzati progetti e didattica. Si è esibito con Ares Tavolazzi, Alessia Obino, Alessandro Fedrigo, Daniele Santimone, Francesco Bearzatti, Piero Odorici, Paolo Birro, Silvia Donati, Bruno Ceselli, Antonio Cavicchi, Glauco Benedetti, Mattia Dalla Pozza e Federico Pierantoni tra gli altri. È fondatore del Mob Job Quartet e della Rich Double & Afrobeaters Band. Nel 2010 incide 'A Little Bartok' con Daniele Santimone, Ares Tavolazzi con la speciale partecipazione di Marco Tamburini ed Achille Succi. Nel 2017, invece, è la volta di 'Leaps' a fianco di Daniele Santimone, Ares Tavolazzi e Pietro Tonolo. Paio è inoltre docente di batteria presso alcune scuole di musica della regione Veneto.  Il concerto è ad ingresso libero, prima è possibile cenare. In caso di maltempo l’evento si svolgerà all’interno del ristorante. 

INFORMAZIONI
Info e prenotazioni 0533 719121 – 347 8742694
_________________________________________________________________________________

Torna il Festival Gubbio No Borders: la 17esima edizione tra nomi illustri e masterclass
Dal 15 al 28 agosto la 17^ edizione del Festival Jazz di Gubbio tra ospiti internazionali e masterclass con docenti illustri. Tra i protagonisti: Paul Wertico, storico batterista del Pat Metheny Group, live il 20 agosto con un progetto dedicato all'opera lirica italiana “Free The Opera”, e la cantante e songwriter Greta Panettieri che aprirà il Festival il giorno di Ferragosto con il suo osannato omaggio a Mina “Non Gioco Più” special guest il trombettista Flavio Boltro.

Nella città di Gubbio dal 15 al 28 agosto torna il Festival jazz Gubbio No Borders, che quest'anno giunge alla 17esima edizione, organizzato dall'Associazione Jazz Club Gubbio con la direzione artistica di Luigi Filippini. Una manifestazione riconosciuta a livello nazionale, che attraverso le varie edizioni ha portato nella città di Gubbio molti protagonisti del jazz e del panorama culturale italiano e internazionale. Tra le novità del 2018, le No Borders Masterclass: un ciclo di incontri didattici diretti da Leonardo Radicchi e Andrea Angeloni, con studenti provenienti da varie parti d'Italia e lezioni individuali e collettive presso gli studi di ”Al Fondino” con un corpo docenti formato da nomi di spicco del jazz italiano, tra cui il chitarrista Francesco Diodati e il sassofonista Cristiano Arcelli. Ad inaugurare la manifestazione, il giorno di Ferragosto alle ore 21.30 presso il Teatro Romano di Gubbio sarà la carismatica cantante e songwriter Greta Panettieri, riconosciuta come una delle voci più interessanti del panorama internazionale, e reduce dalle tournèe in Russia e Cina e dal tour italiano con Toquinho. Dall'approccio eclettico alla musica, nasce il suo coraggioso e osannato “Omaggio a Mina” che ha già conquistato la stampa del settore e il grande pubblico, e che presenterà sul palco del Gubbio NoBorders insieme ad un altro grande musicista italiano: il trombettista Fabio Boltro. Il 20 agosto al Chiostro di San Pietro arriva un altro grande protagonista del jazz internazionale: lo statunitense Paul Wertico, che per oltre 20 anni è stato il leggendario batterista di Pat Metheny, con il quale ha conquistato 7 Grammy Awards. Alle ore 21.30 salirà sul palco con un suo grande tributo all'opera di Giuseppe Verdi e Gioacchino Rossini: il progetto italo-americano “Free The Opera” candidato ai Grammy Awards, in trio con il contrabbassista Gianmarco Scaglia e il pianista Fabrizio Mocata. Il concerto del 21 agosto al Chiostro di San Pietro è in collaborazione con la Scuola Comunale di Musica di Gubbio e l'Associazione Novamusica, con il Diego Ruvidotti Vertical Quartet live alle 21,30 guidato dal trombettista Diego Ruvidotti e completato da Alessandro Bravo (pianoforte), Francesco Pierotti (contrabbasso) e Alberto Argirò (batteria). Il 24 agosto alle 21 appuntamento con il concerto che celebra la conclusione delle No Borders Masterclass: a salire sul palco del Chiostro San Pietro studenti e docenti. A seguire, il progetto “Lorenzo Cannelli Foster Family” guidato da Lorenzo Cannelli (voce, piano, organo, tromba, basso, chitarra) e con Paolo Ceccarelli (chitarre), Gregorio Paffi (basso e piano), Sara Marini (voce), Paolo Acquaviva, Leonardo Minelli (sax) Gabriele Giovenali (batteria). Anche il 28 agosto, ultimo giorno del Festival, si articola in un doppio evento. Alle ore 21 al Chiostro San Pietro il progetto “ALTRISUONI - L’ombra che non trovava la sua forma” da un’idea di Maria Clara Pascolini, con il coro della 3° C della scuola elementare del I circolo didattico e la direzione di Sara Marini. Si proseguirà con “ESTINTE VOCI” di e con Sara Marini (voce) insieme a Paolo Ceccarelli (chitarre), Goffredo Degli Esposti – Micrologus - (flauti e zufolo, zampogna e tamburo) e Francesco Savoretti (Ecanes) alle percussioni etniche.

Info e biglietteria: Associazione Jazz Club Gubbio: tel. 347.8283783 - 075.9220693.
L'evento è patrocinato dalla Regione Umbria e dal Comune di Gubbio.

CONTATTI
Facebook: Gubbio No Borders
Associazione Jazz Club Gubbio: tel. 347.8283783 - 075.9220693
_______________________________________________________________________________

Trentino Jazz, Fondazione CARITRO, Provincia autonoma di Trento, Regione Autonoma Trentino Alto Adige
presentano
TRENTINO JAZZ 2018
Il network italiano del jazz

Il network italiano del jazz: è proprio il caso di dirlo. Oggi più che mai, giunto alla sua Settima Edizione, TrentinoInJazz valorizza con forza la sua vocazione a essere una rete, più che una rassegna; un incrocio di sensibilità, esperienze, professionalità, più che un semplice festival jazz. Anche il cartellone 2018 ribadisce lo spirito originale di questa iniziativa, tra le più apprezzate, significative e lunghe del panorama musicale italiano ed europeo: il programma infatti parte a giugno e termina in autunno, copre due stagioni all'insegna di un networking tra enti locali e organizzatori, è aperto a varie declinazioni del jazz e generi affini, coinvolge centinaia di musicisti, addetti ai lavori e promoter, mette in connessione attività artistiche, comuni, accoglienza e turismo in alcuni dei luoghi più affascinanti d'Italia e d'Europa. A questo va aggiunto l'ingresso gratuito per la maggior parte delle serate. L'APS Trentino Jazz - ente ideatore e coordinatore del TrentinoInJazz presieduto da Chiara Biondani - fino al 2011 è stato solo un cartellone di manifestazioni affini, in seguito "federate" in un percorso comune, una vera e propria rete dal nome TrentinoInJazz che si snoda nel corso del 2018 sull’intero territorio della provincia di Trento. TrentinoInJazz 2018 ribadisce l'unicità di un percorso unitario, che punta sulle diverse espressioni del jazz contemporaneo, sia italiano che straniero. TrentinoInJazz 2018 è articolato in sette "microfestival" dislocati in varie aree provinciali, partiti in differenti momenti come anteprima del network principale: TrentinoIn Jazzclub (dal 26 aprile), Katharsis 2018 (dal 25 febbraio), Suoni d'acqua (dal 3 giugno), Lagarina Jazz (dal 15 giugno), Valli del Noce Jazz (dal 14 luglio), Valsugana Jazz Tour (dal 21 luglio), Panorama Music (dal 5 luglio), ovviamente ognuno con la propria peculiarità artistica e connotazione territoriale. TrentinoIn Jazzclub (ideata da Emilio Galante per coinvolgere i club di Trento e Rovereto) è stata la grande anteprima della rassegna e termina - fatte salve integrazioni in corso d'opera - domenica 24 giugno con i Kone Trio a Rovereto. Una gradita conferma è Suoni d'acqua (a cura di Sonata Islands con il Comune di Madruzzo), sezione itinerante della Valle dei Laghi nata attorno all'idea della residenza nella Casa degli Artisti di Lagolo: Tango Tres (29/7) e Carlo Maver Trio (2/9), entrambi a Lagolo. Venerdì 22 giugno ad Ala parte anche Lagarina Jazz, sempre attento a proposte di rilievo internazionale, a cura del giornalista Giuseppe Segala, con l'accoppiata Opus One Trio e il Duo Gabriele Mirabassi-Roberto Taufic; Kaleidoscope Quartet e Giovanni Falzone Quintet (24/6 Villa Lagarina); Barionda (25/6 Isera). Luglio è il mese del debutto di due tra le più vivaci e seguite sezioni del TrentinoInJazz, parliamo di Valli del Noce Jazz e Valsugana Jazz Tour. Si parte a Cles il 14 luglio con il sestetto Paris di Greta Marcolongo, a seguire Bonporti Jazz Band: Rodgers’ Songs (15/7 Malè), Tiziano Bianchi Sextet (17/7 Mezzolombardo), Gilson Silveira Trio (18/7 Segno), Fabio Rossato Duo (19/7 Sanzeno), Inside Jazz Quartet (20/7 Denno), Nilza Nascimento Costa (21/7 Sanzeno), Big Band Giovanile dell’Alto Adige e Helga Plankensteiner & Revensch (22/7 Lago di Tovel), Osso Mastrosso e Carcagnosso (24/7 Cles), TTJazz Collective (25/7 Malè). Valsugana Jazz Tour arriva alla Edizione n.16 con il consueto programma che alterna big della musica internazionale e nuove proposte: Majazztic Quartet (20/7 Grigno Valsugana), FaRe Jazz Big Band - Special Guest Antonio Molina (21/7 Tenna), Funk Park Quartet (25/7 Pergine Valsugana), After The Moon (1/8 Baselga di Pinè), 1000 Street Orchestra e Les Babettes (2/8 Pergine), Roberto Gorgazzini feat. Gisella Ferrarin e Michael Rosen (4/8 Levico Terme), appendice invernale con il Terence Blanchard Quintet (19/11 Pergine). Katharsis, IV edizione della stagione di musiche classiche, contemporanee, jazz (organizzata da Associazione Ars Modi con la direzione artistica di Edoardo Bruni) riparte il 31 luglio a Roncegno con Floraleda Sacchi, poi Nuovi strumenti per nuova musica: Hans Raecke e Ingo Wackenhut (11/9 Roncegno), Musica della Grande Guerra: In occasione del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale (3/11 Trento), Terreni Kappa (17/11 Trento), L’altra metà della musica: Maria Letizia Grosselli e Stefania Neonato (1/12 Trento), Relendo Villa Lobos: Sonata Islands (8/12 Trento). Immancabili gli appuntamenti di Panorama Music nel palcoscenico naturale delle Dolomiti della Val di Fassa, organizzato dalle società di impianti a fune e dall'Azienda per il Turismo della Val di Fassa (dir. artistica Enrico Tommasini). Concerti in alta quota tra jazz, rock, blues e pop, come sempre a ingresso gratuito: si parte il 5 luglio in duo, con As Madalenas (Cristina Renzetti e Tati Valle) a Campitello di Fassa, poi Grimaz-Vescovo (8/7 Marmolada), Sant'Andreu Jazz Band (15/7 Moena), LeBurn Maddox Trio (19/7 Moena), Dolomiti Brass Quintet (22/7 Moena), Tt Collective "Like Sonny" (26/7 Col Margherita), Panorama Klezmer (2/8 Alba di Canazei), Coro Enrosadira (5/8 Vigo di Fassa), Maldalsabisa (9/8 Pozza di Fassa), Five To Ten (12/8 Belvedere di Canazei), Martina Iori Quintet (16/8 Passo San Pellegrino), Roberta Giallo (19/8 Moena), Me + Marie (23/8 Alba di Canazei), Albertini-Bruni Duo (26/8 Vigo di Fassa).


_________________________________________________________________________________

TREMITI MUSIC FESTIVAL
30 agosto - 2 settembre 2018

La prima edizione del festival sulle Isole Tremiti ospita ZiroBop di Enzo Zirilli, Boris Savoldelli e Umberto Petrin, Francesco Carofiglio & Chelsea Hotel, Alberto Parmegiani Quartet, Sarah Jane Morris Trio, Andrea Sabatino e Vince Abbracciante, Nicola Conte e Gianluca Petrella con Spiritual Galaxy
  
Il jazz e le sue declinazioni. Nell’abbraccio delle Isole Tremiti, con la loro  incontaminata e selvaggia bellezza. Per quattro giorni, dal 30 agosto al 2 settembre, le oasi di San Nicola e San Domino, a largo del Gargano, ospiteranno il Tremiti Music Festival promosso da Regione Puglia, Puglia Sounds /Teatro Pubblico Pugliese, Amministrazione Comunale e la direzione artistica di Roberto Ottaviano. Di scena ZiroBop di Enzo Zirilli, Boris Savoldelli e Umberto Petrin, Francesco Carofiglio & Chelesa Hotel, Alberto Parmegiani Quartet, Sarah Jane Morris Trio, Andrea Sabatino e Vince Abbracciante, Nicola Conte e Gianluca Petrella con il loro Spiritual Galaxy. Si parte giovedì 30 agosto, sull’Isola di San Nicola, con ZiroBop, il progetto del batterista Enzo Zirilli con i chitarristi Rob Luft e Alessandro Chiappetta e il contrabbassista salentino Luca Alemanno, e si prosegue venerdì 31 agosto sull’Isola di San Domino per un doppio set che si apre con «Cronache a 68 giri» del pianista Umberto Petrin e del “cantante-orchestra” Boris Savoldelli e si chiude con il reading musicale «Il Maestro» affidato alle voci narranti dello scrittore Francesco Carofiglio e dell’attrice Caterina Valente accompagnati dal Chelsea Hotel di Nando Di Modugno (chitarra), Mirko Signorile (pianoforte), Giorgio Vendola (contrabbasso) e Pippo D’Ambrosio (batteria). Sempre sull’Isola di San Domino, sabato 1° settembre, la serata inizia con «On My Radio» con il quartetto del chitarrista Alberto Parmegiani coadiuvato da Claudio Filippini al pianoforte e al sintetizzatore, Daniele Cappucci al contrabbasso  e Lorenzo Tucci alla batteria, e prosegue con il live del trio di Sarah Jane Morris, la popolare cantante soul accompagnata da una coppia di chitarristi formata da Tony Remy e Tim Cansfield. Il Tremiti Music Festival si chiuderà a San Domino, domenica 2 settembre, con un altro doppio set comprendente il nuovo progetto del trombettista Andrea Sabatino e del fisarmonicista Vince Abbracciante e la presentazione del recente album di Nicola Conte & Spiritual Galaxy, «Let Your Light Shine On», con il band leader alla chitarra, Gianluca Petrella al trombone ed elettronica, Dario Congedo alla batteria, Assefa Abdissa alle percussioni, Bridgette Amofah alle voci, Logan Richardson al sax, Pietro Lussu al pianoforte e alle tastiere e Luca Alemanno al basso. Tutti i concerti sono a ingresso libero per info anagrafetremiti@libero.it 
_________________________________________________________________________________

TALOS FESTIVAL 2018
LE BANDE LA MELODIA LA RICERCA LA FOLLIA
da sabato 1 a domenica 9 settembre
Ruvo di Puglia (Ba)
Info www.talosfestival.it - 0803615419


Concerti, produzioni originali, performance, flash mob, atelier di creazione, workshop, incontri, master class: da sabato 1 a domenica 9 settembre torna a Ruvo di Puglia il Talos Festival. Diretto dal trombettista Pino Minafra, fondatore del festival nel 1993, e dal pianista Livio Minafra, il Talos propone un ricco programma che parte dalla banda, s'inoltra nella sperimentazione musicale e incrocia la danza contemporanea, grazie al progetto coreografico di Giulio De Leo della Compagnia Menhir. Il risultato è una miscela di jazz, improvvisazione creativa e sonorità mediterranee, che incontra i corpi di una comunità di danzatori e cittadini di ogni età, origine e professione, e gli strumenti di tanti ospiti pugliesi, nazionali e internazionali. Musiche, gesti e preziose architetture generano una magica alchimia che ha come scenario gli spazi pubblici, le piazze e gli attrattori culturali di Ruvo di Puglia “città d’arte”. Tra gli ospiti internazionali il Coro delle Voci Bulgare “Angelite”, tra i più rinomati ensemble di "world music" al mondo; il percussionista indiano Trilok Gurtu; il tubista e serpentonista francese Michel Godard (che terrà anche una Master class sulla “Musica d’Insieme” con Nicola Pisani); il suonatore austriaco di vibrafono e marimba Roland Neffe (che proporrà un workshop in collaborazione con l’Associazione Culturale Bembè), il pianista e la cantante greci Sakis Papadimitriou e Georgia Sylleou. Sabato 8 settembre si rinnoverà l’appuntamento con La notte della Banda, produzione originale del festival, con Pino Minafra & La Banda con la partecipazione di Fratelli Mancuso, Nicola Pisani, Cesare Dell’Anna, Gino Semeraro, Livio Minafra, Donato Semeraro, Michel Godard, Michele Di Puppo, Vittorino Curci e altri ospiti. Il Festival accoglierà anche il sassofonista e cantautore Enzo Avitabile con i Bottari di Portico, l'Orchestra Musicaingioco, progetto didattico sperimentale ispirato a "El Sistema de Abreu", il progetto Migranti con Luigi Morleo e l'Orchestra Sinfonica I.C.O. dell'Area Metropolitana di Bari diretta da Giovanni Rinaldi con gli ospiti Ivan Mancinelli, Admir Shkurtaj e Michele Marzella, la Big Band del Conservatorio Piccinni di Bari diretta da Vito Andrea Morra, il Brass Ensemble “Il Cenacolo” diretto da Salvatore Barile; I Superstiziosi di Bembé Arti Musicali e Performative, la Fanfara del Comando Scuole Aeronautica Militare di Bari diretta da Nicola Cotugno, lo spettacolo Guarda che Banda! con la direzione di Nuccio Gargano e Margherita Di Pierro e i musicisti pugliesi Giorgio Distante, Giuliano Di Cesare, Luca Lorusso, Vincenzo Mazzone, Vince Abbracciante con Nando Di Modugno, Giorgio Vendola e Alkemia Quartet. La chiusura domenica 9 settembre sarà affidata all'ensemble salentino BandAdriatica diretto dall’organettista e cantante Claudio Prima.  Se la ricerca musicale è stata la caratteristica peculiare del Talos, dopo l'esperimento della scorsa edizione, si rafforza quest'anno la contaminazione con la danza contemporanea grazie alla collaborazione con Giulio De Leo e la Compagnia Menhir. Donne e uomini di ogni età e origine danzeranno e incontreranno le musiche e i musicisti del festival. Dopo un lungo percorso di formazione caratterizzato da quattro laboratori di creazione coreografica (Arcipelago, Giardini Familiari, Notturni, Passionale), attraverso la danza i cittadini potranno riappropriarsi del corpo come mezzo di espressione e soggettività e vivere lo spazio pubblico come luogo di comunità e identità collettiva. Un esperimento unico nel suo genere che coinvolgerà anche il danzatore tedesco di origini brasiliane Rodolfo Piazza Pfitscher Da Silva che (mercoledì 5 Settembre alle 18 nella Pinacoteca d'Arte Contemporanea) si esibirà in “Genesi 2” con Vincenzo Mazzone Percussion Ensemble, e la coreografa finlandese Sanna Myllylahti, docente dell’Università delle Arti di Helsinki, che nei giorni del Talos proseguirà un atelier di creazione coreografica per professionisti che ha preso il via a giugno e che si concluderà (sabato 8 settembre alle 18 in Pinacoteca) con la performance In The Middle con la musica del contrabbassista Giorgio Vendola. Nella Pinacoteca d’Arte contemporanea, il Festival proporrà anche Bande, mostra fotografica a cura di Raffaele Puce (inaugurazione sabato 1 agosto alle 18), un convegno sul tema “La Banda: un Patrimonio da Salvare” (domenica 9 agosto alle 11) e la presentazione del volume “Puglia, le età del jazz” (Adda Editore) del giornalista Ugo Sbisà con Fabrizio Versienti e Roberto Ottaviano. Talos Festival è organizzato dal Comune di Ruvo di Puglia in Ats pubblico/privata con associazione culturale Terra Gialla, compagnia di danza contemporanea Menhir, Conservatorio di Musica Niccolò Piccinni di Bari e Cooperativa Doc Servizi, finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito dell’Avviso pubblico per lo Spettacolo e le Attività culturali FSC 2014-2020 – Patto per la Puglia, con il patrocinio e il sostegno di Camera di Commercio di Bari e Parco Nazionale dell’Alta Murgia in collaborazione con Confcommercio Ascom di Ruvo di Puglia, Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana di Bari, Proloco di Ruvo di Puglia, Tipografia De Biase, Talos Viaggi, Hotel Pineta e con il supporto di Itel Telecomunicazioni, Supermercati Dok, Cagnetta ed Eurocoop.

Programma
Il programma prenderà il via sabato 1 settembre dalle 18 nella Pinacoteca d’Arte Contemporanea con l’inaugurazione di Bande, mostra fotografica a cura di Raffaele Puce, il concerto solo di Giorgio Distante con la sua innovativa Hybrid Electroacoustic Trumpet, e con Migrazioni, performance coreografica a cura della Compagnia Menhir con Serena Facchini, Erika Guastamacchia, Rosa Merlino e lo stesso Distante. Dalle 20.30 al via i concerti sul Sagrato della Cattedrale con Migranti, un progetto di Luigi Morleo con l'Orchestra Sinfonica I.C.O. dell'Area Metropolitana di Bari diretta da Giovanni Rinaldi con la partecipazione di Ivan Mancinelli, Admir Shkurtaj e Michele Marzella. La serata ospiterà anche Arcipelago flash mob (under 30) a cura della Compagnia Menhir. Domenica 2 Settembre si parte alle 18 in Pinacoteca con il Brass Ensemble “Il Cenacolo” diretto da Salvatore Barile. Dalle 20:30 sul Sagrato della Cattedrale spazio all’Orchestra MusicaInGioco diretta da Andrea Gargiulo e al flash mob Giardini famigliari a cura di Compagnia Menhir. Lunedì 3 Settembre appuntamento alle 18 in Pinacoteca con I Superstiziosi di Bembé Arti Musicali e Performative. Dalle 20:30 sul Sagrato della Cattedrale in scena la Big Band del Conservatorio Piccinni di Bari diretta da Vito Andrea Morra e il flash mob Notturni a cura di Compagnia Menhir. Martedì 4 Settembre alle 18 in Pinacoteca lo spettacolo “Entropia, ciò che vedo mentre suono” con Giuliano Di Cesare (tromba ed effetti) e Luca Lorusso (vibrafono). In serata dalle 20:30 sul Sagrato della Cattedrale la Fanfara del Comando Scuole Aeronautica Militare di Bari diretta da Nicola Cotugno e Passionale, flash mob per coppie under 50. Mercoledì 5 Settembre in Pinacoteca dalle 18 “Genesi 2” con Vincenzo Mazzone Percussion Ensemble e il danzatore Rodolfo Piazza Pfitscher Da Silva a cura della Compagnia Menhir. Dalle 20:30 sul Sagrato della Cattedrale Guarda che Banda! con la direzione Nuccio Gargano e Margherita Di Pierro e In the middle, flash mob con i partecipanti della master class di Sanna Myllylahti. Da giovedì 6 a domenica 9 settembre il programma si infittisce ulteriormente con ospiti internazionali, produzioni originali, master class, incontri e concerti serali in Piazzetta le Monache introdotti dai giornalisti Ugo Sbisà e Fabrizio Versienti. Giovedì 6 Settembre si parte alle 18 in Pinacoteca con la presentazione del cd Campo Armonico, prodotto da Quinton Records, con Livio Minafra (pianoforte), Roland Neffe (vibrafono e marimba) e Michel Godard (tuba e serpentone) che, subito dopo, accompagneranno la produzione orginale Notturni, con donne non professionista che danzeranno sulla coreografia di Giulio De Leo. La serata si concluderà in Piazzetta Le Monache con il trascinante spettacolo di Enzo Avitabile e i Bottari di Portico. Venerdì 7 Settembre i due artisti greci Sakis Papadimitriou (pianoforte) e Georgia Sylleou (voce) prima presenteranno lo spettacolo Echi onirici dal Mar Egeo e poi interagiranno con alcune coppie under 50 nella performance Passionale per la coreografia di Giulio De Leo a cura di Compagnia Menhir in collaborazione con Istituto Sant’Agostino di Noicattaro. Dalle 20:30 un doppio concerto imperdibile in Piazzetta Le Monache con il percussionista indiano Trilok Gurtu e The Bulgarian Voices “Angelite”. La lunga serata di sabato 8 Settembre prenderà il via in Piazza Dante alle 17 con Giardini Famigliari, una produzione originale a cura di Compagnia Menhir con la coreografia di Giulio De Leo e la partecipazione del trombettista Giuliano Di Cesare. Dalle 18 in Pinacoteca sarà protagonista ancora la danza con In The Middle con le coreografie di Sanna Millylahti e la musica del contrabbassista Giorgio Vendola che, a seguire, si esibirà nella presentazione del cd Sincretico, prodotto dall’etichetta salentina Dodicilune, del fisarmonicista Vince Abbracciante affiancato anche da Nando Di Modugno (chitarra) e Alkemia Quartet - Marcello De Francesco e Leo Gadaleta (violino), Alfonso Mastrapasqua (viola) e Giovanni Astorino (violoncello). Dalle 20.30 in Piazzetta Le Monache torna, dopo il successo dell’anno scorso, La notte della Banda con Pino Minafra & La Banda e tanti ospiti: Fratelli Mancuso, Nicola Pisani, Cesare Dell’Anna, Gino Semeraro, Giuseppe Oliveto, Emanuele Calvosa, Livio Minafra, Donato Semeraro, Michel Godard, Michele Di Puppo, Vittorino Curci e altri ospiti. La giornata conclusiva, domenica 9 Settembre, si aprirà alle 11 in Pinacoteca con il convegno “La Banda: un Patrimonio da Salvare” con Pasquale Chieco (Sindaco di Ruvo di Puglia), Monica Filograno (Assessora alla Cultura del Comune di Ruvo di Puglia), Aldo Patruno (Direttore del Dipartimento turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio della Regione Puglia), Pino e Livio Minafra (Direttori artistici Talos Festival), Enzo Marzionne (Promotore della legge regionale sulle bande), Vittorino Curci (poeta e musicista). Dalle 17, sempre in Pinacoteca, il giornalista Ugo Sbisà presenterà il suo volume Puglia, le età del jazz (Adda Editore) con Fabrizio Versienti e Roberto Ottaviano. A seguire concerto finale degli studenti della Master class a cura di Michel Godard e Nicola Pisani che poi suoneranno dalle 19 in Piazza Dante per Arcipelago, produzione originale riservata agli under 30, con coreografia di Giulio De Leo a cura di Compagnia Menhir in collaborazione con Perla Felice onlus. Gran finale in Piazzetta Le Monache con il concerto dei Fratelli Enzo e Lorenzo Mancuso con la partecipazione di Michel Godard e con il concerto “Ciclopica” della BandAdriatica, ensemble salentino guidato dall’organettista e cantante Claudio Prima ampliato da Giovanni Chirico (sax), Luca Ferro (tromba), Lorenzo Lorenzoni (trombone) e Dino Donateo (tuba).

Tutti i concerti e gli incontri sono a ingresso gratuito
Concerti in piazza Le Monache (dal 6 al 9 settembre) - ingresso 8 euro (abbonamento 25 euro)

Info
www.talosfestival.it - 0803615419

Programma

Sabato 1 settembre
Ore 18 - Pinacoteca d’Arte Contemporanea
Bande - mostra fotografica a cura di Raffaele Puce #TalosArte
Giorgio Distante – concerto solo con Hybrid Electroacoustic Trumpet #TalosMusica
Migrazioni - performance coreografica a cura della Compagnia Menhir con Serena Facchini, Erika Guastamacchia, Rosa Merlino e Giorgio Distante #Talosdanza #ProduzioneOriginale
Ore 20:30 - Sagrato della Cattedrale
Migranti - Luigi Morleo e l'Orchestra Sinfonica I.C.O. dell'Area Metropolitana di Bari diretta da Giovanni Rinaldi; ospiti Ivan Mancinelli, Admir Shkurtaj, Michele Marzella #TalosMusica #produzioneoriginale
Arcipelago - flash mob (under 30) a cura di Compagnia Menhir #TalosDanza

Domenica 2 Settembre
Ore 18 - Pinacoteca d’Arte Contemporanea
Brass Ensemble Il Cenacolo - Diretto da Salvatore Barile #Talosmusica
Ore 20:30 - Sagrato della Cattedrale
Orchestra MusicaInGioco - Diretta da Andrea Gargiulo #TalosMusica #produzioneoriginale
Giardini famigliari - Flash mob (famiglie) a cura di Compagnia Menhir #TalosDanza

Lunedì 3 Settembre
Ore 18 - Pinacoteca d’Arte Contemporanea
I Superstiziosi - Bembé Arti Musicali e Performative #TalosMusica #ProduzioneOriginale
Ore 20:30 - Sagrato della Cattedrale
Big Band del Conservatorio Piccinni di Bari - Diretta da Vito Andrea Morra #TalosMusica
Notturni - Flash mob (donne) a cura di Compagnia Menhir #TalosDanza

Martedì 4 Settembre
Ore 18 - Pinacoteca d’Arte Contemporanea
Entropia, ciò che vedo mentre suono
Giuliano Di Cesare (tromba ed effetti) e Luca Lorusso (vibrafono) #TalosMusica
Ore 20:30 - Sagrato della Cattedrale
Fanfara del Comando Scuole Aeronautica Militare di Bari 
Diretta da Nicola Cotugno #TalosMusica
Passionale - Flash mob (coppie under 50) a cura di Compagnia Menhir #TalosDanza

Mercoledì 5 Settembre
Ore 18 - Pinacoteca d’Arte Contemporanea
Genesi 2 - Vincenzo Mazzone Percussion Ensemble con Rodolfo Piazza Pfitscher Da Silva (Germania/Brasile) a cura della Compagnia Menhir #TalosDanza #ProduzioneOriginale
Ore 20:30 - Sagrato della Cattedrale
Guarda che Banda! - Direzione Nuccio Gargano e Margherita Di Pierro #TalosMusica
In the middle - Flash mob con i partecipanti della masterclass di Sanna Myllylahti (Finlandia) #TalosDanza

TALOS FESTIVAL INTERNATIONALE
Giovedì 6 Settembre
Ore 18 - Pinacoteca d’Arte Contemporanea
Campo Armonico - Livio Minafra (pianoforte) Roland Neffe (vibrafono e marimba - Austria), Michel Godard (tuba e serpentone - Francia). Presentazione cd (Quinton Records) #TalosMusica
Notturni (donne) - Coreografia di Giulio De Leo a cura di Compagnia Menhir con Livio Minafra (pianoforte), Roland Neffe (vibrafono e marimba - Austria), Michel Godard (tuba e serpentone - Francia) #TalosDanza #ProduzioneOriginale
Ore 20:30 - Piazzetta Le Monache
Enzo Avitabile e i Bottari di Portico #TalosMusica

Venerdì 7 Settembre
Ore 18 - Pinacoteca d’Arte Contemporanea
Echi onirici dal Mar Egeo - Sakis Papadimitriou (pianoforte – Grecia) ospite Georgia Sylleou (voce - Grecia) #TalosMusica
Passionale (coppie under 50) - Coreografia di Giulio De Leo a cura di Compagnia Menhir in collaborazione con Istituto Sant’Agostino di Noicattaro con Sakis Papadimitriou (pianoforte - Grecia) e Georgia Sylleou (voce - Grecia) #TalosDanza #ProduzioneOriginale
Ore 20:30 - Piazzetta Le Monache
Trilok Gurtu (India)
Coro delle Voci Bulgare “Angelite” (Bulgaria)

Sabato 8 Settembre
Ore 17 - Piazza Dante
Giardini Famigliari (famiglie) - Coreografia di Giulio De Leo a cura di Compagnia Menhir con Giuliano Di Cesare (tromba) #TalosDanza #ProduzioneOriginale
Ore 18 - Pinacoteca d’Arte Contemporanea
In The Middle - Coreografie di Sanna Millylahti (Finlandia) con Giorgio Vendola (contrabbasso) #TalosDanza #ProduzioneOriginale
Sincretico - Vince Abbracciante (fisarmonica), Nando Di Modugno (chitarra), Giorgio Vendola (contrabbasso) e Alkemia Quartet - Marcello De Francesco e Leo Gadaleta (violino), Alfonso Mastrapasqua (viola) e Giovanni Astorino (violoncello). Presentazione cd (Dodicilune) #TalosMusica
Ore 20:30 - Piazzetta le Monache
La notte della Banda
Pino Minafra & La Banda con Fratelli Mancuso, Nicola Pisani, Cesare Dell’Anna, Gino Semeraro, Giuseppe Oliveto, Emanuele Calvosa, Livio Minafra, Donato Semeraro, Michel Godard, Michele Di Puppo, Vittorino Curci #TalosMusica #ProduzioneOriginale

Domenica 9 Settembre
Ore 11 - Pinacoteca d’Arte Contemporanea
La Banda: un Patrimonio da Salvare 
Convegno con Pasquale Chieco (Sindaco di Ruvo di Puglia), Monica Filograno (Assessora alla Cultura del Comune di Ruvo di Puglia), Aldo Patruno (Direttore del Dipartimento turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio della Regione Puglia), Pino e Livio Minafra (Direttori artistici Talos Festival), Enzo Marzionne (Promotore della legge regionale sulle bande), Vittorino Curci (poeta e musicista) #TalosIncontri
Ore 17 - Pinacoteca di Arte Contemporanea
Puglia, le età del jazz - Presentazione del libro di Ugo Sbisà (Adda Editore) #TalosIncontri
Concerto Finale – Master class a cura di Michel Godard e Nicola Pisani #TalosMusica
Ore 19 - Piazza Dante
Arcipelago (under 30) - Coreografia di Giulio De Leo a cura di Compagnia Menhir in collaborazione con Perla Felice onlus con la partecipazione degli studenti della Master Class di Michel Godard e Nicola Pisani #TalosDanza #ProduzioneOriginale
ore 20:30 - Piazzetta le Monache
Fratelli Enzo & Lorenzo Mancuso
ospite Michel Godard (Francia) #TalosMusica #ProduzioneOriginale
BandAdriatica “Ciclopica”
Diretta da Claudio Prima - #TalosMusica #ProduzioneOriginale

Laboratori
Da lunedì 3 a sabato 8 Settembre 
Dalle ore 10 alle 18 - Casa della Cultura/Palazzo Caputi
In the middle 
Atelier di creazione coreografica per danzatori professionisti a cura di Sanna Myllylahti (Finlandia), docente dell'Università della arti di Helsinki #Talosdanza
da giovedì 6 a domenica 9 settembre
Dalle 10 alle 18 - Pinacoteca d'arte contemporanea
Musica d'insieme
Master class a cura di Michel Godard (Francia) e Nicola Pisani
Venerdì 7 settembre 
Ore 9:30 - Associazione Culturale Bembè
Marimba e vibrafono
Workshop a cura di Roland Neffe (Austria)

Tutti i concerti e gli incontri sono a ingresso gratuito. Concerti in piazza Le Monache (dal 6 al 9 settembre). Ingresso 8 euro (abbonamento 25 euro)