Festival Classica

I principali concerti di musica classica e contemporanea 

31° Festival Liszt 2017/2018
Dal 10 dicembre 2017 al 14 gennaio 2018
Ore 18.00 Palazzo Savelli, Piazza Costituente 1 – Albano (RM)

Il Romaticismo europeo rivive nella cornice storica di Palazzo Savelli di Albano (RM) tra musica e gran balli con la Compagnia Nazionale di Danza Storica con Nino Graziano Luca, l’Orchestra da Camera di Stato dell’Ucraina Khmelnytsky Chamber Orchestra, Gabrielle Mouhlen, Quartetto TAAG e Vincenzo Maltempo

Direzione artistica Maurizio D’Alessandro
A cura dell’Ass. ne Amici della Musica Cesare De Sanctis

In collaborazione con Comune di Albano, con il patrocinio di Regione Lazio, Accademia d’Ungheria in Roma, Museo e Centro ricerche Liszt Budapest, Accademia Università Liszt Budapest

Con alle spalle 30 anni di storia e riconoscimenti in tutta Europa, dal 10 dicembre 2017 al 14 gennaio 2018 torna il Festival Liszt: una 31esima edizione nella cornice storica del Palazzo Savelli di Albano (RM) ricca di ospiti da Italia, Ucraina e Ungheria per 5 appuntamenti che uniscono la musica del romanticismo europeo - con focus su Liszt, Mozart, Beethoven e Brahms - a quella popolare, le rivisitazioni storiche ottocentesche ai gran balli in stile, con la Compagnia Nazionale di Danza Storica con Nino Graziano Luca, l’Orchestra da Camera di Stato dell’Ucraina Khmelnytsky Chamber Orchestra, Gabrielle Mouhlen, Quartetto TAAG e Vincenzo Maltempo. Vivere la magia e l’atmosfera romantica che permeò la vita di Franz Liszt e delle donne da lui amate, la sua musica ed i suoi scritti. Percepire le forti emozioni da lui vissute a Vienna, Parigi, Londra, Kiev, Weimar, Lipsia ma anche e soprattutto in Italia, sul Lago di Como, a Venezia, Milano, Firenze, Roma, San Rossore o Albano Laziale: il Festival Liszt 2017 si apre il 10 dicembre con la  Compagnia Nazionale di Danza Storica con Nino Graziano Luca, in un affascinante percorso coreografico legato al gran ballo dell’ottocento sulle orme di Liszt ovvero di quella società e quei luoghi che hanno visto il musicista partecipe di un afflato culturale proprio della sua epoca.  Un autentico “grande evento” che proporrà il meglio delle coreografie e delle composizioni musicali dei Gran Balli che si svolgevano nelle terre in cui visse Franz Liszt nel corso del XIX Secolo: l’Austria, la Francia, l’Inghilterra, la Russia, la Germania, la Svizzera e, ovviamente, l’Italia. SOGNO D’AMORE. Un romantico Gran Ballo sulle orme di Franz Liszt è allestito con straordinari ballerini professionisti in eleganti frac e preziosi abiti crinolina che eseguono meravigliosi Valzer, Quadriglie, Contraddanze, Mazurche tratte dai manuali dei più celebri maestri del XIX secolo e dai più incantevoli film in costume. Uno spettacolo elegante, divertente ed emozionante anche per il repertorio musicale che oltre a Liszt prevederà  Strauss, Verdi, Ziehrer, Bellini, Ciajkovsky, Puccini. Il 22 dicembre sarà poi la volta dell’Orchestra da Camera di Stato dell’Ucraina Khmelnytsky Chamber Orchestra con la partecipazione del soprano Gabrielle Mouhlen: danze popolari e vocalità nelle sue declinazioni liederistiche e liriche con musiche di Liszt, Grieg, Rossini, Strauss. Programmi della tradizione cameristica andranno in scena il 7 gennaio 2018 (Beethoven e Brahms con il celebre Quintetto op. 115) con un giovane quartetto italiano, il Quartetto TAAG con Maurizio D’Alessandro al Clarinetto e  giovedì 11 gennaio 2018 con i capolavori cameristici di Liszt, Mozart, Beethoven, affidati al trio Carannante-De Vero- Orban. Il Festival Liszt di Albano si concluderà il 14 gennaio 2018 con un giovane talento quale quello del pianista Vincenzo Maltempo particolarmente dedito al repertorio lisztiano di cui eseguirà Rapsodie ungheresi 2,13,14 – Valle d’Oberman, Totentanz. Tutti i concerti si svolgeranno ad Albano, presso la Sala Nobile Palazzo Savelli (Piazza Costituente, 1), alle 18.00, con eccezione del 10 dicembre che inizierà alle 18.30. Biglietto unico d’ingresso 10 euro. Info e prevendita 069364605.

______________________________________________________________________________

Ivo Pogorelich, Pepe Romero, Lilya Zilberstein, la MAV Symphony Orchestra di Budapest, Richard Galliano & Ron Carter: una stagione di concerti ricca di stelle per la Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara” di Pescara

Ventuno concerti in abbonamento per la 52ª Stagione Concertistica 2017-2018 della Società del Teatro e della Musica Luigi Barbara che, come di consueto, si svolgerà da ottobre ad aprile al Teatro Massimo. Nel cartellone, spicca il ritorno di Jazz 'n Fall e la presenza di alcuni tra i più importanti musicisti del panorama mondiale. Ad essi si aggiungono due spettacoli di balletto, fuori abbonamento, e una serie di "Concerti per le Scuole" realizzati in collaborazione con il Conservatorio "Luisa D'Annunzio" di Pescara. Il programma della stagione musicale 2017/18, avviene all'interno del Progetto triennale 2015/2017 approvato e finanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Si comincia venerdì 20 ottobre con l’Orchestra Sinfonica MAV di Budapest, organico fondato nel 1945 e vanto della grande tradizione musicale magiara. In programma, musiche di Schumann e Beethoven del quale verrà eseguito il Triplo concerto per violino, violoncello e pianoforte con tre giovani ed affermati solisti italiani quali Laura Bortolotto, Amedeo Cicchese e Francesca Leonardi. Fra i solisti spiccano alcuni grandi protagonisti di prim'ordine della scena concertistica internazionale quali Ivo Pogorelich, Pepe Romero, Lilya Zilberstein e due giovani pianisti italiani recenti vincitori nel 2015 di importanti premi come Alberto Ferro e Alexander Gadjiev. Per quanto riguarda gli organicic più ampi, la sezione Orchestre e Complessi del programma prevede le esibizioni de I Solisti della Camerata Strumentale di Prato, dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Pescara diretta da Roberto Molinelli, de I Solisti Aquilani con il clarinettista Darko Briek, del Pacific String Quartet (vincitori del Premio Haydn Vienna 2015) e dell’Orchestra da Camera Busoni. L’Orchestra Sinfonica Abruzzese sarà protagonista di due progetti speciali. Lunedì 11 dicembre 2017, con la direzione di Ulrich Windfuhr e due solisti del calibro della violinista Chloe Hanslip e del violoncellista Umberto Clerici, porterà a compimento il Ciclo dedicato ai Concerti e le Sinfonie di Brahms. Mentre, venerdì 6 aprile 2018 sarà protagonista del concerto di chiusura della Stagione con l’esecuzione della Nona Sinfonia di Beethoven diretta da Pasquale Veleno. Di particolare interesse, inoltre, i progetti “Confusion mental fin de siecle”, dedicato alla esecuzione della musica da camera di Paolo Conte - che avrà come protagonista il Trio Debussy allargato ad altri tre musicisti fedelissimi di Paolo Conte - e “Una tromba da Oscar” che vedrà l’Ensemble del trombettista Nello Salza, “voce” musicale di tante pellicole come ad esempio i western di Sergio Leone, alle prese con le musiche da film tratte dal repertorio, fra gli altri, di Ennio Morricone, Nicola Piovani, Nino Rota, Astor Piazzola ed Henry Mancini. Dulcis in fundo, quest'anno la Società del Teatro e della Musica Luigi Barbara presenta il ritorno di Jazz ’n Fall. Nato nel 1990, il festival jazz d’autunno giunge alla sua diciottesima edizione, dopo una interruzione di alcuni anni: l'intenzione del programma di questa edizione è quella di presentare le nuove forze del jazz, le nuove leve indispensabili per lo sviluppo di una musica che vuole proiettarsi verso il futuro e andare oltre i suoi “mostri sacri”. E, non a caso, abbiamo scelto “New bottle Old wine” come motto per caratterizzare l’edizione 2017. Protagonisti d’eccezione, saranno due giganti del jazz di ieri e di oggi quali Richard Galliano e Ron Carter, in Italia per soli due concerti. Con loro nelle tre serate in programma a novembre, faranno parte del cartellone l’armonicista Gregoire Maret, che arriverà direttamente dagli Stati Uniti per un Omaggio al grande Toots Thielemans recentemente scomparso, e due forze nuove del jazz già affermate quali la cantante Cyrille Aimee e la sassofonista Melissa Aldana, ambedue in quartetto. Di quest’ultima Sonny Rollins ha detto “Melissa is the best young jazz saxophone player I’ve heard in a very long time “ E, infine, last but not least, il Pescara Jazz Ensemble, formazione composta da alcuni dei migliori musicisti nati ed affermatisi nel territorio grazie alla grande tradizione del jazz nella nostra città.  Dopo il successo degli ultimi due anni verrà ripresa ed ampliata l'iniziativa dei "Concerti per le Scuole" realizzati in collaborazione con il Conservatorio "L. D'Annunzio" e alcune Scuole della città. Protagonisti i migliori diplomati del Conservatorio. Il progetto rientra nelle priorità indicate dal nuovo decreto ministeriale per il prossimo triennio 2018/2020.  Infine, due gli appuntamenti - fuori abbonamento - per il ciclo dedicato al Balletto. Mercoledì 13 dicembre, sarà di scena il Balletto di San Pietroburgo impegnato ne "Il lago dei cigni" di P.I. Ciaikowskij, mentre giovedì 8 febbraio il Ballet Flamenco Espanol si esibirà in "Bolero de Ravel”, “Zapateado de Mozart” e “Flamenco Live” con musiche dal vivo.

I Concerti per le Scuole: il Maestro Alfonso Patriarca traccia il bilancio della prima parte della rassegna organizzata dalla Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara" e dal Conservatorio "Luisa D'Annunzio" di Pescara
La seconda parte del cartellone si apre con Brundibar, in occasione della Giornata della Memoria

ùPer il terzo anno consecutivo, la collaborazione tra la Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara" e il Conservatorio "Luisa D'Annunzio" di Pescara ha dato vita ad un ciclo di Concerti per le Scuole che hanno avuto come protagonisti gli studenti del Conservatorio. La prima parte si è composta di sette concerti e si è svolta nel corso dell'autunno: la programmazione ripartirà a fine gennaio con un evento speciale dedicato alla Giornata della Memoria. La Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara" ha inserito nella sua Stagione Musicale, un cartellone dedicato agli Istituti Scolastici che ha unito musica classica e jazz. Negli spazi degli Istituti Comprensivi 3, 6 e 10 e sul palco dell'Auditorium del Conservatorio si sono esibiti il Quartetto di sassofoni "Tetra", il Trio d’ance "Alba Trois", il duo violino e chitarra composto da Kristina Esekova e Simone D’Andreagiovanni e il Jazz Ensemble del Conservatorio. Una serie di appuntamenti in continuità con il cartellone principale della "Luigi Barbara" in modo da far incontrare giovani interpreti e giovani spettatori. «Le scuole hanno risposto con entusiasmo e con un ottimo riscontro di adesioni - afferma il Maestro Alfonso Patriarca, Direttore del Conservatorio. I docenti sentono la necessità di coinvolgere gli studenti e far conoscere loro la musica come strumento di apertura mentale e approfondimento culturale. Le richieste che arrivano da scuole di ogni ordine e grado danno senso all'iniziativa e rispondono alla necessità del Conservatorio di aprirsi al territorio, di mettere a disposizione della città i propri spazi e di condividere le esperienze che maturano tra le nostre mura.» La seconda parte del ciclo è già in preparazione e, come la prima, si svolgerà sia presso l'Auditorium del Conservatorio che presso gli Istituti dotati di aule idonee per lo svolgimento dei concerti. Il prossimo appuntamento affronta un argomento importante e sempre attuale. «Giovedì 25, venerdì 26 e sabato 27 gennaio 2018, prosegue Patriarca, in occasione della prossima Giornata della Memoria, l'Orchestra, il Coro e i Solisti del Conservatorio - ensemble in buona parte formati da giovanissimi interpreti - saranno impegnati in Brundibar, l'opera per bambini di Hans Krasa, compositore ceco di religione ebraica, che venne messa in scena nel campo di concentramento di Terezín durante la Seconda Guerra Mondiale. Abbiamo già diverse richieste e faremo più repliche per accontentare tutte le Scuole. Sabato 27, infine, il nostro Auditorium sarà aperto a tutti per ricordare attraverso l'arte di Krasa la drammatica vicenda storica in cui è stata concepita quest'opera.» Come ogni anno, la Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara" torna con piacere a presentare al suo pubblico i talenti emergenti: un percorso che da sempre propone nel programma principale i vincitori dei principali concorsi musicali internazionali e gli interpreti capaci di destare l'attenzione dei critici e del pubblico. Nel programma di questa stagione, ad esempio, sono presenti musicisti giovani ma già esperti e riconosciuti nella scena concertistica come Laura Bortolotto, Amedeo Cicchese e Francesca Leonardi - che sono stati i solisti del concerto di apertura della Stagione con la MAV Symphony Orchestra di Budapest - oppure i pianisti Alberto Ferro, vincitore del Premio Venezia 2015 e secondo classificato al Premio F. Busoni 2015, e Alexander Gadjiev, vincitore del Primo Premio all'Hamamatsu International Piano Competition nel 2015. Gli appuntamenti con la Stagione dei Concerti della Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara” tornano all'inizio del prossimo anno. I Solisti Aquilani con Darko Brlek, clarinetto, si esibiranno venerdì 12 gennaio 2018 al Teatro Massimo di Pescara con un programma di musiche di Mozart, Von Weber e Schubert. 

Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara”

52ª Stagione Concertistica
Teatro Massimo

12 gennaio 2018
I Solisti Aquilani
Darko Brlek, clarinetto

19 gennaio 2018
Alexander Gadjiev, pianoforte
(Premio Hamamatsu International Piano Competition 2015)

26 gennaio 2018
Kazakh Wind Quintet
solista ospite Fiorenzo Pascalucci, pianoforte

2 febbraio 2018
Pacific Quartet Vienna
(Premio Haydn, Vienna 2015)

8 febbraio 2018 
Ballet Flamenco Espanol
(Balletto fuori abbonamento)

9 febbraio 2018
Nello Salza Ensemble

16 febbraio 2018
Trio Debussy & Friends
Paolo Conte Chamber Music “Confusion mental fin de siècle”

23 febbraio 2018
Orchestra Busoni
M. Belli, direttore

2 marzo 2018
Accordi Disaccordi
Hot Italian Swing

9 marzo 2018
Lilya Zilberstein, pianoforte

23 marzo 2018
Pepe Romero & Los Romeros

6 aprile 2018
Orchestra Sinfonica Abruzzese
Coro del Conservatorio A. Casella di L'Aquila
Coro Ventidio Basso di Ascoli Piceno
Coro dell'Accademia di Pescara
Posta un commento