Festival Classica

I principali concerti di musica classica e contemporanea 

Musica Millemondi 2018
Ventuno - Trentacinque
7-8-9-10 maggio 2018
a cura di Girolamo De Simone
Teatro Stabile d'Innovazione Galleria Toledo
Via Concezione a Montecalvario 34 - Napoli

“Musica Millemondi”, la rassegna di musiche contemporanee prodotta dal Teatro Stabile d'Innovazione Galleria Toledo con la direzione musicale di Girolamo De Simone, raggiunge la Ventunesima edizione e rammenta i Trentacinque anni della morte del compositore partenopeo Luciano Cilio.  In questi ventuno anni di attività è stata segnalata la distanza dagli sperimentalismi che individuavano la vecchia "musica contemporanea", al fine di valorizzare la differenza e la contiguità tra generi artistici differenti e fare da ‘apripista’ a tante altre programmazioni nazionali. Per alcuni lustri, Galleria Toledo ha ospitato nomi di rilievo nazionale mescolandoli a interpreti e compositori partenopei, scelti con continuità degna di mastini e di “folli che cantano ai fiori”. Non è facile rintracciare nella storia culturale e musicale napoletana qualcosa di analogo, con l’eccezione degli interventi di programmazione di Luciano Cilio (con il quale implicitamente Girolamo De Simone dialogava già a partire dalla prima edizione del 1997, e di cui ricorrono quest’anno i trentacinque anni dalla scomparsa).  “Musica Millemondi” (la ‘enne’ in corsivo sta ad indicare i molti modi/mondi della contemporanea: declinazione per diffrazioni) ha storicamente dato visibilità ad eventi ‘rimossi’ dalla memoria cittadina, offrendo una sponda alle ‘memorie inconciliate’, senza per questo togliere spazio alla più avanzata musica di frontiera (ed alla storia della colta sperimentale): in questi anni, i nomi sono stati prestigiosi: Luciano Cilio, Eugenio Fels, Cecilia Chailly, Giuseppe Chiari, Bruno Canino, Luca Mosca, Giancarlo Schiaffini, Marco Fumo, Nicola Cisternino, Enrico Correggia, Antidogma, Enrico Cocco, Riccardo Piacentini, SpazioMusica e, tra i pionieri della musica elettronica, Pietro Grossi, Enore Zaffiri, Teresa Rampazzi (si tratta di un elenco solo parziale dei numerosissimi compositori e interpreti coinvolti). La programmazione 2018, firmata da Girolamo De Simone, ospiterà alcuni tra i più rilevanti compositori storici ed emergenti della città, con la partecipazione di numerosi interpreti accreditati, e con una sezione dedicata alla presenza giovanile nella musica contemporanea. Si inizierà il 7 maggio, alle ore 18,30 con “Felix e Claude: il clarinetto dal romanticismo all’impressionismo”: Angelo Greco al clarinetto e Maurizio Tessitore al pianoforte e la partecipazione straordinaria di Armando Puggioni, in esplorazione delle gemme musicali per clarinetto. Il giorno dopo, l’8 maggio, alla stessa ora, si terrà “Aria d’America”, un recital monografico di Filippo Sica dedicato all’intreccio tra la musica di Napoli quella americana, nota o dimenticata, a partire dall’Ottocento. Il pianoforte si affiancherà alla chitarra, protagonista il 9 maggio attraverso una non-stop di talenti emergenti (a partire dalle 18,30): tra gli autori, Enzo Amato, Carlo Mormile e Girolamo De Simone. Il 10 maggio, infine, è previsto un momento di riflessione sulle memorie inconciliate a Napoli, senza far troppe parole, ma con l’ascolto dei nastri inediti per chitarra recentemente ritrovati del compositore Luciano Cilio: l’occasione per ricordarlo a trentacinque anni dalla scomparsa (21 maggio del 1983). Per l’occasione Fabio Donato proporrà in mostra un tributo d’autore col titolo di “Omaggio a Luciano Cilio”. A seguire, lo stesso giorno,“La chitarra nel cuore", a cura di Carlo Vignaturo, con composizioni eseguite da giovani chitarristi e noti interpreti, a significare il nesso di continuità, il passaggio di testimone, tra le generazioni di ieri e di oggi, affiancate nel trasformare in prassi d’attualità le musiche contemporanee.

Lunedì 7 maggio, ore 18,30
Felix e Claude
Il clarinetto dal romanticismo all’impressionismo
Angelo Greco, clarinetto
Maurizio Tessitore, pianoforte
con la partecipazione straordinaria di Armando Puggioni
musiche di Felix Mendelssohn, Claude Debussy, Francis Poulenc, Michele Mangani
biglietto d’ingresso: euro 10,00

Martedì 8 maggio, ore 18,30
Aria d’America
di e con Filippo Sica
Viaggio musicale tra Napoli e Nuovo Mondo
biglietto d’ingresso: euro 10,00
Il concerto sarà preceduto da un intervento pianistico di Andrea Riccio

Mercoledì 9 maggio, ore 18,30
La musica al Centro
Talenti emergenti della chitarra e del pianoforte contemporaneo
Con un intervento di Maria Porta
Musiche di Enzo Amato, Angelo Gilardino, Patrizio Marrone, Carlo Mormile, Enrico Mormile, Francesco De Simone, Girolamo De Simone, a cura di Enzo Amato e Paola Troncone.
Biglietto d’ingresso: euro 5,00

Giovedì 10 maggio, ore 18,00
Con un intervento di Armando Aragione
La chitarra nel cuore
a cura di Carlo Vignaturo
Musiche di: Mario Addone, Andrea Aymone, Antonello Paliotti, Alessandro Petrosino, Carlo Vignaturo, Piero Viti
Con un intervento di Armando Aragione
Il concerto sarà preceduto dall’ascolto dei “Nastri ritrovati” di Luciano Cilio
Bobina originale di Eugenio Fels - Editing e master digitale di Girolamo De Simone
Mostra di Fabio Donato: “Omaggio a Luciano Cilio” per i 35 anni della scomparsa
Biglietto d’ingresso: euro 5,00

Galleria Toledo, teatro stabile d'innovazione, via Concezione a Montecalvario 34 - 80134 Napoli
M linea 1 / stazione Toledo / uscita Montecalvario. Orario spettacoli e tariffe come indicato per i singoli eventi. contatti t. +39 081425037 / +39 081425824
________________________________________________________________________________

Cremona Musica 2018: un vero e proprio festival internazionale

Avrà luogo fra il 28 e il 30 settembre la prossima edizione di Cremona Musica International Exhibitions and Festival, la più importante manifestazione mondiale per gli strumenti musicali d'alta gamma, che per il 2018 propone diverse novità a partire da un calendario di eventi di qualità sempre più alta.

Cremona Musica unisce alla consueta presenza di centinaia di espositori e migliaia di prodotti musicali anche la presenza di un vero e proprio festival, con numerosi eventi di grande impatto grazie alla presenza di grandi nomi della musica internazionale e di alcuni dei vincitori dei concorsi più rinomati, a tutto vantaggio della visibilità globale della fiera e degli espositori. Tra i primi eventi annunciati, vi saranno un nutrito numero di concerti pianistici, strutturati nei "piano festival” che avranno luogo nelle sale dedicate a Piano Experience. Ognuno dei grandi marchi di pianoforte presenti in fiera presenterà vari recital pianistici e masterclass di celebri musicisti. Nell’Acoustic Guitar Village saranno tenuti concerti durante tutti e tre i giorni della fiera, compresi eventi come il concorso “New Sounds of Acoustic Music”, il sesto “Italian Bluegrass Meeting” e la rassegna “Corde e voci d’autore”, dedicata a chitarristi-cantautori. I maestri Bryan Galloup e Charles Fox terranno inoltre masterclass dedicate alla liuteria, mentre Micki Piperno, Clive Carroll e John Jorgenson terranno masterclass di didattica di chitarra acustica. Per quanto riguarda Cremona Winds, anche quest'anno ci saranno eventi specifici per questo settore e gli appuntamenti musicali saranno numerosi, tutti d'impatto e di alto livello grazie alla presenza di celebri professionisti. La novità del 2018 vedrà l'organizzazione di una prestigiosa rassegna bandistica che coinvolgerà numerosi gruppi bandistici nazionali e internazionali. Grande rilievo verrà dato anche alle più moderne innovazioni tecnologiche legate alla musica, grazie al Digital Space, a cura di Pier Calderan, che ospiterà anche concerti e spettacoli multimediali in cui la musica è a stretto contatto con la tecnologia. L’edizione 2018 ospiterà anche i vincitori della quinta edizione del Cremona Musica Award, premio ormai fra i più ambiti riconoscimenti del settore, e che negli anni scorsi è stato assegnato, tra gli altri, a Alfred Brendel, Shlomo Mintz, Michael Nyman e Krzysztof Penderecki. Sarà inoltre organizzato il Classical Radio Meeting, che riunirà i rappresentanti delle principali emittenti radiofoniche internazionali dedicate alla musica classica. Oltre ai tradizionali saloni dedicati alla liuteria (Mondomusica), al pianoforte (Piano Experience), ai fiati (Cremona Winds) e alla chitarra (Acoustic Guitar Village) sarà anche presente il nuovo Accordion Show, dedicato alla fisarmonica, con concerti ed esibizioni-demo non stop, nonché uno spazio dedicato ad approfondimenti, conferenze e masterclass formative. Sono previste mostre di strumenti storici in collaborazione con il Museo Internazionale della Fisarmonica di Castelfidardo e con il Museo della Fisarmonica di Stradella, i due straordinari poli della produzione italiana della fisarmonica nel mondo. Cremona Musica non è infatti solo la più importante fiera al mondo per gli strumenti di alta gamma – con oltre 17000 visitatori nei tre giorni nel 2017 – ma è soprattutto il punto di incontro fra tutti gli ambiti della musica, nella convinzione che business e produzione artistica sono due facce della stessa medaglia, e hanno bisogno di integrarsi e supportarsi reciprocamente. Dal 2018, Cremona Musica accoglierà anche tutti gli operatori nel campo delle Performing Arts Musicali, che saranno ospitati nella Performing Arts Area. Questa riunirà teatri, festival, orchestre, concorsi di musica, fondazioni, scuole di musica, radio e televisioni, agenzie di comunicazione, sale, agenzie di produzione, fotografi, videomaker, studi di registrazione, tecnici del suono. Inoltre è stata confermata la presenza della Media Lounge, un pool di 40 giornalisti internazionali, comprendente 10 direttori di riviste musicali, critici di importanti quotidiani italiani e stranieri, rappresentanti di radio e televisioni, che moltiplicherà la visibilità degli eventi e degli espositori, proiettandola in un network mediatico di dimensioni globali. Cremona Musica si propone, dunque, come il posto per eccellenza dove creare nuovi progetti musicali, dove presentare prodotti e idee innovative, dove fare nascere opportunità e far crescere la musica e i musicisti.

Annunciati i primi nomi dei protagonisti della sezione di Cremona Musica 2018 dedicata agli strumenti a fiato. Fra il 28 e il 30 settembre un programma ricco di concerti, masterclass e meeting: le novità e le anticipazioni.

Grandi flautisti saranno protagonisti del ricco programma di eventi dal vivo di Cremona Winds 2018, l’atteso appuntamento dedicato agli strumenti a fiato all’interno di Cremona Musica, che si terrà nella “città del violino” fra il 28 e il 30 settembre. Fra i grandi nomi che si troveranno a Cremona durante i giorni della fiera per tenere sia concerti che masterclass ci sono Adriana Ferreira, primo flauto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, Jean-Claude Gérard già primo flauto dell’Orchestra dei Concert Lamoureux e professore presso la Musikhochschule di Stoccarda, Francesco Loi primo flauto solista del Teatro dell’Opera di Genova “Carlo Felice”, e Raffaele Trevisani, flautista solista di fama internazionale allievo di Sir James Galway. Altre novità saranno annunciate nei prossimi mesi. Il programma di eventi di Cremona Winds 2018 prevede anche la terza edizione del Meeting Nazionale delle Orchestre di Flauti, un appuntamento prezioso per questo mondo, durante il quale si terranno esibizioni dal vivo dei tanti ensemble coinvolti e seminari su come rafforzare la collaborazione all’interno del settore. Fra le novità del 2018 ci sarà anche la prima Giornata Nazionale delle SMIM (Scuole Medie a Indirizzo Musicale), appuntamento dedicato a docenti e studenti, con seminari sull’insegnamento della musica. Ricordiamo che gli eventi di Cremona Musica sono organizzati con il patrocinio del Ministero dell’Istruzione e che gli insegnanti presenti potranno richiedere un attestato di partecipazione per l'esonero dall'obbligo di servizio per i giorni di Manifestazione. Cremona Winds, giunto nel 2018 alla terza edizione, è il punto di riferimento fieristico a livello europeo per il settore dei fiati, e porta ogni anno a Cremona migliaia di musicisti e buyer in cerca dello strumento perfetto, ma anche un gran numero di semplici appassionati, attratti dai tanti eventi dal vivo di alto livello. L’appuntamento è realizzato grazie alla collaborazione dell’Associazione Flautisti Italiani e dell’Accademia Italiana del Clarinetto. Cremona Winds, insieme a Mondomusica, Piano Experience, Acoustic Guitar Village e al nuovo Accordion Show, è parte di Cremona Musica, la più importante fiera al mondo per gli strumenti musicali di alta gamma, che si terrà a Cremona fra il 28 e il 30 settembre 2018. Nell’edizione 2017 Cremona Musica ha ospitato più di 17.000 visitatori da 55 paesi e 302 espositori internazionali, con oltre 4000 prodotti esposti e 181 eventi dal vivo.

Dal 17 maggio in Cina il più grande evento che celebra il pianoforte italiano

Tre secoli di storia italiana del pianoforte incanteranno Pechino per due settimane di mostre, recital e conferenze dedicate ad uno degli strumenti protagonisti della grande musica, nato proprio nel nostro paese sul finire del XVII secolo. Dal 17 maggio al 3 giugno “Italian Piano Experience” ripercorrerà l’evoluzione degli strumenti a tastiera con un’esposizione di esemplari storici e un festival che coinvolgerà alcuni dei migliori musicisti italiani, da Brizi a Prosseda. Gli eventi saranno replicati a Cremona dal 28 al 30 settembre, nell’ambito di Cremona Musica 2018, che ha collaborato all’organizzazione dell’iniziativa.

Una mostra di strumenti a tastiera dai primi esemplari del ‘700 ai capolavori Fazioli di oggi, recital pianistici con grandi musicisti italiani e tre conferenze di approfondimento. Questi gli ingredienti principali di “Italian Piano Experience”, il Festival che avrà luogo al Millennium Monument Museum di Pechino dal 17 maggio prossimo, nell’ambito del Festival “Meet in Beijing”, in cui l’Italia è “Guest Country of Honor”. Il progetto, ideato da Roberto Prosseda, è organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Pechino, con la collaborazione di Cremona Musica e Bizzi Clavicembali, per celebrare le origini italiane del pianoforte: uno degli strumenti protagonisti della storia della musica, nato proprio in Italia nel 1699, da un’idea di Bartolomeo Cristofori. La mostra e il festival saranno riproposti anche a Cremona dal 28 al 30 settembre 2018, nell’ambito di Cremona Musica International Exhibitions and Festival, che ha collaborato al progetto. In Cina un evento del genere non c’era mai stato. Dal 17 maggio al 3 giugno al Millennium Monument Museum di Pechino saranno esposti gli antenati del moderno pianoforte, alcuni dei quali risalenti alla prima metà del diciottesimo secolo, fino ai più moderni Fazioli, marchio fra i più noti a livello mondiale e da sempre protagonista di “Piano Experience” a Cremona Musica. Un’occasione unica per ripercorrere tre secoli di evoluzione di questo strumento, grazie anche alle spiegazioni di Guido Bizzi e le esibizioni dal vivo del cembalista e organista Claudio Brizi, curatori della mostra, che permetteranno di assaggiare il suono dei diversi pianoforti e dei loro cugini (organo, cembalo, clavicordo, harmonino). Altre occasioni di approfondimento saranno garantite da Nicola Sani, che parlerà del repertorio pianistico italiano contemporaneo, e da Roberto Prosseda, direttore artistico dell’evento, che presenterà l'evoluzione dal Fortepiano del tempo di Mozart al moderno pianoforte a coda. Non mancherà ovviamente l’occasione di ascoltare all’opera alcuni dei maggiori interpreti italiani della tastiera. Ad inaugurare il palco sarà Claudio Brizi, che accompagnerà gli ascoltatori alla scoperta delle sonorità antiche del cembalo, dell’organo e dell’harmonino, anche sovrapposte grazie alla combinazione di strumenti diversi, suonati contemporaneamente dal celebre cembalista. Nel concerto finale Roberto Prosseda, ideatore e direttore artistico del festival, presenterà, per la prima volta pubblicamente in Cina il Pedalpiano: uno strumento antico e moderno insieme, di cui è stato negli ultimi anni promotore e riscopritore. Il programma sarà arricchito da quattro recital con pianoforti moderni tenuti da quattro dei più promettenti giovani pianisti italiani: Leonora Armellini, Mariangela Vacatello, Axel Trolese, Vanessa Benelli Mosell, che includeranno molti brani di autori italiani, da Scarlatti a Stroppa. La prima tappa di questo grande evento, organizzato con la collaborazione di Cremona Musica, Bizzi Clavicembali e Fazioli Pianoforti, non poteva che essere proprio a Pechino. Non solo infatti la Cina è il primo mercato mondiale per i pianoforti, ma fra il gigante asiatico e l’Italia esiste un ponte culturale che gira proprio attorno al pianoforte e ai suoi antenati: nel ‘500 il prete gesuita Matteo Ricci fece arrivare alla corte di Wan Li, della dinastia dei Ming, il primo clavicembalo italiano; sulle sue orme ad inizio ‘900 Matteo Paci svolse un’importante opera di educazione e produzione musicale in Cina che portò alla nascita della prima orchestra sinfonica moderna cinese. Ilaria Seghizzi, Product Manager di Cremona Musica, commenta: “Da sempre l’obiettivo di Cremona Musica è portare in Italia il meglio della musica internazionale, ma anche portare i nostri capolavori nel resto del mondo, e i risultati della nostra fiera, dove espositori e visitatori internazionali aumentano di anno in anno, testimoniano che ci stiamo riuscendo. Cremona Musica è ovunque nel mondo ci sia voglia di grande musica, e quindi non potevamo non collaborare ad un evento di questa importanza, che testimonia ancora una volta il grande interesse che esiste anche in Cina per la nostra tradizione musicale e per gli strumenti prodotti in Italia”. L’appuntamento per gli amanti del pianoforte è quindi a Pechino dal 17 maggio, o a Cremona Musica 2018 dal 28 al 30 settembre.

Il programma degli eventi:
17 maggio
Concerto d’apertura:
Claudio Brizi, Organo Fedeli, clavicordo, cembalo italiano, cembalo Taskin, fortepiano Walter, Harmonino Debain e pedalpiano
“Concerto nel gusto italiano” (Ferrini, Gibbons, Scarlatti, Bach, Vivaldi, Krebs, Stanley, Mozart)
17 maggio
Conferenza di Guido Bizzi e Claudio Brizi: 
L’evoluzione degli strumenti a tastiera dal 1600 al 1800”.
19 maggio
Conferenza di Claudio Brizi e Guido Bizzi 
Storia e tecnologia degli antichi strumenti a tastiera”.
19 maggio
Axel Trolese, pianoforte (Brahms, Clementi, Mozart, Caetani, Rossini/Liszt)
20 maggio
Leonora Armellini, pianoforte (Liszt, Brahms, Busoni, Debussy) 
25 maggio
Mariangela Vacatello, pianoforte (Scarlatti, Beethoven, Rossini, Liszt, Ginastera) 
29 maggio
Conferenza di Roberto Prosseda
L’evoluzione del pianoforte, dallo strumento mozartiano al moderno gran coda Fazioli” 
29 maggio
Conferenza di Nicola Sani
Il pianoforte italiano contemporaneo
29 maggio
Vanessa Benelli Mosell, piafoforte (Rachmaninoff, Skrjabin, Debussy, Stroppa)
30 maggio
Roberto Prosseda, pedalpiano (Schumann, Boëly, Alkan, Gounod, Sani, Liszt)

Gli strumenti esposti: Organo positivo Feliciano Fedeli (Foligno, ante 1746) (originale), Pedalpiano Pfeiffer (Stoccarda, fine XIX Sec.) (originale), Harmonino Debain (Parigi, circa 1870) (originale), Clavichord “Hubert 1784” (copia), Italian “Continuo” Harpsichord Bizzi (contemporaneo, ispirato alla tradizione italiana), French double manual Harpsichord “Goermans–Taskin” (copia), Fortepiano “Walter 1789” (copia realizzata da Guido Bizzi), Fortepiano Cristofori “Gravicembalo col piano e col forte” (copia), Pianoforte Fazioli modello F183, Pianoforte Fazioli F278 Gran Coda.

Per rimanere aggiornati sul programma visitate il sito www.cremonamusica.com
Posta un commento