Contests

Concorsi e premi della scena folk, world e cantautorale in Italia...


“Cantar Venezia. Canzoni da battello” di
RACHELE COLOMBO
vince
il Premio Nazionale Città di Loano

A Blogfoolk il premio Realtà Culturale 2017. Ai Fratelli Mancuso il premio alla carriera

La giuria del Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana ha assegnato il Premio Miglior Album 2016 al disco “Cantar Venezia. Canzoni da battello” (Nota Records) di Rachele Colombo. Il riconoscimento alla migliore produzione musicale del 2016 è stato decretato da una prestigiosa giuria composta da oltre sessanta giornalisti musicali.“Coniugare ricerca d’archivio, contestualizzazione storica e un modello di riproposta attuale è quello che ha fatto Rachele Colombo. Dal prezioso e quasi sconosciuto patrimonio delle Canzoni da battello del Settecento veneziano, sulla base degli studi e della collaborazione di Paola Barzan e Guglielmo Pinna, Rachele Colombo “estrae” 40 brani esemplari che reinterpreta in 2 CD, proponendoli con partiture attualizzate. Una sorta di moderno canzoniere per un antico repertorio per certi versi dimenticato ma che è fondamentale valorizzare”. “Cantar Venezia”, insomma, rappresenta un traguardo importante, non solo per la carriera di Rachele Colombo. Nel suo percorso si annodano fili secolari, si permette di tramandare un modo di scrivere e cantare in battello che non va assolutamente perduto. Sicuramente, un progetto in sintonia con gli intenti del Premio. Assegnati dalla direzione e dall’organizzazione del Premio Città di Loano anche il Premio alla Carriera e il Premio alla Realtà Culturale 2017.
Il Premio alla Carriera 2017 sarà consegnato ai Fratelli Mancuso con la seguente motivazione: “La tradizione siciliana, intesa come uno scrigno aperto, che si mescola con i viaggi e le esperienze personali, biografiche, dei Fratelli Mancuso, li ha resi un elemento musicale e culturale unico per salvaguardare e rendere sempre più viva la musica popolare in Italia. Nella loro lunga storia, in mezzo a riconoscimenti e a collaborazioni importanti, alla partecipazione a concerti, a colonne sonore, a progetti di divulgazione e insegnamento rilevantissimi, spicca sempre il senso dell’appartenenza, non solo insulare, ma soprattutto umana, a una storia che fa del viaggio un elemento essenziale e delle radici la componente necessaria per andare avanti”.
Il Premio Realtà Culturale 2017 sarà assegnato a Blogfoolk con la seguente motivazione: “Un progetto che unisce una profonda curiosità a una altrettanto profonda conoscenza della musica popolare, e non solo. Gli orizzonti di Blogfoolk hanno trasceso il semplice formato del blog per incarnare una vera e propria testata culturale, minuziosa, appassionata. Nelle mani del suo fondatore, Salvatore Esposito, e del direttore Ciro De Rosa, questo progetto ha attraversato zone sempre più vaste, restituendo anche in Italia alla parola folk la sua necessaria terza dimensione”.

Il Premio Città di Loano, nato tredici anni fa, con la direzione artistica di John Vignola, promuove e valorizza la produzione contemporanea di musica tradizionale di radice italiana attraverso il coinvolgimento di artisti, etichette discografiche, giornalisti e operatori culturali.

La classifica del Premio al miglior Album 2016
1° posto
Cantar Venezia. Canzoni da battello (Nota Records) Rachele Colombo

2° posto 
Voltarelli canta Profazio (Squilibri) Peppe Voltarelli

3° posto
Com un soldat (Microscopi/Tronos) Claudia Crabuzza

4° posto 
Lotto Infinito (Sony Music) Enzo Avitabile
Sale (Le Fate Editore) Carlo Muratori 

6° posto
Antico (Origine Records/Believe Digital) Alfio Antico

7° posto
Nel vivo di una lunga storia (Squilibri) La Macina
Canzoni della Cupa (La Cupa/Warner Music) Vinicio Capossela

9° posto
In 'sta via (Atelier Calicanto/Felmay) Roberto Tombesi

10° posto
Ballate d'argilla (autoproduzione) Giuseppe D'Avenia D'Andrea
Fiore de niente (Goodfellas) Il Muro del Canto
Musica Endemica (Marduk/Self) Lou Dalfin
50 anni di buona compagnia (FoxBand/Edel) Nuova Compagnia di Canto Popolare
Fiumerapido (Finisterre) Zampogneria
_________________________________________________________________________

TARGHE TENCO
IL MAGGIOR RICONOSCIMENTO DELLA CANZONE D’AUTORE ITALIANA

I VINCITORI  
DISCO IN ASSOLUTO Claudio Lolli - Il grande freddo
OPERA PRIMA Lastanzadigreta - Creature selvagge
CANZONE SINGOLA Brunori Sas - La verità
ALBUM IN DIALETTO Canio Loguercio e Alessandro D'Alessandro - Canti, ballate e ipocondrie d’ammore
INTERPRETE DI CANZONI Ginevra Di Marco - La Rubia canta la Nega

19-20-21 OTTOBRE
RASSEGNA DELLA CANZONE D'AUTORE
PREMIO TENCO 2017

CLAUDIO LOLLI, BRUNORI SAS, LASTANZADIGRETA, GINEVRA DI MARCO E CANIO LOGUERCIO E ALESSANDRO D’ALESSANDRO sono i vincitori delle Targhe Tenco 2017, il riconoscimento assegnato dal 1984 ai migliori dischi italiani di canzone d’autore usciti nel corso dell’anno trascorso. Gli artisti e i progetti discografici sono stati votati dalla più ampia giuria in Italia composta da giornalisti e critici musicali. Il cantautore, poeta e scrittore, CLAUDIO LOLLI con l’album IL GRANDE FREDDO (etichetta La Tempesta Dischi) si aggiudica la Targa Tenco per il Disco in assoluto. Gli altri finalisti erano Baustelle con L’amore e la violenza; Paolo Benvegnù con H3+; Brunori Sas con A casa tutto bene; Edda con Graziosa utopia; Le luci della centrale elettrica con Terra. BRUNORI SAS con la canzone LA VERITÀ (Dario Brunori) è il vincitore della Targa per la Miglior Canzone, che, ricordiamo, va agli autori dei brani e non agli interpreti. A contendersi il primo posto: Baustelle con Amanda Lear; Michele Gazich con Storia dell'uomo che vendette la sua ombra; Canio Loguercio e Alessandro D'Alessandro con Ballata dell’ipocondria (o del vibrione innamorato); Ermal Meta con Vietato morire. Per la sezione Opera Prima la vittoria è andata al collettivo LASTANZADIGRETA con CREATURE SELVAGGE (Sciopero Records). Facevano parte delle nomination: Blindur con Blindur; Colombre con Pulviscolo; Mara Redeghieri con Recidiva; Carlo Valente con Tra l'altro. Per la targa Miglior album in dialetto, i più votati sono stati CANIO LOGUERCIO e ALESSANDRO D’ALESSANDRO con il napoletano “sussurrato” di CANTI, BALLATE E IPOCONDRIE D’AMMORE (Squilibri). Gli altri candidati erano: Cesare Basile con U fujutu su nesci chi fa?; Foja con ’O treno che va; Gabriella Lucia Grasso con Vussia cuscenza; Pupi di Surfaro con Nemo profeta. GINEVRA DI MARCO con LA RUBIA CANTA LA NEGRA (Audioglobe) è risultata la più apprezzata per la categoria Interpreti di canzoni non proprie. Tra i finalisti: Gerardo Balestrieri con Covers;  Teresa De Sio con Teresa canta Pino; Antonio Dimartino e Fabrizio Cammarata con Un mondo raro; Gang con Calibro 77. Tutte le informazioni sulle Targhe Tenco si possono trovare all’indirizzo: www.clubtenco.it

Le Targhe verranno consegnate nell'ambito della Rassegna della Canzone d'Autore (Premio Tenco 2017) organizzata dal Club Tenco con il contributo del Comune di Sanremo, SIAE, Casinò di Sanremo, Regione Liguria, Camera di Commercio delle Riviere di Liguria, Coop Liguria e Royal Hotel, in programma al Teatro Ariston di Sanremo dal 19 al 21 ottobre. 

________________________________________________________________________________

MI LINDA DAMA, LUIGI PALUMBO & AQUARATA, DIA DUIT
SONO I  VINCITORI DEL PREMIO NAZIONALE FOLK & WORLD

Il concorso, organizzato da Li Ucci Festival, Mei – Meeting degli Indipendenti e Scuola di musica popolare di Forlimpopoli, con il patrocinio di IT-FOLK, RETE DEI FESTIVAL e media partner BlogFoolk consentirà alle band di esibirsi sul palco dei tre importanti festival. MI LINDA DAMA, LUIGI PALUMBO & AQUARATA, DIA DUIT  sono i vincitori del Premio Nazionale Folk & World, dedicato ad esperienze italiane nel folk e nella world music, organizzato da Li Ucci Festival di Cutrofiano, Mei – Meeting etichette indipendenti di Faenza e Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli con il patrocinio di IT-FOLK, RETE dei FESTIVAL e media partner BLOGFoolk. Il concorso musicale è dedicato alla musica folk e alla world music da Nord a Sud. L’intento sin da subito è stato quello di unire le forze e di esser presenti in Rete tutti insieme sul territorio nazionale. Il concorso era aperto ad artisti italiani e gruppi musicali al cui interno fosse presente almeno un componente di cittadinanza italiana. Gruppi o artisti con all’attivo album o meno, anche con distribuzione nazionale, e che siano stati o no titolari di contratto discografico. La selezione come da regolamento è stata effettuata secondo questo criterio: effettiva proposta di musica folk e world, qualità della proposta musicale, originalità nei brani, funzionalità dei brani inseriti in uno spettacolo live. Le Categorie in gara erano due: PREMIO NAZIONALE FOLK NUOVE GENERAZIONI (dedicato esclusivamente ad artisti la cui età media non superava i 35 anni); PREMI SPECIALI (dedicato a tutti gli artisti, anche a coloro la cui età media superava i 35 anni); ECCO I VINCITORI DELLE VARIE CATEGORIE: MI LINDA DAMA gruppo proveniente da Padova, si sono aggiudicati il Premio Folk Nuove Generazioni dedicato alle band la cui età media fosse massimo di 35 anni. Mi Linda Dama è un gruppo che ri-arrangia la tradizione dei Sefarditi enfatizzandone il ricco intreccio delle tradizioni mediterranee con cui vennero a contatto durante la diaspora. Canti antichi dalla forte carica emotiva ed arrangiamenti tra vecchio e nuovo, che prediligono la fusione di stili e un gran varietà di strumenti di epoche e aree geografiche diverse. Il gruppo si esibirà il 16 Settembre a CUTROFIANO durante il concerto-evento de LI UCCI FESTIVAL e il 30 Settembre a Faenza in occasione del MEI-meeting etichette indipendenti. LUIGI PALUMBO & AQUARATA gruppo proveniente da Corato (Bari) si aggiudicano invece nella categoria premi speciali (senza vincoli di età) il PREMIO UCCIFOLKONTEST. Il gruppo riesce a far intrecciare la cultura tradizionale pugliese alle culture arabe e greche. Una formazione che ha come obiettivo il connubio tra testi di poesia vernacolare, che mirano al recupero delle tradizioni, e una ricerca tesa al mescolamento del folk a diversi generi. Il gruppo si esibirà duranteLI UCCI FESTIVAL, giovedì 14 Settembre a CUTROFIANO.  DiaDuit da Feltre, lla provincia di Belluno si aggiudicano un altro premio speciale e cioè il PREMIO SCUOLA MUSICA POPOLARE, la loro originale proposta musicale spazia dal bal-folk francese all’irish-folk passando per la musica tradizionale veneta.  Il gruppo si esibirà durante il FESTIVAL DI MUSICA POPOLARE a FORLIMPOPOLI il 24 Agosto.
________________________________________________________________________________

RACHELE BASTREGHI DEI BAUSTELLE AL PREMIO BIANCA D'APONTE
SARÀ LA MADRINA DELLA 13A EDIZIONE AD OTTOBRE AD AVERSA

Il Premio Bianca d'Aponte – Città di Aversa punta al mondo rock: sarà infatti Rachele Bastreghi dei Baustelle la madrina della 13a edizione della manifestazione, le cui finali sono in programma ad Aversa (CE) il 27 e il 28 ottobre 2017. Quest'anno la due giorni ricorderà in modo particolare il suo storico direttore artistico Fausto Mesolella, scomparso pochi mesi fa. L'anima femminile del gruppo toscano presiederà la giuria del Premio, l'unico in Italia riservato a cantautrici, ed interpreterà uno dei brani di Bianca d’Aponte, l’artista aversana morta prematuramente nel 2003 alla vigilia della pubblicazione del suo primo disco. Rachele Bastreghi è una delle icone più riconosciute e ammalianti della musica pop-rock italiana. Compositrice, polistrumentista e voce dei Baustelle sin dalla loro formazione, ne caratterizza il suono e l'immagine in modo molto forte. Ha avuto modo negli anni di collaborare anche con molte altre band della scena italiana, dagli Afterhours ai Perturbazione. Da due anni ha iniziato anche un percorso solistico, grazie all'Ep “Marie” ispirato alla musica e alle atmosfere degli anni ’70 soprattutto francesi, un disco nel quale rivela una affascinante personalità artistica che va al di là di quella della sua band.  A precederla, nel ruolo di madrina del d'Aponte, sono state altre protagoniste della canzone in Italia: Irene Grandi, Paola Turci, Nada, Cristina Donà, Petra Magoni, Rossana Casale, Ginevra di Marco, Mariella Nava, Elena Ledda, Andrea Mirò, Fausta Vetere, Brunella Selo. Artiste di genere ed estrazione molto diverse, così come era la musica di Bianca d'Aponte. Alcune di loro, come da tradizione, saliranno sul palco anche in questa nuova edizione, insieme ad altri nomi di rilievo del panorama musicale. Sono intanto in corso le selezioni delle finaliste del concorso. Ad occuparsene è il Comitato di Garanzia del Premio (che in gran parte formerà anche la giuria nelle serate finali), formato da giornalisti, produttori, autori e musicisti tra i più importanti del mondo musicale italiano.  Le passate edizioni del Premio sono state vinte da Veronica Marchi e Germana Grano (ex aequo, 2005), Chiara Morucci (2006), Mama’s Gan (2007), Erica Boschiero (2008), Momo (2009), Laura Campisi (2010), Claudia Angelucci (2011), Charlotte Ferradini (2012), Federica Abbate (2013), Elisa Rossi (2014), Irene Ghiotto (2015), Sighanda (2016).
_________________________________________________________________________________

Sognando un domani: la nuova veste del Premio Poggio Bustone


Presso i Forward Studios di Grottaferrata si sono chiuse le selezioni del Premio Poggio Bustone 2017 e si inizia a pensare alle finali. Otto le proposte artistiche, scelte dallo staff del Premio e dei Forward Studios, che si ritroveranno il 9 settembre prossimo ai Giardini di Marzo a Poggio Bustone per decretare come ogni anno il vincitore. Questi i nomi dei finalisti: Andrea Zoli (Roma) con La mia strada; Bar luna (Rimini) con Periferia; Livio Livrea (Roma) con Ma come ci è venuto in mente?; Luciano Nardozza (Lodi) con Il folle mio librarmi in volo; Massimiliano D’Alessandro (Salerno) con Semaforo rosso; Paolo Longhi (Roma) con La vita che...; i Questione di prospettiva (Roma) con Nina; e Walter Piva (Gela-Venezia) con Finchè mutuo non ci separi. “Sarà un Premio diverso, lo avevamo annunciato, spiega Maria Luisa Lafiandra – direttore artistico di questa iniziativa giunta alla sua tredicesima edizione -. Il terremoto qui ha lasciato i segni che, a Rieti e a Poggio Bustone, per fortuna non sono di devastazione, ma comunque di grave instabilità.   ”Qui la terra ha tremato e trema ancora. Diffuso il senso di precarietà.” Da qui la decisione di pensare una finale differente: “Stiamo concretamente pensando di pensare un evento in acustico, al pomeriggio: che non obblighi allestimenti costosi, decisamente offensivi per chi ha perso tutto.” E allora: appuntamento ai mitici Giardini di Marzo. “E alla fine, come tradizione, termineremo cantando a squarciagola La canzone del sole.” In nome di una speranza per il domani che la musica, soprattutto se affidata ai giovani artisti finalisti, sa dare. 
________________________________________________________________________________

Biella Festival: i finalisti

La commissione d’ascolto del Biella Festival, come tradizione organizzato dall’Associazione Artistica Anniverdi, ha scelto sia i nomi dei 12 finalisti per la 19° edizione del Biella Festival Autori e Cantautori 2017; sia i finalisti del 2° Biella Festival Musica Video 2017. “Biella Festival – ha dichiarato il suo Direttore Artistico Giorgio Pezzana - si sta guardando allo specchio. Su di un fronte la 19a edizione della sezione riservata agli autori ed ai cantautori, cioè la tradizione; e sull'altro la seconda edizione della rassegna riservata ai video musicali, cioè la dimensione più attuale e più nuova della diffusione della musica. E come tutti coloro che si guardano allo specchio con un minimo di oggettività, coglie pregi e difetti di queste due anime della manifestazione. C'è del buono nell'una e nell'altra. E in vista della 20a edizione di Biella Festival Autori e Cantautori, che andremo a festeggiare il prossimo anno, sarà indispensabile cogliere il meglio delle due dimensioni, per andare a realizzare un Biella Festival nuovo e diverso. Ci penseremo, intanto godiamoci questi 12 finalisti della sezione cantautori e gli 8 della sezione video. Sono il nostro patrimonio. Sono le basi del nostro futuro”. A sfidarsi in questa nuova edizione del Biella Festival sono artisti da tutta Italia: Naim Abid da Genova con il brano Ho visto un riccio; Martino Beaupain da Verona con Il cantautorato è morto; Massimo Bertinieri, in arte Stona, da Capriata d’Orba (AL) con Belladonna; Claudia Cantisani da Latronica (Pz) con L’entusiasta; Valentina Cesetti da Roma con L’altalena; Adolfo Durante da Bozzolo (MN) con Non sono più forte; Francesca Fabris Romana da Roma con Onda di Mare; Claudio Ferrigato da Veronica con L’amore che assomiglia all’amore; Luigi  Romagnoli, in arte Relè, da Marino (Rm) con La notte a passo di danza; Sonia Schiavone da Castelnuovo Don Bosco (At) con In viaggio; Nicolò Sergio da Bologna con E che mi dici quando; Ezio Zappalà, in arte Godot, da Scordia (Ct) con Teresa. Otto i finalisti del 2° Biella Festival Musica Video 2017: “Ci siamo orientati in particolare verso tutte quelle produzioni capaci di coniugare l’originalità con il talento, abili nello sfruttare le capacità espressive del mezzo digitale”. Più nel dettaglio i finalisti sono: Nitrophoska con Vecchia comare, Channel Elia con Cuore Matto; Alberto Gatto con Il bacio, Living Core con Jane, Ambra Pintore con Sa Este, Chiara Ragnini con Un colpo di pistola, Gennaro Vitrone con Oltre il buio. Ed Ezio Zappalà con Dannato paese.
 ____________________________________________________________________________


Torna il SuperStage, il contest per suonare al MEI 2017! Ecco come partecipare!

Con la nuova edizione del MEI 2017, torna anche il SuperStage, il contest per partecipare alla nuova edizione del Meeting faentino. Le iscrizioni sono aperte e lo rimarranno fino al 30 luglio. È possibile iscriversi compilando il form presente sul sito di Rete dei Festival, cliccando direttamente QUI. Il concorso è gratuito e aperto a tutti gli artisti e le band!


Il Mei Superstage è il contest organizzato da Rumore di Fondo e Mei, in collaborazione con Incisioni, rivolto a tutti gli artisti e band emergenti che vorranno mettersi in gioco, per suonare al Mei e vincere gli importanti premi in palio. Quest’anno la formula di selezione sarà inusuale, saranno infatti i partecipanti stessi a votare i tre finalisti del contest. Come? Iscriviti o iscrivi la tua band utilizzando questo form entro il 15 luglio. La direzione artistica del #Mei2017 farà una prima scrematura per selezionare un massimo di 20 concorrenti.A tutti gli iscritti sarà data la possibilità di dare tre preferenze (non sarà possibile votare se stessi o la propria band). I tre più votati esibiranno durante la finale live a Faenza l’1 ottobre e saranno giudicati da una giuria di esperti che decreterà il vincitore. Al vincitore la stampa di 300 dischi e l’accesso diretto alla finale di Incisioni Contest 2018, con la possibilità quindi di vincere premi come la stampa di 300 dischi in vinile 45 giri, videoclip, servizi fotografici, siti web

Al via la prima edizione del Premio Freak 2017
Appuntamento il 10 settembre al Festival della Letteratura di Mantova, il 30 settembre al MEI a Faenza e in novembre a Bologna

Nei quarant’anni dal 1977, da quella esplosione di creatività che fece nascere, tra i tanti linguaggi espressivi, quello del ‘nuovo rock italiano’ e della cultura dell’indipendenza discografica, mediata dall’esperienza del punk inglese e del ‘do it yourself’, il MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti di Faenza , Coop Alleanza 3.0 e l’Associazione  I Love Freak  con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, lanciano un premio dedicato alla figura di Freak Antoni, con una vasta serie  di iniziative che attraverseranno, in varie città, i prossimi mesi. Si inizia in settembre, in una cornice molto prestigiosa, quella del Festival della Letteratura di Mantova, dove, all’interno del programma ufficiale, il 10 settembre, ci saranno, alla presenza di Carlo Lucarelli, le premiazioni dell’ edizione 2017  di Coop for Words, il contest per giovani autori di testi che Coop organizza per far emerger i nuovi talenti della scrittura italiana. Quest’anno una delle sezioni chiedeva la creazione di un testo inedito sulla base di una delle canzoni più celebri degli Skiantos, ‘Sono un ribelle, mamma’ Il brano vincitore verrà eseguito   il 30 settembre al MEI di Faenza, in una ‘Serata Skiantos’, nella quale il gruppo che ha inventato il rock demenziale celebrera’ i suoi 40 anni dalla nascita, suonerà accompagnato da una serie di ospiti che verranno svelati tra poco. Terza tappa, questa volta Bologna in novembre, in una data che verrà comunicata presto, dove ci sarà la consegna del Premio Freak a un giovane artista che meglio ha saputo trovare una forma di espressione originale, nel segno della creatività  di Freak Antoni. La premiazione si svolgerà all’interno di un convegno durante il quale uomini di cultura e di spettacolo si confronteranno sull’attualità della figura di Freak Antoni. Seguiranno al più presto maggiori dettagli.

ChocoMusic contest è tutta un'altra musica, ecco i selezionati

Individuati gli artisti che saranno protagonisti di Eurochocolate 2017 : Marco Carena, Mary Cristallo, Lefragole, Moreno Il Biondo & Orchestra Grande Evento, Elisabetta Poli, MISGA, Tuto Marcondes, Barbara Vesce e Il Compleanno di Mary, ecco tutti i nomi dei finalisti. ChocoMusic contest è tutta un'altra musica, ecco i selezionati. Individuati gli artisti che saranno protagonisti di Eurochocolate 2017:  Marco Carena, Mary Cristallo, Lefragole, Moreno Il Biondo & Orchestra Grande Evento, Elisabetta Poli, MISGA, Tuto Marcondes, Barbara Vesce e Il Compleanno di Mary. La giura ha deciso. Sono 9 gli artisti selezionati dalla giuria del ChocoMusic contest, l'evento promosso da Eurochocolate in collaborazione con il Mei - Meeting delle Etichette Indipendenti e riservato a cantanti e gruppi emergenti, chiamati a cimentarsi con testi inediti a tema cioccolato. La giuria era composta dal coordinatore  Giordano Sangiorgi (MEI), e da Francesco Galassi (Rete dei Festival), Michele Lionello (Voci per la Libertà), Raffaella Tenaglia (Pixie Promotion), Giuseppe Marasco (It - Folk), Claudio Formisano (Cafim - Confederation of European Music Industries), Giuliano Ciabatta (autore e produttore), Roberto Grossi (Varigotti Festival) e Cinzia Magnani (Casa della Musica). I giudici, in collaborazione con Eurochocolate, hanno individuato Marco Carena con Ciocomondo, Mary Cristallo con Swallow Love, Lefragole con Eurochocolate, Tuto Marcondes con Eurochocolate, Moreno Il Biondo & Orchesta Grande Evento con Choco Band, Elisabetta Poli con It's Chocotime, MISGA con Chocociò, Barbara Vesce con Ciocco-lato e Il Compleanno di Mary con Quiero Cacao. I 9  artisti selezionati e le loro canzoni al sapore di cioccolato saranno protagonisti della kermesse più golosa dell'anno che si svolge a Perugia, dal 13 al 22 ottobre. con una gustosa anteprima al prossimo MEI di Faenza che si terra dal 29 settembre all'1 ottobre. Proprio alle note è dedicata l'edizione 2017 del festival internazionale del cioccolato che, a Perugia, farà ascoltare ai golosi Tutta un'altra musica.
_______________________________________________________________________________

Il Premio Donida
alla ricerca di nuovi talenti musicali: audizioni a Napoli martedì 18 luglio

È scattata la macchina organizzativa dell’ottava edizione del premio intitolato alla memoria del Maestro Carlo Donida e riservato ai giovani cantautori. Per iscriversi alle audizioni in programma nel capoluogo campano, che si svolgeranno all’Accademia europea di musica e arti dello spettacolo, c’è tempo fino a venerdì 14 luglio. Po il Premio Donida farà tappa a Caltanissetta, Milano e Roma. La serata finale, in cui verrà premiato il vincitore, si svolgerà il 30 ottobre a Milano

 Nuovi talenti della musica italiana cercansi. È dedicato ai giovani compositori, autori, cantautori e interpreti il Premio Donida, giunto quest’anno all’ottava edizione e intitolato alla memoria di Carlo Donida, uno dei più noti compositori del Novecento, autore di brani molti famosi (tra cui “Al di là”, interpretato da Betty Curtis e Luciano Tajoli, che ha trionfato al Festival di Sanremo nel 1961, “Le colline sono in fiore” e “Gli occhi miei” cantati, rispettivamente, da Wilma Goich e da Dino). Con Mogol, Donida ha lavorato alla realizzazione di ben 126 canzoni e il grande Lucio Battisti ne ha interpretate quattro scritte da lui, tra cui “La Compagnia”. Nel 2016 il premio è stato assegnato al rapper Dobro con “Aria”. Come nel suo caso, anche quest’anno il brano del vincitore sarà distribuito in tutti i maggiori store digitali dalle edizioni Universal Music Publishing Ricordi Srl, storica casa editrice dei brani del Maestro Donida, e avrà una promozione radiofonica di 90 giorni in radio, tv e carta stampata a cura dell’ufficio stampa Chiasso. La giuria che assegnerà il prestigioso riconoscimento sarà composta da nomi illustri del panorama musicale italiano, tra cui autori, compositori, editori, discografici e critici. Monica Donida, Massimo Satta e SimonLuca costituiscono la direzione artistica, mentre i partner dell’ottava edizione sono SIAE, Universal Publishing Ricordi Srl, AllMusic Italia, TgEvents, Muovi la Musica e Fotoidea Sonia.

Napoli: iscrizioni e audizioni all’Accademia europea di musica e arti dello spettacolo
Le iscrizioni per partecipare alla nuova edizione si sono aperte il 23 marzo scorso. Come di consueto, il concorso è articolato in tre fasi (audizioni, semifinali e serata finale con la premiazione del vincitore). La prossima sessione di audizioni si svolgerà a Napoli martedì 18 luglio presso l’Aemas, Accademia Europea di Musica e Arti dello Spettacolo, in via Gradini di San Nicola da Tolentino 12. Per iscriversi ci sarà tempo fino a venerdì 14 luglio. Poi il Premio Donida farà tappa a Caltanissetta (13 settembre), Milano (22 settembre) e Roma (1 ottobre). Sempre nel capoluogo lombardo è in programma, il 30 ottobre prossimo, la serata finale, con la premiazione del vincitore dell’ottava edizione. Tutte le informazioni relative al Premio Donida (comprese le modalità di partecipazione) sono disponibili on line su www.premiodonida.it

Facebook: https://www.facebook.com/premio.donida; Twitter: @premiodonida
________________________________________________________________________________

VINICIO CAPOSSELA
CON “CANZONI DELLA CUPA” SI AGGIUDICA IL PREMIO LUNEZIA CANZONE D’AUTORE 2017
L’8 agosto ritira il prestigioso Premio a Marina di Carrara

VINICIO CAPOSSELA si aggiudica il prestigioso Premio Lunezia Canzone d'Autore 2017 per l’album "Canzoni della Cupa"! Un importante riconoscimento che si aggiunge al crescente successo delle attività di questi mesi dell’artista, denominate “Atti unici e qualche rivincita”, ovvero non un tour ma una serie di esercizi di ecclettismo in luoghi d’Italia ad alta suggestione (www.viniciocapossela.it). Vinicio Capossela ritirerà il Premio (un’opera scultorea in marmo bianco) martedì 8 agosto a Marina di Carrara (Largo Marinai d’Italia - ore 21.30 - ingresso gratuito) e racconterà la genesi dell’album e la sua arte eclettica intervistato dal giornalista David De Filippi e dal patron del Lunezia Stefano De Martino.  Il Premio Lunezia è patrocinato dal Ministero della Cultura, Regione Toscana e Siae. L'appuntamento sarà seguito da rubricali e notiziari Rai. L'opera musicale "Canzoni della Cupa" è stata definita dalla Commissione «Album epocale». Di seguito la motivazione musical-letteraria del noto conferimento toscano a cura di Selene Pascasi (Giornalista de Il Sole 24 Ore) e Alessia Pistolini: L’album «Le canzoni della cupa» merita il premio per la capacità di mutare in testi una poetica viva ed essenziale, tenendo alti quei canoni dell’arte musical-letteraria che consacrano la canzone ad opera d’arte. Obiettivo centrato da Capossela che, snodandosi su due binari antitetici ma gemelli – la Polvere e l’Ombra – prende per mano l’ascoltatore e lo conduce in un impegnativo ma affascinante viaggio in terre sommerse e mortificate da un sentire sociale ormai sordo a voci, storie, suoni e culture di un tempo che è radice e sogno. Radice come la terra, la fatica e il sudore raccontati nelle canzoni della Polvere. Sogno come l’onirico, il fiabesco e l’enigmatico narrati nelle canzoni dell’Ombra. Un mondo, quello che l’artista consegna al pubblico dopo una lunga gestazione, partorito dalle immagini del suo ultimo romanzo “Il Paese dei Coppoloni” e supportato da musiche fortemente evocative, capaci di trascinare i sensi in universi magici ma tangibili. Discostata la polvere da una memoria atavica e collettiva, e intravista, finalmente, la linea delle ombre, si disvela ora tutta la poetica di Capossela, quella stessa che già in nuce intravedemmo nelle sue prime composizioni, che cominciò a definirsi in modo più decisamente personale ne «Il Ballo di San Vito», e che qui prende vita finalmente consapevole e piena. Le «Canzoni della Cùpa» sono il risultato di una ricerca appassionata, partita dalle sue radici di terra e tradizioni, di suoni antichi e di ritmi scaramantici, storie e legende che man mano che si allontanano nel tempo perdono le connotazioni personali e locali e divengono storia di tutti, si immergono in un grande inconscio collettivo da cui Capossela può attingere a piene mani. Vi sono l'incedere terzinato e inesorabile della tarantella, i colpi dei tamburi, le stagioni e i loro riti, la festa e il lutto, il battito scandito del canto di lavoro, l'inspiegabile che si fa paura e religione insieme… Un'opera ambiziosa ma sincera, composita e complessa, certo, ma anche spesso cantabile e ballabile come lo è la musica popolare, fatta e tramandata dagli uomini per gli uomini di ogni epoca e latitudine. Una summa del sentire umano che solo un artista vero come Vinicio Capossela avrebbe potuto sintetizzare in forma di canzone.
C'è un lago solitario
illuminato dalla luna per me e per te
come nessuno per noi soli…
Là ci nasconderemo e svaniremo,
tutti vanamente al confine della luna,
sentendo che ciò di cui siamo fatti
è stato qualche volta musicale . 
_________________________________________________________________________________

BMA - BOLOGNA MUSICA D’AUTORE
festival italiano per giovani cantautori
PROCLAMATI I 9 FINALISTI
IL 7 OTTOBRE SERATA FINALE AL TEATRO “IL CELEBRAZIONI” DI BOLOGNA

Oggi, martedì 25 luglio, presso gli storici studi di registrazione FONOPRINT, si sono concluse le semifinali del BMA - BOLOGNA MUSICA D’AUTORE, condotte in diretta streaming da Red Ronnie, e sono stati proclami i 9 finalisti che si esibiranno durante la SERATA FINALE del 7 ottobre presso il Teatro “Il Celebrazioni” di Bologna. I FINALISTI SONO: Andrea Bolognesi (Cervia – RA), Marco D'Anna (Napoli), Simone Fornasari (Piacenza), Freschi Lazzi & Spilli (Potenza), MUD (Sermide – MN), Irene Scarpato (San Sebastiano al Vesuvio – NA), Matteo Venturelli (Argelato - BO), VHsupernova (Milano), Giulio Wilson (Firenze). Al vincitore sarà assegnato un contratto discografico ed editoriale con Fonoprint per la realizzazione di un EP e di un videoclip (con un valore commerciale complessivo di oltre 20.000 Euro).  Durante la serata finale, inoltre, la giuria ripescherà un artista tra gli 11 semifinalisti esclusi, dandogli così la possibilità di rientrare in gara per concorrere alla vittoria. Saranno infine assegnati un “Premio della Critica per il Miglior Testo” e un “Premio per la Miglior Musica” entrambi del valore di 2.500 Euro. A giudicare gli artisti una giuria composta da illustri esperti dell’ambito musicale: Vittorio Corbisiero, Fonoprint; Guido Elmi, produttore; Claudio Ferrante, presidente Artist First; Antonello Giorgi, musicista; Marco Mangiarotti, giornalista e critico musicale, Carlo Marrale, musicista; Roberto Razzini, AD Warner Chappell; Stefano Senardi, discografico e consulente artistico; Antonio Vandoni, Radio Italia; Riccardo Vitanza, Parole e Dintorni; Andrea Vittori, MA9 Promotion; Fio Zanotti, produttore. BMA - BOLOGNA MUSICA D’AUTORE è un’iniziativa ideata e promossa da FONOPRINT e patrocinata dal Comune di Bologna, nata da due assunti importanti che rendono il capoluogo emiliano luogo ideale e privilegiato dove pensare, produrre musica d’autore e scoprire talenti come Bologna Città Creativa della Musica UNESCO e Bologna Città di Cantautori. Il BMA ha l’obiettivo di dare voce a giovani e talentuosi cantautori italiani e di presentarli sulla scena musicale nazionale grazie a partnership con importanti player del mercato, ovvero enti e concorsi accreditati nell’ambito delle produzioni musicali e del cantautorato italiano di qualità.
_______________________________________________________________________________

I vincitori del premio Città di Imola al termine del Summer Festival dell'Accademia Pianistica

Con la consegna del Premio "Città di Imola" si è concluso il Summer Festival dell'Accademia Pianistica, giunto alla sua sesta edizione. Tanti i vincitori che si sono suddivisi un montepremi complessivo di 21mila euro. Ognuno dei primi classificati in ogni categoria di pianisti ha ottenuto il premio a nome del Maestro Umberto Micheli e di Lelia Magistrelli. Per la categoria A (dai 17 ai 25 anni) il primo posto è andato alla peruviana Priscila Navarro, che si è anche aggiudicata il prestigioso premio "Florence Marzotto Daniel" al talento, un riconoscimento speciale con il contributo di Veronica e Dominique Marzotto. Secondo classificato Zhaoyuan Qin (CIna) e terzo Mari Izumi (Giappone). Chiba Momoka, giapponese, ha ottenuto il primo premio nella categoria B (dai 13 ai 16 anni); secondo Genrui Zhang (Cina), terzo Elia Cecino (Italia). Hanyuan Zhu (Cina) infine ha vinto il primo premio nela categoria C dai 6 ai 12 anni; secondo Adrian Romoff (Usa), terzo Hanaka Nimiya (Giappone), quarto Kano Kojima (Giappone) con il cinese Can Wang che ha ottenuto il premio speciale dell'Associazione Alessio. I Premi sono stati donati grazie al generoso contributo di Veronica e Dominique Marzotto, Fondazione Micheli, CLC Commercialisti Legali e consociati, Banca di Imola, Associazione Alessio, Candida Bombardini, Pier Giorgio Fabris, Lem Super Store, Fondazione Santa Maria Goretti, Lori Gadoni.
_______________________________________________________________________________

I musicisti del futuro in concorso con Gewa e Cremona Musica

"Gewa Young Contest" per violinisti, violisti e violoncellisti dai 6 ai 14 anni
Dal 13 maggio al 1° ottobre cinque selezioni regionali in tutta Italia e finale nazionale nella patria di Stradivari e Monteverdi

Gewa Music in collaborazione con Cremona Musica organizza un inedito concorso per talenti in erba degli strumenti ad arco, strutturato su cinque selezioni regionali e una finale nazionale: il “Gewa Young Contest” è riservato ai violinisti, violisti e violocellisti fra i 6 e 14 anni e mette in palio non solo un montepremi di 1.000 euro, ma anche l'opportunità di esibirsi con l’Orchestra D’Archi Arrigoni. SELEZIONI IN TUTTO LO STIVALE. Lo speciale tour di Gewa Music – azienda tedesca leader nel settore degli strumenti musicali acustici meccanici – su e giù per lo Stivale partirà da Reggio Calabria il weekend del 13 e 14 maggio (info su www.bomu.it) per poi attraversare lo Stretto e fare sosta a Rocca di Capri Leone, in provincia di Messina, il fine settimana successivo, il 20 e 21 Maggio (www.pentamusa.com). Terza tappa in Sardegna, precisamente al teatro Verdi di Sassari, sabato 27 e domenica 28 maggio (www.3mmusica.it), prima del trasferimento a Castrezzato, nel Bresciano, nelle giornate del 9 e 10 giugno (www.cavallimusica.com). L'ultimo atto delle fasi regionali è fissato per il 24-25 giugno a Roma (www.chromaviolini.it). FINALE NELLA CAPITALE DELLA MUSICA. I vincitori di ogni categoria in ciascuna delle selezioni si qualificheranno per la finalissima che si terrà il 30 settembre e il 1° ottobre a Cremona – patria di Stradivari e Amati, di Monteverdi e Ponchielli – all'interno della 30esima edizione di Cremona Musica, la manifestazione dedicata agli strumenti musicali d'alto artigianato con un denso programma di eventi culturali fra concerti con prestigiosi musicisti, workshop e masterclass con esperti del settore. Ed è proprio sul palco allestito nella capitale della liuteria che il vincitore suonare con l’Orchestra D’Archi Arrigoni. VISIBILITA’ E FORMAZIONE. Gewa Music e Cremona Musica hanno unito le forze con l'obiettivo di valorizzare le nuove leve degli strumenti ad arco offrendo ai giovani musicisti un'occasione formativa qualificante all'interno di contesti altamente professionali, sia per la fama e la competenza dei giurati chiamati a valutare i concorrenti in ogni data, sia per il pregio dei palcoscenici appositamente selezionati. Il “Gewa Young Contest”, dunque, rappresenta, da un lato un confronto professionale e, dall'altro, un'esperienza indimenticabile.
_________________________________________________________________________


INTERNATIONAL CHAMBER MUSIC COMPETITION
Pinerolo e Torino Città Metropolitana
5-11 Marzo 2018

Sono aperte le iscrizioni alla prossima edizione dell’International Chamber Music Competition "Città di Pinerolo e Torino – Città metropolitana", il concorso di musica da camera, membro della World Federation of International Music Competitions di Ginevra, che si svolgerà tra Pinerolo e Torino dal 5 all’11 marzo 2018. La giuria d’eccezione è formata da Michael Collins clarinetto (Regno Unito), Thomas Demenga violoncello (Svizzera), Pavel Gililov pianoforte (Russia), Alberto Miodini pianoforte (Italia), Natasha Prishepenko violino (Russia), viola da definire, Marco Zuccarini direttore d’orchestra (Italia). Nel 2016 la prestigiosa giuria ha assegnato il montepremi complessivo di 23.000 euro selezionando i vincitori tra i 100 musicisti delle 42 formazioni under 33 di musica da camera in gara, provenienti da tutto il mondo.

Sono ammesse le seguenti formazioni, la cui età media dei componenti non superi i 33 anni al 01/03/2018:
- duo (pianoforte a 4 mani; violino e pianoforte; viola e pianoforte; violoncello e pianoforte; clarinetto e pianoforte)
- trio (violino, violoncello e pianoforte; clarinetto, violoncello e pianoforte)
- quartetto (violino, viola, violoncello e pianoforte; due violini, viola e violoncello)
- quintetto (due violini, viola, violoncello e pianoforte; clarinetto, due violini, viola e violoncello; due violini, due viole e violoncello)
- sestetto (due violini, due viole e due violoncelli).

Per informazioni:
Accademia di musica di Pinerolo
tel 0121-321040 - 3939062821