Concerti Jazz

I concerti della scena jazz e classica...


I PROTAGONISTI DI OTTOBRE
Jeremy Pelt, Joe Barbieri, Sagi Rei, Hiromi & Edmar Castaneda, Paolo Belli, Richard Bona, Myles Sanko, Ambrose Akinmusire, Dee Dee Bridgewater, Nick the Nightfly, Brian Auger
… E MOLTI ALTRI
E i primi concerti confermati di NOVEMBRE
Stacey Kent, Al Di Meola, Mike Stern & Dave Weckl Band, Joe Lovano Quartet, Maria Gadù, Take 6, Fabio Concato, Dave Holland, Chiara Civello, Puppini Sisters… e molti altri

Prosegue la programmazione del BLUE NOTE di Milano (Via Borsieri, 37), l’unica sede europea dello storico jazz club di New York, giunto quest’anno alla quindicesima stagione. In questi anni il Blue Note ha ospitato sul suo storico palco grandi nomi e giovani promesse della scena musicale italiana e internazionale confermandosi come uno dei migliori club d’Europa, e anche nei mesi ottobre e novembre ospiterà diversi artisti italiani ed internazionali pronti a coinvolgere il pubblico in concerti irrinunciabili, tra jazz, soul e pop. Nel mese di ottobre, infatti, il Blue Note ospiterà tra gli altri: il nuovo progetto delle SORELLE MARINETTI (1 ottobre); JEREMY PELT, considerato tra i migliori trombettisti della scena jazz contemporanea (3 ottobre); uno dei più apprezzati talenti italiani JOE BARBIERI con il suo nuovo progetto discografico “ORIGAMI” (4 ottobre); i SEX MOB, gruppo nato dall’idea del trombettista Steven Bernstein, noti per aver riportato il divertimento e l’ironia nel jazz, che al Blue Note presenteranno Cultural Capital, il nuovo progetto discografico che celebra i loro 20 anni di musica (5 ottobre); Il cantautore israeliano dalla voce inconfondibile SAGI REI (6 ottobre); il duo di virtuosi della pianista giapponese HIROMI e l’arpista colombiano EDMAR CASTANEDA (7 ottobre); Il crooner e pianista italiano STEFANO SIGNORONI insieme alla super band “the MC”, capitanata dal bassista Flavio Scopaz (8 ottobre); il giovane pianista CHRISTIAN SANDS che vanta già cinque nomination ai Grammy Award tra le quali quella per “Best Latin Piano Solo” (10 ottobre); il cantautore MARCO MASSA in scena con il progetto “S[u]ono quello che mi pare”, in cui l’artista rimarca la sua estrema libertà nell’affrontare il mondo della canzone (11 ottobre); il pianista e compositore cubano MANUEL VALERA in Trio (12 ottobre); PAOLO BELLI e la sua Big Band (14 ottobre); la BOCCONI JAZZ BUSINESS UNIT che riproporrà brani rock e pop degli anni ’60, ’70, ’80, ’90 e del nuovo millennio, presentati in eclettica chiave jazz (15 ottobre); il grande chitarrista FRANK GAMBALE (17 ottobre); il virtuoso del basso accompagnato dal collettivo di musicisti caraibici RICHARD BONA & MANDEKAN CUBANO in scena con il nuovo progetto discografico “Heritage” (18 ottobre); la nuovissima stella del soul targato UK, MYLES SANKO (19 ottobre); l’elettrizzante e giovane trombettista AMBROSE AKINMUSIRE, definito dalla critica una delle nuove stelle del jazz, insieme al suo quartetto (22 ottobre); la leggenda del jazz DEE DEE BRIDGEWATER, vincitrice di Grammy e Tony Awards (24 e 25 ottobre), le ammalianti melodie dei RADIODERVISH (26 ottobre); visto il grande successo dei concerti di settembre, NICK THE NIGHTFLY replicherà il suo tributo al grande Sting, con originali arrangiamenti pensati su misura per la sua ORCHESTRA (28 ottobre); le tre bambole dello swing, THE BLUE DOLLS, per un divertente revival del repertorio della canzone italiana dagli anni ’40 agli anni ’60 (29 ottobre); e BRIAN AUGER, da oltre 40 anni un musicista sulla cresta dell’onda che riesce ad incorporare jazz, british pop, R&B soul e rock in spettacoli che gli hanno garantito la devozione di legioni di fan in tutto il mondo (31 ottobre).
Questi tutti i concerti in programma per il mese di ottobre:

01 ottobre SORELLE MARINETTI
03 ottobre JEREMY PELT QUINTET
04 ottobre JOE BARBIERI
05 ottobre STEVEN BERNSTEIN SEXMOB
06 ottobre SAGI REI
07 ottobre HIROMI & EDMAR CASTANEDA
08 ottobre STEFANO SIGNORONI & THE “MC”
10 ottobre CHRISTIAN SANDS
11 ottobre MARCO MASSA
12 ottobre MANUEL VALERA TRIO
14 ottobre PAOLO BELLI & BIG BAND
15 ottobre BOCCONI JAZZ BUSINESS UNIT – EVERYTHING BUT JAZZ
17 ottobre FRANK GAMBALE - SOULMINE
18 ottobre RICHARD BONA & MANDEKAN CUBANO
19 ottobre MYLES SANKO
22 ottobre AMBROSE AKINMUSIRE QUARTET
24 ottobre DEE DEE BRIDGEWATER              
25 ottobre DEE DEE BRIDGEWATER
26 ottobre RADIODERVISH               
28 ottobre NICK THE NIGHTFLY ORCHESTRA Swing with Sting
29 ottobre THE BLUE DOLLS
31 ottobre BRIAN AUGER’S OBLIVION EXPRESS FEAT. ALEX LIGERTWOOD

Nel mese di novembre la programmazione del Blue Note proseguirà poi dando spazio a diversi nomi storici della scena musicale come: il più volte vincitore di Grammy, JEFF LORBER, tastierista, compositore, arrangiatore, produttore e talent scout che domina il panorama mondiale della fusion (1 novembre); la voce solare, lieve e leggera di STACEY KENT, stimata da pubblico e critica e con una nomina ai Grammy, Stacey Kent è una delle star del panorama jazz mondiale (2 novembre); l’indiscusso e chitarrista internazionale AL DI MEOLA che presenterà alcuni dei suoi più grandi classici e brani dal repertorio di Astor Piazzolla e della coppia Lennon-McCartney (3, 4 e 5 novembre), MIKE STERN e DAVE WECKL, i due pionieri e nomi leggendari del genere rock fusion, sul palco con TOM KENNEDY e BOB MALACH (7 e 8 novembre); il grande sassofonista JOE LOVANO, quintessenza del musicista contemporaneo e vincitore di un premio Grammy, insieme al suo Classic Quartet con il quale esplora la ricca storia del jazz maistream, dallo swing al bebop (9 novembre); Un vero talento della musica brasiliana MARIA GADÙ, la cantante, cantautrice, chitarrista sopraffina che con il suo talento ha ammaliato grandi suoi conterranei, come Milton Nascimento e Caetano Veloso, con cui realizza insieme un tour di concerti per voce e chitarra (10 e 11 novembre); i surreali e magnetici KNEEBODY, band che rappresenta lo stato attuale della musica improvvisata post-moderna della scena, in cui milita SHANE EDSLEY, considerato uno dei migliori trombettisti contemporanei in circolazione (12 novembre); i TAKE 6, coloro che negli anni ottanta hanno rivoluzionato il modo di cantare a cappella, aprendo la strada alla rinascita popolare dei gruppi vocali R&B (14 novembre); il plurinominato al Grammy Award, MIGUEL ZENÓN, uno dei sassofonisti più innovativi e influenti della sua generazione, che presenterà al pubblico italiano il suo nuovo album “Tipico” (15 novembre); la più longeva e creativa fusion band della storia: THE YELLOWJACKETS (16 novembre); il grande cantautore italiano FABIO CONCATO (17 e 18 novembre); THE BAD PLUS, uno dei più originali esiti della formula piano in trio (19 novembre); la giovane e incredibile cantante JAZZMEIA HORN, che approda nella scena musicale internazionale rivelando un indiscusso talento (21 novembre); il grande contrabbassista DAVE HOLLAND e il suo trio di all-star che vede KEVIN EUBANKS alla chitarra ed OBED CALVAIRE alla batteria (22 novembre); la giovane jazzista cilena MELISSA ALDANA che sta facendo impazzire critica e pubblico dei migliori festival internazionali, presenterà i brani del suo nuovo album “Back Home” (23 novembre); TONY MOMRELLE il cantante soul e jazz, attualmente lead vocalist degli Incognito, e uno dei musicisti più interessanti e significativi della scena britannica moderna (24 novembre); CHIARA CIVELLO, una tra le più internazionali delle artiste italiane, musicalmente sospesa tra il grande jazz e il pop di qualità venato di saporite sfumature latine (25 novembre); CYRILLE AIMÈE, la giovane cantante franco-domenicana che con un sound fresco e positivo e una voce empatica sta raccogliendo sempre più consensi nel panorama musicale (26 novembre) e CARMEN SOUZA, certamente una delle voci più interessanti della nuova generazione della cosiddetta world music (28 novembre), e per chiudere il mese lo swing sfrenato del trio vocale delle PUPPINI SISTERS (29 e 30 novembre).

La seconda edizione del festival JAZZMI al BLUE NOTE MILANO
Dal 2 al 12 novembre il Blue Note presenterà grandi concerti di artisti internazionali, una mostra, e altre iniziative speciali

Dopo il grande successo riscosso nella prima edizione, Triennale Teatro dell'Arte e Ponderosa Music & Art, in collaborazione con Blue Note Milano, sono lieti di presentare JAZZMI 2017. Il festival jazz animerà la città di Milano dal 2 al 12 Novembre con 11 giorni di concerti, eventi, film e documentari inediti, mostre fotografiche, incontri e masterclass con i musicisti, reading, laboratori, residenze e feste di quartiere, produzioni originali, e il coinvolgimento dei bambini in progetti ludici ed educativi. Gli spettacoli che animeranno il Blue Note Milano durante il JAZZMI vedranno alternarsi sul palco grandi artisti internazionali e la consueta varietà di generi: dal jazz vocale a quello strumentale più virtuosistico, dalle sonorità brasiliane ai ritmi moderni e underground!  Ecco tutti i concerti previsti dal 2 al 12 novembre al BLUE NOTE MILANO:

02 novembre
STACEY KENT
03 novembre
04 novembre
05 novembre
AL DI MEOLA
07 novembre
08 novembre
MIKE STERN & DAVE WECKL BAND
09 novembre
JOE LOVANO Classic Quartet
10 novembre
11 novembre
MARIA GADU’
12 novembre
KNEEBODY

In aggiunta ai consueti spettacoli serali, il Blue Note amplia la propria offerta presentando la mostra All-COOL di Chioccia & Tsarkova, e organizzando una Masterclass per tutti i musicisti con il grande chitarrista MIKE STERN.  I biglietti per i concerti in programma si possono acquistare collegandosi al sito internet www.bluenotemilano.com, o ai siti www.ticketone.it, www.mailticket.it o www.vivaticket.it; oppure chiamando l’infoline del Blue Note 02 69016888 o direttamente presso il box office del locale. L’orario dell’infoline e del Box Office (via Borsieri, 37) è il seguente: Lunedì dalle 12.00 alle 19.00 e Martedì-Sabato dalle 12.00 alle 22.00. JAZZMI è ideato e prodotto da Triennale Teatro dell'Arte e Ponderosa Music & Art, in collaborazione con Blue Note Milano, realizzato grazie al Comune di Milano – Assessorato alla Cultura, con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività culturali, partner INTESA SANPAOLO, FLYING BLUE e HAMILTON, sotto la direzione artistica di Luciano Linzi e Titti Santini. Il festival porterà il grande jazz a Milano, con oltre 130 eventi distribuiti in 40 location tra il centro e i quartieri più periferici, ospitando nomi leggendari e giovani artisti e coinvolgendo tutte le realtà cittadine che producono Jazz; come nella passata edizione, il Teatro dell’Arte e Blue Note Milano saranno i due poli principali della manifestazione. «Blue Note Milano è una realtà di punta nel panorama jazz mondiale - affermano Andrea De Micheli e Luca Oddo, rispettivamente Amministratore Delegato e Presidente di Casta Diva Group, la holding a cui Blue Note fa capo - Nella sua sede di via Borsieri nel quartiere Isola, propone circa 300 spettacoli l’anno, che rappresentano al meglio la varietà e le contaminazioni del jazz contemporaneo. È dunque il partner ideale per ospitare un evento di questa portata, nato per avvicinare il grande pubblico, anche giovane, a questa forma musicale». 

Il BLUE NOTE MILANO, che ha aperto i battenti nel 2003, si estende su una superficie di 1000 metri quadrati con 300 posti a sedere su 3 diversi livelli. L’atmosfera è quella di un elegante jazz club, e da ogni posizione della platea e della balconata lo spettatore può ascoltare le esibizioni di artisti di fama internazionale con il massimo della qualità acustica. La struttura e le dimensioni del locale permettono a tutti di essere ad un passo dai musicisti e godersi appieno il concerto. Come vuole la tradizione ereditata dal leggendario club del Greenwich Village, una serata al Blue Note è anche l’occasione per poter vivere al meglio il binomio musica e cibo. Il servizio si effettua nella stessa sala dei concerti ed offre una cucina semplice ma raffinata, con specialità italiane ed internazionali, un’ampia selezione di vini italiani e francesi, più di 200 cocktail e liquori dal bar e quell’atmosfera speciale che solo il contatto ravvicinato con i grandi artisti, tipico del jazz club, può creare. Ogni sera, salvo lo spettacolo unico della domenica ed eventuali variazioni di calendario tempestivamente segnalate sul sito internet (www.bluenotemilano.com), al Blue Note Milano si tengono due spettacoli (dal martedì al giovedì con inizio alle ore 21.00 e alle ore 23.00 mentre il venerdì e il sabato alle ore 21.00 e alle ore 23.30). I biglietti per i concerti al Blue Note si possono acquistare collegandosi al sito internet www.bluenotemilano.com, o al sito www.vivaticket.it; chiamando l’infoline del Blue Note 02 69016888, oppure direttamente presso il box office del locale. L’orario dell’infoline e del Box Office (aperti dal 4 settembre in via Borsieri, 37) è il seguente: Martedì-Sabato dalle 14.00 alle 22.00. Radio Monte Carlo è la radio ufficiale di Blue Note Milano. Una volta a settimana Nick the Nightfly, storico dj e conduttore di Monte Carlo Nights, nonché direttore artistico del Blue Note, conduce a partire dalle ore 22.00 la sua trasmissione Monte Carlo Nights da un’apposita postazione all’interno del jazz club milanese.
                            
_____________________________________________________________________________

Una stagione da trenta e lode allo 
Zingarò Jazz Club di Faenza

Mercoledì 27 settembre 2017, con il concerto del duo The Godivas, ha preso il via la nuova stagione di concerti dello Zingarò Jazz Club di Faenza. Come di consueto, i concerti sono tutti ad ingresso libero e si terranno di mercoledì, con inizio alle 22, nella splendida sala al numero 11 di Via Campidori. Una stagione di trenta appuntamenti con un filo narrativo in grado di affiancare espressioni più canoniche e formazioni maggiormente rivolte alla sperimentazione: un risultato conseguito grazie alla varietà stilistica delle scelte di Michele Francesconi, direttore artistico della rassegna. Saranno presenti, oltre ai concerti, anche diversi incontri con i protagonisti del panorama jazzistico nazionale: una peculiarità ormai caratteristica che rende lo Zingarò Jazz Club una realtà conosciuta ed apprezzata su tutto il territorio italiano. Nel prossimo cartellone, in particolare, saranno ospiti Enrico Bettinello per la presentazione del suo libro Storie di Jazz e Luca Bragalini con il suo lavoro dedicato alla dimensione sinfonica dell'opera di Duke Ellington. La stagione si apre con la performance estroversa e irriverente di The Godivas, il duo formato da Messalina Fratnic e Silvia Wakte. E si prosegue, poi, con un mosaico vario e particolareggiato del jazz italiano: gli appassionati ascoltatori dello Zingarò Jazz Club avranno modo di ascoltare tanto la musica dei protagonisti presenti sui palchi dei festival più importanti che quella dei talenti emergenti. E, naturalmente, ci sarà modo di dare visibilità alle formazioni nate sul territorio e di esplorare i territori sonori vicini al jazz. Dalle sonorità sperimentali di Vale & The Varlet alla ricerca libera di Gianna Montecalvo e Gianni Lenoci, passando attraverso l'omaggio a Burt Bacharach di Laura Avanzolini e quello a Horace Silver di Fabrizio Gaudino e attraverso le tensioni elettriche di New Magazine, Jano e Stefano Coppari New Quartet, il programma approda alle escursioni espressive in altri contesti stilistici proposte da Quartetto K, da Roberto Formignani, da Il Quinto Elemento, dai Vai Mo' e dal Giacomo Toni Trio. Si torna in modo più “sicuro” nel campo del jazz con i concerti di Luca Di Luzio, Double Tower Stompers, Jazz Inc., Quai Des Brumes, Mauro De Federicis, Massimo Valentini, Gian Maria Randi Open Collective e Schtop-In Trio. Una menzione particolare va fatta per Paolo Di Sabatino - che porterà sul palco del club faentino il percorso consolidato del suo trio italiano e presenterà inoltre anche il suo recente libro “Tienimi dentro te” - e per Secondo, il progetto voluto da Claudio Zappi per rileggere i celeberrimi brani firmati da Secondo Casadei. E inoltre vanno sottolineati “Schubert In Love”, la rilettura dei lieder del compositore tedesco proposta dal sestetto internazionale guidato dalla sassofonista Helga Plankensteiner e sostenuto per meriti artistici dalla Provincia Autonoma di Bolzano, e “Seasons”, il nuovo progetto in piano trio di Michele Francesconi: il pianista ha “convocato” altri tre pianisti - Luca Dell'Anna, Marco Ponchiroli, Stefano Travaglini oltre allo stesso Francesconi - per comporre i brani che costituiscono un ciclo musicale dedicato al tema delle Stagioni. Sara Jane Ghiotti sarà protagonista, infine, del concerto condiviso dallo Zingarò Jazz Club con la rassegna Fiato al Brasile, organizzata dalla Scuola Sarti e pronta a vivere nel 2018 la sua settima edizione, oltre naturalmente alla festa conclusiva in programma lunedì 12 febbraio 2018. L'appuntamento conclusivo, quest'anno, sarà programmato sempre allo Zingarò Jazz Club, giovedì 17 maggio 2017, e vedrà come protagonista Luca Bragalini e il suo lavoro dedicato all'Ellington Sinfonico: il musicologo torna nella stagione del club faentino con una conferenza-concerto che attraversa questo particolare aspetto del repertorio del Duca e si giova del supporto del trio formato da Michele Francesconi al pianoforte, Paolo Ghetti al contrabbasso e Bernardo Guerra alla batteria. Lo Zingarò Jazz Club è a Faenza in Via Campidori, 11. 

Zingarò Jazz Club, Via Campidori, 11. Faenza (RA) Tel: +39.0546.21560
Direzione Artistica: Michele Francesconi

programma dei concerti

Mercoledì 4 Ottobre 2017
Quartetto K
Stefano Martini. violino; Matteo Salerno. flauto; Egidio Collini. chitarra; Fabio Gaddoni. contrabbasso

Mercoledì 11 Ottobre 2017
Luca Di Luzio Blues Room Trio special guest Alessandro Fariselli 
Luca di Luzio. chitarra; Sam Gambarini. organo Hammond; Max Ferri. batteria; Alessandro Fariselli. sax tenore

Mercoledì 18 Ottobre 2017
Laura Avanzolini sings Bacharach 
Laura Avanzolini, voce; Giacomo Uncini, tromba e flicorno; Antonangelo Giudice, sax tenore: Paolo Del Papa, trombone; Walter Pignotti, chitarra; Tiziano Negrello, contrabbasso; Michele Sperandio, batteria

Mercoledì 25 Ottobre 2017
Paolo Di Sabatino Trio
Paolo Di Sabatino. pianoforte; Daniele Mencarelli. basso elettrico; Glauco Di Sabatino. batteria
Presentazione del libro "Tienimi dentro te" di Paolo Sabatino

Mercoledì Primo Novembre 2017
Mauro De Federicis Solo 
Mauro De Federicis. chitarra

Vale & The Varlet
Valentina Paggio. pianoforte, voce, batteria elettronica
Valeria Sturba. violino, theremin, sample keyboards, effetti

Mercoledì 8 Novembre 2017
Fabrizio Gaudino Silver Trio special guest Mauro Negri
Fabrizio Gaudino. tromba; Marcello Abate. chitarra; Riccardo Di Vinci. contrabbasso;
Mauro Negri. clarinetto

Mercoledì 15 Novembre 2017
Gianna Montecalvo/Gianni Lenoci 
Gianna Montecalvo. voce; Gianni Lenoci. pianoforte

Mercoledì 22 Novembre 2017
Roberto Formignani "The Bluesmen"
Roberto Formignani. chitarra, voce, armonica; Massimo Mantovani. pianoforte, organo;
Roberto Poltronieri. basso, contrabbasso, banjo, pedal steel; Roberto Morsiani. batteria

Mercoledì 29 Novembre 2017
Gian Maria Randi Open Collective
Gian Maria Randi. sax alto; Paolo Raineri. tromba; Daniele Santimone. chitarra; Tiziano Negrello. basso; Giacomo Scheda. batteria

Mercoledì 6 Dicembre 2017
Enrico Bettinello. Storie di jazz
Presentazione libro 
Schtop-In Trio
Alessandro Fabbri. batteria; Franco Nesti. contrabbasso; Jacopo Martini. chitarra

Mercoledì 13 Dicembre 2017
Massimo Valentini Jumble Music
Massimo Valentini. sax soprano, sax baritono, voce; Andres Eduardo Langer. pianoforte;
Paolo Sorci. chitarre; Filippo Macchiarelli. basso fretless; Gianluca Nanni. batteria

Mercoledì 10 Gennaio 2018
New Magazine
Basilio Dalmonte. tastiere; Danile Corraro. sassofoni; Mirko Guerra. chitarra; Niko Rivola. basso elettrico; Fabio Sartoni. batteria 

Mercoledì 17 Gennaio 2018
Jano 
Emiliano D'Auria. piano, elettronica; Alessia Martegiani. voce; Gianluca Caporale. sassofoni; Maurizio Rolli. basso elettrico; Alex Paolini. batteria

Mercoledì 24 Gennaio 2018
Stefano Coppari New Quartet
Stefano Coppari. chitarra; Nico Tangherlini. pianoforte; Lorenzo Scipioni. contrabbasso;
Jacopo Ausili. batteria

Mercoledì 31 Gennaio 2018
Double Tower Stompers
Debora Bettoli. voce; Andrea Ferrario. sax tenore, sax soprano; Salvatore Vaccaro. trombone; Daniele Dall'Omo. chitarra; Luca Dalpozzo. contrabbasso; Dario Mazzucco. batteria

Mercoledì 7 Febbraio 2018
Sara Jane Ghiotti Group 
(apertura Fiato al Brasile 2018)
Sara Jane Ghiotti. voce; Andrea Taravelli. basso; Simone Migani. pianoforte ;Pasquale Montuori. batteria

Lunedì 12 Febbraio 2018
Chiusura Fiato al Brasile 2018

Mercoledì 14 Febbraio 2018
Helga Plankensteiner "Schubert In Love" 
(Progetto sovvenzionato dalla Provincia Autonoma di Bolzano)
Helga Plankensteiner. sax baritono, voce; Matthias Schriefl. tromba; Gerhard Gschlössl. trombone; Michael Lösch. organo Hammond, pianoforte; Enrico Terragnoli. chitarra, banjo;
Nelide Bandello. batteria 

Mercoledì 21 Febbraio 2018
Jazz Inc.
Alessandro Fariselli. sax tenore; Giacomo Uncini. tromba; Massimiliano Rocchetta. pianoforte; Mauro Mussoni. contrabbasso; Fabio Nobile. batteria

Mercoledì 28 Febbraio 2018
Il Quinto Elemento 
Irene Giuliani, Mya Fracassini, Elisa Mini, Paola Rovai, Stefania Scarinzi. voce

Mercoledì 7 Marzo 2018 
Michele Francesconi Seasons 
Michele Francesconi. pianoforte; Giulio Corini. contrabbasso; Luca Colussi. batteria

Mercoledì 14 Marzo 2018
Quai Des Brumes
Federico Benedetti. clarinetto; Tolga During. chitarra; Roberto Bartoli. contrabbasso

Mercoledì 21 Marzo 2018
Vai Mo' (Tributo a Pino Daniele)
Nello De Leo. chitarra, voce; Alessandro Lapia. basso; Vincenzo Fabbri. tastiere; Roberto "Granito" Morsiani. batteria

Mercoledì 28 Marzo 2018
Secondo
Claudio Zappi. clarinetto; Alessandro Petrillo. chitarra; Milko Merloni. contrabbasso;
Enrico Guerzoni. violoncello

Mercoledì 4 Aprile 2018
Giacomo Toni Trio
Giacomo Toni. voce; Roberto Villa. contrabbasso; Marco Frattini. batteria

Mercoledì 11 Aprile 2018
Allievi Scuola Sarti

Giovedì 17 Maggio 2018
Luca Bragalini presentazione Ellington Sinfonico
con Michele Francesconi al pianoforte, Paolo Ghetti al contrabbasso e Bernardo Guerra alla batteria
_________________________________________________________________________________

Masada 
Stagione 2017/18


Abbiamo iniziato tre anni fa, un po’ per sfida e un po’ per gioco. Da una tipografia abbandonata abbiamo tirato su un posto dove potersi incontrare, conoscere e mettere alla prova. Abbiamo avuto l’appoggio e l’aiuto di tante persone e insieme siamo diventati un salotto, insieme oggi siamo il Masada. Tre anni fa siamo partiti da zero, avevamo poco e tanta voglia di provare, ma non sapevamo ancora cosa saremmo voluti essere. Abbiamo iniziato a capirlo, lentamente, con i primi laboratori, i primi live e le prime diurne di elettronica. Ma l’anno è fuggito via veloce e ancora ci mancavano dei pezzi per sapere chi eravamo. Lo scorso anno ci siamo dedicati alla nostra crescita, alla nostra scoperta, ci siamo impegnati a creare una nostra identità. Lo abbiamo fatto raccontando la nostra storia e la storia del nostro nome; realizzando una grafica che ci rendesse riconoscibili e raccontasse anche del luogo in cui siamo ospiti e di ciò che ci piace esteticamente; documentando ogni concerto, ogni lettura, ogni spettacolo teatrale, ogni laboratorio. E intanto siamo diventati tanti, sempre di più, ognuno con i propri progetti e le proprie idee, la passione e la voglia di realizzare qualcosa. E così ci è venuta un’idea per questo terzo anno: ci dedicheremo all’effimero e al vivo. (Che detta così parrebbe una follia! E pure se lo fosse, che male ci sarebbe?) Questa estate ci è capitato di trovare un libro, su un tavolo, in salotto. E sarà il caso o una botta di destino, ma ci è sembrato che ci fosse scritto su cosa concentrarci, su come andare avanti. Fisica della malinconia è la storia di un uomo affetto da empatia cronica, cioè uno che si mette nei panni e nella mente di qualsiasi essere vivente incontri. E man mano che va avanti negli anni e nella sua conoscenza degli uomini, scopre che la vera essenza è nell’effimero, nel mutevole, nel deperibile, ininterrottamente deperibile. Immaginate se non ci fosse niente più di eterno, nessuna religione, nessuno stato, nessun lingotto d’oro…saremmo obbligati a vivere il presente, ogni istante. E diventeremmo dinamici, la nostra identità consisterebbe in nient’altro che essere creature viventi tra altre creature viventi. Di essere effimeri e di apprezzare gli altri perché effimeri. Ce la potremmo spassare un casino… anzi è proprio quello che intendiamo fare, puntando su ognuno di voi, su chiunque sia affezionato a questo posto e creda nella collaborazione, nella condivisione e nella curiosità verso l’altro.

Bottega Masadino: il bando
Valorizzazione del patrimonio della Zona 8 e degli spazi sociali di Masada. Il direttivo dell’Associazione Culturale Masada mette a disposizione uno spazio di 100 mq per la promozione e la valorizzazione di progetti sociali, culturali e imprenditoriali nelle zone periferiche della città di Milano. L’assegnazione dello spazio verrà effettuata sulla base di una graduatoria di merito dei progetti presentati.

Dom. 8 ottobre - 19.30
Mirabassi, Trummer Deidda, Angelucci

Dom. 15 ottobre - 19.30
Simone Daclon TRIO feat. Nicolo' Ricci

Dom. 22 ottobre - 19.30
Giorgio di Tullio Quintet

Dom. 29 ottobre - 19.30
Alberto Tafuri Trio + Emanuele Cisi
_________________________________________________________________________________

Jazz, swing e artisti internazionali:
da martedì 3 ottobre scatta “Live in Rosa” alla Cantina Scoffone di Milano

Nel ristorante d’impronta toscana di via Pietro Custodi (zona Ticinese) torna la fortunata rassegna dedicata alle voci femminili con alcune delle più apprezzate interpreti della scena italiana e con la presenza di grandi musicisti in arrivo dall’estero, tra cui il contrabbassista Marco Panascia (da New York) e la vocalist anglo-australiana Hetty Kate

Tornano gli appuntamenti con la musica dal vivo alla Cantina Scoffone. E, ancora una volta, le protagoniste saranno alcune delle più belle voci femminili della scena jazz italiana, ma non mancheranno neppure artisti di caratura internazionale: la rassegna “Live in Rosa”, a cura del direttore artistico Mirko Fait, animerà per sei serate, nel mese di ottobre, il ristorante d’impronta toscana di via Pietro Custodi 4 (zona Ticinese). Il primo concerto è in programma martedì 3 ottobre (ore 21.30, ingresso libero) con l’esibizione del duo composto dalla cantante Desirée Niero e dal pianista Daniele Longo, che si cimenteranno in un repertorio di canzoni italiane arrangiate in versione jazz. Venerdì 6 ottobre sarà di scena la formazione guidata dalla vocalist salentina Elisabetta Guido (con Yazan Greselin al piano e Mirko Fait al sax): il trio eseguirà rivisitazioni di brani classici del jazz oltre ad alcune composizioni originali della cantante leccese, tratte da “The Good Storyteller”, il suo ultimo album. Da New York, dove vive ormai stabilmente, martedì 10 ottobre arriverà Marco Panascia, uno dei più noti contrabbassisti della scena mondiale, per un concerto di jazz dal respiro internazionale (al suo fianco ci saranno Davide Logiri al piano e Alessio Pacifico alla batteria). Nel corso della sua brillante carriera, Panascia (di origini catanesi) ha suonato nei gruppi di molti musicisti di spicco, tra cui Kenny Barron, Natalie Cole, Andy Bey, Kevin Mahogany, Eric Reed, Alvin Queen, Bobby Watson e Peter Bernstein, e si è esibito, in studio o dal vivo, con artisti quali Lee Konitz, Joe Lovano, Herbie Hancock, Dave Liebman, Roy Hargrove, Chris Botti, Gary Burton, Seamus Blake, Peter Erskine, Adam Nussbaum e Greg Hutchinson. Dagli States al jazz che profuma d'Oriente con la taiwanese Monique Chao (piano e voce) e la contrabbassista Victoria Kirilova, il cui concerto a base di standard avrà luogo martedì 17 ottobre. Ma, forse, l’evento di maggior richiamo è in programma giovedì 19 con il progetto “Australian journey” del gruppo Candymen Quartet e dell’affascinante vocalist Hetty Kate, inglese di nascita ma australiana di formazione. In scaletta le canzoni del momento e gli evergreen della musica pop e della disco-music arrangiati nello stile delle orchestre da ballo degli anni ‘30 e ‘40 con sofisticate armonie vocali, accompagnate dai ritmi del jive, del mambo, del samba e del boogie-woogie. Hetty Kate è una cantante carismatica e dotata di una tecnica eccellente che, in virtù del suo timbro vocale, ricorda interpreti quali Peggy Lee, June Christy e Julie London. Lodata dai critici, dai musicisti e dal pubblico (ha tenuto concerti in Australia, Nuova Zelanda, Giappone, Svizzera, Stati Uniti e Francia) per ciò che “non fa” quando si esibisce, Hetty si è formata interiorizzando il grande repertorio americano e sviluppando, così, la sua particolare dizione, la sua chiarezza e il suo fraseggio creativo. Per l’ultimo concerto della rassegna “Live in Rosa”, martedì 24 ottobre spazio alla classe e al talento di tre artisti quali la cantante Eva Simontacchi, il polistrumentista Gendrickson Mena (tromba e piano) e il contrabassista  Raffaele Romano. La bellissima voce di Eva Simontacchi, dal timbro suadente e caldo, sarà al servizio di un repertorio di brani originali e standard americani.

Il locale
La Cantina Scoffone è l’erede di Scoffone, la storica bottega del vino degli anni ’20 in zona Navigli: sinonimo di vino di qualità, ospitalità e cucina curata, prosegue sulla scia della tradizione. Con lo stesso spirito di allora, questo ristorante con mescita di vino sfuso offre qualità a costi contenuti (si cena in media con 30 euro). Il vino, rigorosamente italiano, si degusta al bicchiere o si acquista in bottiglia, spillato al momento dalle damigiane. I piatti sono quelli della cucina regionale toscana, rivisitata, ma non mancano proposte inedite a cura del nuovo chef Matteo Cipolat, tra cui baccalà mantecato su crostoni, ravioli al lampredotto con salsa verde al lime e, in base alla stagionalità, pescatrice o ricciola alla catalana. Prima di ogni concerto è possibile cenare: per le prenotazioni, telefonare allo 02.36532445.

Cantina Scoffone, via P. Custodi 4, Milano - ore 21.30, ingresso libero;

LIVE IN ROSA - OTTOBRE 2017

Martedì 10 ottobre
New York music time
Marco Panascia, contrabbasso; Davide Logiri, piano; Alessio Pacifico, batteria

Martedì 17 ottobre
Oriental express
Monique Chao, piano e voce; Victoria Kirilova, contrabbasso

Giovedì 19 ottobre 
Australian journey - Hetty Kate & The Candymen Quartet
Hetty Kate, voce; Renato Podestà, chitarra; Jacopo Delfini, chitarra gipsy; Roberto Lupo, batteria; Daniele Tortora, contrabbasso

Martedì 24 ottobre
Places of jazz
Eva Simontacchi, voce; Gendrickson Mena, tromba e piano; Raffaele Romano, contrabbasso
________________________________________________________________________________
Rassegna “Il jazz va al cinema”
Seconda edizione
Domenica 15 Ottobre 2017 Ore 18
New Talents Jazz Orchestra
Il musical al cinema
Teatro Palladium - Università Roma Tre, Piazza Bartolomeo Romano 8, 00154 Roma

Dopo il grande successo della scorsa stagione, il Jazz "torna" al cinema, al Teatro Palladium con la New Talents Jazz Orchestra. A partire da domenica 15 ottobre, per quattro appuntamenti a tema, la New Talents Jazz Orchestra diretta da Mario Corvini sarà protagonista de "Il Jazz va al Cinema" iniziativa ideata e curata da Maurizio Miotti, all’interno della stagione concertistica  realizzata in collaborazione con il corso di laurea DAMS dell’Università Roma Tre coordinato dal prof. Luca Aversano. Sul palco le più celebri colonne sonore, rivisitate dall'Orchestra, vedranno scorrere in contemporanea le immagini e le locandine di celebri film, dal genere noir al musical. L'Orchestra, che nel frattempo ha ottenuto la prestigiosa nomina di "Orchestra Residente dell'Auditorium Parco della Musica", anche quest'anno proporrà al pubblico i suoi arrangiamenti originali, scritti dal M° Corvini e da alcuni membri dell’organico, proseguendo dunque nel suo lavoro di ricerca e approfondimento sulle connessioni tra la musica jazz e il cinema. Ogni appuntamento della rassegna focalizzerà la sua attenzione su una tematica ben precisa: il 15 ottobre “Il musical al cinema”; il 1 novembre “Le colonne sonore di Henry Mancini”, il 17 dicembre "Il Jazz incontra i cartoon”, il 14 gennaio “I compositori di Hollywood”. Per il concerto inaugurale, in programma domenica 15 ottobre alle ore 18,  la New Talents Jazz Orchestra farà rivivere al pubblico le atmosfere di alcuni tra i più importanti musical della storia del cinema: il rapporto tra musical e cinema è infatti un rapporto di lunga data che inizia con l’avvento del cinema sonoro e che si evolve nel tempo grazie a compositori come Jerome Kern, Irving Berlin, Cole Porter e George Gershwin che permisero ad attrici come Judy Garland, Julie Andrews, Barbra Streisand, Liza Minnelli e alla coppia Fred Astaire e Ginger Rogers di far conoscere sempre più questo genere cinematografico che, negli ultimi anni, ha vissuto una nuova stagione di notorietà. Mercoledì 1 novembre, giorno festivo, sarà dedicato a "Le colonne sonore di Henry Mancini". Mancini è stato senza dubbio uno dei più importanti compositori di colonne sonore del secolo scorso: basti pensare ai quattro Premi Oscar e ai venti Grammy Awards ricevuti durante la sua lunga carriera. La musica composta da Mancini ha commentato le scene di grandi film di successo come “Colazione da Tiffany”, “Days of wine and roses”, “Victor Victoria”, “La pantera rosa”, ecc. Il 17 dicembre "Il jazz incontra i cartoon": l’abbinamento fra la musica jazz e i cartoni animati rappresenta quasi un carattere distintivo della produzione di cartoon, in particolare quella legati alla Disney. Basta nominare titoli di film come “Gli aristogatti”, “Il libro della giungla” e i cortometraggi come “La pantera rosa” per avere un’idea di quanto sia stata felice questa collaborazione. In questo concerto gli arrangiamenti suonati dalla New Talents Jazz Orchestra e la proiezione di alcune clip tratte dai cartoon più noti, faranno ritornare tutti gli spettatori un po’ bambini.  L'ultimo concerto della rassegna, domenica 14 gennaio, è dedicato a "I compositori di Hollywood": sin dal 1920 gli Studios di Hollywood sono stati il centro dell’industria cinematografica americana, con la produzione di film che fanno parte della storia del cinema mondiale. Numerosi sono i compositori che hanno lavorato a stretto contatto con i registi e i produttori di questi film e che sono diventati nel tempo famosi quasi quanto i film per i quali hanno scritto le colonne sonore: basti ricordare Bernard Hermann, Henry Mancini, per passare ai più recenti Alan Silvestri, John Williams, oltre alla presenza di compositori italiani come Nino Rota e Ennio Morricone. In questo concerto la New Talents Jazz Orchestra proporrà un repertorio di arrangiamenti scelti tra le più belle colonne sonore scritte da questi grandi compositori. Prezzi spettacoli: intero € 15 / ridotto € 10 / studenti € 5
________________________________________________________________________________

HELIKONIA
presenta

AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA
Mercoledì 11 Ottobre 2017 ore 21:00
Teatro Studio G.Borgna

STANDARDS, ORIGINALS, JAZZ!
Stefano Preziosi Quartet
Role-Play Trio
Mino Lanzieri 
Andrea Rea Conversation Duo
 

Mercoledì 11 ottobre all’Auditorium Parco della Musica, appuntamento con tre formazioni di grande livello che andranno in scena presso il Teatro Studio Borgna. Sul palcoscenico il quartetto capitanato da Stefano Preziosi, il Role-Play Trio e in ultimo Mino Lanzieri Andrea Rea Conversation Duo. Stefano Preziosi presenta il suo cd “Stefano Preziosi Quartet Plays Standards”, un viaggio nella storia del jazz, un album che ripropone gli standards più famosi suonati dagli anni ‘30 in poi. Da Cole Porter a Charles Mingus passando per Charlie Parker, Dizzy Gillespie, Bruno Martino, Jimmy Van Heusen, Ray Noble, Bronislaw Kaper. Stilisticamente si colloca nell’Hard Bop pur utilizzando brani che vanno dal periodo del musical americano. Il Role-Play Trio riserverà grande spazio a innovazione e contaminazioni stilistiche, la chitarra che interagisce fortemente con la sezione ritmica che a sua volta basa il proprio playing sulle poliritmie moderne. Brani che stilisticamente si accostano al jazz americano contemporaneo e le sue recenti trasformazioni aggiungendo un respiro europeo. Mino Lanzieri e Andrea Rea Conversation Duo proporrà un repertorio che spazia dai temi originali dei due musicisti a grandi compositori sudamericani come Antonio Jobim e Carlos Aguirre, dallo swing pulsante dei temi parkeriani alla mistica atmosfera delle ballads di Wayne Shorter, fino ad arrivare alla completa metamorfosi armonica dei più celebri standards. Un repertorio vario accomunato da un suono, quello del duo pianoforte-chitarra, che trova certamente ispirazione dalle storiche formazioni del passato come quella formata dai capiscuola Bill Evans e Jim Hall, ma filtrata attraverso le influenze musicali attuali.  Stefano Preziosi Quartet: Stefano Preziosi alto & soprano saxophones;Luigi Di Chiappari  piano; Alessandro Del Signore base; Dario Panza drums. Role-Play Trio: Nicola Di Tommaso chitarra; Andrea Colella contrabbasso; Vincenzo Bardaro batteria ospite Francesco Fratini tromba. Mino Lanzieri Andrea Rea Conversation Duo: Mino Lanzieri chitarra, Andrea Rea piano.

AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA
Domenica 15 Ottobre 2017 ore 18:00
Sala Petrassi
GREG & MASSIMO PIRONE Big FAT BAND

Un connubio ormai collaudato quello fra Claudio “Greg” Gregori, il maestro Massimo Pirone e l’orchestra Big Fat Band, che propone al pubblico dell’Auditorium Parco della Musica uno show degno delle migliori platee di Las Vegas. Lo swing all’ennesima potenza e l’allegria pura sono le matrici di questo concerto in cui Greg promette di esaltare a pieno le sue innate doti vocali di crooner  pronto ad indossare il tuxedo con un ideale bicchiere di scotch fra le dita. Un lungo viaggio musicale che ripercorrerà i classici del genere eseguito dall’orchestra diretta per l'occasione dal maestro Giorgio Cuscito. trombe: Massimo Patella, Flavio Patella, Paolo Federici; tromboni: Palmiro Del Brocco, Loredana Marcone, Massimo Cuomo; sassofoni: Gabriele Colarossi, Giorgio Guarini, Stefano Angeloni, Adriano Piva; chitarra: Davide Cuomo; piano: Flavio Bonanno; basso: Dario Pimpolari; drums: Daniele Sambrotta; vocal: Loredana Marcone, Linda Longo, Vicky Pellegrino, Milena Cordeschi; Claudio "Greg" Gregori voce. Dirige  l'orchestra: Giorgio Cuscito


Con Helikonia posto unico 12€ (anziché 15). Importante: la riduzione si ottiene effettuando la prenotazione via email a: helikonia@tiscali.it oppure (SOLO via sms) al 3927937717 specificando un cognome di riferimento e numero partecipanti.
_________________________________________________________________________________

________________________________________________________________________________

Mario Donatone
Special guest la vocalist Giò Bosco
Venerdì 13 ottobre ore 22:00
Le rane di Testaccio
via Galvani 29/29 a
Ingresso 10 euro + tessera

Artista poliedrico con alle spalle molteplici esperienze musicali, Mario Donatone sarà in concerto presso le Rane di Testaccio venerdì 13 ottobre. Ad accompagnarlo in una serata che spazierà tra canzoni  blues, soul, jazz e qualche brano originale tratto dal cd Blues For Joy ci sarà la vocalist Giò Bosco presente in qualità di special guest. Il feeling sviluppato da queste due voci in tanti anni di esperienza comune, la sensibilità di Mario come accompagnatore e vocalist, la grande comunicabilità col pubblico sono gli ingredienti di un concerto intimo e coinvolgente, ricco di perle inaspettate. Un vero e proprio percorso, dunque, tra epoche diverse, tra artisti d’oltre mare che hanno lasciato il segno nella storia della musica e che grazie alla forza di questo duetto vocale acquistano una luce nuova, diversa e dai connotati moderni. La collaborazione tra Mario Donatone e Giò Bosco è nata da anni e si muove sui territori del blues e del gospel, accompagnando gruppi e solisti statunitensi in tournée italiane o capitanando  proprie formazioni, come la World Spirit Orchestra, coro nato alla Casa del  Jazz di Roma nel 2011. Con questo progetto i due artisti hanno accompagnato musicisti di primo piano nel panorama nazionale come Neri Marcorè, Mario Biondi, Linda Valori, Harold Bradley. Separatamente vantano molte importanti esperienze professionali. Giò Bosco ha, infatti, collaborato con artisti di grande livello tra cui Bruno Lauzi, Marco Ferradini, il progetto Luttazzimania con le Zebre a Pois. Mario Donatone, invece, vanta importanti esperienze musicali con i Tiromancino, il progetto blues Buzz con Federico Zampaglione, Mandolin Blues, Rock & Soul Explosion (con Greg ed Enrico Ciacci) e diversi progetti da leader.
_________________________________________________________________________________

CONTESTACCIO LIVE MUSIC
LA PROGRAMMAZIONE DALL’11 al 14 OTTOBE
Via di Monte Testaccio 65b, Roma

Mercoledì 11 ottobre
Emmet Ray Manouche Orkestra
Inizio concerto ore 22:00, ingresso free

Mercoledì 11 ottobre primo appuntamento al Contestaccio con la Emmet Ray Manouche Orkestra  nuovissima orchestra jazz-manouche ideata dal cantautore romano Piji in omaggio al personaggio inventato da Woody Allen ed interpretato da Sean Penn nel film “Accordi & Disaccordi”. Repertorio esclusivamente “manouche” e prevalentemente Django Reinhardt con qualche fuoriuscita cantata. L’orchestra è la reunion dei principali esponenti romani del genere uniti dalla musica di Django e di Emmet Ray. Emmet Ray è "il" musicista manouche per antonomasia. Nottambulo e poetico, con la chitarra sempre in mano, una sigaretta o un whisky nell'altra ed una vera e propria venerazione per Django Reinhardt, colui che inventò il genere "Gipsy Jazz" nella Parigi degli anni Trenta. Un progetto da ascoltare con attenzione o da ballare sfrenatamente con swing, che saprà stupirvi con un ricco cocktail di colori e repertori diversi, con raffinatezza e allegria, con virtuosismo e passione, regalando a chi ascolta un entusiasmo davvero contagioso. Ad aprire la serata, prima dell’inizio del concerto,  DJ SET e Lezione Gratuita di Balboa a cura di Bunny Donowitz. Al termine del live il DJ SET Swing Brewery a cura  Bunny Donowitz & Lucie Q. Il Jazz Manouche (anche noto come Gipsy Jazz, Gipsy Swing o Hot Club Jazz) è uno degli stili del jazz. Si definisce Jazz Manouche lo stile musicale melodico cadenzato in cui trovano la massima espressione gli strumenti a corda (chitarre, bassi, violini...), tipico delle band tzigane. Questo genere musicale trae la sua origine dall'irripetibile esperienza artistica del chitarrista Django Reinhardt, che ne è considerato l'ideatore e il suo massimo esponente: egli ha reso possibile l'unione tra l'antica tradizione musicale zingara del ceppo dei Manouches e il jazz americano. Il frutto di questa unione è un genere che coniuga la sonorità e la creatività espressiva dello swing degli anni trenta con il filone musicale del valse musette francese ed il virtuosismo eclettico tzigano. Balboa: un ballo elegante dai passi piccoli e veloci Il Balboa è conosciuto per i suoi ritmi veloci, il suo footwork elaborato ed elegante e la sua posizione chiusa e stretta. Questo ballo swing che è nato tra gli anni ‘20 e gli anni ’30 a Orange County in California trova sempre più appassionati. La comunità Balboa sta crescendo e con loro i numerosi workshop e festival in tutto il mondo. I piccoli passi e il poco spazio che viene occupato dai ballerini risalgono alle norme rigide delle ballroom in quella zona della California. In questo contesto sarebbero da nominare i ballroom Rendezvous e Pavilion – le ballroom più “ardenti” dell’epoca nella California del Sud. Questo ballo prende il suo nome dalla penisola Balboa in California. Proprio a causa, o grazie, all’affollamento delle ballroom che erano già piene e non potevano più permettere altri balli; come per esempio il Charleston che con i suoi kick accentuati occupava molto spazio; serviva un’alternativa: è così è nato il Balboa.

12 OTTOBRE
SE (Teatro) + Antonio Maresca (Live)
Inizio spettacolo ore 21:00, Ingresso free

Una serata tra teatro e musica, tra risate e canzone d’autore. Giovedì 12 ottobre un doppio appuntamento sul palcoscenico del Contestaccio con la commedia “SE” scritta da Luca Giacomazzi con il cast composto da Simona Mancini e Armando Puccio. Subito dopo lo spettacolo, largo alla canzone d’autore con Antonio Maresca che porterà in scena l’album d’esordio “Aspettamm' ancora”. “SE” è una commedia che si basa sugli equivoci dove i protagonisti sono sempre alla ricerca di incontri umani veri ed originali. Uno spettacolo che prende spunto dalla quotidianità dove si ride e si riflette in maniera spensierata sulla vita di tutti i giorni. La trama si sviluppa su incontro avvenuto per caso che mette a confronto Dino e Leila, i due protagonisti di questa commedia. Con le loro diversità e le loro storie segrete questi due personaggi si scontreranno fino ad arrivare ad un finale inaspettato. Risate, divertimento e riflessione sono il filo conduttore di una commedia che ci dimostra che solamente andando oltre i “se” che condizionano le nostre azioni, è possibile scoprire e vivere emozioni indimenticabili. Nella vita esistono due tipi di incontri. Quelli che pianifichiamo da soli e quelli che il destino ha pensato per noi. Da un incontro programmato è difficile trovare di più di quello che ci aspettiamo. Dietro un incontro voluto dal destino, invece, come quello tra Dino e Leila si nascondono le sorprese più grandi. È proprio un incontro casuale a mettere Dino e Leila l’uno davanti all’altro. Il secondo appuntamento della serata è con il cantautore d'origine napoletana, romano d'adozione, Antonio Maresca che porterà in scena l’album d’esordio “Aspettamm' ancora”. Il disco rappresenta un inno alle attese: la speranza che si realizzi il sogno, e di una storia d'amore e del coronamento professionale, fa continuamente capolino tra le note puntuali e trascinanti di l'album d'esordio di Antonio Maresca. Registrato a Roma, il progetto vede la luce nel giugno del 2017 dopo un lungo periodo di gestazione, necessario per includervi le molteplici esperienze musicali e di vita accumulate in questi anni. Cantautore e chitarrista d'origine napoletana e d'adozione romana, Antonio Maresca, nella sua intera produzione, persegue il doppio binario della musica strumentale, da un lato, e della canzone d'autore, dall'altro; due versanti che, qui, trovano una più che compiuta sintesi: il suo è un percorso che parte dal sound della città natale, in particolare quello del Neapolitan power, passa attraverso le contaminazioni del jazz e della musica nera – complice, una lunga permanenza negli Stati Uniti –, ed approda, infine, alla canonica forma-canzone, inscrivendosi, quindi, nel solco cantautorale della scuola capitolina. Il risultato è una miscela irresistibile di funk, rock e world music, assorbita magistralmente suonando oltreoceano ed in giro per l'Europa, soprattutto a Londra.

Venerdì 13 ottobre
Federica Baioni 4tet
Inizio concerto ore 22:00, ingresso free

Un concerto tra Jazz, musica d'autore, suadenti milonghe, coinvolgenti ritmi latin e tributi in chiave jazzistica alla canzone italiana. Si presenta così il quartetto di Federica Baioni che venerdì 13 ottobre salirà sul palcoscenico del Contestaccio a Roma. La band capitanata dalla vocalist romana è completata da Fabrizio Boffi al pianoforte, Giuseppe Salvaggio al contrabbasso, Dario Esposito alla batteria con ospite Pierfrancesco Cacace al sax. Uno spettacolo che rappresenta un viaggio in musica dove verranno eseguiti alcuni brani originali tratti dal lavoro in studio della cantautrice: “La Vetrina delle Vanità” (103 Edizioni - Edel) . Il disco, pubblicato nel 2011, rappresenta un viaggio tra canzone d’autore, folk, jazz ed è in perfetta line con la versatilità ed il dinamismo di Federica Baioni. Non a caso ha ricevuto plauso di critica e pubblico e ha visto la partecipazione di guest del jazz nazionale come Daniele Scannapieco (sax di M.Biondi e Dee Dee Bridgewater).  Non mancheranno anche singoli firmati dalla cantautrice romana e alcuni originali tributi in chiave jazz di alcuni grandi classici della canzone italiana. Un live set unico, essenziale, da assaporare con un calice di rosso d'annata per una serata ricca di colpi di scena dove non mancheranno incursioni musicali e ospiti a sorpresa. BIO: Cantautrice ed interprete romana partecipa a vari contest teatrali e televisivi in Italia e all’estero suonando dal vivo da diversi anni con il suo quartetto ed esibendosi in vari festival tra cui: Umbria Jazz, Veneto Jazz, Casa del Jazz, Villa Celimontana, Auditorium Parco della Musica di Roma. Proviene dal jazz, ha partecipato ai più importanti contest internazionali maturando esperienze di studio al Berklee College of Music di Boston (Ma) Usa. Nel suo passato ci sono anche il gospel, il musical e l’etnica (ha collaborato con Milagro Acustico Ensemble per il tour teatrale del disco: POETI ARABI DI SICILIA Ed.CNI). Ama la musica popolare romana che propone spesso oltre ai brani originali nei live set in teatro. Ha partecipato al celebre tributo alla Ferri: “Ti Amiamo Gabriella” all’Auditorium Parco della Musica di Roma nel 2008 insieme a F.Mesolella degli Avion Travel e F.di Giacomo del Banco del Mutuo Soccorso. Federica Baioni è anche giornalista professionista e reporter per testate radio tv nazionali con competenze che spaziano dall’attualità agli esteri e all’ambito politico istituzionale. Una “multitasking woman” come ama definirsi. La sua moleskine è divisa tra time code di interviste e servizi e note con appunti musicali. Uno dei suoi brani GRIDO DI PACE dedicato alla pace nel mondo è stato scritto durante una trasferta in Turchia. Due anime, due mestieri, due passioni convivono in lei, l’una alimenta l’altra: la cronaca e il jazz!

Sabato 14 ottobre
Andrea RA 
in concerto
Inizio concerto ore 22:00, ingresso free

Reduce da una lunga tournée con Fabrizio Moro e premiato recentemente al MEI come Miglior Bassista Italiano Alternative 2017, Andrea Ra torna al Contestaccio per una serata all’insegna del rock puro. L’appuntamento è sabato 14 ottobre per un  concerto elettrico in cui il bassista e cantautore romano suonerà  molti brani tratti dal suo storico repertorio e altri che andranno a comporre il suo nuovo album di prossima pubblicazione. Ad accompagnarlo in questa avventura Giacomo Anselmi alla chitarra e James Rio alla batteria con una formazione rigorosamente in power trio che non tradisce l’essenza del bassista e cantante romano. Un suono aggressivo, una ricerca continua hanno fatto di Andrea Ra un musicista di grande livello e uno dei bassisti elettrici più quotati a livello nazionale. Eccentrico, virtuoso, conosciuto anche come il "Cane sciolto del Rock" (Liberazione 2008) e il "Les Claypool Italiano" (Rocksound 2002): sono solo alcune delle definizioni utilizzate da molti addetti ai lavori nelle riviste specializzate e dai suoi fan in questi ultimi quindici anni per descrivere il talento del bassista e cantautore rock Andrea Ra.  Cresciuto sin dal 1994 nello storico Locale di Vicolo del Fico a Roma da cui sono usciti i vari Daniele Silvestri, Max Gazze', Niccolo Fabi, Tiromancino, Riccardo Sinigallia e tanti altri. Dal 1993 in poi dopo 4 album col power trio “Atto terzo”, innumerevoli collaborazioni, concerti e session in questi anni come bassista di molti artisti del panorama musicale italiano (tra cui Giuliodorme, Daniele Groff, Diaframma, Piotta, Fabrizio Moro), si mette in proprio dando vita al suo attuale progetto solista esordendo nel 2002 con “Scaccomatto” (concept album ispirato al Settimo Sigillo di Bergman) pubblicato dalla Mescal, l'allora etichetta dei Subsonica, Afterhours e Bluvertigo. Un disco senza troppe regole e compromessi che in breve tempo ha riscosso un ottimo successo di critica e pubblico. Nel 2007 viene pubblicato “Le bighe sono pronte” un disco molto potente registrato dal vivo, che racchiude tutta l’energia e la carica dei suoi live. Ad Ottobre del 2011 arriva “Nessun riferimento” anticipato dal singolo “Insieme al vento” presentato in esclusiva su Rolling Stone e per più di due mesi tra i brani più trasmessi nel circuito dalle radio indipendenti. “Nessun riferimento” è stato il secondo album più venduto nel 2011 sul sito del distributore discografico Audioglobe ed ha riscosso anche consenso da parte di critica e siti specializzati.
_________________________________________________________________________________

Da Zorn a Zappa: il patchwork musicale della A-Material Band
venerdì 13 ottobre
allo Spazio Teatro 89 di Milano 

La formazione diretta dal trombonista Michele Ferrara si esibirà venerdì 13 ottobre nell’auditorium milanese di via Fratelli Zoia 89 in un tributo ai due geniali e irriverenti musicisti americani. Il concerto, in equilibrio tra musica contemporanea, innovazione e jazz, inaugurerà la mini-rassegna “Siam venuti a cantar Baggio”

Un patchwork di stili ricomposti e proposti con il grandangolo del jazz, restituendo un insieme musicale di ampio respiro, non facilmente etichettabile e, proprio per questo, ancora più affascinante: è la proposta, intitolata “Voluntary Disclosure Project”, della A-Material Band, in scena venerdì 13 ottobre (ore 21, ingresso 10 euro) allo Spazio Teatro 89 di Milano per il primo concerto della mini-rassegna “Siam venuti a cantar Baggio”, che accenderà di note la periferia ovest della città. Il live della A-Material Band, in equilibrio tra musica contemporanea, innovazione e jazz, sarà un tributo a John Zorn e Frank Zappa, i due geniali e irriverenti musicisti americani. I componenti di questo ensemble, diretto dal trombonista Michele Ferrara, hanno una lunga esperienza alle spalle, avendo frequentato gli ambiti musicali più disparati: big band di jazz classico e moderno, combo jazz dedicati agli standard, gruppi rock, soul, funky, brasil e perfino orchestre di musica classica, pop, musica italiana e ballo liscio. La A-Material Band è, dunque, una formazione votata all’eclettismo e, non a caso, l’eclettismo è una delle (tante) qualità che hanno caratterizzato le carriere di John Zorn e Frank Zappa. In particolare, il nume tutelare della band è Frank Zappa, che ha segnato la scena mondiale per oltre 40 anni, non solo con il suo talento musicale, ma anche con l’ironia, il sarcasmo e l’impertinente anticonformismo. Dissacratore per eccellenza della musica della seconda metà del Novecento, oggi molti artisti gli sono debitori e fra questi anche quelli della A-Material Band. Non a caso, la composizione dell’organico diretto da Ferrara richiama il mitico supergruppo che ha accompagnato Frank Zappa nel suo ultimo tour mondiale. E alcuni degli “amatoriali” hanno assistito a quei concerti, conservandone un ricordo indelebile. Dopo il concerto della A-Material Band, la mini-rassegna “Siam venuti a cantar Baggio” darà l’opportunità ad altri gruppi della zona di Baggio di esibirsi sul palco dello Spazio T  A-Material Band: Michele Ferrara (trombone, direzione); Giuseppe Rovelli (trombone); Salvo Vaiana (tromba); Stefano Castelli (sax alto, sax soprano); Diego Pavan (sax soprano, sax alto, flauto); Cristiano Zacchetti (sax tenore); Marco Bertasini (sax baritono, flauto); Mimmo Del Giudice (basso); Roberto Bassi (chitarra); Carlo Fedele (pianoforte); Michele Monterisi (batteria).eatro 89, rispettivamente venerdì 20 e venerdì 27 ottobre.

Rassegna “Siam venuti a cantar Baggio”
Venerdì 13 ottobre: A-Material Band (ore 21; ingresso 10 euro)
Venerdì 20 ottobre
Rain on the roof, Missibilli Club Band, La fabbrica delle note 
(ore 21; ingresso 5 euro)
Venerdì 27 ottobre
Dispositivo Speciale d’Ascolto, Mala Ora, Roberto Repetti, Paola Odorico, Carlo Marinoni 
(ore 21; ingresso 5 euro)

SPAZIO TEATRO 89, via Fratelli Zoia 89, Milano
________________________________________________________________________________

Al via oggi il nuovo tour europeo del GILAD HEKSELMAN TRIO
Concerti e Masterclass anche in Italia

Node è partner dell'agenzia Live Jazz Booking nella realizzazione del nuovo tour della rivelazione della chitarra mondiale. Il giovane chitarrista Isrealiano, eletto chitarrista emergente dell'anno dalla prestigiosa rivista statunitense Downbeat, inizierà oggi il suo nuovo tour Europeo. L'associazione Node è partner dell'agenzia tedesca Live Jazz Booking nella realizzazione del tour, che vedrà Gilad Hekselman accompagnato da Rick Rosato al contrabbasso e Jonathan Pinson alla batteria. Node chiude il suo 2017, iniziato con i tour realizzati per i progetti Mike Moreno meets Gaetano Partipilo, Sheppard, Galati & Balducci, Mission Formosa e Roberto Ottaviano presents "Lontanto". Il tour di Gilad Hekselman è stato realizzato con il supporto dell'Ambasciata di Israele.

GLI APPUNTAMENTI ITALIANI:
7 OTTOBRE) GILAD HEKSELMAN TRIO – MUSEUM OF ROME – ROMA
8 OTTOBRE) GILAD HEKSELMAN TRIO – JAZZ IN ANDRIA – ANDRIA
9 OTTOBRE) GILAD HEKSELMAN masterclass – AVANTGARDE MUSIC SCHOOL – MESSINA
9 OTTOBRE) GILAD HEKSELMAN TRIO – LA SOSTA – VILLA SAN GIOVANNI
10 OTTOBRE) GILAD HEKSELMAN masterclass – DAL CANONICO – MOLA DI BARI (BA)


BIO 
Nato in Israele nel 1983, Gilad Hekselman ha studiato pianoforte classico dai sei ai nove anni prima di passare alla chitarra, suonando dai dodici ai quattordici anni nell'orchestra di una trasmissione televisiva giovanile. All'età di quindici anni entra nella Thelma Yellin School of Arts, diplomandosi con lode a diciotto anni. Nel 2004 inizia a studiare presso la New School for Jazz and Contemporary Music di New York, città dove da allora risiede. Ha collaborato con numerosi musicisti tra cui Chris Potter, John Scofield, Anat Cohen, Jeff Ballard, Sam Yahel, Gretchen Parlato, Avishai Cohen, Jeff 'Tain' Watts, Ari Hoenig, Tigran Hamasyan, Aaron Parks, Greg Hutchinson, Reuben Rogers, François Moutin e Eric McPherson, esibendosi con successo in diversi jazz clubs tra cui Blue Note, The Jazz Gallery, Small's, 55 Bar, Dizzy's Club, Minton's Playhouse e Fat Cat, oltre a compiere tours in Svizzera, Giappone, Canada, Norvegia, Ungheria e Israele. Vincitore nel 2005 del Gibson Montreux International Guitar Competition, Hekselman in seguito a tale conseguimento ha suonato come opening act per Paco De Lucia al festival di Montreaux, esibendosi inoltre a New York nell'ambito del congresso annuale della IAJE. La nuova registrazione di Gilad Hekselman Trio, "Homes", riempie di un quieto entusiasmo. La si ascolta - o meglio, la si vive - come un contemplativo contrasto alla complessa identità dell'artista in un mondo globalizzato: l'identificazione con le sue origini, la varietà dei luoghi in cui ha vissuto e lavorato, i suoi modelli musicali e le sue influenze, il suo posto tra la famiglia e gli amici, e il suo posto nella storia della sua arte. Questa registrazione riflette i rapporti di Gilad con le sue molte "case"; fisiche, geografiche, musicali e spirituali. Con questo album (su Jazz Village, distribuito da Harmonia Mundi) il principe delle sei corde festeggia una dozzina di anni dal suo arrivo a New York, oltre ad un decennio in musica, con i suoi compagni, il contrabbassista Joe Martin, e il batterista Marcus Gilmore, un triumvirato che appare anche sui precedenti "Words Unspoken", "Wide Open Hearts" e "This Just In". Su queste essenziali registrazioni, e ora su "Homes", si possono trovare abbondanti prove di come questi formidabili musicisti riescano a formare un trio ideale...
________________________________________________________________________________

Jorge da Rocha 
To Drop and Let Go
Presentació Oficial
15 Octubre 19:00
SALA HIROSHIMA, BARCELONA C/ Vilà i Vilà, 67 

Jorge da Rocha presenta en viu el seu nou àlbum “To Drop and Let Go”, amb un espectacle seductor on el contrabaix i la seva veu són protagonistes d'un repertori molt especial. Sense deixar de revisitar el seu anterior disc (These are a few of my favorite songs), on interpreta de forma innovadora la música d'artistas com Radiohead, Björk o Massive Attack, el músic ens presenta els seus nous temes originals, amb influències de la seva trajectòria jazzística i de la passió per la música moderna i alternativa, el pop, la música electrònica i la cançó.
 ________________________________________________________________________________


SPIRIT DE MILAN 
Il programma di OTTOBRE del locale meneghino dal sapore vintage
Domani il cabaret dei grandi Fabio Pirini, Germano Lanzoni e Rafael Didoni
Dal 12 al 15 ottobre Swing’n’Milan!

Sarà un ottobre ricco di concerti ed eventi speciali per lo SPIRIT DE MILAN, lo spazio a Milano dal sapore vintage, nato nella gloriosa struttura delle Cristallerie Fratelli Livellara (via Bovisasca, 59), la “cattedrale” dove ballare, bere, mangiare e ridere! Un luogo in cui si incontrano la cultura swing, la passione per la bellezza e la tradizione, in cui si celebrano i grandi della tradizione, alla riscoperta del fascino di Milano e della “milanesità”. Spirit De Milan si prepara ad accogliere lo SWING’N’MILAN che si terrà il 12, 13, 14 e 15 ottobre. Il locale meneghino si trasformerà infatti nella location ideale per dare vita al festival internazionale che catapulterà il pubblico nell’affascinante atmosfera americana dei magici anni ‘30 e ‘40. A conferma del successo delle passate edizioni, quest’anno lo SWING’N’MILAN avrà una madrina d’eccezione: NORMA MILLER! “The Queen of Swing” si esibirà in concerto nella eccezionale serata finale, giusto qualche settimana prima di compiere i 98 anni d’età. Questi i primi appuntamenti del mese di ottobre confermati:

Martedì 3 ottobre: TACCHI, DADI E DATTERI una serata speciale con il teatro canzone semiserio dei grandi comici e attori Fabio Pirini, Germano Lanzoni e Rafael Didoni, conduce la Mariuccia!
Mercoledì 4 ottobre: CRISTAL/MILONGA AL AIRE LIBRE torna Rock Files live! di LifeGate con ospiti della prima puntata Massimo Priviero e Cristina Donà.
Giovedì 5 ottobre: BARBERA & CHAMPAGNE con i canti della tradizione popolare lombarda dei The Cadregas.
Venerdì 6 ottobre: BANDIERA GIALLA con la band Mary And The Quants che spazia dal beat e pop italiano ai classici R&B e soul della Motown fino alla musica british.
Sabato 7 ottobre: HOLY SWING NIGHT
Domenica 8 ottobre: SPIRIT IN BLUES
Martedì 10 ottobre: TACCHI, DADI E DATTERI
Mercoledì 11 ottobre: CRISTAL/MILONGA AL AIRE LIBRE
12-13-14-15 ottobre SWING’N’MILAN!
Martedì 17 ottobre: TACCHI, DADI E DATTERI
Mercoledì 18 ottobre: CRISTAL/MILONGA AL AIRE LIBRE
Giovedì 19 ottobre: BARBERA & CHAMPAGNE con Nadir Scartabelli cantore, chitarrista e cantastorie fra i più apprezzati, che ha raccolto il testimone di grandi protagonisti delle storiche osterie di Milano. Il suo repertorio, oltre a brani popolari celebri, include canti tradizionali lombardi e d’autore, frutto della sua passione e ricerca.
Venerdì 20 ottobre: BANDIERA GIALLA
Sabato 21 ottobre: HOLY SWING NIGHT
Domenica 22 ottobre: SPIRIT IN BLUES
Martedì 24 ottobre: TACCHI, DADI E DATTERI
Mercoledì 25 ottobre: chiuso.
Giovedì 26 ottobre: BARBERA & CHAMPAGNE
Venerdì 27 ottobre: BANDIERA GIALLA
Sabato 28 ottobre: HOLY SWING NIGHT
Domenica 29 ottobre: SPIRIT IN BLUES
Martedì 31 ottobre: TACCHI, DADI E DATTERI

Dal martedì alla domenica, infatti, allo SPIRIT DE MILAN si alternano 6 serate tutte all’insegna della buona musica - sempre rigorosamente dal vivo - e del divertimento, mentre tanti ospiti raccontano i segreti della Milano nascosta e dimenticata: si comincia il martedì con il cabaret della serata “TACCHI, DADI E DATTERI”; mercoledì è dedicato agli amanti del tango con la serata “CRISTAL/MILONGA AL AIRE LIBRE”; il giovedì è la volta dell’appuntamento milanese “BARBERA & CHAMPAGNE”, alla riscoperta della Milano in bianco e nero fissate nelle istantanee; venerdì spazio al meglio della musica anni 60/70/80, italiana e non solo con la serata “BANDIERA GIALLA”; sabato l’atmosfera cambia con la “HOLY SWING NIGHT”, che conferma lo Spirit de Milan come punto di riferimento in Italia della comunità swing internazionale; domenica, infine, via libera al jazz, al blues e all’improvvisazione con “SPIRIT IN BLUES” o “JAZZ ‘N’ SPIRIT”. Oltre all’ottima musica dal vivo, alle risate e al ballo, allo SPIRIT DE MILAN vengono accontentati anche gli amanti della buona tavola: dall’orario dell’aperitivo a notte fonda, è possibile gustare il meglio dei piatti della cucina milanese “della nonna” circondati dall’atmosfera sincera da “vecchia Milano”. Due le novità dell’estate 2017: la nuova gelateria e la partnership con il Birrificio Angelo Poretti! Allo scoccare del secondo anno di attività, infatti, Spirit de Milan apre le porte a partner che vogliano contribuire attivamente al progetto, consentendo una crescita della qualità nei prodotti e nella realizzazione degli eventi. Il Birrificio Angelo Poretti è il primo con cui Spirit de Milan ha stipulato un accordo annuale: due brand che dialogano nella condivisione di valori, concetti chiave e sogni. Spirit de Milan è un’associazione di promozione sociale; la tessera annuale non obbligatoria (valida fino al 31 dicembre) prevede un contributo di 15 euro e consente di avere riduzioni sulle serate a pagamento, oltre a dare la possibilità di partecipare ad eventi organizzati ad hoc per i soci. Le porte aprono alle 19.30, i concerti iniziano intorno alle 22.00. Tutti i sabati l’ingresso per i tesserati è di 5€ entro le 21.30/10€ consumazione compresa; per i non tesserati è di 7€ entro le 21.30/15€ consumazione compresa. Il progetto SPIRIT DE MILAN è nato da un’idea di KLAXON srl, già ideatrice del festival SWING’N’MILAN, società nata nel 2000 come studio di progettazione che opera nel campo dell’exhibition design. Tra i suoi obiettivi principali c’è quello di creare eventi tematici che coinvolgano i partecipanti a 360°.



IL 12, 13, 14 E 15 OTTOBRE SPIRIT DE MILAN
si trasforma in SWING’N’MILAN
IL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEDICATO AL RITMO AMERICANO DEGLI ANNI ’30 e ’40!
Madrina d’eccezione, la regina dello swing, NORMA MILLER!

Il 12, 13, 14 e 15 ottobre il locale meneghino SPIRIT DE MILAN si trasformerà nella location ideale per dare vita alla quinta edizione del festival internazionale SWING’N’MILAN! Spirit de Milan diventerà una vera e propria “cattedrale dello swing”, coinvolgendo ballerini e appassionati da tutto il mondo in una 4 giorni di musica, cultura, moda, cibo e danza che catapulterà il pubblico nell’affascinante atmosfera americana dei magici anni ‘30 e ‘40. A conferma del successo delle passate edizioni, quest’anno lo SWING’N’MILAN avrà una madrina d’eccezione: NORMA MILLER! “The Queen of Swing” si esibirà in concerto nella eccezionale serata finale, giusto qualche settimana prima di compiere i 98 anni d’età. Edizione 2016 https://youtu.be/NhVd25l5l-A. La musica sarà protagonista di tutte le giornate dello SWING’N’MILAN: le migliori band italiane e internazionali infiammeranno l’atmosfera con le loro esibizioni dal vivo, mentre professionisti, appassionati e curiosi affolleranno la pista da ballo danzando sui ritmi travolgenti di lindy hop, shag, charleston e balboa. Tutti gli avventori potranno inoltre approfittare della presenza di professionisti di look che nei loro corner, pronti con forbici, spazzole, make up, abiti, occhiali, accessori e tutti gli strumenti del mestiere, daranno al pubblico un perfetto stile swing, dalla testa ai piedi! Durante i quattro giorni al via anche il DANCE CAMP a pagamento dedicato a tutti i ballerini e diviso in tre livelli: “Improvers”, “Intermediate” e “Advance”. I nomi dei professori e tutte le informazioni riguardanti le iscrizioni verranno comunicate nei prossimi giorni sul sito e sulla pagina FB dell’evento. KLAXON SRL è la società che ha dato vita allo Spirit de Milan e che organizza lo Swing’N’Milan, insieme alla Golden Swing Society. Nasce nel 2000 come studio di progettazione che opera nel campo dell’exhibition design. Tra i suoi obiettivi principali c’è quello di creare eventi tematici che coinvolgano i partecipanti a 360°.