Concerti Canzone D'Autore

I concerti della scena cantautorale italiana...

VINICIO CAPOSSELA
DUE NUOVI APPUNTAMENTI NEL CALENDARIO INVERNALE
27 dicembre al Vidia Rock Club di Cesena (FC)
31 dicembre in Piazza della Rinascita a Pescara
CAPODANNO IN PIAZZA
SI AGGIUNGONO AI GIÀ ANNUNCIATI
22 dicembre alle OGR di Torino in scena "I CERINI DI SANTO NICOLA”
25 dicembre al Fuori Orario di Taneto di Gattatico (RE) 17° CONCERTO DI NATALE

CONTINUA IL TOUR “OMBRE NELL’INVERNO”
nei teatri fino al 13 dicembre

Due nuovi appuntamenti coronano l’anno 2017 di VINICIO CAPOSSELA, attualmente impegnato con il tour “Ombre nell’inverno” nei teatri d’Italia fino al 13 dicembre. Il 27 dicembre l’artista si esibirà al Vidia Rock Club di Cesena – FC (info: www.vidiaclub.com - 3457411296) e il 31 dicembre in Piazza della Rinascita a Pescara, dove condurrà il pubblico verso il nuovo anno con un concerto gratuito, realizzato in collaborazione con il Comune (info: Best Eventi - www.besteventi.it - 085.9047726). Queste due date, si aggiungo ai due eventi natalizi già annunciati: il 22 dicembre alle OGR di Torino (Officine Grandi Riparazioni) in scena con "I CERINI DI SANTO NICOLA” e il 25 dicembre in concerto al Fuori Orario di Taneto di Gattatico - RE (info: info@arcifuori.it - 0522.671970), dove l’artista torna, dopo un’interruzione di 4 anni, per il suo 17° concerto di Natale, una vera e propria favola natalizia in stile rock’n’roll, la cui morale è «Tutto è bene ciò che non finisce MAI». Scrive Vinicio Capossela a proposito dei concerti del periodo natalizio: «Emila – Romagna… in un epoca di crescenti tensioni separatiste, è bello fare parte di una regione che ne contiene due distinte e separate, che però nell’insieme creano un piccolo continente, un continente amico. L’Emilia e la Romagna, che per me messe insieme fanno una casa. E così il concerto di Natale, il concerto del ritorno a casa lo sdoppiamo, nei due locali che per me hanno fatto la geografia del Rock’n’Roll: il Fuori Orario di Taneto, in Emilia, dove riprendiamo una tradizione, e il Vidia di Cesena, in Romagna, dove più recentemente ci siamo dati una tradizione. Il calendario è fatto di ritualità, questi sono due luoghi speciali nei quali è apparso un segnale di luce. Al Vidia 22 anni fa è apparso perfino Jeff Buckley e il Fuori Orario lo abbiamo sempre riempito di lucine. Questo 2017 che tutto riporta a casa, ci dona anche, dopo diversi anni di assenza, la magia del mago più punk del creato: la leggenda Cristopher Wonder. Che da Los Angeles 12 anni fa volle trasferirsi nientemeno che a Faenza, dove ci incontrammo. Sarà lui Santa Claus, l’ipnotizzatore di galline, il cantante di Fairy Tale of New York, lo svanitore di birre, il grande Ta Da! Il troppo v’loce.  Per un Natale che appiccica e inzacchera, abbiamo preparato tutto. La banda storica dei concerti di Natale, a due fiati. I veterani della guardia! Achille Succi, Michele Vignali, Glauco, Asso, Mirco Mariani. Swing’n’Roll! E un tocco di Santo Nicola con Giovannangelo de Gennaro. Insomma i locali adatti e gli ospiti e voi. Abbraccio sottobraccio a dis-onorare doppiamente le feste. E’ la fatalità delle anime doppie già a partire dal segno. I nati in dicembre. Che prima tirano la freccia e poi ci galoppano dietro. E per finire il 2017, il concerto di Capo Danno, in the Abruzzi, nella capitale pescosa, a sud della riviera. La regione di Fante, la terra orgogliosa e fiera per abbattere un anno memorabile. Portando tutto a casa, sul palco mariachi, combat folk, ombre, maghi, santi Nicola, tutti insieme nella notte di San Silvestro. Poi il silenzio. E che non se ne parli più. Buone Feste». "I CERINI DI SANTO NICOLA”, invece, sarà un «Racconto infiammabile per voci, suoni e canzoni» di ispirazione natalizia (ore 21.00 – Info e acquisto online su www.ogrtorino.it). Si tratterà di fatto della prima e unica messa in scena di un testo originariamente concepito come radiodramma, andato in onda la notte di Natale del 2002 (qui in streaming: https://soundcloud.com/la-cupa/i-cerini-di-sante-nicola), una rappresentazione che sarà arricchita dall’apparizione straordinaria di Paolo Rossi come ospite speciale. Sono passati 15 anni dal 2002 quando, con Jacopo Leone e Francesca Leoncini, Vinicio Capossela identificò il protettore delle vittime dei propri errori, un protettore degli scappati di casa, in San Nicola, nome comune tra gli emigrati meridionali, parente di quel Nicolaus, che fu il primo portatore di doni. San Nicola si identifica con i cerini di legno, che donano alle persone la capacità di sapersi parlare. La parte musicale sarà affidata ad una scarna orchestrina di "senza dimora" attorno al fuoco di un bidone. Nel repertorio, oltre a composizioni di Vinicio Capossela come “Canzone a manovella”, “Non c’è disaccordo nel cielo”, “In clandestinità” e “I pianoforti di Lubecca”, alcuni riadattamenti di canzoni natalizie in versione italiana come “Campanell’” (“Jingle bells”) e “Santo Nicola è arrivato in città” (“Santa Claus is coming to town”). Per l’occasione, viene pubblicata anche una “inedizione” a tiratura limitata di 999 copie del testo originale del racconto “I CERINI DI SANTO NICOLA”, lavorata a mano e arricchita di una postfazione che la aggiorna alla contemporaneità. Il libro, progettato dalle Inedizioni Frittflacc Etcetera (www.frittflacc.it) e stampato da LaVitaFelice (www.lavitafelice.it), è acquistabile ai concerti dell’artista e da oggi, 1 dicembre, sul sito ufficiale (per info: http://www.viniciocapossela.it/prodotto/i-cerini-di-santo-nicola/). Continua intanto nei teatri il tour di Vinicio Capossela “Ombre nell’inverno”, un nuovo suggestivo spettacolo ambientato tra ombre, nebbie e riflessi, che abbraccia l’intera opera dell’artista seguendo il filo conduttore dello spettro che si ripresenta nell’inverno: dai brani umbratili e misteriosi dell’album “Canzoni della Cupa”, alle ballate e alle rese dei conti sparse in tutta la sua produzione. Di seguito le prossime date del tour “Ombre nell’inverno”:

11 dicembre a Bologna al Teatro Duse (sold out)
13 dicembre a Bergamo al Teatro Creberg (prevendite: Ticketone).

Le date del tour sono a cura di International Music and Arts. Produzione di Soup2Nuts (Michele Montesi, Nicola Rossoni, Fulvio Bufardeci) per La Cupa srl. Suoni di Taketo Gohara, luci di Daniele Pavan.  
________________________________________________________________________________

James Senese e Napoli Centrale
concerto evento
live recording del disco che celebra i 50 anni di carriera
martedì 12 dicembre ore 21
Teatro Sannazaro, Napoli

Un concerto destinato ad entrare nella storia della musica, quello che si terrà martedì 12 dicembre al Teatro Sannazaro di Napoli, durante il quale James Senese registrerà il doppio album live che conterrà i brani storici dei Napoli Centrale, la cui uscita è prevista per il 2018, un disco pensato per festeggiare i suoi 50 anni di carriera (biglietto 18 euro più prevendita). Un live davvero unico è quindi il secondo appuntamento della rassegna "Sound of the city", organizzata dalla Jesce Sole insieme al Teatro Sannazaro  pronto ad entrare nella storia e a regalare al suo pubblico un momento indimenticabile che vivrà i momenti di una registrazione live.  James Senese è un artista che non ha bisogno di essere presentato. La sua musica, la sua storia personale, lo fanno per lui. In quasi cinquant’anni di musica, ha attraversato trasversalmente la canzone leggera italiana, il funk-jazz, il grande cantautorato. E’ una leggenda vivente, colui il quale ha dato uno dei primi ingaggi all’indimenticabile Pino Daniele, con cui collaborerà ed avrà amicizia vera sino al suo ultimo giorno. O’ SANGHE è un nuovo orizzonte su cui si volge lo sguardo del sassofonista partenopeo, mai fermo due volte nello stesso posto. All’interno del disco tutti i riferimenti artistici che hanno fatto grande la sua musica, con una rinnovata carica espressiva. Funk, blues, venature jazz, e tanto mediterraneo, tanta Napoli nelle melodie, nelle storie raccontate; vita, lavoro, lotte quotidiane per la sopravvivenza, amore, fede. In “O sanghe” c’è groove da vendere, come solo James sa. A settant’anni compiuti, James Senese si conferma come un artista senza tempo, con una riconoscibilità immediata ed un cuore intatto, che parla agli ultimi. La  formazione attuale dei Napoli Centrale – la stessa che ha registrato “Nero a metà” di Pino Daniele – vede James Senese alla voce e al sax, Ernesto Vitolo alle tastiere, Gigi De Rienzo al basso e Agostino Marangolo alla batteria. In scaletta, tanti i brani cari ai suoi fan e che hanno segnato le tappe fondamentali della carriera di un artista, James Senese regalerà poi delle chicche al pubblico del Sannazaro con dei  brani poco eseguiti negli ultimi anni come : "Love supreme" , "Sott ‘e lenzole" , "gazzate nire" ,"Hey James" , "Arò vaje" oltre i successi come "Campagna", "Viecchie mugliere muort’ e criature","’o nonno mio", "Acquaiuo’l’acqua è fresca". Videoclip “Il mondo cambierà”, il secondo estratto dal disco “‘O Sanghe“: https://www.youtube.com/watch?v=WfGzcR_MadM.
________________________________________________________________________________

PFM
AL VIA IL 14 NOVEMBRE DAL TEATRO COLOSSEO DI TORINO
“Emotional Tattoos Tour” che porterà la band in tutto il mondo
IL TOUR SEGUE L’USCITA DEL NUOVO ALBUM DI INEDITI
“Emotional Tattoos”
Pubblicato in due versioni diverse tra loro (italiana e inglese)

Al via il 14 novembre dal Teatro Colosseo di TORINO l’ ”Emotional Tattoos Tour” che porterà PFM - Premiata Forneria Marconi a suonare in tutto il mondo. Oltre ai più grandi successi del loro vastissimo repertorio, porteranno anche alcuni brani tratti dal nuovo album “Emotional Tattoos” (uscito il 27 ottobre, per InsideOutMusic/SonyMusic). Queste le prossime tappe dell’”Emotional Tattoos Tour” (organizzato da D&D concerti): 1 Dicembre a PADOVA (Gran Teatro Geox); 2 Dicembre a VARESE (Teatro Openjobmetis); 29 Dicembre a BARI (Teatro Petruzzelli); 30 Dicembre a CASTROVILLARI (Teatro Sybaris). Poi approderanno In Giappone: 9 e 10 Gennaio a TOKYO (Billboard - Doppio concerto); 11 Gennaio a OSAKA (Billboard)- Doppio concerto; 31 Gennaio a BOLOGNA (Teatro Duse); 2 Marzo a MILANO (Teatro Dal Verme); 9 Marzo a BRESCIA (PalaBrescia); 11 Marzo a ASSISI-Santa Maria degli Angeli (Teatro Lyrick); 12 Marzo a ROMA (Teatro Olimpico); 13 Marzo a NAPOLI (Teatro Augusteo); 23 Marzo LA SPEZIA (Teatro Civico); 24 Marzo a MONTECATINI (Nuovo Teatro Verdi). Poi sarà la volta del Brasile: 20 Aprile a SAN PAOLO (Espaco das Amaericas); 21 Aprile a RIO DE JANEIRO (Vivo Rio); 22 Aprile a PORTO ALEGRE (Bourbon Country); 23 Aprile a BELO HORIZONTE (Teatro Palacio dad Artes); 25 Aprile in Chile CONCEPCION (Teatro de la Universidad de Concepcion); 26 Aprile in Chile SANTIAGO DEL CHILE (Teatro Oriente); 28 Aprile in Argentina a BUENOS AIRES (Teatro Coliseo); 30 Aprile in Perù a LIMA; 3 Maggio in Messico a CITTÀ DEL MESSICO (BlackBerry Hall); per poi trasferirsi negli Usa: 6 Maggio a GETTYSBURG – (Majestic Theater); 7 maggio a NEW YORK CITY (Highlineballroom); 8 maggio a CHICAGO (Reggies Live); 12 Maggio a LEGNANO - Teatro Galleria….tour sempre in aggiornamento!

_______________________________________________________________________________

BOBO RONDELLI
Tour

Dopo un fitto calendario di impegni promozionali e di date instore per presentare il nuovo album "Anime Storte" (Sony Music Italy/The Cage), prodotto e arrangiato dalle sapienti mani di Andrea Appino (Zen Circus), Bobo Rondelli torna a fare la cosa che gli piace di più: suonare dal vivo. Partirà, infatti, in modo trionfale dall'Auditorium Flog di Firenze domani, sabato 4 novembre, il tour che lo vedrà protagonista affiancato questa volta da ben cinque musicisti sul palco, per un live inedito ed esplosivo. Bobo Rondelli continua a vivere il suo momento di grazia e per comporre questo disco si fa ispirare dalla figura delle persone semplici dei giorni nostri, virtualmente ingolfati di amicizie social, ma realmente sempre più soli e alienate.  GUARDA il video appena uscito del pezzo "Lo Storto".
Questo l'elenco delle prime date confermate:

Giovedì 21 dicembre
PERUGIA, REWORK
Venerdì 12 gennaio
ROMA, MONK CIRCOLO ARCI (ingresso riservato ai soci)
Giovedì 18 gennaio
MILANO, SALUMERIA DELLA MUSICA

_______________________________________________________________________________

PAOLO BENVEGNU’
H3+ TOUR

Paolo Benvegnù è uno degli autori più importanti del panorama italiano, fondatore degli Scisma, vanta una lunga e fortunata carriera da solista: i suoi pezzi, che hanno lasciato il segno nella storia della canzone italiana, sono stati reinterpretati da artisti come Mina, Irene Grandi, Giusy Ferreri e Marina Rei. A teatro aveva già lavorato con David Riondino e Stefano Bollani, per lo spettacolo “Presepe vivente e cantante”, e con Gianni Micheli, per lo spettacolo in Rosa Lullaby: oggi torna con “H3+”, il primo spettacolo nato da un suo disco, che andrà in scena da novembre nei teatri. Nello spettacolo “H3+”, accanto al teatrino di marionette, una autentica stanza delle meraviglie, le canzoni del disco omonimo, i brani degli altri due album della trilogia “con l’H” di Benvegnù, “Earth Hotel” ed “Hermann”, e un registratore, con il racconto di quello che è stato, quello che è e quello che sarà.

14 Dicembre Teatro 89 Milano
________________________________________________________________________________

CRISTINA DONA'
TREGUA 1997-2017 STELLE BUONE TOUR

Avrà inizio il 26 ottobre, dall’Hiroshima Mon Amour di Torino, la tranche autunno-inverno di “TREGUA 1997-2017 STELLE BUONE”, il tour che CRISTINA DONA’ ha dedicato al suo primo album “Tregua” per festeggiare 20 anni di una splendida carriera. Fedele al principio di non ripetersi “ l’incantautrice ” proporrà importanti novità rispetto ai concerti del tour estivo concluso in luglio: ascolteremo infatti versioni nuove di altri brani simbolo del suo repertorio, oltre alle cover di grandi artisti italiani e internazionali. Sarà l’ultima, imperdibile occasione per vedere l’artista reinterpretare l’intera scaletta di quello storico album che la impose nel panorama musicale italiano e internazionale. Sul palco ritroviamo Cristiano Calcagnile alla batteria (autore degli arrangiamenti di questo live) e Lorenzo Corti alla chitarra – musicisti che collaborano con la Donà sin dai suoi esordi - con l’inserimento nella line up di Danilo Gallo al basso e Gabriele Mitelli alla tromba. Otto album, centinaia di concerti in Italia e in Europa, un rispetto trasversale nel tempo da parte della comunità artistica che ha pochi paragoni: questo il lascito di Cristina Donà alla musica nelle svariate versioni di se stessa offerte in questi due decenni, che hanno contribuito a tracciare e definire un lungo, felice e inconfondibile percorso artistico nel panorama musicale contemporaneo. Il 15 settembre 2017 è stato pubblicato l’omonimo album “Tregua 1997-2017 Stelle Buone” (Believe Recordings ) che sublima in un modo davvero speciale il festeggiamento del ventennale. Cristina infatti rimette in gioco l’album del 1997 affidandone i brani - ad eccezione di “Stelle buone” che lei stessa reinterpreta - a dieci artisti della nuova generazione, invitandoli a rileggere in totale libertà le sue canzoni, nelle quali la Donà, a sua volta interviene incrociando la sua voce con le loro. Io e la Tigre, Birthh, Sara Loreni, Chiara Vidonis, Simona Norato, Blindur, Zois, Il Geometra Mangoni, La rappresentante di Lista, Sherpa, ecco i dieci giovani artisti, le dieci “stelle buone” di questa esperienza di condivisione e di mutazione discografica”. Prime date confermate:

14/12 Roma - Monk
15/12 S. Maria a Vico (CE) - Smav
16/12 Messina - Retronouveau
17/12 Palermo – Candelai
_________________________________________________________________________________

ROY PACI & ARETUSKA
PROSEGUE IL TOUR NEI CLUB ITALIANI 
per presentare il nuovo disco di inediti “VALELAPENA” 

Dopo il ritorno in gran stile con il nuovo disco di inediti “VALELAPENA” (Etnagigante/ArtistFirst), ROY PACI & ARETUSKA sono impegnati con il loro nuovo tour per presentare dal vivo nei club delle principali città italiane il loro ultimo album e i loro più grandi successi. La dimensione del live è senza dubbio quella in cui la band dà il meglio di sé, lo testimonia la loro lunga carriera e le numerose partecipazioni in prestigiosi festival di tutto il mondo, e anche durante questo tour saranno moltissime le sorprese e l’energia che coinvolgerà il pubblico. “Valelapena”, infatti, è un disco di grande svolta per il suono di Roy Paci & Aretuska e questo cambiamento sarà il nuovo abito anche dei live, durante il quale verranno eseguiti sia i brani del nuovo disco sia canzoni del loro repertorio riarrangiate per l'occasione e verrà dato maggiore spazio, rispetto al passato, al sound elettronico. «Quando stavamo lavorando al disco ci siamo domandati spesso in che modo saremmo riusciti a portarlo sul palco, la resa dal vivo di un lavoro come “Valelapena” è senza dubbio una sfida, ma è una sfida stimolante. Non vediamo l'ora di incontrare il pubblico che potrà assistere a un live rinnovato nei suoni, in linea con la nuova fatica discografica, ma sempre fedele a quei principi che hanno contraddistinto la nostra carriera: alta qualità musicale, impatto sonoro identitario e tanto divertimento, sopra e sotto il palco» ROY PACI & ARETUSKA presenteranno live il nuovo album e i loro più grandi successi durante i seguenti appuntamenti (il calendario è in continuo aggiornamento e i concerti sono una produzione Massimo Levantini per Live Nation Italia, per info: www.livenation.it):

21 DICEMBRE all’AUDITORIUM POPOLARE di COSENZA
22 DICEMBRE ai CANDELAI di PALERMO
23 DICEMBRE al LAND di CATANIA
6 GENNAIO al MONK di ROMA
________________________________________________________________________________

DENTE E GUIDO CATALANO
"Contemporaneamente insieme" Tour

Il 20 gennaio 2018 avrà inizio il primo tour nazionale di Dente e Guido Catalano, dal titolo “Contemporaneamente insieme”. Rime semiacustiche, metafore in quattro quarti danzano, dando vita a uno spettacolo inedito ed estremamente originale con la regia di Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale.Non un reading, non un concerto, non una commedia dialettale e nemmeno uno spettacolo circense, non un balletto, un workshop, uno spogliarello burlesco e neppure una dimostrazione di prodotti di bellezza o aspirapolveri: il cantautore emiliano e il poeta torinese incrociano chitarra e penna, per parlare d’amore a modo loro. Guido Catalano è un talento letterario, scrive per Il Corriere della Sera Torino e collabora con Smemoranda. La sua scrittura è ciò che più si avvicina al mondo della musica. Dente è un nome di punta della musica italiana, un cantautore dal linguaggio raffinato, dotato di grande originalità e di un indiscutibile talento. La sua musica è ciò che più si avvicina al mondo della poesia.

20/01 Saluzzo (CN) - Teatro Magda Olivero
25/01 Catanzaro Lido (CZ) – Officine Sonore Lido
26/01 Palermo - Candelai
27/01 Catania - MA
28/01 Comiso (RG) - Teatro Naselli
02/02 Savignano sul Rubicone (FC) - Teatro Moderno
03/02 Abano Terme (PD) - Laboratorio Culturale I’M
10/02 Genova - La Claque
15/02 Roma - Auditorium Parco della Musica - sala Sinopoli
22/02 Bologna - Teatro Duse
23/02 Siena - Teatro dei Rinnovati
02/03 Torinio - Hiroshima Mon Amour
03/03 Milano - Base
17/03 Firenze - Teatro Puccini
________________________________________________________________________________

Produzioni Fuorivia e Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale
presentano

GIUSEPPE CEDERNA
in
Da questa parte del mare
da GIANMARIA TESTA
regia di Giorgio Gallione
elementi scenografici: Lorenza Gioberti
luci di Andrea Violato


"Da Questa Parte del Mare" è il libro della vita di Gianmaria Testa, arrivato in libreria purtroppo postumo il 19 aprile 2016, per Giulio Einaudi Editori con prefazione di Erri De Luca. É il racconto dei pensieri, delle storie, delle situazioni che hanno contribuito a dar vita ad ognuna delle canzoni dell'album omonimo, ed è un po', anche, inevitabilmente, il racconto di Gianmaria stesso e delle sue radici. É la storia dei grandi movimenti di popolo di questi anni, delle radici e della loro importanza. Radici che non sono catene, ma sguardi lunghi. É il libro con cui Gianmaria si è congedato in pace, dopo una vita onesta e dritta. È un patrimonio di riflessioni umanissime, senza presunzioni di assolutezza. Un distillato di parole preziose che riesce a restituirci ancora e per sempre la voce di Gianmaria. È uno sguardo lucido, durato più di 20 anni, sull’oggi. Una lingua poetica, affilata, tagliente, insieme burbera ed emozionata. Bellissima. Proprio da qui si è partiti per dar vita ad un vero e proprio spettacolo teatrale, con un linguaggio drammaturgico che potesse reggere alle tavole del palcoscenico e rendere possibile un viaggio a due voci, quella di Giuseppe Cederna, solo in scena alle prese con diversi personaggi da questa e dall’altra parte del mare, e quella di Gianmaria Testa, presente con la sua voce e le sue canzoni profetiche e umanissime. Giorgio Gallione ha curato non solo la regia, ma anche il passaggio di parole pensate per la pagina scritta al teatro. Lo ha fatto mescolando le parole di Gianmaria a quelle delle cronaca quotidiana e a quelle di due osservatori attenti del fenomeno migratorio contemporaneo: Marco Revelli e Alessandra Ballerini. “Da questa parte del mare” è un viaggio lirico e ruvido, per storie e canzoni, sulle migrazioni umane, ma anche sulle radici e sul senso dell’“umano”. In scena alcuni sassi e un cerchio di terra che abbraccia un simbolico mare nostrum da attraversare e da difendere, sul palco un attore che da voce, attraverso le parole di Gianmaria Testa, a quelli che non hanno voce per essere ascoltati. Lo spettacolo è un continuo alternarsi di voci e personalità distinte, trovate e ritrovate su un mare che abbraccia e divide, culla e annega. Giuseppe Cederna si incarna nelle loro storie raccontate attraverso una recitazione impeccabile, affettuosa e graffiante, lacerante e tenerissima. Proprio come le canzoni e le parole di Gianmaria Testa.

LE DATE

23 febbraio 2018 - MONTEMURLO (PO) - Sala Banti
25 febbraio 2018 – PANICALE (PG) – Teatro Caporali
1 marzo 2018 - RUSSI (RA) - Teatro Comunale di Russi
2 marzo 2018 - FIDENZA (PR) - Teatro Girolamo Magnani
e altre date in via di definizione che saranno annunciate prossimamente
_______________________________________________________________________________

GIACOMO LARICCIA
RICOSTRUIRE TOUR 2017

14/12 ZURICH (CH) @Festival della canzone italiana in Svizzera
_________________________________________________________________________________

ALESSIO LEGA
Concerti

Dicembre
14 - Milano, Centro Sociale Micene (nell'omonima via), h. 21.30, cantata tra compagni per rivendicare il nostro Pino Pinelli
16 - Milano, Cox18 (via Conchetta), nel corso di SLAM X presenteremo un frammento del nostro spettacolo sulle canzoni di Franco Fortini
_________________________________________________________________________________

NOVI 
SE MI COPRI ROLLO AL VOLO TOUR

Continua il tour di NOVI per la presentazione di "SE MI COPRI ROLLO AL VOLO": oltre a presentare dal vivo i brani del disco, Novi parlerà del suo libro "Mi sono scavato la casa", in uscita il 6 ottobre per Ouverture Edizioni. Un progetto narrativo autobiografico, originale e intenso, nato contemporaneamente all’album musicale.

17/12 Viareggio (LU) - GOB - Ganz Of Bicchio
22/01/2018 Milano - Gattò - con presentazione libro
 _______________________________________________________________________________

TEHO TEARDO
IN CONCERTO

15 dicembre 
Pisa – Cantiere San Bernardo
Teho Teardo - chitarra baritona, electronics; Laura Bisceglia – violoncello
________________________________________________________________________________

Martedì 19 dicembre ore 21
Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
viale Pietro de Coubertin, 30 - Roma

“VIAGGIO AL TERMINE DELLA NOTTE”
liberamente tratto dal capolavoro di Louis Ferdinand Céline di e con
ELIO GERMANO e TEHO TEARDO

Elio Germano e Teho Teardo portano in scena martedì 19 dicembre all'Auditorium Parco della Musica “Viaggio al termine della notte” di Louis-Ferdinand Céline in una versione completamente rinnovata nelle musiche e nei testi. Avvalendosi della straordinaria sensibilità interpretativa di Elio Germano, Teardo ripercorre musicalmente alcuni frammenti del “Viaggio” restituendo, in una partitura inedita, la disperazione grottesca di questo capolavoro di scrittura che ritrova nuove dinamiche espressive nella combinazione di archi, chitarra e live electronics. Una fusione di sonorità cameristiche che guardano a un futuro tecnologico nel quale, le immagini evocate dal testo interpretato da Germano, si inseriscono nelle atmosfere cinematiche di Teardo; un succedersi di eventi sonori e verbali dove la voce esce dalla sua dimensione tradizionale fino a divenire suono. In quel suono Teardo crea un ambiente nel quale la voce di Germano può suggerirci nuove prospettive sulle disavventure di Bardamu e gli orrori della guerra mondiale che travolge le relazioni tra gli uomini quanto i continenti. Il pessimismo sulla natura umana, sulle istituzioni, sulla società e sulla vita in generale, diviene inconsolabile fino a non conceder più alcuna speranza al consorzio umano. La scenografia è quasi inesistente. Il palco, scarno e immerso nel buio, lascia spazio a una scrittura dalla spiccatissima natura, una partitura “impressionista” che diventa essa stessa narrazione e si fa interprete del genio di Céline. Legati, oltre che dall’amicizia, anche da una solida affinità artistica, Elio Germano e Teho Teardo portano avanti questo spettacolo dal 2012, anno in cui è iniziata la prima tournée che ebbe come prima tappa Genova, città dove è stato ambientato il film Diaz, che vanta la presenza dei due artisti, l’uno come attore, l’altro come autore della colonna sonora. Conosciutisi sul set del film Il passato è una terra straniera di Vicari, Germano e Teardo hanno deciso di mettere in piedi Il Viaggio di Céline, in occasione di un Festival al Palaexpo, in cui gli fu chiesto un intervento su un testo. Quello che doveva essere un singolo episodio, è diventato invece una tournée che a distanza di anni non si è mai conclusa. Elio Germano ha interpretato nel 2016 il ruolo di San Francesco nel film “Il Sogno di Francesco”, diretto dai registi francesi Renaud Fely e Arnaud Louvet; sono poi usciti (nella primavera 2017) il film di Edoardo Falcone “Questione di Karma” con Fabio De Luigi e il film di Gianni Amelio “La tenerezza” con Renato Carpentieri, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti. Nel 2016 ha interpretato “Nino Manfredi” nel film omaggio per Rai 1 per la regia di Luca Manfredi, andato in onda recentemente. Contemporaneamente al Viaggio al termine della notte e al tour internazionale di Nerissimo al fianco di Blixa Bargeld, Teardo ha recentemente collaborato con il regista e sceneggiatore Enda Walsh per la pièce Arlington, presentata in prima mondiale l’11 luglio in occasione del Galway International Arts Festival, e in cartellone all’Ann’s Warehouse di New York ad agosto 2017. Enda Walsh ha scritto anche “Lazarus” insieme a David Bowie. Il sodalizio tra Enda Walsh e Teardo è iniziato nel 2014 con la pièce Ballyturk, grazie alla quale Teardo vinse nel 2015 l’Irish Theatre Awards per la colonna sonora, in cui partecipò anche l’attore Cillian Murphy protagonista non solo nella prima traccia ma anche nella piece teatrale di Walsh. Un legame artistico importante, quello tra Enda Walsh, uno dei più acclamati sceneggiatori (Hunger di Steve McQueen) e registi del momento, e Teho Teardo, artista eclettico, capace di tradurre in linguaggio musicale un flusso emotivo intenso e conturbante. Inoltre, Teho Teardo ha composto anche le colonne sonore de “La verità sta in cielo” di Roberto Faenza e di altri due film presentati alla 73°edizione del festival di Venezia (Il più grande sogno di Michele Vannucci e Caffè di Cristiano Bortone).

FORMAZIONE
Elio Germano: voce; Teho Teardo: chitarra, live electrionics; Laura Bisceglia: violoncello; Ambra Chiara Michelangeli: viola; Elena De Stabile: violino

________________________________________________________________________________

FABRIZIO POGGI

20 NOVEMBRE – 10 DICEMBRE
Fabrizio Poggi & Guy Davis
UK & IRELAND TOUR 
_______________________________________________________________________________

MARCO CORRAO
IN TOUR INSIEME A GIUSEPPE MILICI  SOTTO L'EGIDA DEL CAPO D’ORLANDO BLUES FESTIVAL

30 Novembre CAPO D'ORLANDO (ME) - Teatro Rosso S. Secondo
22 Dicembre MESSINA - Enoteca Provinciale
23 Dicembre CAPO D'ORLANDO (ME) - Capo d'Orlando Marina

Marco Corrao, giovane cantautore siciliano, già direttore artistico del prestigioso Capo d’Orlando Blues e Giuseppe Milici, tra i più grandi armonicisti italiani, si uniscono, per dare vita ad uno spettacolo nuovo ed entusiasmante. Un lungo tour per presentare in anteprima le canzoni del nuovo disco di Marco Corrao in arrivo nel 2018, che s'intitolerà Nebros. Un nome che richiama i luoghi d’orine di Corrao: i monti Nebrodi, tra i parchi naturalistici più grandi d’Europa e vero polmone pulsante di tutta la Sicilia. Un disco che si annuncia dal respiro internazionale, prodotto da Jono Manson, celebre e acclamato arrangiatore, produttore e musicista americano (vincitore di un Grammy insieme e John Popper dei Blues Traveller con cui Manson anche ha collaborato oltre che con Joan Osborne, Bo Diddley, Pete Seeger, Carol King, Spin Doctor, Eugenio Bennato e The Gang solo per citarne alcuni),  e da Gabriele Giambertone che ha curato l'estetica e l'elettronica del progetto. Disco che è stato registrato con uno studio mobile nel Chiostro dei Minori osservanti di Naso 1497 e mixato a Santa Fe New Mexico. Un progetto musicale che è stato sponsorizzato dal Capo d'Orlando Blues Festival, una produzione che parla delle figure umane, animali, storiche e tipiche dei luoghi in questione toccati dai Monti Nebrodi, con titoli come U scarparu, A serpi, U jencu, Facci Ri Canni, Erba Jaira. Un lavoro rock ed etnoantropologico al tempo stesso.
________________________________________________________________________________



È ancora tempo di musica allo Spazio Teatro 89: a metà ottobre, infatti, parte ufficialmente la nuova stagione di concerti che, come da tradizione, nei prossimi otto mesi abbracceranno una pluralità di generi (dalla classica al blues, dall’acustica al folk, senza dimenticare la lirica). 

RASSEGNA 
«IT’S ONLY FOLK ROCK»
Il calendario

Domenica 21 gennaio
Riccardo Maccabruni

RASSEGNA 
“MILANO BLUES 89”
Il calendario

Nell’auditorium di via Fratelli Zoia 89 scatta la nuova stagione della collaudata rassegna “Milano Blues 89”, 13 appuntamenti dal 21 ottobre al 17 marzo con il meglio del Blues italiano e non.

Anno dopo anno, lo Spazio Teatro 89 di Milano consolida il suo ruolo di punto di riferimento per i più importanti bluesmen italiani e per tutti gli appassionati della “musica del diavolo”. Merito degli organizzatori della rassegna “Milano Blues 89”, che sul palco dell’auditorium di via Fratelli Zoia 89 continuano a invitare alcuni dei più illustri musicisti della scena (non solo) nazionale. La nuova stagione all’insegna del blues - 13 appuntamenti in cartellone distribuiti nell’arco dei prossimi cinque mesi – vedrà sul palco meneghino, ormai noto a musicisti ed appassionati per l’egregia qualità acustica, i maggiori esponenti italiani del blues, con qualche incursione da oltreoceano. 


Venerdì 15 dicembre
Fabio Marza band with Paolo Bonfanti
Per il settimo appuntamento della rassegna “Milano Blues 89”, venerdì 15 dicembre largo alla formazione guidata dal cantante e chitarrista Fabio Marzaroli, il cui repertorio di brani originali spazia dal blues rurale acustico al rock-blues elettrico. Special guest della serata sarà Paolo Bonfanti, nome di spicco della scena italiana

Si susseguono senza sosta i concerti della fortunata rassegna “Milano Blues 89”, organizzata dallo Spazio Teatro 89 di Milano: venerdì 15 dicembre (ore 21.30, ingresso 10-13 euro) l’auditorium di via Fratelli Zoia 89 ospiterà la Fabio Marza band, formazione fondata nel 2007 dal chitarrista, armonicista e cantante Fabio Marzaroli e composta da Fabio Mellerio (basso, voce e percussioni), Max Ferraro (batteria, cori e chitarra) e Greta Bragoni (voce e cori). Special guest della serata sarà il chitarrista Paolo Bonfanti, nome di spicco del panorama blues italiano. Entrato nel pieno della maturità artistica, Fabio Marzaroli guida il proprio quartetto in un percorso fatto di composizioni originali che spaziano dal blues al rock-blues elettrico, mantenendo un suono corposo e ben riconoscibile, con momenti elettrici alternati ad atmosfere acustiche. La scaletta del concerto sarà costituita quasi esclusivamente dai brani tratti dai quattro album registrati dalla band (“Wake and Run”, uscito nel 2009; “Blackboard”, pubblicato nel 2012; “You Know Me - Live at Labirinto”, che ha visto la luce nel 2015; “Nightmare”, dato alle stampe nel 2016). La Fabio Marza Band si caratterizza nel panorama italiano non solo per la voglia di proporre brani originali, ma anche per la duttilità del leader e dei suoi musicisti, duttilità che ha portato il gruppo a collaborare e dividere il palco con alcuni dei più noti interpreti del blues italiano (e non solo): da Stef Burns a Rudy Rotta, da Guitar Ray a Gigi Cifarelli, da Maurizio Pugno a Maurizio “Gnola” Gliemo, da Alex Gariazzo a Paolo Bonfanti. La formazione piemontese (originaria di Domodossola) ha partecipato ad alcuni delle più importanti manifestazioni blues italiane, tra cui “Ameno Blues Festival”, “Blues in Idro”, “Pordenone Blues Festival”, “Castelfranco Blues Festival”, “Torrita Blues Festival”, “Pomigliano Blues Festival”, “Black in Bo” e “Sulle strade del Blues”.

Sabato 13 gennaio 2018
T-Roosters

Sabato 20 gennaio 2018
Blues Guitar Heroes (Bazzarri/Gnola/Vezzano)

Sabato 3 febbraio 2018
Daniele Tenca

Sabato 24 febbraio 2018
Maurizio Bestetti

Sabato 10 marzo 2018
Amanda e la banda

Sabato 17 marzo 2018
Bill Toms Band

Spazio Teatro 89, via Fratelli Zoia 89, 20153 Milano
Biglietti: 13 euro intero; 10 euro ridotto (under 25, over 65, convenzioni Arci, Feltrinelli, Socio Coop, Touring Club, IBS, Coop Degradi).
_______________________________________________________________________________

OFFICINA DELLE ARTI PIER PAOLO PASOLINI
DICEMBRE E NON SOLO…
Entra nel vivo la programmazione invernale dell’HUB culturale della Regione Lazio
Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Cinema, musica, eventi speciali e tanti ospiti: il freddo dell'inverno non ferma l'instancabile attività artistica di Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini, HUB culturale della Regione Lazio.

Anche in dicembre e gennaio, infatti, il calendario di Officina Pasolini presenta un programma ricco e in grado di garantire un'ampia offerta culturale al pubblico romano. Il primo appuntamento della stagione invernale sarà domenica 10 dicembre con Voci per la libertà – Una canzone per Amnesty, un evento per festeggiare i vent’anni di “Voci per la libertà”, il festival legato ad Amnesty International che da sempre incrocia la musica col tema dei diritti umani. La serata sarà l'occasione anche per presentare il libro intitolato alla manifestazione, che racconta le emozioni e i contenuti di due decenni fitti di esperienze e che raccoglie le firme di tanti artisti amati della musica italiana - molti dei quali ospiti della serata - come quelle di Ivano Fossati, Daniele Silvestri, Carmen Consoli. Durante l'evento ci sarà anche il live di Carlo Valente, neodiplomato di Officina Pasolini e vincitore dell’edizione 2017 del “Premio Amnesty Emergenti” con un brano dedicato a Federico Aldrovandi. Si succederanno sul palco anche Marat e Francesco Anselmo, altri due giovani artisti formatisi al Laboratorio creativo sezione #Canzone ed infine la band Amarcord.  Martedì 18 dicembre invece Officina Pasolini ospiterà una festa per commemorare un grande autore della televisione e della radio italiana, Antonio Amurri. A venticinque anni dalla sua scomparsa le sue figlie Valentina e Roberta, amici, colleghi, cantanti e attori lo ricordano con Vorrei che fosse Amurri, uno spettacolo di musica, letture e aneddoti che ricostruisce la sua carriera e la sua personalità. Tantissimi gli ospiti che si alterneranno sul palco: Renzo Arbore, Enrico Vaime, Enrica Bonaccorti, Lando Buzzanca, Max Tortora e altri ospiti a sorpresa ricorderanno l’amico e l’autore; Luca Barbarossa, Tosca, Greta Panettieri, Gegè Telesforo, Enzo Pietropaoli, Eleonora Bianchini, Stefano Masciarelli, Gianluca Guidi, Maria Pia de Vito, accompagnati dalla Social Band di Stefano Cenci con Frances Alina Ascione, riproporranno le sue canzoni; Sandra Collodel, Augusto Fornari, Giancarlo Ratti, Emanuele Salce, Chiara Salerno, Gianluca Guidi rileggeranno le sue pagine più divertenti. Immancabile poi l’appuntamento con il cinema. Per festeggiare insieme l’arrivo del Natale, Officina Pasolini propone la visione di un film d’animazione ormai diventato un grande classico: Anastasia di Don Bluth e Gary Goldman, cartone animato doppiato in italiano dalle voci di Tosca e Fiorello, che spegne quest’anno venti candeline. E sarà proprio Tosca, che ha prestato la voce alla protagonista, ad impreziosire la serata Quando viene dicembre: Anastasia 20 anni dopo cantando dal vivo Quando viene dicembre e Viaggio nel passato, due dei brani della colonna sonora del film, che contribuì in modo decisivo al successo della pellicola. A presentare la proiezione, insieme al critico cinematografico Steve Della Casa, saranno anche due dei doppiatori che hanno dato voce ai personaggi: Mauro Bosco e Fabrizio Vidale, a cui si aggiunge Ermavilo, paroliere noto al pubblico per gli adattamenti in italiano delle sigle dei cartoni animati. Il mese di dicembre si chiude con una serata davvero speciale. Venerdì 22 dicembre il concerto-spettacolo Viaggio in Italia - cantando le nostre radici, dopo il grande successo delle repliche presso l'HUB culturale, approda in un luogo d'eccezione: l'auditorium RAI, all'interno della serata Il Natale della Costituzione, dedicata a celebrare il settantesimo anniversario dell’approvazione della Costituzione della Repubblica italiana, votata il ventidue dicembre 1947. Il concerto, è nato nell'ambito di un approfondito laboratorio sulla musica popolare a cura di Tosca, Felice Liperi e Paolo Coletta, per la regia di Massimo Venturiello e con la supervisione musicale di Piero Fabrizi. Attraverso un percorso fatto di voci, suoni, melodie popolari del nostro Paese, si andrà alla riscoperta di una memoria comune, di un passato fatto di riti familiari, feste popolari così come di cronache di lavoro e tragedie. La serata, che sarà trasmessa in diretta da Rai Radio3, vedrà la partecipazione straordinaria di Tosca al live, e proporrà alcune letture di Massimo Venturiello così come un dialogo tra Marino Sinibaldi e il Costituzionalista Michele Ainis. Il primo appuntamento dopo le vacanze natalizie, ad apertura della stagione 2018 dell’HUB culturale, sarà invece quello del 7 gennaio con Spaghetti Unplugged - Special Edition a Officina. Come sempre, il salotto musicale ormai punto di riferimento della nuova scena romana, creato per cantare e ascoltare canzoni e in cui coesistono e si confrontano estetiche e linguaggi diversi della "forma canzone", sarà aperto agli emergenti, agli artisti affermati o ai semplici amanti della musica. Sul palco di Officina Pasolini si darà forma ad una versione molto particolare del celebre ‘saloon’ romano, all’interno di una serata ricca di sorprese.

EVENTI 10 DICEMBRE 2017 – 7 GENNAIO 2018

10 DIC // ORE 18:00
Voci per la libertà – Una canzone per Amnesty
Vent’anni di musica in difesa dei diritti umani
Serata in collaborazione con Amnesty International

18 DIC // ORE 21:00
Vorrei che fosse Amurri
A venticinque anni dalla scomparsa, amici, colleghi, cantanti e attori ricordano insieme Antonio Amurri
Ospiti d’onore: Renzo Arbore, Enrico Vaime

19 DIC // ORE 21.00
Quando viene dicembre: Anastasia 20 anni dopo
Proiezione di Anastasia di Don Bluth e Gary Goldman, con le voci di Fiorello e Tosca
Modera Steve Della Casa. Intervengono: Mauro Bosco, Fabrizio Vidale, Ermavilo
Tosca canta dal vivo alcuni brani tratti dalla colonna sonora del film

22 DIC// ore 21.00
Auditorium RAI – Sala A
Viaggio in Italia – cantando le nostre radici
A cura di Tosca, Felice Liperi e Paolo Coletta
Supervisione musicale di Piero Fabrizi
Regia di Massimo Venturiello
Con la partecipazione straordinaria di Tosca
Letture di Massimo Venturiello
Marino Sinibaldi dialoga con il Costituzionalista Michele Ainis
La serata sarà in diretta su Rai Radio 3

7 GEN 2018// ORE 21:00
Spaghetti Unplugged - Special Edition - a Officina
Riprende anche nel nuovo anno la collaborazione con Spaghetti Unplugged il salotto musicale creato per cantare e ascoltare canzoni

Teatro Eduardo De Filippo - Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini
Allo spazio si accede attraverso l’accesso di Viale Antonino di San Giuliano, angolo via Mario Toscano (zona Ponte Milvio)
www.officinapasolini.it
_______________________________________________________________________________

iCompany … PLAYS IN AUDITORIUM 
gennaio - maggio 2018
Auditorium Parco della Musica - ROMA

ICompany torna all’Auditorium Parco della Musica di Roma con una serie di eventi che spazieranno dalla grande musica italiana (Ornella Vanoni), agli artisti del panorama indipendente (Wrongonyou), dal cantautorato (Flavio Giurato) per arrivare fino al concerto di piano solo del compositore Arturo Annecchino. iCompany accoglie e raccoglie, nel tempio romano progettato da Renzo Piano, “la musica che gira intorno”, la musica che ci ha formati e la musica che nasce e si muove con noi in questi anni. La rassegna partirà da gennaio 2018 e arriverà fino alla primavera; molti i concerti ancora da annunciare.

Flavio Giurato
12 gennaio 2018 – Teatro Studio
Flavio Giurato è senza dubbio il segreto meglio custodito della scena cantautorale italiana. Artista di culto per addetti ai lavori e appassionati, Flavio torna con un nuovo album di inediti dal titolo Le promesse del mondo per l’etichetta discografica Entry, a distanza di due anni dal precedente La scomparsa di Majorana. Il disco affronta un tema vivo e presente da sempre ma oggi quanto mai attuale in Italia e non solo: il fenomeno migratorio, il movimento degli esseri umani in tutto il mondo, un fenomeno preso a tutte le latitudini e longitudini ed in diverse epoche storiche.

Ornella Vanoni
1 febbraio 2018 – Sala Sinopoli
Una carriere lunga 60 anni e una voce tra le più belle e inconfondibili del panorama italiano. Ornella Vanoni torna a Roma con un nuovo spettacolo intitolato "La mia storia", un racconto attraverso la musica della sua carriera artistica in cui presenterà i brani storici della mala, di Brecht ed i successi che l'hanno fatta amare dal grande pubblico italiano. Ornella Vanoni nasce a Milano il 22 settembre 1934. Si iscrive alla scuola del Piccolo Teatro e incontra Giorgio Strehler che diventa, oltre che il maestro, il suo compagno. Debutta nel 1957 ne "I Giacobini” di Federico Zardi. Strehler decide di inventare per lei un genere totalmente nuovo che prenderà il titolo di “canzoni della mala”, in buona parte scritte da lui con la collaborazione di Fiorenzo Carpi, Gino Negri e Dario Fo e altri. Con questo repertorio Ornella arriva al Festival dei Due Mondi di Spoleto nel 1959. L'incontro nel 1960 con Gino Paoli la avvicina alla canzone d’autore e porta a una collaborazione autore-interprete di brani memorabili. L’anno successivo verrà chiamata da Garinei Giovannini per portare "Rugantino" anche a New York. Da questo momento ci sono solo musica, dischi, tv e festival. Vince il primo premio insieme a Modugno al Festival di Napoli con “Tu sì na cosa grande” e vince anche il secondo cantando con Nunzio Gallo la canzone “Ammore mio”. Con Sergio Bardotti Ornella si avvicina al fantastico mondo del Brasile di Vinicius de Moraes e Toquinho. La collaborazione con Bardotti si conclude con l’album “Ornella e....”, inciso con i maggiori jazzisti del mondo: George Benson, Herbie Hanckock, Steve Gadd, Gil Evans, Michael Brecker, Ron Carter. Negli anni ’90 ha inizio la collaborazione con il produttore artistico Mario Lavezzi. Torna  a teatro con Giorgio Albertazzi e si susseguono successi discografici epocali e relative tournée. È stata insignita delle onorificenze di Commendatore e di Grande Ufficiale. Il 2008 è l’anno di importanti riconoscimenti: “Premio Milano donna – le donne che hanno fatto grande Milano”, “Premio Marisa Bellisario Speciale alla Carriera”, “Premio Lunezia”. A maggio 2010 riceve al Campidoglio di Roma il prestigioso “Premio Simpatia 2010”. A settembre 2013 pubblica il nuovo album di inediti “Meticci” (Io mi fermo qui). Nel 2015 intraprende un tour teatrale dal titolo “Un filo di trucco un filo di tacco”.

Arturo Annecchino
2 marzo 2018 – Teatro Studio
Dopo le atmosfere soffuse del pianoforte notturno, Arturo Annecchino ripropone la sua inesauribile vena creativa, in un concerto emozionante, gentile e ricco di sorprese, di pari passo con le grandi performance compositive che continua a regalare a cinema e teatro. Un concerto sussurrato che racconta storie. Quelle storie lievi che colui che ascolta poi scrive....Note che galleggiano nell’ aria e che evocano suoni. La formula rimane quella dello straniamento dallo spazio e dal tempo che conduce con sapienza e dolcezza l’ascoltatore nei dedali delle sue più segrete e profonde emozioni. Un concerto per condurre lo spettatore al profondo delle sue più dolci emozioni. Un appuntamento con le memorie sonore che più profumano la nostra mente e il nostro cuore. In un linguaggio che sa combinare con sapienza solarità e introspezione.

Wrongonyou
21 marzo 2018 – Teatro Studio
Dopo aver recentemente aperto alcuni concerti di Levante, WRONGONYOU si è esibito allo Spring Attitude Fest di Roma con artisti come Romare, Clap Clap e Yussef Kamaal e poi a Milano per uno speciale show case in occasione della giornata di chiusura del Wired Next FestNumerosi poi gli show importanti durante l’estate 2017 che lo hanno visto in tour in Italia e in Europa, passando anche per il prestigioso palco del Primavera Pro di Barcellona e facendo da opener agli americani The Lumineers a luglio, per finire all’Home Festival di Treviso. WRONGONYOU è Marco Zitelli, cantautore romano classe 1990 che riesce a fondere folk, elettronica ed una voce unica per intensità in un progetto dal grande respiro internazionale. Il talento cristallino di WRONGONYOU - che a fine 2016 ha pubblicato il primo ep per Carosello Records, "THE MOUNTAIN MAN" - lo ha già portato ad esibirsi ovunque, anche come supporter di Niccolò Fabi, arrivando a superare i confini italiani con la partecipazione a svariati festival europei e facendo entrare il brano 'The Lake' nella colonna sonora della serie 'Terrace House: Aloha State' su NETFLIX Japan, in attesa del primo album di inediti, prodotto da Michele Canova.
_________________________________________________________________________________

ANTONIO "RIGO" RIGHETTI
concerti

29 novembre 
Rigo's Cash Machine@Andrea Barbi Show Trc 
1 dicembre 
Rigo's Water Hole Trio Live@Pit Bellinzona (Ch)
2 dicembre 
Rigo w.Mel Previte & Robby Live@Spazio Teatro 89 Milano (Mi)
5 gennaio 2018 
Rigo's Rock Birthday Live@Bravo Caffè Bologna(Bo)
27 gennaio 2018 
Rigo's Cash Machine Duo Live@Ale House Blues Club Faenza
23 febbraio 2018 
Rigo's Cash Machine Trio Live@Contestaccio Roma 
12 maggio 2018 
Rigo's Cash Machine Trio Live@Il Pasteggio a Livello San Felice s/p
_________________________________________________________________________________

SELTON
MANIFESTO TROPICALE TOUR

Dal 10 novembre i SELTON presenteranno dal vivo, con l’energico live che li ha resi famosi in Italia e all’estero, “MANIFESTO TROPICALE”, il loro ultimo album di inediti pubblicato il 1 settembre dalla Universal Music. Un disco dedicato ai sentimenti, ai ricordi e ai viaggi, senza confini geografici o culturali. Gli stili si incontrano e si intrecciano per dar vita a un solo linguaggio, capace di tradurre in maniera inedita il mondo contemporaneo. Lo stesso accade per le lingue, che si intrecciano perfino all’interno di uno stesso pezzo: italiano, portoghese, inglese, importa poco, affinchè tutto possa risultare quasi nuovo, inaspettato, magico.

01/12 Roma - MONK 
02/12 Modena - OFF 
08/12 Bologna - Teatro Comunale 
13/12 Padova - Mame club
21/12 Torino - sPAZIO211 
22/12 Brescia - Latteria Molloy 
23/12 Firenze - Auditorium Flog 
30/12 Rimini - Bradipop 
_________________________________________________________________________________

Ezio Guaitamacchi & Salumeria della Musica 
presentano
“PATTI SMITH LA SACERDOTESSA DEL ROCK”
Special guest: ANGELA BARALDI
SALUMERIA DELLA MUSICA (via Pasinetti, 4 - MILANO)
Giovedì, 14 dicembre - ore 22

Uno spettacolo suggestivo di racconti, suoni e visioni che ricostruisce la "vita spericolata" di una delle grandi regine del rock: la sua infanzia complicata, le sue infatuazioni artistiche, le sue passioni musicali, i suoi miti letterari, i suoi amori travolgenti prima che Patricia diventasse Patti. EZIO GUAITAMACCHI (autore, voce narrante, chitarre) è accompagnato sul palco della voce della formidabile vocalist BRUNELLA BOSCHETTI, dal “live painting” di CARLO MONTANA (che dipingerà un ritratto di Patti Smith) e dalle immagini e e dai filmati storici curati dalla regia di FILIPPO GUAITAMACCHI. ANGELA BARALDI (nella doppia veste di attrice e cantante) impreziosisce uno show multimediale di grande fascino

________________________________________________________________________________

Andrea RA
Live Wishlist Roma
Sabato 16 dicembre

Reduce da una lunga tournée con Fabrizio Moro e premiato recentemente al MEI come Miglior Bassista Italiano Alternative 2017, Andrea Ra sarà in concerto presso il Wishlist per una serata all’insegna del rock puro. L’appuntamento è sabato 16 dicembre per un  concerto elettrico in cui il bassista e cantautore romano suonerà  molti brani tratti dal suo storico repertorio e altri che andranno a comporre il suo nuovo album di prossima pubblicazione. Ad accompagnarlo in questa avventura Giacomo Anselmi alla chitarra e James Rio alla batteria con una formazione rigorosamente in power trio che non tradisce l’essenza del bassista e cantante romano. Un suono aggressivo, una ricerca continua hanno fatto di Andrea Ra un musicista di grande livello e uno dei bassisti elettrici più quotati a livello nazionale. Eccentrico, virtuoso, conosciuto anche come il "Cane sciolto del Rock" (Liberazione 2008) e il "Les Claypool Italiano" (Rocksound 2002): sono solo alcune delle definizioni utilizzate da molti addetti ai lavori nelle riviste specializzate e dai suoi fan in questi ultimi quindici anni per descrivere il talento del bassista e cantautore rock Andrea Ra.  Cresciuto sin dal 1994 nello storico Locale di Vicolo del Fico a Roma da cui sono usciti i vari Daniele Silvestri, Max Gazze', Niccolo Fabi, Tiromancino, Riccardo Sinigallia e tanti altri. Dal 1993 in poi dopo 4 album col power trio “Atto terzo”, innumerevoli collaborazioni, concerti e session in questi anni come bassista di molti artisti del panorama musicale italiano (tra cui Giuliodorme, Daniele Groff, Diaframma, Piotta, Fabrizio Moro), si mette in proprio dando vita al suo attuale progetto solista esordendo nel 2002 con “Scaccomatto” (concept album ispirato al Settimo Sigillo di Bergman) pubblicato dalla Mescal, l'allora etichetta dei Subsonica, Afterhours e Bluvertigo. Un disco senza troppe regole e compromessi che in breve tempo ha riscosso un ottimo successo di critica e pubblico. Nel 2007 viene pubblicato “Le bighe sono pronte” un disco molto potente registrato dal vivo, che racchiude tutta l’energia e la carica dei suoi live. Ad Ottobre del 2011 arriva “Nessun riferimento” anticipato dal singolo “Insieme al vento” presentato in esclusiva su Rolling Stone e per più di due mesi tra i brani più trasmessi nel circuito dalle radio indipendenti. “Nessun riferimento” è stato il secondo album più venduto nel 2011 sul sito del distributore discografico Audioglobe ed ha riscosso anche consenso da parte di critica e siti specializzati.
_________________________________________________________________________________

LIVE E OLTRE DA 
I SALICI

SABATO 16 DICEMBRE
SAN GIORGIO DI NOGARO
Un posto nuovo per noi ma già pregustiamo l'entusiasmo dello spazio sociale Tai Gial... attorno al nostro concerto un brulicare di attività, voglia di fare e di dire.

L'ISONZO E I SUOI TERRITORI - CONFERENZA - FIUMICELLO
Non proprio un evento SALICI  ma come forse sapere la complementarietà con AESON è molta.
Bene! Se volete capirne di più sul territorio in cui viviamo consigliamo vivamente di partecipare a questa conferenza  organizzata con AESON e curata da Davide Scridel (vedi anche crediti CD Salici).

ECCO IL PROGRAMMA
Ore 19.00
introduzione alla serata: accenni sulle sfide ed opportunità nella relazione uomo-natura.
Davide Scridel e Pierpaolo Merluzzi
Ore 19.20
Il fiume Isonzo a Fiumicello e dintorni: cambiamenti paesaggistici in atto sul territorio ed implicazioni gestionali.
Paolo Utmar
Ore 19.40
Esempi di pratica gestionale per un’agricoltura più sostenibile.
Carlo Feresin
Ore 20.00
L'uomo e la fauna terrestre nella valle dell'Isonzo. Estinzioni, ricolonizzazioni, nuovi arrivi, reintroduzioni, introduzioni. Luca Lapini
Ore 20.20
Il ruolo dell'attività venatoria nella gestione del territorio: aspetti positivi e negativi. Matteo de Luca
Ore 20.40
Agricoltura e naturalità diffusa delle zone rurali. Vecchi conflitti e nuovi scenari.
Livio Poldini 
______________________________________________________________________________

BASS CULTURE 
PRESENTA
PETER CINCOTTI 
AD ALBEROBELLO CON IL SUO ROMANTICO E INTIMISTICO LONG WAY FROM HOME
17 dicembre - ore 21 
Unesco Jazz Festival 
Cinema Teatro dei Trulli, via Giuseppe Ungaretti 26 – Alberobello


Il 17 dicembre il cantautore americano Peter Cincotti sarà ad Alberobello per una tappa del suo tour pugliese firmato Bass Culture. Nella serata organizzata con il supporto del Comune di Alberobello, il musicista newyorkese si esibirà a partire dalle 21 al Cinema Teatro dei Trulli (via Ungaretti, 26) nell'ambito dell'Unesco Jazz Festival per presentare il suo nuovo album: Long Way From Home.
Dopo il sold-out a Bari, il concerto nella città dei Trulli patrimonio dell'Unesco rappresenta un'occasione imperdibile per ascoltare Cincotti dal vivo in Puglia. I biglietti sono disponibili e acquistabili attraverso il circuito bookingshow.it, online ed in tutti i punti vendita autorizzati. Peter Cincotti viene scoperto giovanissimo dal produttore Phil Ramone che produrrà il suo album d'esordio. Album che raggiungendo in brevissimo tempo la prima posizione nella classifica jazz Billboard rese l'allora diciottenne americano con origini italiane il più giovane musicista e cantautore a raggiungere quel risultato. Da allora sono passati sedici anni e nella storia di Cincotti si sono susseguite grandi collaborazioni come quelle con Andrea Bocelli e David Guetta, tre album di successo di cui East of Angel Town, prodotto dal vincitore di 16 Grammy Awards, David Foster, e hit di successo mondiale come Goodbye Philadelphia. Ad Alberobello Cincotti porterà in tour il suo spettacolo Long Way From Home, titolo del nuovo album uscito il 13 ottobre. Scritto, arrangiato e prodotto da lui stesso, Long Way from Home contiene 12 tracce in cui il musicista mescola con naturalezza pop, rock, blues e jazz, nel suo stile unico ed inconfondibile. Si tratta, dunque, del suo album più personale mai realizzato che, rispetto ai lavori precedenti, incorpora un pianoforte più ritmico giocando con una piega pop. “Ogni volta che andavo a dormire, una nuova canzone mi appariva in ogni sogno. Così mi svegliavo e scrivevo - commenta lo stesso Cincotti -. Diverse tracce di questo album sono state scritte in questo modo. Sono arrivato ad un punto in cui non mi sembrava di comporre, ma di scrivere quello che percepivo essere già lì”.  Biglietti: Primo settore euro 20 + d.p. - Secondo settore: euro 15 + d.p. Infoline: 393 9639865 - bassculture.it 
_______________________________________________________________________________

PIERS FACCINI

24 Gennaio
Milano @ Salumeria della Musica

25 Gennaio
Venezia @ T Fondaco dei Tedeschi
(ingresso libero SOLO su prenotazione) 

26 Gennaio
Torino @ Folk Club

Sull'onda dei consensi di pubblico e critica del suo ultmo album “Between Dogs And Wolves”, uscito il 21 ottobre 2016 su etichetta Beating Drums/Ponderosa Music&Art, torna in Italia  Piers Faccini per tre concerti a MIlano, Venezia e Torino. “I Dreamed An Island” è il sesto album per la carriera solista di uno dei migliori cantautori europei che annovera, tra i suoi fan, Ben Harper e Jack Johnson. Il nuovo album è la personale ricerca di Piers Faccini attraverso un viaggio verso un rifugio, al sicuro dalle tempeste della paura e dell’intolleranza. Cantato in inglese, francese, dialetto italiano ed arabo, il disco è un’appassionata celebrazione delle diversità culturali e del pluralismo: ricercando un’epoca d’oro in cui tolleranza religiosa e coesistenza convivevano pacificamente, Faccini trova un modello per il suo utopico rifugio. “I Dreamed An Island” rappresenta quel raro momento di coesistenza di fede, fiducia e lealtà nell’essere umano. Ambientato ed ispirato ai tempi che furono, in realtà il disco suona molto più che attuale, sia nel linguaggio che negli arrangiamenti, dove chitarre elettriche convivono con suoni barocchi e marocchini. Cercando di immaginare come far coesistere in un ambiente provenzale la lingua inglese coi suoni magrebini, Faccini attraversa il folk e la world music, trasformando John Martyn in Ali Farka Toure, Pentagle in una band tunisina che suona in un matrimonio e una “ciaccona” siciliana in un riff Touareg. In tour Piers Faccini sarà accompagnato da Simone Prattico alla batteria e da Malik Ziad (oud, mandola).
_______________________________________________________________________________

Sam Amidon e i Guano Padano
insieme in tour a Febbraio 2018

Sam Amidon cantautore, poli-strumentista folk, nato a Brattleboro, nel Vermont nel 1981, è uno dei più stimati artisti folk contemporanei. Da subito la critica sia nel vecchio continente che negli Stati Uniti, ha elargito commenti entusiastici sui suoi lavori, e importanti magazines come Rolling Stone hanno paragonato la sua voce per spessore e intensità a quella di Nick Drake. Oltre all'attività di cantautore e compositore, coltiva l'hobby del disegno, come testimoniano alcuni fumetti e copertine di album di cui è autore. Come produttore, nel 2009, ha contribuito alla realizzazione dell'album “Keys To The Kingdom” di Mary Alice Amidon (sua madre). Ha inoltre collaborato con l'artista classico-contemporaneo Nico Muhly, apparendo nel suo disco intitolato “Mothertongue”. Compare inoltre, come chitarrista, violinista e suonatore di banjo, negli album “The Ken Burns Effect” e in “Conformist”, rispettivamente con gli Stars Like Fleas e i Doveman (di cui fa parte e con i quali incide e si esibisce dal vivo). Il suo nuovo disco, "The Following Mountain" (Nonesuch, 2017) è stato definito dal Guardian come “un coraggioso, nuovo percorso nel folk”. Nel 2018 Sam incontrerà per la prima volta sulla sua strada il power folk dei Guano Padano. Quello dei Guano Padano, è come lo defiinisce lo scrittore Vittorio Bongiorno, un “Folk metropolitano”, dove melodia e rumore, analogico e digitale, vuoto e pieno, uomini soli e donne fatali si versano l’ultimo bicchiere...” Una vera fusione di intenti, non un semplice opening. La pianura padana, straordinariamente al confine con il New Mexico, incontra il Vermont, disegnando nuovi orizzonti per il folk contemporaneo. Il trio formato da Alessandro “Asso” Stefana alle chitarre (P.J. Harvey, Vinicio Capossela), Zeno De Rossi alla batteria (Vinicio Capossela) darà vita assieme ad Amidon sul palco ad un concerto unico con brani tratti dai dischi di entrambi oltre a preziose cover che li legano da sempre l'uno all’altro. Queste le date che Sam Amidon e i Guano Padano faranno insieme:

7 Febbraio 2018 - Perugia @ Rework
8 Febbraio 2018 - Torino @ Spazio 211
9 Febbraio 2018 - Ravenna @ Bronson
10 Febbraio 2018 - Firenze @ Sala Vanni
11 Febbraio 2018 - Osimo (AN) @ Teatro La Nuova Fenice
12 Febbraio 2018 - Cantù (CO) @ All’UnaeTrentacinqueCirca

I Guano Padano sono stati anche confermati come la band di supporto ai Calexico, in occasione del loro concerto all'Estragon di Bologna il 16 Marzo 2018.
________________________________________________________________________________

CALEXICO
TRE NUOVE DATE IN ITALIA 

13/03/2018 
Roma - Auditorium Parco della Musica
Special guests Mexican Institute of Sound
14/03/2018 
Milano - Alcatraz
Special guests Mexican Institute of Sound
16/03/2018 
Bologna - Estragon

Ponderosa Music & Art presenta il nuovo tour dei CALEXICO, il celebrato collettivo di Tucson che arriverà Italia per tre date live a marzo 2018 in occasione dell'uscita del nono album in studio The Thread That Keeps Us, un puntuale spaccato della band, nonché un ritratto di famiglia che cattura tutta la loro imprevedibilità e varietà stilistica, pur riservando il consueto spazio per la loro illimitata creatività. Nel dare vita all'album, il cantante / chitarrista Joey Burns e il batterista John Convertino, hanno trovato la loro dimensione spirituale in un ambiente insolito, non in Arizona, ma bensì sulla costa settentrionale della California, in una casa trasformata in studio, chiamata House Panoramic. Costruita con detriti e legname recuperato da un cantiere navale – soprannominata dalla band "la nave fantasma" - la sfarzosa casa, con il suo ambiente all'avanguardia, non ha tardato a dare il suo contributo al suono dei nuovi brani.I CALEXICO sono: Joey Burns, John Convertino, Martin Wenk, Jacob Valenzuela, Sergio Mendoza, Jairo Zavala Ruiz, and Scott Colberg.