Concerti Classica

I principali concerti di musica classica e contemporanea

CAMERA MUSICALE ROMANA
Convento dei SS. XII Apostoli - Sala dell'Immacolata
Via del Vaccaro, 9 - angolo p.za Ss. Apostoli Roma

Domenica 24 febbraio 2019 ore 18.30
“Differencias”
Ritmi di danza e Arie delle antiche corti
Rosario Cicero, chitarra rinascimentale e barocca
Mario d’Agosto, liuto e tiorba
Con la partecipazione del soprano Andrea Mancée

Un percorso interpretativo, nella ricerca delle perdute sonorità originali, a riscoprire la profondità espressiva e l’evoluzione della sensibilità del mondo colto tra rinascimento e barocco. La doppia anima delle antiche intavolature, dal gusto di Corte per la stilizzazione raffinata ai graffianti suoni che rievocano la dimensione "magica" della musica barocca nei suoi più profondi legami con la cultura popolare. L’emancipata arte della variazione su lontani ritmi di danza stilizza e sintetizza reminiscenze della cultura araba e la trasgressiva sensualità dei balli dal Nuovo Mondo con la gestualità elegante e la spiritualità del contesto culturale europeo. L’arcaico colore degli antichi strumenti, il virtuosismo tecnico e l’intensa vocalità delle arie seicentesche propongono un itinerario estetico che svela un repertorio dalla insospettabile modernità e dal fascino sempre vivo.

Programma

A. Le Roy Passemezzo, Branle
G. Morlaye Conte Claros
G. Caccini Tu Ch’Hai le penne, Amor ch’attendi, Con le luci
L. de Ribayaz Xacaras
S. de Murcia Gallardas, Marionas
Francois Le Cocq Folies D’Espagne
G. Frescobaldi Se L’Aura Spira
A. Falconieri La Soave Melodia, Dolci Sospiri, Pastorella
G. B. Granata Ballo di Mantova
Gaspar Sanz Canarios, Espanoletas, Las Hachas
S. De Murcia Tarantelas, La Jota

Prossimo appuntamento:

Domenica 10 marzo ore 18:30       
“Tra antico e moderno”
Musiche di Gluck, Telemann, Bach, Ligeti, Debussy, Hackett, Genesis King Crimson, Lo Muscio.
A. Thomas, J. Heggie
John Hackett, flauto -  Marco Lo Muscio, pianoforte

Ingresso / Ticket € 15,00 - ridotto) € 8,00 (riservato ai soci, ai minori di anni 18, agli over 65 e agli studenti universitari e di conservatorio purché muniti di libretto). Convenzioni aperte con l'Associazione Info. Roma, La chiave del violino e l'Accademia Musicale Sherazade. Servizio gratuito di prenotazione (vivamente consigliata)

Tel.: +39 333 45 71 245/ 3498256457
_________________________________________________________________________________

In collaborazione con Teatro Sala Umberto, l'Associazione Suono e Immagine Onlus 
presenta
con la direzione artistica di Lorenzo Porta Del Lungo

DOMENICA CLASSICA
Al Teatro Sala Umberto
cinque appuntamenti con la musica classica la domenica mattina
Dal 18 novembre 2018 al 24 marzo 2019, ore 11.00
Teatro Sala Umberto, Via della Mercede 50, Roma

Riparte il 18 novembre 2018 il ciclo di appuntamenti Domenica Classica al Teatro Sala Umberto di Roma, composto da cinque matinée domenicali di musica classica e cameristica, che spaziano dalla musica romana del Medioevo ai giorni nostri alla musica ungherese, dal trio di Mozart e Beethoven, fino ai quartetti di Mozart e Schumann. Dopo il successo dell’edizione scorsa, anche quest’anno Domenica Classica vanta la direzione artistica di Lorenzo Porta Del Lungo. La rassegna, che si concluderà il 24 marzo 2019, ha l’obiettivo di animare la domenica mattina romana di concerti, di diffondere la cultura musicale a un pubblico eterogeneo e di stimolare l'approfondimento della conoscenza della storia della musica. Domenica 18 novembre alle 11.00, primo appuntamento di Domenica Classica con il concerto “Il canto di Roma” dell’ensemble Mare Nostrum. Furio Zanasi, baritono, Andrea De Carlo, viola da gamba e direzione, Simone Vallerotonda, liuto, tiorba e chitarra barocca, e Lucia Adelaide di Nicola, clavicembalo, accompagnano il pubblico in un percorso emozionante di musica romana, che dal Medioevo, attraverso le melodie rinascimentali e barocche, portano fino alle canzoni popolari dei nostri giorni. La musica ungherese è la protagonista assoluta del concerto di domenica 16 dicembre 2018, ore 11.00, dal titolo “L’Ungheria aperta alle culture del mondo”. L’ensemble, composto da Ilona Balint, viola, Edina BAK, pianoforte ed Ettore Pagano, violoncello, eseguirà un repertorio composto dalla musica portata dagli zingari e dai migranti ungheresi nelle città in Europa, reinterpretata poi dai romantici, dall’opera dei compositori nazionali e dalle ricerche sulla musica etnica di Bartok e Kodaly e, infine, da due lavori inediti di Csaba Erdelyi in prima assoluta. Musiche di: F. Schubert, B. Bartòk, Z. Kodàly, F. Farkas, F. Liszt, D. Popper, G. Ligeti. Il 10 febbraio 2019, ore 11, è la volta di “Mozart e Beethoven in trio”. Il Trio in mi bemolle maggiore per pianoforte, clarinetto e viola KV. 498, fu incluso da Mozart nel suo catalogo personale il 5 agosto 1786. Secondo un aneddoto non verificabile, il brano sarebbe stato composto da Mozart nel corso di una partita a birilli. È da qui che nasce appunto il suo soprannome di "Trio dei birilli" ("Kegelstatt-Trio").  Insieme al Trio di Beethoven, qui nella versione con clarinetto anziché violino, entrambi “viennesi“, sono stati scritti da ciascuno dei grandi compositori intorno all’età di trent’anni. In questo concerto, si accompagnano a brani dell’opera matura di Max Bruch, importante artista tedesco vicino alla sensibilità di Schumann, brani ispirati dal bel suono del clarinetto di suo figlio Felix. Domenica 3 marzo 2019 alle 11, “Schumann e Mozart, due quartetti modello”. Il quartetto di Robert Schumann è l’unico con pianoforte che ha un ruolo da strumento solista, sorretto da un gioco delle parti degli archi concepito come un insieme orchestrale. Mentre le “Dissonanze” di Mozart è il più sorprendente quartetto del grande artista, caratterizzato da un’introduzione lenta, unica nel suo genere, e condotta in modo armonicamente avveniristico per l’epoca. Domenica 24 marzo 2019 ultimo appuntamento di Domenica Classica con “Recital” del pianista Lorenzo Porta del Lungo. La rassegna è organizzata dall'Associazione Suono e Immagine, costituita come Onlus nel 2009, nasce a seguito delle ricerche artistiche del suo Presidente Lorenzo Porta Del Lungo, che riconosce il ruolo fondamentale dell'arte come strumento per lo sviluppo e la crescita dell'essere umano. Da qui è nata l'esigenza per il collettivo di costituire un'associazione di solidarietà sociale, per promuovere la divulgazione della musica e della cultura, attraverso iniziative artistico-culturali, di formazione pedagogica, prevenzione psicologica e di recupero ecologico e ambientale. 

Biglietti (con prevendita). Platea: 20,50 € (intero) – 16 € (ridotto). Galleria: 13,50 € (intero) – 10 € (ridotto). Conservatori e scuole: 5 €. CARD per la classica: 5 concerti 50 €. Ridotto BIBLIOCARD – CRAL dopo lavoro – Over 65. Abbonati Sala Umberto sconto 30%
Platea: 14 € Galleria: 10 €
_________________________________________________________________________________

STAGIONE CONCERTISTICA 2018/19
 9 ottobre 2018 – 7 maggio 2019 
Accademia di Musica di Pinerolo

Da ottobre a maggio, sono 17 gli appuntamenti in programma, che spaziano dall’integrale cameristica di Schumann al jazz, dalla musica contemporanea per pianoforte alle atmosfere tangueire, puntando sempre sulla qualità artistica e aprendosi a collaborazioni, coproduzioni e nuove convenzioni. L’acclamato tenore Ian Bostridge con la pianista italiana Saskia Giorgini, il duo d’eccezione composto da Sonig Tchakerian e Andrea Lucchesini, l’integrale di Schumann del Trio Johannes, il recital di pianoforte di Alexander Gadjiev e la coproduzione con EstOvest Festival, che vede protagonista Emanuele Arciuli, pianista tra i più celebrati e versatili in ambito classico e contemporaneo, sono solo alcuni dei protagonisti di assoluto rilievo artistico attesi nella sala concerti dell’Accademia. Molto amati e seguiti dal pubblico in sala, vengono confermati sia gli incontri della Guida all’ascolto che precedono i concerti, che il ciclo La Musica Spiegata, dedicato in particolare al repertorio contemporaneo, con il clarinettista Dimitri Ashkenazy e il Delian Quartett con Gabriele Carcano. Continua inoltre la convenzione già in essere con l’Unione Musicale e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, che accoglie in cartellone due appuntamenti con protagonisti d’eccezione: Krystian Zimerman, considerato uno dei più grandi pianisti viventi, sarà mercoledì 23 gennaio 2019 all’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto di Torino; venerdì 3 maggio all’Auditorium RAI Arturo Toscanini l’appuntamento è con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Maxime Pascal direttore, con Beatrice Rana, pianoforte. Per questi due concerti, compresi nel costo dell’abbonamento e riservati agli abbonati, sono previsti due pullman gratuiti da e per Pinerolo, con presentazione dei concerti durante il tragitto. La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup, a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.


ABBONAMENTI 
Abbonamento a tutti i concerti: € 185 - Abbonamento giovani (Under 30): € 50

Gli abbonamenti sono in vendita presso la segreteria dell’Accademia di Musica dal lunedì al venerdì ore 9.00-14.00.  In entrambi gli abbonamenti sono compresi anche i concerti a Torino e la navetta*.

BIGLIETTI SINGOLI: € 15 - RIDOTTO: Card Giovani del Comune di Pinerolo: € 5; Studenti dell’Istituto Musicale Corelli: € 5; Under 30: € 8. - Abbonamento Musei, Socio Coop, Touring Club Italiano, Associazione Lavoratori Intesa San Paolo - ALI, Unitre, Proloco, Coro dell’Accademia di Musica: € 12 

VENDITA E PREVENDITA

Il servizio di prevendita è disponibile da 2 settimane prima di ogni concerto presso la Libreria Volare. I biglietti sono acquistabili anche mezz’ora prima dell’inizio di ogni concerto presso l’Accademia di Musica. Il posto numerato (abbonamento o biglietto) è garantito fino a 5 minuti prima dell’inizio del concerto; dopo tale orario sarà comunque garantito l’ingresso e sarà possibile usufruire di uno qualsiasi dei posti ancora liberi.

*NAVETTA
I biglietti dei concerti previsti a Torino il 23/01 e il 3/05 2019 e la navetta da e per Pinerolo (prenotazione obbligatoria da 15 giorni prima del concerto) sono compresi nel prezzo degli abbonamenti. Altri biglietti per questi concerti potranno essere acquistati secondo le modalità indicate sui siti web dei rispettivi organizzatori (23/01 Unione Musicale; 3/05 Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI).

GIFT CARD: € 30 
Acquista la tua Gift Card per fare un regalo speciale o per regalarti tre serate all’insegna della musica. Ogni Gift Card dà diritto all’ingresso a tre concerti a scelta della Stagione concertistica 2018/19 presso l’Accademia di Musica. Puoi acquistarla presso i nostri uffici (viale Giolitti, 7 - Pinerolo) dal 19/9/2018 fino a fine marzo 2019.

ACCADEMIA DI MUSICA
Annoverata tra le più rinomate strutture di perfezionamento del paese, l’Accademia di Musica offre corsi di specializzazione, workshop, masterclass, borse di studio e opportunità concertistiche per studenti di pianoforte, violino, viola, violoncello, passi orchestrali e musica da camera, con docenti di chiara fama internazionale che si dedicano con grande generosità alla crescita degli studenti come futura generazione di professionisti. L’Accademia di Musica opera da più di 20 anni sul territorio pinerolese affiancando all’attività didattica la stagione concertistica e l’appuntamento biennale dell’International Chamber Music Competition Città di Pinerolo e Torino Città metropolitana. Ha al suo attivo più di mille concerti e la creazione di un’orchestra e di un coro, organizza da 24 anni la rassegna Musica d’Estate a Bardonecchia, che ad ogni edizione richiama più di 7.000 spettatori. Da sempre sostiene i giovani di grande talento, li forma con docenti di fama internazionale, crea per loro occasioni di esibizione professionali, offre concerti per le scuole dalla prima infanzia alle superiori.
_________________________________________________________________________________

Giovedì 7 febbraio al Teatro Circus, l'Orchestra del Conservatorio "Luisa D'Annunzio" di Pescara interpreta la Quarta Sinfonia di Mahler e l'Ouverture de I maestri cantori di Norimberga di Wagner

Giovedì 7 febbraio 2019, la stagione musicale della Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara”  prosegue al Teatro Circus con un progetto speciale di grande intensità e importanza. L'Orchestra Sinfonica del Conservatorio “L. D’Annunzio” di Pescara - diretta da Patrick De Ritis e con Sandra Buongrazio, soprano - interpreta la Sinfonia n. 4 in Sol maggiore di Gustav Mahler e l'Ouverture de I maestri cantori di Norimberga di Richard Wagner. Il concerto si terrà giovedì 7 febbraio 2019 al Teatro Circus di Pescara e avrà inizio alle 21. Il biglietto di ingresso costa 20€ (ridotto a 15€ per i soci della Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara") e si può acquistare sui circuiti online e a Pescara, presso la sede di Via Liguria. Un concerto di notevole spessore interpretativo: un progetto speciale per festeggiare la statizzazione del Conservatorio "Luisa D'Annunzio" di Pescara con un programma che è difficile vedere rappresentato per le stringenti esigenze orchestrali richieste dalle partiture di Mahler e Wagner. La ricorrenza dei 50 anni dalla statizzazione del Conservatorio "Luisa D'Annunzio" di Pescara è l'occasione per dare vita ad una iniziativa istituzionale di grande prestigio che coinvolge le Istituzioni cittadine e, più in generale, abruzzesi sia amministrative di governo che musicali. In 50 anni di attività il Conservatorio "Luisa D'Annunzio" con la sua presenza costante nel territorio della provincia di Pescara, ha formato generazioni di musicisti, sia professionisti che "semplici" amatori, contribuendo, in stretto contatto con le istituzioni cittadine, ad arricchirne la scena culturale sempre ponendosi al servizio della cittadinanza fino a diventare un punto di riferimento artistico e identitario della Città. In questo contesto si inserisce con particolare rilievo la duratura e proficua collaborazione con la Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara", una sinergia che rappresenta l'ideale momento di sintesi della "missione" culturale dei due enti e che, in questa specifica circostanza, si traduce in sempre nuovi e interessanti eventi che verranno realizzati durante tutto l'arco dell'anno.  L'Orchestra del Conservatorio "Luisa D'Annunzio" di Pescara nasce nel 2008 con lo scopo di offrire agli studenti sia un approfondimento didattico, sia l'opportunità di un'esperienza formativa a diretto contatto con il mondo del lavoro. Composta da studenti, ex studenti e docenti del Conservatorio, l'Orchestra con la sua regolare attività riempie oggi nel contesto culturale cittadino uno spazio importante, quello dei concerti sinfonico-corali, altrimenti vuoto ed offre anche la possibilità ai giovani talenti del Conservatorio di confrontarsi con un repertorio, quello del solista con l'orchestra, altrimenti di difficile esperienza. È stata ospite del Festival delle Orchestre Giovanili di Ischia e della "Settimana Mozartiana" di Chieti oltre che nelle stagioni delle principali associazioni concertistiche abruzzesi nonchè di alcune delle Marche e del Lazio. Nel suo repertorio - oltre ai brani sinfonici e sinfonico-corali tra cui spicca il "Requiem" di Verdi eseguito per le celebrazioni del bicentenario verdiano e i "Carmina Burana" di Orff - è presente anche l'opera lirica: ha eseguito "Don Pasquale" di Donizetti, "Il Barbiere di Siviglia", "Il signor Bruschino" e "Cenerentola" di Rossini, "Gianni Schicchi" e "Madama Butterfly" di Puccini, "Cavalleria rusticana" di Mascagni e "Traviata" di Verdi. Il prossimo appuntamento con la Stagione Musicale della Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara" è per venerdì 15 febbraio 2019 con il recital pianistico di Ivan Krpan, vincitore del Premio “F. Busoni” nel 2017: il programma prevede musiche di Beethoven, Busoni e Liszt.
_________________________________________________________________________________

Il pianista e compositore
ROBERTO CACCIAPAGLIA
PRESENTA LIVE IL NUOVO DISCO DI INEDITI “DIAPASON”
Una ricerca tra sperimentazione elettronica e tradizione classica, una musica senza confini, dove l’architettura sonora incontra la melodia

TRE GLI APPUNTAMENTI IN LOMBARDIA DEL DIAPASON Worldwide Tour
DOMANI al Teatro Openjob Metis di VARESE
MARTEDÌ 19 MARZO al Teatro Nazionale di MILANO
VENERDÌ 22 MARZO al Cinema Teatro Giardino di BRENO (BS)
E lunedì 28 gennaio instore a La Feltrinelli di Piazza Piemonte a MILANO

Domani, venerdì 25 gennaio, il pianista e compositore ROBERTO CACCIAPAGLIA sarà in concerto al Teatro Openjob Metis di VARESE per presentare “DIAPASON” (Believe Distribution Services), il nuovo disco di inediti entrato direttamente al primo posto della classifica iTunes Classic. Inoltre, lunedì 28 gennaio alle ore 18.30, il Roberto Cacciapaglia incontrerà il pubblico e presenterà dal vivo alcuni brani di “DIAPASON” a La Feltrinelli di Piazza Piemonte a MILANO, per il primo appuntamento instore. A moderare l’incontro ci sarà Nick The Nightfly. Il DIAPASON Worldwide Tour toccherà di nuovo la Lombardia con altre due date live: martedì 19 marzo al Teatro Nazionale di MILANO e venerdì 22 marzo al Cinema Teatro Giardino di BRENO (BS). Elemento fondamentale e innovativo dei concerti sarà la corrispondenza tra timbro degli strumenti con le luci e i colori, dove l’emanazione delle frequenze sonore incontrano la luce e i suoi raggi armonizzandosi. Sarà un’esperienza fondamentale per entrare in contatto con le potenzialità del suono, grazie a un sistema di trasmissione del suono e una tecnologia innovativa che espande i suoni del pianoforte nello spazio, portando alla luce e rendendo udibili i suoni armonici che normalmente l’orecchio umano non riesce a percepire. Sarà un’esperienza di incanto, una relazione profonda tra ascoltatori e interpreti. Con l’album “DIAPASON”, Caccapaglia continua la sua ricerca tra sperimentazione elettronica, espansione del suono acustico e tradizione classica, di una musica senza confini, dove l’architettura sonora incontra la melodia, veicolo delle emozioni sin dai tempi antichi del mito di Orfeo. L’album, disponibile anche in vinile, è stato registrato con la Royal Philharmonic Orchestra negli Abbey Road Studios di Londra. “DIAPASON” è il simbolo della vibrazione sonora, il suono puro che attraversa lo spazio, la sorgente di tutti i suoni che fa vibrare e risuonare ogni corpo sulla stessa frequenza, in sintonia con il tutto. È simbolo dell’unione profonda attraverso il suono, dono che la musica ha il potere di dare ad ognuno di noi. Il disco contiene tre brani interpretati da Jacopo Facchini, una voce con una vocalità che Roberto Cacciapaglia ha da anni utilizzato nelle sue opere e nei suoi lavori (come “Transarmonia”, “Un giorno X”, “Lamentazioni di Geremia”) perché contiene in sé un registro vocale maschile e femminile in un’unica voce, simbolo dell’unione di energie maschili e femminili che convivono in una sola persona, in una sola voce, in un’unica musica. I brani in questione sono: “Innocence”, che presenta un testo di William Blake, “A Gift”, da un poema del Mahatma Gandhi, e “The Morning is Born Tonight”, ispirato a Martin Luther King. Questi testi, che ci arrivano da uomini straordinari, hanno un significato profondo, sono un’eredità del patrimonio umano, un richiamo alla Bellezza universale e alla potenzialità insita in ogni uomo, che può essere riscoperta attraverso la Musica, attraverso l’Arte, soprattutto in quest’epoca così complessa com’è il nostro mondo contemporaneo. Questa la tracklist completa dell’album: “Frequency of Love”, “The Morning is Born Tonight”, “Farthest Star”, “Joyful Song”, “Innocence”, “Driving Home”, “Always Present”, “A Gift”, “Interlude – The Woodpecker”, “Five Cycles of Minor and Major Keys”, “Exiles”, “Gratitude”. Il disco è stato anticipato dal brano “FREQUENCY OF LOVE”, il cui video per la regia di Eleonora Capitani, è stato realizzato a Londra nello studio 2 degli Abbey Road Studios ed è visibile sul canale YouTube dell’artista al seguente link https://youtu.be/37ypSGqbij8. Il pianista e compositore è impegnato nel DIAPASON Worldwide Tour, che lo vedrà protagonista dei principali teatri d’Italia. Piano, voci, strumenti acustici ed elettronici in perfetto equilibrio nell’oceano di suoni che è la musica di ROBERTO CACCIAPAGLIA. Queste le date annunciate, prodotte e organizzate da International Music and Arts:

14 febbraio – Teatro Duse, BOLOGNA
9 marzo – Teatro Rossini, PESARO
11 marzo – Teatro Filarmonico, VERONA
16 marzo – Teatro Ventidio Basso ASCOLI PICENO
19 marzo – Teatro Nazionale, MILANO
22 marzo - Cinema Teatro Giardino, BRENO (BS)
26 marzo - Teatro Morlacchi, PERUGIA
27 marzo – Auditorium Parco della Musica – Sala Petrassi, ROMA
29 marzo – Teatro Alfieri, TORINO
27 aprile – Teatro Verdi, PISA

I biglietti sono disponibili in prevendita su TicketOne.it e nei punti vendita autorizzati. Per i dettagli e info sui biglietti e le prevendite, consultare i siti: www.internationalmusic.it e www.robertocacciapaglia.com. ROBERTO CACCIAPAGLIA nasce a Milano. Si diploma in composizione presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” della sua città sotto la guida di Bruno Bettinelli, dove studia anche direzione d’orchestra e musica elettronica. Compositore e pianista, è protagonista della scena musicale internazionale più innovativa per la sua musica che integra tradizione classica e sperimentazione elettronica. Da lungo tempo conduce una ricerca sui poteri del suono, nella direzione di una musica senza confini che si esprime attraverso un contatto emozionale profondo. Negli anni, ROBERTO CACCIAPAGLIA ha presentato le proprie composizioni nei teatri più prestigiosi e per le istituzioni più famose in Italia e nel mondo, riscuotendo sempre un grande successo nelle sue esibizioni dal vivo. Fondatore della Educational Music Academy, Accademia musicale che nasce con l'obiettivo di dare voce ai giovani talenti musicali, compositori e interpreti, pianisti e musicisti, affiancandoli per realizzare i loro progetti a livello professionale. Nel 2018 collabora con il rapper statunitense T-Pain nel brano “Second Chance (don’t back down)”, brano in cui Roberto Cacciapaglia è in veste di featuring e compositore con lo stesso rapper. Sempre nel 2018, inoltre, la stilista Stella McCartney sceglie il brano “Sparkling World”, tratto dal disco “The Ann Steel Album” del 1979, per la campagna pubblicitaria della collezione primavera/estate 2018. Nel 2017, a dieci anni dall’uscita dello storico album “Quarto tempo”, opera fondamentale che apre la collaborazione con la Royal Philharmonic Orchestra, il Maestro Roberto Cacciapaglia ritorna con una versione inedita e straordinaria, “QUARTO TEMPO – 10th Anniversary Edition”, doppio CD che, oltre ai 12 brani originali, contiene le interpretazioni per pianoforte solo di tutti i brani e una versione inedita de "Il Ragazzo che Sognava Aeroplani”. Il 22 aprile 2017, in occasione dell’“EARTH DAY 2017”, il Maestro Roberto Cacciapaglia apre e celebra la giornata mondiale del pianeta con un concerto in piazza del Popolo a Roma. “ATLAS”, uscito nel 2016, contiene 28 tracce: una collection di brani tra i più significativi della storia musicale del compositore, arricchita e resa unica da due brani inediti – “Reverse” e “Mirabilis” – e dall’omaggio al grande David Bowie compiuto attraverso una versione strumentale di “Starman”, Requiem in sua memoria. Nel 2015, esce "TREE OF LIFE", contenente “Tree of Life Suite”, composta per il night show dell'Albero della Vita – EXPO 2015. L’album entra subito al primo posto della classifica di musica classica su iTunes, dove rimane in prima posizione per vari mesi. È stata eseguita in concerto con l’Orchestra dell’Accademia Teatro alla Scala presso l’Open Air Theatre per la celebrazione di EXPO 2015.

_________________________________________________________________________________

MICHELE MARCO ROSSI
Continua il tour del violoncellista-performer che sposa ricerca, virtuosismo e teatralità in un’unica performance dall’avvincente efficacia comunicativa

Continua a novembre, dopo il successo convalidato negli ultimi mesi, il tour internazionale di  Michele Marco Rossi, violoncellista che, alla soglia dei 30 anni, ha già alle spalle più di cento prime esecuzioni assolute e nazionali della Nuova Musica.  Definito da critici e prestigiosi colleghi - del calibro di Giovanni Sollima, Ivan Fedele, Michael M. Kasper (Ensemble Modern) e Krzysztof Penderecki - un musicista flessibile, intelligente, dallo straordinario talento, dall’orecchio sottile e di un elevato livello tecnico interpretativo a cui si affianca una spontanea passione per la ricerca assolutamente personale, il talento e la curiosità di Rossi lo hanno portato, nel corso della sua  già intensa e prolifica carriera, ad affrontare un repertorio che spazia con nonchalance dal periodo classico alla contemporaneità, comunicando ad una vasta platea, e non solo di intenditori, un’espressività in grado di catturare il percorso di una storia musicale, anche quando si tratti di musica contemporanea. Nel concerto-spettacolo che ha già toccato tutta l’italia e continuerà anche in Francia e oltreOceano nei prossimi mesi, Michele Marco eseguirà un programma che copre più di 500 anni di musica, tra strumentale e vocale, includendo pezzi per strumento a percussione, musica elettronica, prime esecuzioni assolute, rielaborazioni e trascrizioni, in una formula in continuo cambiamento. Attraverso percorsi tematici diversi intitolati, a seconda dei casi,  Live Set - Solo Cello Project, Roots of Traces, ...et rapida aqua..., Stultifera Navis, De Culpa Sonoris, il violoncellista offrirà un’interpretazione musicale che, pur mantenendo sempre un profilo artistico approfondito, rimarrà fruibile ad ogni generazione e fascia di ascoltatore attraverso la forza delle formule comunicative da lui stesso create per il palcoscenico. "Il violoncello è da sempre il mio compagno di viaggio silenzioso e modesto – dichiara Michele Marco Rossi - Senza mai invadere in maniera plateale il mio spazio, i miei pensieri e le mie giornate, negli anni è rimasto in un angolo e da lì ha agito nel tempo come una spugna: senza che me ne accorgessi, ha assorbito tutti i miei incontri artistici, ha filtrato tutte le mie grandi passioni e sogni (la voce, l'opera lirica, il teatro, la scrittura, la poesia, l'arte contemporanea, le canzoni), e ora mi restituisce tutto indietro, nel mio studio in solitudine e sul palcoscenico, facendomi capire che nel tempo niente va perduto, a volte i legami più profondi sono quelli più silenziosi, e che forse è l'inaspettato a darci l'immagine più chiara di noi stessi." Queste le prossime date fino a febbraio 2019:

10 febbraio 2019  
L’Aquila - Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli”

18 febbraio 2019
Parigi -  Istituto italiano di cultura

22 febbraio 2019
Roma -  Accademia filarmonica romana

________________________________________________________________________________

15 e 16 febbraio in Albania, 2 marzo a Senigallia e 22 marzo a Malta: il travolgente pianista nel suo originale, sorprendente e divertito omaggio a Gioachino Rossini, nel 150mo anniversario della scomparsa
The Rossini Variations: Mario Mariani nuovamente all'estero! 

THE ROSSINI VARIATIONS
Mario Mariani 
in concerto
Venerdì 15 febbraio 2019 ore 20.00
Teatri Metropol, Tirana 
Sabato 16 febbraio 2019  ore 19.00 
Teatri Andon Zako Cajupi, Korçë 
Sabato 2 marzo 2019 ore 18.00
Auditorium San Rocco, Piazza Garibaldi, 1, Senigallia (AN) 
Venerdì 22 marzo 2019  ore 19,30 
Concert Hall Palace De la Salle, La Valletta 

Nuovo appuntamento con l'estero per Mario Mariani, che presenta in Albania (15 e 16 febbraio) e a Malta (22 marzo) il suo ultimo disco The Rossini Variations, pubblicato da Intemporanea Records e distribuito su tutte le piattaforme da Artist First. E' il quarto lavoro del compositore e pianista pesarese, un originale progetto di rilettura dei brani più famosi di Gioachino Rossini: Mariani si cimenta con i brani dell'illustre concittadino rilanciando l'idea-forza della sua progettualità musicale, sintetizzata in una domanda frequente e significativa, ovvero "Un altro piano è possibile?". Mariani si è avventurato in questa brillante operazione in occasione del 150mo anniversario della scomparsa del celebre compositore. Il 2 marzo breve ritorno in Italia per un concerto a Senigallia. Già nel 2017, con The Soundtrack Variations, Mariani offriva il suo personale e sorprendente tributo al mondo del cinema, presentando un pianismo unico nel suo genere, talvolta anche provocatorio, vista l'importanza della performance che si avvale di tecniche estese, molte delle quali di sua ideazione. Con The Rossini Variations il compositore e pianista - apprezzato nel panorama internazionale per il suo stile così peculiare - affronta l'opera di Rossini offrendo un altro punto di vista, quello del suo approccio creativo al piano preparato, con un taglio teatrale e accattivante. Più che un tributo, è un confronto all'insegna dell'invenzione, partendo dal lascito del genio pesarese per incamminarsi su percorsi spiazzanti: l'album contiene infatti rifacimenti, variazioni e improvvisazioni dei brani più famosi tra cui le overtures della Gazza Ladra, Guglielmo Tell e Italiana in Algeri, il Largo al Factotum, il "Duetto buffo di due gatti" e la celeberrima Tarantella. Le trascrizioni a cura di Mariani sono affiancate a variazioni polistilistiche con momenti di natura improvvisativa, che sottolineano quello scintillante spirito rossiniano che, per usare le parole di Stendhal, "allontana dall'anima tutte le emozioni meste".  Diplomato in pianoforte presso il Conservatorio di Musica G. Rossini, Mario Mariani è noto per la sua lunga carriera di compositore e solista, presente in numerosi festival italiani ed internazionali grazie a un approccio al pianoforte riconoscibile ed eclettico. Nella sua figura, come dimostrano il lavoro per il cinema, gli album, le residenze artistiche e le operazioni "site specific", si fondono il compositore, l'interprete e il performer. The Rossini Variations è il suo quarto disco di pianoforte solo, dopo Utopiano (2010), Elementalea (2012) e The Soundtrack Variations (2017).

Info: 
_________________________________________________________________________________










Nessun commento