Concerti Classica

I principali concerti di musica classica e contemporanea

CAMERA MUSICALE ROMANA
Convento dei SS. XII Apostoli - Sala dell'Immacolata
Via del Vaccaro, 9 - angolo p.za Ss. Apostoli Roma

CAMERA MUSICALE ROMANA E L’ARCHITASTO
Presentano

Domenica 16 dicembre a partire dalle 17.00


Ore 17.00
“Aspettando il Natale”
Concerto realizzato in collaborazione l’Associazione Ars Nova
Programma
Gruppo vocale “inEnsemble”
Direttore Beatrice Mercuri
Giovanni G. Gastoldi (1555-1609): L’umorista - Il ballerino
Anonimo del XVI sec.: La violetta - La pastorella
Antica ninna nanna dell’Alvernia: Som Som
Tradizionale natalizio gallese: Deck the halls
Tradizionale natalizio: Joy to the world - Ding dong merrilly on high
Gruppo vocale “Sister Ars”
Direttore Alessandra Fralleone
Tradizionale natalizio: Carol of the bells
Gruppo vocale“Brother Ars”
a cura di Anuhel
Tradizionale natalizio: White Christmas

Ore 18.30
“In Dulci Jubilo”
In collaborazione con i dipartimenti di musica antica dei Conservatori di Frosinone e Latina 
Programma
Coro Polifonico “Voci Sparse” dir. Giacomo Cellucci
Direttore Evangelina Mascardi
Dietrich Buxtehude (ca.1637-1707) - Jesu, Meines Lebens Leben   BuxWv 62
Adriano Banchieri (1568-1634) - Concerto di dui angioletti in dialogo
Dietrich Buxtehude (ca.1637-1707) - Heut triumphieret Gottes Sohn       
Michael Praetorius (1571-1621) - Es ist ein‘  Ros‘ entsprungen                                    
Johann Hermann Schein (1586-1630) O Jesulein, mein Jesulein
Dietrich Buxtehude (ca.1637-1707) - Wachet auf, In dulci jubilo BuxWv52
Michael Praetorius (1571-1621) -Puer nobis Nascitur. Halleluja, Christ ist erstanden                                               
Il programma "In dulci jubilo" presenta brani della musica tedesca del '600 raramente eseguiti. Michael Praetorius, come Claudio Monteverdi in Italia, è un compositore emblematico nel passaggio dalla prima alla seconda pratica, che incoraggiava una maggiore libertà di scrittura. I suoi organici molto ricchi e variati fanno dei suoi brani dei caleidoscopio di colori. Buxtehude oltre ad avere una enorme produzione di musica per tastiera, ha scritto tantissima musica vocale che rimane il migliorie esempio di recitar cantando in lingua tedesca. I testi, molto drammatici, vengono commentati da viole e violini che in diverse e curiose formazioni completano le sue cantate.  

Ingresso / Ticket € 15,00 - ridotto) € 8,00 (riservato ai soci, ai minori di anni 18, agli over 65 e agli studenti universitari e di conservatorio purché muniti di libretto). Convenzioni aperte con l'Associazione Info. Roma, La chiave del violino e l'Accademia Musicale Sherazade

Servizio gratuito di prenotazione (vivamente consigliata)
Info e prenotazioni:
Tel.: +39 333 45 71 245/ 3498256457
______________________________________________________________________________

Nel week-end l’arte si anima: le giovani promesse della Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma oltre alle visite guidate, i laboratori e le nuove avventure delle Mystery Rooms
Sabato 15 dicembre apertura serale dei Musei Capitolini con le esibizioni di un Quartetto d’archi e un Quintetto d’ottoni. Domenica 16 attività gratuite al Bilotti, Napoleonico, Barracco e al Museo della Repubblica Romana

Si avvicina un nuovo fine settimana con gli appuntamenti della manifestazione Nel week-end l’arte si anima. Saranno ancora i Musei Capitolini ad aprire il programma settimanale dell’evento promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con l’apertura serale straordinaria di sabato 15 dicembre dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso alle ore 23). Questa settimana, oltre ad apprezzare le bellezze del museo e delle mostre temporanee La Roma dei Re. Il racconto dell’Archeologia e I Papi dei Concili dell’era moderna. Arte, Storia, Religiosità e Cultura, i visitatori avranno l’opportunità di essere accompagnati, al costo simbolico di un euro o gratuitamente con la MIC Card, dalle musiche dello spettacolo YOUTH in Arte realizzato dalla Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma. La Youth Orchestra è la realtà giovanile istituita dal Dipartimento Didattica e Formazione del Teatro dell’Opera di Roma a seguito di una rigorosa selezione tenutasi nel febbraio 2016. Con ottanta allievi iscritti, essa vanta un organico di molti giovani musicisti provenienti da ogni parte d’Italia e ha all’attivo un ragguardevole repertorio sinfonico e operistico. A esibirsi in occasione dell’apertura di sabato 15 sarà un Quartetto d’archi composto da Florian Lekaj (violino I), Elisabetta Cananzi (violino II), Valentina Calicchia (viola), Gaia Di Domenico (violoncello) che eseguirà il Quartetto in sol maggiore Op. 77 n. 1 di Franz Joseph Haydn (Ore 20.30 Esedra del Marco Aurelio, ore 21.30 Palazzo Nuovo, ore 22.30 Sala Pietro da Cortona), e un Quintetto di ottoni composto da Gabriele Gregori (corno), Alessandro Fresu e Nicolò Pulcini (trombe), Vincenzo Pace (trombone), Manuel Papetti (tuba) che proporrà le musiche di Bach, Voxman, Brown e Joplin (Ore 21 Sala Pietro da Cortona, ore 22 Esedra di Marco Aurelio, ore 23 Palazzo Nuovo). Terminata la serata di festa ai Capitolini, il programma di eventi continuerà domenica 16 dicembre con il consueto appuntamento con il concerto gratuito. Questa volta sarà il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina a ospitare alle ore 11.30 l’esibizione domenicale curata dalla Roma Tre Orchestra. Il trio composto da Damiano Babbini al violino, Costanza Pepini alla viola e Andrea Nocerino al violoncello eseguirà brani di Alfred Schnittke, Zoltan Kodaly e Ludwig van Beethoven. Dalla mattina musicale si passerà poi al pomeriggio di domenica in compagnia, questa volta, delle attività didattiche e visite a ingresso gratuito in alcuni musei del Sistema. Si comincerà alle 15.30, ancora al Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, con il laboratorio per bambini dai 6 agli 11 anni dal titolo Piccoli/grandi fratelli d’Italia. Attraverso questa attività si cercherà di stimolare la curiosità per un’epopea eroica e densa di ideali, rinvigorendo il senso di rispetto per la nazione, l’orgoglio per le proprie radici e la comprensione e il rispetto delle tante diversità regionali e culturali che compongono l’Italia. Ciascun bambino sceglierà il suo personaggio preferito da una immaginaria Galleria di Ritratti della Nazione e sarà invitato a colorarlo. I bambini scopriranno da dove provengono i personaggi prescelti e, riunitisi in gruppi secondo gli stati di provenienza, aggiungeranno i loro tasselli al puzzle generale dell’Italia, secondo un ordine progressivo di anni (1861, 1866, 1870…). Nel cuore di Villa Borghese, invece, prenderà vita alle ore 16.00 la visita guidata alla mostra antologica Balla a Villa Borghese in programma al Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese fino al 17 febbraio 2019. La visita sarà un’occasione per conoscere l’opera del Balla pre-futurista, la sua mirabile tecnica, il lirismo con cui visse e rappresentò Villa Borghese. Alle mirabili opere pittoriche e grafiche in mostra si accompagnerà la visione delle fotografie della Villa di Mario Ceppi, occasione di confronto tra ieri e oggi e tra pittura e fotografia. Completerà la visita la visione del docu-film su Balla di Jack Clemente. Altre proposte a disposizione dei visitatori questo fine settimana saranno le nuove avventure con le Mystery Rooms. Dopo il successo dei primi appuntamenti domenica 16 andranno di nuovo in scena le storie dense di mistero ambientate nei musei Napoleonico e Giovanni Barracco. Si comincerà proprio in quest’ultimo spazio con l’avventura dal titolo Le mani sul museo. Concerto avventura per salvare il Museo Barracco in programma alle ore 10.30 e alle 14.00. Un concerto che si trasformerà magicamente in un’avventura, alla ricerca della risoluzione di un fitto mistero che avvolge il Museo e ne minaccia l’esistenza. Un custode scomparso, un funzionario pazzo ma, soprattutto, la perdita dell’unico fondamentale documento in grado di evitare la distruzione del Museo da parte di un’agguerrita multinazionale daranno il via a una vera e propria caccia al tesoro tra le sale del museo in cui i partecipanti andranno alla ricerca degli indizi utili al ritrovamento dell’importante documento. Al Museo Napoleonico invece andrà in scena, alle ore 15 e alle ore 16.30, la mystery dal titolo Album Bonaparte. Indagine nel passato, presente e…futuro di una famiglia. Sarà un’esperienza rivolta a un pubblico curioso, appassionato di storia e di mistero, in cui i partecipanti potranno esercitare la propria immaginazione muovendosi da un indizio all’altro alla scoperta dei segreti nascosti della famiglia Bonaparte. Dentro le vetrine, nelle librerie, ben nascosto dietro la magniloquenza dei ritratti ufficiali si nasconde, infatti, un universo di tracce, oggetti, disegni, doni, che parla della famiglia e delle relazioni misteriose che intercorsero tra i suoi membri. Si comincerà con una sorta di seduta spiritica collettiva che rievocherà la vita contenuta negli oggetti per poi muoversi tra le stanze entrando in relazione con la collezione del museo e tentare di ricomporre l’album di famiglia. Nel week-end l’arte si anima è una manifestazione promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali ed è realizzata in collaborazione con le principali istituzioni cittadine come Fondazione Musica per Roma, Teatro di Roma, Teatro dell’Opera, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Università Roma Tre e con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura. Prossimi appuntamenti: sabato 22 dicembre nuova apertura serale dei Musei Capitolini con gli eventi a cura del Fondazione Musica per Roma.

PROGRAMMA EVENTI

Sabato 15 dicembre
MUSEI CAPITOLINI
“YOUTH in Arte”
A cura del Teatro dell’Opera di Roma
ESEDRA DI MARCO AURELIO
Ore 20.30 – Quartetto d’archi Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma
Ore 22.00 – Quintetto di ottoni Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma
SALA PIETRO DA CORTONA
Ore 21.00 – Quintetto di ottoni Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma
Ore 22.30 – Quartetto d’archi Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma
PALAZZO NUOVO
Ore 21.30 – Quartetto d’archi Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma
Ore 23.00 – Quintetto di ottoni Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma

Quartetto d’archi Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma
Programma: Franz Joseph Haydn, Quartetto in sol maggiore Op. 77 n. 1
Con: Florian Lekaj (violino I), Elisabetta Cananzi (violino II), Valentina Calicchia (viola), Gaia Di Domenico (violoncello)

Quintetto di ottoni Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma
Programma: Johann Sebastian Bach: If Thou be near; Himie Voxman, A Purcell suite; Richard E. Brown: A little Bartòk suite; Scott Joplin: Three ragtime
Con: Gabriele Gregori (corno), Alessandro Fresu e Nicolò Pulcini (trombe), Vincenzo Pace (trombone), Manuel Papetti (tuba)

Domenica 16 dicembre ore 11.30
MUSEO DELLA REPUBBLICA ROMANA E DELLA MEMORIA GARIBALDINA
A cura di Roma Tre Orchestra
Programma: A. Schnittke: String Trio (1985); Z. Kodaly: Intermezzo per Trio d’Archi; L.v. Beethoven: Trio per archi in sol maggiore op. 9 n. 1
Con: Damiano Babbini (violino), Costanza Pepini (viola), Andrea Nocerino (violoncello)
______________________________________________________________________________

Pausa Museo
La rassegna continua fino al 20 dicembre con intermezzi musicali o teatrali gratuiti nei musei dalle 12.30 alle 14, in collaborazione con le principali istituzioni cittadine

PROGRAMMA

MARTEDÌ 11 DICEMBRE
MUSEO NAPOLEONICO
Due fiati all’Opera
Trascrizioni brillanti e fantasie da celebri melodie d’opera italiane
Con Francesca Bruno, flauto; Paolo Lamagna, fagotto
A cura di ROMA TRE ORCHESTRA

GIOVEDÌ 13 DICEMBRE
MUSEO CARLO BILOTTI – ARANCIERA DI VILLA BORGHESE
Con Riccardo Fassi, pianoforte
A cura di CASA DEL JAZZ per FONDAZIONE MUSICA PER ROMA

MARTEDÌ 18 DICEMBRE
MUSEO NAPOLEONICO
Con Roberto Tarenzi, pianoforte
A cura di CASA DEL JAZZ per FONDAZIONE MUSICA PER ROMA

GIOVEDÌ 20 DICEMBRE
MUSEO CARLO BILOTTI – ARANCIERA DI VILLA BORGHESE
Ennio Flaiano
Minispettacoli su testi di Ennio Flaiano con accompagnamento musicale.
A cura del TEATRO DI ROMA

PAUSA MUSEO
Eventi nei piccoli musei a ingresso gratuito. Tutti i martedì e giovedì 3 pillole dalle 12.30 alle 14.00
Museo Napoleonico, Piazza di Ponte Umberto I, 1
Museo Carlo Bilotti - Aranciera Villa Borghese, Viale Fiorello La Guardia
Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina, Largo di Porta San Pancrazio
Museo Pietro Canonica a Villa Borghese, Viale Pietro Canonica (Piazza di Siena) 2

Info Tel 060608 - www.museiincomuneroma.it
Facebook @Museiincomuneroma Twitter @museiincomune Instagram @Museiincomuneroma
#pausamuseo
_________________________________________________________________________________

In collaborazione con Teatro Sala Umberto, l'Associazione Suono e Immagine Onlus 
presenta
con la direzione artistica di Lorenzo Porta Del Lungo

DOMENICA CLASSICA
Al Teatro Sala Umberto
cinque appuntamenti con la musica classica la domenica mattina
Dal 18 novembre 2018 al 24 marzo 2019, ore 11.00
Teatro Sala Umberto, Via della Mercede 50, Roma

Riparte il 18 novembre 2018 il ciclo di appuntamenti Domenica Classica al Teatro Sala Umberto di Roma, composto da cinque matinée domenicali di musica classica e cameristica, che spaziano dalla musica romana del Medioevo ai giorni nostri alla musica ungherese, dal trio di Mozart e Beethoven, fino ai quartetti di Mozart e Schumann. Dopo il successo dell’edizione scorsa, anche quest’anno Domenica Classica vanta la direzione artistica di Lorenzo Porta Del Lungo. La rassegna, che si concluderà il 24 marzo 2019, ha l’obiettivo di animare la domenica mattina romana di concerti, di diffondere la cultura musicale a un pubblico eterogeneo e di stimolare l'approfondimento della conoscenza della storia della musica. Domenica 18 novembre alle 11.00, primo appuntamento di Domenica Classica con il concerto “Il canto di Roma” dell’ensemble Mare Nostrum. Furio Zanasi, baritono, Andrea De Carlo, viola da gamba e direzione, Simone Vallerotonda, liuto, tiorba e chitarra barocca, e Lucia Adelaide di Nicola, clavicembalo, accompagnano il pubblico in un percorso emozionante di musica romana, che dal Medioevo, attraverso le melodie rinascimentali e barocche, portano fino alle canzoni popolari dei nostri giorni. La musica ungherese è la protagonista assoluta del concerto di domenica 16 dicembre 2018, ore 11.00, dal titolo “L’Ungheria aperta alle culture del mondo”. L’ensemble, composto da Ilona Balint, viola, Edina BAK, pianoforte ed Ettore Pagano, violoncello, eseguirà un repertorio composto dalla musica portata dagli zingari e dai migranti ungheresi nelle città in Europa, reinterpretata poi dai romantici, dall’opera dei compositori nazionali e dalle ricerche sulla musica etnica di Bartok e Kodaly e, infine, da due lavori inediti di Csaba Erdelyi in prima assoluta. Musiche di: F. Schubert, B. Bartòk, Z. Kodàly, F. Farkas, F. Liszt, D. Popper, G. Ligeti. Il 10 febbraio 2019, ore 11, è la volta di “Mozart e Beethoven in trio”. Il Trio in mi bemolle maggiore per pianoforte, clarinetto e viola KV. 498, fu incluso da Mozart nel suo catalogo personale il 5 agosto 1786. Secondo un aneddoto non verificabile, il brano sarebbe stato composto da Mozart nel corso di una partita a birilli. È da qui che nasce appunto il suo soprannome di "Trio dei birilli" ("Kegelstatt-Trio").  Insieme al Trio di Beethoven, qui nella versione con clarinetto anziché violino, entrambi “viennesi“, sono stati scritti da ciascuno dei grandi compositori intorno all’età di trent’anni. In questo concerto, si accompagnano a brani dell’opera matura di Max Bruch, importante artista tedesco vicino alla sensibilità di Schumann, brani ispirati dal bel suono del clarinetto di suo figlio Felix. Domenica 3 marzo 2019 alle 11, “Schumann e Mozart, due quartetti modello”. Il quartetto di Robert Schumann è l’unico con pianoforte che ha un ruolo da strumento solista, sorretto da un gioco delle parti degli archi concepito come un insieme orchestrale. Mentre le “Dissonanze” di Mozart è il più sorprendente quartetto del grande artista, caratterizzato da un’introduzione lenta, unica nel suo genere, e condotta in modo armonicamente avveniristico per l’epoca. Domenica 24 marzo 2019 ultimo appuntamento di Domenica Classica con “Recital” del pianista Lorenzo Porta del Lungo. La rassegna è organizzata dall'Associazione Suono e Immagine, costituita come Onlus nel 2009, nasce a seguito delle ricerche artistiche del suo Presidente Lorenzo Porta Del Lungo, che riconosce il ruolo fondamentale dell'arte come strumento per lo sviluppo e la crescita dell'essere umano. Da qui è nata l'esigenza per il collettivo di costituire un'associazione di solidarietà sociale, per promuovere la divulgazione della musica e della cultura, attraverso iniziative artistico-culturali, di formazione pedagogica, prevenzione psicologica e di recupero ecologico e ambientale. 

Concerto: “L’Ungheria aperta alle culture del mondo”
Domenica 16 dicembre 2018
Secondo appuntamento di “Domenica Classica”
Teatro Sala Umberto di Roma, ore 11.00 

Domenica 16 dicembre alle ore 11.00, secondo appuntamento della rassegna Domenica Classica al Teatro Sala Umberto di Roma, con il concerto “L’Ungheria aperta alle culture del mondo”. Dopo il concerto inaugurale “Il canto di Roma”, in cui l’ensemble Mare Nostrum ha percorso la musica romana dal Medioevo fino ai giorni nostri, il prossimo incontro vede come protagonista la musica popolare ungherese. L’ensemble, composto dalla violista Ilona Balint, dalla pianista Edina BAK e dal violoncellista Ettore Pagano, esegue un repertorio composto dalle musiche di Schubert, Bartòk, Kodàly, Farkas, Popper e Ligeti, oltre a due brani inediti di Csaba Erdelyi, musicista ungherese e prima viola dell’Indianapolis Chamber Orchestra. In questa esecuzione, ritroviamo la musica che i rom e i migranti ungheresi portarono nelle città d’Europa. I brani di Schubert e Popper si basano sul repertorio dei violinisti rom "di città", mentre le composizioni di Farkas, Ligeti, Kodály e Bartók, risalgono al XX secolo e sono ispirate dalla musica folk tradizionale. L’intera rassegna Domenica Classica, che vede come direttore artistico Lorenzo Porta del Lungo, prevede cinque matinée domenicali, tra novembre 2018 e marzo 2019, di musica classica e cameristica. Dopo i primi due concerti del 18 novembre e del 16 dicembre, gli appuntamenti di Domenica Classica proseguono, sempre alle ore 11 al Teatro Sala Umberto, il 10 febbraio con il concerto dal titolo “Mozart e Beethoven in trio”, il 3 marzo 2019 con il concerto “Schumann e Mozart, due quartetti modello” e, infine, il 24 marzo 2019 con “Recital” del pianista Lorenzo Porta del Lungo. L'Associazione Suono e Immagine Onlus presenta il primo appuntamento di Domenica Classica, con la direzione artistica di Lorenzo Porta Del Lungo. Il ciclo di cinque concerti si concluderà il 24 marzo 2019 e si propone di animare la domenica mattina romana, diffondere la cultura musicale classica a un pubblico eterogeneo e stimolare l'approfondimento della conoscenza della storia della musica.

Biglietti (con prevendita). Platea: 20,50 € (intero) – 16 € (ridotto). Galleria: 13,50 € (intero) – 10 € (ridotto). Conservatori e scuole: 5 €. CARD per la classica: 5 concerti 50 €. Ridotto BIBLIOCARD – CRAL dopo lavoro – Over 65. Abbonati Sala Umberto sconto 30%
Platea: 14 € Galleria: 10 €
_________________________________________________________________________________

STAGIONE CONCERTISTICA 2018/19
 9 ottobre 2018 – 7 maggio 2019 
Accademia di Musica di Pinerolo

Da ottobre a maggio, sono 17 gli appuntamenti in programma, che spaziano dall’integrale cameristica di Schumann al jazz, dalla musica contemporanea per pianoforte alle atmosfere tangueire, puntando sempre sulla qualità artistica e aprendosi a collaborazioni, coproduzioni e nuove convenzioni. L’acclamato tenore Ian Bostridge con la pianista italiana Saskia Giorgini, il duo d’eccezione composto da Sonig Tchakerian e Andrea Lucchesini, l’integrale di Schumann del Trio Johannes, il recital di pianoforte di Alexander Gadjiev e la coproduzione con EstOvest Festival, che vede protagonista Emanuele Arciuli, pianista tra i più celebrati e versatili in ambito classico e contemporaneo, sono solo alcuni dei protagonisti di assoluto rilievo artistico attesi nella sala concerti dell’Accademia. Molto amati e seguiti dal pubblico in sala, vengono confermati sia gli incontri della Guida all’ascolto che precedono i concerti, che il ciclo La Musica Spiegata, dedicato in particolare al repertorio contemporaneo, con il clarinettista Dimitri Ashkenazy e il Delian Quartett con Gabriele Carcano. Continua inoltre la convenzione già in essere con l’Unione Musicale e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, che accoglie in cartellone due appuntamenti con protagonisti d’eccezione: Krystian Zimerman, considerato uno dei più grandi pianisti viventi, sarà mercoledì 23 gennaio 2019 all’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto di Torino; venerdì 3 maggio all’Auditorium RAI Arturo Toscanini l’appuntamento è con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Maxime Pascal direttore, con Beatrice Rana, pianoforte. Per questi due concerti, compresi nel costo dell’abbonamento e riservati agli abbonati, sono previsti due pullman gratuiti da e per Pinerolo, con presentazione dei concerti durante il tragitto. La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup, a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.


ABBONAMENTI 
Abbonamento a tutti i concerti: € 185 - Abbonamento giovani (Under 30): € 50

Gli abbonamenti sono in vendita presso la segreteria dell’Accademia di Musica dal lunedì al venerdì ore 9.00-14.00.  In entrambi gli abbonamenti sono compresi anche i concerti a Torino e la navetta*.

BIGLIETTI SINGOLI: € 15 - RIDOTTO: Card Giovani del Comune di Pinerolo: € 5; Studenti dell’Istituto Musicale Corelli: € 5; Under 30: € 8. - Abbonamento Musei, Socio Coop, Touring Club Italiano, Associazione Lavoratori Intesa San Paolo - ALI, Unitre, Proloco, Coro dell’Accademia di Musica: € 12 

VENDITA E PREVENDITA

Il servizio di prevendita è disponibile da 2 settimane prima di ogni concerto presso la Libreria Volare. I biglietti sono acquistabili anche mezz’ora prima dell’inizio di ogni concerto presso l’Accademia di Musica. Il posto numerato (abbonamento o biglietto) è garantito fino a 5 minuti prima dell’inizio del concerto; dopo tale orario sarà comunque garantito l’ingresso e sarà possibile usufruire di uno qualsiasi dei posti ancora liberi.

*NAVETTA
I biglietti dei concerti previsti a Torino il 23/01 e il 3/05 2019 e la navetta da e per Pinerolo (prenotazione obbligatoria da 15 giorni prima del concerto) sono compresi nel prezzo degli abbonamenti. Altri biglietti per questi concerti potranno essere acquistati secondo le modalità indicate sui siti web dei rispettivi organizzatori (23/01 Unione Musicale; 3/05 Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI).

GIFT CARD: € 30 
Acquista la tua Gift Card per fare un regalo speciale o per regalarti tre serate all’insegna della musica. Ogni Gift Card dà diritto all’ingresso a tre concerti a scelta della Stagione concertistica 2018/19 presso l’Accademia di Musica. Puoi acquistarla presso i nostri uffici (viale Giolitti, 7 - Pinerolo) dal 19/9/2018 fino a fine marzo 2019.

ACCADEMIA DI MUSICA
Annoverata tra le più rinomate strutture di perfezionamento del paese, l’Accademia di Musica offre corsi di specializzazione, workshop, masterclass, borse di studio e opportunità concertistiche per studenti di pianoforte, violino, viola, violoncello, passi orchestrali e musica da camera, con docenti di chiara fama internazionale che si dedicano con grande generosità alla crescita degli studenti come futura generazione di professionisti. L’Accademia di Musica opera da più di 20 anni sul territorio pinerolese affiancando all’attività didattica la stagione concertistica e l’appuntamento biennale dell’International Chamber Music Competition Città di Pinerolo e Torino Città metropolitana. Ha al suo attivo più di mille concerti e la creazione di un’orchestra e di un coro, organizza da 24 anni la rassegna Musica d’Estate a Bardonecchia, che ad ogni edizione richiama più di 7.000 spettatori. Da sempre sostiene i giovani di grande talento, li forma con docenti di fama internazionale, crea per loro occasioni di esibizione professionali, offre concerti per le scuole dalla prima infanzia alle superiori.
_________________________________________________________________________________

MICHELE MARCO ROSSI
Continua il tour del violoncellista-performer che sposa ricerca, virtuosismo e teatralità in un’unica performance dall’avvincente efficacia comunicativa

Continua a novembre, dopo il successo convalidato negli ultimi mesi, il tour internazionale di  Michele Marco Rossi, violoncellista che, alla soglia dei 30 anni, ha già alle spalle più di cento prime esecuzioni assolute e nazionali della Nuova Musica.  Definito da critici e prestigiosi colleghi - del calibro di Giovanni Sollima, Ivan Fedele, Michael M. Kasper (Ensemble Modern) e Krzysztof Penderecki - un musicista flessibile, intelligente, dallo straordinario talento, dall’orecchio sottile e di un elevato livello tecnico interpretativo a cui si affianca una spontanea passione per la ricerca assolutamente personale, il talento e la curiosità di Rossi lo hanno portato, nel corso della sua  già intensa e prolifica carriera, ad affrontare un repertorio che spazia con nonchalance dal periodo classico alla contemporaneità, comunicando ad una vasta platea, e non solo di intenditori, un’espressività in grado di catturare il percorso di una storia musicale, anche quando si tratti di musica contemporanea. Nel concerto-spettacolo che ha già toccato tutta l’italia e continuerà anche in Francia e oltreOceano nei prossimi mesi, Michele Marco eseguirà un programma che copre più di 500 anni di musica, tra strumentale e vocale, includendo pezzi per strumento a percussione, musica elettronica, prime esecuzioni assolute, rielaborazioni e trascrizioni, in una formula in continuo cambiamento. Attraverso percorsi tematici diversi intitolati, a seconda dei casi,  Live Set - Solo Cello Project, Roots of Traces, ...et rapida aqua..., Stultifera Navis, De Culpa Sonoris, il violoncellista offrirà un’interpretazione musicale che, pur mantenendo sempre un profilo artistico approfondito, rimarrà fruibile ad ogni generazione e fascia di ascoltatore attraverso la forza delle formule comunicative da lui stesso create per il palcoscenico. "Il violoncello è da sempre il mio compagno di viaggio silenzioso e modesto – dichiara Michele Marco Rossi - Senza mai invadere in maniera plateale il mio spazio, i miei pensieri e le mie giornate, negli anni è rimasto in un angolo e da lì ha agito nel tempo come una spugna: senza che me ne accorgessi, ha assorbito tutti i miei incontri artistici, ha filtrato tutte le mie grandi passioni e sogni (la voce, l'opera lirica, il teatro, la scrittura, la poesia, l'arte contemporanea, le canzoni), e ora mi restituisce tutto indietro, nel mio studio in solitudine e sul palcoscenico, facendomi capire che nel tempo niente va perduto, a volte i legami più profondi sono quelli più silenziosi, e che forse è l'inaspettato a darci l'immagine più chiara di noi stessi." Queste le prossime date fino a febbraio 2019:

14 dicembre 2018Roma – Festival Nuova Consonanza

Dicembre (date e location da definirsi) 
Argentina - Distat terra Festival

10 febbraio 2019  
L’Aquila - Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli”

18 febbraio 2019
Parigi -  Istituto italiano di cultura

22 febbraio 2019
Roma -  Accademia filarmonica romana

_________________________________________________________________________________













_________________________________________________________________________________

Il pianista e compositore
ROBERTO CACCIAPAGLIA
Dopo il grande successo del suo primo tour negli Stati Uniti tra applausi e standing ovation raccolti da costa a costa… 
…da gennaio torna in tour nei teatri italiani con il DIAPASON Worldwide Tour!

Dal North Beach Bandshell di Miami al Herbst Theatre di San Francisco. Dalla Carnegie Hall di New York alla Zipper Hall di Los Angeles. 4 città, 4 location d’eccezione, che hanno fatto da cornice al primo tour americano di ROBERTO CACCIAPAGLIA. 4 concerti che hanno conquistato il pubblico degli Stati Uniti, raccogliendo applausi e standing ovation in ciascuna data: un successo straordinario per una prima volta in America memorabile! E ora, ROBERTO CACCIAPAGLIA, si prepara a tornare live in Italia con il DIAPASON Worldwide Tour, il tour in cui porterà sul palco i brani contenuti nel suo nuovo album di inediti, “DIAPASON” (Believe Digital), in uscita a gennaio.Dopo aver incantato gli USA, il pianista e compositore di fama internazionale, un’eccellenza italiana che si è contraddistinta per ricerca e sperimentazione dei suoni, dal 18 gennaio sarà infatti impegnato in un tour che lo vedrà protagonista dei principali teatri d’Italia. Piano, voci, strumenti acustici ed elettronici in perfetto equilibrio nell’oceano di suoni che è la musica di ROBERTO CACCIAPAGLIA. Queste le prime date annunciate, prodotte e organizzate da International Music and Arts:
18 gennaio – Teatro Comunale, CARPI
25 gennaio – Teatro Openjob Metis, VARESE
4 febbraio – Teatro Giacosa, IVREA
5 febbraio – Teatro Odeon, BIELLA
14 febbraio – Teatro Duse, BOLOGNA
9 marzo – Teatro Rossini, PESARO
11 marzo – Teatro Filarmonico, VERONA
16 marzo – Teatro Ventidio Basso ASCOLI PICENO
19 marzo – Teatro Nazionale, MILANO
26 marzo - Teatro Morlacchi, PERUGIA
27 marzo – Auditorium Parco della Musica – Sala Petrassi, ROMA
27 aprile – Teatro Verdi, PISA

I biglietti per le date di Varese, Bologna, Milano e Roma sono disponibili in prevendita su TicketOne.it e nei punti vendita autorizzati. Per i dettagli e info sui biglietti e le prevendite, consultare i siti: www.internationalmusic.it e www.robertocacciapaglia.com. ROBERTO CACCIAPAGLIA nasce a Milano. Si diploma in composizione presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” della sua città sotto la guida di Bruno Bettinelli, dove studia anche direzione d’orchestra e musica elettronica. Compositore e pianista, è protagonista della scena musicale internazionale più innovativa per la sua musica che integra tradizione classica e sperimentazione elettronica. Da lungo tempo conduce una ricerca sui poteri del suono, nella direzione di una musica senza confini che si esprime attraverso un contatto emozionale profondo. Negli anni, ROBERTO CACCIAPAGLIA ha presentato le proprie composizioni nei teatri più prestigiosi e per le istituzioni più famose in Italia e nel mondo, riscuotendo sempre un grande successo nelle sue esibizioni dal vivo. Fondatore della Educational Music Academy, Accademia musicale che nasce con l'obiettivo di dare voce ai giovani talenti musicali, compositori e interpreti, pianisti e musicisti, affiancandoli per realizzare i loro progetti a livello professionale. Nel 2018 collabora con il rapper statunitense T-Pain nel brano “Second Chance (don’t back down)”, brano in cui Roberto Cacciapaglia è in veste di featuring e compositore con lo stesso rapper. Sempre nel 2018, inoltre, la stilista Stella McCartney sceglie il brano “Sparkling World”, tratto dal disco “The Ann Steel Album” del 1979, per la campagna pubblicitaria della collezione primavera/estate 2018. Nel 2017, a dieci anni dall’uscita dello storico album “Quarto tempo”, opera fondamentale che apre la collaborazione con la Royal Philharmonic Orchestra, il Maestro Roberto Cacciapaglia ritorna con una versione inedita e straordinaria, “QUARTO TEMPO – 10th Anniversary Edition”, doppio CD che, oltre ai 12 brani originali, contiene le interpretazioni per pianoforte solo di tutti i brani e una versione inedita de "Il Ragazzo che Sognava Aeroplani”. Il 22 aprile 2017, in occasione dell’“EARTH DAY 2017”, il Maestro Roberto Cacciapaglia apre e celebra la giornata mondiale del pianeta con un concerto in piazza del Popolo a Roma. “ATLAS”, uscito nel 2016, contiene 28 tracce: una collection di brani tra i più significativi della storia musicale del compositore, arricchita e resa unica da due brani inediti – “Reverse” e “Mirabilis” – e dall’omaggio al grande David Bowie compiuto attraverso una versione strumentale di “Starman”, Requiem in sua memoria. Nel 2015, esce "TREE OF LIFE", contenente “Tree of Life Suite”, composta per il night show dell'Albero della Vita – EXPO 2015. L’album entra subito al primo posto della classifica di musica classica su iTunes, dove rimane in prima posizione per vari mesi. È stata eseguita in concerto con l’Orchestra dell’Accademia Teatro alla Scala presso l’Open Air Theatre per la celebrazione di EXPO 2015.

Posta un commento