Concerti Classica

I principali concerti di musica classica e contemporanea

CAMERA MUSICALE ROMANA
Convento dei SS. XII Apostoli - Sala dell'Immacolata
Via del Vaccaro, 9 - angolo p.za Ss. Apostoli Roma

Domenica 28 ottobre ore 18:30 
Evento realizzato in collaborazione con l’associazione “I concerti nel parco” 
O come Ofelia
Rosaria Fabiana Angotti, Sara Pallini, voce recitante
Francesco Micozzi, pianoforte
 Cosi come i rivoli del torrente in cui trova riposo l'anima di Ofelia, si sviluppa quello che si può definire un viaggio artistico introspettivo, abbracciando compositori e scrittori di epoche e stili diversi in un percorso sinestetico che vuole rappresentare a tutto tondo la tragica e sempre moderna figura dell'eroina shakespeariana.
Programma
Saint-Saens, "La mort d'Ophelie"
Chausson, "La Chanson d'Ophelie"
Berlioz, "La mort d'Ophelie"
Strauss, "3 Ophelia's Lieder"
Thomas, "Aria di Ophelie" (dall Hamlet)
Heggie, "Song and sonnets to Ophelie"
VOCE NARRANTE:
3 monologhi  "Ophelie" (poesia di Rimbaud)

Prossimo appuntamento:

Domenica 11 Novembre ore 18:30
Canto d’Anime
Musica da camera di Giacomo Puccini per canto e pianoforte
Elvira Maria Iannuzzi, soprano - Alessandro d’Agostini, pianoforte

Ingresso / Ticket € 15,00 - ridotto) € 8,00 (riservato ai soci, ai minori di anni 18, agli over 65 e agli studenti universitari e di conservatorio purché muniti di libretto). Convenzioni aperte con l'Associazione Info. Roma, La chiave del violino e l'Accademia Musicale Sherazade

Servizio gratuito di prenotazione (vivamente consigliata)
Info e prenotazioni:
Tel.: +39 333 45 71 245/ 3498256457
_________________________________________________________________________________

Il Museo del Novecento e NoMus
sono lieti di invitarvi ai prossimi appuntamenti del progetto

FUTURISMO, E POI?
22 maggio 2018 - 22 gennaio 2019


MARTEDI 16 OTTOBRE 2018 - ore 17:00
Museo del Novecento - Sala Conferenze
Piazza Duomo 8, Milano
Ingresso libero fino a esaurimento posti

Teatro futurista: I balli plastici di Fortunato Depero (1918)
all’Autunno musicale di Como e ai giorni nostri.

Intervengono Anelide Nascimbene, Gisella Belgeri 
e Michele Abbondanza della compagnia Abbondanza/Bertoni.

MARTEDI 23 OTTOBRE 2018
ore 17:00
Museo del Novecento, Sala Arte Povera, Piazza Duomo 8, Milano
Ingresso libero fino a esaurimento posti

Il Museo del Novecento, la Società del Quartetto di Milano e NoMus sono lieti di invitarvi al concerto del Milano'808Ensemble.
Lorna Windsor, soprano; Giovanna Polacco, violino; Alfonso Alberti, pianoforte

Saranno eseguite musiche di Ivan Fedele, Armando Gentilucci, Sylvano Bussotti, Giacomo Manzoni, Béla Bartók.
_________________________________________________________________________________

Franz Schubert e Robert Schumann. La musica dei grandi romantici nel concerto pescarese della Kodaly Philarmonic Orchestra per la Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara”

La cinquantatreesima Stagione Musicale della Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara” di Pescara presenta, venerdì 19 ottobre, una grande orchestra di caratura internazionale: la Kodaly Philarmonic Orchestra, diretta da Dániel Somogyi-Tóth e con la violoncellista Erica Piccotti come solista. Il programma prevede musiche di Franz Schubert (Ouverture nello stile italiano e la Sinfonia n. 5) e Robert Schumann (Concerto in la min. op. 129 per violoncello e orchestra). Il concerto si svolgerà al Teatro Massimo di Pescara, con inizio alle ore 21. Il biglietto di ingresso costa 20€ (ridotto a 15€ per i soci della Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara") e si può acquistare sui circuiti online e a Pescara, presso la sede di Via Liguria. Il concerto è realizzato nell'ambito del Progetto Circolazione Musicale in Italia del CIDIM - Comitato Nazionale Italiano Musica. La Kodály Philharmonic è l'orchestra della città di Debrecen, seconda città ungherese, dopo Budapest. Il primo concerto risale al 13 maggio 1923 con la denominazione di Debrecen MAV Philharmonic Orchestra ed in breve tempo divenne una delle principali orchestre ungheresi sotto la guida di Emil Abrányi. Nel 1951 Vilmos Rubányi fu nominato direttore e, oltre ai concerti organizzati in tutta l'Ungheria, partecipa alle rappresentazioni del lirico Teatro Csokonai. Negli anni '90 il Comune di Debrecen ha riconosciuto l'alto valore e fondamentale ruolo nella vita culturale della città e della regione ed ne ha assunto il sostegno e patricinio. L'orchestra collabora con frequenza con il Coro Femminile Kodály, fondato da Gyorgy Gulyás. L'orchestra è stata guidata da direttori ungheresi di fama come János Ferencsik, Adam Medveczky, János Kovács, András Ligeti, Tamás Vásáry e Zoltán Kocsis, e da diversi famosi direttori internazionali come Carlo Zecchi, Lamberto Gardelli, Carlo Dutoit, Karel Ancerl e Kobayashi Ken-Ichiro. Oltre che con solisti ungheresi come Annie Fischer, Dezso Ránki, Zoltán Kocsis, Miklòs Perényi, Jeno Jandò e Gergely Bogányi, l'orchestra ha effettuato concerti con la partecipazione di Gidon Kremer, Martha Argerich, Gyorgy Sándor, Sándor Végh, Lazar Berman ed Igor Oistrakh. Dal 2011 l'orchestra si esibisce, con il permesso della signora Kodály, Sarolta Péczely, con la denominazione attuale di Kodály Philharmonic Debrecen. Dallo stesso 2011, Dániel Somogyi-Tòth è il Direttore generale ed artistico con l'obiettivo di dare all'orchestra maggiore reputazione e fama e sostenere la missione artistica del compositore ungherese con l'esecuzione di tutte le sue opere. L'orchestra è stata invitata più volte in Francia, Italia, Germania, Svizzera, Austria, Polonia, Slovacchia, Bulgaria, Romania, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Corea del Sud e Marocco. Recentemente ha collaborato con Ravenna Festival alla realizzazione del trittico "Lungo il Danubio". La Stagione Musicale della Società del Teatro e della Musica "Luigi Barbara" prosegue venerdì 26 ottobre 2018 con un maestro indiscusso del panorama concertistico internazionale, vale a dire il celebre violonista Shlomo Mintz che si eseguirà, insieme al pianista Sander Sitting, musiche di Mozart, Chausson, Brahms e Sarasate.

Scheda del Concerto

Kodály Philharmonic Orchestra Debrecen
Dániel Somogyi-Tóth, direttore
Erica Piccotti, violoncello

Programma.
Franz Schubert
Ouverture nello stile italiano in do magg. op. 17
Robert Schumann
Concerto in la min. op. 129 per violoncello e orchestra
Franz Schubert
Sinfonia n. 5 in si bem. magg. D. 485

Biglietto di ingresso. 20€ (Soci STM Luigi Barbara: 15€)
_________________________________________________________________________________




















_________________________________________________________________________________

Andrea Ceccomori, gli appuntamenti di ottobre 2018
La Pace sempre, soprattutto a suon di Musica

Dopo un’estate densa di musica fra Brasile (porte Alegre) e il Festival Assisi Suono Sacro, Andrea Ceccomori prosegue la sua marcia all’insegna di Musica e Pace (Baton for Peace): si parte il 7 ottobre con un concerto a Bastia Umbra in duo con l’arpista Maria Chiara Fiorucci, dove inaugurerà la Libera Università del Comune e suonerà sue musiche insieme a brani francesi e la Sonata di Nino Rota,. L’11 ottobre si esibirà con una selezione di proprie musiche in occasione di un incontro con la delegazione delle città gemelle Seattle e Perugia in visita a Perugia, mentre il 13 lo troviamo al Teatro Lyrick di Assisi, anche qui con esibizione solista di sue musiche, per un grande spettacolo benefico per il Centro Chianelli con tutte le compagnie di danza dell’Umbria. Infine il 20 sarà a Firenze presso l’Abbazia di San Miniato per le celebrazioni dei Mille anni dell’Abbazia stessa, con un intervento solistico di sue musiche dedicate al tema della Pace; l’esibizione avrà luogo in occasione dell’inaugurazione della mostra su Gernika dell’artista spagnola Gandarias, recentemente scomparsa  (1951-2016), a cui presenzieranno numerose autorità tra cui il ministro spagnolo e personalità del Parlamento europeo: una mostra che, con tratti più poetici e rarefatti come l’omonima opera picassiana, è una denuncia contro la violenza declinata ai nostri giorni. “Nel nostro percorso di Musica e Pace – precisa Andrea Ceccomori – ci è sembrato importante portare anche la preziosa voce della musica in questo appuntamento in cui comunque l’arte è chiamata a dare il suo prezioso contributo contro ogni violenza”.
_________________________________________________________________________________

Il pianista e compositore
ROBERTO CACCIAPAGLIA
Per la prima volta in tour negli USA!
6 ottobre - North Beach Bandshell di MIAMI
7 ottobre - Carnegie Hall di NEW YORK
10 ottobre - Herbst Theatre di SAN FRANCISCO
12 ottobre - Zipper Hall di LOS ANGELES

ROBERTO CACCIAPAGLIA, pianista e compositore di fama internazionale, un’eccellenza italiana che si è contraddistinta per ricerca e sperimentazione dei suoni, sarà per la prima volta nella sua carriera in tour negli Stati Uniti, per 4 appuntamenti live in alcune delle location americane più prestigiose. In questi concerti per pianoforte e postazioni elettroniche (prodotti da International Music and Arts e organizzati da Mela Inc.), ROBERTO CACCIAPAGLIA presenterà i brani più significativi della sua carriera in una versione inedita, utilizzando un sistema di trasmissione del suono e una tecnologia innovativa che espande i suoni del pianoforte nello spazio, portando alla luce e rendendo udibili i suoni armonici che normalmente l’orecchio umano non riesce a percepire, quei suoni armonici che Pitagora definiva essenza dell’Universo. Dal pianoforte raggi sonori si espandono nello spazio circostante, creando un’esperienza d’incanto, una relazione profonda tra ascoltatori e interprete. «La musica può essere un ponte per toccare dimensioni intangibili e le vibrazioni sonore sono autostrade energetiche che ci permettono di comunicare – commenta ROBERTO CACCIAPAGLIA - Questi software modernissimi lavorano sull’essenza e la natura del suono, ecco un caso in cui natura e tecnologia lavorano insieme, non sono in antitesi. Una bella indicazione per il futuro, non solo della musica...». Questa la scaletta dei concerti: “Seconda Navigazione”, “Olimpica”, “Sarabanda”, “Waterland”, “Outdoor”, “Double Vision”, “Floating”, “Sonanze III”, “The Future”, “Oceano”, “Endless Time”, “Nuvole di Luce”, “How Long”, “Wild Side”. ROBERTO CACCIAPAGLIA nasce a Milano. Si diploma in composizione presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” della sua città sotto la guida di Bruno Bettinelli, dove studia anche direzione d’orchestra e musica elettronica. Compositore e pianista, è protagonista della scena musicale internazionale più innovativa per la sua musica che integra tradizione classica e sperimentazione elettronica. Da lungo tempo conduce una ricerca sui poteri del suono, nella direzione di una musica senza confini che si esprime attraverso un contatto emozionale profondo. Negli anni, ROBERTO CACCIAPAGLIA ha presentato le proprie composizioni nei teatri più prestigiosi e per le istituzioni più famose in Italia e nel mondo, riscuotendo sempre un grande successo nelle sue esibizioni dal vivo. Fondatore della Educational Music Academy, Accademia musicale che nasce con l'obiettivo di dare voce ai giovani talenti musicali, compositori e interpreti, pianisti e musicisti, affiancandoli per realizzare i loro progetti a livello professionale. Nel 2018 collabora con il rapper statunitense T-Pain nel brano “Second Chance (don’t back down)”, brano in cui Roberto Cacciapaglia è in veste di featuring e compositore con lo stesso rapper. Sempre nel 2018, inoltre, la stilista Stella McCartney sceglie il brano “Sparkling World”, tratto dal disco “The Ann Steel Album” del 1979, per la campagna pubblicitaria della collezione primavera/estate 2018. Nel 2017, a dieci anni dall’uscita dello storico album “Quarto tempo”, opera fondamentale che apre la collaborazione con la Royal Philharmonic Orchestra, il Maestro Roberto Cacciapaglia ritorna con una versione inedita e straordinaria, “QUARTO TEMPO – 10th Anniversary Edition”, doppio CD che, oltre ai 12 brani originali, contiene le interpretazioni per pianoforte solo di tutti i brani e una versione inedita de "Il Ragazzo che Sognava Aeroplani”. Il 22 aprile 2017, in occasione dell’“EARTH DAY 2017”, il Maestro Roberto Cacciapaglia apre e celebra la giornata mondiale del pianeta con un concerto in piazza del Popolo a Roma. “ATLAS”, uscito nel 2016, contiene 28 tracce: una collection di brani tra i più significativi della storia musicale del compositore, arricchita e resa unica da due brani inediti – “Reverse” e “Mirabilis” – e dall’omaggio al grande David Bowie compiuto attraverso una versione strumentale di “Starman”, Requiem in sua memoria. Nel 2015, esce "TREE OF LIFE", contenente “Tree of Life Suite”, composta per il night show dell'Albero della Vita – EXPO 2015. L’album entra subito al primo posto della classifica di musica classica su iTunes, dove rimane in prima posizione per vari mesi. È stata eseguita in concerto con l’Orchestra dell’Accademia Teatro alla Scala presso l’Open Air Theatre per la celebrazione di EXPO 2015.

_________________________________________________________________________________

Mercoledì 17 ottobre a Skopje, sabato 20 a Tunisi, venerdì 26 a Valencia il pianista pesarese presenta dal vivo il nuovo disco, un originale e divertito piano solo dedicato all'illustre concittadino Gioachino Rossini 
The Rossini Variations: Mario Mariani dal vivo all'estero!

THE ROSSINI VARIATIONS
Il nuovo album di Mario Mariani

Mercoledì 17 ottobre
Skopje - Philarmonic Theatre
Sabato 20 ottobre
Tunisi - Acropolium Saint Louis Cathedral
Venerdì 26 ottobre 
Valencia - Palau de la musica 

Macedonia, Tunisia e Spagna. Tre nuovi appuntamenti stranieri per Mario Mariani, l'instancabile pianista pesarese che, dopo il successo degli showcase a Oslo e Stoccolma, torna fuori dai confini nazionali per presentare il suo nuovissimo disco The Rossini Variations, (Intemporanea Records/Artist First). Mercoledì 17 ottobre a Skopje (Philarmonic Theatre), sabato 20 ottobre a Tunisi (Acropolium Saint Louis Cathedral) e venerdì 26 ottobre a Valencia (Palau de la musica) i tre nuovi concerti con il nuovo album, un originale progetto di rilettura dei brani più famosi di Gioachino Rossini: Mariani si cimenta con i brani dell'illustre concittadino rilanciando l'idea-forza della sua progettualità musicale, sintetizzata in una domanda frequente e significativa, ovvero "Un altro piano è possibile?". Già nel 2017, con The Soundtrack Variations, Mario Mariani offriva il suo personale e sorprendente tributo al mondo del cinema, presentando un pianismo unico nel suo genere, talvolta anche provocatorio, vista l'importanza della performance che si avvale di tecniche estese, molte delle quali di sua ideazione. Con The Rossini Variations il compositore e pianista - apprezzato nel panorama internazionale per il suo stile così peculiare - affronta l'opera di Rossini offrendo un altro punto di vista, quello del suo approccio creativo al piano preparato, con un taglio teatrale e accattivante. Più che un tributo, è un confronto all'insegna dell'invenzione, partendo dal lascito del genio pesarese per incamminarsi su percorsi spiazzanti: l'album contiene infatti rifacimenti, variazioni e improvvisazioni dei brani più famosi tra cui le overtures della Gazza Ladra, Guglielmo Tell e Italiana in Algeri, il Largo al Factotum, il "Duetto buffo di due gatti" e la celeberrima Tarantella. Le trascrizioni a cura di Mariani sono affiancate a variazioni polistilistiche con momenti di natura improvvisativa, che sottolineano quello scintillante spirito rossiniano che, per usare le parole di Stendhal, "allontana dall'anima tutte le emozioni meste". Diplomato in pianoforte presso il Conservatorio di Musica G. Rossini, Mario Mariani è noto per la sua lunga carriera di compositore e solista, presente in numerosi festival italiani ed internazionali grazie a un approccio al pianoforte riconoscibile ed eclettico. Nella sua figura, come dimostrano il lavoro per il cinema, gli album, le residenze artistiche e le operazioni "site specific", si fondono il compositore, l'interprete e il performer. The Rossini Variations è il suo quarto disco di pianoforte solo, dopo Utopiano (2010), Elementalea (2012) e The Soundtrack Variations (2017).
_________________________________________________________________________________

REMO ANZOVINO
LONDON JAZZ FESTIVAL
MERCOLEDÌ 21 NOVEMBRE 2018
LONDON SOUTHBANK CENTRE / PURCELL ROOM
inizio concerto ore 19:45

COMPOSITORE E PIANISTA FRA GLI ESPONENTI PIÙ AFFERMATI E INNOVATIVI DELLA MUSICA STRUMENTALE CONTEMPORANEA IL 21 NOVEMBRE SI ESIBIRÀ ALLA PURCELL ROOM, UNA DELLE PIÙ BELLE E PRESTIGIOSE SALE DA CONCERTI BRITANNICHE

Biglietti in vendita dalle ore 10:00 di venerdì 24 agosto (UK time) online sul sito del festival e in tutti i circuiti autorizzati. Continua costantemente l’ascesa a livello nazionale e internazionale del compositore e pianista Remo Anzovino, considerato fra gli esponenti più affermati e innovativi della musica strumentale contemporanea. Dopo il successo riscosso negli ultimi mesi grazie alla pubblicazione dell’ultimo album di inediti “Nocturne” per Sony Music e alle colonne sonore originali composte per “Hitler contro Picasso e gli altri” e “Van Gogh tra il grano e il cielo” – i due film della serie “La Grande Arte al cinema” che sono usciti in sala ad aprile e maggio scorsi, entrando direttamente in vetta al boxoffice dei cinema in Italia – è stata appena annunciata una nuova significativa tappa per la carriera dell’artista: il primo concerto della sua carriera a Londra, che si terrà il prossimo 21 novembre alla London Southbank Centre / Purcell Room, una delle più belle e importanti sale da concerti della capitale britannica, per il London Jazz Festival, la prestigiosa rassegna musicale che lo ha fortemente voluto nel cartellone della sua ventunesima edizione, al fianco di Bobby McFerrin, Archie Shepp, Bill Frisell, Richard Galliano, Avishai Cohen, Kandace Springs, Dave Douglas e tantissime altre star mondiali. I biglietti per il nuovo entusiasmante appuntamento sono in vendita online sul sito del festival (https://efglondonjazzfestival.org.uk/) e in tutti i circuiti di vendita autorizzati. "è un giorno molto importante per me, sono davvero felice di poter portare la mia musica anche a Londra e di essere stato scelto da un festival così importante. Preparerò un concerto davvero speciale, un viaggio attraverso tutta la mia musica. Remo Anzovino. Anzovino presenterà dal vivo il suo ultimo album Nocturne (Sony Music), registrato tra Tokyo (JVC Victor Studio), Londra (Abbey Road), Parigi (Les Studios Saint Germain) e New York (Brooklyn Recording), che rappresenta il racconto di “una notte che cambia la vita” e guiderà inoltre il pubblico in un viaggio attraverso tutto il suo vasto repertorio musicale, attingendo dai precedenti quattro album in studio (Dispari, Tabù, Igloo e Viaggiatore Immobile), ma anche dalle tantissime colonne sonore pubblicate negli ultimi anni per il cinema e la televisione (Pasolini Maestro Corsaro, Da Clay ad Ali – la metamorfosi, Canto Alla Durata – omaggio a Peter Handke, 1968 Sport e Revolution, Hitler contro Picasso – l’ossessione nazista per l’arte e Van Gogh tra il grano e il cielo). Il videoclip del brano “Galilei”: https://youtu.be/5Q43z8jGR9g. Il videoclip del brano “Hallelujah”: www.youtube.com/watch?v=IR6vvCwE5Ao. Remo Anzovino si divide tuttora tra lo studio di registrazione e lo studio legale, dove esercita la professione di avvocato penalista. È nato nel 1976 a Pordenone da genitori napoletani. Si è laureato a 24 anni con lode nell’antica università di Bologna, ha intrapreso la carriera forense entrando nello studio milanese di uno dei massimi penalisti italiani e successivamente patrocinando centinaia di difese, attività che tuttora svolge. Ha composto le musiche per i maggiori capolavori del cinema muto (più di trenta pellicole) collaborando, con le più prestigiose cineteche e partecipando con colonne sonore di sua composizione ai principali Festival e rassegne internazionali. ll programma di Rai 3 Ballarò ha utilizzato spesso le sue melodie come commento musicale, e lo stesso ha fatto Otto e Mezzo su La7. Il suo primo album di inediti in piano solo è “Dispari” nel 2006, segue “Tabù” nel 2008, “Igloo” nel 2010 e l’ultimo “Viaggiatore Immobile” nel 2012. Ha all’attivo anche un disco live (Vivo del 2013) e i progetti speciali “L'Alba dei Tram - Dedicato a Pasolini” (2015) e “Fight for Freedom: Tribute to Muhammad Ali” con Roy Paci (2017). Ha curato inoltre la colonna sonora del docufilm “Canto alla Durata – omaggio a Peter Handke” uscito a settembre 2017 e del documentario “1968. Sport & Revolution” di Emanuela Audisio e Matteo Patrono. L’artista ha firmato infine le colonne sonore del docu-film “Hitler contro Picasso e gli altri. L’ossessione nazista per l’arte” e del film “Van Gogh tra il grano e il cielo” usciti in anteprima mondiale nei cinema italiani ad aprile e maggio ed entrambi saliti subito in vetta al boxoffice.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI SUL CONCERTO E SUL FESTIVAL:
London Jazz Festival – https://efglondonjazzfestival.org.uk/
Serious Live – https://serious.org.uk/
Posta un commento