Numero 240 del 28 Gennaio 2016

La cover story del n. 240 di ”Blogfoolk” è dedicata a Eugenio Bennato e alla sua recente antologia “Canzoni di Contrabbando”, compendio, in tredici brani, della sua attività artistica. Con il compositore napoletano ripercorriamo le tappe principali della sua carriera. Dalla fucina sonora che è il Salento arriva “Terra” dei Krasì, giovane band che coniuga i ritmi della pizzica pizzica con quelli del rock e del reggae. Sul fronte world, occhio al disco consigliato della settimana, che è “Faransiskiyo Somaliland” di Sahra Halgan, artista, intellettuale e attivista politica del Somaliland. Voliamo nel Nord America, prima in Canada con il succulento “La Buche. Musique and Cuisine Quebeçoise” di François Couture, poi negli States con il roots rock di “Love Wild Lost” di Nicki Blum & The Gamblers. Il nostro viaggio sonoro prosegue con il gustoso programma brasiliano di “Madeleine” del duo As Madalenas, composto dalla carioca Tati Valle e dalla ternana Cristina Renzetti. Infine, si torna in Europa con la raccolta pubblicata da Arc Music, “The Ultimate Guide To Scottish Folk”. La rubrica Letture offre un approfondimento sulla nuova emissione de “La Piva Dal Carner” e uno speciale dedicato al coté jazz dell’etichetta Alfa Music con i dischi di Bob Dusi & Michele Iaia, Emauele Primavere Quartet, Andrea Ferrario & Michele Francesconi, Cristiano Pomante Quartet, Lorenzo Masotto, e Jasmine Tommaso. Prima di lasciarvi non possiamo non rivolgervi il nostro invito a partecipare numerosi ai due giorni di iWORLD - “Rassegna di Musiche Attuali”, organizzata da iCompany con la collaborazione di Blogfoolk, che si svolgerà presso la Sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica di Roma il 5 ed il 6 febbraio. Venerdì 5 febbraio si esibiranno il Canzoniere Grecanico Salentino, che riceverà il premio “Blogfoolk Choice/M.E.I.”, disco dell’anno World Music,  i lucani Tarantolati di Tricarico, mentre l’apertura sarà affidata al Giuliano Gabriele Ensemble, già vincitore del Premio Parodi 2015. Sabato 6 febbraio sarà la volta dell’ottetto dell’Orchestra di Piazza Vittorio e del calabrese Mimmo Cavallaro. Ad aprire la serata toccherà alla greca, ma italiana d’elezione, Marina Mulopulos
Nell’ambito dei due giorni della rassegna, Blogfoolk e SquiLibri Editore, con la collaborazione dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e iCompany, hanno promosso una serie di appuntamenti di approfondimento critico che si terranno durante il pomeriggio presso il MUSA - Museo degli strumenti musicali dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Si inizia il 5 febbraio, alle ore 17,30, con la presentazione del volume, a cura di P. Arcangeli e V. Paparelli, “Musiche tradizionali dell'Umbria. Le registrazioni di Diego Carpitella e Tullio Seppilli (1956)”, vale a dire la prima e più ampia documentazione sulle musiche di tradizione dell’Umbria, realizzata in una fase storica in cui i repertori e gli apparati rituali del mondo contadino erano ancora integri, con un’ampia documentazione, nei due CD allegati, di canti di lavoro e ottave rime, saltarelli e canzoni narrative, Maggi e Pasquelle, ad attestare la ricchezza e complessità di una cultura musicale. Con il curatore Piero Arcangeli, ne discuteranno Maurizio Agamennone, Lucilla Galeazzi e Sandro Portelli. L’incontro sarà anche un’occasione per ricordare Valentino Paparelli, autore di studi fondamentali sulle musiche di tradizione umbra, scomparso prima ancora che il volume fosse pubblicato. Seguirà alle 18,30 la presentazione del disco “Corde Migranti” di Sylvie Genovese, in un accostamento tutt’altro che casuale, trattandosi di una musicista ‘migrante’ per scelta e vocazione, che si muove in quella zona di confine in cui la ricerca e lo studio alimentano un’originale proposta musicale, intessuta di echi e suggestioni di mondi diversi. Sylvie Genovese dialogherà con Salvatore Esposito su questo suo nuovo progetto e ne proporrà alcuni estratti dal vivo.  Si prosegue il 6 febbraio, alle ore 17,30 con il workshop “Dalle registrazioni storiche alle musiche attuali” con Maurizio Agamennone, Valerio Corzani, Giuseppe “Spedino” Moffa e Vincenzo Santoro che, assieme a Salvatore Esposito e Ciro De Rosa, dialogheranno sull’importanza degli studi e della ricerca per la sperimentazione e gli attraversamenti sonori che caratterizzano le ‘musiques actuelles’, nella calzante definizione francese, che spesso collima, in parte o totalmente, con la categoria di musiche del mondo. Alle ore 18,30 si terrà lo showcase di “Terribilmente demodè” di Giuseppe “Spedino” Moffa, finalista lo scorso anno delle Targhe Tenco nella sezione dialetto, un altro artista di confine, che dialogherà con Ciro De Rosa su questo suo lavoro, segnato dalla felice combinazione tra l’inventiva personale e fitti richiami a una tradizione orale largamente familiare al musicista molisano, autore anche di pregevoli ricerche sul campo. Del suo ultimo lavoro, molto apprezzato da critica e pubblico, Moffa proporrà alcuni brani accompagnato dall’organetto di Alessandro D’Alessandro all’organetto diatonico. Un programma ricchissimo e, soprattutto, di altissimo profilo culturale, insomma, al quale sono invitati tutti i nostri lettori.

Ciro De Rosa
Direttore Responsabile di www.blogfoolk.com


COVER STORY
VIAGGIO IN ITALIA
WORLD MUSIC
LETTURE 
SUONI JAZZ

L'immagine di copertina è un opera di Donatello Pisanello (per gentile concessione)