Numero 221 del 16 Settembre 2015

Blogfoolk” è nei fatti sempre in movimento nei luoghi della musica: saremo a Somma Vesuviana, terra di paranze e di riti devozionali,  a coordinare l’incontro tra studiosi e musicisti all’interno del Festival campano Ethnos, che compie venti anni con un cartellone di tutto rispetto, e al quale rivolgiamo i nostri auguri. Siamo, poi, partner della XI edizione del Premio Nazionale per la Musica Tradizionale Italiana di Loano (25-27 settembre), che offrirà concerti di alcuni tra i migliori artisti votati dall’autorevole giuria di giornalisti e musicologi, ma anche un importante tavola di confronto tra addetti ai lavori sull’organizzazione dei festival di musica tradizionale. Ancora saremo ospiti della fiera musicale catalana di Manresa. Altre iniziative bollono in pentola, come il lancio della Transglobal World Music Chart, di cui siamo direttamente coinvolti, e il partenariato con il Medimex di Bari. Intanto, lanciamo il numero 221 del nostro settimanale di musiche world/trad/folk, che prende il via dalle valli Occitane del Piemonte, con uno speciale dedicato a Folkestra & Folkoro, ambizioso progetto artistico nato nel 2009 come evoluzione di un corso di musica d’insieme tenuto da Simone Bottasso, coadiuvato dal fratello Nicolò. Abbiamo intervistato l’organettista piemontese, soffermandoci sul percorso musicale dell’ensemble, sul repertorio, e sulle evoluzioni future. Ampio spazio è dedicato alla “world music” con il Consigliato “Blogfoolk” della settimana, che è “Musique de Nuit”, il secondo disco frutto della collaborazione franco-maliana tra Ballake Sissoko & Vincent Segal. Sul fronte delle musiche del mondo in heavy rotation in redazione anche “Homeland”, il secondo album davvero charmant della cantante franco-marocchina Hindi Zahra, e ”Linyera”, firmato dall’eclettico artista argentino Daniel Melingo. Torniamo in Italia per andare alla scoperta di “Addije”, il terzo lavoro della band a propulsione percussiva Takadum Orchèstra. Per la canzone folk, vi presentiamo la proposta del cantautore inglese Bobby Long, che ha registrato negli States “Ode to Thinking”. Non acora sazi? Eccovi servita la rubrica I Luoghi della Musica, che ci porta poi a Milano, dove Paolo Mercurio ha seguito per noi la tavola rotonda che ha aperto la rassegna “Voci dello Spirito: il suono nelle comunità religiose di Milano”, coordinata da Giovanni De Zorzi, etnomusicologo dell’Università di Venezia. Abbiamo poi assistito alla prima di “I was Looking At The Ceiling And Then I Saw the Sky” di John Adams, tenutasi a Roma presso il Teatro dell'Opera lo scorso 11 settembre. In chiusura, Gianluca Dessì propone un’analisi delle innovazioni sonore del chitarrista sardo Paolo Angeli nel suo recentissimo “S’u”.

Ciro De Rosa
Direttore Responsabile di www.blogfoolk.com


VIAGGIO IN ITALIA
WORLD MUSIC 
I LUOGHI DELLA MUSICA
JAZZ

L'immagine di copertina è un opera di Donatello Pisanello (per gentile concessione)