Numero 217 del 21 Agosto 2015

Il magazine “Blogfoolk” vi offre anche questa settimana contenuti ricchi di varietà stilistiche e sempre aggiornati, all’insegna delle musiche del mondo. A partire dalla cover story, dedicata al fiatista Carlo Bava e il progetto Laetimusici, portato avanti da anni con l’organista ticinese Giovanni Galfetti. Proseguiamo, presentando “Compass And Maps”, recente album in studio dei Piedmont Brothers Band, ricordando il loro leader Marco Zanzi, recentemente scomparso. Ci soffermiamo poi sull’eccellenza dell’affiatato trio composto da Ernst Reijseger, Harmen Fraanje e Mola Sylla, il cui splendido “Count Till Zen”, è il Consigliato BF della settimana. Dall’Africa, la voce tamasheq di Faris Amine (Tinariwen, Tartit e Terakaft) rilegge storici brani del Mississippi in chiave desert rock sahariano. Dall’isola di CapoVerde, fucina di talenti, vi presentiamo la voce e la musica di Elida Almeida, al suo esordio con “Ora Doci Ora Margos” per Lusafrica. Arriva, poi, The Best of Soapkills, antologia che raccoglie il meglio dell’influente band libanese, che ha operato tra il finire degli anni ’90 e il 2005, mettendo insieme tradizione araba folk e classica, elettronica, dub e trip hop. Per i luoghi della musica, Paolo Mercurio ci porta a Irgoli per presentare la nuova edizione del Festival dell’Organetto, dove ha intervistato il grande organettista Totore Chessa. Sempre dalla Sardegna, Mercurio ha incontrato per noi Gavino Murgia, autorevole musicista isolano di calibro internazionale. Chiude il numero 217, la rubrica Storie di cantautori con la recensione di “Sotto Il Cielo di Fred”, bel tributo a Fred Buscaglione. In conclusione un pensiero va a Paolo Millet, armonicista folk, che ci ha lasciati nei giorni scorsi, molto noto nel circuito piemontese e valdostano, soprattutto con il duo Mariposa in coppia con la moglie Chiara Negro

Ciro De Rosa
Direttore Responsabile di www.blogfoolk.com


VIAGGIO IN ITALIA
WORLD MUSIC
I LUOGHI DELLA MUSICA
SUONI JAZZ
STORIE DI CANTAUTORI

L'immagine di copertina è un opera di Donatello Pisanello (per gentile concessione)