Numero 202 del 6 Maggio 2015

E Ben venga Maggio! E ben venga “Blogfoolk” #202! Come sanno i nostri fedeli lettori, l’apertura mensile è con il BF Choice. Dunque, vi presentiamo un corposo approfondimento su “Bella Ciao”, il progetto nato in occasione del cinquantenario dello spettacolo del Nuovo Canzoniere Italiano (poi divenuto un disco seminale per la storia del folk e della canzone, in Italia), da un’idea di Franco Fabbri, sotto la direzione musicale di Riccardo Tesi, che ha coinvolto alcune tra le principali voci del nuovo folk italiano: Alessio Lega, Ginevra Di Marco, Lucilla Galeazzi ed Elena Ledda, nonché strumentisti d’eccezione come Andrea Salvadori e Gigi Biolcati. Di questo rinnovato allestimento, e del disco appena realizzato per Materiali Sonori, abbiamo parlato coralmente con i musicisti protagonisti, mentre in un’intervista a sé stante, il musicologo Franco Fabbri offre uno sguardo trasversale, dalla sua prospettiva di studioso di popular music, su passato e presente di “Bella Ciao”. Il Viaggio in Italia prosegue raccontandovi “Saltarello and other dances. Italian dance music for bagpipes and percussion”, lavoro che vede protagonisti il polistrumentista e profondo conoscitore della musica antica Goffredo Degli Esposti e il percussionista Andrea Piccioni. Ancora, spazio a “Nun Te Vutà”, il secondo disco di Newpoli, ensemble neo-tradizionale del Sud Italia, di base negli Stati Uniti. Sul versante World, ecco serviti il gustoso nuovo album di Tom Russell, dal titolo “The Rose Of Roscrae: A Ballad Of The West”, e “La Grande Illusion” di La YnE, moniker del polistrumentista e compositore finlandese Matti Laine. Per la musica live, Michele Manzotti, direttore de “Il Popolo del Blues”, ci racconta i BBC Radio 2 Folk Awards, tenutisi lo scorso 22 aprile al Wales Millenium Centre di Cardiff. Non manca il nostro consueto consiglio per la lettura: questa settimana è “Lontani dagli Occhi”, eccellente volume firmato da Enzo Gentile, che ha raccolto le storie di Fred Buscaglione, Piero Ciampi, Sergio Endrigo, Nino Ferrer e Herbert Pagani, artisti che hanno dato il via alla grande stagione della musica italiana, dalla fine degli anni ’50 alla metà dei ’70. Completano il numero, un’incursione nei i suoni jazz del progetto “Traditori” di Ettore Fioravanti e il Taglio Basso di Rigo, alle prese con “Don’t Lose It” della leggenda del soul Pops Staples.

Ciro De Rosa
Direttore Responsabile di www.blogfoolk.com


BF-CHOICHE
VIAGGIO IN ITALIA
WORLD MUSIC
I LUOGHI DELLA MUSICA
LETTURE
SUONI JAZZ
TAGLIO BASSO

L'immagine di copertina è un opera di Donatello Pisanello (per gentile concessione)