Numero 157 del 25 Giugno 2014

Mentre è di questi giorni un riallestimento dello storico “Bella Ciao”, sotto la direzione artistica di Franco Fabbri e quella musicale di Riccardo Tesi (con un cast che comprende musicisti tra i quali spiccano Elena Ledda, Lucilla Galeazzi, Ginevra Di Marco e Alessio Lega), in scena in occasione del cinquantenario del dirompente spettacolo senza il quale il folk revival e la musica neo-tradizionale italiana non sarebbero mai esistiti, in apertura del numero 157, Blogfoolk presenta: “Roberto Leydi, ‘Il Nuovo Canzoniere Italiano’ e l’attività teatrale (1962-1965)”, un saggio retrospettivo, curato da Paolo Mercurio, che tratteggia proprio la figura di Roberto Leydi, che del “Bella Ciao” fu uno degli autori. Sul fronte della world music, proponiamo tre album: il primo è Mamar Kassey, il cui “Taboussizé-Niger” è il Consigliato Blogfoolk della settimana. Il secondo è il potente “Baifang” del gruppo mongolo-cinese Hanggai. La terza recensione è per gli italiani MedFree Orkestra, il cui “Background” raccoglie suggestioni popolari italiane, balcaniche, greche, africane e sudamericane. In tema di riproposta, parliamo ancora di “Terras de Portugal”, rilettura del fado di Luisa Notarangelo. Incastri e rimandi tra tradizione albanese, repertorio salentino e avant-jazz alimentano “Feksìn”, nuova prova in solo del pianista Admir Shkurtaj, mentre siamo oltre la world music con l’esordio dei siciliani Nigga Radio (“‘Na storia”). Dal nostro scaffale  proponiamo “Il Morso Della Taranta a Taranto e dintorni”, volume antologico di saggi, con la curatela di Carlo Petrone. Come di consueto,  l’affilato Taglio Basso di Rigo chiude il numero di Blogfoolk. Questa settimana si parla del combo roots tutto italiano Veronica & The Red Wine Serenaders (“The Mexican Dress”). 

Ciro De Rosa
Direttore Responsabile di www.blogfoolk.com


MEMORIA
WORLD MUSIC
VIAGGIO IN ITALIA
CONTEMPORANEA
LETTURE
TAGLIO BASSO

L'immagine di copertina è un opera di Donatello Pisanello (per gentile concessione)